Nicola Sansone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nicola Sansone
20150616 - Portugal - Italie - Genève - Nicola Sansone.jpg
Sansone con la Nazionale italiana nel 2015
Nome Nicola Domenico Sansone
Nazionalità Italia Italia
Altezza 175 cm
Peso 73 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Sassuolo
Carriera
Giovanili
2002-2010 Bayern Monaco
Squadre di club1
2010-2011 Bayern Monaco II 32 (2)
2011-2012 Parma 0 (0)
2011-2012 Crotone 35 (5)
2012-2014 Parma 43 (8)
2014- Sassuolo 81 (17)
Nazionale
2007 Italia Italia U-17 1 (0)
2009 Italia Italia U-18 1 (1)
2009-2010 Italia Italia U-19 5 (0)
2012 Italia Italia U-20 1 (0)
2012-2013 Italia Italia U-21 8 (0)
2015- Italia Italia 1 (0)
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Argento Israele 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 24 aprile 2016

Nicola Domenico Sansone (Monaco di Baviera, 10 settembre 1991) è un calciatore italiano, attaccante del Sassuolo e della Nazionale.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Monaco di Baviera da genitori originari di Novi Velia in provincia di Salerno[1], inizia nella scuola calcio SV Giovi Neuperlach, quindi a undici anni entra nel settore giovanile del Bayern Monaco. Viene convocato più volte in prima squadra ma non esordisce mai. Dal 2008 al 2010 gioca 30 partite con la formazione Under-19, segnando 21 reti, e prende parte a 4 incontri della squadra riserve in 3. Liga nella seconda di queste due stagioni. Nella stagione 2010-2011 è in pianta stabile nella seconda squadra, disputando 28 partite con 2 gol all'attivo.

Parma, Crotone e Sassuolo[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2011 passa da svincolato alla squadra italiana del Parma, che lo cede subito dopo in prestito al Crotone, in Serie B, con cui disputa 35 partite segnando 5 reti, esordendo alla terza giornata di campionato in Crotone-Juve Stabia. A completamento della stagione c'è un gol nell'unica partita in Coppa Italia della sua squadra, che perde per 4-2 il quarto turno contro il Bologna.

Nel 2012 fa così ritorno al Parma, esordendo in Serie A alla quinta giornata di campionato pareggiata per 1-1 in casa del Genoa. Segna la sua prima rete nella massima serie italiana alla nona giornata, in Torino-Parma (1-3). È particolarmente ricordato in questa stagione per aver segnato a quasi tutte le grandi di questa stagione vale a dire contro Inter, Juventus, Milan e Napoli. L'8 dicembre 2013 segna la sua prima doppietta in campionato contro l'Inter (3-3).[2]

Il 21 gennaio 2014 viene ceduto, in comproprietà, al Sassuolo.[3] Il 26 gennaio fa il suo debutto con la nuova maglia nella sconfitta esterna contro il Livorno (3-1). Il 16 marzo segna la sua prima rete con la maglia del Sassuolo nella sfida vinta contro il Catania per 3-1. Il 6 aprile segna la prima doppietta con i neroverdi contro l'Atalanta.

Il 19 giugno 2014 il Sassuolo comunica di aver risolto a proprio favore la compartecipazione in essere col Parma, oltre a quella di Chibsah.[4]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Sebbene sia nato a Monaco di Baviera, ha la cittadinanza italiana e ha vestito la maglia della Nazionale azzurra fin dall'Under-17, ottenendo presenze anche con tutte le successive selezioni. Esordisce nel 2007 giocando l'unica partita con l'Under-17, mentre due anni dopo gioca la sua unica partita con l'Under-18, segnando anche un gol.

Nel biennio 2009-2010 fa parte dell'Under-19, con cui assomma 5 presenze. Nel 2012 esordisce prima con la formazione Under-20, e in seguito con la massima rappresentanza giovanile, l'Under-21. Il 28 maggio 2013 il CT Devis Mangia lo convoca per gli europei under-21 disputatisi in Israele.

Partecipa per la prima volta ad uno stage con la Nazionale maggiore dal 2 al 4 giugno 2015 a Coverciano; il raduno viene organizzato dal commissario tecnico Antonio Conte in vista della partita contro la Croazia del 12 giugno a Spalato, valevole per il sesto turno della fase a gironi delle qualificazioni al campionato europeo del 2016 e della partita amichevole del 16 giugno contro il Portogallo a Ginevra, partita in cui Sansone fa il suo esordio.[5]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 24 aprile 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2009-2010 Germania Bayern Monaco II 3.L 4 0 - - - - - - - - 4 0
2010-2011 3.L 28 2 - - - - - - - - 28 2
Totale Bayern Monaco II 32 2 - - - - - - 32 2
2011-2012 Italia Crotone B 35 5 CI 1 1 - - - - - - 36 6
2012-2013 Italia Parma A 26 6 CI 0 0 - - - - - - 26 6
2013-gen. 2014 A 17 2 CI 2 0 - - - - - - 19 2
Totale Parma 43 8 2 0 - - - - 45 8
gen.-giu. 2014 Italia Sassuolo A 12 5 CI 0 0 - - - - - - 12 5
2014-2015 A 35 5 CI 2 3 - - - - - - 37 8
2015-2016 A 34 7 CI 1 0 - - - - - - 35 7
Totale Sassuolo 81 17 3 3 - - - - 84 20
Totale carriera 191 32 6 4 - - - - 197 36

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
16-06-2015 Ginevra Italia Italia 0 – 1 Portogallo Portogallo Amichevole - Ingresso al 68’ 68’
Totale Presenze 1 Reti 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Nicola Sansone, “tedesco” ma con il cuore italiano, eurosport.yahoo.com, 27 novembre 2012. URL consultato il 1º febbraio 2015.
  2. ^ Inter 3-3 Parma, legaseriea.it, 8 dicembre 2013. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  3. ^ Ufficiale: al Sassuolo arrivano Mendes, Rosi e Sansone, al Parma vanno Rossini e Schelotto, sassuolo2000.it, 21 gennaio 2014. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  4. ^ Compartecipazioni: Sansone e Chibsah sono del Sassuolo, gazzetta.it, 19 giugno 2014. URL consultato l'11 ottobre 2014.
  5. ^ Piksel.com, Figc | News - Stage a Coverciano dal 2 al 4 giugno: trentaquattro Azzurri convocati da Conte, su FIGC - Federazione Italiana Giuoco Calcio. URL consultato il 14 giugno 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]