Pineto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Pineto (disambigua).
Pineto
comune
Pineto – Stemma
Pineto – Bandiera
Pineto – Veduta
Pineto – Veduta
Chiesa di Sant'Agnese e San Silvestro
Localizzazione
StatoItalia Italia
RegioneRegione-Abruzzo-Stemma.svg Abruzzo
ProvinciaProvincia di Teramo-Stemma.svg Teramo
Amministrazione
SindacoRobert Verrocchio (PD) dal 26-5-2019
Data di istituzione28 marzo 1929
Territorio
Coordinate42°37′N 14°04′E / 42.616667°N 14.066667°E42.616667; 14.066667 (Pineto)
Altitudinem s.l.m.
Superficie38,11 km²
Abitanti14 446[3] (31-8-2022)
Densità379,06 ab./km²
FrazioniBorgo Santa Maria, Mutignano, Scerne di Pineto, Torre di Cerrano, Torre San Rocco, Villa Fumosa[1]
Comuni confinantiAtri, Roseto degli Abruzzi, Silvi
Altre informazioni
Cod. postale64025
Prefisso085
Fuso orarioUTC+1
Codice ISTAT067035
Cod. catastaleF831
TargaTE
Cl. sismicazona 3 (sismicità bassa)[4]
Cl. climaticazona C, 1 280 GG[5]
Nome abitantipinetesi
Patronosant'Agnese
Giorno festivo21 gennaio
PIL(nominale) 236,9 mln [2]
PIL procapite(nominale) 15 910 [2]
MottoPinetum Civitas Viridis
"Pineto città verde"
Cartografia
Mappa di localizzazione: Italia
Pineto
Pineto
Pineto – Mappa
Pineto – Mappa
Posizione del comune di Pineto all'interno della provincia di Teramo
Sito istituzionale

Pineto (Villa Filiani fino al 1930) è un comune italiano di 14 446 abitanti[3] della provincia di Teramo in Abruzzo. Nota stazione balneare del Medio Adriatico, dal 2006 ha ottenuto numerose assegnazioni del riconoscimento Bandiera blu.

Il 30 maggio 1930, la sede comunale di Mutignano (che a sua volta ottenne l'autonomia dalla città di Atri nel 1809) venne spostata nel nuovo centro abitato di Villa Filiani in seguito al suo rapido popolamento, cambiando conseguentemente il nome nell'attuale Pineto.

Geografia fisica[modifica | modifica wikitesto]

Veduta della campagna circostante Pineto e della torre di Cerrano

La cittadina si estende sulle rive del Medio Adriatico. Confina a nord con il comune di Roseto degli Abruzzi, a sud con il comune di Silvi e a ovest con quello di Atri. Il territorio comunale comprende, oltre al capoluogo, numerose località e frazioni, tra cui Scerne, stazione balneare sul litorale Adriatico, situata 5 km più a nord, e Mutignano, borgo storico sorto in età medievale nell'interno, a 321 m s.l.m. e a 6 km da Pineto.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima di Pineto è di tipo temperato caldo, con inverni relativamente miti ed estati contraddistinte da temperature elevate, ma non torride[6]. La temperatura media annua è di 16,5 °C, con una media di 8,5 °C nel mese più freddo, gennaio, e di 25,5 °C nei mesi più caldi, luglio e agosto. Le precipitazioni medie annuali sono pari a 785 mm[7].

Pineto (TE) Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic InvPriEst Aut
T. max. mediaC) 12131619242831312722171312,719,7302221,1
T. min. mediaC) 5579141720201714965,3101913,311,9
Giorni di gelo (Tmin ≤ 0 °C) 8,69,66,41,31,50,00,00,00,00,01,96,524,79,20,01,935,8
Precipitazioni (mm) 48495963533724204650696215917581165580

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Sul toponimo di Mutignano, comune fino al 1927 e frazione di Pineto dal 1929, sono state fatte diverse teorie; secondo la tesi ritenuta più corretta, il nome deriverebbe dal personale romano Mutius, trasformatosi poi in Mut(t)inius. Dalle fonti storiche risulta che la denominazione relativa a Mutignano abbia subito nel corso dei secoli diverse trasformazioni: già nel Catalogus Barorum del XII secolo, Berardo, abate dell'abbazia di San Giovanni in Venere, è titolare del feudo di "Mutiguianum". Nel 1275 Giordano, abate di San Giovanni in Venere, chiede che gli venga prestato giuramento di fedeltà per le sue quote di possesso di "Mitignano". Nel 1462 Ferdinando I di Napoli restituisce a Giulio Antonio d'Acquaviva i possedimenti del padre, includendovi l'abitato "Mitignani". Nel 1502 Luigi XII conferma ad Andrea Matteo III d'Acquaviva il casale "Mutignani". Nel 1659 "Villa Mutignani" consisteva in un castello di circa mille abitanti. Nel 1729 ottiene la separazione dal tenimento di Atri e nel 1809 viene istituito il comune di Mutignano.

Il territorio costiero del comune, noto come Villa Filiani, si articolava dal fosso del Cerrano al fosso del Calvano. Era abitato fin dall'antichità, come testimoniato dai ritrovamenti di mattoni con il marchio risalente all'epoca romana. Altre testimonianze sono attestate dalla presenza, a nord del Calvano, di un'osteria e ancora più sopra di un molino, la cui esistenza risalirebbe al II secolo. Lo stesso fosso del Cerrano aveva costituito per secoli un valido approdo: fino al Medioevo era noto come porto di Atri, ed è il luogo dove sorge la Torre di Cerrano. La torre già nel XIII secolo subì notevoli restauri, fino alla sua distruzione nel 1447 durante l'attacco sferrato dalla flotta della Repubblica di Venezia in rotta con gli Angioini. Nel 1531 i resti della torre vennero ceduti a privati, mentre il porto ormai abbandonato venne rimpiazzato da un piccolo approdo, in prossimità del fosso del Calvano. Nel 1582 la torre venne ricostruita, inserendosi nel sistema difensivo delle Torri costiere del Regno di Napoli. Lo sviluppo della fascia litoranea si avvia nel XIX secolo, permesso dalla costruzione delle prime arterie viarie. In seguito alla costruzione tra il 1808 e il 1815 a sud del Calvano della strada litoranea, antenata della strada statale 16 Adriatica, sorsero le prime modeste abitazioni, tra cui la villa della famiglia Filiani che darà il nome alla frazione. La localizzazione della stazione ferroviaria Atri-Mutignano nel territorio del comune di Mutignano, nei pressi della frazione Villa Filiani, darà un ulteriore impulso allo sviluppo della zona, che andrà assumendo un peso sempre maggiore già agli inizi del XX secolo. Ad opera della famiglia Filiani vennero impiantate negli anni 1922-1924 due estese pinete nel territorio comunale, una lungo la fascia litoranea di circa duecento pini su una superficie di cinquecento ettari e una nei territori collinari con simile estensione. Tale fu l'impatto delle pinete sul paesaggio cittadino che tutta la zona costiera assunse il toponimo Pineto. Nel 1927 il comune di Mutignano si trovò in difficoltà economiche, e su richiesta del suo podestà venne brevemente aggregato al comune di Atri. Già il 28 marzo 1929 il territorio pertinente il comune di Mutignano viene distaccato dal comune di Atri e ricostituito in comune autonomo, con il nuovo nome di Pineto. Il trasferimento della sede municipale da Mutignano, divenuta frazione, a Pineto avverrà con deliberazione podestarile del 30 maggio 1930. Nonostante l'opposizione dell'amministrazione comunale di Atri, i pareri contrari della Deputazione provinciale e della federazione fascista di Teramo, viene emanata la legge 22 dicembre 1932 n. 1703 con la quale si disponeva l'ampliamento della circoscrizione territoriale del comune di Pineto, aggregandosi la parte del territorio del comune di Atri situata tra il comune di Pineto e il fiume Vomano, comprendenti le località Calvano e Scerne. Con R.D. 9 novembre 1933 venivano, infine, stabiliti i confini territoriali.[8]

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Architetture religiose[modifica | modifica wikitesto]

Chiesa di Sant'Agnese e San Silvestro
Chiesa di Sant'Agnese e San Silvestro

La chiesa è la parrocchiale del comune, costruita tra il 1926 e il 1935 dalla famiglia Filiani, con donazione di Luigi Corrado Filiani. Lo stile adottato è un eclettismo tra il romanico delle basiliche di Roma, con tracce di elementi goticheggianti. La facciata principale in mattoni ha un pronao in stile romano a capitelli ionici, con iscrizione latina, e copertura a falda inclinata. La composizione termina con una facciata semplice a capanna. Il campanile è una torre che ugualmente rispecchia le fattezze delle basiliche romane, specialmente per quanto riguarda le arcate dei lati. La pianta della chiesa è a basilica, con bracci sporgenti del transetto e abside semicircolare. L'interno ha decorazioni gotiche e romaniche, diviso in tre navate con archi a tutto sesto. L'abside in intonaco bianco funge da punto focale con il transetto, dove si innalza una piccola cupola rotonda. La copertura del soffitto è a capriate lignee; di storico si conserva un ritratto quattrocentesco di San Silvestro, attribuito ad Andrea De Litio.

Chiesa di Santa Maria Immacolata

Si trova in Borgo Santa Maria Immacolata, costruita nel 1982 seguendo uno stile antico, che la fa somigliare ad una chiesa romanica. Il rivestimento esterno è in laterizio, la pianta è rettangolare con una facciata squadrata preceduta da un portico. La facciata è decorata da un rosone ad oblò e da quattro paraste orizzontali. L'interno è a navata unica, in stile moderno-classicheggiante.

Chiesa della Sacra Famiglia di Nazareth

Si trova nella frazione di Scerne, principale chiesa fino alla costruzione della nuova parrocchia del Beato Giovanni XXIII. Fu costruita dopo la seconda guerra mondiale, in uno stile classico che ricorda il romanico. L'edificio è interamente in mattoni, con copertura a capanna, originariamente a capriate lignee. Il portale è ad architrave piano, sormontato da una lunetta e preceduto da piccolo portico. Le colonne sostengono la torre campanaria che si erge al centro della facciata, seguendo il modello delle antiche chiese romaniche abruzzesi. L'interno è a navata unica, separata dalla zona presbiteriale, sopraelevata da tre gradini e da un arco trionfale a tutto sesto, che si ispira sempre al modello romanico. Lungo le pareti laterali ci sono due piccole absidi, in una delle quali si trova la statua di San Gabriele dell'Addolorata e l'organo ligneo con il coro. Nell'altra ci sono le statue della Madonna Addolorata, il Sacro Cuore, Sant'Antonio da Padova e Gesù nel sepolcro. Dal 2008 la parrocchia è affidata ai Padri Salvatoriani.

Parrocchia del Beato Giovanni XXIII

Detta anche Nuova Parrocchia della Sacra Famiglia, è una moderna costruzione a pianta semicircolare. Le opere di costruzione iniziarono nel 1979, quando la frazione di Scerne per la grandezza cominciò a necessitare di una chiesa più grande, e l'edificio fu realizzato in breve tempo e consacrato nel 1981. Presso la facciata si trova un piccolo porticato con colonnine unite da archi a tutto sesto. A sinistra dell'edificio si erge il campanile a pianta quadrata; l'interno è a semicerchi concentrici, con al centro l'altare maggiore. Sul punto focale inoltre si innalza una piccola cupola circolare.

Chiesa di San Silvestro Papa di Mutignano

La chiesa di San Silvestro è il principale edificio religioso della frazione di Mutignano e risale al XII secolo. Al centro della facciata in laterizio vi è il campanile con basamento a scarpa e cuspide ottagonale e alla base un portale a tutto sesto che immette all'interno; i battenti del portale sono stati donati dal duca di Atri Giosia Acquaviva. L'interno è a navata unica con cappelle laterali e soffitto a capriate lignee. Di interesse una pala quattrocentesca di San Silvestro presso l'altare, di Andrea De Litio.

Architetture civili[modifica | modifica wikitesto]

Villa Filiani
Villa Filiani

Si trova vicino alla chiesa parrocchiale ed ospita il centro etnomusicologico d'Abruzzo; i beni conservati nella villa sono legati alla tradizione storica abruzzese. L'aspetto dell'edificio è eclettico, essendo stato costruito negli anni venti del Novecento: prevale lo stile neorinascimentale, con pianta quadrata ed una torretta centrale, anch'essa a base quadrata. Ciascun lato è ornato da una cornice a motivi floreali; presso i due lati opposti si trovano dei piccoli portici.

Villa Padula

Si trova lungo il viale D'Annunzio ed è stata una delle prime costruzioni alberghiere di Pineto, progettata negli anni venti come abitazione privata del chirurgo Fabrizio Padula, da cui il nome. Negli anni quaranta la villa venne trasformata in albergo e fu una delle strutture ricettive principali di Pineto fino alla chiusura, avvenuta nel 1999, quando venne realizzato il più moderno Hotel Garden. La villa ha pianta rettangolare e si sviluppa su due piani di diverse dimensioni. L'esterno è caratterizzato da uno stile eclettico Liberty del gotico: sono presenti diversi ordini di arcate a sesto acuto, di cui uno misto che ricorda gli archi moreschi dell'Andalusia. Il colore della villa è rosso porpora, a differenza della cornice bianca delle arcate.

Architetture militari[modifica | modifica wikitesto]

Torre di Cerrano
Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Torre di Cerrano.
Torre di Cerrano

La torre di Cerrano faceva parte del porto romano di Atri. Dedicata alla dea Cerere, fu ampliata nel Cinquecento dai viceré spagnoli Álvarez de Toledo ed Afan de Ribera. Appartenne come torre di controllo per tutta la durata del Regno di Napoli, fino alla ristrutturazione negli anni novanta del XX secolo. È sede dell'area marina protetta Torre del Cerrano. Al suo interno si svolgono le attività del laboratorio relazione uomo-animale e benessere animale dell'istituto zooprofilattico sperimentale dell'Abruzzo e del Molise "Giuseppe Caporale". Nel tratto di mare antistante la torre si trovano strutture sommerse, visibili in caso di bassa marea, che si ipotizza siano parte della struttura dell'antico porto romano di Atri[9].

Aree naturali[modifica | modifica wikitesto]

Pineta Filiani

Si trova presso la torre di Cerrano, voluta da Luigi Corrado Filiani nei primi anni del Novecento. La pineta litoranea fu modellata nel 1923 con la bonifica dell'area circostante, con il livellamento del terreno e l'impiantamento di 2 000 alberi di pino alti circa 6 metri. In seguito furono realizzati dal Corpo forestale dello Stato due diversi impianti, di cui il primo a pino d'Aleppo e il secondo sempre usando il pino domestico.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione demografica[modifica | modifica wikitesto]

Abitanti censiti[10]

Etnie e minoranze straniere[modifica | modifica wikitesto]

Pineto ha conosciuto negli anni settanta del XX secolo un notevole flusso migratorio proveniente dall'estero. In città si sono così venuti a formare consistenti nuclei di stranieri originari, per la maggior parte, dei paesi dell'Europa orientale. Gli stranieri censiti (935 in totale) costituivano, al 31 dicembre 2016, il 6,1% della popolazione complessiva del comune (15 016 abitanti), ed erano così suddivisi[11]:

  1. Romania: 306
  2. Albania: 218
  3. Polonia: 48
  4. Brasile: 47
  5. Russia: 31
  6. Marocco: 28
  7. Filippine: 26
  8. Macedonia: 26
  9. Cina: 21
  10. Ucraina: 21

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Turismo[modifica | modifica wikitesto]

La spiaggia con la torre di Cerrano

Pineto è una frequentata località balneare, dal 2006 insignita della Bandiera blu[12].

Il 21 novembre 2010 è stato riaperto al pubblico il parco Filiani, un'area verde collinare originariamente creata tra le due guerre da Luigi Corrado Filiani su parte della propria azienda agricola[13]; in essa, oltre a varie specie arboree e alla presenza di diverse famiglie di animali, sono presenti anche sentieri e percorsi ciclopedonali.

Infrastrutture e trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

Stazione di Pineto-Atri

Il comune è attraversato dalla ferrovia Adriatica, con scalo nella stazione di Pineto-Atri, che serve anche l'omonimo centro abitato.

Amministrazione[modifica | modifica wikitesto]

Periodo Primo cittadino Partito Carica Note
6 giugno 1993 27 aprile 1997 Serenella Lemmi Lista Civica di Sinistra Sindaco [14]
28 aprile 1997 13 maggio 2001 Giorgio Parisse Lista Civica di Centro-sinistra Sindaco [15]
14 maggio 2001 28 giugno 2003 Paolo Di Domenico Lista Civica di Centro-destra Sindaco [16]
29 giugno 2003 13 giugno 2004 Eugenio Matronola Commissario Prefettizio [17]
14 giugno 2004 31 ottobre 2013 Luciano Monticelli Lista Civica di Centro-sinistra Pineto Democratica Sindaco [18][19]
1º novembre 2013 25 maggio 2014 Pierpaolo Pigliacelli Commissario Prefettizio [20]
26 maggio 2014 in carica Robert Verrocchio Lista Civica Scegliamo Pineto - PD Sindaco [21]

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Pineto è rappresentato in varie discipline sportive: le principali società sportive sono l'A.S.D. Pineto Calcio, il Pineto Volley, il Pineto Basket, il Pineto Baseball e l'A.S.D. Terre del Cerrano.

Ciclismo[modifica | modifica wikitesto]

Il litorale di Pineto è percorso, in tutta la sua lunghezza, da una pista ciclabile che fa parte della costruenda ciclovia Adriatica. Quest'ultima, una volta completata, si svilupperà lungo l'intera linea costiera adriatica, con benefici sulla mobilità ecosostenibile locale e ricadute sull'economia turistica generati, in tutte le stagioni, dal cicloturismo. La pista si estende fino alla frazione di Scerne per arrivare fino alla Torre di Cerrano dove è stata recentemente estesa la pista ciclabile.

Tennis[modifica | modifica wikitesto]

Vi sono a Pineto presenti anche due campi da tennis in terra rossa che ad oggi sono posseduti dalla associazione A.S.D "Gli Oleandri" .

Note[modifica | modifica wikitesto]

Annotazioni
Riferimenti
  1. ^ Città di Pineto – Bilancio sociale (PDF), su comune.pineto.te.it.
  2. ^ a b Lajatico è il Comune più ricco d'Italia. La mappa dei redditi degli italiani pre-pandemia, in Il Sole 24 Ore, 27 maggio 2021.
  3. ^ a b Bilancio demografico mensile anno 2022 (dati provvisori), su demo.istat.it, ISTAT.
  4. ^ Classificazione sismica (XLS), su rischi.protezionecivile.gov.it.
  5. ^ Tabella dei gradi/giorno dei Comuni italiani raggruppati per Regione e Provincia (PDF), in Legge 26 agosto 1993, n. 412, allegato A, Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile, 1º marzo 2011, p. 151. URL consultato il 25 aprile 2012 (archiviato dall'url originale il 1º gennaio 2017).
  6. ^ AA.VV., Grande Atlante d'Italia De Agostini, Novara, Istituto Geografico De Agostini, 1987, p. 235.
  7. ^ Clima di Pineto, su meteoblue.com.
  8. ^ Comune di Pineto – Archivio storico comunale. Inventario 1799-1966 (PDF), su comune.pineto.te.it, ottobre 2006.
  9. ^ Ernesto Iezzi, pp. 58-64.
  10. ^ Statistiche I.Stat - ISTAT;  URL consultato in data 28-12-2012.
  11. ^ Pineto – Cittadini stranieri: popolazione residente e bilancio demografico al 31 dicembre 2016, su istat.it, ISTAT.
  12. ^ Lista delle bandiere blu 2015, su bandierablu.org.
  13. ^ Luigi Corrado Filiani, su comune.pineto.te.it. URL consultato il 24 novembre 2012 (archiviato dall'url originale il 3 dicembre 2013).
  14. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle Elezioni amministrative del 6 giugno 1993, su elezionistorico.interno.gov.it.
  15. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle Elezioni amministrative del 27 aprile 1997, su elezionistorico.interno.gov.it.
  16. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle Elezioni amministrative del 23 maggio 2001, su elezionistorico.interno.gov.it.
  17. ^ Gazzetta Ufficiale, Serie n. 197 del 26 agosto 2003, Decreto presidente della Repubblica 31 luglio 2003, su gazzettaufficiale.biz.
  18. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle Elezioni amministrative del 12 giugno 2004, su elezionistorico.interno.gov.it.
  19. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle Elezioni amministrative del 7 giugno 2009, su elezionistorico.interno.gov.it.
  20. ^ Gazzetta Ufficiale, Serie n. 292 del 13 dicembre 2013, Decreto presidente della Repubblica 28 novembre 2013, su gazzettaufficiale.biz.
  21. ^ Archivio storico delle Elezioni del Ministero dell'Interno, Risultato delle Elezioni amministrative del 25 maggio 2014, su elezionistorico.interno.gov.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàSBN CAGL000082
  Portale Abruzzo: accedi alle voci di Wikipedia che parlano dell'Abruzzo