Questa pagina è semiprotetta. Può essere modificata solo da utenti registrati

Lorenzo Insigne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Lorenzo Insigne
Lorenzo Insigne 2021.jpg
Insigne nel 2021
Nazionalità Italia Italia
Altezza 163 cm
Peso 59 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Napoli
Carriera
Giovanili
2004-2010Napoli
Squadre di club1
2009-2010Napoli1 (0)
2010Cavese10 (0)
2010-2011Foggia33 (19)
2011-2012Pescara37 (18)
2012-Napoli304 (85)
Nazionale
2010-2011Italia Italia U-205 (1)
2011-2013Italia Italia U-2115 (7)
2012-Italia Italia47 (10)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Oro Europa 2020
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Argento Israele 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 12 luglio 2021

Lorenzo Insigne (Napoli, 4 giugno 1991[1]) è un calciatore italiano, attaccante del Napoli, di cui è capitano, e della nazionale italiana, con cui si è laureato campione d'Europa nel 2021.

Nel suo palmarès figurano 2 Coppe Italia (competizione di cui è stato capocannoniere nel 2013-2014, a pari merito con altri giocatori) e una Supercoppa italiana, vinti con il Napoli, un Campionato europeo per nazioni vinto con l'Italia e un campionato di Serie B, vinto con il Pescara. Ha vestito la maglia della nazionale italiana Under-21, con cui è stato vice-campione d'Europa di categoria nel 2013. Con la nazionale maggiore italiana ha partecipato al campionato del mondo 2014, al campionato d'Europa 2016 e al campionato d'Europa 2020.

Biografia

Nato a Napoli[1], è cresciuto a Frattamaggiore,[2] comune della Città metropolitana di Napoli situato a nord del capoluogo, e ha tre fratelli, anche loro calciatori:[3] Antonio, Roberto e Marco. Si è sposato con Genoveffa Darone il 31 dicembre 2012;[4] la coppia ha due figli, Carmine e Christian, nati rispettivamente nel 2013 e nel 2015. Il giocatore è sempre stato molto attivo nella beneficenza, soprattutto nel suo territorio d'origine. Durante l'emergenza sanitaria legata alla pandemia di COVID-19 il giocatore ha donato centomila euro a favore degli ospedali della Campania.[5]

Caratteristiche tecniche

Il suo ruolo originale era inizialmente quello dell'esterno offensivo sinistro[6][7] nel 4-3-3 disegnato da Zdeněk Zeman durante la sua militanza nel Foggia e nel Pescara.[8][9][10] Sebbene prediliga fungere da ala sinistra, è un giocatore tatticamente versatile, capace di svariare su tutto il fronte d'attacco, per poi convergere e calciare in porta;[11] nel corso degli anni ha notevolmente ampliato il proprio raggio d'azione, operando su tutto il versante offensivo come playmaker a supporto delle punte[9][12][13] o come seconda punta[11].

Grazie alla sua ottima visione di gioco, contribuisce spesso all'azione di ripartenza con lanci in profondità, passaggi filtranti, rapide triangolazioni e assist ai compagni.

Abile battitore di calci di punizione[10] e buon rigorista, nonostante la bassa statura, dispone di un fisico compatto e gambe forti che, grazie al baricentro basso,[8][9][10] gli permettono di imprimere grande potenza ai tiri a giro, sua dote migliore.[8][10] Rapido nel fraseggio, elegante nei tocchi di palla e puntuale nell'anticipo, è dotato di un dribbling secco e fulmineo,[14] di cui si serve per liberarsi della pressione fisica avversaria. È considerato come uno dei migliori italiani dell'ultimo decennio[14]; buon finalizzatore, la sua rapidità gli consente di inserirsi negli spazi stretti, penetrare in area di rigore e dirigere le manovre d'attacco.[8][14]

Carriera

Club

Inizi, Napoli e prestito alla Cavese

Nel 2006, a 15 anni compiuti, entra a far parte del settore giovanile del Napoli, che lo acquista dall'Olimpia Sant'Arpino per la cifra di 1 500 euro.[15] Nel 2008 esordisce nella squadra Primavera, con cui realizza 15 reti nel torneo 2009-2010 di categoria e disputa il Torneo di Viareggio 2010, nel quale mette a segno due gol.

Muove i primi passi in prima squadra nell'estate 2009, a 18 anni, giocando alcune amichevoli con Roberto Donadoni sulla panchina partenopea.[16] L'esordio ufficiale ha invece luogo sotto la guida di Walter Mazzarri, nel frattempo subentrato all'ex CT della nazionale, il 24 gennaio 2010 nella partita Livorno-Napoli (0-2), sostituendo Germán Denis negli istanti finali della gara.[17]

Disputa la parte restante della stagione in prestito alla Cavese,[18] in Lega Pro Prima Divisione, dove totalizza 10 presenze.

Prestiti a Foggia e Pescara

La stagione successiva viene prelevato dal Foggia, ancora in terza serie e sempre con la formula del prestito.[19] Mette a segno la prima rete da professionista il 14 agosto 2010 nella gara di Coppa Italia Lega Pro contro L'Aquila, mentre il 29 agosto successivo, nella sconfitta interna contro la Lucchese (2-3), mette a segno la prima rete nei campionati italiani.[20] Tra le file dei rossoneri pugliesi, guidati da Zdeněk Zeman, colleziona 33 presenze e 19 reti in campionato,[21] oltre a 7 reti in altrettante presenze nella Coppa Italia Lega Pro.

Nel 2011, a 20 anni, passa ancora a titolo temporaneo al Pescara, in Serie B, dove ritrova il tecnico boemo.[22][23] Debutta nella seconda serie italiana alla prima di campionato a Verona, il 26 agosto,[24] mentre il 4 settembre successivo realizza la prima rete in trasferta contro il Modena.[25] In campionato realizza 18 reti - vice-capocannoniere dei biancoazzurri alle spalle di Ciro Immobile - e 14 assist[26] ed è tra i protagonisti della vittoria del campionato cadetto e della seguente promozione in Serie A del club abruzzese.[27] In virtù dell'ottima annata disputata, verrà successivamente premiato come miglior giocatore della stagione di Serie B, nel corso del Gran Galà del calcio AIC, a pari merito con gli ex compagni di squadra Ciro Immobile e Marco Verratti.[28]

Ritorno al Napoli

Terminato il prestito al Pescara torna al Napoli,[29] scegliendo la maglia numero 24.[30]

Il 16 settembre 2012 firma la prima rete in maglia azzurra e in Serie A nella gara interna contro il Parma, fissando il risultato sul definitivo 3-1 per i partenopei dopo essere subentrato ad Edinson Cavani.[31] Quattro giorni dopo esordisce nelle competizioni UEFA per club disputando da titolare la gara di UEFA Europa League contro gli svedesi dell'AIK, terminata 4-0 per gli azzurri. Il 13 gennaio 2013, nella gara interna contro il Palermo (terminata 3-0 per i partenopei), firma il quarto gol in campionato e gioca gli ultimi sei minuti di gara al fianco del fratello Roberto,[32] debuttante nell'occasione in massima serie, 75 anni dopo l'ultima volta che il Napoli aveva schierato due fratelli in campo in Serie A: in quell'occasione, 16 maggio 1937, furono gli oriundi italo-argentini Antonio e Nicola Ferrara.[33] Chiude la stagione con 5 reti e 7 assist in 37 partite di campionato, oltre ad una presenza in Coppa Italia e cinque in Europa League, laureandosi vice-campione d'Italia col Napoli.

Il 18 settembre 2013 esordisce nella massima competizione europea, la UEFA Champions League, nella gara interna contro i tedeschi del Borussia Dortmund, in cui realizza anche la prima rete personale in Europa siglando su calcio di punizione il secondo gol del Napoli, vittorioso per 2-1.[34] Il 15 gennaio 2014 realizza contro l'Atalanta il primo gol in Coppa Italia con la maglia del Napoli.[35] Il 27 febbraio 2014, grazie al gol nella gara di ritorno dei sedicesimi di finale di Europa League contro lo Swansea City (3-1 per i partenopei),[36] il napoletano segna in tutte le competizioni a cui prende parte, diventando così il secondo calciatore italiano (dopo Antonio Di Natale) ad aver segnato in Serie A, Champions League, Europa League e Coppa Italia nella stessa stagione.[37] Il 13 aprile, in occasione del match di campionato contro la Lazio, scende in campo per la prima volta in carriera con la fascia di capitano.[38] Il 3 maggio seguente vince la Coppa Italia, siglando una doppietta nella vittoriosa (3-1) finale contro la Fiorentina allo Stadio Olimpico di Roma.[39] Conclude la stagione con 9 reti in 51 presenze tra campionato e coppe; con i tre gol in Coppa Italia conquista il titolo di capocannoniere del torneo insieme ad altri sei giocatori (tra cui il compagno di squadra José María Callejón).

Insigne in palleggio nell'amichevole Barcellona-Napoli del 6 agosto 2014

Durante l'annata 2014-2015 riporta la rottura del legamento crociato anteriore del ginocchio destro, nel corso della gara di campionato disputata il 9 novembre 2014 contro la Fiorentina.[40][41] A causa di questo infortunio non può essere convocato per la Supercoppa italiana a Doha, vinta contro la Juventus.[42] Rientra dall'infortunio il 4 aprile 2015, dopo circa 5 mesi di assenza, disputando i minuti finali della partita Roma-Napoli (1-0).[43]

Nella stagione seguente arriva Maurizio Sarri come allenatore. Il 26 settembre 2015 raggiunge 100 presenze in Serie A col Napoli nel 2-1 contro la Juventus al San Paolo, segnando in quella partita il gol del momentaneo 1-0.[44][45] Il 4 ottobre realizza la prima doppietta in Serie A nella partita vinta per 4-0 a San Siro contro il Milan.[46] Il 10 dicembre dello stesso anno mette a segno la sua prima rete in Europa League siglando il 2-0 temporaneo del Napoli contro il Legia Varsavia al San Paolo (partita poi terminata 5-2 per gli azzurri).[47] Termina la stagione con 12 gol in campionato.

La stagione successiva, stanti la partenza di Gonzalo Higuaín e l'infortunio occorso ad Arkadiusz Milik, viene impiegato in un inedito trio d'attacco con Dries Mertens e José María Callejón. Nell'andata degli ottavi di finale della Champions League realizza un gol da circa 30 metri contro il Real Madrid al Bernabéu, rete che porta momentaneamente in vantaggio il Napoli, che sarà, tuttavia, sconfitto per 3-1. Alla fine della stagione migliora il proprio record personale in Serie A realizzando 18 reti, più una in Coppa Italia, nella semifinale di ritorno contro la Juventus, quello del 3-2 azzurro (che non basta per la qualificazione alla finale a causa della sconfitta per 3-1 all'andata), e quello in Spagna contro il Real Madrid. Termina la stagione con 20 gol segnati in totale, mai così tanti da quando era al Foggia e tanti quanti quelli segnati in Serie B con il Pescara.

La stagione 2017-2018 inizia con i preliminari di Champions League: il Napoli affronta il Nizza e, dopo il 2-0 del San Paolo, all'Allianz Riviera Insigne fissa il risultato sullo 0-2, risultato che consente ai partenopei di accedere alla fase a gironi. Nella fase a gruppi il calciatore apre le marcature in tutte e tre le partite casalinghe del Napoli, con Feyenoord (3-1), Manchester City (2-4) e Šachtar (3-0). Ciononostante, il Napoli fallisce la qualificazione agli ottavi di Champions: giungendo terzo, il club campano accede comunque ai sedicesimi di finale di UEFA Europa League, dove, contro l'RB Lipsia, Insigne segna nella sfida di ritorno il gol del definitivo 0-2, insufficiente per ribaltare la sconfitta casalinga per 1-3 subita all'andata; a qualificarsi sono, infatti, i tedeschi, per via della regola dei gol fuori casa. Alla fine della stagione totalizza 48 presenze e 14 reti, di cui 8 in campionato.

Durante la stagione 2018-2019, in cui sulla panchina del Napoli siede Carlo Ancelotti, Insigne diventa il nuovo capitano, dopo il trasferimento di Marek Hamšík alla squadra cinese del Dalian Yifang nel febbraio 2019.[48] In questa annata, nonostante i continui problemi fisici personali ed extracalcistici del club, Insigne riesce comunque a totalizzare 41 presenze (28 in campionato, 2 in Coppa Italia, 5 in Europa League e 6 in UEFA Champions League), andando in rete per 14 volte (10 in campionato, 1 in Europa League e 3 in UEFA Champions League).

Nella stagione successiva, nel corso della quale Ancelotti viene sostituito, nel dicembre 2019, da Gattuso, Insigne è decisivo nel percorso in Coppa Italia: il 14 gennaio 2020 segna su rigore entrambi i gol contro il Perugia agli ottavi di finale, il 21 gennaio segna il gol della vittoria per 1-0 ai quarti contro la Lazio, il 13 giugno serve l'assist per il gol dell'1-1 di Mertens nella semifinale di ritorno contro l'Inter (il Napoli aveva vinto l'andata fuori casa per 0-1) e infine, quattro giorni dopo, vince da capitano la Coppa Italia, battendo in finale la Juventus ai rigori, dopo aver trasformato in rete il proprio tiro dal dischetto.[49] Termina la stagione con 46 presenze e 13 gol realizzati (8 in campionato, 3 in Coppa italia e 2 in UEFA Champions League).

Nella stagione 2020-2021, alla 5ª giornata, il 25 ottobre, gioca contro il fratello Roberto nel derby vinto per 2-1 contro il Benevento allo stadio Vigorito; in questa partita entrambi i fratelli marcano un gol: per la seconda volta nella storia due fratelli che giocano in due squadre avversarie segnano nella stessa partita di Serie A (uguagliato quanto accaduto in Inter-Lazio della stagione 1949-1950, partita vinta dai padroni di casa per 2-1 e caratterizzata da due segnature dei fratelli Nyers, István per l'Inter e Ferenc per la Lazio). Il 20 gennaio 2021 Insigne disputa la finale di Supercoppa italiana, persa per 2-0 contro la Juventus, match nel quale fallisce un calcio di rigore. Il successivo 13 febbraio, nella gara di campionato contro la Juventus allo stadio Maradona, realizza su calcio di rigore il gol decisivo per la vittoria (1-0); è la sua centesima marcatura con la maglia del Napoli.[50] L'eccellente stagione del capitano azzurro è suggellata dall'elezione a migliore giocatore della Serie A del mese di marzo e, il 16 maggio, dal gol del momentaneo 0-1 nella sfida contro la Fiorentina, marcatura che gli consente di superare il personale record di gol in campionato, chiuso con 19 reti in 35 partite disputate.

Nazionale

Nazionali giovanili

Colleziona 5 presenze e una rete con la nazionale italiana Under-20, con cui debutta il 17 novembre 2010 nella gara contro la Germania.

Esordisce con la nazionale italiana Under-21 il 6 ottobre 2011, nella partita contro il Liechtenstein, valida per le qualificazioni all'Europeo Under-21, siglando una doppietta con cui fissa il risultato sul definitivo 7-2 per gli azzurrini, oltre a fornire due assist.[51] Alla sua seconda presenza in Under-21, contro la Turchia, viene espulso.[52] Il 25 aprile 2012 va ancora in rete in un'amichevole giocata a Edimburgo contro la Scozia, con una punizione dal limite dell'area.[53]

Sotto la guida del tecnico Mangia, partecipa all'campionato europeo Under-21 del 2013 in Israele. Il 5 giugno 2013 segna il gol della vittoria (1-0) su calcio di punizione nella partita d'esordio nella manifestazione, contro l'Inghilterra.[54] Nella seconda gara del girone, vinta per 4-0 contro i padroni di casa di Israele, si infortuna durante il primo tempo ed è costretto ad uscire dal campo.[55] Nonostante ciò, recupera in tempo per la semifinale contro i Paesi Bassi, nella quale fornisce a Fabio Borini l'assist per il gol decisivo, che porta gli azzurrini in finale.[56] Il 18 giugno disputa la finale, persa per 4-2 contro la Spagna, nella quale fornisce un altro assist a Borini.[57]

Nazionale maggiore

Il 2 settembre 2012 il CT Cesare Prandelli lo convoca per la prima volta in nazionale maggiore, per le partite contro Bulgaria e Malta, valide per le qualificazioni al campionato del mondo del 2014.[58] Esordisce il successivo 11 settembre, all'età di 21 anni, subentrando ad Alessandro Diamanti all'inizio del secondo tempo della gara vinta 2-0 contro Malta a Modena.[59]

Il 14 agosto 2013, alla seconda presenza, firma la prima rete in nazionale, nell'amichevole contro l'Argentina disputata allo stadio Olimpico di Roma, fissando il risultato sul definitivo 2-1 per i sudamericani.[60] Il 6 settembre seguente gioca per la prima volta da titolare in nazionale maggiore, nella gara interna contro la Bulgaria.[61]

Il 1º giugno 2014 viene inserito nella lista dei 23 convocati per il campionato mondiale del 2014 in Brasile.[62] Il 20 giugno seguente fa il suo esordio nella manifestazione, nella seconda partita del girone, persa per 1-0 contro la Costa Rica, subentrando al 57º minuto di gioco ad Antonio Candreva.[63] Rimane la sua unica presenza nel torneo, con l'Italia che viene eliminata nella prima fase.[64]

Inizialmente escluso nella gestione del CT Antonio Conte, per via di infortuni e scelte tecniche, torna a giocare in nazionale quasi due anni dopo, il 24 marzo 2016, in un'amichevole contro la Spagna (1-1) ad Udine, durante la quale segna un gol dopo essere entrato in campo nella ripresa.[65] Viene convocato per il campionato d'Europa del 2016 in Francia,[66] nel quale esordisce subentrando nella terza partita del girone, persa 1-0 contro l'Irlanda. Successivamente subentrerà anche durante le partite degli ottavi contro la Spagna e dei quarti contro la Germania, partita in cui mette a segno il primo dei tiri di rigore, al termine dei quali la partita si decide in favore dei tedeschi.[67]

L'11 giugno 2017, nella partita vinta per 5-0 contro il Liechtenstein, realizza la sua prima rete in una partita valida per le qualificazioni al mondiale del 2018, indossando per la prima volta la maglia numero 10. Il CT Gian Piero Ventura lo impiega in 6 partite delle qualificazioni mondiali, compresa la partita di andata del play-off persa 1-0 contro la Svezia, nella quale subentra nel secondo tempo. Insigne viene poi lasciato in panchina nella partita di ritorno, nella quale l'Italia viene eliminata.[68]

Insigne (ultimo a destra) e gli altri azzurri ricevuti ai giardini del Palazzo del Quirinale dal presidente italiano Mattarella dopo il vittorioso campionato d'Europa 2020.

Il CT Roberto Mancini, in carica dal maggio 2018, gli dà fiducia e gli conferisce un ruolo preminente nel suo schema tattico. Il 4 giugno 2018 scende in campo per la prima volta con la fascia da capitano, nella partita amichevole pareggiata 1-1 contro i Paesi Bassi a Torino.[69] L'8 giugno 2019 realizza il suo primo gol nelle qualificazioni al campionato d'Europa del 2020, nella gara vinta per 3-0 contro la Grecia ad Atene: si tratta della sua prima rete sotto la gestione Mancini.[70] Autore di 3 gol nelle qualificazioni europee, si mette in luce anche nella fase a gironi della UEFA Nations League 2020-2021, contribuendo alla qualificazione dell'Italia alla fase finale.[71][72]

Nel giugno 2021 viene convocato per il campionato d'Europa,[73] e nella partita inaugurale dell'11 giugno, giocata a Roma, realizza il gol del definitivo 3-0 contro la Turchia.[74] Si ripete anche nei quarti di finale, realizzando il secondo gol italiano nella partita vinta per 2-1 contro il Belgio a Monaco di Baviera.[75] Si laurea campione d'Europa al termine della finale di Wembley vinta ai rigori contro l'Inghilterra.[76]

Statistiche

Presenze e reti nei club

Statistiche aggiornate al 23 maggio 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-feb. 2010 Italia Napoli A 1 0 CI 0 0 - - - - - - 1 0
feb.-giu. 2010 Italia Cavese 1D 10 0 CI+CI-LP 0+0 0 - - - - - - 10 0
2010-2011 Italia Foggia 1D 33 19 CI-LP 7 7 - - - - - - 40 26
2011-2012 Italia Pescara B 37 18 CI 1 2 - - - - - - 38 20
2012-2013 Italia Napoli A 37 5 CI 1 0 UEL 5 0 SI 0 0 43 5
2013-2014 A 36 3 CI 5 3 UCL+UEL 6+4 2+1 - - - 51 9
2014-2015 A 20 2 CI 1 0 UCL+UEL 2[77]+5 0 SI 0 0 28 2
2015-2016 A 37 12 CI 0 0 UEL 5 1 - - - 42 13
2016-2017 A 37 18 CI 4 1 UCL 8 1 - - - 49 20
2017-2018 A 37 8 CI 2 1 UCL+UEL 7[78]+2 4[79]+1 - - - 48 14
2018-2019 A 28 10 CI 2 0 UCL+UEL 6+5 3+1 - - - 41 14
2019-2020 A 37 8 CI 4 3 UCL 5 2 - - - 46 13
2020-2021 A 35 19 CI 4 0 UEL 8 0 SI 1 0 48 19
Totale Napoli 305 85 23 8 68 16 1 0 397 109
Totale carriera 385 122 31 17 68 16 1 0 485 155

Cronologia presenze e reti in nazionale

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
11-9-2012 Modena Italia Italia 2 – 0 Malta Malta Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 46’ 46’
14-8-2013 Roma Italia Italia 1 – 2 Argentina Argentina Amichevole 1 Ingresso al 46’ 46’
6-9-2013 Palermo Italia Italia 1 – 0 Bulgaria Bulgaria Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 67’ 67’
15-10-2013 Napoli Italia Italia 2 – 2 Armenia Armenia Qual. Mondiali 2014 -
4-6-2014 Perugia Italia Italia 1 – 1 Lussemburgo Lussemburgo Amichevole - Ingresso al 78’ 78’
20-6-2014 Recife Italia Italia 0 – 1 Costa Rica Costa Rica Mondiali 2014 - 1º turno - Ingresso al 57’ 57’
24-3-2016 Udine Italia Italia 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole 1 Ingresso al 51’ 51’
29-3-2016 Monaco di Baviera Germania Germania 4 – 1 Italia Italia Amichevole - Uscita al 68’ 68’
29-5-2016 Ta' Qali Italia Italia 1 – 0 Scozia Scozia Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
22-6-2016 Lilla Italia Italia 0 – 1 Irlanda Irlanda Euro 2016 - 1º turno - Ingresso al 74’ 74’ Ammonizione al 90+1’ 90+1’
27-6-2016 Saint-Denis Italia Italia 2 – 0 Spagna Spagna Euro 2016 - Ottavi di finale - Ingresso al 82’ 82’
2-7-2016 Bordeaux Germania Germania 1 – 1 dts
(6 – 5 dtr)
Italia Italia Euro 2016 - Quarti di finale - Ingresso al 108’ 108’
12-11-2016 Vaduz Liechtenstein Liechtenstein 0 – 4 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 66’ 66’
24-3-2017 Palermo Italia Italia 2 – 0 Albania Albania Qual. Mondiali 2018 -
7-6-2017 Nizza Italia Italia 3 – 0 Uruguay Uruguay Amichevole - Uscita al 64’ 64’
11-6-2017 Udine Italia Italia 5 – 0 Liechtenstein Liechtenstein Qual. Mondiali 2018 1
2-9-2017 Madrid Spagna Spagna 3 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 -
5-9-2017 Reggio Emilia Italia Italia 1 – 0 Israele Israele Qual. Mondiali 2018 -
6-10-2017 Torino Italia Italia 1 – 1 Macedonia Macedonia Qual. Mondiali 2018 -
9-10-2017 Scutari Albania Albania 0 – 1 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 90+2’ 90+2’
10-11-2017 Solna Svezia Svezia 1 – 0 Italia Italia Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 76’ 76’
23-3-2018 Manchester Argentina Argentina 2 – 0 Italia Italia Amichevole -
27-3-2018 Londra Inghilterra Inghilterra 1 – 1 Italia Italia Amichevole 1
28-5-2018 San Gallo Italia Italia 2 – 1 Arabia Saudita Arabia Saudita Amichevole - Uscita al 84’ 84’
1-6-2018 Nizza Francia Francia 3 – 1 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 74’ 74’
4-6-2018 Torino Italia Italia 1 – 1 Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole - Cap. Uscita al 70’ 70’
7-9-2018 Bologna Italia Italia 1 – 1 Polonia Polonia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Uscita al 72’ 72’
10-10-2018 Genova Italia Italia 1 – 1 Ucraina Ucraina Amichevole - Uscita al 78’ 78’
14-10-2018 Chorzów Polonia Polonia 0 – 1 Italia Italia UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
17-11-2018 Milano Italia Italia 0 – 0 Portogallo Portogallo UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
8-6-2019 Atene Grecia Grecia 0 – 3 Italia Italia Qual. Euro 2020 1
11-6-2019 Torino Italia Italia 2 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2020 1
12-10-2019 Roma Italia Italia 2 – 0 Grecia Grecia Qual. Euro 2020 -
15-11-2019 Zenica Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 0 – 3 Italia Italia Qual. Euro 2020 1 Uscita al 87’ 87’
4-9-2020 Firenze Italia Italia 1 – 1 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno -
7-9-2020 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 0 – 1 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 90’ 90’
15-11-2020 Reggio Emilia Italia Italia 2 – 0 Polonia Polonia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 88’ 88’
18-11-2020 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina 0 – 2 Italia Italia UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Uscita al 90+3’ 90+3’
25-3-2021 Parma Italia Italia 2 – 0 Irlanda del Nord Irlanda del Nord Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 84’ 84’
28-3-2021 Sofia Bulgaria Bulgaria 0 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 2022 -
4-6-2021 Bologna Italia Italia 4 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole 1
11-6-2021 Roma Turchia Turchia 0 – 3 Italia Italia Euro 2020 - 1º turno 1 Uscita al 81’ 81’
16-6-2021 Roma Italia Italia 3 – 0 Svizzera Svizzera Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 69’ 69’
26-6-2021 Londra Italia Italia 2 – 1 dts Austria Austria Euro 2020 - Ottavi di finale - Uscita al 108’ 108’
2-7-2021 Monaco di Baviera Belgio Belgio 1 – 2 Italia Italia Euro 2020 - Quarti di finale 1 Uscita al 79’ 79’
6-7-2021 Londra Italia Italia 1 – 1 dts
(4 – 2 dtr)
Spagna Spagna Euro 2020 - Semifinale - Uscita al 85’ 85’
11-7-2021 Londra Italia Italia 1 – 1 dts
(3 – 2 dtr)
Inghilterra Inghilterra Euro 2020 - Finale - Ammonizione al 84’ 84’ Uscita al 91’ 91’
Totale Presenze 47 Reti 10
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-10-2011 Vaduz Liechtenstein Under-21 Liechtenstein 2 – 7 Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 2
11-10-2011 Rieti Italia Under-21 Italia 2 – 0 Turchia Turchia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -
28-2-2012 Cannes Francia Under-21 Francia 1 – 1 Italia Italia Under-21 Amichevole -
25-4-2012 Edimburgo Scozia Under-21 Scozia 1 – 4 Italia Italia Under-21 Amichevole 1
4-6-2012 Sligo Irlanda Under-21 Irlanda 2 – 2 Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -
15-8-2012 Leeuwarden Paesi Bassi Under-21 Paesi Bassi 0 – 3 Italia Italia Under-21 Amichevole 1
12-10-2012 Pescara Italia Under-21 Italia 1 – 0 Svezia Svezia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 -
16-10-2012 Kalmar Svezia Under-21 Svezia 2 – 3 Italia Italia Under-21 Qual. Europeo Under-21 2013 1
6-2-2013 Andria Italia Under-21 Italia 1 – 0 Germania Germania Under-21 Amichevole -
22-3-2013 Cittadella Italia Under-21 Italia 2 – 0 Russia Russia Under-21 Amichevole 1
25-3-2013 Bassano del Grappa Italia Under-21 Italia 1 – 0 Ucraina Ucraina Under-21 Amichevole -
5-6-2013 Tel Aviv Inghilterra Under-21 Inghilterra 0 – 1 Italia Italia Under-21 Europeo Under-21 2013 - 1º turno 1
8-6-2013 Tel Aviv Italia Under-21 Italia 4 – 0 Israele Israele Under-21 Europeo Under-21 2013 - 1º turno -
15-6-2013 Petah Tiqwa Italia Under-21 Italia 1 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Under-21 Europeo Under-21 2013 - Semifinale -
18-6-2013 Gerusalemme Italia Under-21 Italia 2 – 4 Spagna Spagna Under-21 Europeo Under-21 2013 - Finale -
Totale Presenze 15 Reti 7

Palmarès

Nazionale

Europa 2020

Individuale

Miglior calciatore della Serie B: 2012
2010-2011: (7 gol)
2013-2014: (3 gol)[81]

Onorificenze

Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere Ordine al merito della Repubblica italiana
«Riconoscimento dei valori sportivi e dello spirito nazionale che hanno animato la vittoria italiana al campionato europeo di calcio UEFA Euro 2020»
— Roma, 16 luglio 2021. Di iniziativa del Presidente della Repubblica Italiana.[82]

Note

  1. ^ a b Lorenzo Insigne, su sscnapoli.it. URL consultato il 29 novembre 2020.
  2. ^ Pasquale Tina, Nel mondo di Insigne, da Frattamaggiore al Mondiale, da Lorenzo a Lorenzinho: "Italia, io sono pronto", su napoli.repubblica.it, 13 giugno 2014.
  3. ^ Gianluca Monti, Insigne formato famiglia, in La Gazzetta dello Sport, 14 dicembre 2012, p. 10.
  4. ^ Insigne si sposa, festa a Frattaminore. Migliaia in delirio per l'azzurro, su ilmattino.it, 31 dicembre 2012.
  5. ^ Covid: i vip che hanno fatto beneficenza, su Pourfemme, 7 gennaio 2021. URL consultato il 26 maggio 2021.
  6. ^ ITALIA-ALBANIA, IL TRIO VERRATTI-INSIGNE-IMMOBILE DAL 1': L'ULTIMA VOLTA AL PESCARA, Goal.com, 24 marzi 2017. URL consultato il 21 maggio 2017.
  7. ^ Napoli, Insigne al Pescara? Segnava gol così..., Gazzetta dello Sport, 21 agosto 2016. URL consultato il 21 maggio 2017.
  8. ^ a b c d James Horncastle, Meet Lorenzo Insigne, Italy’s new wonderkid, Eurosport. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  9. ^ a b c Paolo Bandini, Lorenzo Insigne finally coming of age as Napoli’s featherweight fantasista, The Guardian, 5 ottobre 2015. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  10. ^ a b c d Jack Pitt-Brooke, Arsenal v Napoli: Arsenal must be cautious of Lorenzo Insigne and his hair-raising rise at Napoli, The Independent, 30 settembre 2013. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  11. ^ a b Alberto Polverosi, Insigne: "Del Piero idolo. Lo porterei a Napoli", Il Corriere dello Sport. URL consultato il 23 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).
  12. ^ Sarri: Napoli formation change premeditated, FourFourTwo, 18 settembre 2015. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  13. ^ Napoli, Sarri: "Insigne trequartista ha fatto bene", Il Corriere dello Sport. URL consultato il 23 gennaio 2017.
  14. ^ a b c Best Young Players at the 2014 World Cup, yahoo.com, 16 aprile 2014. URL consultato il 23 gennaio 2017 (archiviato dall'url originale il 2 febbraio 2017).
  15. ^ Che "colpaccio" di Santoro nel 2006, ecco quanto pagò Lorenzo Insigne, tuttonapoli.net, 21 giugno 2012 (archiviato dall'url originale il 27 giugno 2012).
  16. ^ Francesco Caputo, Napoli, il gioiellino Insigne: la pulce azzurra fa passi da gigante, Tuttonapoli.net, 22 settembre 2009. URL consultato il 23 agosto 2012 (archiviato dall'url originale il 25 settembre 2009).
  17. ^ CALCIOMERCATO/ Napoli, Zeman 'raccomanda' Insigne, Ilsussidiario.net.
  18. ^ Giuseppe Baldi, Lorenzo Insigne è a Cava, Lacavese.it, 11 febbraio 2010.
  19. ^ Insigne in prestito al Foggia, Solonapoli.com, 4 agosto 2010.
  20. ^ Foggia-Lucca 2-3, transfermarkt.it. URL consultato il 14 luglio 2012.
  21. ^ Foggia, Insigne: "Ora tornerò a Napoli", Tuttomercatoweb.com, 25 maggio 2011.
  22. ^ Francesco Bellante, Calciomercato: Insigne al Pescara, in arrivo la firma, Ilpescara.it, 24 giugno 2011.
  23. ^ Ufficiale, colpi Pescara: presi Insigne e Romagnoli Archiviato il 14 ottobre 2012 in Internet Archive., corrieredellosport.it
  24. ^ Verona - Pescara 1-2, worldfootball.net. URL consultato il 14 luglio 2012.
  25. ^ Modena - Pescara 3-2, worldfootball.net. URL consultato il 14 luglio 2012.
  26. ^ Lorenzo Insigne - Statistiche, transfermarkt.it. URL consultato il 14 luglio 2012 (archiviato dall'url originale il 23 giugno 2013).
  27. ^ Pescara, ecco i gioielli forgiati a Zemanlandia, corrieredellosport.it, 21 maggio 2012 (archiviato dall'url originale il 5 ottobre 2015).
  28. ^ Oscar del Calcio a Cavani e Insigne., sscnapoli.it, 27 gennaio 2013.
  29. ^ Il ritiro precampionato, sscnapoli.it. URL consultato il 14 luglio 2012.
  30. ^ Ufficializzati i numeri di maglia, tuttonapoli.net, 31 luglio 2012.
  31. ^ Napoli a tutto attacco. Il Parma cede il passo 3-1, gazzetta.it, 16 settembre 2012.
  32. ^ Lorenzo&Roberto: festa in famiglia. Mazzarri a -5 dalla Juve, gazzetta.it, 14 gennaio 2013.
  33. ^ Napoli, due fratelli in campo: l'ultima volta nel 1937 ma..., areanapoli.it, 14 gennaio 2013.
  34. ^ Napoli-Borussia Dortmund 2-1. Gol di Higuain ed Insigne, è notte magica, gazzetta.it, 18 settembre 2013.
  35. ^ Coppa Italia, Napoli-Atalanta 3-1: gol di De Luca, doppio Callejon e Insigne. Espulso Yepes, gazzetta.it, 15 gennaio 2014.
  36. ^ Napoli-Swansea 3-1: Insigne, Higuain e Inler trascinano gli azzurri agli ottavi, gazzetta.it, 27 febbraio 2014.
  37. ^ IL FUTURO DI NAPOLI: LORENZO INSIGNE, napolitan.it, 29 novembre 2014.
  38. ^ Napoli-Lazio 4-2. Gol di Lulic, meraviglia Mertens, tripletta di Higuain, poi Onazi, gazzetta.it, 13 aprile 2014.
  39. ^ Finale Coppa Italia, Fiorentina-Napoli 1-3. Doppio Insigne, gol di Vargas e Mertens, gazzetta.it, 3 maggio 2014.
  40. ^ Mimmo Malfitano, Fiorentina-Napoli 0-1, gol di Higuain: Benitez è terzo da solo, Insigne crac, La Gazzetta dello Sport, 9 novembre 2014. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  41. ^ Insigne, intervento perfettamente riuscito, sscnapoli.it, 10 novembre 2014.
  42. ^ Napoli, Insigne: «Con la Juve dimostriamo di essere da scudetto», Tuttosport, 8 gennaio 2015. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 15 aprile 2016).
  43. ^ Simone Zizzari, Roma-Napoli 1-0: decide un gol di Pjanic, Il Corriere dello Sport, 4 aprile 2015. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  44. ^ Federico Sala, Napoli-Juventus 2-1: Insigne e Higuain gol, bianconeri quasi fuori dalla lotta scudetto, La Repubblica, 26 settembre 2015. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  45. ^ Esami ok per il ginocchio di Insigne, Rai Sport, 29 settembre 2015. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  46. ^ Milan-Napoli 0-4: gol di Allan e doppietta di Insigne, autorete di Ely, su gazzetta.it. URL consultato il 4 ottobre 2015.
  47. ^ Diretta Europa League, Napoli-Legia Varsavia 5-2: segui il live, su corrieredellosport.it, 10 dicembre 2015. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  48. ^ De Laurentiis: "Insigne capitano? Tiene alla maglia. In estate 2-3 cambi importanti", su transfermarkt.it, 14 febbraio 2019.
  49. ^ Le pagelle di Napoli-Juventus 4-2 d.c.r.: Meret decisivo, Ronaldo ancora un fantasma, su Eurosport, 17 giugno 2020. URL consultato il 18 giugno 2020.
  50. ^ Festa Insigne: 100° gol col Napoli e Juve battuta su rigore, su gazzetta.it.
  51. ^ Federico Sala, Azzurrini, pioggia di gol dopo la grande paura, Repubblica.it, 6 ottobre 2011.
  52. ^ Fabio Bianchi, Nel finale espulso Insigne, La Gazzetta dello Sport, 11 ottobre 2011. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  53. ^ Poker dell'Under 21: che vittoria in Scozia![collegamento interrotto], Corrieredellosport.it, 25 aprile 2012.
  54. ^ FEDERICO SALA, Europei under 21, Italia-Inghilterra 1-0: decide una magia di Insigne, La Repubblica, 5 giugno 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  55. ^ MARCO GAETANI, Europei under 21: Italia-Israele 4-0, azzurrini già in semifinale ma Insigne va ko, su repubblica.it, 8 giugno 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  56. ^ GIUSEPPE CALABRESE, Europei Under 21, Italia-Olanda 1-0: Borini porta gli azzurrini in finale, La Repubblica, 15 giugno 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  57. ^ Fabio Bianchi, Under 21, Spagna-Italia 4-2. Gli azzurri si inchinano a Thiago Alcantara, La Gazzetta dello Sport, 18 giugno 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  58. ^ Italia, Prandelli convoca Insigne e Pazzini, Corrieredellosport.it, 2 settembre 2012 (archiviato dall'url originale il 6 ottobre 2015).
  59. ^ Insigne, esordio da applausi in Nazionale nel successo dell'Italia su Malta per 2-0., sscnapoli.it, 11 settembre 2012.
  60. ^ Italia-Argentina 1-2: gol di Higuain, Banega e Insigne. Azzurri bene solo nel finale, gazzetta.it, 14 agosto 2013.
  61. ^ Luigi Garlando, Italia, Prandelli scioglie il dubbio: Insigne titolare, Giaccherini in panchina, La Gazzetta dello Sport, 6 settembre 2013. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  62. ^ PRANDELLI HA SCELTO: ECCO I 23 AZZURRI CHE PARTIRANNO PER IL BRASILE, figc.it, 1º giugno 2014.
  63. ^ Francesco Tanilli, Mondiali 2014, Italia-Costa Rica 0-1: che figuraccia!, Il Corriere dello Sport, 20 giugno 2014. URL consultato il 4 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 19 aprile 2016).
  64. ^ JACOPO MANFREDI, Italia-Uruguay 0-1, azzurri a casa. Prandelli: "Mi dimetto". Lascia anche Abete, La Repubblica, 24 giugno 2014. URL consultato il 4 febbraio 2016.
  65. ^ Francesco Oddi, Nazionale, ora Insigne è intoccabile: il gol alla Spagna firma la pace con Conte, La Gazzetta dello Sport, 25 marzo 2016. URL consultato il 27 marzo 2016.
  66. ^ Inizia il ‘Sogno Azzurro’: su Rai 1 ufficializzata la lista dei convocati per l’Europeo, figc.it, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2015 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2016).
  67. ^ Euro 2016, Darmian tradisce l'Italia ai rigori: Germania in semifinale grazie a Neuer, eurosport.com, 2 luglio 2016. URL consultato il 3 luglio 2016.
  68. ^ L'ultima pazzia di Ventura: Insigne in panchina per 90 minuti, su calciomercato.com, 13 novembre 2017.
  69. ^ Nazionale, Insigne da dimenticato a capitano nel giorno del compleanno - Sportmediaset, su Sportmediaset.it. URL consultato il 5 giugno 2018.
  70. ^ Mancini sorride: "Atteggiamento giusto di tutti. Insigne? L'avevamo visto bene", su La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato il 9 giugno 2019.
  71. ^ L’Italia fa festa a Sarajevo. Gli Azzurri battono anche la Bosnia e volano alla Final Four di Nations League, su figc.it, 18 novembre 2020. URL consultato il 20 novembre 2020.
  72. ^ Bosnia-Italia, le pagelle: Insigne incanta, Belotti 'on fire', su goal.com, 18 novembre 2020. URL consultato il 20 novembre 2020.
  73. ^ Ufficializzata la lista dei 26 convocati per l’Europeo. Giacomo Raspadori la novità, su figc.it, 2 giugno 2021. URL consultato il 3 giugno 2021.
  74. ^ Euro 2020, Turchia-Italia 0-3: Immobile, Insigne e un'autorete esaltano l'Olimpico, su sportmediaset.mediaset.it. URL consultato l'11 giugno 2021.
  75. ^ Italia, Wembley ti aspetta! Con il Belgio arriva un’altra vittoria da favola, siamo in semifinale, su figc.it, 2 luglio 2021. URL consultato il 3 luglio 2021.
  76. ^ Wembley incorona gli Azzurri: l’Italia supera l’Inghilterra ai rigori, siamo Campioni d’Europa!, su figc.it, 12 luglio 2021. URL consultato il 13 luglio 2021.
  77. ^ Nei play-off.
  78. ^ 2 presenze nei play-off.
  79. ^ 1 gol nei play-off.
  80. ^ In rosa, ma non convocato per infortunio.
  81. ^ A pari merito con José María Callejón, Gervinho, Giuseppe De Luca, Osarimen Ebagua, Felice Evacuo e Marco Sansovini.
  82. ^ Mattarella ha conferito onorificenze motu proprio ai giocatori e allo staff della Nazionale vincitrice del campionato europeo, quirinale.it. URL consultato il 16 luglio 2021.

Altri progetti

Collegamenti esterni