Angelo Ogbonna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Angelo Ogbonna
Angelo Ogbonna BGR-ITA 2012.jpg
Ogbonna nel 2012 con la maglia dell'Italia
Nome Angelo Obinze Ogbonna
Nazionalità Italia Italia
Altezza 191[1] cm
Peso 86[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Squadra West Ham
Carriera
Giovanili
2002-2006 Torino
Squadre di club1
2006-2007 Torino 4 (0)
2007-2008 Crotone 22 (0)[2]
2008-2013 Torino 143 (1)[3]
2013-2015 Juventus 41 (0)
2015- West Ham 26 (0)
Nazionale
2009-2010 Italia Italia U-21 10 (0)
2011-2014 Italia Italia 10 (0)
Palmarès
UEFA European Cup.svg Europei di calcio
Argento Polonia-Ucraina 2012
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 9 febbraio 2016

Angelo Ogbonna (Cassino, 23 maggio 1988) è un calciatore italiano, difensore del West Ham.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce in Italia da genitori nigeriani e cresce a Cassino, in provincia di Frosinone.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Il suo ruolo naturale è quello di difensore centrale, ma è stato impiegato anche da terzino. È forte fisicamente ma anche veloce, potente e dotato di un buon sinistro che abbina a una discreta visione di gioco.[4]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi a Torino e Crotone[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la carriera calcistica in una squadra giovanile di Cassino, nella quale ricopre il ruolo di difensore centrale. Nel 2002 viene notato dal Torino, che, su indicazione di Antonio Comi,[5] lo acquista per 3 000 euro inserendolo nel proprio settore giovanile.[6] Nella stagione 2006-2007 viene spesso aggregato alla prima squadra e l'11 febbraio 2007 debutta in Serie A a 18 anni, in Torino-Reggina (1-2), scelto come titolare dall'allenatore Alberto Zaccheroni.[7] Alla fine della stagione totalizza 4 presenze in campionato.

Nell'agosto seguente si trasferisce in prestito al Crotone,[8] in Serie C1, con cui riesce a fare esperienza disputando 22 partite di campionato e sfiorando la promozione in Serie B, sfumata nelle semifinali play-off.

Ritorno a Torino[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2008-2009 ritorna quindi a Torino, collezionando 19 presenze in campionato e 4 in Coppa Italia, ma la stagione si rivela negativa per la squadra, con la retrocessione dei granata nella serie cadetta. Con il torneo 2009-2010 conquista un posto da titolare nel reparto difensivo della squadra. Realizza inoltre il suo primo e unico gol in maglia granata, il 17 aprile 2010, nella sfida contro il Cesena terminata 1-1,[9] ed è titolare anche nei play-off persi in finale contro il Brescia.

Il 15 agosto 2010, nel secondo turno di Coppa Italia di fronte al Cosenza (battuto 3-1 ai supplementari), indossa per la prima volta la fascia di capitano del Torino.[10] Il campionato, in cui colleziona 35 presenze, termina con l'8º posto in classifica e i play-off sfumati all'ultima giornata, con la sconfitta contro il Padova. Il 31 agosto 2011, in occasione della seconda giornata del campionato 2011-12 Torino-Cittadella (1-1), colleziona la 100ª presenza con la maglia granata.

Juventus e West Ham[modifica | modifica wikitesto]

Ogbonna in azione alla Juventus nell'estate del 2014

L'11 luglio 2013 passa dal Torino ai concittadini della Juventus per 13 milioni di euro (più 2 di bonus legati al raggiungimento di determinati obiettivi);[11][12] Ogbonna diventa il primo calciatore della storia cresciuto nella squadra granata, fino a diventarne capitano, a passare ai rivali juventini,[13] scatenando per questo molte antipatie nei suoi vecchi sostenitori del Toro.[14] Veste la maglia bianconera per due stagioni, nelle quali contribuisce alla vittoria di altrettanti scudetti, di una Coppa Italia e di una Supercoppa italiana,[15] i primi trofei della sua carriera, senza tuttavia riuscire a imporsi come titolare.

Il 10 luglio 2015 passa quindi a titolo definitivo alla formazione inglese del West Ham[16] per 11 milioni di euro.[15] Il 30 dello stesso mese fa il suo esordio con la nuova maglia, nel terzo turno preliminare di Europa League contro i rumeni dell'Astra Giurgiu, rendendosi suo malgrado protagonista dell'autogol che vale il 2-2 finale.[17] Esordisce in Premier League il 9 agosto seguente, nella vittoria per 2-0 contro l'Arsenal all'Emirates Stadium. Il 9 febbraio 2016 segna la sua prima rete con gli Hammers, decidendo al 121' minuto dei tempi supplementari la sfida di FA Cup contro il Liverpool (2-1); nell'occasione torna al gol dopo quasi sei anni.[18]

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2009 è convocato dalla Nigeria, allenata da Shaibu Amodu, per le amichevoli contro Irlanda e Francia, tuttavia rifiuta la convocazione nella speranza di una chiamata da parte della Nazionale italiana.[19][20]

Il 12 agosto 2009 esordisce nell'Italia Under-21 nella partita amichevole persa 3-2 contro la Russia e giocata a San Pietroburgo.[21] Giocando in coppia con Andrea Ranocchia al centro della difesa, partecipa alle qualificazioni all'Europeo 2011 e al doppio spareggio contro la Bielorussia, che sancisce l'eliminazione degli azzurrini.[22] Il suo ciclo si conclude dunque in anticipo, con 10 presenze al suo attivo.

Il 3 giugno 2011 riceve la sua prima convocazione nell'Italia da parte di Cesare Prandelli, in sostituzione dell'infortunato Alberto Aquilani:[23] è la quarta volta nei precedenti trent'anni (gli altri casi furono Chinaglia nel 1972, Carnasciali nel 1993 e Maccarone nel 2002) che un giocatore della Serie B è aggregato alla Nazionale maggiore (escludendo i giocatori della Juventus post-Calciopoli, e la coppia Baresi-Collovati del Milan dopo lo scandalo del Totonero). Viene convocato anche il 10 agosto successivo per un'amichevole contro la Spagna,[24] e rimane nel gruppo per le successive gare di qualificazione all'Europeo 2012, senza esordire.[25]

Il debutto in Nazionale maggiore arriva l'11 novembre, a ventitré anni, subentrando a Domenico Criscito al 77' dell'amichevole Polonia-Italia (0-2) disputata a Breslavia.[26] Alla sua seconda presenza, il 29 febbraio 2012, viene schierato come titolare nella partita amichevole persa 1-0 contro gli Stati Uniti.[27] Viene quindi inserito nella lista dei 23 convocati per il campionato d'Europa 2012 in Polonia e Ucraina, nel quale tuttavia non viene mai impiegato.[28]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 10 febbraio 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2006-2007 Italia Torino A 4 0 CI 0 0 - - - - - - 4 0
2007-2008 Italia Crotone C1 22+2[29] 0 CI-C 1 0 - - - - - - 25 0
2008-2009 Italia Torino A 19 0 CI 4 0 - - - - - - 23 0
2009-2010 B 28+3[30] 1 CI 1 0 - - - - - - 32 1
2010-2011 B 35 0 CI 2 0 - - - - - - 37 0
2011-2012 B 39 0 CI 2 0 - - - - - - 41 0
2012-2013 A 22 0 CI 1 0 - - - - - - 23 0
Totale Torino 147+3 1 10 0 - - - - 160 1
2013-2014 Italia Juventus A 16 0 CI 2 0 UCL+UEL 3+3 0 SI 1 0 25 0
2014-2015 A 25 0 CI 4 0 UCL 1 0 SI 0 0 30 0
Totale Juventus 41 0 6 0 7 0 1 0 55 0
2015-2016 Inghilterra West Ham PL 26 0 FACup+CdL 4 1 UEL 1 0 - - 24 1
Totale carriera 230+5 1 21 1 8 0 1 0 264 2

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Italia Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
11-11-2011 Breslavia Polonia Polonia 0 – 2 Italia Italia Amichevole - Ingresso al 77’ 77’
29-2-2012 Genova Italia Italia 0 – 1 Stati Uniti Stati Uniti Amichevole -
1-6-2012 Zurigo Italia Italia 0 – 3 Russia Russia Amichevole - Ingresso al 54’ 54’
15-8-2012 Berna Italia Italia 1 – 2 Inghilterra Inghilterra Amichevole -
7-9-2012 Sofia Bulgaria Bulgaria 2 – 2 Italia Italia Qual. Mondiali 2014 - Ammonizione al 64’ 64’, Uscita al 69’ 69’
31-5-2013 Bologna Italia Italia 4 – 0 San Marino San Marino Amichevole -
10-9-2013 Torino Italia Italia 2 – 1 Rep. Ceca Rep. Ceca Qual. Mondiali 2014 - Ingresso al 76’ 76’
15-11-2013 Milano Italia Italia 1 – 1 Germania Germania Amichevole - Ingresso al 71’ 71’
19-11-2013 Londra Italia Italia 2 – 2 Nigeria Nigeria Amichevole -
13-10-2014 Ta' Qali Malta Malta 0 – 1 Italia Italia Qual. Euro 2016 - Ingresso al 76’ 76’
Totale Presenze 10 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 2013-2014, 2014-2015
Juventus: 2013
Juventus: 2014-2015

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Angelo Ogbonna, su juventus.com.
  2. ^ 24 (0) se si comprendono anche i play-off della Serie C1.
  3. ^ 146 (1) se si comprendono anche i play-off della Serie B.
  4. ^ Torino: Fenomeno Ogbonna, gioiello per l'estate, su tuttomercatoweb.com, 5 febbraio 2011. URL consultato il 15 luglio 2013.
  5. ^ Marina Beccuti, Comi "consiglia" la Roma ad Ogbonna, su torinogranata.it, 30 agosto 2011. URL consultato il 13 ottobre 2011.
  6. ^ Pietro Ivaldi, Ogbonna, questione di testa, in La Stampa, 5 febbraio 2011, p. 43. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  7. ^ Roberto Condio, Il Toro ai raggi X, in La Stampa, 12 febbraio 2007, p. 53. URL consultato il 30 dicembre 2010.
  8. ^ Cioffi all'Ascoli, Ogbonna al Crotone, Torino F.C., 31 agosto 2007. URL consultato il 16 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 6 settembre 2007).
  9. ^ Pareggio interno per i granata, su torinofc.it, 17 aprile 2010. URL consultato il 1º agosto 2011. [collegamento interrotto]
  10. ^ Torino - Cosenza LIVE 3-1, Torino F.C., 15 agosto 2010. URL consultato il 16 gennaio 2016 (archiviato dall'url originale il 18 agosto 2010).
  11. ^ Ogbonna è bianconero, su juventus.com, 11 luglio 2013. URL consultato l'11 luglio 2013.
  12. ^ Grazie Ogbonna, su torinofc.it, 11 luglio 2013. URL consultato l'11 luglio 2013.
  13. ^ Emanuele Gamba, Ogbonna, capitano granata che volle farsi juventino, in la Repubblica, 10 luglio 2013. URL consultato il 10 luglio 2013.
  14. ^ "Gobbonna"? No, grazie, su panorama.it, 10 luglio 2013.
  15. ^ a b Grazie, Angelo, su juventus.com, 10 luglio 2015.
  16. ^ (EN) Ogbonna completes Hammers move, su whufc.com, 10 luglio 2015.
  17. ^ (EN) Jacob Steinberg, James Collins sent off as West Ham lose two-goal lead against Astra Giurgiu, su theguardian.com, 30 luglio 2015.
  18. ^ FA Cup, West Ham-Liverpool 2-1: Ogbonna segna al 121' e fa fuori Klopp, su gazzetta.it, 9 febbraio 2016.
  19. ^ Anche il Toro ha il suo 'Amauri': Ogbonna fra due nazionali, su calciomercato.it, 9 maggio 2009. URL consultato il 1º agosto 2011. [collegamento interrotto]
  20. ^ Cristian Meglio, Un pilastro per il futuro, Angelo Ogbonna, su napolisport.net, 21 giugno 2010. URL consultato il 1º agosto 2011.
  21. ^ Azzurrini battuti dalla Russia 3-2, in Il Piccolo, 13 agosto 2009, p. 24. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  22. ^ Azzurrini, addio Europei e Olimpiadi, in Corriere delle Alpi, 13 ottobre 2010, p. 36. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  23. ^ Fabrizio Turco, Ogbonna in maglia azzurra, in la Repubblica, 6 giugno 2011. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  24. ^ Gioia Ogbonna, di nuovo azzurro, in la Repubblica, 6 agosto 2011. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  25. ^ Antonio Forina, Nazionale: convocati Osvaldo e Ogbonna, su sportlive.it, 5 ottobre 2011. URL consultato il 14 ottobre 2011.
  26. ^ Super Mario trascina l'Italia, in la Città, 12 novembre 2011, p. 31. URL consultato il 4 gennaio 2012.
  27. ^ Riccardo Pratesi, Italia affondata dagli Usa, all'Euro dovrà essere diverso, su gazzetta.it, 29 febbraio 2012.
  28. ^ Prandelli punta sui giovani: dentro Verratti, fuori rosa Borriello, Gilardino e Pazzini, su corriere.it, 14 ottobre 2012. URL consultato il 18 maggio 2012.
  29. ^ Play-off Serie C1.
  30. ^ Play-off Serie B.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]