Dino Tommasi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Dino Tommasi
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Bassano del Grappa
Professione Imprenditore
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2003-2007
2007-2010
2010-2013
2013-2015
Serie C
Serie A e B
Serie B
Serie A
Arbitro
Arbitro
Arbitro
Arbitro

Dino Tommasi (Bassano del Grappa, 6 maggio 1976) è un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Promosso nel 2003 nella CAN di serie C, qui totalizza 52 presenze in serie C1 nei quattro anni di permanenza (tra cui la finale play-off del 2007 tra Avellino e Foggia e a cui si deve aggiungere la finale playoff di serie C2 del 2006 tra Ivrea e Carpenedolo) prima di essere proposto per il passaggio di categoria, su decisione dell'allora designatore Maurizio Mattei.

Debutta in Serie A il 15 marzo 2008 dirigendo Udinese-Lazio, gara terminata 2-2. Il 3 luglio 2010, con la scissione della CAN A-B in CAN A e CAN B, viene inserito nell'organico della CAN B. Il 21 dicembre 2011 svolge la funzione di quarto ufficiale in Inter-Lecce di Serie A terminata 4-1 per i padroni di casa. Nel giugno 2012 è designato dalla CAN B per dirigere una delle due semifinali di ritorno play-off, per l'accesso in serie A, tra Sassuolo e Sampdoria.

Il 2 luglio 2012, a seguito della conferenza stampa tenuta dall'A.I.A., viene confermato per il terzo anno alla CAN B. Nel giugno 2013 è designato per la finale di ritorno dei play-off per l'accesso in serie A, tra Livorno ed Empoli. Il 2 luglio 2013 viene promosso in CAN A. Al termine della stagione 2013-2014, vanta 36 presenze in serie A.

Il 1º luglio 2015, con all'attivo 54 presenze nella massima serie nazionale, viene dismesso dalla CAN A per motivate valutazioni tecniche. Poco dopo, viene inserito nell'organico degli osservatori per la CAN B stagione 2015-2016.

Il 4 luglio 2016 viene nominato presidente del Comitato Regionale Arbitri Veneto per la stagione sportiva 2016-2017, e nel 2017 viene poi riconfermato alla guida del CRA Veneto per la stagione 2017/2018.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]