Football Club Crotone 2011-2012

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Football Club Crotone.

F.C. Crotone
Stagione 2011-2012
AllenatoreItalia Leonardo Menichini (fino al 23/01/2012), poi Italia Massimo Drago
PresidenteItalia Giovanni Vrenna
Serie B11º posto
Coppa ItaliaQuarto Turno
Maggiori presenzeCampionato: Brasile Calil (38)
Miglior marcatoreCampionato: Brasile Calil (17)
Maggior numero di spettatori4.541 vs Sampdoria
Minor numero di spettatori3.096 vs Gubbio
Media spettatori3.630

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Football Club Crotone per la stagione sportiva 2011-2012.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

La stagione parte ufficialmente il 14 agosto 2011 allo Stadio Ezio Scida di Crotone dove la squadra è impegnata nel secondo turno della Coppa Italia 2011-2012 contro il Sorrento. La sfida finisce 1-0 per il Crotone grazie a un gol al 79º minuto di Galardo che qualifica i calabresi al terzo turno preliminare contro il Lecce. La sfida avviene il 21 agosto 2011 allo Stadio Via del Mare di Lecce dove i calabresi battono i padroni di casa per 2-0 grazie ai gol di Djuric al 44º minuto e di Ciano al 50º minuto. Con questa vittoria il Crotone si qualifica al quarto turno preliminare nel quale il 23 novembre 2011 incontrerà allo Stadio Renato Dall'Ara il Bologna.

Il 27 agosto 2011, per la compagnia rossoblù ha inizio ufficialmente il campionato di Serie Bwin 2011-2012. Gli squali ospitano allo stadio "Ezio Scida" i toscani del Livorno, guidati da Mister Walter Novellino. Davanti a circa 4.000 spettatori il Crotone viene sconfitto per 2-1 dai labronici. Le successive giornate vedono la squadra arrancare inizialmente per poi venir fuori alla lunga grazie a tre vittorie consecutive contro Gubbio (2-1); AlbinoLeffe (1-3) e Padova (2-1) che consentono ai pitagorici di collocarsi nella zona alta della parte destra della classifica.

Il 15 novembre 2011, in accordo con il consiglio di amministrazione e con la famiglia Vrenna il presidente Salvatore Gualtieri si dimette e la carica passa al nuovo presidente Gianni Vrenna, fratello di Raffaele Vrenna ex presidente "Storico" della compagine rossoblù. Salvatore Gueltieri rimane comunque in società con la carica di Vice Presidente e mantiene la carica di Consigliere di Lega.

Il Crotone continua la sua marcia in campionato con la sconfitta di Verona (2-1) il pareggio casalingo col Torino capolista (0-0); la sconfitta immeritata nel Quarto Turno di Coppa Italia a Bologna (4-2) e la successiva vittoria "Storica" in campionato a Padova col Cittadella (0-1) stadio nel quale il Crotone nelle quattro precedenti occasioni aveva sempre perso, le ultime due delle quali sono costate la partecipazione ai play-off nei due campionati precedenti. Il campionato dei Rossoblù prosegue con il pareggio interno ottenuto giocando in inferiorità numerica contro il Sassuolo terzo in classifica (1-1) e con la successiva vittoria sul campo della Nocerina (0-2). Il Girone di andata si conclude con due pesanti sconfitte; quella casalinga contro l'Ascoli ultimo in classifica (1-2) e a Brescia (3-0).

Il girone di ritorno non incomincia nei migliori dei modi; i Rossoblù rimediano altre due sconfitte a Livorno (2-1) e in casa con il Vicenza (1-2); conseguendo così una striscia di quattro sconfitte consecutive nelle ultime quattro gare giocate. Il 23 gennaio, l'Fc Crotone comunica l'esonero di Mister Leonardo Menichini e solleva dall'incarico anche il preparatore atletico Bonatti. La squadra viene affidata a colui che, sino a quel giorno era stato il vice allenatore dei pitagorichi, Massimo Drago il quale viene promosso allenatore in prima della squadra e diventa così il secondo allenatore Crotonese a guidare la squadra della sua città in un campionato professionistico. Drago, debutta in quel di Castellamare di Stabia dove riesce a strappare un pareggio (2-2) anche se fino al 95' i rossoblù conducevano per 2-1, grazie alle due reti messe a segno dal brasiliano Caetano Calil, interrompendo la striscia negativa di sconfitte di sconfitte consecutive (4). Il 9 febbraio la famiglia Vrenna viene premiata per il traguardo raggiunto dei 20 anni alla guida del club pitagorico: vengono premiati il presidente Gianni Vrenna e il vice presidente Salvatore Gualtieri davanti a ospiti prestigiosi, tra cui l'ex allenatore del Crotone, Gigi De Rosa[1]. Nelle cinque gare consecutive sotto la gestione Drago arrivano una sconfitta in casa con il Pescara del tecnico boemo Zdeněk Zeman (1-2), e ben sei pareggi consecutivi con Empoli (1-1); Grosseto (2-2); Vicenza (1-1); Bari (1-1); Modena (2-2) e Gubbio (3-3).

Il Crotone ritorna alla vittoria nel turno casalingo con l'AlbinoLeffe, e lo fa in modo convincente (5-2), e allunga la striscia di risultati utili consecutivi vincendo anche nelle successive gare a Padova (1-2) e in casa con una prestigiosa avversaria, la Sampdoria (1-0). Alle 35ª Giornata è tempo di Derby di ritorno, e i pitagorici di mister Drago sono di scena allo stadio Oreste Granillo di Reggio Calabria: La gara si conclude in parità (1-1) con gli squali che riescono in una gara nervosa (conclusa con 9 calciatori amaranto e 10 rossoblù in campo) ad agguantare il pareggio a pochi secondi dal termine e in pieno recupero grazie a una rete messa a segno dal giovane attaccante scuola Roma Stefano Pettinari. Nel Turno successivo la striscia di risultati utili consecutivi sale addirittura a undici grazie alla vittoria schiacciante contro il Verona capolista (3-1) con i rossoblù che agilmente riescono già nel primo tempo a segnare tre reti davanti ai circa 4.100 spettatori calorosi dello Scida e a indirizzare la gara a loro favore, raggiungendo così quota 43 punti in classifica.

La stagione dei rossoblù prosegue a ritmo alterno susseguendosi una serie di vittorie e sconfitte ciclo che incomincia con una sconfitta in trasferta a Torino (2-1); una vittoria casalinga contro il Cittadella (3-1); una sconfitta a Modena con il Sassuolo (2-0) e una vittoria casalinga con una diretta rivale per la salvezza, la Nocerina (3-1). Questa gara casalinga contro i Molossi consegna la matematica salvezza alla squadra guidata egregiamente da mister Drago che con 49 punti a due giornate dal termine consegna alla società guidata dai fratelli Vrenna la quarta consecutiva e storica partecipazione alla serie cadetta.

Piazzamenti nelle competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Presidente: Giovanni Vrenna
  • Vice Presidente: Salvatore Gualtieri
  • Amministratore delegato: Giancarlo Martucci
  • Amministratore: Raffaele Marino
  • Direttore generale: Pier Paolo Gualtieri

Area organizzativa

  • Segretario generale: Renato Punzo Colurcio
  • Team manager: Roberto Emanuele
  • Segretario sportivo:Anselmo Iovine

Area comunicazione

  • Responsabile Marketing e Ufficio Stampa: Luciano Ierardi
  • Addetto agli arbitri: Valentino Pedullà

Area tecnica

  • Direttore sportivo: Giuseppe Ursino
  • Allenatore: Leonardo Menichini
  • Allenatore in seconda: Luigi Garzya
  • Collaboratore tecnico: Massimo Drago
  • Collaboratore: Rocco Massara
  • Preparatore atletico: Andrea Bonatti
  • Preparatore dei portieri: Antonio Macrì

Area sanitaria

  • Responsabile sanitario: Francesco Polimeno
  • Massaggiatore: Pietro Cistaro

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Slovenia P Vid Belec
3 Italia D Francesco Migliore
4 Italia C Antonio Galardo (capitano)
6 Italia D Alessandro Ligi
7 Brasile C Caetano Calil
8 Italia D Davide Colomba
9 Italia C Stefano Pettinari
10 Italia C Pietro De Giorgio
11 Italia A Giuseppe Caccavallo
12 Italia P Vincenzo Cuda
13 Macedonia del Nord D Stefan Ristovski [2]
14 Italia D Simone Mirante
17 Italia A Nicola Sansone
19 Francia D Kévin Vinetot
21 Italia C Massimo Loviso
22 Bosnia ed Erzegovina A Milan Đurić
N. Ruolo Giocatore
23 Portogallo D Pedro Correia
24 Italia C Alessandro Florenzi
27 Italia C Mirko Eramo
31 Italia D Francesco Checcucci
33 Italia D Leonardo Terigi [3]
36 Italia C Raffaele Maiello
37 Italia D Antonio Mazzotta
43 Italia D Giuseppe Abruzzese
49 Italia P Francesco De Luca
56 Italia D Luca Tedeschi
61 Italia P Giacomo Bindi
76 Italia C Fabio Gubinelli
85 Brasile C Denilson Gabionetta
90 Italia A Camillo Ciano
Italia D Felice Natalino
Marocco A Oussama Essabr

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie B 2011-2012.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

27 agosto 2011, ore 19:00
1ª giornata
Crotone1 – 2Livorno

30 agosto 2011, ore 20:45
2ª giornata
Varese0 – 0Crotone

4 settembre 2011, ore 15:00
3ª giornata
Crotone0 – 0Juve Stabia

10 settembre 2011, ore 15:00
4ª giornata
Pescara2 – 0Crotone

17 settembre 2011, ore 15:00
5ª giornata
Crotone2 – 1Empoli

24 settembre 2011, ore 15:00
6ª giornata
Grosseto2 – 0Crotone

30 settembre 2011, ore 19:00
7ª giornata
Crotone2 – 2Vicenza

5 ottobre 2011, ore 20:45
8ª giornata
Crotone0 – 1Bari

9 ottobre 2011, ore 15:00
9ª giornata
Modena1 – 1Crotone

15 ottobre 2011, ore 15:00
10ª giornata
Crotone2 – 1Gubbio

22 ottobre 2011, ore 15:00
11ª giornata
AlbinoLeffe1 – 3Crotone

29 ottobre 2011, ore 15:00
12ª giornata
Crotone2 – 1Padova

1 novembre 2011, ore 15:00
13ª giornata
Sampdoria2 – 0Crotone

5 novembre 2011, ore 15:00
14ª giornata
Crotone1 – 1Reggina

13 novembre 2011, ore 15:00
15ª giornata
Verona2 – 1Crotone

19 novembre 2011, ore 15:00
16ª giornata
Crotone0 – 0Torino

26 novembre 2011, ore 15:00
17ª giornata
Cittadella0 – 1Crotone

3 dicembre 2011, ore 15:00
18ª giornata
Crotone1 – 1Sassuolo

10 dicembre 2011, ore 15:00
19ª giornata
Nocerina0 – 2Crotone

17 dicembre 2011, ore 15:00
20ª giornata
Crotone1 – 2Ascoli

6 gennaio 2012, ore 15:00
21ª giornata
Brescia3 – 0Crotone

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

14 gennaio 2012, ore 15:00
22ª giornata
Livorno2 – 1Crotone

21 gennaio 2012, ore 15:10
23ª giornata
Crotone1 – 2Varese

27 gennaio 2012, ore 19:00
24ª giornata
Juve Stabia2 – 2Crotone

31 gennaio 2012, ore 20:45
25ª giornata
Crotone1 – 2Pescara

4 febbraio 2012, ore 15:00
26ª giornata
Empoli1 – 1Crotone

11 febbraio 2012, ore 15:00
27ª giornata
Crotone2 – 2Grosseto

18 febbraio 2012, ore 15:00
28ª giornata
Vicenza1 – 1Crotone

3 marzo 2012, ore 15:00
29ª giornata
Bari1 – 1Crotone

10 marzo 2012, ore 15:00
30ª giornata
Crotone2 – 2Modena

17 marzo 2012, ore 15:00
31ª giornata
Gubbio3 – 3Crotone

24 marzo 2012, ore 15:00
32ª giornata
Crotone5 – 2AlbinoLeffe

31 marzo 2012, ore 15:00
33ª giornata
Padova1 – 2Crotone

6 aprile 2012, ore 19:00
34ª giornata
Crotone1 – 0Sampdoria

14 aprile 2012, ore 15:00
35ª giornata
Reggina1 – 1Crotone

21 aprile 2012, ore 15:00
36ª giornata
Crotone3 – 1Verona

28 aprile 2012, ore 15:00
37ª giornata
Torino2 – 1Crotone

1 maggio 2012, ore 15:00
38ª giornata
Crotone3 – 1Cittadella

5 maggio 2012, ore 15:00
39ª giornata
Sassuolo2 – 0Crotone

12 maggio 2012, ore 15:00
40ª giornata
Crotone3 – 1Nocerina

20 maggio 2012, ore 15:00
41ª giornata
Ascoli3 – 2Crotone

26 maggio 2012, ore 15:00
42ª giornata
Crotone4 – 1Brescia

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2011-2012.
14 agosto 2011, ore 20:45
Secondo turno
Crotone1 – 0Sorrento

21 agosto 2011, ore 20:45
Terzo turno
Lecce0 – 2Crotone

23 novembre 2011, ore 15:00
Quarto turno
Bologna4 – 2Crotone

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Crotone, premiato Vrenna Archiviato il 10 marzo 2014 in Internet Archive. Fccrotone.it
  2. ^ Ceduto al Frosinone nel mercato invernale.
  3. ^ Ceduto al Carpi nel mercato invernale.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]