Stadio Adriatico-Giovanni Cornacchia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
(Reindirizzamento da Stadio Adriatico)

Coordinate: 42°27′19″N 14°13′46″E / 42.455278°N 14.229444°E42.455278; 14.229444

Adriatico-Giovanni Cornacchia
Stadio biancazzurro
Pescara - Stadio Adriatico 01.JPG
Informazioni
Stato Italia Italia
Ubicazione Viale Vittorio Pepe,
65126 Pescara
Tel. +39 085 67062
Inizio lavori
Inaugurazione 1955
Struttura ovale
Pista d'atletica 8 corsie
Ristrutturazione 2009
Mat. del terreno Erba
Dim. del terreno 105 x 68 m
Proprietario Comune di Pescara
Progetto Luigi Piccinato
Uso e beneficiari
Calcio Pescara[1]
Atletica leggera
Capienza
Posti a sedere 20 515[2]

Lo stadio Adriatico-Giovanni Cornacchia è lo stadio principale della città di Pescara, inaugurato nel 1955. L'impianto è nato come struttura polivalente ed è un centro del CONI. La struttura è destinata principalmente al calcio, vi si svolgono le partite del Pescara, e all'atletica leggera. Lo stadio, situato nel quartiere Portanuova e ristrutturato nel 2009, è stato sede principale dei Giochi del Mediterraneo, ospitati a Pescara per la loro sedicesima edizione. Nel passato ha ospitato varie partite della nazionale italiana di calcio ed è stato selezionato come stadio di riserva per i mondiali di calcio del 1990 e inoltre ha ospitato varie partite durante le Olimpiadi di Roma del 1960.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il progetto iniziale è stato ideato dell'architetto Luigi Piccinato. La struttura è ovale ed è stata disegnata seguendo le linee dello Stadio Olimpico di Roma. Dal punto di vista architettonico, è di interesse la soluzione ad archi adottata per il sostegno delle tribune. Inizialmente, lo stadio si presentava con un solo livello di spalti e poteva ospitare solamente 10.000 spettatori. In occasione della prima promozione del Pescara in Serie A, nel 1977, lo stadio è stato oggetto di interventi di ampliamento delle curve e delle tribune con l'innesto di un secondo anello sulla tribuna aumentando la capienza fino a 34.000 spettatori. In alcune occasioni, prima del 1985 (anno della strage dell'Heysel), quando le norme sulla sicurezza erano meno stringenti, lo stadio ha dato posto a 40.000 spettatori (durante l'amichevole Italia-Polonia disputata l'8 dicembre 1984 e vinta dalla nazionale italiana per 2-0). A seguito della ristrutturazione dello stadio in vista dei XVI Giochi del Mediterraneo, la capienza è stata ridotta agli attuali 20.476 posti, nel 2009 la Landbau (una società d'ingenieria di Chieti) ristruttura lo stadio con il permesso del comune di Pescara.[3] Nell'ottobre 2009 lo stadio è stato intitolato all'atleta pescarese Giovanni Cornacchia.[4] Nel 2016 ha ospitato la gara casalinga d'esordio del Crotone in Serie A per via dell'indisponibilità temporanea dello Stadio Ezio Scida.[5]

Partite Internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Torneo di calcio ai Giochi della XVII Olimpiade 1960[modifica | modifica wikitesto]

Amichevoli[modifica | modifica wikitesto]

Pescara
8 dicembre 1984, ore 14:30 CEST
Italia Italia 2 – 0
referto
Polonia Polonia Stadio Adriatico
Arbitro Scozia Bob Valentine

Pescara
19 ottobre 1988, ore 20:30 CEST
Italia Italia 2 – 1
referto
Norvegia Norvegia Stadio Adriatico
Arbitro Grecia Germanakos

Pescara
21 dicembre 1994, ore 20:30 CEST
Italia Italia 3 – 1
referto
Turchia Turchia Stadio Adriatico
Arbitro Austria Günter Benkö

Pescara
20 novembre 2002, ore 20:45 CEST
Italia Italia 1 – 1
referto
Turchia Turchia Stadio Adriatico
Arbitro Francia Garibian

Pescara
14 novembre 2009, ore 20:50 CEST
Italia Italia 0 – 0
referto
Paesi Bassi Paesi Bassi Stadio Adriatico (14.000 spett.)
Arbitro Svizzera Claudio Circhetta

Qualificazioni Europei 2012[modifica | modifica wikitesto]

Pescara
11 ottobre 2011, ore 20:45 CEST
Italia Italia 3 – 0
referto
Irlanda del Nord Irlanda del Nord Stadio Adriatico
Arbitro Spagna Lahoz

Settori[modifica | modifica wikitesto]

Curva Nord, settore degli ultras pescaresi
Settore Posti
Curva Nord Marco Mazza 4888
Curva Sud 4101
Curva Sud Ospiti Piermario Morosini 749
Tribuna Adriatica Centrale 2052
Tribuna Adriatica Laterale 3659
Tribuna Majella Inferiore 1759
Tribuna Majella Superiore Laterale 2182
Tribuna VIP 233
Tribuna d'onore 232
Poltronissima 355
Totale anelli 20205
Settore disabili 85+85
Tribuna stampa Mario Santarelli 100
SkyBox 40
Totale complessivo 20515

Dati tecnici[modifica | modifica wikitesto]

  • Capienza: 20205 posti
  • Tribuna stampa: 100 posti
  • Settore disabili: 85 posti + 85 accompagnatori
  • Dimensioni campo: 105 x 68 m
  • Divisori interni: Recinzione

Altri dati[modifica | modifica wikitesto]

Tribuna dello stadio (2009)
  • Amplificazione sonora
  • Illuminazione campo
  • Campo pre-riscaldamento
  • Impianto TV a circuito chiuso interno ed esterno
  • SkyBox
  • Dispositivi per la formazione e l'uso di energia rinnovabile
  • Tribuna stampa
  • Sedili in alluminio con caratteristiche antivandalo con schienali reclinabili
  • Area vip climatizzata
  • Schermo elettronico
  • Tribuna Majella con copertura in legno lamellare
  • Uffici
  • Palestre
  • Pista d'atletica
  • Tornelli
  • Bar
  • Servizi igienici

Concerti[modifica | modifica wikitesto]

Panorama dello stadio

Lo stadio ha più volte ospitato concerti di musica di vari artisti anche di fama internazionale tra i quali:[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Durante il Campionato di B 2012-13 ha ospitato alcune gare interne del Lanciano, per la ristrutturazione dello stadio Guido Biondi e una gara casalinga del Crotone del Campionato di A 2016-17 per l'indisponibilità dello Stadio Ezio Scida.
  2. ^ http://www.osservatoriosport.interno.gov.it/allegati/stadi_italiani_2.pdf
  3. ^ Dal sito ufficiale del Pescara Calcio, pescaracalcio.com.
  4. ^ Lo Stadio Adriatico intitolato a Giovanni Cornacchia, pagineabruzzo.it. URL consultato il 6 ottobre 2010.
  5. ^ Alle 20:45 - A Pescara contro il Crotone: il Genoa di Juric nel “deserto” dell’Adriatico, ilsecoloxix.it. URL consultato il 30 agosto 2016.
  6. ^ Stadio Adriatico tutti gli eventi

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]