Coppa Italia 1976-1977

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Coppa Italia 1976-1977
Competizione Coppa Italia
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione 30ª
Organizzatore Lega Nazionale Professionisti
Date dal 29 agosto 1976
al 3 luglio 1977
Luogo Italia Italia
Partecipanti 36
Risultati
Vincitore Milan
(4º titolo)
Secondo Inter
Statistiche
Miglior marcatore Italia Giorgio Braglia
Italia Egidio Calloni
(6 a testa)
Milan AC - Coppa Italia 1976-77.jpg
Il Milan festeggia il successo ai danni dei concittadini dell'Inter; a sollevare il trofeo, Calloni, tra i capocannonieri dell'edizione
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1975-1976 1977-1978 Right arrow.svg

La Coppa Italia 1976-1977 fu la 30ª edizione della manifestazione calcistica. Iniziò il 29 agosto 1976 e si concluse 3 luglio 1977. Il torneo fu vinto dal Milan, al suo quarto titolo.

Formula[modifica | modifica wikitesto]

Ubicazione delle squadre partecipanti alla Coppa Italia 1976-1977.
Fase di ingresso: Red pog.svg Primo turno Green pog.svg Secondo turno.

I gironi del precampionato, nell'estate del 1976, videro a sorpresa l'eliminazione del Torino campione d'Italia in carica, sconfitto da un Lecce al ritorno in Serie B dopo quasi trent'anni. Furono estromesse anche le due romane, fu disastroso (quattro sconfitte su quattro incontri, di cui tre contro formazioni di cadetteria) il cammino della Sampdoria attesa da un vero e proprio annus horribilis, mentre ben tre compagini di Serie B si misero in luce: oltre ai succitati salentini, passarono il primo turno anche il Lanerossi Vicenza e la SPAL.

La seconda fase, nel maggio del 1977, vide imporsi le due milanesi, l'Inter da un lato e il Milan dall'altro. Paradossalmente, i risultati ottenuti dai rossoneri furono sorprendenti, in quanto la società veniva da un campionato molto tormentato, durante il quale dovette richiamare d'urgenza in panchina il paròn Nereo Rocco per risollevare una squadra che, a poche giornate dalla conclusione della Serie A, stazionava in zona retrocessione. Forse proprio dallo spavento per il rischio subìto, i rossoneri trovarono le forze per un pronto riscatto in coppa, surclassando i concittadini nel derby di finale giocato a San Siro, e aggiudicandosi il trofeo per la quarta volta.

Primo turno[modifica | modifica wikitesto]

Girone 1[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Milan 7 4 3 1 0 8 2 +6
2. Atalanta 7 4 3 1 0 7 2 +5
3. Lazio 4 4 2 0 2 8 7 +1
4. Catania 2 4 1 0 3 2 6 -4
5. Novara 0 4 0 0 4 2 10 -8
29 agosto 1976, ore 20:45[1]
1ª giornata
Atalanta2 – 1Lazio
Arbitro:  Roberto Terpin (Trieste)

29 agosto 1976, ore 20:30[1]
1ª giornata
Milan2 – 0Catania
Arbitro:  Pasquale Gialluisi (Barletta)

1º settembre 1976, ore 20:45
2ª giornata
Lazio1 – 2Milan
Arbitro:  Giulio Ciacci (Firenze)

1º settembre 1976, ore 17:45
2ª giornata
Novara0 – 1Catania
Arbitro:  Francesco Paolo Schena (Foggia)

5 settembre 1976, ore 20:45[2]
3ª giornata
Lazio3 – 2Novara
Arbitro:  Ferdinando Reggiani (Bologna)

5 settembre 1976, ore 20:30[2]
3ª giornata
Milan1 – 1Atalanta
Arbitro:  Arnaldo Prati (Parma)

12 settembre 1976, ore 17:00[3]
4ª giornata
Atalanta3 – 0Novara
Arbitro:  Giancarlo Redini (Pisa)

12 settembre 1976, ore 16:30[3]
4ª giornata
Catania1 – 3Lazio
Arbitro:  Domenico Lops (Lops)

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Catania0 – 1Atalanta
Arbitro:  Giancarlo Lapi (Firenze)

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Novara0 – 3Milan
Arbitro:  Cesare Trinchieri (Reggio Emilia)

Girone 2[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Juventus 6 4 2 2 0 7 1 +6
2. Genoa 6 4 2 2 0 6 2 +4
3. Verona 4 4 2 0 2 3 6 -3
4. Monza 3 4 0 3 1 3 4 -1
5. Sambenedettese 1 4 0 1 3 1 7 -6
29 agosto 1976, ore 20:30[1]
1ª giornata
Monza1 – 1Juventus
Arbitro:  Riccardo Lattanzi (Roma)

29 agosto 1976, ore 20:45[1]
1ª giornata
Verona0 – 3Genoa
Arbitro:  Cesare Trinchieri (Reggio Emilia)

1º settembre 1976, ore 20:45
2ª giornata
Genoa1 – 0Sambenedettese
Arbitro:  Ferdinando Reggiani (Bologna)

1º settembre 1976, ore 20:30
2ª giornata
Juventus2 – 0Verona
Arbitro:  Piero Barboni (Firenze)

5 settembre 1976, ore 20:30[2]
3ª giornata
Juventus4 – 0Sambenedettese
Arbitro:  Fernando Lazzaroni (Milano)

5 settembre 1976, ore 17:30[2]
3ª giornata
Verona1 – 0Monza
Arbitro:  Maurizio Mattei (Macerata)

12 settembre 1976, ore 17:00[3]
4ª giornata
Monza2 – 2Genoa
Arbitro:  Gino Menicucci (Firenze)

12 settembre 1976, ore 17:00[3]
4ª giornata
Sambenedettese1 – 2Verona
Arbitro:  Ruggero Mascia (Milano)

19 settembre 1976, ore 17:00[2]
5ª giornata
Genoa0 – 0Juventus
Arbitro:  Gianfranco Menegali (Roma)

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Sambenedettese0 – 0Monza
Arbitro:  Walter Parussini (Udine)

Girone 3[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Inter 7 4 3 1 0 7 2 +5
2. Fiorentina 6 4 2 2 0 7 4 +3
3. Palermo 3 4 0 3 1 2 3 -1
4. Varese 3 4 1 1 2 3 7 -4
5. Pescara 1 4 0 1 3 0 3 -3
29 agosto 1976, ore 18:00[1]
1ª giornata
Pescara0 – 1Fiorentina
Arbitro:  Enzo Barbaresco (Cormons)

9 settembre 1976, ore 21:00[1]
1ª giornata
Varese0 – 3Inter
Arbitro:  Domenico Serafino (Roma)

1º settembre 1976, ore 20:30
2ª giornata
Fiorentina3 – 1Varese
Arbitro:  Rosario Lo Bello (Siracusa)

1º settembre 1976, ore 20:45
2ª giornata
Inter1 – 0Palermo
Arbitro:  Roberto Terpin (Trieste)

5 settembre 1976, ore 18:00[2]
3ª giornata
Fiorentina2 – 2Inter
Arbitro:  Alberto Michelotti (Parma)

5 settembre 1976, ore 17:00[2]
3ª giornata
Pescara0 – 0Palermo
Arbitro:  Gianfranco Menegali (Roma)

12 settembre 1976, ore 16:30[3]
4ª giornata
Palermo1 – 1Fiorentina
Arbitro:  Francesco Panzino (Catanzaro)

12 settembre 1976, ore 15:00[3]
4ª giornata
Varese1 – 0Pescara
Arbitro:  Pasquale Colasanti (Roma)

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Inter1 – 0Pescara
Arbitro:  Ferdinando Reggiani (Bologna)

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Palermo1 – 1Varese
Arbitro:  Urbano Migliore (Salerno)

Girone 4[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. SPAL 6 4 3 0 1 6 2 +4
2. Como 4 4 1 2 1 6 6 0
3. Cesena 4 4 1 2 1 3 4 -1
4. Ternana 3 4 1 1 2 4 5 -1
5. Catanzaro 3 4 1 1 2 4 6 -2
29 agosto 1976, ore 21:00[1]
1ª giornata
SPAL2 – 0Catanzaro
Arbitro:  Paolo Casarin (Milano)

29 agosto 1976, ore 17:00[1]
1ª giornata
Ternana1 – 2Cesena
Arbitro:  Giancarlo Lapi (Firenze)

1º settembre 1976, ore 17:00
2ª giornata
Catanzaro3 – 2Como
Arbitro:  Luigi Frasso (Frasso)

1º settembre 1976, ore 17:00
2ª giornata
Cesena0 – 2SPAL
Arbitro:  Cesare Trinchieri (Reggio Emilia)

5 settembre 1976, ore 21:00[2]
3ª giornata
Como1 – 1Cesena
Arbitro:  Paolo Bergamo (Livorno)

5 settembre 1976, ore 21:00[2]
3ª giornata
SPAL1 – 0Ternana
Arbitro:  Franco Tonolini di Milano

12 settembre 1976, ore 16:30[3]
4ª giornata
Catanzaro1 – 2Ternana
Arbitro:  Claudio Pieri (Genova)

12 settembre 1976, ore 21:00[3]
4ª giornata
Como2 – 1SPAL
Arbitro:  Massimo Ciulli (Roma)

19 settembre 1976, ore 16:00[2]
5ª giornata
Cesena0 – 0Catanzaro
Arbitro:  Piero Barboni (Firenze)

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Ternana1 – 1Como
Arbitro:  Paolo Milan (Treviso)

Girone 5[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Lecce 7 4 3 1 0 5 2 +3
2. Torino 5 4 2 1 1 9 4 +5
3. Foggia 4 4 1 2 1 4 5 -1
4. Taranto 2 4 0 2 2 2 5 -3
5. Ascoli 2 4 0 2 2 1 5 -4
29 agosto 1976, ore 16:30[1]
1ª giornata
Lecce1 – 0Ascoli
Arbitro:  Francesco Panzino (Catanzaro)

9 settembre 1976, ore 20:30[1]
1ª giornata
Torino3 – 0Foggia
Arbitro:  Paolo Bergamo (Livorno)

1º settembre 1976, ore 16:30
2ª giornata
Foggia1 – 1Lecce
Arbitro:  Arnaldo Prati (Parma)

1º settembre 1976, ore 17:00
2ª giornata
Taranto1 – 1Torino
Arbitro:  Gino Menicucci (Firenze)

5 settembre 1976, ore 17:00[2]
3ª giornata
Ascoli0 – 0Taranto
Arbitro:  Francesco Esposito (Torre Annunziata)

5 settembre 1976, ore 17:00[2]
3ª giornata
Lecce2 – 1Torino
Arbitro:  Cesare Gussoni (Tradate)

12 settembre 1976, ore 16:30[3]
4ª giornata
Ascoli0 – 0Foggia
Arbitro:  Luigi Frasso (Capua)

12 settembre 1976, ore 16:30[3]
4ª giornata
Taranto0 – 1Lecce
Arbitro:  Vittorio Benedetti di Roma

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Foggia3 – 1Taranto
Arbitro:  Carlo Longhi (Roma)

19 settembre 1976, ore 20:30[2]
5ª giornata
Torino4 – 1Ascoli
Arbitro:  Fernando Lazzaroni (Milano)

Girone 6[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Bologna 7 4 3 1 0 9 3 +6
2. Roma 6 4 2 2 0 7 3 +4
3. Rimini 3 4 1 1 2 5 8 -3
4. Brescia 2 4 1 0 3 6 9 -3
5. Avellino 2 4 0 2 2 5 9 -4
29 agosto 1976, ore 17:30[1]
1ª giornata
Bologna3 – 2Avellino
Arbitro:  Vittorio Benedetti (Roma)

29 agosto 1976, ore 21:00[1]
1ª giornata
Rimini0 – 1Roma
Arbitro:  Fernando Lazzaroni (Milano)

1º settembre 1976, ore 17:00
2ª giornata
Avellino2 – 2Rimini
Arbitro:  Domenico Lops (Torino)

1º settembre 1976, ore 20:45
2ª giornata
Brescia0 – 2Bologna
Arbitro:  Gianfranco Menegali (Roma)

5 settembre 1976, ore 17:00[2]
3ª giornata
Avellino1 – 1Roma
Arbitro:  Francesco Panzino (Catanzaro)

5 settembre 1976, ore 17:00[2]
3ª giornata
Rimini3 – 2Brescia
Arbitro:  Luigi Celli (Trieste)

12 settembre 1976, ore 18:30[3]
4ª giornata
Bologna3 – 0Rimini
Arbitro:  Sergio Gonella (Parma)

12 settembre 1976, ore 20:30[3]
4ª giornata
Roma4 – 1Brescia
Arbitro:  Rosario Lo Bello (Siracusa)

19 settembre 1976, ore 16:00[2]
5ª giornata
Brescia3 – 0Avellino
Arbitro:  Luciano Artico (Padova)

19 settembre 1976, ore 17:00[2]
5ª giornata
Roma1 – 1Bologna
Arbitro:  Paolo Casarin (Milano)

Girone 7[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Lanerossi Vicenza 8 4 4 0 0 6 1 +5
2. Perugia 5 4 2 1 1 5 2 +3
3. Cagliari 4 4 1 2 1 4 4 0
4. Modena 3 4 1 1 2 6 9 -3
5. Sampdoria 0 4 0 0 4 3 8 -5
29 agosto 1976, ore 20:45[1]
1ª giornata
Cagliari0 – 0Perugia
Arbitro:  Paolo Milan (Treviso)

29 agosto 1976, ore 17:30[1]
1ª giornata
Sampdoria0 – 1Lanerossi Vicenza
Arbitro:  Ruggero Mascia (Milano)

1º settembre 1976, ore 20:45
2ª giornata
Cagliari0 – 1Lanerossi Vicenza
Arbitro:  Carlo Longhi (Roma)

1º settembre 1976, ore 20:30
2ª giornata
Perugia3 – 0Modena
Arbitro:  Claudio Pieri (Genova)

5 settembre 1976, ore 21:00[2]
3ª giornata
Modena2 – 2Cagliari
Arbitro:  Antonio Falasca (Chieti)

5 settembre 1976, ore 21:45[2]
3ª giornata
Perugia2 – 1Sampdoria
Arbitro:  Enzo Barbaresco (Cormons)

12 settembre 1976, ore 16:30[3]
4ª giornata
Lanerossi Vicenza3 – 1Modena
Arbitro:  Francesco Paolo Schena (Foggia)

12 settembre 1976, ore 17:30[3]
4ª giornata
Sampdoria1 – 2Cagliari
Arbitro:  Luigi Andreoli (Padova)

19 settembre 1976, ore 16:30[2]
5ª giornata
Lanerossi Vicenza1 – 0Perugia
Arbitro:  Giulio Ciacci (Firenze)

19 settembre 1976, ore 17:00[2]
5ª giornata
Modena3 – 1Sampdoria
Arbitro:  Franco Tonolini (Milano)

Secondo turno[modifica | modifica wikitesto]

Il Napoli parte dal secondo turno come detentore della Coppa Italia.

Girone A[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Milan 11 6 5 1 0 15 3 +12
2. Bologna 6 6 2 2 2 6 7 -1
3. Napoli 6 6 2 2 2 4 5 -1
4. SPAL 1 6 0 1 5 0 10 -10
1 giugno 1976, ore 21:00[4]
1ª giornata
Bologna3 – 0SPAL
Arbitro:  Maurizio Mattei (Macerata)

12 giugno 1977, ore 20:30[4]
1ª giornata
Milan3 – 1Napoli
Arbitro:  Riccardo Lattanzi (Roma)

15 giugno 1977, ore 20:30[4]
2ª giornata
Milan5 – 0Bologna
Arbitro:  Rosario Lo Bello (Siracusa)

15 giugno 1977, ore 21:00[4]
2ª giornata
SPAL0 – 1Napoli
Arbitro:  Francesco Panzino (Catanzaro)

9 giugno 1977
3ª giornata
SPAL0 – 2Bologna
Arbitro:  Ruggero Mascia (Mascia)

Bari (campo neutro)
19 giugno 1977, ore 17:00[4]
3ª giornata
Napoli1 – 2Milan
Arbitro:  Cesare Trinchieri (Reggio Emilia)

22 giugno 1977, ore 21:15[4]
4ª giornata
Bologna0 – 0Napoli
Arbitro:  Enzo Barbaresco (Cormons)

22 giugno 1977, ore 20:30[4]
4ª giornata
Milan2 – 0SPAL
Arbitro:  Luigi Celli (Trieste)

26 giugno 1977, ore 21:15[4]
5ª giornata
Bologna1 – 1Milan
Arbitro:  Vittorio Benedetti (Roma)

Pisa (campo neutro)
26 giugno 1977, ore 21:00[4]
5ª giornata
Napoli0 – 0SPAL
Arbitro:  Paolo Milan (Treviso)

Bari (campo neutro)
29 giugno 1977, ore 18:00[4]
6ª giornata
Napoli1 – 0Bologna
Arbitro:  Giuseppe Panzino (Catanzaro)

29 giugno 1977, ore 21:00[4]
6ª giornata
SPAL0 – 2Milan
Arbitro:  Giancarlo Redini (Pisa)

Girone B[modifica | modifica wikitesto]

Squadra P.ti G V N P GF GS DR
1. Inter 9 6 3 3 0 7 2 +5
2. Juventus 6 6 2 2 2 8 7 +1
3. Lanerossi 5 6 2 1 3 9 11 -2
4. Lecce 4 6 0 4 2 4 8 -4
12 giugno 1977, ore 20:30[4]
1ª giornata
Juventus0 – 1Inter
Arbitro:  Gino Menicucci (Firenze)

1 giugno 1977, ore 18:00[4]
1ª giornata
Lanerossi Vicenza3 – 0Lecce
Arbitro:  Carlo Longhi (Roma)

15 giugno 1977, ore 20:30[4]
2ª giornata
Juventus1 – 1Lecce
Arbitro:  Claudio Pieri (Genova)

15 giugno 1977, ore 18:00[4]
2ª giornata
Lanerossi Vicenza0 – 3Inter
Arbitro:  Gianfranco Menegali (Roma)

19 giugno 1977, ore 20:30[4]
3ª giornata
Inter1 – 0Juventus
Arbitro:  Massimo Ciulli (Roma)

8 giugno 1977, ore 17:00[4]
3ª giornata
Lecce1 – 2Lanerossi Vicenza
Arbitro:  Piero Patrussi (Arezzo)

22 giugno 1977, ore 19:30[4]
4ª giornata
Lanerossi Vicenza2 – 4Juventus
Arbitro:  Pietro D'Elia (Salerno)

22 giugno 1977, ore 18:00[4]
4ª giornata
Lecce1 – 1Inter
Arbitro:  Alberto Michelotti (Parma)

26 giugno 1977, ore 20:30[4]
5ª giornata
Inter1 – 1Lanerossi Vicenza
Arbitro:  Carlo Longhi (Roma)

26 giugno 1977, ore 18:00[4]
5ª giornata
Lecce1 – 1Juventus
Arbitro:  Giancarlo Lapi (Firenze)

29 giugno 1977, ore 20:30[4]
6ª giornata
Inter0 – 0Lecce
Arbitro:  Fernando Tani (Livorno)

29 giugno 1977, ore 20:30[4]
6ª giornata
Juventus2 – 1Lanerossi Vicenza
Arbitro:  Tullio Lanese (Messina)

Finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Milan 1976-1977 e Internazionale Football Club 1976-1977.
Squadra 1 Risultato Squadra 2
Milan 2 - 0 Inter
Milano
3 luglio 1977, ore 20:30
Milan2 – 0
referto
InterStadio San Siro (58 464 spett.)
Arbitro:  Cesare Gussoni (Tradate)

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio