Stefan Schwoch

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stefan Schwoch
Stefan Schwoch 2002-2003 Vicenza-Hellas Verona 4-1 5 aprile 2003.png
L'esultanza del capitano del Vicenza, Stefan Schwoch, nella vittoria casalinga per 4-1 contro l'Hellas Verona il 5 aprile 2003
Nazionalità Italia Italia
Altezza 174 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1º giugno 2008 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1987-1988 Passirio Merano 25 (4)
1988-1989 Benacense Riva 31 (9)
1989-1990 SPAL 24 (1)
1990-1992 Crevalcore 59 (30)
1992-1994 Pavia 60 (19)
1994-1995 Livorno 33 (19)
1995-1997 Ravenna 71 (29)
1997-1999 Venezia 50 (19)
1999-2000 Napoli 57 (28)
2000-2001 Torino 31 (8)
2001-2008 Vicenza 220 (74)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Stefan Schwoch (Bolzano, 19 ottobre 1969) è un ex calciatore e dirigente sportivo italiano, di ruolo attaccante.

Ha segnato molti gol in tutte le varie categorie (principalmente in Serie B, dove con 135 marcature complessive è arrivato a 8 centri dal record assoluto detenuto da Giovanni Costanzo).

La sua carriera sportiva è legata particolarmente al Vicenza.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Di origini polacche da parte di padre[1], Schwoch ha iniziato la carriera nel Passirio Merano nella stagione 1987-1988 nel campionato Interregionale, dove diciottenne realizza 4 gol in 25 incontri. L'anno seguente si sposta in Trentino, alla Benacense Riva, dove aumenta il proprio bottino di gol, 9 in 31 incontri. È nel 1989 la sua prima esperienza in un campionato professionistico, alla SPAL in serie C2, dove viene impegnato stabilmente nel ruolo di ala tornante; qui segna un gol in 24 partite.

Ritornato tra i dilettanti, al Crevalcore, è per due anni consecutivi il capocannoniere della squadra, segnando 12 gol (in 29 incontri) il primo anno, e 18 gol (in 30 incontri) il secondo. Torna quindi in Serie C2, acquistato dal Pavia, con cui milita per due stagioni nelle posizioni medio-alte della classifica: mette a segno 7 gol il primo anno (in 29 incontri) e 12 gol l'anno seguente (in 21 partite). Nella stagione 1994-1995 passa al Livorno, sempre in quarta serie, dove mette a segno 19 gol in 33 incontri, guidando la squadra amaranto ai play-off, prima di terminare la corsa promozione contro il Castel di Sangro.

Ceduto al Ravenna, in Serie C1, segna 21 gol in 33 partite, guidando i giallorossi alla conquista della promozione tra i cadetti. L'anno successivo, nel 1996, il Ravenna pur partendo con una penalizzazione di tre punti, ottienne un ottavo posto, grazie anche agli 8 gol in 38 incontri del suo attaccante. Passato al Venezia di Maurizio Zamparini, ritrova Walter Novellino (allenatore già avuto a Ravenna) e dopo 31 anni la squadra lagunare anche grazie ai suoi gol ritorna in Serie A.

Alla soglia dei 30 anni debutta quindi nella massima serie, precisamente il 13 settembre 1998 in Bari-Venezia (1-0). Dopo 2 gol in 14 partite nel gennaio del 1999 passa al Napoli, in Serie B. Alla fine dell'annata saranno 6 i suoi gol in 22 incontri. Nella stagione 1999-2000, sempre sotto al Vesuvio, Schwoch, che ritrova ancora Walter Novellino, contribuisce alla promozione degli azzurri in Serie A: 22 sono i suoi gol in 35 partite, record assoluto nella storia del Napoli insieme ad Antonio Vojak, primato poi battuto nella stagione 2012-2013 da Edinson Cavani (che segnerà 29 gol con la maglia azzurra), il record sarà ribattuto da Gonzalo Higuaín con 36 reti nella stagione 2015-2016.

Nel 2000 rimane in Serie B, al Torino neo-retrocesso, non venendo impiegato titolare perché chiuso dal compagno di reparto Marco Ferrante; nel gennaio 2001, dopo la sostituzione di Gigi Simoni con Giancarlo Camolese e la cessione di Ferrante all'Inter, il Torino risale in classifica, conquistando il primo posto assoluto nella classifica finale del 2001, con Schwoch impegnato da prima punta che contribuisce con 8 gol in 31 incontri.

Passa quindi in seconda serie al Vicenza. La squadra biancorossa chiude l'annata a metà classifica con Schwoch autore di 13 gol in 31 incontri. Nel 2002-2003 il Vicenza di Andrea Mandorlini giunge nelle zone alte della classifica: Schwoch viene impiegato da punta unica e realizza 19 gol in 33 incontri.

L'anno dopo, guidato dal tecnico Giuseppe Iachini, disputa poche partite anche a causa di numerosi infortuni[senza fonte] e alla fine sono 7 i suoi gol in 24 apparizioni. Nel 2004-2005 segna 12 gol in 35 incontri, e la squadra, dopo i play-out salvezza contro la Triestina retrocede in Serie C1, per poi essere ripescata in cadetteria per illeciti di altre squadre.

A 36 anni è ancora al Vicenza; nella prima parte della stagione 2005-2006 gioca poco, mentre nel finale, dopo quattro mesi di panchina e tribuna, torna fra i titolari di Giancarlo Camolese (che ritrova dopo l'esperienza di Torino) giocando come unica punta e contribuisce con 5 gol che fruttano 3 vittorie (a partire da quella nel derby vinto contro l'Hellas Verona) e un pareggio, alla salvezza della squadra.

All'età di 37 anni, nel corso della stagione 2006-2007, disputa il maggior numero di partite in un anno in maglia biancorossa, 37, e diviene il quarto di tutti i tempi fra i goleador biancorossi, superando Paolo Rossi.[senza fonte]

Il 1º giugno 2008 gioca la sua ultima partita, in casa del Lecce, persa 1-0: Schwoch entra nel secondo tempo non riuscendo a raggiungere il gol di fine carriera.

Il suo score consta di 2 reti in 14 partite in Serie A, 135 reti in 382 partite in Serie B, 21 reti in 33 partite in Serie C1 e 39 reti in 117 partite in Serie C2, per un totale di 197 gol in 546 apparizioni fra i professionisti. A questi risultati si aggiungono le 43 reti in 123 partite fra i dilettanti e le 20 reti in 34 partite in Coppa Italia. Tra campionato e Coppa Italia ha realizzato un totale di 260 reti in 682 presenze.

Il 4 agosto 2010 viene nominato direttore sportivo del Vicenza[2].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1987-1988 Italia Merano Int 25 4 25 4
1988-1989 Italia Benacense Riva Int 31 9 31 9
1989-1990 Italia SPAL C2 24 1 CI-C ? 31+ 9+
1990-1991 Italia Crevalcore Int 29 12 29 12
1991-1992 Int 30 18 30 18
1992-1993 Italia Pavia C2 29 7 CI-C ? ? 29+ 12+
1993-1994 C2 31 12 CI-C ? ? 31+ 12+
1994-1995 Italia Livorno C2 33 19 CI-C ? ? 33+ 19+
1995-1996 Italia Ravenna C1 33 21 CI-C ? ? 33+ 21+
1996-1997 B 38 8 CI 2 1 40 9
1997-1998 Italia Venezia B 36 17 CI 3 0 39 17
1998-gen. 1999 A 14 2 CI 3 0 17 2
gen.-giu. 1999 Italia Napoli B 22 6 22 6
1999-2000 B 35 22 CI 9 4 44 26
2000-2001 Italia Torino B 31 8 CI 7 8 38 16
2001-2002 Italia Vicenza B 31 13 CI 3 1 34 14
2002-2003 B 33 19 CI 7 4 40 23
2003-2004 B 24 7 CI 1 0 25 7
2004-2005 B 35 12 CI 3 1 38 13
2005-2006 B 32 8 CI 1 1 33 9
2006-2007 B 37 11 CI 1 0 38 11
2007-2008 B 28 4 28 4
Totale carriera 648 240 40 20 688 260

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Ravenna: 1995-1996
Torino: 2000-2001

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2000-2001 (8 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberto Perrone, Djorkaeff diverte Moratti e l'Inter vola, in Corriere della Sera, 29 giugno 1996. URL consultato il 9 gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 9 gennaio 2014).
  2. ^ Ufficiale: Stefan Schwoch d.s. del Vicenza, calcionews24.com, 4 agosto 2010. URL consultato il 4 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]