Alessandro Sgrigna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Alessandro Sgrigna
Nazionalità Italia Italia
Altezza 179 cm
Peso 71 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante e allenatore
Squadra Amaranto.svg Leodari Vicenza
Carriera
Giovanili
1995-1996 Lodigiani
1997-1998 Inter
Squadre di club1
1996-1997 Lodigiani 16 (2)
1997-1998 Inter 0 (0)
1998-1999 Lodigiani 31 (8)
1999-2000 Vicenza 3 (0)
2000 Verona 0 (0)
2000-2001 Pistoiese 5 (0)
2001 Reggiana 10 (0)[1]
2001-2003 Vicenza 26 (1)
2003-2005 Cittadella 65 (25)
2005-2007 Vicenza 46 (4)
2007 Bari 20 (4)
2007-2008 Triestina 35 (7)
2008-2010 Vicenza 73 (22)
2010-2013 Torino 79 (15)
2013 Verona 17 (3)
2013-2014 Carpi 33 (6)
2014-2016 Cittadella 54 (9)
2016- Amaranto.svg Leodari Vicenza 15 (7)
Nazionale
1995 Italia Italia U-16 1 (0)
1998 Italia Italia U-17 1 (0)
1997-1999 Italia Italia U-18 15 (7)
Carriera da allenatore
2016- Amaranto.svg Leodari Vicenza Giovanili
Palmarès
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Argento Grecia 1995
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 5 settembre 2016

Alessandro Sgrigna (Roma, 24 aprile 1980) è un allenatore di calcio e calciatore italiano, attaccante e tecnico delle giovanili del Leodari Vicenza.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Spesso impiegato come esterno offensivo, sia a sinistra che a destra, ha più volte ricoperto il ruolo di trequartista, di seconda punta e, nel Vicenza, anche di attaccante centrale. Grazie alla sua notevole versatilità e tecnica, è da considerarsi un vero e proprio jolly offensivo.[2][3]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Lodigiani e la stagione all'Inter[modifica | modifica wikitesto]

Cresciuto nelle giovanili della Lodigiani, dopo aver debuttato in Nazionale Under-16 esordisce nel calcio professionistico nel 1996 a 16 anni, in Serie C1, nella stagione 1996-1997. L'allenatore Maurizio Viscidi gli concede 16 presenze nelle quali segna 2 gol, uno dei quali l'11 gennaio 1997 in Lodigiani-Savoia (5-1)[4].

L'11 luglio viene acquistato dall'Inter per 600 milioni di lire ed entra a far parte della Primavera nerazzurra[5], guadagnando alcune convocazioni in prima squadra senza tuttavia giocare nemmeno un minuto. In questa stagione ottiene una convocazione in Nazionale Under-17.

Il 27 giugno 1998 i nerazzurri lo rimandano in prestito alla Lodigiani[6] dove trova un posto da titolare con mister Guido Attardi in coppia con Luca Toni. Il 19 settembre realizza un gol su azione personale in Lodigiani-Savoia (1-1)[7]. In totale realizza 8 gol in 31 gare in stagione, entrando in pianta stabile in Nazionale Under-18.

Vicenza e i vari prestiti[modifica | modifica wikitesto]

Tornato alla base, in estate viene ceduto in compartecipazione al Vicenza[8], con cui debutta in Serie B il 13 febbraio 2000 in Vicenza-Ternana (0-0), subentrando all'84' a Marco Schenardi. In totale raccoglie tre presenze nel campionato che i biancorossi concludono al primo posto.

Nel mercato estivo il Vicenza riscatta l'altra metà del suo cartellino e lo gira, di nuovo in comprartecipazione, all'Hellas Verona, dove non trova spazio e quindi il 27 ottobre le due società lo mandano in prestito alla Pistoiese[9], in Serie B. Esordisce con gli arancioni il 19 novembre in Pistoiese-Pescara (1-0) sostituendo al 60' Francesco Baiano; sotto la guida dell'allenatore Giuseppe Pillon gioca cinque spezzoni di partita. Il 30 gennaio 2001 passa in prestito alla Reggiana[10], in Serie C1, con cui esordisce il 4 febbraio in Varese-Reggiana (1-3). La stagione si conclude con una salvezza ottenuta ai play-out e 10 gare disputate con gli emiliani.

Nel luglio 2001 ritorna per l'intero valore del cartellino al Vicenza, dove, sotto la guida dei mister Eugenio Fascetti prima e Adelio Moro poi, gioca 24 incontri andando a segno una volta, il 28 aprile 2002 in Vicenza-Salernitana (3-1)[11]. La stagione termina senza la promozione.

La stagione successiva, con il nuovo tecnico Andrea Mandorlini, mette insieme 2 presenze in campionato segnando un gol invece in Coppa Italia il 18 dicembre 2002 in Bologna-Vicenza (0-2)[12]. Il 27 gennaio 2003 passa in prestito al Cittadella[13], in Serie C1.

Cittadella e ancora Vicenza[modifica | modifica wikitesto]

L'allenatore Rolando Maran lo fa subito esordire con la maglia del Cittadella il 2 febbraio in Lumezzane-Cittadella (0-0), rilevando al 58' Joachim De Gasperi. Segna invece la sua prima marcatura il 9 marzo in Cittadella-Carrarese (3-1)[14], alla quale seguono una doppietta il 30 marzo in AlbinoLeffe-Cittadella (2-4)[15].

Con 9 presenze e 4 reti contribuisce a una stagione che finisce con un settimo posto a quattro punti dai play-off.

Il 25 giugno il club padovano ne acquista la compartecipazione confermandolo così in rosa anche per la stagione 2003-2004[16]. La sua prima metà di stagione è caratterizzata da una serie di infortuni e di un'operazione alle tonsille[17]. Il 14 dicembre sigla una doppietta in Cittadella-Novara (3-1).[18] La compartecipazione con il Vicenza viene rinnovata anche per la stagione successiva[19].

Fa quindi il suo ritorno al Vicenza, con 4 gol in 33 apparizioni. L'inizio della stagione 2006-2007, è caratterizzato da numerosi infortuni che ne limitano le prestazioni.[senza fonte]

A gennaio 2007 passa quindi al Bari dove ritrova il tecnico Maran che lo aveva allenato ai tempi del Cittadella. Tuttavia, dopo l'esonero del tecnico trentino e l'arrivo di Giuseppe Materazzi, trova sempre meno spazio, disputando comunque 20 incontri con 4 gol.

Nel luglio del 2007, dopo essere rientrato a Vicenza, passa in prestito alla Triestina, dove ritrova nuovamente Maran, neo allenatore della squadra alabardata. A gennaio della stessa stagione, la Triestina acquista la metà del giocatore dal Vicenza in cambio della metà del giocatore alabardato Emiliano Testini. Dopo aver segnato 7 reti nella seconda parte della stagione, nell'estate 2008 fa nuovamente ritorno alla corte dei berici.

Torino[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 agosto 2010 passa a titolo definitivo al Torino[20], nello scambio che porta Elvis Abbruscato al Vicenza[21]. L'allenatore Franco Lerda lo schiera spesso nell'atipico ruolo di esterno[22] e l'11 settembre 2010, in occasione della trasferta dei granata a Modena contro il Sassuolo, mette a segno il suo primo gol in maglia granata, permettendo al Torino di imporsi per 2-1. Dopo un digiuno di reti di quasi cinque mesi, torna al gol il 7 maggio 2011, nel 2-2 in trasferta contro il Siena[23]. Il 29 maggio la squadra granata viene sconfitta dal Padova, terminando la stagione senza disputare i play-off.

Nella stagione 2011-2012, dopo un incontro chiarificatore con il neoallenatore Giampiero Ventura, ritrova il suo naturale ruolo di attaccante[24] e viene inserito come una delle quattro punte della rosa, insieme a Rolando Bianchi, Osarimen Ebagua e Mirko Antenucci. Segna la sua prima rete dell'anno il 4 settembre 2011 contro il Varese (2-0 il risultato finale), con un potente tiro da fuori area[25]. Il 10 dicembre 2011 segna una doppietta nel 4-2 casalingo contro il Pescara[26]

Confermato anche per la stagione successiva, che segna il ritorno in Serie A della squadra, è l'autore del primo gol stagionale della squadra, che conduce alla vittoria per 4-2 in Coppa Italia contro il Lecce[27]. Il 1º settembre, alla seconda giornata di campionato contro il Pescara, debutta in Serie A, a 32 anni, e realizza anche il suo primo gol in massima serie su assist di Rolando Bianchi[28]. Nella prima parte di stagione si ritaglia un ruolo di spalla del capitano granata, avvicendandosi con gli altri due attaccanti Riccardo Meggiorini e Gianluca Sansone.

Hellas Verona e Carpi[modifica | modifica wikitesto]

L'8 gennaio 2013 passa a titolo definitivo all'Hellas Verona[29], in Serie B, insieme al compagno Alessandro Agostini. Con il club scaligero firma un contratto di due anni, fino al 2014[30]. Il 24 marzo 2013 segna il suo primo gol con la maglia della squadra veronese nella partita casalinga vinta contro il Crotone, mettendo a segna il gol partita del 3-2. Dopo 17 presenze e 3 gol e la conquista della Serie A, il 30 agosto seguente passa in prestito al Carpi in Serie B.[31]

Ritorno a Cittadella[modifica | modifica wikitesto]

Il 26 giugno 2014 torna al Cittadella in Serie B dopo dieci stagioni. Il 1º settembre 2014 nella 1ª giornata di campionato (Modena-Cittadella) segna su punizione il primo goal della sua seconda esperienza in granata.[32]

Il 9 giugno 2016, dopo aver ottenuto la promozione in Serie B, comunica l'addio alla squadra veneta, in quanto il suo contratto in scadenza non verrà rinnovato.[33]

Leodari Vicenza[modifica | modifica wikitesto]

Il 5 settembre 2016, firma per il Leodari Vicenza, formazione neo promossa in Eccellenza[34], nella quale ricopre anche il ruolo di allenatore delle giovanili[35].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2002 ottiene 4 presenze in Nazionale Under-21 di B: il 9 gennaio 2002, nella partita contro la Pro Patria vinta per 2-1[36], il 27 gennaio contro la Romania Under-21 (0-0)[37], il 27 febbraio nella sconfitta per 1-0 contro il Legnano[38] e il 23 marzo in occasione della vittoria per 1-0 contro una selezione di stranieri della Serie B[39].

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 5 settembre 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe europee Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Camp Pres Reti Camp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-1997 Italia Lodigiani C1 16 2 CI-C 0 0 - - - - - - 16 2
1997-1998 Italia Inter A 0 0 CI 0 0 CU 0 0 - - - 0 0
1998-1999 Italia Lodigiani C1 31 8 CI-C 0 0 - - - - - - 31 8
Totale Lodigiani 47 10 0 0 - - - - 47 10
1999-2000 Italia Vicenza B 3 0 CI 0 0 - - - - - - 3 0
2000-gen. 2001 Italia Pistoiese B 5 0 CI - - - - - - - - 5 0
gen.-giu. 2001 Italia Reggiana C1 10+1[40] 0 CI-C - - - - - - - - 11 0
2001-2002 Italia Vicenza B 24 1 CI 1 0 - - - - - - 25 1
2002-gen. 2003 B 2 0 CI 3 1 - - - - - - 5 1
gen.-giu. 2003 Italia Cittadella C1 9 4 CI+CI-C - - - - - - - - 9 4
2003-2004 C1 26 11 CI-C 2 0 - - - - - - 28 11
2004-2005 C1 31 10 CI-C 7 3 - - - - - - 38 13
2005-2006 Italia Vicenza B 33 4 CI 0 0 - - - - - - 23 0
2006-gen. 2007 B 13 0 CI 1 0 - - - - - - 14 0
gen.-giu. 2007 Italia Bari B 20 4 CI - - - - - - - - 20 4
2007-2008 Italia Triestina B 35 7 CI 3 0 - - - - - - 38 7
2008-2009 Italia Vicenza B 36 10 CI 2 1 - - - - - - 38 11
2009-2010 B 37 13 CI 1 0 - - - - - - 38 13
ago. 2010 B - - CI 1 1 - - - - - - 1 1
Totale Vicenza 148 28 11 3 - - - - 159 31
ago. 2010-2011 Italia Torino B 35 6 CI 0 0 - - - - - - 35 6
2011-2012 B 32 8 CI 1 0 - - - - - - 33 8
2012-gen. 2013 A 11 1 CI 2 1 - - - - - - 13 2
Totale Torino 79 15 3 1 - - - - 82 16
gen.-giu. 2013 Italia H.Verona B 17 3 CI - - - - - - - - 17 3
2013-2014 Italia Carpi B 33 6 CI - - - - - - - - 33 6
2014-2015 Italia Cittadella B 35 9 CI 2 1 - - - - - - 37 10
2015-2016 LP 19 0 CI+CI-LP 0+2 0+1 - - - - - - 21 1
Totale Cittadella 119 33 14 6 - - - - 133 39
2016-2017 Italia Leodari Vicenza E 0 0 CI-Dil. 0 0 - - - - - - 0 0
Totale carriera 502+1 105 31 10 0 0 - - 543 116

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Vicenza: 1999-2000
Hellas Verona: 2012-2013
Cittadella: 2015-2016

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 11 (0) se si comprendono anche i playout della Serie C1
  2. ^ Sgrigna esterno? Ale può giocare ovunque, Toronews.net, 27 aprile 2011. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  3. ^ Alessandro Sgrigna, Transfermarkt.it, 3 ottobre 2011. URL consultato il 3 ottobre 2011.
  4. ^ Tiro a segno della Lodigiani contro un Savoia disastroso, La Gazzetta dello Sport, 12 gennaio 1997. URL consultato il 31 dicembre 2010.
  5. ^ Bologna: Dall'Igna sicuro, Fish quasi, La Gazzetta dello Sport, 12 luglio 1997. URL consultato il 31 dicembre 2010.
  6. ^ Clagluna riparte dall'Ancona, La Gazzetta dello Sport, 28 giugno 1998. URL consultato il 31 dicembre 2010.
  7. ^ Un Savoia d' assalto tiene in scacco la Lodigiani, La Gazzetta dello Sport, 20 settembre 1998. URL consultato il 31 dicembre 2010.
  8. ^ Moratti Atletico: incontro per Jugovic - Simao, firma di troppo tra Inter e Barca, La Gazzetta dello Sport, 18 maggio 1999. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  9. ^ Mancini e Sgrigna alla Pistoiese, Il Tirreno, 28 ottobre 2000. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  10. ^ Ceduto in prestito alla Reggiana Alessandro Sgrigna, Il Tirreno, 31 gennaio 2001. URL consultato il 3 gennaio 2011.
  11. ^ Vicenza, prova d' orgoglio contro la Salernitana, La Gazzetta dello Sport, 29 aprile 2002. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  12. ^ Bologna, l'amaro nella coda, La Gazzetta dello Sport, 19 dicembre 2002. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  13. ^ Cittadella-Sgrigna è fatta, La Gazzetta dello Sport, 28 gennaio 2003. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  14. ^ Naufragio della Carrarese a Cittadella, Il Tirreno, 10 marzo 2003. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  15. ^ Cittadella corsaro a Leffe, Il Tirreno, 31 marzo 2003. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  16. ^ Sgrigna al Cittadella, La Gazzetta dello Sport, 26 giugno 2003. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  17. ^ Il Cittadella ha già cancellato lo stop di Pistoia, Il Mattino di Padova, 4 novembre 2003. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  18. ^ Sgrigna abbatte il Novara, La Gazzetta dello Sport, 15 dicembre 2003. URL consultato il 5 gennaio 2011.
  19. ^ Gli altri club per ora rimangono alla finestra, Il Mattino di Padova, 1º luglio 2004. URL consultato il 7 gennaio 2011.
  20. ^ Sgrigna al Toro, TorinoFc.it, 19 agosto 2010. URL consultato il 24 luglio 2011.
  21. ^ Ufficiale: Sgrigna al Toro, scambio con Abbruscato, Tuttosport.com, 19 agosto 2010. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  22. ^ Sgrigna: "L'anno scorso ero giù di morale. Ora...", Torinogranata.it, 6 settembre 2011. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  23. ^ Siena-Torino 2-2, Torinofc.it, 7 maggio 2011. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  24. ^ Torino, Ventura: "Apprezzo la schiettezza di Sgrigna", Tuttomercatoweb.com, 12 agosto 2011. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  25. ^ Torino bello e capolista: Varese sconfitto 2-0, Tuttosport.com, 4 settembre 2011. URL consultato il 24 febbraio 2012.
  26. ^ Torino vs Pescara 4-2, Torinofc.it, 10 dicembre 2011. URL consultato il 3 gennaio 2012.
  27. ^ Torino-Lecce 4-2, Torinofc.it, 18 agosto 2012. URL consultato il 1º settembre 2012.
  28. ^ Torino-Pescara 3- 0, Torinofc.it, 1º settembre 2012. URL consultato il 1º settembre 2012.
  29. ^ Ufficiale: Sgrigna e Agostini in gialloblù, Hellasverona.it, 8 gennaio 2013. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  30. ^ Esclusiva TMW - Verona: Sgrigna fino al 2014, Tuttomercatoweb.com, 8 gennaio 2013. URL consultato l'8 gennaio 2013.
  31. ^ COLPO SGRIGNA, carpifc1909.it, 30 agosto 2013. URL consultato il 31 agosto 2013.
  32. ^ Alessandro Sgrigna torna a Cittadella, ascittadella.it, 26 giugno 2014. URL consultato il 30 giugno 2014.
  33. ^ Il saluto di Alessandro Sgrigna ascittadella.it
  34. ^ Mercato Eccellenza. Super botto Leodari. Arriva Sgrigna ex "Citta"... venetogol.it
  35. ^ Mercato Cittadella, Sgrigna chiuderà la carriera in Eccellenza al Leodari padovagoal.it
  36. ^ L' Under 21 di B debutta con una vittoria, La Gazzetta dello Sport, 10 gennaio 2002. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  37. ^ Under di serie B, un ritorno senza reti Marini soddisfatto: «Bene la difesa», La Gazzetta dello Sport, 28 gennaio 2002. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  38. ^ Brutta figura per l'Under 21 di B battuta a Legnano senza reagire, La Gazzetta dello Sport, 28 febbraio 2002. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  39. ^ Nell' Under di Marini brilla D' Agostino, La Gazzetta dello Sport, 24 marzo 2002. URL consultato il 4 gennaio 2011.
  40. ^ Play-out.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]