Emiliano Gallione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Emiliano Gallione
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Alessandria
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2009-2010
2010-2012
Serie A e B
Serie B
Arbitro
Arbitro

Emiliano Gallione (Alessandria, 16 agosto 1974[1]) è un ex arbitro di calcio e dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Dopo aver diretto diverse decine di partite in Serie C, debuttò in B il 29 agosto 2009 dirigendo la gara Triestina-Grosseto (1-0), valida per la seconda giornata del campionato 2009-2010. In quella stagione diresse 19 gare tra i cadetti ed una in massima serie, Parma-Livorno (4-1) del 16 maggio 2010.

Nel luglio 2010, con la scissione tra CAN A e CAN B, viene inserito nell'organico della seconda; nel 2010-2011 ha dunque diretto 25 gare del campionato di Serie B ed in un'altra sfida di A, Palermo-Chievo (1-3).

Il 2 luglio 2012 venne dismesso dalla CAN B per normale avvicendamento, concludendo così la sua carriera arbitrale con un bilancio di 3 gare in Serie A, 63 di Serie B e 4 di Coppa Italia; ha successivamente rivestito il ruolo dirigenziale di addetto all'arbitro per Novara (2013-2014)[2] ed Alessandria (dal 2014 ad oggi)[3].

Svolge inoltre consulenza per club di professionisti, per approfondimento del regolamento, psicologia arbitrale e relazioni sul terreno di gioco, col fine di miglioramento della performance e limitazione dei provvedimenti disciplinari ai soli funzionali alle esigenze di squadra. In tale ambito collabora attivamente da quattro stagioni con l'Udinese Calcio prima squadra (stagioni 2013-2014 e dalla 2015 alla 2018 appena conclusa), intervallate da una parentesi alla SSC Napoli nella stagione 2014-2015, squadra allenata da Rafa Benitez.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Grosseto-Pescara diretta da Gallione Usgrosseto1912.it
  2. ^ Serie B, la B Italia a lezione di fair play, Calciopress.net, 13 marzo 2013.
  3. ^ Emiliano Gallione nuovo dirigente addetto all'arbitro, Alessandriacalcio.it, 19 settembre 2014. URL consultato il 22 settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 5 marzo 2016).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Profilo su Transfermarkt.it, su transfermarkt.it. URL consultato il 7 febbraio 2012 (archiviato dall'url originale il 27 ottobre 2013).