Antonio Mateu Lahoz

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Antonio Miguel Mateu Lahoz
Antonio Mateu Lahoz.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Spagna Spagna
Professione Insegnante di educazione fisica
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
2008 - Primera División Arbitro
Attività internazionale
2011 - UEFA e FIFA Arbitro
Esordio Colombia - Ecuador 2 - 0
26 marzo 2011

Antonio Miguel Mateu Lahoz (Algimia de Alfara, 12 marzo 1977) è un arbitro di calcio spagnolo.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha fatto il suo debutto nel massimo campionato spagnolo il 13 settembre del 2008, dirigendo nell'occasione un match tra Siviglia e Sporting Gijón. Da allora ad oggi, ha diretto oltre 100 partite di Liga. È internazionale dal 1º gennaio del 2011. Pochi giorni dopo, il 26 marzo dello stesso anno, ottiene subito la sua prima designazione internazionale e l'esordio in una gara tra nazionali maggiori: dirige infatti un'amichevole tra Colombia e Ecuador, disputatasi eccezionalmente a Madrid e terminata 2-0. Nei mesi successivi, fa alcune apparizioni in gare tra nazionali giovanili e preliminari di Europa League.

Il 1º dicembre 2011 fa il suo esordo nella fase a gironi di Europa League, dirigendo un match della quinta giornata tra i tedeschi dello Schalke 04 e i rumeni della Steaua Bucarest. Un anno dopo, nel dicembre 2012 ottiene per la prima volta la fase a gironi della Champions League, venendo designato per un match della sesta giornata, tra i francesi del Montpellier e i tedeschi dello Schalke 04, questi ultimi già diretti anche l'anno precedente. In campo nazionale, il 16 aprile 2014 dirige per la prima volta la finale di Copa del Rey, disputatasi nell'occasione tra Barcelona e Real Madrid.

Nel marzo 2015 viene resa nota dalla FIFA la sua convocazione al Mondiale Under 20, in programma tra maggio e giugno 2015 in Nuova Zelanda[1]. Qui dirige due gare, dapprima nella fase a gironi Stati Uniti-Nuova Zelanda, giocata il 2 giugno a Auckland e conclusasi 4:0, e successivamente, il 10 giugno a Dunedin, il sedicesimo di finale tra la Serbia e l'Ungheria 2:1 dopo i tempi supplementari.

Il 13 novembre 2015 è stato l'arbitro dell'amichevole tra Francia e Germania allo Stade de France, passata alla storia per essere stata una degli obiettivi degli attacchi terroristici alla capitale francese. Successivamente, a tal riguardo, ha dichiarato di non essere stato mai al corrente, durante l'arco di tutta la gara, né tantomeno di essere stato informato da qualcuno, riguardo a cosa stesse realmente accadendo fuori dallo stadio.[2]

Nel maggio 2016 viene ufficialmente designato per il Torneo Olimpico maschile di Rio de Janeiro, in programma dal 3 al 20 agosto 2016. Debutta il 4 agosto a Brasilia dirigendo il debutto dei padroni di casa del Brasile contro il Sudafrica (0:0). Secondo impegno il 10 agosto sempre a Brasilia per il match tra Honduras e Argentina, decisivo per il passaggio ai quarti di finale nell'ambito del Gruppo "D". Terminato 1 a 1, tale risultato provoca la clamorosa eliminazione al primo turno della squadra argentina.

Nell'aprile 2017 viene resa nota dalla FIFA la sua convocazione al Mondiale Under 20, in programma tra maggio e giugno 2017 in Corea del Sud[3]. Nel maggio 2017 viene designato, per la prima volta in carriera, per una semifinale di UEFA Champions League. Nell'occasione dirige la gara di andata della sfida tra Monaco e Juventus (0-2). Nel novembre dello stesso anno è designato dalla FIFA per dirigere il ritorno dei play-off UEFA, tra Italia e Svezia, valido per il mondiale di Russia 2018 ed Il 29 marzo seguente viene selezionato ufficialmente dalla FIFA per i mondiali di Russia 2018.[4]

Ai mondiali di Russia dirige due gare della fase a gironi, venendo impiegato solo come quarto ufficiale successivamente per la fase ad eliminazione diretta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]