Giovanni Simeone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Giovanni Simeone
Nazionalità Bandiera dell'Argentina Argentina
Altezza 180 cm
Peso 81 kg
Calcio
Ruolo Attaccante
Squadra Napoli
Carriera
Giovanili
2008-2013River Plate
Squadre di club1
2013-2015River Plate26 (2)
2015-2016Banfield34 (12)
2016-2017Genoa35 (12)
2017-2019Fiorentina74 (20)
2019-2021Cagliari71 (18)
2021-2022Verona35 (17)
2022-Napoli49 (5)
Nazionale
2015Bandiera dell'Argentina Argentina U-2014 (12)
2016Bandiera dell'Argentina Argentina olimpica4 (0)
2018-Bandiera dell'Argentina Argentina6 (1)
Palmarès
 Campionato sudamericano Under-20
Oro Uruguay 2015
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 20 aprile 2024

Giovanni Pablo Simeone Baldini (Buenos Aires, 5 luglio 1995) è un calciatore argentino, attaccante del Napoli e della nazionale argentina.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Buenos Aires,[1][2] è il figlio primogenito di Diego Simeone, allenatore di calcio ed ex calciatore affermato a livello internazionale, e della modella Carolina Baldini.[3][4] È soprannominato El Cholito, diminutivo del soprannome del padre El Cholo.[5] Anche i fratelli Gianluca e Giuliano hanno intrapreso la carriera calcistica.[6][7]

Il 25 maggio 2022 si sposa con la modella Giulia Coppini nella chiesa di San Salvatore al Monte (Firenze).[8]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Gioca come centravanti, ruolo in cui ha dimostrato buone doti da opportunista e una notevole freddezza sotto porta.[4] Nonostante la statura non particolarmente elevata, fa del colpo di testa una delle sue armi migliori: inoltre, grazie alla sua buona velocità in contropiede e in progressione, può anche giocare come esterno offensivo su entrambe le fasce.[4][9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi, Genoa[modifica | modifica wikitesto]

Si mette in evidenza nel settore giovanile del River Plate, approdando in prima squadra.[6] A 20 anni, nonostante l'interesse dei club italiani, si trasferisce al Banfield segnando 12 gol in campionato.[10]

Nell'estate 2016 arriva in Europa, venendo acquistato dal Genoa[11] per 3 milioni.[12][13] Esordisce in Serie A il 18 settembre, nella partita che vede i liguri sconfitti per 2-0 dal Sassuolo.[14][15] Una settimana più tardi, realizza il suo primo gol portando i rossoblu in vantaggio sul Pescara (la gara termina 1-1).[16] Il 27 novembre è protagonista della vittoria contro la Juventus, in cui segna una doppietta nel 3-1 finale.[17][18] Quattro giorni dopo, va in gol per la prima volta in Coppa Italia sbloccando il punteggio nella sfida col Perugia (vinta 4-3 dalla sua squadra).[19]

Il giovane argentino si impone tra le rivelazioni del campionato,[20] contribuendo alla salvezza del Grifone,[21] nonostante un calo di rendimento nel girone di ritorno.

Fiorentina e Cagliari[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2017 è acquistato dalla Fiorentina per 18 milioni di euro.[22] La prima stagione in maglia viola è molto positiva con un bottino di 14 gol e con l'apice della sua prima tripletta nel campionato italiano, il 29 aprile 2018 al Franchi, che permette ai gigliati di battere per 3-0 il Napoli:[23] il risultato costa, di fatto, ai partenopei la possibile conquista dello scudetto.[24]

Nella seconda annata, al contrario, offre un rendimento negativo che lo porta a realizzare solo 6 gol in campionato,[25][26] con la Fiorentina che otterrà la salvezza solo all'ultima giornata;[27] in Coppa Italia si segnala per la doppietta nella goleada 7-1 inflitta alla Roma a Firenze.[28]

Il 30 agosto 2019 Simeone si trasferisce al Cagliari con la formula del prestito con obbligo di riscatto fissato a 16 milioni di euro.[29][30] Il 1º settembre esordisce con la maglia dei sardi nella partita persa in casa contro l'Inter (1-2).[31] Il 15 settembre, in casa del Parma, segna il suo primo gol nella gara vinta per 3-1 dai sardi.[32] Dopo una prima parte di stagione altalenante,[33][34] al rientro dal lockdown va a segno per 4 gare consecutive, andando per la terza volta in doppia cifra per un totale di 12 reti complessive.[35]

L'anno successivo inizia bene per lui (che segna pure una doppietta nel successo per 2-3 contro il Torino),[36] per poi calare alla distanza, terminando la stagione con 6 gol segnati.[37]

Verona[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver giocato pochi minuti per il Cagliari nella partita con lo Spezia, il 26 agosto 2021 viene ceduto al Verona con la formula del prestito oneroso da circa 1 milione di euro e il diritto di riscatto fissato a 12 milioni.[38][39][40] Il 13 settembre, gioca da titolare la partita in casa del Bologna. Il successivo 25 settembre trova il primo gol, aprendo le marcature nella partita in casa del Genoa.[41] Il 24 ottobre realizza la sua prima quaterna della carriera, segnando i 4 gol del Verona nella sfida casalinga vinta per 4-1 contro la Lazio;[42] conferma il buon avvio di stagione,[43] anche realizzando la doppietta decisiva nel successo casalingo 2-1 sulla Juventus. Chiude la sua prima stagione a Verona con 17 reti segnate e 6 assist forniti in 35 presenze, risultando essere il secondo giocatore ad aver realizzato più di 15 gol in una stagione di Serie A con gli Scaligeri dopo Luca Toni.[44][45] Il 13 giugno 2022 il Verona trova un accordo con il Cagliari, proprietaria del cartellino dell'argentino, che viene quindi riscattato a tutti gli effetti per 10,5 milioni di euro.[46][47][48]

Napoli[modifica | modifica wikitesto]

Il 18 agosto 2022 viene ufficializzato il suo passaggio al Napoli in prestito per 3,5 milioni di euro con diritto di riscatto fissato a 12 milioni,[49][50] che diventa obbligo al verificarsi di determinate condizioni sportive.[51] Sceglie di indossare la maglia numero 18.[52] Debutta con i partenopei il 28 agosto seguente, in occasione del pareggio per 0-0 in casa della Fiorentina, sua ex squadra, subentrando a Victor Osimhen nell'ultimo quarto d'ora del match. Il 7 settembre fa il suo debutto anche in Champions League, nuovamente subentrando ad Osimhen, e dopo pochi minuti sigla anche il suo primo gol nella competizione e con la maglia azzurra, contribuendo alla vittoria per 4-1 dei partenopei sul Liverpool.[53] Il 18 settembre decide il match vinto a San Siro contro il Milan, segnando il gol del definitivo 1-2, il primo in Serie A con il Napoli.[4][54] Il 26 ottobre segna la sua prima doppietta con i partenopei, nonché la prima in Champions League, nel successo casalingo sui Rangers per 3-0,[55] diventando così anche il secondo giocatore argentino, dopo suo padre, a realizzare quattro gol nelle prime quattro presenze nella massima competizione europea.[56][57] Il 17 gennaio 2023, al debutto in Coppa Italia con i partenopei, segna la rete del momentaneo vantaggio nel match casalingo contro la Cremonese, valido per gli ottavi di finale e terminato con l'eliminazione degli azzurri ai calci di rigore, dopo che sia i tempi regolamentari che quelli supplementari si sono chiusi col risultato di 2-2.[58] Il 29 gennaio seguente sigla il gol decisivo nella vittoria casalinga contro la Roma (2-1), valida per la 20ª giornata di campionato.[59] Il successivo 4 maggio, in virtù del pareggio per 1-1 del Napoli contro l'Udinese, si aggiudica il primo scudetto della sua carriera, il terzo della storia per il club partenopeo.[60][61]

Il 15 giugno seguente il Napoli riscatta l'attaccante; Simeone sottoscrive un contratto valido fino al 2026, con opzione di prolungamento fino al 2027.[62][63]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

In possesso della doppia cittadinanza, spagnola e argentina, decide di rappresentare quest'ultima.[64] Convocato con la rappresentativa Under-20 in occasione del campionato continentale di categoria, si mette in luce in essa aiutando,[10] con 9 reti, la propria nazionale a imporsi per la quinta volta nella competizione.[65]

Forte delle prestazioni fornite con la nazionale Under-20, nel 2016 viene convocato per le Olimpiadi di Rio.[66]

Nel 2018, il commissario tecnico Lionel Scaloni lo chiama per la prima volta in nazionale maggiore.[67] Debutta il 7 settembre, realizzando un gol nell'amichevole con il Guatemala vinta 3-0.[68]

Nell'ottobre del 2022 viene inserito nella lista dei pre-convocati per i Mondiali di calcio in Qatar,[69] non rientrando però nella rosa finale.[70]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 20 aprile 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2013-2014 Bandiera dell'Argentina River Plate PD 17 2 CA 2 0 CS 0 0 - - - 19 2
2014 PD 7 0 CA - - CS 4 2 - - - 11 2
gen.-giu. 2015 PD 3 0 CA - - CL 0 0 SA+RS 0 0 3 0
Totale River Plate 27 2 2 0 4 2 0 0 33 4
giu.-dic. 2015 Bandiera dell'Argentina Banfield PD 18 7 CA 1 0 - - - - - - 19 7
gen.-giu. 2016 PD 16 5 CA 1 0 - - - - - - 17 5
Totale Banfield 34 12 2 0 - - - - 36 12
2016-2017 Bandiera dell'Italia Genoa A 35 12 CI 2 2 - - - - - - 37 14
2017-2018 Bandiera dell'Italia Fiorentina A 38 14 CI 2 0 - - - - - - 40 14
2018-2019 A 36 6 CI 4 2 - - - - - - 40 8
Totale Fiorentina 74 20 6 2 - - - - 80 22
2019-2020 Bandiera dell'Italia Cagliari A 37 12 CI 0 0 - - - - - - 37 12
2020-2021 A 33 6 CI 0 0 - - - - - - 33 6
lug.-ago. 2021 A 1 0 CI 1 0 - - - - - - 2 0
Totale Cagliari 71 18 1 0 - - - - 72 18
ago. 2021-2022 Bandiera dell'Italia Verona A 35 17 CI 0 0 - - - - - - 35 17
2022-2023 Bandiera dell'Italia Napoli A 25 4 CI 1 1 UCL 7 4 - - - 33 9
2023-2024 A 24 1 CI 1 0 UCL 6 1 SI 2 1 33 3
Totale Napoli 49 5 2 1 13 5 2 1 66 12
Totale carriera 325 86 15 5 17 7 2 1 359 99

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
7-9-2018 Los Angeles Argentina Bandiera dell'Argentina 3 – 0 Bandiera del Guatemala Guatemala Amichevole 1 Ammonizione al 90+1’ 90+1’
12-9-2018 East Rutherford Colombia Bandiera della Colombia 0 – 0 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 85’ 85’
11-10-2018 Riad Argentina Bandiera dell'Argentina 4 – 0 Bandiera dell'Iraq Iraq Amichevole - Ingresso al 57’ 57’
16-10-2018 Gedda Brasile Bandiera del Brasile 1 – 0 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 88’ 88’
20-11-2018 Mendoza Argentina Bandiera dell'Argentina 2 – 0 Bandiera del Messico Messico Amichevole - Ingresso al 73’ 73’
19-6-2023 Giacarta Indonesia Bandiera dell'Indonesia 0 – 2 Bandiera dell'Argentina Argentina Amichevole - Ingresso al 85’ 85’
Totale Presenze 6 Reti 1

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: Final 2014
Napoli: 2022-2023

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

River Plate: 2014
River Plate: 2015
River Plate: 2015

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Uruguay 2015

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

Uruguay 2015 (9 gol)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giovanni Simeone, su legaseriea.it. URL consultato il 12 luglio 2020.
  2. ^ Filmato audio Serie A, Approfondimento su Simeone - Magazine - Serie A TIM 2016/17, su YouTube, 4 novembre 2016, a 1 min 58 s.
  3. ^ Giovanni Simeone e il segreto di papà Diego, su sportal.it, novembre 2016.
  4. ^ a b c d Il gol di Simeone al Milan è la copia perfetta di una famosa rete alla Juventus di suo papà, su Rivista Undici, 19 settembre 2022. URL consultato il 14 novembre 2022.
  5. ^ (ES) Simeone: ¿Por qué le dicen "Cholo" al técnico de Atlético?, su elcomercio.pe, 27 maggio 2016.
  6. ^ a b Calcio, River Plate: figlio 16enne di Simeone in prima squadra, su repubblica.it, 2011.
  7. ^ (ES) Tres futbolistas y un biberón... ¿Conoces a los hijos de Simeone?, su hola.com, 30 settembre 2016.
  8. ^ La Nazione, Giovanni Simeone, matrimonio a Firenze con Giulia Coppini, su La Nazione, 25 maggio 2022. URL consultato il 20 ottobre 2022.
  9. ^ Giovanni Sardelli, Fiorentina, è il Cholito ma sembra il Pipita. Pioli: "È perfetto per noi", su gazzetta.it, 30 aprile 2018.
  10. ^ a b Niente Italia per il figlio di Simeone: va in prestito al Banfield, su gazzetta.it, 7 luglio 2015.
  11. ^ Simeone ufficiale, Venerdì conferenza, su genoacfc.it, 18 agosto 2016. URL consultato il 24 aprile 2021 (archiviato dall'url originale il 21 agosto 2017).
  12. ^ Martin Mazur, Genoa, in arrivo Simeone junior: "Il cognome non è un peso", su gazzetta.it, 31 luglio 2016.
  13. ^ Genoa, Simeone jr si presenta: "Ma non chiamatemi El Cholito, m'ispiro a Icardi", su repubblica.it, 19 agosto 2016.
  14. ^ Sassuolo-Genoa 2-0 con super Defrel. E c'è l'esordio di Simeone jr, su gazzetta.it, 18 settembre 2016. URL consultato il 24 luglio 2020.
  15. ^ Genoa, Simeone: "Brucia perdere una partita in questo modo", su primocanale.it, 18 settembre 2016.
  16. ^ Alessio Da Ronch, Genoa-Pescara 1-1: Manaj risponde a Simeone, su gazzetta.it, 25 settembre 2016.
  17. ^ Gessi Adamoli, Nel nome del padre c'è un altro Simeone sulla via dello scudetto, in la Repubblica, 28 novembre 2016, p. 40.
  18. ^ Emanuele Gamba, Nervosa, molle e caotica la Juve del dopo Coppa a lezione dal Genoa, in la Repubblica, 28 novembre 2016, p. 40.
  19. ^ Gessi Adamoli, Un Genoa batticuore Simeone non si ferma, poi c'è super Pandev per brindare in Coppa, in la Repubblica, 2 dicembre 2016, p. 18.
  20. ^ Filippo Grimaldi, Serie A, Simeone jr: “Al Genoa come a casa. Papà e Juric stessi occhi di tigre”, su gazzetta.it, 7 dicembre 2016.
  21. ^ Fabrizio Turco, Genoa-Torino 2-1, Rigoni e Simeone firmano la salvezza, su repubblica.it, 21 maggio 2017.
  22. ^ Fiorentina, preso Simeone. Al Genoa vanno 18 milioni, su gazzetta.it, 16 agosto 2017.
  23. ^ Benedetto Ferrara, Viola, la partita perfetta. Simeone inarrestabile, tre gol per stupire, in la Repubblica, 30 aprile 2018, p. 4.
  24. ^ Gianluca Strocchi, Fiorentina-Napoli 3-0: Simeone affonda gli azzurri, lo scudetto si allontana, su repubblica.it, 29 aprile 2018.
  25. ^ Angelo Giorgetti, Fiorentina: Simeone-Chiesa, un caso da risolvere, su lanazione.it, 11 novembre 2018. URL consultato il 24 luglio 2020.
  26. ^ Simeone ha deluso la Fiorentina: in estate sarà addio?, su calciomercato.com. URL consultato il 24 luglio 2020.
  27. ^ Fiorentina-Genoa 0-0: annoiati e contenti, viola e rossoblù restano in serie A, su repubblica.it, 26 maggio 2019. URL consultato il 24 luglio 2020.
  28. ^ Coppa Italia, Fiorentina-Roma 7-1: Chiesa show, giallorossi travolti, su gazzetta.it. URL consultato il 24 luglio 2020.
  29. ^ Simeone è del Cagliari!, su cagliaricalcio.com, 30 agosto 2019. URL consultato il 30 agosto 2019.
  30. ^ Andrea Dessì, È fatta per Simeone al Cagliari: firma con clausola rescissoria, su calciocasteddu.it, 30 agosto 2019. URL consultato il 21 gennaio 2021.
  31. ^ Stefano Silvestri, Le pagelle di Cagliari-Inter 1-2: Sensi incanta, Lukaku prezioso, Nainggolan lotta, su eurosport.it, 1º settembre 2019. URL consultato il 24 luglio 2020.
  32. ^ Francesco Carci, Parma-Cagliari 1-3, Ceppitelli e Simeone sbloccano i sardi, su repubblica.it, 15 settembre 2019. URL consultato il 24 luglio 2020.
  33. ^ Fantacalcio, il calo senza fine di Simeone: 1 gol e 7 insufficienze nelle ultime otto, su fantacalcio.it, 14 gennaio 2020. URL consultato il 24 luglio 2020.
  34. ^ Matteo Culurgioni, La metamorfosi di Simeone sta in poche parole, su cagliarinews24.com, 2 luglio 2020. URL consultato il 24 luglio 2020.
  35. ^ Fantacalcio, Simeone segna in 4 gare di fila in Serie A: non era mai successo, su fantacalcio.it, 2 luglio 2020. URL consultato il 24 luglio 2020.
  36. ^ Cagliari, che Simeone: 4 gol in 5 giornate, come l’Atletico di papà, su gazzetta.it. URL consultato il 26 agosto 2021.
  37. ^ Cagliari, panchine e spezzoni: c’è ancora posto per Simeone?, su centotrentuno.com, 13 maggio 2021. URL consultato il 26 agosto 2021.
  38. ^ Simeone all’Hellas Verona, su cagliaricalcio.com, 26 agosto 2021. URL consultato il 26 agosto 2021.
  39. ^ Benvenuto in gialloblù, Cholito!, su hellasverona.it. URL consultato il 26 agosto 2021 (archiviato dall'url originale il 6 febbraio 2023).
  40. ^ Giacomo Dessì, Simeone-Verona, prestito con diritto di riscatto, su Calcio Casteddu, 26 agosto 2021. URL consultato il 31 gennaio 2022.
  41. ^ Simeone ritrova il gol dopo sei mesi: l'ultima volta aveva segnato alla Juventus, su tuttomercatoweb.com, 25 settembre 2021. URL consultato il 24 ottobre 2021.
  42. ^ Fabio Bianchi, Verona, è un Simeone da pazzi! Il Cholito segna 4 gol e asfalta la Lazio, su gazzetta.it, 24 ottobre 2021. URL consultato il 24 ottobre 2021.
  43. ^ Dario Saltari, Il calciatore di ottobre 2021: Giovanni Simeone, su ultimouomo.com, 5 novembre 2021.
  44. ^ Serie A, Verona-Juventus 2-1: Simeone si scatena, Allegri vede le streghe, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato il 18 giugno 2022.
  45. ^ Società Athesis S.p.A, Simeone sulle orme di Toni. Ma il futuro resta un rebus, su L'Arena.it, 7 aprile 2022. URL consultato il 25 ottobre 2022.
  46. ^ Simeone all’Hellas Verona, su cagliaricalcio.com, 17 giugno 2022. URL consultato il 18 giugno 2022.
  47. ^ Giovanni Simeone è ufficialmente gialloblù, su hellasverona.it. URL consultato il 18 giugno 2022 (archiviato dall'url originale il 18 giugno 2022).
  48. ^ Sky Sport, Verona, Simeone riscattato ufficialmente dal Cagliari: le cifre. Le news di calciomercato | Sky Sport, su sport.sky.it. URL consultato il 24 ottobre 2022.
  49. ^ Il Napoli ufficializza l'acquisto di Giovanni Simeone, su sscnapoli.it, 18 agosto 2022. URL consultato il 18 agosto 2022.
  50. ^ UFFICIALE - Il Napoli acquista Giovanni Simeone: prestito con diritto di riscatto, su m.fcinternews.it. URL consultato il 24 ottobre 2022.
  51. ^ Giovanni Simeone si trasferisce al Napoli, su hellasverona.it, 18 agosto 2022. URL consultato il 18 agosto 2022 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2022).
  52. ^ @simeonegiovanni ha scelto il numero di maglia, su twitter.com, 18 agosto 2022. URL consultato il 18 agosto 2022.
  53. ^ Napoli-Liverpool 4-1: Zielinski, Anguissa e Simeone firmano la notte magica degli azzurri, su repubblica.it, 7 settembre 2022. URL consultato l'8 settembre 2022.
  54. ^ Milan-Napoli 1-2: gol di Politano, Giroud e Simeone, su gazzetta.it, 18 settembre 2022. URL consultato il 18 settembre 2022.
  55. ^ Il Napoli è sempre uno spettacolo: 3-0 ai Rangers. Ma per il primo posto..., su La Gazzetta dello Sport. URL consultato il 26 ottobre 2022.
  56. ^ Opta: Cholo e Cholito, un record di famiglia, su ilnapolista.it, 26 ottobre 2022. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  57. ^ TALE PADRE TALE FIGLIO: CURIOSO RECORD IN CHAMPIONS CHE ACCOMUNA LA FAMIGLIA SIMEONE, su onefootball.com, 27 ottobre 2022. URL consultato il 30 ottobre 2022.
  58. ^ NAPOLI-CREMONESE 6-7 D.C.R, OTTAVI COPPA ITALIA: PARTENOPEI FUORI AI RIGORI, GRIGIOROSSI AI QUARTI CONTRO LA ROMA, su www.eurosport.com. URL consultato il 18 gennaio 2023.
  59. ^ Napoli, il volo scudetto continua. Batte una bella Roma e vola a +13 sull'Inter, su gazzetta.it, 29 gennaio 2023. URL consultato il 12 febbraio 2023.
  60. ^ Brividi per il gol di Lovric, poi Osimhen mette le cose a posto. E scatta la festa, su gazzetta.it, 4 maggio 2023. URL consultato il 7 maggio 2023.
  61. ^ Da Meret a Simeone, chi sono i 27 eroi di Spalletti: i numeri e le storie, su gazzetta.it, 4 maggio 2023. URL consultato il 5 maggio 2023.
  62. ^ Giovanni Simeone a titolo definitivo al Napoli, su hellasverona.it, 15 giugno 2023. URL consultato il 17 giugno 2023.
  63. ^ Ufficiale, Giovanni Simeone al Napoli a titolo definitivo, su sscnapoli.it. URL consultato il 15 giugno 2023.
  64. ^ (ES) Simeone tiene pasaporte comunitario, su riverplate.com, 1º gennaio 2014 (archiviato dall'url originale il 17 ottobre 2014).
  65. ^ (ES) Giovanni Simeone is champion and top scorer, su conmebol.com, 8 febbraio 2015. URL consultato il 31 ottobre 2022.
  66. ^ (ES) "Somos responsables de todo", su ole.com.ar, 10 agosto 2016. URL consultato il 31 ottobre 2022.
  67. ^ (ES) Tres jugadores de River, a la Selección, su cariverplate.com.ar, 17 agosto 2018. URL consultato il 24 luglio 2020.
  68. ^ Adriano Seu, Amichevoli, Argentina-Guatemala 3-0: Simeone subito a segno. L'Uruguay travolge il Messico con un super Suarez, su gazzetta.it, 7 settembre 2018. URL consultato il 31 ottobre 2022.
  69. ^ (ES) LISTA PRELIMINAR de la Selección Argentina para QATAR 2022: 43 nombres y 22 fijas, su TyC Sports, 22 ottobre 2022. URL consultato il 1º novembre 2022.
  70. ^ (ES) Lista de Argentina para el Mundial de Qatar 2022, su TyC Sports, 11 novembre 2022. URL consultato l'11 novembre 2022.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]