Associazione Sportiva Dilettantistica Lodigiani Calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da AS Lodigiani 1972)
A.S.D. Lodigiani
Calcio Football pictogram.svg
Lodigiani Logo.jpg
L'Incredibile Lodigiani
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Rosso e Bianco.svg Rosso-Bianco
Simboli Una "L" stilizzata color rosso e blu, affiancata da un pallone color oro
Dati societari
Città Roma
Nazione Italia Italia
Confederazione Europa UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Fondazione 1972
Rifondazione 2005
Presidente Giuseppe Malvicini
Stadio Borghesiana
(2.000 posti)
Sito web lodigianicalcio.it
Palmarès
Trofei nazionali 1 Coppa Italia Dilettanti
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Sportiva Lodigiani 1972, semplicemente nota come Lodigiani, è una storica squadra di calcio di Roma. Il suo titolo sportivo fu rilevato dall'Associazione Sportiva Cisco Roma la quale, nel 2005, dopo un solo anno di transizione col nome Cisco Lodigiani diventò definitivamente Cisco Roma e poi, nel 2010, Atletico Roma. La vecchia dirigenza, nel 2005, riprese lo storico nome rifondando la Lodigiani con la denominazione "Nuova Lodigiani" e rinominandola A.S.D. Lodigiani nel 2008, ridando così ufficialmente vita al vecchio sodalizio romano.

Dalla stagione 2011-2012 la Lodigiani gestisce solamente il settore giovanile e la scuola calcio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini, i primi campionati regionali e l'Interregionale (1972-1982)[modifica | modifica wikitesto]

La Lodigiani Calcio nasce nel 1972. Fondata da Giuseppe Malvicini, è inizialmente la squadra aziendale della Lodigiani Costruzioni S.p.A., uno dei colossi edilizi dell'epoca. Nei primi due anni di attività partecipa a due trofei amatoriali, il torneo SACOP e il trofeo Giovanni XXIII, vincendoli entrambi.

Nel 1974 venne affiliata alla FIGC e partecipò al campionato di Seconda Categoria, fondendosi con l'A.C. Orma I.T.R. Vescovio di Roma, arrivando terza. L'anno successivo Malvicini acquistò il titolo dell'U.S. Maia Cat, mediante fusione, squadra aziendale di Mentana, guadagnandosi il diritto di partecipare al campionato di Promozione, massimo livello regionale. Cominciò l'epoca della Lodigiani di Scaratti.

Nel campionato prima stagione, con la guida tecnica di Mastrantonio, la Lodigiani conquistò la promozione in Serie D.

Il campionato 1980-1981, che segnò il debutto in Serie D, fu travagliato: l'allenatore Furio Kristovich fu esonerato e sostituito da Alberto De Rossi. In un girone con Torres, Frosinone, Foligno, Viterbese e Olbia la Lodigiani si classificò dodicesima. Per il campionato successivo la guida tecnica fu assegnata al giovane tecnico aquilano Guido Attardi, che allenerà la Lodigiani per nove stagioni, che portò la squadra al terzo posto dietro a Foligno e Cynthia. Ad Attardi si deve la scoperta di giocatori come David Di Michele e Luca Toni.

L'ascesa in Serie C2 e la nascita del "Modello Lodigiani" (1982-1991)[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1982-1983 prevalse su L'Aquila con cinque punti di distacco conquistando la prima storica promozione in Serie C2. La stagione fu coronata con la conquista della Coppa Italia Dilettanti.

Per il campionato del debutto in Serie C2, la Lodigiani trasferì la sede dei propri incontri casalinghi allo Stadio Flaminio. Fu inserita nel girone D con squadre come Reggina, Nocerina, Siracusa, Turris, Ischia, Marsala e le corregionali Frosinone e Latina, chiudendo al decimo posto in classifica. Nei successivi tre tornei, tutti con Attardi in panchina, chiuse fra il settimo e l'ottavo posto, affrontando sodalizi più blasonati quali Siena, Prato, Alessandria, Torres, Lucchese, Massese, Spezia, Pistoiese, Juve Stabia, Cavese e Trapani.

A partire dagli anni ottanta i vertici societari delinearono il futuro della squadra, sempre più indipendente dalla sua azienda. In quest'ottica la Lodigiani adottò una politica calcistica fino ad allora sconosciuta in Italia: lanciare i giovani del proprio vivaio, del vivaio di altre squadre, direttamente in prima squadra, coadiuvati da un solido nucleo di giocatori più navigati ed esperti della categoria.

Per il campionato 1987-1988 la guida tecnica fu affidata a Rosario Rampanti. I biancorossi chiusero con 40 punti, un solo punto dietro alle tre capoliste Carrarese, Massese e Montevarchi. Nella campionato successivo la panchina fu affidata a Saul Malatrasi e, nonostante la rosa di livello allestita, il campionato fu concluso al sesto posto.

Agli albori del campionato 1989-1990 Enrico Borgia prese le redini della società: rimarrà in carica fino al 2000. La squadra, con Volpi in panchina, si classificò nona. Nel campionato successivo, grazie ad una campagna acquisti mirata, la Lodigiani si classificò terza dietro a Ischia e Acireale, a pari merito con Sangiuseppese e Vigor Lamezia.

Il decennio in Serie C1 (1991-2002)[modifica | modifica wikitesto]

Dopo numerosi tentativi infruttuosi, il salto di categoria fu centrato al termine del campionato 1991-1992. La Lodigiani fu inserita nel classico raggruppamento meridionale, assieme ad altre quattro realtà regionali (Formia, Cerveteri, Latina e Astrea). La squadra, allenata da Specchia, partì bene, perdendo l'imbattibilità solo alla decima giornata. Dopo un momento di difficoltà, il crocevia della stagione fu la vittoria casalinga contro il Potenza capolista, che permise l'aggancio in vetta alla classifica. La matematica promozione fu ottenuta a Matera, dove la squadra fu seguita da oltre duecento tifosi in trasferta. Il campionato si concluse con Potenza e Lodigiani appaiate in vetta, con i lucani che vinsero il girone grazie alla miglior differenza reti.

Per il primo campionato di Serie C1 Specchia fu confermato alla guida tecnica. Il girone comprendeva sodalizi blasonati quali Perugia (che arrivò secondo ma non venne promosso in quanto condannato per illecito sportivo), Palermo e Acireale (promosse in Serie B), Salernitana, Avellino, Messina, Reggina e Catania. Nella prima uscita casalinga la Lodigiani batté a sorpresa la favorita Palermo. La stagione proseguì fra alti e bassi ed in seguito all'avvicendamento in panchina del trainer argentino Juan Carlos Morrone, venne conclusa al nono posto in classifica.

Guido Attardi, guidò la Lodigiani durante tre periodi diversi: dal 1981 al 1987, dal 1993 al 1995 e dal 1998 al 2000.

Il campionato 1993-1994 partì sotto la luce di rilevanti modifiche regolamentali: per la prima volta la vittoria valse tre punti ed inoltre vennero introdotti i play-off e i play-out in tutta la Serie C. La Lodigiani rinforzò decisamente la propria rosa al fine di puntare ai vertici della classifica. La campagna mediatica produsse inoltre la sottoscrizione di 1500 abbonamenti. Il panchina ritornò Guido Attardi, già allenatore dal 1981 al 1987. La prima vittoria tuttavia, arrivò solamente alla tredicesima giornata contro il Chieti. Alla seconda di ritorno, fu battuto il Perugia (che vinse il campionato) ed in seguito ad un ruolino di marcia positivo i romani chiusero al quarto posto in classifica, valevole per la qualificazione ai play-off, dietro anche a Reggina e Salernitana. L'avversaria designata fu proprio la formazione campana. La partita di andata, disputata allo Stadio Olimpico davanti a circa venticinquemila spettatori, terminò in pareggio per 1-1. Nel ritorno all'Arechi, a cui assistettero quarantamila spettatori, vinsero i padroni di casa per 4-0 estromettendo la Lodigiani dalla corsa alla Serie B.

Nel frattempo, nell'ambito dell'inchiesta Mani pulite, in gergo Tangentopoli, la Lodigiani Costruzioni fu indagata a causa delle tangenti a politici per ottenere gli appalti. Nonostante la postuma definitiva assoluzione di Vincenzo Lodigiani, l'azienda, danneggiata nell'immagine, si fuse con la Girola e, in seguito, diventò Impre.gi.lo. con l'entrata del gruppo Fiat nella società, tuttora esistente. Nonostante la Lodigiani Calcio fosse indipendente dalla società madre da ormai oltre un decennio, risentì della situazione, e non poté più usufruire delle erogazioni liberali della Lodigiani Costruzioni. Conseguenza immediata fu che, per andare avanti, i dirigenti della Lodigiani, di lì a venire, dovettero far fronte ai propri risparmi e puntare ulteriormente sul settore giovanile, da sempre fiore all'occhiello della società.

Per il campionato 1994-1995 Attardi venne confermato. La prima storica avversaria in 1994-1995 fu l'Inter che vinse per 0-3 al Flaminio, estromettendo i romani dalla competizione. In campionato la Lodigiani non riuscì a ripetere quanto fatto nella precedente stagione e chiuse al decimo posto in classifica.

Per le successive due stagioni la guida tecnica della Lodigiani fu il giovane Maurizio Viscidi. Entrambi i campionati furono conclusi al decimo posto, rispettivamente con 43 e 42 punti.

La militanza nel campionato di Serie C1 perdurò per altri 5 anni, in cui vennero disputati campionati anonimi (nel 1997-1998 e nel 2000-2001 la permanenza in terza serie fu conquistata ai play-out) con il miglior risultato fatto registrare nel 1998-1999, col nono posto finale garantito anche dalle 15 reti del giovane attaccante Luca Toni. Nella stagione della retrocessione a nulla valsero si avvicendamenti in panchina di Ubaldo Righetti, Fiorino Pannunzio e Angelo Orazi.

La Nuova Lodigiani e il ritorno della Lodigiani[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma della Cisco Lodigiani.

Nel 2005 la Cisco Lodigiani divenne Cisco Calcio e di fatto quest'operazione fece salire la vecchia squadra biancoverde, militante in Serie D, in Serie C2 al posto della Lodigiani. La Cisco abbandonò l'impianto della Borghesiana per stabilire il proprio quartier generale al Francesca Gianni di San Basilio, già vecchia casa dove la Lodigiani conobbe molti dei suoi anni ruggenti. Ex giocatori e dirigenti della Lodigiani decisero, nell'immediato, di non far morire il vecchio glorioso nome, e di dare vita alla Nuova Lodigiani 2005. Il nome originario scelto fu Polisportiva Lodigiani ma il Comitato FIGC Lazio bocciò questa denominazione perché i dirigenti della Cisco immatricolarono poco prima la "AS Lodigiani", nome rimasto vacante. Difatti, in quella stagione, la Lodigiani di proprietà Cisco giocò all'impianto del Francesca Gianni (per le sole categorie Giovanissimi Fascia B ed Esordienti), mentre la Nuova Lodigiani, costretta per vie federali ad assumere questa denominazione, si impiantò nello storico impianto della Borghesiana. Assistiti da figure storiche come il fondatore Giuseppe Malvicini, i dirigenti della Nuova Lodigiani si misero duramente al lavoro per ritrasformare l'impianto sportivo della Borghesiana e ricostruire l'intero settore giovanile. Primo presidente della Nuova Lodigiani fu Luigi Maura, sostituito nel 2007 da Silvio Salini, ex giocatore della Lodigiani. Direttore sportivo il capitano di sempre, Tonino Ceci. In maniera del tutto inaspettata, con pochi mezzi e tanta buona volontà, la scuola calcio contò immediatamente 200 bambini iscritti e la Nuova Lodigiani fece registrare ottimi campionati in tutti i tornei provinciali delle categorie Allievi e Giovanissimi. Nella stagione 2005-06 la Nuova Lodigiani, oltre a rimettere in gioco lo storico marchio, risistemò l'intero impianto della Borghesiana, portandolo all'avanguardia e trasformando tutti i campi di terra in sintetico. Nella stagione 2006-07 la Nuova Lodigiani ridisputò tutti i campionati provinciali giovanili dell'anno prima più la categoria Juniores Primavera, dove si piazzò prima nel suo girone ma fu eliminata in semifinale a fine stagione. La scuola calcio crebbe ulteriormente, così come l'organigramma tecnico e societario. A fine stagione 2006-07 gli Allievi vinsero il girone per passare ai regionali l'anno successivo. Inoltre si cominciò ad allestire la scuola calcio femminile. Gli esordienti della Nuova Lodigiani arrivarono nelle finalissime nazionali della Danone Cup, la manifestazione nazionale di categoria più importante. Nel corso della stagione l'"AS Lodigiani" affiliata dalla Cisco venne dichiarata inattiva dalla FIGC Lazio, liberando di fatto il nome storico della Lodigiani. La stagione 2007-08 è stata la più esaltante della Nuova Lodigiani. Difatti si sono definiti nuovi innesti societari mentre è iniziata a pieno regime l'attività di scuola calcio femminile. Gli Allievi regionali hanno concluso il campionato con un ottimo quarto posto, mentre sia la Juniores Provinciale sia i Giovanissimi Provinciali hanno raggiunto la promozione ai campionati regionali ed entrambe le squadre hanno rischiato seriamente di salire direttamente nelle categorie élite. Sia i Giovanissimi Fascia B sia gli Allievi Fascia B hanno raggiunto le rispettive finali, perdendole. Gli esordienti per il secondo anno consecutivo hanno raggiunto le finali della Danone Cup in Versilia, arrivando persino in finale con una sconfitta solo ai rigori con i ragazzini più titolati della Reggina. Al termine della stagione 2007-08 e con l'avvento della stagione 2008-09 la denominazione della società è passata da "Nuova Lodigiani" ad "A.S.D. Lodigiani", mettendo definitivamente la parola fine sull'infinita querelle tra coloro che sostenevano che fosse la Cisco la continuazione della Lodigiani e chi, come i tifosi della Lodigiani in primis, hanno sempre pensato che l'eredità spettasse solo alla dirigenza di Via della Capanna Murata. Nella stagione 2008-09 tutte le squadre giovanili disputano i campionati regionali ed inoltre le squadre fascia B sono state ammesse alla più importante Coppa Lazio sia nella categoria Allievi sia nella categoria Giovanissimi.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Sportiva Dilettantistica Lodigiani
  • 1972 - Fondazione dell'Associazione Sportiva Lodigiani.
  • 1972-1973 - Attività a carattere amatoriale.
  • 1973 - La società si fonde con l'A.C. Orma I.T.R. Vescovio, militante nel girone F della Seconda Categoria, acquisendone il titolo sportivo.
  • 1973-1974 - 3ª nel girone B della Seconda Categoria Lazio.
  • 1974 - La società acquisisce il titolo sportivo della Maia Cat, militante nel campionato di Promozione.
  • 1974-1975 - 11ª nel girone A della Promozione Lazio.
  • 1975-1976 - 2ª nel girone A della Promozione Lazio.
  • 1976-1977 - 3ª nel girone A della Promozione Lazio.
  • 1977-1978 - 3ª nel girone A della Promozione Lazio.
  • 1978-1979 - 2ª nel girone A della Promozione Lazio.
  • 1979-1980 - 1ª nel girone A della Promozione Lazio. Promossa in Serie D.

Vince la Coppa Italia Dilettanti (1º titolo).
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
 ? di Coppa Italia Serie C.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.

Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Secondo turno di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Primo turno di Coppa Italia.
Terzo turno di Coppa Italia Serie C.
Terzo turno di Coppa Italia Serie C.
Terzo turno di Coppa Italia Serie C.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Semifinalista di Coppa Italia Serie C.

Fase ad eliminazione diretta di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 2002-2003 - 16ª nel girone C della Serie C2. Retrocessa dopo aver perso i play-out e successivamente ripescata.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Serie C.
  • 2004 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Cisco Lodigiani S.r.l.[1]
  • 2004-2005 - 3ª nel girone B della Serie C2.
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie C.
  • 2005 - Cambia denominazione in A.S. Cisco Calcio Roma S.r.l. divenendo di fatto la continuazione della vecchia squadra Cisco.[2] Nel settembre 2005 nasce l'Associazione Sportiva Dilettantistica Nuova Lodigiani 2005, società di puro settore giovanile, per iniziativa dei vecchi dirigenti.
  • 2005-2008 - Attività di puro settore giovanile.
  • 2008 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Lodigiani. In giugno viene stipulato un accordo per la fusione con l'Associazione Sportiva Dilettantistica Stilecasa, militante in Prima Categoria.
  • 2008-2009 - La società disputa il campionato di Prima Categoria con il nome di Associazione Sportiva Dilettantistica Stilecasa Lodigiani Calcio.
  • 2009-2010 - 1ª nel girone F della Prima Categoria Lazio. Promossa in Promozione.
  • 2010 - Dalla fusione tra Stilecasa e l'ex Nuova Lodigiani 2005, nasce l'Associazione Sportiva Dilettantistica Lodigiani Calcio, iscritta al campionato di Promozione.

  • 2010-2011 - 7ª nel girone B della Promozione Lazio.
  • 2011 - La squadra non s'iscrive al campionato di Promozione e rimane attiva esclusivamente col settore giovanile.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori sociali della Lodigiani sono il rosso e il bianco. Terzo colore, utilizzato in tutti i simboli storici della Lodigiani, è il blu.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Lo stesso argomento in dettaglio: Stadio Flaminio e Stadio Tre Fontane.

Il primo campo da gioco della Lodigiani fu lo Stadio Francesca Gianni, ubicato nel quartiere romano di San Basilio. Ristrutturato dalla stessa società, fu sede delle partite casalinghe dal 1974 al 1980.

Con la promozione in Serie C2 del 1983, la Lodigiani trasferì la sede delle proprie partite nel più capiente stadio Flaminio, che ne sarà sede fino al 1998, pur lasciando la sede operativa e degli allenamenti al Francesca Gianni.

A partire dal 1989 la Lodigiani ritornò a giocare al Francesca Gianni, a causa dell'utilizzo del Flaminio da parte di Roma e Lazio, vista l'indisponibilità dello stadio Olimpico soggetto ad intense opere di restyling in vista del Campionato mondiale di calcio del 1990. Al campionato 1989-1990 risalgono le ultime partite al Francesca Gianni, sicché a partire dalla primavera del 1990 si trasferì nel più moderno impianto della Borghesiana, prendendo la gestione del grande centro sportivo e dell'albergo/ristorante. Dunque, la Lodigiani poteva usufruire di impianto polivalente di proprietà.

Dal 1998 al 1999 si alternò l'utilizzo dello stadio Tre Fontane, ubicato nel quartiere EUR, al Flaminio. Il Flaminio fu utilizzato fino al 2005 allorquando, a causa della cessione del titolo sportivo alla Cisco Lodigiani, ci fu un deciso ridimensionamento dei progetti societari. La Lodigiani tornò dunque alla Borghesiana, eccezion fatta per una breve parentesi fra il 2010 e il 2011 in cui fu utilizzato il Francesca Gianni.

Società[modifica | modifica wikitesto]

La Lodigiani è sempre stata un modello di economia calcistica, tanto che anche esperti di calcio professionistico provenienti dal Giappone e dall'Australia, nel corso degli anni novanta, vennero a Roma a studiare il "Modello Lodigiani", ovvero gestione trasparente, uso di numerosi e validi giovani da rivendere poi sul mercato, gestione oculata delle risorse. La Lodigiani, fino a quando è esistita, non è mai apparsa nella consuetudinale "lista nera" della Co.vi.soc, che ogni anno colpiva numerose società dalla Serie A alla Serie C. Questo non accadde neppure con la contestatissima dirigenza Longarini, l'ultima al timone della Lodigiani fino alla svendita del titolo.

È forse l'unico esempio di squadra aziendale che è riuscita a ritagliarsi un proprio spazio all'esterno dell'azienda, diventando nel corso degli anni sempre più autonoma, fino a sopravvivergli in seguito alla crisi di Tangentopoli che decretò l'infelice fine della Lodigiani Costruzioni, fino ad allora azienda leader in Italia nel settore edile.

Vincenzo Lodigiani, pur approvando il progetto di Malvicini di realizzare una squadra aziendale, rimase sempre fuori dai quadri dirigenziali, così come tutta la famiglia Lodigiani.

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

La Lodigiani fu la prima società in tutta Italia ad usare giovani del proprio vivaio in buon numero nella prima squadra, con l'intento di lanciare le giovani promesse in Serie A o in Serie B. Il modello, usato a forza in molte società professionistiche di oggi, cominciò ad essere applicato con la promozione in Serie C della Lodigiani a partire dal 1983. La Lodigiani non aveva allora nessuna difficoltà economica, e fu l'intuizione del presidente Malvicini e del suo vice Sagramola ad avviare il "modello Lodigiani".

La Lodigiani nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1992 uscì un inserto speciale del Guerin Sportivo di ben venti pagine sulla Lodigiani, sulla sua storia, e sul suo modello di valorizzazione dei giovani.

Fino al 1990 la Lodigiani era identificata come la squadra del quartiere San Basilio. Fu lo stesso Malvicini ad avvertire un legame eccessivo tra il quartiere e la squadra, e di lì, oltre a esigenze strutturali, decise di trasferire la sede della Lodigiani al Centro Sportivo della Borghesiana.

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.S.D. Lodigiani
Allenatori
Presidenti
  • 1972-1984 ...
  • 1984-1988 Italia Giovanni Serafini
  • 1988-2000 Italia Enrico Borgia
  • 2000-2001 Italia Elio Giulivi
  • 2001-2002 Italia Silvano Mecozzi
  • 2002-2003 Italia Stefano Dominicis (Amministratore unico)
  • 2003-2005 Italia Alessandro Tulli
  • 2005- ...

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.S.D. Lodigiani

Calciatori celebri o titolati che hanno indossato la casacca della Lodigiani nel corso del tempo o sono cresciuti nel suo settore giovanile sono Francesco Totti, David Di Michele, Luca Toni, Gianluca Cherubini, Luca Vigiani, Mirko Savini, Emiliano Moretti, Antonio Candreva, Mario Pacilli, Claudio Bellucci, Andrea Agostinelli, Andrea Silenzi, Daniele Di Donato, Francesco Pratali, Matteo Gianello, Luigi Apolloni, Roberto Stellone, Fabio Firmani, Giorgio Venturin, Daniele Pasa, Gianni Cavezzi, Giorgio Gorgone, Claudio De Sousa, Orlando Fanasca, Francesco Marino, Bruno Baldari, Maurizio Rinaldi, Andrea Viola, Luca Pastine, Christian Terlizzi, Flavio Giampieretti, Alessandro Sgrigna, Valerio Fiori, Andrea Cupi, Giovanni Orfei, Roberto Onorati, Giovanni Lopez, Antonio Rosati, Francesco Scaratti e Alessandro Florenzi.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

semifinale: 1999-2000
terzo posto: 1990-1991, 2004-2005
terzo posto: 1981-1982
secondo posto: 1975-1976, 1978-1979
terzo posto: 1976-1977, 1977-1978
terzo posto: 1973-1974

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

La Lodigiani ha disputato 35 stagioni sportive a partire dall'esordio nei Tornei amatoriali Sacop e Giovanni XXIII nel 1972-1973, prendendo parte a 25 campionati nazionali. La società ha sospeso le attività della prima squadra dal 2005 al 2008, e poi a partire dal 2011, risultando attiva e operante esclusivamente col settore giovanile.

Campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C1 10 1992-1993 2001-2002 10
Serie C2 12 1983-1984 2004-2005 12
Serie D 1 1980-1981 3
Campionato Interregionale 2 1981-1982 1982-1983

Campionati regionali[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
I Promozione 6 1974-1975 1979-1980 6
II Promozione 1 2010-2011 1
III Prima Categoria 2 2008-2009 2009-2010 2

Partecipazione alle coppe[modifica | modifica wikitesto]

La Lodigiani ha preso parte a 23 edizioni delle coppe nazionali a partire dall'esordio in Coppa Italia Serie C nel 1983-1984; il massimo risultato raggiunto sono le semifinali (Coppa Italia Serie C 1999-2000). La Lodigiani ha disputato anche un'edizione della Coppa Italia, venendo eliminata al primo turno dall'Inter. In un'occasione i biancorossi hanno vinto la Coppa Italia Dilettanti, nel 1982-1983.

Coppa Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia 1 1994-1995 1
Coppa Italia Serie C 22 1983-1984 2004-2005 22

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

La Lodigiani, fino alla stagione 2001-2002, era l'unica società tra i professionisti assieme a Juventus, Inter e ChievoVerona a non aver mai subito retrocessioni.

A partire dal suo esordio in Serie C2, nel 1983, cominciò a giocare le sue partite di sabato, per ritagliarsi una propria fetta di pubblico e aggirare così la concorrenza di Roma e Lazio. Il "Sabato della Lodigiani", appuntamento fisso per molti tifosi e ultras, rimase una tradizione fino all'uscita di Borgia dalla società, nel 2000. Con l'ingresso di Longarini nella società, nella stagione 2000-2001 la tradizione continuò a persistere, ma nei momenti di maggiore difficoltà del campionato l'ad Silvano Mecozzi impose di giocare la domenica per non dare vantaggi alle dirette avversarie. Anche nelle stagioni 2001-2002 e 2002-2003 si giocò sempre meno di sabato, a causa delle continue difficoltà in campionato della squadra. Infine, nell'unica stagione della Lodigiani con a capo il gruppo Cisco, si continuò a seguire la linea di Mecozzi: partite si al sabato, ma non in situazione delicate di campionato.

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fino al 1990, anno in cui la Lodigiani ebbe casa al Francesca Gianni di San Basilio, vi era una forte identificazione tra stadio e quartiere, tanto che le partite della Lodigiani registravano spesso il pienone. Il cambio di campo casalingo, nel 1983, nel più noto e ampio Stadio Flaminio, fece divenire la Lodigiani non più una squadra di quartiere, ma la reale terza squadra della capitale. Se da una parte la Lodigiani, giocando al Flaminio, cominciò a coinvolgere un pubblico proveniente da tutte le zone della capitale e provincia, la perdita del feudo di San Basilio si dimostrò una scelta penalizzante in termini di calore e sostegno del pubblico. Tuttavia anche il Flaminio, dal 1983 al 1996 registrava dai 1.000 ai 3.000 spettatori a partita, con picchi di 4.000/5.000 persone nella stagione 1993-94, anno in cui la Lodigiani sfiorò la Serie B. A partire dal 1996 la Lodigiani ebbe un vistosissimo calo del pubblico che perdurò inesorabilmente fino all'anno della scomparsa della Lodigiani, nel 2004. Le uniche eccezioni erano le partite contro grandi squadre (di regola Catania, Ascoli, Avellino e Foggia, solo per citare le principali) e le partite-spareggio. Altro dato curioso è che la stagione 1998-99 costituì il ritorno di un buon pubblico al seguito della Lodigiani, complice il trasloco momentaneo dal Flaminio al Tre Fontane dell'EUR, cambiamento che attirò molta gente del popoloso quartiere romano. Anche nelle partite disputate nelle stagioni seguenti al Tre Fontane (in concomitanza, di solito, col Sei Nazioni di Rugby al Flaminio nei mesi di febbraio e marzo) si registrava decisamente un maggiore afflusso rispetto allo Stadio Flaminio.

Il primo gruppo organizzato al seguito della Lodigiani furono i Vigilantes, nel 1986. Si susseguirono nel corso degli anni vari gruppi di breve vita, fino al 1994, anno di fondazione dei Kaos, primo gruppo che poteva vantare un seguito numerico maggiore e una migliore organizzazione. I Kaos (coadiuvati dal Lodi Club Tufello), organizzarono le prime trasferte. Ultima svolta fu quella del 1996, con la nascita di Official Fans e Ultras, gruppi che si distinsero, oltre per un numero consistente (soprattutto in alcune stagioni) e un ottimo tifo, per aver seguito sempre e ovunque la squadra in trasferta, cosa inimmaginabile anni prima. Gli Official Fans presenziarono, inoltre, ai mondiali di Francia'98 in tutte le partite che la nazionale italiana disputò in quel torneo. Prima di quella esperienza organizzarono un raduno ultras nazionale per seguire l'Italia sotto un unico striscione, senza esito. Dopo la crisi del tifo nella stagione 1999-00, i gruppi Official Fans e Ultras si unirono sotto la sigla "Ultrà Lodigiani 1996", riportando entusiasmo e calore al Flaminio e non abbandonando mai la squadra neanche nelle trasferte più lontane, anche se spesso in numero esiguo. Gli Ultrà Lodigiani 1996, dopo l'avvento del gruppo Cisco al vertice della Lodigiani, nella stagione 2003/04, promossero una campagna a favore della tradizione calcistica della Lodigiani, nel timore che la Cisco avrebbe fatto sparire la storica denominazione dagli annali calcistici, cosa che avvenne puntualmente due anni dopo. Gli Ultrà Lodigiani 1996, nonostante non abbiano mai aderito al progetto Cisco, non sono ancora sciolti e cercano di promuovere il ritorno della Lodigiani sui campi di gioco, seppur a livello dilettantistico.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

I rapporti con le altre tifoserie sono i seguenti[5]:

Gemellaggi
Amicizie
  • Albalonga
Amicizie passate
Rivalità

Altre sezioni sportive[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2010 al 2014 la Lodigiani ha partecipato ai campionati di campionato di calcio a 5 con la denominazione di Sporting Lodigiani C5. Nelle prime due stagioni di attività (2010-2012) la squadra a vince prima il campionato di Serie D e poi il campionato di Serie C2. Nella stagione 2012-2013 partecipa al campionato di Serie C1, vincendo sia il proprio girone che la Coppa Italia di Serie C, grazie alla presenza in rosa di giocatori di livello quali Domenico Giannone, Emanuele Fratini, Marcelo Moreira e Marco Pignotta, conquistando così la promozione al successivo campionato di Serie B. Nel primo torneo di Serie B vengono raggiunti i play-off promozione, persi al primo turno per mano dell'Ariccia. A fine stagione la società non si iscrive al successivo torneo.

Nell'estate del 2015, dalle ceneri dello Sporting Lodigiani, nasce l'ASD EUR FC.[7]

Nel palmarès si annoverano le vittoria di 1 campionato di Serie D (2010-2011), 1 campionato di Serie C2 (2011-2012), 1 campionato di Serie C1 (2012-2013) ed una Coppa Italia regionale (2013).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2004. URL consultato il 12 novembre 2016.
  2. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2005. URL consultato il 7 agosto 2016.
  3. ^ Saul Malatrasi - La storia del calcio, Forzaspal.com, 23 ottobre 2009. URL consultato il 26 marzo 2011.
  4. ^ Ecco Dossena: salverò la Lodigiani, http://archiviostorico.corriere.it/, 4 dicembre 2003. URL consultato il 7 novembre 2014 (archiviato dall'url originale il ).
  5. ^ Ultrà Lodigiani
  6. ^ Inferociti Gubbio
  7. ^ Dalle ceneri dello Sporting Lodigiani nasce l'ASD Eur FC, http://www.calcioa5live.com/, 19 agosto 2015. URL consultato il 1 aprile 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]