Dries Mertens

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Dries Mertens
Mertens con la nazionale belga ai Mondiali 2018
NazionalitàBandiera del Belgio Belgio
Altezza169 cm
Peso61 kg
Calcio
RuoloAttaccante
SquadraGalatasaray
Carriera
Giovanili
1996-1998 Stade Leuven
1998-2003Anderlecht
2003-2005Gent
Squadre di club1
2005-2006Eendracht Aalst14 (4)
2006-2009AGOVV108 (30)
2009-2011Utrecht65 (16)[1]
2011-2013PSV62 (37)
2013-2022Napoli295 (113)
2022-Galatasaray66 (15)
Nazionale
2005Bandiera del Belgio Belgio U-174 (0)
2011-2022Bandiera del Belgio Belgio109 (21)
Palmarès
 Mondiali di calcio
BronzoRussia 2018
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 26 maggio 2024

Dries Mertens (Lovanio, 6 maggio 1987) è un calciatore belga, attaccante del Galatasaray.

Ha militato in varie squadre belghe prima di trasferirsi nel 2006 nei Paesi Bassi, dove si è messo in luce con la maglia dell'AGOVV. Dal 2009 si è affermato prima nell'Utrecht, nelle cui file ha militato per due anni, e poi nel PSV, di cui ha vestito la maglia per un altro biennio, vincendo una Coppa dei Paesi Bassi (2011-2012) e una Supercoppa dei Paesi Bassi (2012). Ha legato la sua carriera principalmente al Napoli, dove ha giocato per 9 stagioni e con cui ha vinto due Coppe Italia (2013-2014 e 2019-2020) e una Supercoppa italiana (2014). È il primatista assoluto di reti della squadra partenopea in tutte le competizioni ufficiali, in Serie A e nelle competizioni europee. Dal 2022 milita nel Galatasaray, con cui ha vinto due campionati turchi (2022-2023, 2023-2024) e una Supercoppa di Turchia (2023).

A livello individuale è stato inserito nella Squadra dell'anno AIC del campionato di Serie A 2016-2017 ed è stato eletto calciatore dell'anno della nazionale belga nel 2016. È stato inoltre incluso nella lista dei 30 candidati al Pallone d'oro nel 2017.

Con il Belgio ha partecipato a tre campionati del mondo (Brasile 2014, Russia 2018 e Qatar 2022) e due campionati d'Europa (Francia 2016 e Europa 2020), ottenendo il terzo posto a Russia 2018.

Il padre Herman vinse cinque titoli di campione del Belgio nella ginnastica a corpo libero, mentre la madre, nata Marijke Van Kampen, è docente universitaria di pedagogia; il fratello Jeroen lavora come autore e conduttore per una rete televisiva belga.[2]

Mertens ha sposato Katrin Kerkhofs nel 2015.[3] Insieme hanno un figlio di nome Ciro Romeo (2022).[4] Ha il soprannome di Ciro lui stesso, datogli dai tifosi del Napoli per la lunga militanza nella squadra partenopea e per la sua grande integrazione con gli usi ed i costumi della città.[5]

Caratteristiche tecniche

[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore duttile e abile nel dribbling e nella progressione palla al piede, nasce ala sinistra, ma viene utilizzato anche come trequartista da Dick Advocaat;[6][7] dotato di buona tecnica,[7] buon realizzatore e assist-man,[6] preferisce partire da sinistra per poi accentrarsi e andare verso la porta.[8] Sotto gli ordini del tecnico Maurizio Sarri, nel 2016-2017, complici anche la cessione di Gonzalo Higuaín e l'infortunio del compagno di squadra Arkadiusz Milik, Mertens inizia a giocare da prima punta, con ottimi risultati in termini realizzativi.[9][10][11]

Cresciuto prima nell'Anderlecht e poi nel Gent, nel 2005 viene mandato in prestito all'Eendracht Aalst, nella terza divisione belga. Con 14 presenze e 4 gol, viene eletto miglior giocatore della Derde klasse.[12][13] Nel 2006-2007 è in prestito agli olandesi dell'AGOVV, da cui viene riscattato al termine della stagione. Resta all'AGOVV per altre due stagioni, collezionando complessivamente 108 presenze e 30 gol nella seconda serie olandese.

Mertens in allenamento con l'Utrecht nel 2009

Nell'estate del 2009 passa all'Utrecht, nella massima serie olandese. Al primo anno segna 6 gol in 34 presenze, più un'altra rete su 4 presenze nei successivi play-off per l'accesso all'Europa League 2010-2011. A fine stagione riceve il trofeo David Di Tommaso, che viene consegnato al miglior giocatore dell'Utrecht.[14] Nella stessa stagione si piazza al secondo posto, dietro a Luis Suárez, nella graduatoria per il calciatore dell'anno del campionato olandese.[7]

Il 15 maggio 2011 realizza una tripletta nella vittoria per 5-1 contro l'AZ Alkmaar, valida per l'ultima giornata di Eredivisie. Conclude la sua seconda stagione con l'Utrecht collezionando 10 gol e 17 assist in 31 partite di campionato, oltre a realizzare tre reti in Europa League e una in KNVB Beker.

Il 29 giugno 2011 si trasferisce al PSV insieme al compagno di squadra Kevin Strootman per una somma complessiva di 13 milioni di euro.[15] Debutta il 7 agosto nella sfida persa per 3-1 contro l'AZ Alkmaar, segnando l'unico gol del PSV al 47' del primo tempo. Il 28 agosto segna una tripletta nel 6-1 contro l'Excelsior. Il 15 settembre debutta in Europa League segnando il gol-vittoria contro il Legia Varsavia. Segna poi una quaterna nel 7-1 rifilato al Roda JC il 24 settembre. L'8 aprile segna il secondo dei tre gol che consentono al PSV di vincere la Coppa d'Olanda per 3-0 contro l'Heracles Almelo. Conclude la stagione con 21 gol in campionato e 27 complessivi in tutte le competizioni.

Mertens al PSV nel 2012

Nella stagione seguente realizza altri 16 gol in Eredivisie, tra cui una tripletta messa a segno il 30 settembre 2012, nello 0-6 esterno ai danni del VVV-Venlo. Segna inoltre una rete in KNVB Beker e un'altra in Europa League.

Il 24 giugno 2013 viene acquistato a titolo definitivo dalla società italiana del Napoli per circa 9 milioni e mezzo di euro.[16] Esordisce in maglia azzurra e in Serie A alla prima gara utile, il 25 agosto seguente contro il Bologna (3-0 per i partenopei), subentrando a Marek Hamšík al 71'.[17] Il 30 ottobre successivo, in occasione di Fiorentina-Napoli, segna il suo primo gol in Serie A, siglando la rete del definitivo 2-1 per i partenopei.[18] Realizza la prima doppietta in maglia azzurra il 6 gennaio 2014, nella vittoria casalinga per 2-0 contro la Sampdoria.[19] Il 3 maggio vince il primo trofeo con il Napoli, la Coppa Italia, siglando la rete del definitivo 3-1 nella vittoriosa finale contro la Fiorentina allo Stadio Olimpico di Roma.[20] Chiude la stagione con 11 gol in campionato (in 33 presenze), più altri due in Coppa Italia.

Il 18 settembre 2014, nell'incontro valido per la fase a gironi dell'Europa League, realizza una doppietta contro lo Sparta Praga (3-1), trovando quindi le prime reti con la maglia azzurra nelle competizioni UEFA per club.[21] Il successivo 22 dicembre disputa da subentrato la finale di Supercoppa italiana contro la Juventus, vinta dai partenopei ai tiri di rigore (nell'occasione Mertens sbaglia il proprio tentativo dal dischetto).[22] In campionato realizza 6 gol, in Europa League invece ne segna 4. Conclude dunque la stagione con 10 reti totali in 51 match, risultando essere tra i giocatori più impegnati dal tecnico Rafael Benítez e andando in doppia cifra per il secondo anno consecutivo.

Il 17 settembre 2015 realizza i suoi primi gol stagionali: una doppietta ai danni del Club Bruges nella prima partita della fase a gironi di Europa League, conclusasi 5-0 per il Napoli.[23] Il successivo 10 dicembre segna altre due reti nel match di ritorno di Europa League vinto 5-2 contro il Legia Varsavia, permettendo alla squadra partenopea di chiudere la fase a gironi a punteggio pieno. Il 19 aprile 2016 segna la sua prima tripletta in Serie A nella vittoria casalinga per 6-0 contro il Bologna, squadra contro la quale aveva esordito quasi tre anni prima con la maglia azzurra in campionato.[24]

Mertens al Napoli nel 2019, nella trasferta di Champions League contro il Salisburgo

Nella stagione 2016-2017 il calciatore belga riesce a riproporre fin da subito le ottime prestazioni dell'anno precedente. Il 21 agosto seguente, alla prima giornata di campionato, sigla una doppietta contro il Pescara (2-2),[25] mentre il 28 settembre realizza altri due gol nel match di Champions League contro il Benfica (4-2 a favore degli azzurri).[26] La svolta, però, arriva quando l'allenatore Maurizio Sarri lo preferisce a Manolo Gabbiadini per sostituire l'infortunato Arkadiusz Milik: nonostante fino a quel momento fosse stato utilizzato soltanto come ala sinistra, da "falso nove" diventa un pilastro inamovibile della squadra.[27] L'11 dicembre arriva la tripletta nel match di campionato contro il Cagliari (0-5).[28] Il 18 dicembre mette a segno un poker ai danni del Torino, nel match terminato poi 5-3.[29] Il 4 febbraio 2017 mette a segno un'altra tripletta nella goleada esterna sul Bologna per 1-7.[30] Segna poi il gol del momentaneo 1-0 nel ritorno degli ottavi di finale di Champions League contro il Real Madrid al San Paolo (gara terminata con il risultato di 1-3 a favore dei Blancos). Totalizza 28 reti (di cui 2 su calcio di rigore) in 35 presenze in campionato, piazzandosi al secondo posto della classifica marcatori della Serie A, a un solo gol dal romanista Edin Džeko.[31] Complessivamente realizza 34 gol in 46 presenze stagionali in tutte le competizioni.

Il 16 agosto seguente inizia la sua nuova stagione al Napoli aprendo le marcature nel match contro il Nizza (2-0), giocato allo Stadio San Paolo e valido per la partita di andata dei preliminari di Champions League 2017-2018. Il successivo 9 ottobre viene inserito per la prima volta in carriera tra i 30 candidati al Pallone d'oro.[32] Chiude l'annata con 38 presenze e 18 gol in campionato, per un totale di 49 presenze e 22 gol in tutte le competizioni.

Il 2 novembre 2018, in occasione della partita di Serie A Napoli-Empoli (5-1), realizza una tripletta che gli consente di superare Careca e José Altafini nella classifica marcatori di tutti i tempi del Napoli, con 98 gol.[33] Contestualmente diventa il giocatore belga più prolifico in Serie A con 73 reti, superando Luís Oliveira, fermo a quota 72.[34][35] Il 28 novembre, grazie alla doppietta segnata nella partita di Champions League vinta per 3-1 in casa contro la Stella Rossa, raggiunge quota 100 reti con i partenopei, diventandone inoltre il miglior marcatore di sempre nelle competizioni europee (20) e raggiungendo le 200 reti complessive in carriera. Il 28 aprile 2019 eguaglia Diego Armando Maradona per numero di gol segnati in Serie A, andando in rete nella sfida esterna vinta per 2-0 contro il Frosinone.[36][37]

Il 23 ottobre seguente, nella partita di Champions League vinta per 3-2 sul campo del Salisburgo, segna una doppietta, superando così Maradona con 115 gol e diventando il secondo miglior marcatore di tutti i tempi del Napoli dopo Marek Hamšík.[38] Il 25 febbraio 2020 eguaglia il record di reti di Hamšík (121) nell'andata degli ottavi di finale di Champions League in casa contro il Barcellona (1-1),[39] per poi superarlo il 13 giugno seguente — al ritorno dopo lo stop a causa della pandemia di COVID-19 — siglando la rete dell'1-1 nella semifinale di ritorno di Coppa Italia contro l'Inter.[40] Quest'ultimo gol permette agli azzurri di qualificarsi alla finale del 17 giugno, vinta poi ai rigori contro la Juventus e nella quale Mertens scende in campo dal primo minuto.[41]

Il 21 marzo 2021, con la doppietta realizzata in casa della Roma (0-2), raggiunge le 100 marcature in Serie A con i partenopei, eguagliando ancora una volta Hamšík.[42][43] Il 22 aprile seguente, andando in gol contro la Lazio nella gara casalinga vinta per 5-2, eguaglia il record di 102 reti in Serie A detenuto da Antonio Vojak.[44] Tale record viene infranto il successivo 21 novembre, quando, in occasione della sconfitta esterna per 3-2 inflitta dall'Inter, il belga sigla il secondo gol partenopeo.[45]

Il 23 luglio 2022, alla scadenza naturale del contratto, termina la sua esperienza in maglia azzurra, dopo 9 stagioni, 397 presenze e 148 gol complessivi.[46][47]

Il 6 agosto 2022 viene ingaggiato a parametro zero dal Galatasaray.[48] Fa il suo debutto con la nuova maglia il 13 agosto seguente, subentrando a Yunus Akgün nell'ultimo quarto d'ora del match contro il Giresunspor, perso dai giallorossi per 0-1.[49] Il 23 ottobre realizza la sua prima rete con il club turco, in occasione della partita casalinga contro l'Alanyaspor, valida per l'11ª giornata di Süper Lig e terminata 2-2.[50] Conclude la sua prima stagione al Galatasaray con la vittoria del campionato turco,[51] contribuendo al successo dei giallorossi con 6 gol e 3 assist in 30 presenze.

Nel luglio del 2024, rinnova il proprio contratto con il club turco fino al 30 giugno 2025.[52][53]

Mertens con la maglia della nazionale belga al campionato del mondo 2018, nella sfida contro la Tunisia

Fa il suo esordio in nazionale maggiore il 9 febbraio 2011, nell'amichevole contro la Finlandia,[7] terminata col risultato di 1-1.

Il 13 maggio 2014 viene incluso nella lista dei convocati per il Mondiale in Brasile.[54] Nella gara d'esordio contro l'Algeria, il 17 giugno seguente, subentra all'inizio del secondo tempo e realizza la rete del definitivo 2-1 per il Belgio.[55] Il cammino dei Diavoli Rossi si interrompe, infine, ai quarti di finale, con la sconfitta per 1-0 contro l'Argentina.[56]

Viene convocato per l'Europeo 2016 in Francia.[57] Nel corso della competizione parte dalla panchina in tutte le cinque gare disputate dal Belgio, fatta eccezione per il match contro l'Ungheria, valido per gli ottavi di finale, di cui Mertens gioca i primi 70 minuti. Conclude l'esperienza con zero reti segnate, e con la nazionale belga che esce dal torneo ai quarti di finale contro il Galles.[58] Sempre nel 2016 viene nominato calciatore dell'anno della nazionale belga, vincendo così la concorrenza di Hazard e compagni.[59]

Convocato per il Mondiale del 2018 in Russia, segna la prima rete del Belgio nella competizione con un destro al volo contro Panama, nella partita vinta per 3-0.[60][61] Con la sua nazionale gioca da titolare tre partite su sei, subentrando nelle altre tre, e consegue il terzo posto, miglior risultato di sempre del Belgio ai Mondiali.[62]

Successivamente viene convocato per Euro 2020,[63] competizione in cui raggiunge quota 100 presenze in nazionale, scendendo in campo nella vittoria per 2-1 ai gironi contro la Danimarca.[64] Il torneo del Belgio termina poi ai quarti di finale, con l'eliminazione per mano dell'Italia (1-2).[65]

Viene incluso anche nella lista dei convocati per il campionato del mondo 2022 in Qatar,[66] che vede il Belgio fermarsi alla fase a gironi. Nell'occasione Mertens scende in campo nella sconfitta per 0-2 contro il Marocco e nel pareggio per 0-0 contro la Croazia, risultato che decreta l'eliminazione dei Diavoli Rossi.[67]

Tra club, nazionale maggiore e nazionale giovanile, Mertens ha totalizzato globalmente 893 presenze, segnando 289 reti, alla media di 0.32 gol a partita.

Presenze e reti nei club

[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 26 maggio 2024.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2005-2006 Bandiera del Belgio Eendracht Aalst DK 14 4 - - - - - - - - - 14 4
2006-2007 Bandiera dei Paesi Bassi AGOVV EE 35 2 CO 1 0 - - - - - - 36 2
2007-2008 EE 38 15 - - - - - - - - - 38 15
2008-2009 EE 35 13 CO 2 1 - - - - - - 37 14
Totale AGOVV Apeldoorn 108 30 3 1 - - - - 111 31
2009-2010 Bandiera dei Paesi Bassi Utrecht ED 34+4[68] 6+1[68] CO 1 0 - - - - - - 39 7
2010-2011 ED 31 10 CO 4 1 UEL 12[69] 3[70] - - - 47 14
Totale FC Utrecht 69 17 5 1 12 3 - - 86 21
2011-2012 Bandiera dei Paesi Bassi PSV ED 33 21 CO 5 3 UEL 11[71] 3 - - - 49 27
2012-2013 ED 29 16 CO 3 1 UEL 6[72] 1 SO 1 0 39 18
Totale PSV 62 37 8 4 17 4 1 0 88 45
2013-2014 Bandiera dell'Italia Napoli A 33 11 CI 4 2 UCL+UEL 6+4 0 - - - 47 13
2014-2015 A 31 6 CI 4 0 UCL+UEL 2[73]+13 0+4 SI 1 0 51 10
2015-2016 A 33 5 CI 2 1 UEL 5 5 - - - 40 11
2016-2017 A 35 28 CI 3 1 UCL 8 5 - - - 46 34
2017-2018 A 38 18 CI 2 1 UCL+UEL 8[71]+1 3[74]+0 - - - 49 22
2018-2019 A 35 16 CI 1 0 UCL+UEL 6+5 3+0 - - - 47 19
2019-2020 A 31 9 CI 3 1 UCL 8 6 - - - 42 16
2020-2021 A 29 9 CI 1 0 UEL 7 1 SI 1 0 38 10
2021-2022 A 30 11 CI 1 1 UEL 6 1 - - - 37 13
Totale Napoli 295 113 21 7 79 28 2 0 397 148
2022-2023 Bandiera della Turchia Galatasaray SL 30 6 TK 3 1 - - - - - - 33 7
2023-2024 SL 36 9 TK 1 0 UCL+UEL 11[69]+2 2[75]+1 ST 1 0 51 12
Totale Galatasaray 66 15 4 1 13 3 1 0 84 19
Totale carriera 614 216 41 14 121 38 4 0 780 268

Cronologia presenze e reti in nazionale

[modifica | modifica wikitesto]
Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Belgio
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
9-2-2011 Gand Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera della Finlandia Finlandia Amichevole - Ingresso al 59’ 59’
3-6-2011 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera della Turchia Turchia Qual. Euro 2012 - Ingresso al 60’ 60’
10-8-2011 Celje Slovenia Bandiera della Slovenia 0 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole -
2-9-2011 Baku Azerbaigian Bandiera dell'Azerbaigian 1 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2012 -
6-9-2011 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
7-10-2011 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 4 – 1 Bandiera del Kazakistan Kazakistan Qual. Euro 2012 -
11-10-2011 Düsseldorf Germania Bandiera della Germania 3 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2012 - Ingresso al 65’ 65’
11-11-2011 Liegi Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 Bandiera della Romania Romania Amichevole - Uscita al 79’ 79’
25-5-2012 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 2 Bandiera del Montenegro Montenegro Amichevole - Uscita al 72’ 72’
2-6-2012 Londra Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 1 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Ammonizione al 17’ 17’ Uscita al 72’ 72’
15-8-2012 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 4 – 2 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1 Ingresso al 67’ 67’
7-9-2012 Cardiff Galles Bandiera del Galles 0 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 2014 -
11-9-2012 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera della Croazia Croazia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 81’ 81’
12-10-2012 Belgrado Serbia Bandiera della Serbia 0 – 3 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 55’ 55’
16-10-2012 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 0 Bandiera della Scozia Scozia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 56’ 56’
14-11-2012 Bucarest Romania Bandiera della Romania 2 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 61’ 61’
6-2-2013 Bruges Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 Bandiera della Slovacchia Slovacchia Amichevole 1 Ingresso al 62’ 62’ Ammonizione al 90+1’ 90+1’
26-3-2013 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera della Macedonia Macedonia Qual. Mondiali 2014 - Uscita al 46’ 46’
29-5-2013 Cleveland Stati Uniti Bandiera degli Stati Uniti 2 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
14-8-2013 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 0 – 0 Bandiera della Francia Francia Amichevole - Ingresso al 74’ 74’
14-11-2013 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 0 – 2 Bandiera della Colombia Colombia Amichevole - Ingresso al 66’ 66’
19-11-2013 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 3 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 62’ 62’
5-3-2014 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 2 Bandiera della Costa d'Avorio Costa d'Avorio Amichevole -
1-6-2014 Solna Svezia Bandiera della Svezia 0 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 68’ 68’
7-6-2014 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera della Tunisia Tunisia Amichevole 1 Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione al 90+1’ 90+1’
17-6-2014 Belo Horizonte Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 Bandiera dell'Algeria Algeria Mondiali 2014 - 1º turno 1 Ingresso al 46’ 46’
22-6-2014 Rio de Janeiro Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera della Russia Russia Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 75’ 75’
26-6-2014 San Paolo Corea del Sud Bandiera della Corea del Sud 0 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Mondiali 2014 - 1º turno - Uscita al 60’ 60’
1-7-2014 Salvador Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 dts Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Mondiali 2014 - Ottavi di finale - Uscita al 60’ 60’
5-7-2014 Brasilia Argentina Bandiera dell'Argentina 1 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Mondiali 2014 - Quarti di finale - Ingresso al 60’ 60’
4-9-2014 Liegi Belgio Bandiera del Belgio 2 – 0 Bandiera dell'Australia Australia Amichevole 1 Uscita al 63’ 63’
10-10-2014 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 6 – 0 Bandiera di Andorra Andorra Qual. Euro 2016 2
13-10-2014 Zenica Bosnia ed Erzegovina Bandiera della Bosnia ed Erzegovina 1 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2016 - Ingresso al 57’ 57’
12-11-2014 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda Amichevole - Ingresso al 63’ 63’
16-11-2014 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 0 – 0 Bandiera del Galles Galles Qual. Euro 2016 - Ingresso al 73’ 73’ Uscita al 89’ 89’
28-3-2015 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 5 – 0 Bandiera di Cipro Cipro Qual. Euro 2016 - Ingresso al 69’ 69’
7-6-2015 Parigi Francia Bandiera della Francia 3 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 59’ 59’
12-6-2015 Cardiff Galles Bandiera del Galles 1 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2016 - Uscita al 46’ 46’
3-9-2015 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 1 Bandiera della Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Qual. Euro 2016 - Ingresso al 89’ 89’
6-9-2015 Nicosia Cipro Bandiera di Cipro 0 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2016 - Ingresso al 64’ 64’
10-10-2015 Andorra la Vella Andorra Bandiera di Andorra 1 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2016 - Uscita al 72’ 72’
13-10-2015 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 1 Bandiera d'Israele Israele Qual. Euro 2016 1
29-3-2016 Leiria Portogallo Bandiera del Portogallo 2 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 67’ 67’
28-5-2016 Ginevra Svizzera Bandiera della Svizzera 1 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 67’ 67’
1-6-2016 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera della Finlandia Finlandia Amichevole - Ingresso al 58’ 58’
5-6-2016 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 2 Bandiera della Norvegia Norvegia Amichevole - Uscita al 80’ 80’
13-6-2016 Lione Belgio Bandiera del Belgio 0 – 2 Bandiera dell'Italia Italia Euro 2016 - 1º turno - Ingresso al 62’ 62’
18-6-2016 Bordeaux Belgio Bandiera del Belgio 3 – 0 Bandiera dell'Irlanda Irlanda Euro 2016 - 1º turno - Ingresso al 64’ 64’
22-6-2016 Nizza Svezia Bandiera della Svezia 0 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Euro 2016 - 1º turno - Ingresso al 71’ 71’
26-6-2016 Tolosa Ungheria Bandiera dell'Ungheria 0 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Euro 2016 - Ottavi di finale - Uscita al 70’ 70’
1-7-2016 Lilla Galles Bandiera del Galles 3 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Euro 2016 - Quarti di finale - Ingresso al 75’ 75’
7-10-2016 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 4 – 0 Bandiera della Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Qual. Mondiali 2018 -
10-10-2016 Faro Gibilterra Bandiera di Gibilterra 0 – 6 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 2018 1 Uscita al 64’ 64’
9-11-2016 Amsterdam Paesi Bassi Bandiera dei Paesi Bassi 1 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 64’ 64’
13-11-2016 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 8 – 1 Bandiera dell'Estonia Estonia Qual. Mondiali 2018 2 Uscita al 79’ 79’
25-3-2017 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera della Grecia Grecia Qual. Mondiali 2018 - Ammonizione al 60’ 60’
28-3-2017 Soči Russia Bandiera della Russia 3 – 3 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Ingresso al 66’ 66’
5-6-2017 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 Bandiera della Rep. Ceca Rep. Ceca Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
9-6-2017 Tallinn Estonia Bandiera dell'Estonia 0 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 2018 1 Uscita al 81’ 81’
31-8-2017 Liegi Belgio Bandiera del Belgio 9 – 0 Bandiera di Gibilterra Gibilterra Qual. Mondiali 2018 1 Uscita al 46’ 46’
3-9-2017 Il Pireo Grecia Bandiera della Grecia 1 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 2018 -
7-10-2017 Sarajevo Bosnia ed Erzegovina Bandiera della Bosnia ed Erzegovina 3 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 46’ 46’
10-10-2017 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 4 – 0 Bandiera di Cipro Cipro Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 56’ 56’
10-11-2017 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 3 Bandiera del Messico Messico Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
14-11-2017 Bruges Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera del Giappone Giappone Amichevole - Uscita al 60’ 60’
27-3-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 4 – 0 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Amichevole - Uscita al 59’ 59’
2-6-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 0 – 0 Bandiera del Portogallo Portogallo Amichevole - Uscita al 46’ 46’
6-6-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 0 Bandiera dell'Egitto Egitto Amichevole - Uscita al 46’ 46’
11-6-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 4 – 1 Bandiera della Costa Rica Costa Rica Amichevole 1 Uscita al 52’ 52’
18-6-2018 Soči Belgio Bandiera del Belgio 3 – 0 Bandiera di Panama Panama Mondiali 2018 - 1º turno 1 Uscita al 83’ 83’
23-6-2018 Mosca Belgio Bandiera del Belgio 5 – 2 Bandiera della Tunisia Tunisia Mondiali 2018 - 1º turno - Uscita al 86’ 86’
28-6-2018 Kaliningrad Inghilterra Bandiera dell'Inghilterra 0 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Mondiali 2018 - 1º turno - Ingresso al 86’ 86’
2-7-2018 Rostov Belgio Bandiera del Belgio 3 – 2 Bandiera del Giappone Giappone Mondiali 2018 - Ottavi di finale - Uscita al 65’ 65’
10-7-2018 San Pietroburgo Francia Bandiera della Francia 1 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Mondiali 2018 - Semifinale - Ingresso al 60’ 60’
14-7-2018 San Pietroburgo Belgio Bandiera del Belgio 2 – 0 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Mondiali 2018 - Finale 3º posto - Ingresso al 61’ 61’
7-9-2018 Glasgow Scozia Bandiera della Scozia 0 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Amichevole - Uscita al 46’ 46’
11-9-2018 Reykjavík Islanda Bandiera dell'Islanda 0 – 3 Bandiera del Belgio Belgio UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
12-10-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 Bandiera della Svizzera Svizzera UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Uscita al 90+2’ 90+2’
16-10-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Amichevole 1 Uscita al 46’ 46’
15-11-2018 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 0 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno - Uscita al 75’ 75’
18-11-2018 Lucerna Svizzera Bandiera della Svizzera 5 – 2 Bandiera del Belgio Belgio UEFA Nations League 2018-2019 - 1º turno -
21-3-2019 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 1 Bandiera della Russia Russia Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 89’ 89’
24-3-2019 Nicosia Cipro Bandiera di Cipro 0 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2020 - Uscita al 57’ 57’
8–6-2019 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 0 Bandiera del Kazakistan Kazakistan Qual. Euro 2020 1
11-6-2019 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 0 Bandiera della Scozia Scozia Qual. Euro 2020 - Ingresso al 78’ 78’
6-9-2019 Serravalle San Marino Bandiera di San Marino 0 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2020 1 Ingresso al 55’ 55’
9-9-2019 Glasgow Scozia Bandiera della Scozia 0 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2020 -
10-10-2019 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 9 – 0 Bandiera di San Marino San Marino Qual. Euro 2020 - Ammonizione al 51’ 51’ Uscita al 63’ 63’
13-10-2019 Astana Kazakistan Bandiera del Kazakistan 0 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2020 - Uscita al 78’ 78’
16-11-2019 San Pietroburgo Russia Bandiera della Russia 1 – 4 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Euro 2020 - Uscita al 52’ 52’
5-9-2020 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 0 – 2 Bandiera del Belgio Belgio UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1 Uscita al 80’ 80’
8-9-2020 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 5 – 1 Bandiera dell'Islanda Islanda UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1
15-11-2020 Lovanio Belgio Bandiera del Belgio 2 – 0 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno 1 Uscita al 83’ 83’
18-11-2020 Lovanio Belgio Bandiera del Belgio 4 – 2 Bandiera della Danimarca Danimarca UEFA Nations League 2020-2021 - 1º turno - Ammonizione al 50’ 50’
24-3-2021 Lovanio Belgio Bandiera del Belgio 3 – 1 Bandiera del Galles Galles Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 90+3’ 90+3’
27-3-2021 Praga Rep. Ceca Bandiera della Rep. Ceca 1 – 1 Bandiera del Belgio Belgio Qual. Mondiali 2022 - Uscita al 56’ 56’
3-6-2021 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 1 Bandiera della Grecia Grecia Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
6-6-2021 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera della Croazia Croazia Amichevole - Uscita al 68’ 68’
12-6-2021 San Pietroburgo Belgio Bandiera del Belgio 3 – 0 Bandiera della Russia Russia Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 72’ 72’
17-6-2021 Copenaghen Danimarca Bandiera della Danimarca 1 – 2 Bandiera del Belgio Belgio Euro 2020 - 1º turno - Uscita al 46’ 46’
27-6-2021 Siviglia Belgio Bandiera del Belgio 1 – 0 Bandiera del Portogallo Portogallo Euro 2020 - Ottavi di finale - Ingresso al 48’ 48’
2-7-2021 Monaco di Baviera Belgio Bandiera del Belgio 1 – 2 Bandiera dell'Italia Italia Euro 2020 - Quarti di finale - Ingresso al 69’ 69’
13-11-2021 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 3 – 1 Bandiera dell'Estonia Estonia Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 71’ 71’
3-6-2022 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 1 – 4 Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ingresso al 46’ 46’ Ammonizione al 47’ 47’
14-6-2022 Varsavia Polonia Bandiera della Polonia 0 – 1 Bandiera del Belgio Belgio UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Uscita al 80’ 80’
22-9-2022 Bruxelles Belgio Bandiera del Belgio 2 – 1 Bandiera del Galles Galles UEFA Nations League 2022-2023 - 1º turno - Ingresso al 65’ 65’
18-11-2022 Al Kuwait Belgio Bandiera del Belgio 1 – 2 Bandiera dell'Egitto Egitto Amichevole - Ingresso al 46’ 46’
27-11-2022 Doha Belgio Bandiera del Belgio 0 – 2 Bandiera del Marocco Marocco Mondiali 2022 - 1º turno - Ingresso al 61’ 61’
1-12-2022 Al Rayyan Croazia Bandiera della Croazia 0 – 0 Bandiera del Belgio Belgio Mondiali 2022 - 1º turno - Uscita al 46’ 46’
Totale Presenze (6º posto) 109 Reti 21
PSV Eindhoven: 2011-2012
PSV Eindhoven: 2012
Napoli: 2013-2014, 2019-2020
Napoli: 2014
Galatasaray: 2022-2023, 2023-2024
Galatasaray: 2023
2005-2006[13]
2008-2009[78]
2016[59]
Squadra dell'anno: 2017
  1. ^ 69 (17) se si comprendono i play-off della Eredivisie 2009-2010 per la UEFA Europa League 2010-2011.
  2. ^ Dries Mertens, il nuovo re di Napoli: "Inseguo la bellezza, se vogliamo lo scudetto non ci sono scorciatoie", su repubblica.it, 13 ottobre 2017.
  3. ^ (NL) Dries Mertens koopt “mooiste huis van Leuven”, in Het Nieuwsblad, 30 dicembre 2015. URL consultato il 3 ottobre 2022.
  4. ^ (NL) Het opperste familiegeluk voor Dries Mertens: Rode Duivel verwelkomt zoontje Ciro Romeo, su sporza.be, 26 marzo 2022.
  5. ^ Perché Mertens viene chiamato Ciro dai tifosi del Napoli?, su 90min.com, 1º marzo 2021. URL consultato il 5 dicembre 2022.
  6. ^ a b Gianluca Monti, Napoli, qui Mertens: deve stregare Napoli e Benitez per avere il Brasile, su gazzetta.it, 13 ottobre 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  7. ^ a b c d (EN) Everything you need to know about... Dries Mertens, su fourfourtwo.com, 16 giugno 2014. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  8. ^ Gianluca Monti, Mertens al Napoli: visite mediche ok, a breve l'annuncio, su gazzetta.it, 22 giugno 2013. URL consultato il 6 dicembre 2013.
  9. ^ Pasquale Tina, Napoli, il nuovo Mertens: da falso nueve a vero attaccante, su repubblica.it, 19 gennaio 2017.
  10. ^ (EN) Napoli striker Mertens finds his ideal role at 30, in Reuters, 21 settembre 2017.
  11. ^ (EN) The six stages of Dries Mertens' evolution from winger to world beater, su planetfootball.com, 19 giugno 2018.
  12. ^ Napoli il primo acquisto sarà l'ala belga Dries Mertens Archiviato il 13 luglio 2013 in Internet Archive. interno18.it
  13. ^ a b (EN) Why Napoli’s winger Dries Mertens should start for Belgium at the World Cup, su benefoot.net, 30 aprile 2014. URL consultato il 14 agosto 2023 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2016).
  14. ^ (NL) 'Meest waardevolle' Mertens neemt Di Tommaso-prijs in ontvangst, su voetbalzone.nl, 3 maggio 2010. URL consultato il 24 luglio 2022.
  15. ^ Claudio Colla, UFFICIALE: PSV Eindhoven, annunciati Strootman e Mertens, su tuttomercatoweb.com, 3 luglio 2011. URL consultato il 25 giugno 2013.
  16. ^ Napoli, ufficializzato Mertens, su sscnapoli.it, 24 giugno 2013. URL consultato il 15 luglio 2013 (archiviato dall'url originale il 13 luglio 2013).
  17. ^ Napoli-Bologna 3-0: apre Callejon, poi la doppietta di super Hamsik, su gazzetta.it, 25 agosto 2013.
  18. ^ Fiorentina-Napoli 1-2: reti di Callejon, Rossi (rigore) e Mertens. Espulso Maggio nel finale, su gazzetta.it, 30 ottobre 2013. URL consultato il 13 gennaio 2014.
  19. ^ Napoli-Sampdoria 2-0. Mertens pesca due cioccolatini nella calza, su gazzetta.it, 6 gennaio 2014.
  20. ^ Finale Coppa Italia, Fiorentina-Napoli 1-3. Doppio Insigne, gol di Vargas e Mertens, su gazzetta.it, 3 maggio 2014. URL consultato il 18 maggio 2014.
  21. ^ (EN) Mertens double eases Napoli past Sparta, in UEFA.com, 18 settembre 2014. URL consultato il 19 settembre 2014.
  22. ^ Juventus-Napoli 7-8 ai rigori, la Supercoppa è azzurra, 22 dicembre 2014. URL consultato il 9 settembre 2023.
  23. ^ Napoli, esordio con cinquina: Callejon, Mertens e Hamsik schiantano il Bruges, su gazzetta.it, 17 settembre 2015. URL consultato il 18 settembre 2015.
  24. ^ Napoli: Gabbiadini-Mertens, la rivincita dei panchinari di lusso, su gazzetta.it. URL consultato il 19 aprile 2016.
  25. ^ Pescara-Napoli 2-2: entra Mertens e dà la sveglia. Anche Benali e Caprari in gol, in La Gazzetta dello Sport - Tutto il rosa della vita. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  26. ^ Champions League, Napoli-Benfica 4-2. Hamsik, Mertens e Milik, il San Paolo fa festa. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  27. ^ Altro che 'falso 9', Mertens non ha più limiti: "Sono un 9 vero". URL consultato il 30 maggio 2017.
  28. ^ Serie A, Cagliari-Napoli 0-5: Mertens tris, in gol anche Hamsik e Zielinski, su gazzetta.it. URL consultato l'11 dicembre 2016.
  29. ^ Napoli: Mertens, 7 gol in 7 giorni - Calcio, in ANSA, 18 dicembre 2016. URL consultato il 18 dicembre 2016.
  30. ^ Vincenzo D'Angelo, Bologna-Napoli 1-7: Hamsik e Mertens tripletta, Insigne gol: Sarri ora è 2º, su gazzetta.it, 4 febbraio 2017. URL consultato l'8 marzo 2017.
  31. ^ Serie A, classifica marcatori: trionfa Dzeko, Mertens secondo, su goal.com. URL consultato il 30 maggio 2017.
  32. ^ Pallone d'oro, Mertens tra i primi 29 calciatori del mondo, su napoli.repubblica.it, 7 dicembre 2017. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  33. ^ Mertens supera Careca e Altafini: «Ero arrabbiato, martedi gioco io», su ilmattino.it. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  34. ^ Mertens strike sets two records | Football Italia, su www.football-italia.net. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  35. ^ (NL) VIDEO: Mertens maakt hattrick en is beste Belg in Serie A, su sporza.be, 2 novembre 2018. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  36. ^ Frosinone-Napoli, fa festa Mertens: un gol che vale Maradona. Ciociari a un passo dalla B, su ilmessaggero.it. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  37. ^ Il Napoli vince a Frosinone e Mertens eguaglia Maradona, su lastampa.it. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  38. ^ Dries Mertens nella storia! 116 gol nel Napoli e Maradona è scavalcato, 23 ottobre 2019.
  39. ^ Napoli-Barcellona 1-1: gol e highlights di Champions League. Griezmann risponde a Mertens, su sport.sky.it. URL consultato il 25 febbraio 2020.
  40. ^ Mertens supera Hamsik: è il miglior marcatore di tutti i tempi del Napoli, su sport.sky.it, 13 giugno 2020. URL consultato il 13 giugno 2020.
  41. ^ Napoli-Juve 4-2 dopo i rigori: Gattuso vince la finale di Coppa Italia 2020, su sport.sky.it, 17 giugno 2020. URL consultato il 9 settembre 2023.
  42. ^ Mertens, 100esimo gol in Serie A. Dries sale a quota 133 reti come leader della classifica dei bomber azzurri "all time", su sscnapoli.it. URL consultato il 22 marzo 2021.
  43. ^ (EN) Juventus suffer shock home defeat as Zlatan Ibrahimovic inspires AC Milan win over Fiorentina - European round-up, su skysports.com. URL consultato il 22 marzo 2021.
  44. ^ Mertens, serata da record ma le lacrime sono di tristezza, su anteprima24.it, 22 aprile 2021.
  45. ^ Mertens sale a 137 reti come leader della classifica marcatori azzurri all-time, su sscnapoli.it, 21 novembre 2021. URL consultato il 21 novembre 2021.
  46. ^ Napoli, adesso è ufficiale: Mertens non rinnova, su fantacalcio.it, 23 luglio 2022. URL consultato il 23 luglio 2022.
  47. ^ UFFICIALE - SSCNapoli saluta Mertens con una clip: "Grazie!", su tuttonapoli.net, 24 luglio 2022. URL consultato il 24 luglio 2022.
  48. ^ (TR) Profesyonel Futbolcu Dries Mertens'in Transferi Hakkında, su galatasaray.org.
  49. ^ Mertens, esordio amaro in Turchia: pochi minuti per il belga e Galatasaray ko, su tuttonapoli.net, 14 agosto 2022. URL consultato il 22 settembre 2022.
  50. ^ Galatasaray, finalmente Icardi e Mertens ma non arriva la vittoria..., su calciomercato.com, 23 ottobre 2022. URL consultato il 23 ottobre 2022.
  51. ^ Galatasaray campione, primo campionato vinto da Mertens e Mata. Per Muslera è il sesto, su tuttomercatoweb.com, 30 maggio 2023. URL consultato il 31 maggio 2023.
  52. ^ Lorenzo Di Benedetto, Niente Napoli per Mertens. Rinnovato il contratto fino al 30 giugno 2025, su tuttomercatoweb.com, 3 luglio 2024. URL consultato il 4 luglio 2024.
  53. ^ (FR) Bonne nouvelle pour Dries Mertens : l’ancien Diable rouge prolonge pour une saison à Galatasaray, su lesoir.be, 4 luglio 2024. URL consultato il 4 luglio 2024.
  54. ^ (FR) La sélection définitive pour le Mondial 2014, su belgianfootball.be, 13 maggio 2014. URL consultato il 14 maggio 2014 (archiviato dall'url originale il 14 maggio 2014).
  55. ^ (EN) Saj Chowdhury, Belgium 2-1 Algeria, in BBC Sport, 17 giugno 2014. URL consultato il 17 giugno 2014.
  56. ^ Argentina-Belgio 1-0, di Higuain il gol che vale la semifinale: ora c'è l'Olanda, su repubblica.it, 5 luglio 2014. URL consultato il 17 settembre 2023.
  57. ^ (NL) Selectie Rode Duivels, su belgianfootball.be, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016 (archiviato dall'url originale il 3 giugno 2016).
  58. ^ Storico Galles, vince col Belgio 3-1, per la prima volta i Dragoni in semifinale, su repubblica.it, 1º luglio 2016. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  59. ^ a b Dries Mertens è il giocatore dell’anno della Nazionale belga, su ilnapolista.it, 30 dicembre 2016. URL consultato il 23 luglio 2022.
  60. ^ Belgio-Panama 3-0, magia di Mertens, e doppietta di Lukaku, su gazzetta.it. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  61. ^ Le pagelle di Belgio-Panama 3-0: De Bruyne ispiratore, gol da favola per Mertens, su eurosport.it, 18 giugno 2018. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  62. ^ Il Belgio è terzo ai Mondiali, su ilpost.it, 14 luglio 2018. URL consultato il 3 febbraio 2020.
  63. ^ (NL) SELECTIE RODE DUIVELS VOOR EURO 2020 IS BEKEND, su rbfa.be, 17 maggio 2021. URL consultato il 18 giugno 2021.
  64. ^ Europei. Calcio. Le pagelle di Danimarca-Belgio 1-2: De Bruyne on fire, bene Kjaer, su eurosport.it, 17 giugno 2021. URL consultato il 18 giugno 2021.
  65. ^ Belgio-Italia 1-2: Barella e Insigne spingono gli azzurri in semifinale, su repubblica.it, 2 luglio 2021. URL consultato il 17 settembre 2023.
  66. ^ BELGIO, I CONVOCATI PER I MONDIALI: LUKAKU, DE KETELAERE E MERTENS CI SONO. ESCLUSO ORIGI, SAELEMAEKERS RISERVA, su eurosport.it, 10 novembre 2022. URL consultato il 14 agosto 2023.
  67. ^ MONDIALI 2022 - BELGIO ELIMINATO: IL CT ROBERTO MARTINEZ ANNUNCIA LE DIMISSIONI DOPO LO 0-0 CON LA CROAZIA, su eurosport.it, 1º dicembre 2022. URL consultato il 14 agosto 2023.
  68. ^ a b Stagione regolare+Play-off per l'accesso al secondo turno preliminare di UEFA Europa League 2010-2011.
  69. ^ a b 6 presenze nei turni preliminari.
  70. ^ 2 reti nei turni preliminari.
  71. ^ a b 2 presenze nei play-off.
  72. ^ Una presenza nei play-off.
  73. ^ Nei play-off.
  74. ^ Una rete nei play-off.
  75. ^ Nei turni preliminari
  76. ^ a b c Napoli, Mertens da record: è il miglior marcatore della storia, su corrieredellosport.it, 13 giugno 2020.
  77. ^ Sono compresi i campionati precedenti all'istituzione del girone unico e la Serie A.
  78. ^ (NL) Eén Gouden Stier voor Mertens, su voetbalkrant.com, 15 maggio 2009. URL consultato il 14 agosto 2023.

Altri progetti

[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni

[modifica | modifica wikitesto]