Álvaro Morata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Álvaro Morata
Alvaro Morata 2014 edited.jpg
Morata alla Juventus nel 2014, premiato come miglior giocatore bianconero del mese di ottobre
Nome Álvaro Borja Morata Martín
Nazionalità Spagna Spagna
Altezza 189[1] cm
Peso 85[1] kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Squadra Real Madrid
Carriera
Giovanili
2005-2007 Atlético Madrid
2007-2008 Getafe
2008-2010 Real Madrid
Squadre di club1
2010-2013 Real M. Castilla 77 (41)[2]
2010-2014 Real Madrid 37 (10)
2014-2016 Juventus 63 (15)
2016- Real Madrid 1 (0)
Nazionale
2009 Spagna Spagna U-17 6 (2)
2010 Spagna Spagna U-18 2 (3)
2010-2012 Spagna Spagna U-19 13 (11)
2013-2014 Spagna Spagna U-21 13 (13)
2014- Spagna Spagna 13 (6)
Palmarès
Transparent.png Mondiali di calcio Under-17
Bronzo Nigeria 2009
Transparent.png Europei di calcio Under-19
Oro Romania 2011
Transparent.png Europei di calcio Under-21
Oro Israele 2013
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 agosto 2016

Álvaro Borja Morata Martín (Madrid, 23 ottobre 1992) è un calciatore spagnolo, attaccante del Real Madrid e della Nazionale spagnola.

È soprannominato El Ariete.[3][4][5]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

È considerato un grande talento e uno dei calciatori più promettenti in Europa.[6][7] Ha ottime doti aeree, è dotato infatti di uno stacco e un colpo di testa di ottimo livello. È in grado di calciare con entrambi i piedi e risulta devastante in progressione, dove fisico e grande velocità gli permettono di raggiungere facilmente la porta avversaria.[8] Ha inoltre un eccellente fiuto del gol e un tiro preciso. Per il suo stile viene paragonato a Fernando Morientes.[9]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Ha giocato per due anni nelle giovanili dell'Atlético Madrid e un anno nelle giovanili del Getafe prima di firmare nel 2008 per il Real Madrid. Nel mese di luglio del 2010, dopo un'ottima stagione con il Real Madrid C, condita dalla vittoria di due titoli giovanili e dall'aver segnato 34 reti,[10] viene promosso nel Real Madrid Castilla, cioè la formazione B madrilena, e sempre nello stesso mese ha partecipato alla preparazione estiva negli Stati Uniti con la prima squadra allenata da José Mourinho.[11]

Real Madrid Castilla[modifica | modifica wikitesto]

Morata nel 2010, in allenamento con la formazione giovanile del Real Madrid Castilla

Esordisce con il Real Madrid Castilla il 15 agosto 2010, in un amichevole contro l'Alcorcón, segnando l'unico gol della partita.[12] Esordisce in campionato, il 29 agosto successivo, nella vittoria per 3-2 contro il Coruxo[13] e la sua prima rete ufficiale arriva il 31 ottobre 2011 nel pareggio per 1-1 contro l'Alcalá. Il 9 gennaio 2012 mette a segno la sua prima doppietta con la nuova maglia ai danni del Coruxo, partita vinta 4-1.[14]

Il 13 febbraio 2012 sigla la prima tripletta della sua carriera, nella partita vinta per 7-1 contro il Deportivo La Coruña B.[15] Il 13 marzo 2012 va a segno anche nel derbi madrileño contro l'Atlético Madrid B, partita vinta 4-3.[16] Chiude la sua prima stagione in Segunda División B con 28 presenze e 15 gol, ma il Real Madrid Castilla non viene promosso in Segunda División.

La prima partita disputata da Morata, nella sua seconda stagione, arriva il 21 agosto 2011 nella vittoria per 1-0 contro lo Sporting Gijón II.[17] Il primo gol stagionale arriva il 18 settembre successivo, nella vittoria per 4-0 contro il Getafe II, sigla il momentaneo 3-0.[18] L'11 novembre 2012 arriva anche la prima doppietta stagionale ai danni del Celta de Vigo II, doppietta che firma il 2-0 finale.[19] Finisce la stagione giocando 37 presenze dove segna 18 gol, grazie ai quali il Real Madrid Castilla vince il campionato di Segunda División B e quindi promossa in Segunda División.

Morata nel 2013, alla sua ultima partita con il Castilla

La prima partita stagionale, nella sua ultima stagione con il Real Madrid Castilla, arriva il 1º settembre 2012 nella sconfitta contro l'Almería per 1-0.[20] Mentre il primo gol stagionale arriva una settimana dopo nella vittoria per 3-2 contro lo Xerez, Morata firma il momentaneo 1-0.[21] Il 24 marzo 2013 sigla la sua prima doppietta stagionale ai danni del Córdoba, la partita viene vinta 4-0 e proprio Morata mette a segno le ultime due reti.[22] In questa stagione non disputa molte partite con il Real Madrid Castilla, poiché Mourinho lo convoca spesso in prima squadra; infatti scende in campo in solo 18 partite nelle quali mette a segno 12 gol.

Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Esordisce con la prima squadra il 12 dicembre 2010, sostituendo, all'88', Ángel Di María nella partita di campionato vinta per 3-1 contro il Real Zaragoza. In questa stagione esordisce anche in Copa del Rey, nell'andata degli ottavi contro il Levante, partita vinta agevolmente per 8-0.[23] In questa stagione ottiene solo due presenze con la maglia della prima squadra, tuttavia, vince il suo primo titolo importante da professionista, cioè la Coppa del Re perché il Real batte in finale per 1-0 il Barcellona. Nella seconda stagione, con la Camiseta blanca, scende in campo solo negli ultimi 10 minuti della partita di campionato vinta 5-0 contro l'Espanyol.[24] A fine campionato vince il suo primo campionato con la maglia dei Galacticos.

Apre la sua terza stagione con la vittoria della Supercoppa di Spagna ai danni del Barcellona. Nella sua terza stagione, arriva la sua prima rete con i Blancos, nella vittoria per 2-1 sul Levante, è proprio lui che mette a segno il 2-1 finale.[25] Il 4 dicembre 2012 arriva anche l'esordio in Champions League, subentrando, nella partita della fase a gironi contro l'Ajax, a Karim Benzema a una decina di minuti dalla fine e all'88' realizza il cross che permette a José María Callejón di fissare il 4-1 finale.[26] Il 17 febbraio 2013 mette a segno la sua seconda rete stagionale ai danni del Rayo Vallecano, andando in gol solo dopo due minuti dal fischio d'inizio, Morata viene poi sostituito al 27' da Raúl Albiol perché il Real Madrid rimane in 10 per l'espulsione di Sergio Ramos.[27] In questa stagione disputa 15 partite, nelle quali mette a segno 2 gol.

Morata nel 2010, in allenamento con la prima squadra del Real Madrid

Dopo le ottime prestazioni mostrate all'Europeo Under-21 viene promosso in prima squadra. La quarta stagione inizia con la prima partita di campionato vinta 2-1 contro il Real Betis; Morata subentra a Benzema all'81'.[28] Il primo gol stagionale arriva il 5 ottobre 2013 in occasione della trasferta di campionato contro il Levante; Morata, subentrato a Isco, firma, al 90', il momentaneo pareggio per 2-2, dopo di che ci penserà Cristiano Ronaldo, al 4' minuto di recupero, a siglare il definitivo 3-2 per i Blancos. Il 18 marzo 2014 sigla la sua prima rete in Champions League, in occasione della partita di ritorno contro i tedeschi dello Schalke 04, vinta per 3-1.[29] Il 16 aprile 2014, pur non scendendo in campo, conquista la sua seconda Coppa del Re ai danni del Barcellona, con il risultato di 2-1.[30] Il 17 maggio 2014, in occasione dell'ultima partita di campionato contro l'Espanyol, mette a segno la sua prima doppietta con la maglia del Real Madrid, grazie alle sue due reti permette al Real di vincere la partita per 3-1.[31] Il 24 maggio 2014 vince la sua prima Champions League, che risulta essere la decima per il club madrileno, battendo per 4-1, ai tempi supplementari, i rivali dell'Atlético Madrid.[32]

Chiude la sua avventura al Real Madrid nel 2014, totalizzando 52 presenze nelle quali ha siglato 11 reti e portando con sé il record della miglior media gol del campionato 2013-2014, superando Lionel Messi e Cristiano Ronaldo.[33]

Juventus[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 luglio 2014 viene acquistato per la cifra di 20 milioni di euro dalla Juventus, con la quale firma un contratto quinquennale. L'accordo prevede, inoltre, un diritto di riacquisto da parte del Real Madrid, esercitabile o al termine della stagione 2015-16 o al termine della stagione 2016-17, per un importo massimo di € 30 milioni.[34] Il talento spagnolo prende la maglia numero 9 appena lasciata libera da Mirko Vučinić. Due giorni dopo la sua presentazione, il giovane attaccante spagnolo, in uno scontro con Rubinho in allenamento, rimedia una distorsione di secondo grado al ginocchio che lo costringerà a stare fuori dal campo per circa 50 giorni.[35]

Morata fa il suo esordio il 13 settembre 2014 in occasione della vittoria, per 2-0, contro l'Udinese. Il 27 settembre successivo arriva anche la sua prima rete con la maglia della Juventus, in occasione della vittoria, per 3-0, in casa dell'Atalanta.[36] Il 9 novembre successivo mette a segno la sua prima doppietta con la maglia bianconera, siglando le due reti finali nella vittoria interna, per 7-0, contro il Parma.[37] Il 22 dicembre 2014 perde la Supercoppa italiana, ai calci di rigore, contro il Napoli.[38] Il 24 febbraio 2015 segna la sua prima rete in Champions League con la maglia della Juventus nell'andata degli ottavi di finale contro il Borussia Dortmund.[39] Il 18 marzo si ripete anche nella partita di ritorno disputata a Dortmund, dove la Juventus batte il Borussia per 0-3.[40] Il 7 aprile successivo, in occasione della partita di ritorno della semifinale di Coppa Italia vinta dalla Juventus, per 0-3, in casa della Fiorentina, viene allontanato dal campo e per via di questa espulsione salterà la finale di tale competizione, in programma il 20 maggio.[41] Il 2 maggio 2015, grazie alla vittoria per 0-1 sulla Sampdoria, vince il suo primo campionato di Serie A con 5 giornate d'anticipo.[42] Il 5 maggio durante l'andata delle semifinali di Champions League realizza, senza esultare, il gol del momentaneo 1-0 contro la sua ex-squadra, il Real Madrid, contribuendo al successo dei bianconeri per 2-1.[43] Il 13 maggio successivo, nel ritorno della semifinale di Champions League contro il Real Madrid, realizza al Santiago Bernabéu il gol del definitivo 1-1 che vale l'accesso alla finale per i bianconeri.[44] Il 20 maggio 2015, pur essendo squalificato, vince la finale di Coppa Italia dove la Juventus si impone, per 2-1, sulla Lazio.[45] Il 6 giugno successivo, seppur siglando la rete del momentaneo 1-1, perde la finale di Champions League contro il Barcellona per 1-3.[46] Alla conclusione della Champions, viene inserito nella squadra ideale dell'edizione 2014-2015.[47] Conclude la prima stagione in Italia con un bottino di due trofei nazionali vinti e un totale di 46 presenze e 15 reti.

La seconda stagione, seppur non scendendo in campo per via di un infortunio, si apre l'8 agosto 2015 con la vittoria della Supercoppa italiana ai danni della Lazio.[48] Il 15 settembre successivo segna il primo gol stagionale nella partita, vinta 1-2, in casa del Manchester City; è sua la rete che permette alla sua squadra di superare il club inglese per 1-2.[49] Il 30 settembre più tardi realizza il primo gol, del 2-0 finale, contro il Siviglia;[50] tale rete risulta essere la quinta marcatura consecutiva in Champions League eguagliando così il record di Alessandro Del Piero nella stagione 1995-1996.[51] Pochi giorni dopo, il 4 ottobre, mette a segno anche la sua prima rete stagionale in campionato, nella partita vinta per 3-1 contro il Bologna.[52] Dopo quattro mesi di digiuno, torna al gol il 27 gennaio 2016 nella semifinale di andata di Coppa Italia contro l'Inter, vinta per 3-0, sbloccando la partita su rigore e poi raddoppiando dopo un errore di Felipe Melo.[53] Torna al gol anche in campionato il 31 gennaio successivo, di nuovo con una doppietta, nella partita vinta 4-0 in casa del Chievo.[54] Il 20 marzo mette a segno i suoi primi due gol nel derby di Torino, fissando il risultato sul 4-1 in favore della sua squadra.[55] Il 21 maggio 2016 la sua rete nella finale di Coppa Italia contro il Milan, realizzata due minuti dopo essere subentrato a Hernanes, risulta essere decisiva, fissando il risultato sull'1-0 e permettendo ai suoi di vincere il trofeo.[56] Nella sua seconda stagione con la maglia bianconera vince quindi 3 trofei, giocando 47 partite e siglando 12 reti.[57]

Il ritorno al Real Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Il 21 giugno 2016 il Real Madrid comunica, tramite il proprio sito ufficiale, di aver riacquistato il giocatore tramite la clausola inserita 2 anni prima.[58] Il 9 agosto successivo torna a vestire la maglia dei blancos in occasione della partita, valida per l'assegnazione della Supercoppa UEFA, vinta per 3-2, ai tempi supplementari, contro i rivali del Siviglia.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Morata, nel 2010, con la maglia della Spagna Under-19

Fa parte della spedizione della Spagna che ha partecipato al Campionato mondiale di calcio Under-17 2009. Esordisce il 26 ottobre, nella prima partita del girone, contro gli Stati Uniti, subentrando a Iker Muniain all'84'. Torna in campo, da titolare, nella terza e ultima partita vinta 4-1 della fase a gironi contro il Malawi, partita nella quale mette a segno una doppietta.[59] Rimane in panchina fino alla semifinale contro la Nigeria, quando subentra a Pablo Sarabia al 65', la Spagna viene battuta per 3-1 e deve rinunciare al titolo mondiale.[60] Il 15 novembre vince la medaglia di bronzo della competizione battendo la Colombia per 1-0.[61]

Esordisce nel Campionato europeo di calcio Under-19 con la maglia della Spagna il 21 luglio nella prima partita del girone contro il Belgio vinta 4-1, nella quale, al 3º minuto di recupero, mette a segno il 4-1 finale.[62] Torna in campo due giorni dopo nella partita contro la Serbia, dove mette a segno una tripletta e la Spagna vince 4-0.[63] Morata, per la terza e ultima partita del girone contro la Turchia, non viene impiegato; la partita viene persa 3-0, ma la Spagna si qualifica lo stesso per le semifinali. Va a segno per due volte, una su rigore, anche nella semifinale contro l'Irlanda.[64] Il 1º agosto vince il titolo europeo battendo la Rep. Ceca 3-2, oltre la vittoria in finale insieme alla squadra, Morata si aggiudica anche la scarpa d'oro della competizione grazie ai 6 gol segnati.[65][66]

Viene inserito nella lista dei 23 convocati da Julen Lopetegui per partecipare al Campionato europeo di calcio Under-21 2013 in Israele. Esordisce nella competizione, e anche con la maglia della Nazionale Under-21 di calcio della Spagna, subentrando durante la prima partita del girone contro la Russia a Iker Muniain al 63' e circa venti minuti dopo il suo ingresso mette a segno anche il suo primo gol; tale rete permette alla Spagna di vincere la partita 1-0 e di guadagnare 3 punti in classifica.[67][68] Va a segno anche nella seconda partita contro la Germania vinta 1-0, sempre nei minuti finali ed entrando a partita in corso; anche questo gol permette alla Spagna di qualificarsi alla fase successiva della competizione con un turno d'anticipo.[69][70][71]

Nella terza e ultima partita della fase a gironi, Morata scende in campo da titolare e al 26' mette a segno il suo terzo gol consecutivo nella competizione ai danni dei Paesi Bassi; la partita viene vinta 3-0 e la Spagna si qualifica al primo posto nella fase ai gironi, per poi dover affrontare in semifinale la Norvegia.[72][73] Durante la semifinale contro la Norvegia mette a segno il suo quarto gol consecutivo in quattro partite, portando la Spagna in finale.[74][75] Il 18 giugno vince la competizione battendo l'Italia 4-2, diventando anche il capocannoniere della competizione con 4 gol in 5 partite giocate.[76][77][78]

Maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Viene convocato per la prima volta in nazionale maggiore, dal CT Vicente del Bosque, in occasione del match di qualificazioni al campionato europeo di calcio 2016 contro la Bielorussia e per l'amichevole contro la Germania. Fa il suo esordio proprio contro la Bielorussia, partita che viene vinta per 3-0; Morata fa il suo ingresso in campo all'80' di gioco, prendendo il posto del compagno di squadra Isco.[79] Il 27 marzo 2015 realizza il suo primo gol con la nazionale maggiore, siglando il decisivo 1-0 all'Ucraina nelle qualificazioni a Euro 2016.[80]

Il 31 maggio 2016 viene convocato per gli Europei 2016 in Francia.[81] L'esordio in tale competizione arriva il 13 giugno successivo in occasione della 1ª partita della fase a gironi vinta, per 1-0, contro la Repubblica Ceca. Quattro giorni più tardi nella seconda sfida contro la Turchia mette a segno una doppietta, che sommata alla rete del compagno di squadra Nolito permette ai suoi di imporsi per 3-0. Il 27 giugno successivo la Spagna viene eliminata dall'Italia, che si impone per 2-0, interrompendo così la competizione per la Nazionale spagnola e l'attaccante.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 21 agosto 2016.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2010-2011 Spagna Real M. Castilla SDB 26+2[82] 14+1[82] - - - - - - - - - 28 15
2011-2012 SDB 33+4[82] 15+3[82] - - - - - - - - - 37 18
2012-2013 SD 18 12 - - - - - - - - - 18 12
Totale Real M. Castilla 77+6[82] 41+4[82] - - - - - - 83 45
2010-2011 Spagna Real Madrid PD 1 0 CR 1 0 UCL 0 0 - - - 2 0
2011-2012 PD 1 0 CR 0 0 UCL 0 0 SS 0 0 1 0
2012-2013 PD 12 2 CR 2 0 UCL 1 0 SS 0 0 15 2
2013-2014 PD 23 8 CR 6 0 UCL 5 1 - - - 34 9
2014-2015 Italia Juventus A 29 8 CI 4 2 UCL 12 5 SI 1 0 46 15
2015-2016 A 34 7 CI 5 3 UCL 8 2 SI 0 0 47 12
Totale Juventus 63 15 9 5 20 7 1 0 93 27
2016-2017 Spagna Real Madrid PD 1 0 CR 0 0 UCL 0 0 SU+Cmc 1+0 0+0 2 0
Totale Real Madrid 38 10 9 0 6 1 1 0 54 11
Totale carriera 184 70 18 5 26 8 2 0 230 83

Cronologia presenze e reti in Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Spagna Spagna
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
15-11-2014 Huelva Spagna Spagna 3 – 0 Bielorussia Bielorussia Qual. Euro 2016 - Ingresso al 80’ 80’
18-11-2014 Vigo Spagna Spagna 0 – 1 Germania Germania Amichevole -
27-3-2015 Siviglia Spagna Spagna 1 – 0 Ucraina Ucraina Qual. Euro 2016 1 Uscita al 65’ 65’
31-3-2015 Amsterdam Paesi Bassi Paesi Bassi 2 – 0 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 62’ 62’
14-6-2015 Barysaŭ Bielorussia Bielorussia 0 – 1 Spagna Spagna Qual. Euro 2016 - Ammonizione al 54’ 54’
9-10-2015 Logroño Spagna Spagna 4 – 0 Lussemburgo Lussemburgo Qual. Euro 2016 - Uscita al 33’ 33’
24-3-2016 Udine Italia Italia 1 – 1 Spagna Spagna Amichevole - Uscita al 85’ 85’
27-3-2016 Cluj-Napoca Romania Romania 0 – 0 Spagna Spagna Amichevole - Ingresso al 79’ 79’
1-6-2016 Wals-Siezenheim Spagna Spagna 6 – 1 Corea del Sud Corea del Sud Amichevole 2
13-6-2016 Tolosa Spagna Spagna 1 – 0 Rep. Ceca Rep. Ceca Euro 2016 - 1º turno - Uscita al 62’ 62’
17-6-2016 Nizza Spagna Spagna 3 – 0 Turchia Turchia Euro 2016 - 1º turno 2
21-6-2016 Bordeaux Croazia Croazia 2 – 1 Spagna Spagna Euro 2016 - 1º turno 1 Uscita al 67’ 67’
27-6-2016 Saint-Denis Italia Italia 2 – 0 Spagna Spagna Euro 2016 - Ottavi - Uscita al 70’ 70’
Totale Presenze 13 Reti 6
Cronologia completa delle presenze e delle reti in Nazionale - Spagna Spagna Under-21
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
6-6-2013 Gerusalemme Spagna Under-21 Spagna 1 – 0 Russia Russia Under-21 Europeo Under-21 2013 - 1º turno 1 Ingresso al 63’ 63’
9-6-2013 Netanya Germania Under-21 Germania 0 – 1 Spagna Spagna Under-21 Europeo Under-21 2013 - 1º turno 1 Ingresso al 72’ 72’
12-6-2013 Petah Tiqwa Spagna Under-21 Spagna 3 – 0 Paesi Bassi Paesi Bassi Under-21 Europeo Under-21 2013 - 1º turno 1 Ammonizione al 90+2’ 90+2’
15-6-2013 Netanya Spagna Under-21 Spagna 3 – 0 Norvegia Norvegia Under-21 Europeo Under-21 2013 - Semifinale 1 Ingresso al 58’ 58’
18-6-2013 Gerusalemme Italia Under-21 Italia 2 – 4 Spagna Spagna Under-21 Europeo Under-21 2013 - Finale - Uscita al 80’ 80’
5-9-2013 Graz Austria Under-21 Austria 2 – 6 Spagna Spagna Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 4
9-9-2013 Logroño Spagna Under-21 Spagna 4 – 0 Albania Albania Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 1 Uscita al 69’ 69’
10-10-2013 Murcia Spagna Under-21 Spagna 3 – 2 Bosnia ed Erzegovina Bosnia ed Erzegovina Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 1 Uscita al 83’ 83’
14-10-2013 Cartagena Spagna Under-21 Spagna 1 – 0 Ungheria Ungheria Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 1 Uscita al 89’ 89’
14-11-2013 Zenica Bosnia ed Erzegovina Under-21 Bosnia ed Erzegovina 1 – 6 Spagna Spagna Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 1 Uscita al 69’ 69’
18-11-2013 Elbasan Albania Under-21 Albania 0 – 2 Spagna Spagna Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 -
4-3-2014 Palencia Spagna Under-21 Spagna 2 – 0 Germania Germania Under-21 Amichevole 1
10-10-2014 Jagodina Serbia Under-21 Serbia 0 – 0 Spagna Spagna Under-21 Qual. Europeo Under-21 2015 - Ammonizione al 90+6’ 90+6’
Totale Presenze 13 Reti (3º posto) 13

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Álvaro Morata, su juventus.com.
  2. ^ 83 (45) se si comprendono anche i play-off.
  3. ^ ¡El City prepara un ‘ofertón’ por Morata!, mundodeportivo.com, 17 aprile 2016. URL consultato il 21 maggio 2016.
  4. ^ Juve, Morata guida la missione Champions. Pirlo non recupera, quotidiano.net, 16 marzo 2015. URL consultato il 21 maggio 2016.
  5. ^ "Morata salvó a la Juve", marca.com, 14 maggio 2015. URL consultato il 21 maggio 2016.
  6. ^ Marotta accoglie Morata: "Tra i migliori giovani d'Europa, ha scelto la Juventus tra tanti club", su goal.com.
  7. ^ Alberto Di Chiara: "Morata diventerà uno dei più grandi d'Europa", tuttojuve.com.
  8. ^ Morata, talento e potenza, juventus.com, 19-07-14. URL consultato il 04-12-14.
  9. ^ Morata, el recogepelotas atlético que admiraba a Raúl, elpais.com, 13-12-10. URL consultato il 17-12-12.
  10. ^ Una generación para la historia, marca.com, 26-06-10. URL consultato il 17-12-12.
  11. ^ At the gates of the first team, realmadrid.com, 30-07-10. URL consultato il 17-12-12.
  12. ^ El Alcorcón cae ante un buen Real Madrid Castilla, marca.com, 15-08-10. URL consultato il 17-12-12.
  13. ^ 3-2: Primeros tres puntos para el Castilla, realmadrid.com, 29-08-10. URL consultato il 17-12-12.
  14. ^ Coruxo 1 - Real Madrid Castilla 4, su soccerway.com.
  15. ^ Morata hace un 'hat trick' en el 7-1 del Castilla, marca.com, 13-02-11. URL consultato il 17-12-12.
  16. ^ Real Madrid Castilla 4 - Atletico Madrid II 3, su soccerway.com.
  17. ^ Real Madrid Castilla 1 - Sportin Gijon II 0, su soccerway.com.
  18. ^ Real Madrid Castilla 4 - Getafe II 0, su soccerway.com.
  19. ^ Celta de Vigo 0 - Real Madrid Castilla 2, su soccerway.com.
  20. ^ Almeria 1 - Real Madrid Castilla 0, su transfermarkt.it.
  21. ^ Real Madrid Castilla 3 - Xerez 2, su transfermarkt.it.
  22. ^ Real Madrid Castilla 4 - Cordoba 0, su transfermarkt.it.
  23. ^ Real Madrid 8 - Levante 0, su transfermarkt.it.
  24. ^ Real Madrid 5 - Espanyol 0, su transfermarkt.it.
  25. ^ Levante 1 - Real Madrid 2, su transfermarkt.it.
  26. ^ Real Madrid 4 - Ajax 1, transfermarkt.it.
  27. ^ Real Madrid 2 - Rayo Vallecano 0, su transfermarkt.it.
  28. ^ Real Madrid 2 - 1 Real Betis, su soccerway.com.
  29. ^ Morata esalta il Real e manda un segnale all'Inter, su tuttomercatoweb.com.
  30. ^ Coppa del Re, una cavalcata di Bale decide il Clasico: Real campione, su tuttomercatoweb.com.
  31. ^ Real Madrid vs. Espanyol, su soccerway.com.
  32. ^ Il Real Madrid vince la Champions League, ansa.it, 24 maggio 2014. URL consultato il 2 novembre 2014.
  33. ^ Morata batte Ronaldo e Messi, è il miglior attaccante per media gol della Liga, fcinter1908.it, 19 maggio 2014. URL consultato il 2 novembre 2014.
  34. ^ Accordo con il Real Madrid per l'acquisizione definitiva del calciatore Alvaro Morata, juventus.com, 19 luglio 2014. URL consultato il 2 novembre 2014.
  35. ^ Juve: Morata, stop di quasi 2 mesi, ansa.it, 22 luglio 2014. URL consultato il 2 novembre 2014.
  36. ^ Juve va con Tevez-Morata, 3-0 a Bergamo, ansa.it, 27 settembre 2014. URL consultato il 2 novembre 2014.
  37. ^ Juventus 7 - 0 Parma, su legaseriea.it.
  38. ^ Il Napoli conquista la Supercoppa TIM, legaseriea.it, 22 dicembre 2014. URL consultato il 22 dicembre 2014.
  39. ^ Juventus - Borussia Dortmund, it.uefa.com, 24 febbraio 2015. URL consultato il 25 febbraio 2015.
  40. ^ Tevez-Morata, 3-0 show: super Juve, sei nei quarti. Borussia ko, tuttosport.com, 18 marzo 2015. URL consultato il 19 marzo 2015.
  41. ^ È sempre più la Juve di Morata. Ma quei cartellini rossi..., gazzetta.it, 7 aprile 2015. URL consultato l'8 aprile 2015.
  42. ^ Sampdoria-Juventus 0-1: Vidal, è festa scudetto. La Signora cala il poker, gazzetta.it, 2 maggio 2015. URL consultato il 2 maggio 2015.
  43. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Real Madrid 2-1: Morata e Tevez, la finale non è più un sogno, in gazzetta.it, 5 maggio 2015. URL consultato il 6 maggio 2015.
  44. ^ Valerio Clari, Juve da sogno: è finale! L’ex Morata gela il Real Madrid, in gazzetta.it, 13 maggio 2015. URL consultato il 14 maggio 2015.
  45. ^ Juventus, in bacheca la decima Coppa Italia! Lazio freddata da mitra Matri, in tuttomercatoweb, 30 maggio 2015.
  46. ^ Tris Barcellona, la Juve deve inchinarsi, in UEFA, 6 giugno 2015.
  47. ^ Il Barcellona domina la squadra della stagione 2014/15, uefa.com, 9 giugno 2015.
  48. ^ Juventus-Lazio 2-0: Mandzukic-Dybala, Allegri fa festa con i nuovi, gazzetta.it, 8 agosto 2015.
  49. ^ Champions, Man City-Juve 1-2: decidono Mandzukic e Morata, gazzetta.it, 15 settembre 2015.
  50. ^ Champions, Juventus-Siviglia 2-0. Morata e Zaza gol, Allegri in testa, gazzetta.it, 30 settembre 2015.
  51. ^ Morata come Del Piero: quinto gol di fila in Champions, gazzetta.it, 30 settembre 2015.
  52. ^ Juventus-Bologna 3-1. Mounier illude, poi segnano Morata, Dybala e Khedira, gazzetta.it, 4 ottobre 2015.
  53. ^ Jacopo Gerna, Juventus-Inter 3-0: Morata fa 2 gol, Allegri prenota la finale di Coppa Italia, su La Gazzetta dello Sport, 27 gennaio 2016. URL consultato il 28 gennaio 2016.
  54. ^ Massimo Pavan, LIVE TJ - CHIEVO VR-JUVENTUS 0-4 - MORATA (DOPPIETTA), ALEX SANDRO E POGBA: SPETTACOLO BIANCONERO, su TuttoJuve, 31 gennaio 2016. URL consultato il 31 gennaio 2016.
  55. ^ Giacomo Fiora, Morata si prende il derby e la Juve. Ma il Real…, su Il Calcio Magazine.it, 21 marzo 2016. URL consultato il 21 marzo 2016.
  56. ^ Jacopo Gerna, Milan-Juve 0-1, Morata-gol: Coppa Italia ad Allegri, trionfo ai supplementari, su gazzetta.it, 21 maggio 2016. URL consultato il 21 maggio 2016.
  57. ^ L'addio di Morata: "Grazie a tutti, rimarrò per sempre uno juventino", gazzetta.it. URL consultato il 25 giugno 2016.
  58. ^ (EN) Official Announcement: Morata, su realmadrid.com, 21 giugno 2016. URL consultato il 21 giugno 2016.
  59. ^ Malawi 1 - Spagna 4, su soccerway.com.
  60. ^ Spagna 1 - Nigeria 3, su soccerway.com.
  61. ^ Colombia 0 - Spagna 1, su soccerway.com.
  62. ^ Spagna 4 - Belgio 1, su soccerway.com.
  63. ^ Serbia 0 - Spagna 4, su soccerway.com.
  64. ^ Spagna 5 - Irlanda 0, su soccerway.com.
  65. ^ Repubblica Ceca 2 - Spagna 3, su soccerway.com.
  66. ^ Spain's Morata takes U19 scoring plaudits, uefa.com, 01-08-11. URL consultato il 17-12-12.
  67. ^ Europeo Under 21: Spagna-Russia 1-0, Olanda-Germania 3-2, gazzetta.it, 6 giugno 2013. URL consultato il 12-06-13.
  68. ^ Spagna 1 - Russia 0, su uefa.com.
  69. ^ Alvaro Morata, dal Real ai gol all’Europeo U.21, corrieredellosport.it, 10 giugno 2013. URL consultato il 12-06-13.
  70. ^ Europeo Under21: Spagna e Olanda in semifinale. Eliminata la Germania, gazzetta.it, 10 giugno 2013. URL consultato il 12-06-13.
  71. ^ Germania 0 - Spagna 1, su uefa.com.
  72. ^ Europeo Under 21: Spagna inarrestabile. Sarà Italia-Olanda in semifinale, gazzetta.it, 12 giugno 2013. URL consultato il 12-06-13.
  73. ^ Spagna 3 - Olanda 0, su uefa.com.
  74. ^ Europeo Under 21: Spagna-Norvegia 3-0, iberici in finale. Ora tocca agli azzurrini, gazzetta.it, 15 giugno 2013. URL consultato il 15-06-13.
  75. ^ Spagna 3 - Norvegia 0, su uefa.com.
  76. ^ Under 21, Spagna-Italia 4-2. Gli azzurri si inchinano a Thiago Alcantara, gazzetta.it, 18 giugno 2013. URL consultato il 18-06-13.
  77. ^ Italia 2 - Spagna 4, su uefa.com.
  78. ^ A Morata la Scarpa d'Oro, uefa.com, 18 giugno 2013. URL consultato il 18-06-13.
  79. ^ Qualificazioni Euro 2016, Callejon e Morata: «Spagna, un sogno che si realizza», su corrieredellosport.it.
  80. ^ Spagna-Ucraina 1-0. Del Bosque supera il test ucraino grazie a un gol di Morata, gazzetta.it, 27 marzo 2015.
  81. ^ (ES) OFICIAL - Esta es la lista definitiva de la Selección española para la Eurocopa de Francia, rfef.es, 31 maggio 2016. URL consultato il 31 maggio 2016.
  82. ^ a b c d e f Nei play-off.
  83. ^ In rosa, ma non convocato per infortunio.
  84. ^ La Calciatori Panini, in collaborazione con la Lega Serie A, assegna la Supercoppa italiana 2015 a Morata.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]