Stadio Tre Fontane

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stadio Tre Fontane
Roma Stadio Tre Fontane.jpg
L'impianto nel 2009
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneV. d. Tre Fontane 5
00144 Roma
Inizio lavori1957
Inaugurazione1959
StrutturaPianta rettangolare
Ristrutturazione2015
Dim. del terrenoErba
ProprietarioComune di Roma
ProgettoMaurizio Clerici
Prog. strutturaleingg. Pagani e Lombardi
Uso e beneficiari
Rugby a 15Rugby Roma
CalcioRoma
Football americanoMarines Lazio
Capienza
Posti a sedere4 000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 41°50′28″N 12°28′12″E / 41.841111°N 12.47°E41.841111; 12.47Lo stadio “Tre Fontane” è un impianto sportivo multifunzione che si trova a Roma nel quartiere dell'EUR.

Prende il nome dalla zona nel quale si trova, e dalla strada sulla quale si affaccia il suo accesso principale, via delle Tre Fontane.

L'impianto, dotato di due tribune laterali in cemento per una capienza totale di 4 000 posti, fu fino al 2011 il terreno delle gare interne della Rugby Roma, compagine professionistica di rugby a 15 della Capitale, ed è parte di un più vasto insieme di installazioni sportive noto come "Complesso sportivo Tre Fontane".

Dal 2017 ospita gli incontri interni dei Marines Lazio, sezione di football americano della S.S. Lazio.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

L'impianto sorge all'estremità occidentale del complesso sportivo omonimo, costruito in occasione dei Giochi olimpici del 1960 che si tennero a Roma, e fu inaugurato nel 1959[1]; l'intera area copre circa 170 000 e fu progettata dall'architetto Maurizio Clerici[2] con la consulenza strutturale degli ingegneri Pagani e Lombardi, direttori dei lavori[2].

L'esigenza era quella di dotare anche la zona Sud della Capitale di impianti adeguati a ospitare i Giochi olimpici[3] per alleggerire quella settentrionale dove già insistevano opere come lo Stadio Olimpico, il Flaminio e il complesso sportivo dell'Acqua Acetosa.

Un incontro di hockey su prato ai Giochi olimpici del 1960

Il progetto del complesso prevedeva anche altri impianti sportivi, da utilizzare per l'hockey su prato e il pattinaggio[2].

Durante i Giochi olimpici il complesso ospitò diversi incontri del torneo di hockey su prato[2].

Per tutti gli anni sessanta e fino all'apertura del centro di Trigoria nei primi anni ottanta il complesso fu utilizzato dalla società calcistica Roma come campo d'allenamento e terreno delle proprie giovanili[4]; prima di ospitare gli incontri della prima squadra del Rugby Roma, inoltre, ospitò lo spareggio tra L’Aquila e Fiamme Oro per decidere l'assegnazione dello scudetto 1966-67[5], appannaggio in tale occasione del "quindici" abruzzese.

A metà anni ottanta la Rugby Roma assunse la gestione dell'impianto, che fu quello dove giocò anche la stagione regolare e le semifinali del campionato 1999-2000 che vide la conquista del quinto e più recente scudetto del club (la finale si tenne allo Stadio Flaminio). La società continuò a utilizzare l'impianto fino al 2011, quando fu esclusa dal campionato a causa della sua situazione finanziaria[6].

Non esiste una gestione unitaria del complesso, di proprietà del Comune di Roma: la zona dello stadio propriamente intesa, insieme agli impianti che sorgono sul lato occidentale di via Cristoforo Colombo, è in gestione a un'associazione temporanea di imprese che vede, tra gli altri, presenti la Nuova Rugby Roma, società nata sulle ceneri della precedente esclusa nel 2011[4][7], e che a propria volta ha subaffittato alla Roma una parte dell'impianto[7] di cui la società necessita al fine di avere un campo omologato dall'UEFA per la Youth League[4].

La sezione orientale del complesso, invece, è in gestione al Comitato Italiano Paralimpico che dal 2013 sta intraprendendo lavori per creare una struttura multisportiva agibile sia da persone normodotate che disabili[8].

Con un comunicato del 27 febbraio 2017 i Marines Lazio, sezione di football americano della S.S. Lazio, hanno annunciato l'adozione del "Tre Fontane" quale terreno interno[9].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Dieci miliardi di lavori pubblici per le Olimpiadi di Roma del 1960, in La Stampa, 7 ottobre 1959, p. 10. URL consultato il 23 ottobre 2013.
  2. ^ a b c d 1960 Olympics, vol. I, pag. 76
  3. ^ Zona Sportiva Tre Fontane, su roma1960.it, Comitato Olimpico Nazionale Italiano. URL consultato il 31 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2016).
  4. ^ a b c Alessandro Austini, La Roma torna al Tre Fontane, in il Tempo, 6 maggio 2015. URL consultato il 31 marzo 2016 (archiviato dall'url originale il 7 maggio 2015).
  5. ^ L'Aquila «tricolore» di rugby, in l'Unità, 1º maggio 1967. URL consultato il 17 febbraio 2016 (archiviato dall'url originale il 17 febbraio 2016).
  6. ^ Comunicato federale FIR nº 1 stagione sportiva 2011-12 (PDF), su federugby.it. URL consultato il 9 agosto 2011.
  7. ^ a b Roma, rinasce lo storico stadio Tre Fontane, in Corriere dello Sport, 7 dicembre 2015. (archiviato dall'url originale il 31 marzo 2016).
  8. ^ Impianto sportivo “Tre Fontane” – Roma, su comitatoparalimpico.it, Comitato Italiano Paralimpico. URL consultato il 31 marzo 2013 (archiviato dall'url originale il 3 maggio 2015).
  9. ^ Sarà il “Tre Fontane” il campo da gioco dei Marines, su sslazio.org, Società Sportiva Lazio, 27 febbraio 2017. URL consultato il 28 marzo 2017 (archiviato dall'url originale il 28 marzo 2017).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]