Paulo Dybala

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paulo Dybala
2017 FRIENDLY MATCH RUSSIA v ARGENTINA - Paulo Dybala 01.jpg
Dybala con la nazionale argentina nel 2017
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 177 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Roma
Carriera
Giovanili
2003-2011Instituto
Squadre di club1
2011-2012Instituto38 (17)[1]
2012-2015Palermo89 (21)
2015-2022Juventus212 (82)
2022-Roma6 (3)
Nazionale
2015-Argentina Argentina34 (3)
Palmarès
Transparent.png Coppa America
Bronzo Brasile 2019
Transparent.png Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA
Oro Finalissima 2022
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 30 agosto 2022

Paulo Exequiel Dybala (Laguna Larga, 15 novembre 1993) è un calciatore argentino, attaccante della Roma e della nazionale argentina.

Dopo gli inizi in patria all'Instituto, nel 2012 si trasferisce in Italia per giocare nel Palermo. Dopo tre stagioni, in cui vince un campionato di Serie B (2013-2014), viene acquistato dalla Juventus, con cui in sette anni conquista cinque campionati italiani (dal 2016 al 2020), quattro Coppe Italia (dal 2016 al 2018 e nel 2021) e tre Supercoppe italiane (2015, 2018 e 2020).

Convocato in nazionale per la prima volta nel 2015, ha totalizzato 34 presenze e 3 reti, vincendo una Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA nel 2022.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Viene soprannominato principalmente La Joya (in italiano "il gioiello"),[2][3][4] appellativo inventato in patria, da un giornalista, durante i suoi esordi a Córdoba,[5] mentre negli anni a Palermo gli venne assegnato il soprannome affettuoso di U Picciriddu ("il bambino" in lingua siciliana).[6]

Più giovane di tre fratelli, suo nonno Bolesław era polacco, ma emigrò in Argentina dopo la fine della seconda guerra mondiale;[7] la sua famiglia ha anche ascendenze italiane[8] grazie alla nonna materna, di origini napoletane, cosa che gli ha permesso di ottenere, il 13 agosto 2012, la cittadinanza italiana.[9]

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Dall'estate del 2018 intrattiene una relazione sentimentale con l'attrice e cantante argentina Oriana Sabatini.[10][11]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Annoverato tra i talenti più promettenti della sua generazione, è un'elegante[12] prima o seconda punta, talvolta anche ala destra, dotato di estro e imprevedibilità.[13][14][15][16] È bravo nel contropiede[12] e nel dribbling[17][18] e riesce a segnare anche dei gol di testa grazie alla rapidità negli spazi brevi[17][18] e alla sua agilità.[19] Può essere impiegato anche come trequartista, esterno offensivo o falso centravanti.[15][16]

Mancino di pura classe,[17] è bravo nel proteggere il pallone per far salire la squadra, nel pressare il portatore di palla avversario e nell'eludere la pressione avversaria con un solo controllo.[12] Preferisce partire dalla fascia destra del campo per accentrarsi e tirare col suo mancino preciso e potente, specialmente con conclusioni dalla distanza.[12] È inoltre un ottimo rigorista[20] e anche un ottimo tiratore di calci di punizione.[21][22] Per via del suo stile di gioco è stato paragonato al connazionale Omar Sívori.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto fin da bambino nell'Instituto,[23] all'età di dieci anni ha sostenuto un provino con il Newell's Old Boys,[23] ma il padre ha preferito farlo restare all'Instituto vista la maggior vicinanza a casa.[23] A quindici anni perde il genitore, così va a vivere nella pensione del club: è per questo motivo che è soprannominato anche el pibe de la pensión.[23][24]

La stagione 2011-2012 disputata in Primera B Nacional, secondo livello del campionato argentino di calcio, è la prima da professionista, con un contratto da 900 euro all'anno, 4 000 pesos, ovvero il minimo sindacale.[25] Esordisce con la prima squadra dell'Instituto il 13 agosto 2011 in Instituto-Huracán (2-0) della prima giornata di campionato, giocando titolare e venendo sostituito al 71º da Marcelo Bergesse.[26]

Realizza il primo gol nella giornata successiva, il 20 agosto, all'età di 17 anni, 9 mesi e 5 giorni, in Aldosivi-Instituto (2-2): il suo è il punto del momentaneo pareggio per 1-1.[27] La partita contro l'Atlanta, disputata l'8 ottobre e valida per la decima giornata, è invece quella in cui Dybala segna la prima marcatura multipla: in particolare viene realizzata una tripletta nel 4-0 finale in trasferta.[28]

Chiude la stagione regolare con 38 presenze e 17 reti, fra cui un'altra tripletta nel 4-1 esterno allo Desamparados, il 26 marzo 2012 (26ª giornata); nonostante fosse all'esordio, è stato uno dei migliori giocatori della manifestazione.[29][30][31] Con la squadra ha ottenuto quattro record: è stato il più giovane a segnare un gol battendo il record di Mario Kempes, è stato il primo a giocare 38 partite consecutive in un torneo professionistico del paese battendo nuovamente Kempes,[32] è stato il primo a segnare due triplette in un campionato ed è andato in rete per sei partite consecutive di campionato (dalla 22ª alla 27ª giornata), superando il precedente primato di quattro partite di fila fatto registrare da vari giocatori.[33]

Palermo[modifica | modifica wikitesto]

Gli esordi (2012-2013)[modifica | modifica wikitesto]
Dybala nel 2015, capitano del Palermo in occasione della sua ultima gara in maglia rosanero, mentre batte un calcio d'angolo.

Scoperto dall'impresario argentino Gustavo Mascari, in buoni rapporti con l'allora direttore sportivo del Palermo Sean Sogliano e che ne acquista il cartellino a stagione inoltrata dall'Instituto,[34] il 28 aprile 2012 arriva l'annuncio ufficioso da parte del presidente rosanero Maurizio Zamparini dell'acquisto del calciatore, al prezzo di 12 milioni di euro[35][36] (all'epoca cifra record nella storia del club siciliano),[8] con un acconto di 3,5 milioni previamente pagato.[37] Due giorni più tardi si conclude il pagamento in cinque rate da parte della società inglese Pencilhil Limited, che acquista così la proprietà integrale del cartellino di Dybala,[38] che, pur restando in forza all'Instituto, cessa di essere gestito dalla società argentina.[39] Nel frattempo, gli Albirojos concludono l'annata al terzo posto in campionato,[32] perdendo quindi il match dei play-off interdivisionali contro il San Lorenzo (3-1 in aggregato).

Il 20 luglio 2012 Dybala viene annunciato come nuovo giocatore del Palermo.[40] Il 28 agosto seguente, tuttavia, sorge una bagarre tra il club siciliano e l'Instituto poiché questi ultimi si rifiutano di convalidare il trasferimento, alla luce del mancato versamento di una somma pari a 3,14 milioni di euro (di cui due da sborsare a Pencilhil Limited), all'epoca non pervenuta:[41] lo stallo si risolve tre giorni dopo.[42][43][44] Il 2 settembre successivo può allora debuttare in rosanero, nonché in Serie A, subentrando a Fabrizio Miccoli nella sconfitta contro la Lazio (3-0).[45] L'11 novembre 2012 decide con i suoi primi due gol nella massima serie italiana la gara di campionato contro la Sampdoria (2-0).[46] Pur emergendo come giovane talento, al punto da raccogliere un bottino di 28 presenze ufficiali e 3 reti complessive, Dybala non evita la retrocessione in Serie B del club rosanero al termine della stagione. Nel maggio 2013, intanto, viene inserito nel novero dei giocatori più iconici dell'Instituto.[47]

La promozione in Serie A (2013-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Confermato tra le fila del Palermo anche per il 2013-2014, torna al gol il 1º marzo 2014, decidendo il match contro il Bari (2-1), di rientro peraltro da un infortunio rimediato il 9 novembre 2013 nell'inedito derby vinto contro il Trapani (3-0).[48] Il 3 maggio seguente la compagine rosanero conquista il campionato cadetto, nonché la promozione in Serie A, con cinque giornate d'anticipo,[49] successo che si traduce nel primo trofeo di Dybala agguantato in carriera. A partire da questa stagione il calciatore forma con i colleghi Franco Vázquez e Andrea Belotti un tandem d'attacco apprezzato dalla critica sportiva.[50][51][52]

Di ritorno in Serie A, fortunato è per Dybala il girone d'andata della nuova stagione,[53] al termine del quale l'argentino può già vantare un bottino di 10 reti, di cui cinque realizzate in altrettante gare consecutive. Il 2 maggio 2015, in occasione della gara di campionato contro il Sassuolo (0-0), Dybala è per la prima volta capitano designato dei siciliani.[54] Veste per l'ultima volta la maglia del Palermo il 24 maggio seguente, nuovamente da capitano, nella sconfitta contro la Fiorentina (2-3): al termine della gara, il calciatore riceve una standing ovation da parte della propria tifoseria, in omaggio sia alla buona annata (che per il Palermo si traduce nella salvezza dalla retrocessione) sia all'intera esperienza a Palermo dell'argentino.[55][56]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

I tre double domestici e la finale europea (2015-2018)[modifica | modifica wikitesto]
Dybala in riscaldamento prepartita con la Juventus nel 2017.

Il 4 giugno 2015 il calciatore viene acquisito dalla Juventus, a fronte di un esborso di 32 milioni di euro più bonus.[57][58] L'esordio dell'argentino in bianconero, datato 8 agosto 2015, è subito fortunato: in occasione della gara di Supercoppa italiana contro la Lazio (2-0), Dybala va anche per la prima volta in rete con i torinesi e conquista così il suo primo trofeo con la Vecchia Signora.[59] Il 30 agosto seguente è la volta del primo centro in bianconero in campionato, invano, contro la Roma (2-1). Debutta nelle coppe europee il 15 settembre 2015, in occasione del successo esterno di UEFA Champions League sul Manchester City (1-2).[60] Il 16 dicembre trova quindi la sua prima marcatura di sempre in Coppa Italia, contro il Torino (4-0).[61] Si sblocca in Europa il 26 dicembre 2016, contro il Bayern Monaco (2-2).[62] Conclude l'annata con la conquista del double italiano, contribuendo alla cavalcata bianconera con 23 reti complessive, di cui ben 19 in Serie A, in 46 presenze.[63][64]

È punto di forza dell'undici bianconero anche nell'annata seguente.[65] Il 23 dicembre 2016, tuttavia, in occasione del match di Supercoppa italiana contro il Milan (1-1 dts) è proprio di Dybala l'errore dal dischetto che certifica la sconfitta bianconera.[66] Il 28 febbraio 2017 realizza la sua prima doppietta in Coppa Italia, nella semifinale d'andata contro il Napoli (3-1); l'11 aprile sigla invece la sua prima doppietta in Champions League, nei quarti d'andata contro il Barcellona (3-0).[67] Conclude l'annata centrando nuovamente il double nazionale,[68][69] perdendo tuttavia la finale di Champions League contro il Real Madrid (1-4).[70]

Nell'agosto 2017 Dybala eredita la maglia numero dieci della Juventus, stante la cessione del compagno Paul Pogba al Manchester Utd.[71] Dopo la sconfitta in Supercoppa italiana contro la Lazio (3-2), nel quale match l'argentino sigla entrambi i gol dei bianconeri, il 26 agosto 2017 Dybala realizza la sua prima tripletta con la Vecchia Signora, nonché la terza in carriera, ai danni del Genoa (2-4);[72] replica l'exploit il 17 settembre seguente, contro il Sassuolo (3-1), nel quale match il sudamericano timbra la sua centesima presenza in assoluto con gli juventini.[73] Il 7 marzo 2018 torna al gol in Champions League, contro il Tottenham (2-1), dopo undici mesi di astinenza; mette a referto un'altra tripletta il 7 aprile 2018, contro il Benevento (4-2).[74] Corona l'annata, la sua migliore in termini realizzativi, con il terzo double nazionale consecutivo.

I primati e l'addio (2018-2022)[modifica | modifica wikitesto]

Divenuto ormai pezzo fondamentale della rosa bianconera, il 2 ottobre 2018 Dybala realizza la sua prima tripletta in Champions League, decidendo il match contro lo Young Boys (3-0).[75] Ventun giorni dopo è per la prima volta capitano designato della Juventus, contro l'Empoli (2-1).[76] Il 16 gennaio 2019 torna a vincere la Supercoppa italiana, contro il Milan (1-0),[77] per poi centrare nuovamente la vittoria del campionato al termine dell'annata.

Dybala (a destra) in azione da capitano juventino nel 2021, in pressing su Claudinho dello Zenit San Pietroburgo durante una sfida di UEFA Champions League.

Giunto alla sua quinta stagione a Torino, il 22 dicembre 2019 scende in campo nel match di Supercoppa italiana perso contro la Lazio (3-1), contro cui l'argentino va però nuovamente a segno, diventando il miglior marcatore di sempre nella detta manifestazione. Nell'ambito dello scoppio della pandemia di COVID-19, che porta alla sospensione sine die del campionato italiano e di tutte le altre competizioni, nel marzo 2020 il giocatore contrae il SARS-CoV-2,[78] guarendone successivamente.[79] Persa la finale di Coppa Italia contro il Napoli ai tiri di rigore, alla ripresa della Serie A importante è il contributo di Dybala per l'allungo e conseguente successo dei bianconeri, con 4 reti e 2 assist in 9 presenze.[80] Al termine dell'annata è inoltre nominato MVP della Serie A 2019-2020.[81]

Il 12 maggio 2021, in occasione del successo casalingo di campionato sul Sassuolo (3-1), Dybala sigla la sua centesima rete in assoluto con i bianconeri.[82] Dopo aver mancato il sesto scudetto consecutivo, nella stagione 2021-2022 Dybala è primo vicecapitano dei bianconeri.[83] Il 2 novembre 2021, con una doppietta in Champions League contro lo Zenit San Pietroburgo (4-2), Dybala, forte di 106 reti, supera Michel Platini nella classifica di marcatori più prolifici in bianconero.[84] Nel frattempo, nonostante le premesse d'inizio stagione, l'avvicinarsi della scadenza contrattuale e il persistere di uno stallo circa le trattative di rinnovo tra Dybala e la Vecchia Signora, sfociano, in data 21 marzo 2022, nella rinuncia da parte della società piemontese a formalizzare ulteriori offerte al calciatore, sancendone così l'addio alla maglia bianconera.[85][86] Contestualmente, per la prima volta in sette stagioni in bianconero, Dybala conclude l'annata senza poter aggiungere alcun trofeo al proprio palmarès, stanti le sconfitte in finale di Coppa Italia e in Supercoppa contro l'Inter.[87]

Lascia i piemontesi con un novero di 293 presenze e 115 reti, risultando il nono miglior marcatore di sempre dei bianconeri (a pari merito con Roberto Baggio), e 12 trofei complessivi.[88]

Roma[modifica | modifica wikitesto]

Il 20 luglio 2022 l'argentino viene ingaggiato dalla Roma.[89] Debutta in giallorosso il seguente 14 agosto, nel successo esterno di campionato sulla Salernitana (0-1);[90] il 30 agosto è invece la volta delle sue prime due marcature con la Magica, a danno del Monza (3-0), con le quali l'argentino raggiunge inoltre la soglia delle cento reti siglate in Serie A.[91]L'8 settembre fa il suo esordio assoluto nella UEFA Europa League nella partita in casa del Ludogorets, persa per 2-1.[92][93], mentre sette giorni dopo segna anche la sua prima rete nella suddetta competizione, da subentrato, aprendo le marcature nel successo per 3-0 sull'HJK Helsinki.[94]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Dopo le convocazioni, senza presenze, da parte dell'Under-17 e dell'Under-20 argentina,[36][95][96] nel settembre del 2015 viene chiamato in nazionale maggiore.[97] Le origini del giocatore, polacche e italiane, avrebbero permesso anche le chiamate dalla Polonia oppure dall'Italia, difatti, da quest'ultima, durante gli esordi nel Palermo, nel 2014-2015, aveva ricevuto una proposta di convocazione in azzurro da parte dell'allora CT Antonio Conte[98]: tuttavia, Dybala stesso, in seguito a un'attenta riflessione con i suoi amici e familiari, declinò tali possibilità.[97][99]

Esordisce il 13 ottobre dello stesso anno, nel pareggio 0-0 ottenuto contro il Paraguay, in una gara valida per le qualificazioni ai Mondiali 2018.[100]

La prima marcatura in nazionale avviene il 20 novembre 2018, nell'amichevole casalinga finita 2-0 contro il Messico, ove, subentrato all'81' a Mauro Icardi, su assist di Giovanni Simeone, pone il sigillo alla partita all'87',[101] mentre il primo gol in una partita ufficiale con l'Albiceleste arriva il 6 luglio 2019, nel match valevole per il 3º posto finale nella Copa América, vinto per 2-1 ai danni del Cile.

Nell'agosto 2021, dopo due anni di assenza, viene richiamato dal CT Lionel Scaloni per le partite di qualificazione ai mondiali 2022 del mese successivo.[102]

Il 1º giugno 2022 viene convocato per la Finalissima di Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA, disputatasi a Wembley; nell'occasione subentra dalla panchina e mette a segno il proprio terzo gol con la maglia albiceleste, fissando il risultato sul 3 a 0 che determina la vittoria dell'Argentina contro l'Italia.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 15 settembre 2022.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2011-2012 Argentina Instituto BN 38+2[103] 17+0[103] CA 0 0 - - - - - - 40 17
2012-2013 Italia Palermo A 27 3 CI 1 0 - - - - - - 28 3
2013-2014 B 28 5 CI 2 0 - - - - - - 30 5
2014-2015 A 34 13 CI 1 0 - - - - - - 35 13
Totale Palermo 89 21 4 0 - - - - 93 21
2015-2016 Italia Juventus A 34 19 CI 4 2 UCL 7 1 SI 1 1 46 23
2016-2017 A 31 11 CI 5 4 UCL 11 4 SI 1 0 48 19
2017-2018 A 33 22 CI 4 1 UCL 8 1 SI 1 2 46 26
2018-2019 A 30 5 CI 2 0 UCL 9 5 SI 1 0 42 10
2019-2020 A 33 11 CI 4 2 UCL 8 3 SI 1 1 46 17
2020-2021 A 20 4 CI 1 0 UCL 5 1 SI 0 0 26 5
2021-2022 A 29 10 CI 4 2 UCL 5 3 SI 1 0 39 15
Totale Juventus 210 82 24 11 53 18 6 4 293 115
2022-2023 Italia Roma A 6 3 CI 0 0 UEL 2 1 - - - 8 4
Totale carriera 346 124 28 11 55 19 6 4 433 157

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
13-10-2015 Asunción Paraguay Paraguay 0 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 75’ 75’
13-11-2015 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Brasile Brasile Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 81’ 81’
17-11-2015 Barranquilla Colombia Colombia 0 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 70’ 70’ Ammonizione al 90+2’ 90+2’
1-9-2016 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 0 Uruguay Uruguay Qual. Mondiali 2018 - Yellow card.svgYellow card.svgRed card.svg 29’, 45’
7-10-2016 Lima Perù Perù 2 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 65’ 65’
12-10-2016 Córdoba Argentina Argentina 0 – 1 Paraguay Paraguay Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 59’ 59’
9-6-2017 Melbourne Brasile Brasile 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 69’ 69’
13-6-2017 Singapore Singapore Singapore 0 – 6 Argentina Argentina Amichevole -
31-8-2017 Montevideo Uruguay Uruguay 0 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 71’ 71’
5-9-2017 Buenos Aires Argentina Argentina 1 – 1 Venezuela Venezuela Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 62’ 62’
11-11-2017 Mosca Russia Russia 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 87’ 87’
14-11-2017 Krasnodar Argentina Argentina 2 – 4 Nigeria Nigeria Amichevole - Uscita al 63’ 63’
21-6-2018 Nižnij Novgorod Argentina Argentina 0 – 3 Croazia Croazia Mondiali 2018 - 1º turno - Ingresso al 68’ 68’
12-9-2018 East Rutherford Colombia Colombia 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 54’ 54’
11-10-2018 Riad Iraq Iraq 0 – 4 Argentina Argentina Amichevole -
16-10-2018 Gedda Brasile Brasile 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 58’ 58’
16-11-2018 Córdoba Argentina Argentina 2 – 0 Messico Messico Amichevole - Uscita al 72’ 72’
21-11-2018 Mendoza Argentina Argentina 2 – 0 Messico Messico Amichevole 1 Ingresso al 81’ 81’
26-3-2019 Tangeri Marocco Marocco 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 79’ 79’
8-6-2019 San Juan Argentina Argentina 5 – 1 Nicaragua Nicaragua Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
23-6-2019 Porto Alegre Qatar Qatar 0 – 2 Argentina Argentina Coppa America 2019 - 1º turno - Ingresso al 76’ 76’
28-6-2019 Rio de Janeiro Venezuela Venezuela 0 – 2 Argentina Argentina Coppa America 2019 - Quarti di finale - Ingresso al 85’ 85’
2-7-2019 Belo Horizonte Brasile Brasile 2 – 0 Argentina Argentina Coppa America 2019 - Semifinale - Ingresso al 85’ 85’
6-7-2019 San Paolo Argentina Argentina 2 – 1 Cile Cile Coppa America 2019 - Finale 3º posto 1 Uscita al 67’ 67’
5-9-2019 Los Angeles Cile Cile 0 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 15’ 15’ Uscita al 70’ 70’
10-9-2019 San Antonio Argentina Argentina 4 – 0 Messico Messico Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
9-10-2019 Dortmund Germania Germania 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 62’ 62’
13-10-2019 Elche Ecuador Ecuador 1 – 6 Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
18-11-2019 Tel Aviv Argentina Argentina 2 – 2 Uruguay Uruguay Amichevole - Uscita al 76’ 76’
2-9-2021 Caracas Venezuela Venezuela 1 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 80’ 80’
12-11-2021 Montevideo Uruguay Uruguay 0 – 1 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2022 - Ammonizione al 33’ 33’ Uscita al 64’ 64’
1-2-2022 Córdoba Argentina Argentina 1 – 0 Colombia Colombia Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 68’ 68’
1-6-2022 Londra Italia Italia 0 – 3 Argentina Argentina Coppa dei Campioni CONMEBOL-UEFA 2022 1 Ingresso al 90+1’ 90+1’
5-6-2022 Pamplona Argentina Argentina 5 – 0 Estonia Estonia Amichevole - Ingresso al 62’ 62’
Totale Presenze 34 Reti 3

Record[modifica | modifica wikitesto]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Palermo: 2013-2014
Juventus: 2015, 2018, 2020
Juventus: 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2018-2019, 2019-2020
Juventus: 2015-2016, 2016-2017, 2017-2018, 2020-2021

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Finalissima 2022

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Squadra dell'anno: 2016, 2017, 2018, 2020
2016-2017
2016-2017 (4 gol, a pari merito con Marco Borriello e Goran Pandev)
Migliore in assoluto: 2019-2020

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 40 (17) se si comprendono le presenze nei play-off promozione/retrocessione Primera División-Primera B Nacional.
  2. ^ (ES) La joya que tienta, su lmcordoba.com.ar. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2014).
  3. ^ (ES) Los maestros de la “joya”, su lmcordoba.com.ar. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 30 dicembre 2012).
  4. ^ (ES) La Joya está bien, su ole.com.ar. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 24 settembre 2014).
  5. ^ Niccolò Mariotto, Dal Gallo Belotti al Kun Aguero: cosa si cela dietro i soprannomi dei calciatori?, su 90min.com, 2 marzo 2019.
  6. ^ (EN) Paolo Bandini, Paulo Dybala perks up Palermo as club-record gamble continues to pay off, su theguardian.com, 19 gennaio 2015. URL consultato il 29 aprile 2016.
  7. ^ (PL) Paulo Dybala – "nowy Messi" z polskimi korzeniami, su sport.onet.pl (archiviato dall'url originale il 5 aprile 2012).
  8. ^ a b Scatta il raduno rosanero: 25 convocati. Assente giustificato il talento Dybala, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it.
  9. ^ Palermo, Dybala è cittadino italiano, su tuttomercatoweb.com, 14 agosto 2012. URL consultato il 4 giugno 2015.
  10. ^ (ES) Oriana Sabatini, de novia con Paulo Dybala: la primera foto juntos en un restaurante de San Isidro, su ciudad.com.ar.
  11. ^ Oriana Sabatini, la fidanzata di Paulo Dybala: «Credo di essere bisessuale», su vanityfair.it, 21 gennaio 2021. URL consultato il 3 aprile 2021.
  12. ^ a b c d Paulo Dybala, 17 gol per stregare il Palermo, su corrieredellosport.it. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 16 dicembre 2014).
  13. ^ Dybala, il bomber con la faccia da bambino pronto a fare innamorare il "Barbera", su palermo.repubblica.it.
  14. ^ Gianluca Oddenino, Un po’ Pirlo, un po’ Tevez: Dybala corre verso i record, su lastampa.it, 18 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  15. ^ a b Mirko Graziano, Juve, Dybala tra Sivori e Tevez. E Messi disse: "È uno di noi", su gazzetta.it, 18 gennaio 2016. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  16. ^ a b Timothy Ormezzano, Juventus, Dybala: "Esterno, punta, trequartista. Per Allegri faccio tutto", su repubblica.it, 25 novembre 2016. URL consultato il 23 marzo 2017.
  17. ^ a b c Inter, ecco baby Dybala. Arouca alla Fiorentina?, su gazzetta.it.
  18. ^ a b Mercato, non solo Tevez. Juve-Guarin, Napoli-Dybala, su gazzetta.it.
  19. ^ Palermo, occhi puntati su Paulo Dybala, su corrieredelmezzogiorno.corriere.it.
  20. ^ Massimiliano Nerozzi, Juve ritrovata, su lastampa.it, 5 ottobre 2015. URL consultato il 18 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 marzo 2016).
  21. ^ Fabiana Della Valle, Juventus-Atalanta 2-0: Dybala show, un gol e un assist, su gazzetta.it, 25 ottobre 2015. URL consultato il 18 gennaio 2016.
  22. ^ Stefano Cantalupi, Dybala, la prova del 9: letale anche su punizione in Juventus-Verona, su gazzetta.it, 6 gennaio 2016.
  23. ^ a b c d Paulo Dybala: 1993 – Argentina, su generazioneditalenti.com.
  24. ^ (ES) El pibe de la pensión, su lmcordoba.com.ar (archiviato dall'url originale il 2 aprile 2015).
  25. ^ Mercato: Dybala torna a giocare con l'Instituto, su mediagol.it (archiviato dall'url originale l'11 luglio 2012).
  26. ^ Instituto-Huracán 2-0, su it.soccerway.com.
  27. ^ Aldosivi-Instituto 2-2, su it.soccerway.com.
  28. ^ Atlanta-Instituto 0-4, su it.soccerway.com.
  29. ^ (ES) Alta Córdoba delira con el puntero cordobés, su mundod.lavoz.com.ar.
  30. ^ (ES) Dybala es un chico de 10, su mundod.lavoz.com.ar.
  31. ^ (ES) Dybala, a lo Maradona, su diaadia.com.ar.
  32. ^ a b Argentina:Dybala come Kempes, sconfitta e record, su mediagol.it (archiviato dall'url originale il 25 giugno 2012).
  33. ^ (ES) Dybala, el pibe de los récords, su mundod.lavoz.com.ar.
  34. ^ TMW – Palermo scopre Dybala: tutto sul nuovo gioiello di Zamparini, su palermo24.net.
  35. ^ È fatta per Dybala, 18enne talento argentino, su gazzetta.it.
  36. ^ a b Palermo, ufficializzato da Zamparini l'acquisto di Dybala, su tuttopalermo.net.
  37. ^ Palermo, Zamparini: "Miccoli e Kurtic rimangono. Dybala l'ho già pagato!", su tuttopalermo.net.
  38. ^ (ES) Se realizará una auditoría al contrato con Pencilhill, su institutoatleticocentralcordoba.com. URL consultato il 19 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2015).
  39. ^ Istituto de Cordoba, la nota ufficiale del club per Dybala al Palermo, su tuttopalermo.net.
  40. ^ Dybala ha firmato, su palermocalcio.it, 20 luglio 2012. URL consultato il 20 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 22 luglio 2012).
  41. ^ (ES) Convocatoria a Asamblea Ordinaria, su institutoatleticocentralcordoba.com. URL consultato il 28 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2012).
  42. ^ Comunicato della società, su palermocalcio.it. URL consultato il 28 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 3 marzo 2016).
  43. ^ Comunicato della società, su palermocalcio.it. URL consultato il 31 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 2 settembre 2012).
  44. ^ (ES) Palermo ya tiene el Transfer de Dybala [collegamento interrotto], su institutoatleticocentralcordoba.com.
  45. ^ Lazio-Palermo 3-0, su palermocalcio.it. URL consultato il 2 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2012).
  46. ^ Palermo-Sampdoria 2-0, su palermocalcio.it. URL consultato l'11 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 15 novembre 2012).
  47. ^ (ES) Paulo Dybala y Julio Chiarini, glorias del fútbol, su mundod.lavoz.com.ar, 24 maggio 2013.
  48. ^ Il Palermo torna alla vittoriaDybala stende il Bari, su palermo.repubblica.it, 1º marzo 2014. URL consultato il 21 luglio 2022.
  49. ^ Novara, è qui la festA: basta Vazquez, il Palermo torna tra i grandi, su palermotoday.it. URL consultato il 21 luglio 2022.
  50. ^ Vazquez dietro Dybala e Belotti, Iachini prova il nuovo attacco, su palermo.repubblica.it, 1º aprile 2014. URL consultato il 21 luglio 2022.
  51. ^ Palermo con il tridente Vazquez-Dybala-Belotti, su tuttosport.com. URL consultato il 21 luglio 2022.
  52. ^ Fantacalcio: Vazquez-Dybala, la coppia di fenomeni del Palermo, su gazzetta.it. URL consultato il 21 luglio 2022.
  53. ^ Dybala incanta Palermo, Tardelli fa sognare i tifosi: "Ha le stesse movenze di Messi", su goal.com. URL consultato il 21 luglio 2022.
  54. ^ Sassuolo-Palermo. Le formazioni ufficiali, su palermocalcio.it. URL consultato il 2 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2015).
  55. ^ Standing ovation per Dybala che lascia il Palermo, al Barbera però vince la Fiorentina 2 - 3, su informazione.it, 24 maggio 2015. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  56. ^ Palermo-Fiorentina 2-3: il commento finale. Applausi per Dybala, ma i rosa cadono, su mediagol.it, 24 maggio 2015. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  57. ^ Comunicato ufficiale, su juventus.com, 4 giugno 2015. URL consultato il 10 settembre 2017 (archiviato dall'url originale il 30 giugno 2015).
  58. ^ Dybala-Juve, ora è ufficiale: al Palermo 32 milioni + 8 di bonus, su gazzetta.it, 4 giugno 2015.
  59. ^ Emanuele Gamba, Mandzukic e Dybala il nuovo che segna la Juventus di Pogba ricomincia vincendo, in la Repubblica, 9 agosto 2015, p. 54.
  60. ^ Gianluca Strocchi, Manchester City-Juventus 1-2: Mandzukic e Morata firmano l'impresa dei bianconeri, su repubblica.it, 15 settembre 2015.
  61. ^ Mirko Graziano, La Juve sa solo vincere Il Toro si arrende a Zaza, in La Gazzetta dello Sport, 17 dicembre 2015.
  62. ^ Valerio Clari, Champions, Juventus-Bayern 2-2: Dybala e Sturaro firmano la rimonta, su gazzetta.it, 23 febbraio 2016.
  63. ^ Jacopo Gerna, Milan-Juve 0-1, Morata-gol: Coppa Italia ad Allegri, trionfo ai supplementari, su gazzetta.it, 21 maggio 2016.
  64. ^ Emanuele Gamba, Juve, cinque gol per annunciare il futuro, in la Repubblica, 15 maggio 2016, p. 58.
  65. ^ Emanuele Gamba, Dybala accende il motore per mandare Allegri in fuga, in la Repubblica, 16 ottobre 2016, p. 58.
  66. ^ Marco Pasotto, Supercoppa, Juventus-Milan 4-5 dopo i rigori: decide l'errore di Dybala, su gazzetta.it, 23 dicembre 2016.
  67. ^ Emanuele Gamba, Anche la Juve sa fare il circo Dybala domatore del Barça la semifinale è a un passo, in la Repubblica, 12 aprile 2017, p. 38.
  68. ^ Marco Fallisi, Coppa Italia, Juve-Lazio 2-0: gol di Dani Alves e Bonucci, storico tris bianconero, su gazzetta.it, 17 maggio 2017.
  69. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Crotone 3-0, bianconeri nella leggenda: gol di Mandzukic, Dybala e Alex Sandro, su gazzetta.it, 21 maggio 2017.
  70. ^ Fabio Balaudo, Real, poker e leggenda: la Juve si inchina, su it.uefa.com, 3 giugno 2017.
  71. ^ Juventus, Dybala emozionato: «La 10, una maglia speciale», su corrieredellosport.it, 10 agosto 2017.
  72. ^ Juventus, un Dybala mai visto: gol e magie nel segno del 10, su repubblica.it, 27 agosto 2017. URL consultato il 21 luglio 2022.
  73. ^ Black & White Stories: in gol alla centesima, su juventus.com, 5 novembre 2020.
  74. ^ ALTRA TRIPLETTA PER DYBALA, su legaseriea.it. URL consultato il 21 luglio 2022.
  75. ^ I numeri in Europa di Dybala quarto juventino a far tripletta in Champions, su lastampa.it, 3 ottobre 2018. URL consultato il 21 luglio 2022.
  76. ^ Paulo Dybala [@PauDybala_JR], La prima da capitano non si dimentica mai (Tweet), su Twitter, 27 ottobre 2018.
  77. ^ (EN) EA Sports Supercup 2018 - Match Report, su legaseriea.it. URL consultato il 21 luglio 2022.
  78. ^ (EN) COVID-19, Third player to test positive, su juventus.com, 21 marzo 2020. URL consultato il 22 marzo 2020.
  79. ^ Covid-19, guarito Paulo Dybala - Juventus, su juventus.com. URL consultato il 21 luglio 2022.
  80. ^ Paulo Dybala, dal quasi addio alla Juventus a un anno da leader: la miglior giocata di Sarri, su eurosport.it, 28 luglio 2020. URL consultato il 21 luglio 2022.
  81. ^ GLI MVP DELLA STAGIONE 2019/2020, su legaseriea.it. URL consultato il 21 luglio 2022.
  82. ^ 100 VOLTE RONALDO E DYBALA, TRE PUNTI CON IL SASSUOLO, su juventus.com, 12 maggio 2021. URL consultato il 12 maggio 2021.
  83. ^ Allegri annuncia: "Dybala vicecapitano. Bonucci? Se vuole la fascia, la compra e va a giocare in piazza", su goal.com. URL consultato il 21 luglio 2022.
  84. ^ Antonio Torrisi, Dybala fa 106 con la Juventus e supera Platini: l'esultanza è un omaggio a "Le Roi", su goal.com, 3 novembre 2021. URL consultato il 6 dicembre 2021.
  85. ^ Juve, la conferma di Arrivabene: "Dybala non ha rinnovato", su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 21 marzo 2022.
  86. ^ Juve, fumata nera: Dybala non rinnova, addio a fine stagione, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 21 marzo 2022.
  87. ^ Juventus, zero titoli dopo 10 anni: la prima stagione dell'Allegri-bis è un fallimento oppure no?, su eurosport.it, 12 maggio 2022. URL consultato il 21 luglio 2022.
  88. ^ Suerte, Paulo!, su juventus.com, 30 giugno 2022.
  89. ^ Paulo Dybala è un nuovo calciatore giallorosso, su asroma.com. URL consultato il 20 luglio 2022.
  90. ^ Salernitana-Roma 0-1: Dybala titolare, ma la decide Cristante, su tuttosport.com. URL consultato il 15 agosto 2022.
  91. ^ La carica dei 101 gol con Mourinho e la centesima "Joya", su www.asroma.com. URL consultato il 30 agosto 2022.
  92. ^ CR7, 19 anni dopo. La prima volta di Dybala: Europa League, chi sono i protagonisti - TUTTOmercatoWEB.com, su www.tuttomercatoweb.com. URL consultato il 15 settembre 2022.
  93. ^ Francesco T. Romanews 24, Verso Ludogorets-Roma: per Dybala esordio in Europa League, su Romanews 24, 6 settembre 2022. URL consultato il 15 settembre 2022.
  94. ^ L'Helsinki in 10 regge un tempo, poi entra Dybala. E fa volare la Roma, su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 15 settembre 2022.
  95. ^ (ES) Dybala se ilusiona con ir a los Panamericanos de Guadalajara, su cadena3.com, 2 settembre 2011 (archiviato dall'url originale il 5 dicembre 2015).
  96. ^ Palermo: Dybala declina chiamata in Nazionale [collegamento interrotto], su mediagol.it.
  97. ^ a b Dybala, prima convocazione con la nazionale argentina, escluso Higuain, su gazzetta.it, 23 settembre 2015.
  98. ^ Conte vuole Dybala in azzurro, su calciomercato.com.
  99. ^ Dybala rifiuta la proposta di Conte: sogno di giocare con Messi., su gazzetta.it.
  100. ^ Mondiale 2018: Willian trascina il Brasile, Argentina fermata dal Paraguay, su repubblica.it, 14 ottobre 2015.
  101. ^ Argentina-Messico 2-0, finalmente Icardi e Dybala! |, su gazzetta.it, 21 novembre 2018.
  102. ^ Dybala ha già riconquistato l’Albiceleste: "Che felicità". Sono 8 gli 'italiani', su gazzetta.it. URL consultato il 24 agosto 2021.
  103. ^ a b Stagione regolare+Play-off promozione/retrocessione Primera División-Primera B Nacional.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN9420156497239417740002 · ISNI (EN0000 0005 0055 9725 · LCCN (ENno2019106588 · WorldCat Identities (ENlccn-no2019106588