Juventus Football Club 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Juventus line-up vs Malmoe 2014.jpg
I bianconeri artefici del double nazionale
Stagione 2014-2015
Allenatore Italia Massimiliano Allegri
All. in seconda Italia Marco Landucci
Presidente Italia Andrea Agnelli
Serie A 1º posto (in Champions League)
Coppa Italia Vincitrice
Champions League Finale
Supercoppa italiana Finale
Maggiori presenze Campionato: Marchisio, Pereyra (35)
Totale: Bonucci, Marchisio, Pereyra (52)
Miglior marcatore Campionato: Tévez (20)
Totale: Tévez (29)
Stadio Juventus Stadium (41 475)
Abbonati 26 964[1]
Maggior numero di spettatori 41 182 vs Borussia Dortmund (24 febbraio 2015)
Minor numero di spettatori 31 218 vs Malmö FF (16 settembre 2014)
Media spettatori 38 553[1]¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il giovane spagnolo Álvaro Morata, la maggiore rivelazione bianconera dell'annata: con 8 gol in 29 gare di Serie A, nel girone di ritorno scalzerà il connazionale Llorente dall'undici titolare, mentre con le 5 reti nella knockout phase di Champions League contribuirà a riportare la Juventus, dopo 12 anni, in finale nella competizione.

L'avvio di stagione risulta abbastanza movimentato per i colori bianconeri. Al culmine di settimane tormentate, a ritiro estivo iniziato l'allenatore Antonio Conte – tra i maggiori artefici del recente triennio di successi, ma sempre più in dissidio con la dirigenza[2] – rescinde il suo contratto[3] divenendo, di lì a breve, commissario tecnico della nazionale italiana. A sostituirlo sulla panchina juventina arriva Massimiliano Allegri,[4] un nome accolto a Torino dagli addetti ai lavori,[5][6] dagli avversari[7][8] e ancor più da frange del tifo bianconero[9][10] fra non troppo velate perplessità, ma che finirà invece per essere protagonista di una positiva stagione d'esordio con la Vecchia Signora.[11][12][13]

Per quanto concerne la rosa, l'attacco vede la partenza di buona parte dei passati elementi, Vučinić, Quagliarella e Osvaldo, sostituiti dai giovani Coman e Morata prelevati, rispettivamente, da Paris Saint-Germain e Real Madrid; lo spagnolo Morata, in particolare, dopo un avvio in sordina riesce a scalzare nelle gerarchie il connazionale Llorente guadagnandosi, nella seconda parte della stagione, un posto da titolare a fianco di Tévez.[14][15] Il resto dell'organico juventino, che vede le seconde linee Peluso, Isla e De Ceglie (quest'ultimo, per lo spazio del solo girone d'andata) lasciare Torino, si rinforza con gli arrivi del difensore Evra, ex Manchester Utd, e dei centrocampisti Rômulo e Pereyra, rispettivamente da Verona e Udinese; torna inoltre alla base Marrone dopo l'anno trascorso al Sassuolo, mentre dal settore giovanile è promosso in prima squadra Mattiello. Nella sessione invernale, a fronte delle partenze dello stesso Mattiello (in prestito) e dello svincolato Giovinco, c'è il ritorno in bianconero di Matri e il debutto del giovane Sturaro. Sul piano tattico, Allegri sceglie nei primi mesi di continuare a puntare sul collaudato 3-5-2, modulo che ha contraddistinto gli ultimi tre scudetti di marca contiana, decidendo solo nel vivo della stagione di affidarsi maggiormente, soprattutto in campo continentale, a un più offensivo 4-3-1-2[16][17][18] in cui, caso particolare, il ruolo di trequartista è ricoperto da centrocampisti "muscolari" e lontani dal canonico regista, quali Vidal o il neoacquisto Pereyra.[19]

I record di Allegri
Allegri with Milan players (cropped) - 3.jpg
Il tecnico Massimiliano Allegri vince lo scudetto all'esordio in bianconero, come già fece al Milan (2011), diventando il primo nella storia della Serie A a conquistare il tricolore al debutto con due diverse squadre; affianca inoltre Bernardini, Capello, Cargnelli, Liedholm, Trapattoni e Weisz, i soli fregiatisi del titolo italiano alla guida di almeno due club. Con il successivo double nazionale eguaglia infine il tandem Cesarini-Parola (1960) e Lippi (1995), gli unici riusciti in passato a centrare tale accoppiata sulla panchina juventina.

In campionato si delinea inizialmente, sulla falsariga della stagione precedente, un duello al vertice con la Roma. Bianconeri e giallorossi rimangono appaiati in vetta sino allo scontro diretto di Torino del 5 ottobre 2014, vinto dai padroni di casa per 3-2, che permette loro di prendere la testa solitaria della classifica[20] ma non di staccare i capitolini, che nel prosieguo del girone d'andata rimangono a una manciata di lunghezze dai piemontesi creando, di fatto, un solco tra il tandem di testa, che ambisce al titolo, e il resto delle compagini. Con il successo 3-1 in casa del Napoli, campo che non espugnava da 14 anni,[21] l'11 gennaio 2015 la Juventus fa proprio con una giornata d'anticipo il simbolico titolo di campione d'inverno,[22] rivalendosi in qualche modo sui partenopei che, il 22 dicembre addietro, avevano sconfitto i bianconeri ai rigori nella finale di Supercoppa italiana giocata a Doha.[23] In questa prima parte del torneo, col pareggio 1-1 contro la Sampdoria allo Stadium, il 14 dicembre i torinesi mettono fine a una striscia-record di 25 successi interni:[24] un percorso netto che durava dal 4-1 alla Lazio del 31 agosto 2013 e che, dopo ben 66 anni, manda in soffitta il precedente primato (21) stabilito a suo tempo dal Grande Torino sul finire degli anni 40 del XX secolo. Quattro giorni dopo, con la vittoria 3-1 in trasferta sul Cagliari, la squadra chiude l'anno solare con 95 punti conquistati in 37 partite, superando i vecchi record di punti per gara (92 su 37) conseguito dall'Inter nel 2007, e di punti assoluti (94 in 40 match) che lo stesso club bianconero aveva realizzato nel 2012.[25]

In precedenza, in campo europeo, la Juventus aveva cominciato il cammino in Champions League direttamente dalla fase a gironi, inserita in un equilibrato raggruppamento che annovera esclusivamente campioni nazionali: gli spagnoli dell'Atlético Madrid, peraltro finalisti nell'ultima edizione della coppa, i greci dell'Olympiakos e gli svedesi del Malmö FF. Con tre vittorie, un pareggio e due sconfitte, all'ultima giornata i bianconeri accedono alla fase a eliminazione diretta come secondi classificati del gruppo, dietro ai Colchoneros.[26]

I giocatori bianconeri, sul palco d'onore dell'Olimpico di Roma, festeggiano il decimo trionfo in Coppa Italia, conseguito ai supplementari nella finale contro la Lazio, stabilendo il nuovo record di titoli vinti nella competizione.

Con l'inizio del nuovo anno, tra i confini nazionali, completamente agli antipodi dell'andata si rivela invece la tornata di ritorno della Serie A dove, approfittando degl'incostanti risultati delle più vicine inseguitrici, la succitata Roma, un altalenante Napoli nonché una Lazio in risalita, Madama riesce a incrementare settimana dopo settimana il vantaggio in classifica sul tandem capitolino – che in aprile arriva a toccare un distacco massimo di +15[27] –, riuscendo a condurre in porto piuttosto agevolmente la conferma dello scudetto, il quarto consecutivo – una striscia vincente che, in casa bianconera, non si verificava dai tempi del Quinquennio d'oro –, arrivato matematicamente il 2 maggio, a corollario di un torneo percorso sempre in testa, battendo di misura a Marassi i blucerchiati grazie a un gol di Vidal;[28] il club piemontese, che mai prima d'ora aveva conquistato il campionato, nell'èra dei 3 punti a vittoria, con quattro giornate d'anticipo,[29] diventa inoltre il primo, nella storia del calcio italiano, a mettere assieme un filotto di quattro scudetti in due periodi distinti.[30]

Con lo scudetto ormai archiviato, nel mese di maggio la Juventus è l'unica squadra del continente, assieme al Barcellona, a essere ancora in corsa su tre fronti, ciò grazie ai positivi cammini di cui è artefice nelle coppe. Con l'avvio della knockout phase di Champions, le Zebre hanno infatti la meglio dapprima agli ottavi dei tedeschi del Borussia Dortmund, con un doppio successo (2-1 a Torino e 3-0 in Germania),[31] ai quarti dei monegaschi del Monaco, superati di misura (1-0 in Piemonte e 0-0 nel Principato),[32] e poi in semifinale degl'iberici del Real Madrid, uscendo imbattute dal doppio confronto coi detentori del trofeo (2-1 allo Stadium e 1-1 al Bernabéu)[33] e raggiungendo così la finale della massima competizione europea per club – un traguardo che sfuggiva da 12 anni –; il 6 giugno, all'Olympiastadion di Berlino, la squadra non riesce tuttavia a sollevare il trofeo, cedendo 1-3 ai catalani del Barça.[34]

Patrice Evra in contrasto sul blaugrana Lionel Messi all'Olympiastadion di Berlino, nel corso della finale di Champions League.

Dall'esito più felice è il cammino dei torinesi in Coppa Italia dove, dopo 20 anni, tornano a sollevare il trofeo. Entrata in tabellone agli ottavi, la squadra ha la meglio nei primi turni a eliminazione diretta del Verona, superato in goleada,[35] e, con più fatica, di un Parma non destabilizzato dai suoi problemi societari e finanziari.[36] Nella doppia semifinale contro la Fiorentina, i bianconeri superano 3-0 i viola nel retour match di Firenze, rimontando l'1-2 subìto in precedenza a Torino;[37] per la prima volta la Juventus riesce a passare il turno nella principale coppa nazionale dopo aver perso la sfida d'andata, approdando alla sua quindicesima finale nella manifestazione.[38] Nell'atto conclusivo del 20 maggio, all'Olimpico di Roma, l'undici di Allegri supera la Lazio 2-1 in una partita risolta ai supplementari, con la decisiva marcatura di Matri: per i piemontesi è la decima affermazione nel torneo – facendone i primi a raggiungere tale traguardo –, nonché il terzo double nazionale della loro storia[39] dopo i precedenti del 1959-60 e 1994-95.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Il fornitore tecnico della squadra è, per la dodicesima e ultima stagione, Nike, mentre lo sponsor principale è Jeep.[40]

La prima divisa è composta una casacca con nove strisce bianconere, accompagnata da pantaloncini e calzettoni bianchi: nello specifico, inizialmente la maglia si segnalava soprattutto per il ritorno dei numeri sulla schiena dipinti in giallo, inseriti stavolta all'interno di un quadrato bianco come avveniva sulle uniformi juventine a cavallo degli anni 50 e 60 del XX secolo (quando però la numerazione era rossa);[41] tuttavia, a seguito della scarsa leggibilità di questo abbinamento cromatico riscontrata durante il precampionato,[42] con l'esordio in Serie A nomi e numeri hanno mutato colore dal giallo al nero, sempre su fondo bianco.[43] All'interno del colletto è presente il motto «Fino alla fine», frase scelta dai tifosi della Vecchia Signora attraverso un sondaggio online organizzato dalla società sabauda.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa

La seconda divisa consta di un completo blu arricchito da piccoli richiami gialli; sul petto, la maglia è permeata dalla presenza di tre grandi stelle, riportate tono su tono, che si dipanano dallo stemma societario.[41] La terza divisa vede l'adozione del verde, colore raramente usato per le trasferte del club piemontese; questo, virato in versione fluo, si caratterizza per l'adozione della tinta in due distinte tonalità, chiara nella parte frontale e scura in quella posteriore, separate, sia su maglia, pantaloncini e calzettoni, da una linea nera di decorazione.[44] Per i portieri, infine, sono state riservate una prima maglia verde, con decorazioni gialle e bianche sulle maniche, una seconda casacca che si presenta completamente nera, con decorazioni rosse e bianche sulle maniche, una terza opzione grigia, con decorazioni rosse, una quarta maglia gialla con decorazioni verdi, e infine una quinta maglia blu con decorazioni verdi indossata in occasione delle partite interne di Champions League.

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
2ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
3ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
4ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
5ª portiere

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

Area comunicazione

  • Direttore comunicazioni e pubbliche relazioni: Claudio Albanese
  • Responsabile information technology: Claudio Leonardi
  • Internal audit senior manager: Luigi Bocchio
  • Direttore controllo interno: Alessandra Borelli
  • Direttore digital media: Federico Palomba
  • Direttore servizi legali e controllo del rischio: Fabio Tucci
  • Direttore ufficio stampa: Enrica Tarchi
  • Addetto stampa sportivo: Luca Casassa
  • Addetto stampa junior: Cristina Demarie
  • Responsabile comunicazioni corporate e media operations: Gabriella Ravizzotti

Area organizzativa

  • Segretario sportivo: Francesco Gianello
  • Team manager: Matteo Fabris

Area marketing

  • Direttore commerciale: Francesco Calvo
  • Responsabile marketing: Alessandro Sandiano
  • Responsabile contabilità: Alberto Mignone
  • Responsabile eventi e museo: Alessandro Sandiano
  • Responsabile partenariato globale: Nicola Verdun

Area sanitaria

  • Responsabile settore medico: Fabrizio Tencone
  • Responsabile sanitario: Gianluca Stesina
  • Medico sociale: Luca Stefanini
  • Responsabile medico settore giovanile: Stefano Suraci
  • Rieducatore massofisioterapista: Marco Luison
  • Massofisioterapisti: Maurizio Delfini, Dario Garbiero, Francesco Pieralisi, Emanuele Randelli e Gianluca Scolaro
  • Chiropratico: Elio Cavedoni

Area tecnica

  • Direttore sportivo: Fabio Paratici
  • Segretario generale: Maurizio Lombardo
  • Responsabile settore giovanile: Stefano Braghin
  • Vice direttore settore giovanile e responsabile area tecnica: Gianluca Pessotto
  • Segretario settore giovanile: Massimiliano Mazzetta
  • Collaboratore area tecnica: Federico Cherubini
  • Piemonte chief scout: Claudio Sclosa
  • Italy chief scout: Roberto Marta
  • Foreign countries chief scout: Javier Ribalta
  • Responsabile attività di base: Luigi Milani
  • Responsabile tecnico attività di base: Antonio Marchio
  • Allenatore: Massimiliano Allegri
  • Allenatore in seconda: Marco Landucci
  • Collaboratore tecnico: Maurizio Trombetta
  • Preparatore dei portieri: Claudio Filippi
  • Responsabile preparazione atletica: Paolo Bertelli
  • Preparatore atletico: Simone Folletti
  • Responsabile Training Check: Roberto Sassi
  • Allenatore Juventus Primavera: Fabio Grosso

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa, numerazione e ruoli, tratti dal sito web ufficiale della Lega Nazionale Professionisti Serie A (LNPA), sono aggiornati al 2 febbraio 2015.[45]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Gianluigi Buffon (capitano)
2 Italia C Rômulo
3 Italia D Giorgio Chiellini (vice capitano)
4 Uruguay D Martín Cáceres
5 Italia D Angelo Ogbonna
6 Francia C Paul Pogba
7 Italia C Simone Pepe
8 Italia C Claudio Marchisio
9 Spagna A Álvaro Morata
10 Argentina A Carlos Tévez
11 Francia A Kingsley Coman
12 Italia A Sebastian Giovinco[46]
14 Spagna A Fernando Llorente
15 Italia D Andrea Barzagli
16 Italia D Marco Motta[46]
17 Italia D Paolo De Ceglie[47]
19 Italia D Leonardo Bonucci
N. Ruolo Giocatore
20 Italia C Simone Padoin
21 Italia C Andrea Pirlo
22 Ghana C Kwadwo Asamoah
23 Cile C Arturo Vidal
24 Italia C Mattia Vitale[48]
26 Svizzera D Stephan Lichtsteiner
27 Italia C Stefano Sturaro[47]
30 Italia P Marco Storari
32 Italia A Alessandro Matri[47]
33 Francia D Patrice Evra
34 Brasile P Rubinho
37 Argentina C Roberto Pereyra
38 Italia C Federico Mattiello[49]
39 Italia C Luca Marrone
41 Italia D Filippo Romagna[48]
77 Italia P Emil Audero[48]

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dal 1º/7 al 1º/9)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Patrice Evra Manchester Utd definitivo (1,2 milioni £) con bonus (0,3 milioni £) in caso di qualificazione della Juventus alla Champions League 2015-2016[50]
C Kingsley Coman Paris Saint-Germain definitivo[51]
C Mauricio Isla Udinese riscatto compartecipazione (4,5 milioni €)[52]
C Luca Marrone Sassuolo riscatto compartecipazione (5 milioni €)[53]
C Roberto Pereyra Udinese prestito (1,5 milioni €) con diritto di riscatto (14 milioni €) e bonus (1,5 milioni €)[54]
C Rômulo Verona prestito (1 milioni €) con diritto di riscatto (6 milioni €) o obbligo nel caso il giocatore giochi almeno il 60% delle partite della stagione 2014-2015[55]
A Álvaro Morata Real Madrid definitivo (20 milioni €) con diritto di riacquisto al termine delle stagioni 2015-2016 e 2016-2017 (massimo 30 milioni €)[56]
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Entonjo Elezaj Lanciano fine prestito
P Alberto Gallinetta Chieti fine prestito
P Alberto Gallinetta Parma riscatto compartecipazione (0,7 milioni €)[57][58]
P Nicola Leali Spezia fine prestito
P Andrea Montrucchio Bra fine prestito
P Timothy Nocchi Padova fine prestito
P Carlo Pinsoglio Vicenza riscatto compartecipazione (0,7 milioni €)[57][58]
P Leonardo Vitali Perugia prestito[51]
P Giacomo Volpe Barletta fine prestito
D Nazzareno Belfasti Pro Vercelli riscatto compartecipazione (0,5 milioni €)[51][58]
D Francesco Bertinetti Torino fine prestito
D Carlos Blanco Barcellona definitivo[51]
D Nicholas Canizares Rayo Vallecano fine prestito
D Adnan Curovic Lyngby prestito[51]
D Riccardo De Biasi Atalanta prestito[51]
D Paolo De Ceglie Genoa fine prestito
D Alessandro Degrassi Lanciano fine prestito
D Marcelo Djalo Granada definitivo (1,034 milioni €)[51][58]
D Pedro Gomes Vicenza definitivo[51]
D Jacob Laursen Odense fine prestito
D Matteo Liviero Juve Stabia fine prestito
D Hordur Magnusson Spezia riscatto compartecipazione (1 milioni €)[51][58]
D Vlad Marin Roma fine prestito
D Michael Martino Cuneo definitivo[51]
D Marco Motta Genoa fine prestito
D Giulio Parodi Bari definitivo[51]
D Stefano Pellizzari Cesena riscatto compartecipazione[57]
D Mattia Pessot Bianco e Verde.png Liventinagorghense definitivo[51]
D Daniele Rugani Empoli fine prestito
D Frederik Sorensen Bologna riscatto compartecipazione (0,8 milioni €)[57][58]
D Joel Untersee Vaduz fine prestito
D Alessandro Vogliacco Bari definitivo[51]
D Reto Ziegler Sassuolo fine prestito
C Stefano Antezza Carpi fine prestito
C Gabriel Appelt Spezia fine prestito
C Stefano Barilli Reggiana definitivo[59]
C Lorenzo Benucci Sassuolo fine prestito
C Ouasim Bouy Amburgo fine prestito
C Simone Braccini Cesena fine prestito
C Marcel Büchel Lanciano fine prestito
C Marco Camilleri Reggina definitivo[51]
C Eros Castelletto Sassuolo fine prestito
C Luca Castiglia Empoli fine prestito
C Michele Cavion Reggiana fine prestito
C Matteo Colla Pro Vercelli prestito[51]
C Stefano De Crescenzo Bari fine prestito
C Nicolas Garcia Granada definitivo (2 milioni €)[51][58]
C Jakub Hromada Genoa fine prestito
C Carlo Ilari Barletta fine prestito
C Jorge Martinez Novara fine prestito
C Fausto Rossi Real Valladolid fine prestito
C Federico Santinon Chisola definitivo[51]
C Andrea Schiavone Siena parametro zero[60]
C Leonardo Spinazzola Siena parametro zero[60]
C Stefano Sturaro Genoa definitivo (5,5 milioni €) con bonus (3,5 milioni €)[61]
A Domenico Berardi Sassuolo fine prestito
A Niko Bianconi Gavorrano fine prestito
A Richmond Boakye Elche fine prestito
A Alessio Busatta Bassano definitivo[51]
A Mbaye Diagne Ajaccio fine prestito
A Marco Di Benedetto Feralpisalò fine prestito
A Luca Del Papa Chieti fine prestito
A Alessandro Eleuteri Ascoli prestito (0,219 milioni €) con diritto di riscatto (0,375 milioni €)[51][58]
A Zoran Josipovic Novara fine prestito
A Francesco Margiotta Venezia fine prestito
A Riccardo Meneghini Vicenza definitivo[51]
A Stefano Padovan Vicenza fine prestito
A Cristian Pasquato Udinese riscatto compartecipazione (1,5 milioni €)[52]
A Valerio Rosseti svincolato[51]
A Mame Thiam Lanciano fine prestito
A James Troisi Atalanta riscatto compartecipazione (1 milione €)[57][58]
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Federico Peluso Sassuolo definitivo (4,5 milioni €)[53]
C Mauricio Isla QPR prestito (1,2 milioni €) con diritto di riscatto (10 milioni €)[62]
A Pablo Osvaldo Southampton fine prestito
A Fabio Quagliarella Torino definitivo (3,5 milioni €)[63]
A Mirko Vučinić Al-Jazira definitivo (6,3 milioni €)[64]
Altre operazioni
R. Nome a Modalità
P Francesco Anacoura Pro Vercelli prestito con diritto di riscatto[65]
P Luca Baldi Pro Vercelli definitivo[66]
P Entonjo Elezaj Pro Vercelli definitivo (0,5 milioni €)[58][66]
P Vincenzo Fiorillo Pescara prestito[66]
P Alberto Gallinetta Gorica prestito[67]
P Giulio Grillo Torino definitivo[51]
P Nicola Leali Cesena prestito[68]
P Timothy Nocchi Spezia prestito con diritto di opzione e contro opzione[69]
P Carlo Pinsoglio Modena prestito[70]
P Simone Rossin Perugia prestito[66]
P Gianmarco Vannucchi Renate prestito[71]
D Luca Barlocco Novara prestito[72]
D Nazzareno Belfasti Feralpisalò prestito[73]
D Francesco Bertinetti svincolato[74]
D Nicolò Curti Como prestito[75]
D Paolo De Ceglie Parma prestito[51]
D Alberto Di Pierri Pro Vercelli prestito[66]
D Pol García Vicenza prestito[66]
D Edoardo Goldaniga Perugia prestito[76]
D Prince-Désir Gouano Atalanta risoluzione compartecipazione[57]
D Federico Di Giovanni Atalanta prestito[51]
D Ahmed Gueye Reggiana prestito[77]
D Jacob Laursen Odense definitivo[78]
D Matteo Liviero Pro Vercelli prestito con diritto di riscatto e contro riscatto[79]
D Stefano Magnati Pro Vercelli prestito[66]
D Hordur Magnusson Cesena prestito con diritto di opzione e contro opzione[80]
D Alessandro Moretti Pro Vercelli prestito[66]
D Filippo Penna Den Bosch prestito[81]
D Mattia Picone Pro Vercelli definitivo[66]
D Mattia Proietti Bassano risoluzione compartecipazione (0 milioni €)[57]
D Daniele Rugani Empoli prestito (0,286 milioni €)[51][58]
D Luca Santomauro Pro Vercelli prestito[66]
D Frederik Sorensen Verona prestito (0,3 milioni €) con diritto di opzione (4 milioni €) e contro opzione (1,5 milioni €)[58][82]
D Luca Sperandio Pro Vercelli definitivo[66]
D Joel Untersee Vaduz prestito[83]
D Andrea Vernero Pro Vercelli prestito[66]
C Stefano Antezza Spezia prestito[66]
C Gabriel Appelt Pescara prestito[66]
C Lorenzo Barberis Torino definitivo[51]
C Stefano Barilli Reggiana prestito[59]
C Lorenzo Benucci Sassuolo prestito[51]
C Ouasim Bouy Panathīnaïkos prestito[84]
C Marcel Büchel Bologna prestito (0,287 milioni €)[58][85]
C Luca Castiglia Pro Vercelli prestito con diritto di riscatto e contro riscatto[79]
C Michele Cavion Feralpisalò prestito[86]
C Elio De Silvestro Carpi prestito con diritto di riscatto e contro riscatto[87]
C Matteo Gerbaudo Vicenza prestito[88]
C Andrea Giannarelli Perugia prestito[66]
C Carlo Ilari Catanzaro prestito[89]
C Elvis Kabashi Den Bosch prestito[90]
C Vlad Marin Messina prestito[91]
C Jorge Martinez Juventud prestito[92]
C Enrico Pignatelli Pro Vercelli definitivo[66]
C Fausto Rossi Cordova prestito con diritto di riscatto per le successive tre campagne acquisti[93]
C Andrea Schiavone Modena prestito con diritto di opzione e contro opzione[94]
C Vykintas Slivka Modena prestito[66]
C Giovanni Specchia Pro Vercelli prestito[66]
C Leonardo Spinazzola Atalanta prestito[51]
C Stefano Sturaro Genoa prestito (0 milioni €) con premio di valorizzazione (2 milioni €)[58][61]
C Francesco Tahiraj Torino definitivo[51]
C Lorenzo Venturello Torino prestito[51]
A Domenico Berardi Sassuolo prestito[51]
A Niko Bianconi Vicenza risoluzione compartecipazione (0,6 milioni €)[57][58]
A Richmond Boakye Atalanta prestito[51]
A Filippo Boniperti Parma risoluzione compartecipazione[57]
A Alessio Busatta Genoa prestito[51]
A Riccardo Cabella Pro Vercelli definitivo[66]
A Edoardo Ceria Den Bosch prestito[81]
A Simone Condolo Udinese prestito[51]
A Manuel De Mitri Pro Vercelli prestito[66]
A Marco Di Benedetto Feralpisalò prestito[86]
A Alessandro Faiola Bologna prestito[66]
A Ciro Immobile Torino risoluzione compartecipazione (8 milioni €)[95]
A Zoran Josipovic Lugano prestito con diritto di riscatto[96]
A Francesco Margiotta Monza prestito[97]
A Gabriele Moncini Cesena risoluzione compartecipazione[57]
A Federico Nacci Torino prestito[51]
A Hector Otin Entella prestito[66]
A Stefano Padovan Crotone prestito[98]
A Cristian Pasquato Pescara prestito[66]
A Nicolò Pozzebon Perugia prestito[66]
A Valerio Rosseti Atalanta prestito biennale con diritto di opzione e contro opzione[82]
A Simone Russini Ternana prestito[66]
A Alessio Sallustio Torino prestito[51]
A Mame Thiam Lanciano prestito[66]
A James Troisi Zulte Waregem prestito[99]
A Christian Varelli Pro Vercelli prestito[66]
A Simone Zaza Sassuolo risoluzione compartecipazione (7,5 milioni €)[100]

Sessione invernale (dal 5/1 al 2/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Paolo De Ceglie Parma fine prestito[51]
C Stefano Sturaro Genoa fine prestito[51]
A Alessandro Matri Milan prestito[101]
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Francesco Anacoura Pro Vercelli fine prestito[51]
P Laurențiu Brănescu Lanciano riscatto compartecipazione[51]
P Alberto Brignoli Ternana definitivo[102]
D Luca Barlocco Novara fine prestito[51]
D Simone Braccini Santarcangelo fine prestito[51]
D Filipe Grêmio definitivo[51]
D Pol Lirola Espanyol prestito con opzione[51]
D Daniele Rugani Empoli riscatto compartecipazione (3,5 milioni €)[103]
D Luca Santomauro Pro Vercelli fine prestito[51]
D Christian Tavanti Santarcangelo fine prestito[102]
C Stefano Antezza Spezia fine prestito[51]
C Emil Antonacci non conosciuta Paradiso Collegno fine prestito[51]
C Gabriel Appelt Pescara fine prestito[51]
C Luca Castiglia Pro Vercelli fine prestito[51][102]
C Elio De Silvestro Carpi fine prestito[51]
C Andrea Giannarelli Perugia fine prestito[51]
C Matteo Gerbaudo Vicenza fine prestito[51]
C Gianmarco Laurenti Empoli prestito con opzione[51][102]
C Federico Lerta Alessandria fine prestito[51]
C Vykintas Slivka Modena fine prestito[51]
C Leonardo Spinazzola Atalanta fine prestito[51][102]
C Andrés Tello Envigado prestito con opzione[51][102]
C Claudio Zappa Sassuolo prestito con opzione[51][102]
A Stefano Beltrame Sampdoria riscatto compartecipazione[51]
A Cristian Bunino Pro Vercelli definitivo[104]
A Francesco Cassata Empoli definitivo[51]
A Mbaye Diagne Al-Shabab fine prestito[102]
A Andrea Favilli Livorno prestito[51]
A Andrija Filipovic Rijeka prestito con opzione[51][102]
A Francesco Margiotta Monza fine prestito[51]
A Davide Massaro Vicenza definitivo[51]
A Simone Russini Ternana fine prestito[51]
A Christian Varelli Pro Vercelli fine prestito[51]
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Marco Motta svincolato[102]
C Federico Mattiello Chievo prestito[51]
A Sebastian Giovinco svincolato[102]
Altre operazioni
R. Nome a Modalità
P Francesco Anacoura Pontedera prestito[105]
P Laurențiu Brănescu Haladás prestito[106]
P Alberto Brignoli Ternana prestito[66]
P Giacomo Volpe Correggese prestito[107]
D Luca Barlocco Como prestito[108]
D Francesco Ferrari Torino prestito con opzione e contropzione[102]
D Lorenzo Granatiero Catania prestito con opzione[66][102]
D Andrea Granzotto Vicenza prestito con opzione e contropzione[66][102]
D Alberto Masi Ternana risoluzione compartecipazione[102]
D Francesco Mestre Empoli definitivo[51]
D Stefano Pellizzari Entella prestito con opzione e contropzione[66][102]
D Luigi Rizzo Vicenza definitivo[66]
D Luca Santomauro Empoli definitivo[51]
D Christian Tavanti Mantova prestito[102]
D Atila Varga Sampdoria definitivo[102]
C Stefano Antezza Spezia definitivo[66]
C Emil Antonacci Pro Vercelli prestito[66]
C Gabriel Appelt Livorno prestito con diritto di riscatto e contropzione[102][109]
C Simone Braccini non conosciuta Romagna Centro prestito[102]
C Luca Castiglia Pro Vercelli definitivo[104]
C Andrea Giannarelli Barletta prestito[110]
C Matteo Gerbaudo SPAL prestito[111]
C Jakub Hromada Sampdoria definitivo[102]
C Marco Laneve Alessandria prestito[102]
C Federico Lerte Derthona prestito[102]
C Giuseppe Ruggiero Pro Vercelli risoluzione compartecipazione[104]
C Vykintas Slivka Gorica prestito[102]
C Leonardo Spinazzola Vicenza prestito con opzione e contropzione[66][102]
C Matteo Vitale Alessandria prestito[102]
A Stefano Beltrame Modena prestito con opzione e contropzione[66][102]
A Cristian Bunino Pro Vercelli prestito[104]
A Elio De Silvestro Lanciano definitivo[112]
A Mbaye Diagne Westerlo prestito[102]
A Anastasios Donis Sassuolo prestito con diritto di riscatto e controriscatto[113]
A Manolo Gabbiadini Napoli risoluzione compartecipazione (6,25 milioni €)[114]
A Francesco Margiotta Real Vicenza prestito[115]
A Davide Massaro Vicenza prestito biennale con opzione e contropzione[66][102]
A Simone Russini Paganese prestito[116]
A Alhassane Soumah Cesena prestito con opzione e contropzione[51][102]
A Christian Varelli non conosciuta Borgaro prestito[102]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2014-2015.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Verona
30 agosto 2014, ore 18:00 CEST
1ª giornata
Chievo 0 – 1
referto
Juventus Stadio Marcantonio Bentegodi (25 000[1] spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Torino
13 settembre 2014, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Juventus 2 – 0
referto
Udinese Juventus Stadium (38 217[1] spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Milano
20 settembre 2014, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Milan 0 – 1
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (78 681[1] spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Torino
24 settembre 2014, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Juventus 3 – 0
referto
Cesena Juventus Stadium (36 027[1] spett.)
Arbitro Giacomelli (Trieste)

Bergamo
27 settembre 2014, ore 20:45 CEST
5ª giornata
Atalanta 0 – 3
referto
Juventus Stadio Atleti Azzurri d'Italia (22 074[1] spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Torino
5 ottobre 2014, ore 18:00 CEST
6ª giornata
Juventus 3 – 2
referto
Roma Juventus Stadium (39 102[1] spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Reggio nell'Emilia
18 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
7ª giornata
Sassuolo 1 – 1
referto
Juventus Mapei Stadium-Città del Tricolore (21 584[1] spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Torino
26 ottobre 2014, ore 15:00 CET
8ª giornata
Juventus 2 – 0
referto
Palermo Juventus Stadium (38 891[1] spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Genova
29 ottobre 2014, ore 20:45 CET
9ª giornata
Genoa 1 – 0
referto
Juventus Stadio Luigi Ferraris (21 971[1] spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Empoli
1º novembre 2014, ore 18:00 CET
10ª giornata
Empoli 0 – 2
referto
Juventus Stadio Carlo Castellani (14 698[1] spett.)
Arbitro Valeri (Roma 2)

Torino
9 novembre 2014, ore 15:00 CET
11ª giornata
Juventus 7 – 0
referto
Parma Juventus Stadium (39 097[1] spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Roma
22 novembre 2014, ore 20:45 CET
12ª giornata
Lazio 0 – 3
referto
Juventus Stadio Olimpico (42 044[1] spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Torino
30 novembre 2014, ore 18:00 CET
13ª giornata
Juventus 2 – 1
referto
Torino Juventus Stadium (38 899[1] spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Firenze
5 dicembre 2014, ore 20:45 CET
14ª giornata
Fiorentina 0 – 0
referto
Juventus Stadio Artemio Franchi (38 160[1] spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Torino
14 dicembre 2014, ore 12:30 CET
15ª giornata
Juventus 1 – 1
referto
Sampdoria Juventus Stadium (39 089[1] spett.)
Arbitro Doveri (Roma 2)

Cagliari
18 dicembre 2014, ore 19:00 CET
16ª giornata
Cagliari 1 – 3
referto
Juventus Stadio Sant'Elia (16 074[1] spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Torino
6 gennaio 2015, ore 21:00 CET
17ª giornata
Juventus 1 – 1
referto
Inter Juventus Stadium (38 791[1] spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Napoli
11 gennaio 2015, ore 20:45 CET
18ª giornata
Napoli 1 – 3
referto
Juventus Stadio San Paolo (53 006[1] spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
18 gennaio 2015, ore 20:45 CET
19ª giornata
Juventus 4 – 0
referto
Verona Juventus Stadium (36 243[1] spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Torino
25 gennaio 2015, ore 15:00 CET
20ª giornata
Juventus 2 – 0
referto
Chievo Juventus Stadium (38 629[1] spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Udine
1º febbraio 2015, ore 15:00 CET
21ª giornata
Udinese 0 – 0
referto
Juventus Stadio Friuli (11 241[1] spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Torino
7 febbraio 2015, ore 20:45 CET
22ª giornata
Juventus 3 – 1
referto
Milan Juventus Stadium (39 015[1] spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Cesena
15 febbraio 2015, ore 20:45 CET
23ª giornata
Cesena 2 – 2
referto
Juventus Stadio Dino Manuzzi (23 661[1] spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Torino
20 febbraio 2015, ore 20:45 CET
24ª giornata
Juventus 2 – 1
referto
Atalanta Juventus Stadium (37 195[1] spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Roma
2 marzo 2015, ore 21:00 CET
25ª giornata
Roma 1 – 1
referto
Juventus Stadio Olimpico (55 651[1] spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

Torino
9 marzo 2015, ore 21:00 CET
26ª giornata
Juventus 1 – 0
referto
Sassuolo Juventus Stadium (37 506[1] spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Palermo
14 marzo 2015, ore 18:00 CET
27ª giornata
Palermo 0 – 1
referto
Juventus Stadio Renzo Barbera (29 832[1] spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Torino
22 marzo 2015, ore 15:00 CET
28ª giornata
Juventus 1 – 0
referto
Genoa Juventus Stadium (39 919[1] spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Torino
4 aprile 2015, ore 21:00 CEST
29ª giornata
Juventus 2 – 0
referto
Empoli Juventus Stadium (40 029[1] spett.)
Arbitro Giacomelli (Trieste)

Parma
11 aprile 2015, ore 18:00 CEST
30ª giornata
Parma 1 – 0
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (15 311[1] spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Torino
18 aprile 2015, ore 20:45 CEST
31ª giornata
Juventus 2 – 0
referto
Lazio Juventus Stadium (38 916[1] spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Torino
26 aprile 2015, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Torino 2 – 1
referto
Juventus Stadio Olimpico (26 296[1] spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
29 aprile 2015, ore 20:45 CEST
33ª giornata
Juventus 3 – 2
referto
Fiorentina Juventus Stadium (37 607[1] spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Genova
2 maggio 2015, ore 18:00 CEST
34ª giornata
Sampdoria 0 – 1
referto
Juventus Stadio Luigi Ferraris (22 083[1] spett.)
Arbitro Valeri (Roma 2)

Torino
9 maggio 2015, ore 18:00 CEST
35ª giornata
Juventus 1 – 1
referto
Cagliari Juventus Stadium (38 847[1] spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Milano
16 maggio 2015, ore 18:00 CEST
36ª giornata
Inter 1 – 2
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (60 362[1] spett.)
Arbitro Doveri (Roma 2)

Torino
23 maggio 2015, ore 18:00 CEST
37ª giornata
Juventus 3 – 1
referto
Napoli Juventus Stadium (40 485[1] spett.)
Arbitro Banti (Livorno)

Verona
30 maggio 2015, ore 18:00 CEST
38ª giornata
Verona 2 – 2
referto
Juventus Stadio Marcantonio Bentegodi (23 149[1] spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015.

Fase finale[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015 (fase finale).
Torino
15 gennaio 2015, ore 21:00 CET
Ottavi di finale
Juventus 6 – 1
referto
Verona Juventus Stadium (39 302 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Parma
28 gennaio 2015, ore 20:45 CET
Quarti di finale
Parma 0 – 1
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (8 344 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Torino
5 marzo 2015, ore 20:45 CET
Semifinali - Andata
Juventus 1 – 2
referto
Fiorentina Juventus Stadium (40 211 spett.)
Arbitro Valeri (Roma 2)

Firenze
7 aprile 2015, ore 20:45 CEST
Semifinali - Ritorno
Fiorentina 0 – 3
referto
Juventus Stadio Artemio Franchi (30 346 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Roma
20 maggio 2015[117], ore 20:45 CEST
Finale
Juventus 2 – 1
(d.t.s.)
referto
Lazio Stadio Olimpico (60 000 spett.)
Arbitro Orsato (Schio)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2014-2015.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2014-2015 (fase a gironi).
Torino
16 settembre 2014, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Juventus 2 – 0
referto
Malmö FF Juventus Stadium (31 218 spett.)
Arbitro Polonia Marciniak

Madrid
1º ottobre 2014, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Atlético Madrid 1 – 0
referto
Juventus Estadio Vicente Calderón (44 322 spett.)
Arbitro Germania Brych

Atene
22 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Olympiakos 1 – 0
referto
Juventus Stadio Karaiskákis (31 411 spett.)
Arbitro Serbia Mažić

Torino
4 novembre 2014, ore 20:45 CET
4ª giornata
Juventus 3 – 2
referto
Olympiakos Juventus Stadium (39 091 spett.)
Arbitro Inghilterra Atkinson

Malmö
26 novembre 2014, ore 20:45 CET
5ª giornata
Malmö FF 0 – 2
referto
Juventus Swedbank Stadion (20 500 spett.)
Arbitro Portogallo Proença

Torino
9 dicembre 2014, ore 20:45 CET
6ª giornata
Juventus 0 – 0
referto
Atlético Madrid Juventus Stadium (39 219 spett.)
Arbitro Scozia Collum

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2014-2015 (fase a eliminazione diretta).
Torino
24 febbraio 2015, ore 20:45 CET
Ottavi di finale - Andata
Juventus 2 – 1
referto
Borussia Dortmund Juventus Stadium (41 182 spett.)
Arbitro Spagna Mateu Lahoz

Dortmund
18 marzo 2015, ore 20:45 CET
Ottavi di finale - Ritorno
Borussia Dortmund 0 – 3
referto
Juventus Signal Iduna Park (65 851 spett.)
Arbitro Serbia Mažić

Torino
14 aprile 2015, ore 20:45 CEST
Quarti di finale - Andata
Juventus 1 – 0
referto
Monaco Juventus Stadium (40 801 spett.)
Arbitro Rep. Ceca Královec

Monaco
22 aprile 2015, ore 20:45 CEST
Quarti di finale - Ritorno
Monaco 0 – 0
referto
Juventus Stade Louis II (16 889 spett.)
Arbitro Scozia Collum

Torino
5 maggio 2015, ore 20:45 CEST
Semifinali - Andata
Juventus 2 – 1
referto
Real Madrid Juventus Stadium (41 011 spett.)
Arbitro Inghilterra Atkinson

Madrid
13 maggio 2015, ore 20:45 CEST
Semifinali - Ritorno
Real Madrid 1 – 1
referto
Juventus Estadio Santiago Bernabéu (78 153 spett.)
Arbitro Svezia Eriksson

Berlino
6 giugno 2015, ore 20:45 CEST
Finale
Juventus 1 – 3
referto
Barcellona Olympiastadion (70 442 spett.)
Arbitro Turchia Çakır

Supercoppa italiana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Supercoppa italiana 2014.
Doha
22 dicembre 2014, ore 20:30 UTC+2
Finale
Juventus 2 – 2
(d.t.s.)
referto
Napoli Jassim Bin Hamad Stadium (14 000 spett.)
Arbitro Valeri (Roma 2)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale D.R.
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 87 19 16 3 0 45 11 19 10 6 3 27 13 38 26 9 3 72 24 +48
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 2 1 0 1 7 3 2 2 0 0 4 0 5 4 0 1 13 4 +9
Coppacampioni.png UEFA Champions League 10 6 5 1 0 10 4 6 2 2 2 6 3 13 7 3 3 17 10 +7
Supercoppaitaliana.png Supercoppa italiana - 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 1 0 2 2 0
Totale 97 27 22 4 1 62 18 27 14 8 5 37 16 57 37 13 7 104 40 +64

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C T C T C T T C T C T C T C T C C T C T C T C T C C T C T C T C T C T
Risultato V V V V V V N V P V V V V N N V N V V V N V N V N V V V V P V P V V N V V N
Posizione 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Fonte: Serie A – Classifiche, sport.sky.it.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società a stagione in corso.

Giocatore Serie A Coppa Italia UEFA Champions League Supercoppa italiana Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Asamoah, K. K. Asamoah 7 0 2 0 - - - - 3 0 0 0 - - - - 10 0 2 0
Barzagli, A. A. Barzagli 10 0 2 0 1 0 0 0 6 0 0 0 - - - - 17 0 2 0
Bonucci, L. L. Bonucci 34 3 8 0 4 1 1 0 13 0 2 0 1 0 0 0 52 4 11 0
Buffon, G. G. Buffon 33 -20 0 0 - - - - 13 -10 0 0 1 -2 0 0 47 -32 0 0
Caceres, M. M. Cáceres 10 1 1 0 2 0 1 0 2 0 0 0 - - - - 14 1 2 0
Chiellini, G. G. Chiellini 28 0 7 0 5 1 2 0 11 0 2 0 1 0 0 0 45 1 11 0
Coman, K. K. Coman 14 0 0 0 4 1 0 0 2 0 0 0 - - - - 20 1 0 0
De Ceglie, P. P. De Ceglie 2 0 0 0 - - - - - - - - - - - - 2 0 0 0
Evra, P. P. Evra 21 1 4 0 2 0 1 0 10 0 0 0 1 0 0 0 34 1 5 0
Giovinco, S. S. Giovinco 7 0 0 0 1 2 0 0 3 0 1 0 - - - - 11 2 1 0
Lichtsteiner, S. S. Lichtsteiner 32 3 8 1 3 0 0 0 12 0 3 0 1 0 0 0 48 3 11 1
Llorente, F. F. Llorente 31 7 0 0 4 1 0 0 9 1 0 0 1 0 0 0 45 9 0 0
Marchisio, C. C. Marchisio 35 3 9 0 4 0 2 0 12 0 1 0 1 0 0 0 52 3 12 0
Marrone, L. L. Marrone - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Matri, A. A. Matri 5 0 0 0 2 2 1 0 2 0 0 0 - - - - 9 2 1 0
Mattiello, F. F. Mattiello 2 0 0 0 1 0 0 0 - - - - - - - - 3 0 0 0
Morata, Á. Á. Morata 29 8 5 1 4 2 0 1 12 5 2 0 1 0 0 0 46 15 7 2
Motta, M. M. Motta - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Ogbonna, A. A. Ogbonna 25 0 4 0 4 0 0 0 1 0 0 0 - - - - 30 0 4 0
Padoin, S. S. Padoin 25 0 3 2 5 0 0 0 4 0 0 0 1 0 0 0 35 0 3 2
Pepe, S. S. Pepe 12 1 0 1 3 0 0 0 1 0 0 0 - - - - 16 1 0 1
Pereyra, R. R. Pereyra 35 4 2 0 4 2 0 0 12 0 2 0 1 0 1 0 52 6 5 0
Pirlo, A. A. Pirlo 20 4 0 0 2 0 0 0 10 1 0 0 1 0 0 0 33 5 0 0
Pogba, P. P. Pogba 26 8 4 0 4 1 1 0 10 1 3 0 1 0 0 0 41 10 8 0
Romulo Rômulo 4 0 0 0 - - - - 1 0 0 0 - - - - 5 0 0 0
Rubinho, Rubinho - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -
Storari, M. M. Storari 5 -4 0 0 5 -4 0 0 - - - - - - - - 10 -8 0 0
Sturaro, S. S. Sturaro 12 1 1 0 1 0 1 0 2 0 0 0 - - - - 15 1 2 0
Tévez, C. C. Tévez 32 20 6 0 2 0 1 0 13 7 4 0 1 2 1 0 48 29 12 0
Vidal, A. A. Vidal 28 7 7 0 4 0 1 0 12 1 4 0 1 0 0 0 45 8 12 0
Vitale, M. M. Vitale 2 0 0 0 - - - - - - - - - - - - 2 0 0 0

Giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Primavera[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an Statistiche Spettatori Serie A 2014-2015, stadiapostcards.com.
  2. ^ Jacopo Gerna, Clamoroso Juventus-Conte, addio consensuale. Agnelli: "Si riparte da zero", gazzetta.it, 15 luglio 2014.
  3. ^ Grazie Antonio, juventus.com, 15 luglio 2014.
  4. ^ Allegri: «La Juve è un onore», juventus.com, 16 luglio 2014.
  5. ^ Stefano Agresti, Juve, ecco perché Allegri non è la scelta migliore, corrieredellosport.it, 17 luglio 2014.
    «Il popolo della Juve è schierato, compatto, contro Allegri. È un'opposizione di pancia, com'è normale e giusto che sia quando il giudizio arriva dai tifosi, ma anche di testa. Pure noi abbiamo più di una perplessità sulla scelta del nuovo allenatore bianconero. [...] Così come, quando la Juve puntò su Conte, definimmo subito azzeccatissima la scelta (lo avevamo apprezzato in tutte le sue precedenti esperienze), oggi ci permettiamo di avanzare più di un dubbio su Allegri. Giudicare dopo è comodo e meno rischioso, noi riteniamo doveroso parlare prima. Il campo dirà».
  6. ^ Roberto Beccantini, Infinita Juventus, beckisback.it, 2 maggio 2015.
    «Sembrano tutti dovuti, gli scudetti della Juventus. Come se il censo degli Agnelli bastasse, da solo, a produrli, a giustificarli. Invece no. Ognuno ha la sua storia, il suo fascino. Questo è il trentunesimo, il quarto consecutivo [...], il primo di Massimiliano Allegri, sul Conte del quale ero molto scettico».
  7. ^ Lanfranco Pace, Aziendalista, senza gioco e poco simpatico. Adesso Allegri è tutto vostro, cari bianconeri. E io, milanista, godo, ilfoglio.it, 17 luglio 2014.
    «E son contento! Siamo tutti contenti, rossoneri di cuore e di maglia. È la nemesi. Di mezzo c'è la cessione di Pirlo e "er go-non-gol de Muntari" che tolse uno scudetto a noi e lo dette a voi, juventini, una bestialità e tanto sano risentimento. Ma siamo uomini di mondo e ora soprattutto vogliamo vedere come andrà a finire. Da ieri è vostro. [...] Ci sarà da ridere».
  8. ^ Giacomo Valtolina, No, cara Juve: c’è poco da stare Alégher, giornalistinelpallone.corriere.it, 17 luglio 2014.
    «...la notizia di Allegri sulla panchina della squadra più scudettata d'Italia è un boccone troppo ghiotto per non avventarcisi sopra come un gatto siamese sul topolino di campagna. Innanzitutto va detto che i milanisti non sono felici. Di più. Se Allegri farà valere il suo curriculum, pronti via, alla decima giornata la Juventus si troverà nella parte destra della classifica [...] Insomma, contenti loro... Così noi tifosastri rossoneri non possiamo che cavalcare l'euforia».
  9. ^ Carlo Valentino, Juve, Conte via, arriva Allegri: da #agghiacciande a #noAllegri, ilfattoquotidiano.it, 16 luglio 2014.
  10. ^ Alberto Mauro, Allegri alla Juventus, contestazione a Vinovo: ultrà a colloquio coi dirigenti, gazzetta.it, 16 luglio 2014.
  11. ^ Andrea Tundo, Juventus campione d’Italia: cronaca di un successo non annunciato. Allegri da reietto a idolo dei tifosi, ilfattoquotidiano.it, 2 maggio 2015.
  12. ^ Giovanni Capuano, La rivincita di Allegri: dagli insulti all'amore dei tifosi della Juve, panorama.it, 2 maggio 2015.
  13. ^ Alessandro Franchetti, La scalata di Allegri, l'ex indesiderato, sportmediaset.mediaset.it, 14 maggio 2015.
  14. ^ Jacopo Gerna, Juventus, Morata: assist, gol, colpi di tacco e recuperi. Che intesa con Tevez, gazzetta.it, 8 febbraio 2015.
  15. ^ Enrico Turcato, Morata-Tevez: la Juventus ha una coppia da Champions, wired.it, 13 febbraio 2015.
  16. ^ Timothy Ormezzano, Juventus, Allegri non torna indietro: "Avanti col nuovo modulo", repubblica.it, 8 novembre 2014.
  17. ^ Alberto Mauro, Juventus, Allegri: "Il nuovo modulo porterà nuovi stimoli", gazzetta.it, 8 novembre 2014.
  18. ^ Guido Vaciago, Ora è la Juve di Allegri. Tanti pregi e due dubbi, tuttosport.com, 23 novembre 2014.
  19. ^ Romeo Agresti, Un trequartista per la nuova Juventus: oggi Vidal, domani Shaqiri o Berardi?, goal.com, 6 novembre 2014.
  20. ^ Valerio Clari, Juventus-Roma 3-2 tra mille polemiche: risolve l'eurogol di Bonucci, gazzetta.it, 5 ottobre 2014.
  21. ^ Roberto Perrone, Dopo 14 anni la Juve vince a Napoli, corriere.it, 11 gennaio 2015.
  22. ^ Fabiana Della Valle, Napoli-Juventus 1-3, gol di Pogba, pari di Britos, rete di Caceres e Vidal, gazzetta.it, 11 gennaio 2015.
  23. ^ Jacopo Manfredi, Juventus-Napoli 7-8 ai rigori, la Supercoppa è azzurra, repubblica.it, 22 dicembre 2014.
  24. ^ Ancora la Sampdoria di mezzo, Juventus fermata in casa dopo 25 successi di fila, goal.com, 14 dicembre 2014.
  25. ^ Juventus, un 2014 da record. Allegri: "Ma a Cagliari troppi rischi...", gazzetta.it, 18 dicembre 2014.
  26. ^ Vladimiro Cotugno, Champions, Juve-Atletico 0-0: bianconeri agli ottavi, tuttosport.com, 9 dicembre 2014.
  27. ^ Guido Vaciago, Juventus-Lazio 2-0, Tevez e poi l'eurogol di Bonucci portano i bianconeri a +15, tuttosport.com, 18 aprile 2015.
  28. ^ Stefano Cantalupi, Sampdoria-Juventus 0-1: Vidal, è festa scudetto. La Signora cala il poker, gazzetta.it, 2 maggio 2015.
  29. ^ Storica Juventus: Scudetto mai così in anticipo, Allegri nel gotha allenatori, goal.com, 4 maggio 2015.
  30. ^ (EN) Captains, creators and domestic dominance, fifa.com, 6 maggio 2015.
  31. ^ Fabiana Della Valle, Dortmund-Juve 0-3: Tevez fa due gol e un assist, Allegri ai quarti di Champions, gazzetta.it, 18 marzo 2015.
  32. ^ Jacopo Manfredi, Monaco-Juventus 0-0, bianconeri in semifinale dopo 12 anni, repubblica.it, 22 aprile 2015.
  33. ^ Valerio Clari, Juve da sogno: è finale! L’ex Morata gela il Real Madrid, gazzetta.it, 13 maggio 2015.
  34. ^ Paolo Menicucci, Tris Barcellona, la Juve deve inchinarsi, in Union des Associations Européennes de Football, 6 giugno 2015. URL consultato il 6 giugno 2015.
  35. ^ Federico Sala, Juventus-Verona 6-1: scaligeri travolti, bianconeri ai quarti, repubblica.it, 15 gennaio 2015.
  36. ^ Fabiana Della Valle, Coppa Italia, Parma-Juve 0-1, Morata gol all'89': Allegri in semifinale, gazzetta.it, 28 gennaio 2015.
  37. ^ Giacomo Luchini, Coppa Italia, Fiorentina-Juventus 0-3: i bianconeri rimontano e volano in finale, repubblica.it, 7 aprile 2015.
  38. ^ Juventus potenziale 'Tripletista': come lei solo Barcellona, Bayern e PSG, goal.com, 7 aprile 2015.
  39. ^ Jacopo Gerna, Juve infinita, vince la 10ª Coppa Italia: Matri piega la Lazio ai supplementari, in La Gazzetta dello Sport, 20 maggio 2015. URL consultato il 20 maggio 2015.
  40. ^ Negli incontri della 31ª, 32ª e 33ª giornata di campionato, rispettivamente contro Lazio, Torino e Fiorentina, la Juventus è scesa in campo – nell'ambito della promozione dell'Esposizione Universale di Milano, di cui lo sponsor bianconero Fiat Chrysler Automobiles è global partner – con il logo Expo 2015 sulle maglie, cfr. FCA ed Expo Milano 2015 in campo con la Juve, juventus.com, 17 aprile 2015.
  41. ^ a b Ecco le divise per la nuova stagione, juventus.com, 16 luglio 2014.
  42. ^ Tifosi della Juve furibondi: «Numeri e nomi illeggibili», tuttosport.com, 6 agosto 2014.
  43. ^ Evviva il nuovo lato B delle maglie Juve, tuttosport.com, 25 agosto 2014.
  44. ^ Svelata la nuova terza divisa, juventus.com, 16 settembre 2014.
  45. ^ Società e calciatori: Juventus, legaseriea.it, 1º settembre 2014. URL consultato il 1º settembre 2014.
  46. ^ a b Svincolato durante la sessione invernale di calciomercato.
  47. ^ a b c Acquistato durante la sessione invernale di calciomercato.
  48. ^ a b c Aggregato alla prima squadra dalla formazione Primavera.
  49. ^ Ceduto durante la sessione invernale di calciomercato.
  50. ^ ACCORDO CON IL MANCHESTER UNITED PER L'ACQUISIZIONE DEL CALCIATORE PATRICE EVRA, juventus.com.
  51. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as at au av aw ax ay az ba bb bc bd be bf bg bh bi bj bk bl bm bn bo bp bq br trasferimenti, legaseriea.it.
  52. ^ a b ACCORDI CON L'UDINESE CALCIO S.P.A., juventus.com.
  53. ^ a b ACCORDI CON IL SASSUOLO, juventus.com.
  54. ^ ACCORDO CON L'UDINESE CALCIO PER L'ACQUISIZIONE TEMPORANEA DEL CALCIATORE ROBERTO PEREYRA, juventus.com.
  55. ^ ACCORDO CON L'HELLAS VERONA PER L'ACQUISIZIONE TEMPORANEA DEL CALCIATORE ROMULO SOUZA ORESTES, juventus.com.
  56. ^ ACCORDO CON IL REAL MADRID PER L'ACQUISIZIONE DEFINITIVA DEL CALCIATORE ALVARO MORATA, juventus.com.
  57. ^ a b c d e f g h i j compartecipazioni (PDF)[collegamento interrotto], legaseriea.it.
  58. ^ a b c d e f g h i j k l m n o RELAZIONE FINANZIARIA ANNUALE AL 30 GIUGNO 2014, juventus.com.
  59. ^ a b Ceduto Barilli alla Juventus, reggianacalcio.it.
  60. ^ a b Il giocatore era in compartecipazione con il Siena ma, a causa del sopraggiunto fallimento della società toscana, la proprietà del cartellino è interamente passata alla Juventus.
  61. ^ a b ACCORDO CON IL GENOA C.F.C. PER L'ACQUISTO DEL CALCIATORE STEFANO STURARO, juventus.com.
  62. ^ ACCORDO CON IL QUEENS PARK RANGERS PER LA CESSIONE TEMPORANEA DEL CALCIATORE MAURICIO ISLA, juventus.com.
  63. ^ ACCORDO CON IL TORINO F.C. PER LA CESSIONE DEFINITIVA DEL CALCIATORE FABIO QUAGLIARELLA, juventus.com.
  64. ^ ACCORDO CON AL JAZIRA PER LA CESSIONE DEFINITIVA DEL CALCIATORE MIRKO VUCINIC, juventus.com.
  65. ^ VENERDI' 18 GLI OK PER I DUE PRESTITI CON OPZIONE DEI GIOVANI GOMES E ANACOURA, fcprovercelli.it.
  66. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak trasferimenti b, legaserieb.it.
  67. ^ Nova Gorica, presi due italiani, calcionews24.com, 5 settembre 2014.
  68. ^ Nicola Leali è un giocatore del Cesena, cesenacalcio.it.
  69. ^ Nocchi in prestito allo Spezia, juventus.com.
  70. ^ CARLO PINSOGLIO È IL PRIMO TASSELLO DEL MODENA F.C. 2014/2015, modenafc.net.
  71. ^ Cocuzza e Vannucchi alla corte di Boldini, acrenate.it.
  72. ^ IN AZZURRO IL DIFENSORE LUCA BARLOCCO, novaracalcio.com.
  73. ^ FERALPISALÒ, COMUNICATO UFFICIALE, feralpisalo.it.
  74. ^ Goldaniga è un giocatore del Perugia, acperugiacalcio.com.
  75. ^ Calciomercato Como: dalla Juventus, Nicolò Curti, calciocomo1907.it.
  76. ^ IN BIANCOROSSO ARRIVA FRANCESCO BERTINETTI, fc-suedtirol.com.
  77. ^ Definito l'accordo con Gueye, reggianacalcio.it.
  78. ^ OB sikrer sig Jacob Barrett Laursen, ob.dk.
  79. ^ a b CONCLUSO IL DOPPIO COLPO DALLA JUVENTUS CON I PRESTITI DI LUCA CASTIGLIA E MATTEO LIVIERO, fcprovercelli.it. (archiviato dall'url originale il 31 luglio 2014).
  80. ^ Arriva Magnusson dalla Juventus, cesenacalcio.it.
  81. ^ a b TALENTEN JUVENTUS NAAR FC DEN BOSCH, fcdenbosch.nl.
  82. ^ a b Sorensen al Verona, Rosseti all'Atalanta, juventus.com.
  83. ^ Untersee bleibt in Vaduz, fcvaduz.li.
  84. ^ Announcement, pao.gr.
  85. ^ Büchel al Bologna[collegamento interrotto], bolognafc.it.
  86. ^ a b FERALPISALÒ, COMUNICATO UFFICIALE, feralpisalo.it.
  87. ^ UFFICIALE DE SILVESTRO, carpifc1909.it. (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2014).
  88. ^ Matteo Gerbaudo in biancorosso, vicenzacalcio.com.
  89. ^ BARRACO, RICCI E ILARI IN GIALLOROSSO, uscatanzaro1929.com.
  90. ^ ELVIS KABASHI DERDE PRIMAVERA VAN JUVENTUS BIJ FC DEN BOSCH, fcdenbosch.nl.
  91. ^ Ingaggiati i centrocampisti Marin e Bortoli, acrmessina.it.
  92. ^ Calciomercato Juventus, UFFICIALE: Martinez torna in Uruguay, calciomercato.it, 14 agosto 2014.
  93. ^ Fausto Rossi, nuevo jugador del Córdoba CF, cordobacf.com. (archiviato dall'url originale il 3 agosto 2014).
  94. ^ CALCIOMERCATO: ARRIVI E PARTENZE DELLE ULTIME ORE, modenafc.net.
  95. ^ ACCORDO CON IL TORINO FC PER LA RISOLUZIONE DELLA COMPARTECIPAZIONE DEL CALCIATORE CIRO IMMOBILE, juventus.com.
  96. ^ Josipovic dalla Juventus al Lugano, fclugano.com.
  97. ^ Anche per Francesco Margiotta c'è l'ufficialità, acmonzabrianza.it.
  98. ^ DALLA JUVENTUS ARRIVA PADOVAN, fccrotone.it.
  99. ^ JAMES TROISI (JUVENTUS) NAAR ESSEVEE, essevee.be.
  100. ^ ACCORDI CON IL SASSUOLO CALCIO, juventus.com.
  101. ^ Matri torna in bianconero, juventus.com.
  102. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae I movimenti di mercato, juventus.com.
  103. ^ RISOLUZIONE ACCORDO DI PARTECIPAZIONE RELATIVO AL CALCIATORE DANIEL RUGANI, juventus.com.
  104. ^ a b c d MERCATO: TRIPLA OPERAZIONE CON LA JUVENTUS, fcprovercelli.it. (archiviato dall'url originale il 3 febbraio 2015).
  105. ^ INGAGGIATI LIBERTAZZI E ANACOURA, uspontedera.it.
  106. ^ Due gol anche per #TalentTrack… ma non solo, juventus.com.
  107. ^ DALLA JUVENTUS ARRIVA IL PORTIERE VOLPE, correggese.it.
  108. ^ Mercato: dalla Juventus arriva il giovane difensore Barlocco, calciocomo1907.it.
  109. ^ Appelt Pires nuovo giocatore del Livorno Calcio, livornocalcio.it.
  110. ^ Il centrocampista Andrea Giannarelli al Barletta, ssbarletta.com.
  111. ^ MATTEO GERBAUDO NUOVO ARRIVATO IN CASA SPAL, spalferrara.it.
  112. ^ Mercato: acquisito a titolo definitivo l'attaccante Elio De Silvestro: L'esterno d'attacco arriva dalla Juventus, virtuslanciano.it.
  113. ^ Arrivano Lazarevic e Donis. Gliozzi in prestito al Forlì, sassuolocalcio.it.
  114. ^ ACCORDO CON IL NAPOLI PER LA CESSIONE DELLA QUOTA DI PARTECIPAZIONE RELATIVA AL CALCIATORE MANOLO GABBIADINI, juventus.com.
  115. ^ UFFICIALE: FRANCESCO MARGIOTTA, realvicenzavs.com.
  116. ^ SIMONE RUSSINI IN PRESTITO DALLA JUVENTUS, paganesecalcio.com.
  117. ^ Inizialmente in programma per il 7 giugno, la data è stata anticipata vista la sopravvenuta qualificazione della Juventus alla finale di Champions League, in programma per il 6 giugno.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio