Juventus Football Club 2001-2002

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Stagione 2001-2002
Allenatore Italia Marcello Lippi
Presidente Italia Vittorio Caissotti di Chiusano
Serie A 1º posto (in Champions League)
Coppa Italia Finalista
Champions League Seconda fase a gironi
Maggiori presenze Campionato: Buffon, Trezeguet (34)
Totale: Zambrotta (47)
Miglior marcatore Campionato: Trezeguet (24)
Totale: Trezeguet (32)
Stadio Delle Alpi
Maggior numero di spettatori 53 661 vs. Inter (27 ottobre 2001)
Minor numero di spettatori 599 vs. Atalanta (12 dicembre 2001)
Media spettatori 40 687¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 2001-2002.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Gli insuccessi delle ultime stagioni causarono l'addio di Ancelotti,[1] spianando la strada al rientro di Lippi.[2] Sul mercato la squadra lasciò partire Van der Sar, Zidane e Inzaghi:[3] al loro posto giunsero Buffon, Pavel Nedvěd e Lilian Thuram.[4] Il campionato 2001-02 iniziò con 3 vittorie consecutive,[5] prima di rimanere all'asciutto per 6 giornate.[6] Fu anche superato il primo turno in Champions League, ottenendo l'accesso al secondo.[7] Nel mese di dicembre, la società entrò in Borsa.[8] Durante l'inverno, la Juventus risalì la classifica:[9] particolare importanza ebbe l'integrazione del ceco nel modulo, in posizione di trequartista.[10] In Europa il cammino terminò nell'ultima fase a gruppi,[11] mentre la lotta per lo scudetto venne riaperta in primavera a causa delle incertezze offerte dall'Inter capolista.[12][13]

Giunta all'ultima partita con un punto di ritardo dai nerazzurri, alla Juventus riuscì un incredibile sorpasso che le fruttò il tricolore: i milanesi caddero 4-2 sul campo della Lazio, mentre i bianconeri vinsero per 2-0 in casa dell'Udinese sorpassandoli.[14] La stagione si concluse con la finale di Coppa Italia, persa contro il Parma.[15]

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Gianluigi Buffon
2 Italia D Ciro Ferrara
3 Italia D Michele Paramatti
4 Uruguay D Paolo Montero
5 Croazia D Igor Tudor
6 Uruguay C Fabián O'Neill
7 Italia D Gianluca Pessotto
8 Italia C Antonio Conte
9 Cile A Marcelo Salas
10 Italia A Alessandro Del Piero (Capitano)
11 Rep. Ceca C Pavel Nedvěd
12 Italia P Michelangelo Rampulla
13 Italia D Mark Iuliano
14 Italia C Cristian Zenoni
15 Italia D Alessandro Birindelli
16 Italia C Enzo Maresca
N. Ruolo Giocatore
17 Francia A David Trezeguet
18 Brasile D Athirson
19 Italia D Gianluca Zambrotta
20 Italia C Alessio Tacchinardi
21 Francia D Lilian Thuram
22 Uruguay P Fabián Carini
23 Italia C Marco Rigoni
25 Uruguay A Marcelo Zalayeta
26 Paesi Bassi C Edgar Davids
27 Italia A Nicola Amoruso
30 Italia C Alessandro Frara
31 Italia D Felice Piccolo
32 Italia C Stefano Rondinella
33 Francia A Vincent Péricard
36 Uzbekistan C Ilyas Zeytulaev
38 Paraguay A Tomás Guzmán

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Gianluigi Buffon Parma definitivo (105 miliardi £)
D Lilian Thuram Parma definitivo (70 miliardi £)
D Cristian Zenoni Milan definitivo (30 miliardi £)[16]
C Pavel Nedved Lazio definitivo (70 miliardi £)
C Enzo Maresca Bologna fine prestito
C Marco Rigoni Ravenna fine prestito
A Marcelo Salas Lazio definitivo (25 miliardi £)
A Nicola Amoruso Napoli fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Edwin van der Sar Fulham definitivo (7,1 miliardi £)
C Zinédine Zidane Real Madrid definitivo (150 miliardi £)
A Filippo Inzaghi Milan definitivo (70 miliardi £)[16]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2001-2002.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
26 agosto 2001, ore 15:00 CEST
1ª giornata
Juventus 4 – 0
(3 – 0)
referto
Venezia Stadio delle Alpi (35 817 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Bergamo
9 settembre 2001, ore 15:00 CEST
2ª giornata
Atalanta 0 – 2
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Atleti Azzurri d'Italia (24 386 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Torino
15 settembre 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Juventus 3 – 2
(2 – 2)
referto
Chievo Stadio delle Alpi (40 555 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Lecce
22 settembre 2001, ore 20:30 CEST
4ª giornata
Lecce 0 – 0
referto
Juventus Stadio Via del Mare (32 236 spett.)
Arbitro De Santis (Roma 1)

Torino
29 settembre 2001, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Juventus 0 – 2
(0 – 1)
referto
Roma Stadio delle Alpi (49 454 spett.)
Arbitro Cesari (Genova)

Firenze
19 dicembre 2001, ore 15:00 CET
6ª giornata[17]
Fiorentina 1 – 1
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Artemio Franchi (19 756 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Torino
14 ottobre 2001, ore 15:00 CEST
7ª giornata
Juventus 3 – 3
(3 – 0)
referto
Torino Stadio delle Alpi (29 239 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Bologna
20 ottobre 2001, ore 20:30 CEST
8ª giornata
Bologna 0 – 0
referto
Juventus Stadio Renato Dall'Ara (35 756 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Torino
27 ottobre 2001, ore 20:30 CEST
9ª giornata
Juventus 0 – 0
referto
Inter Stadio delle Alpi (53 661 spett.)
Arbitro Braschi (Prato)

Verona
4 novembre 2001, ore 15:00 CET
10ª giornata
Verona 2 – 2
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Marcantonio Bentegodi (26 573 spett.)
Arbitro Cesari (Genova)

Torino
18 novembre 2001, ore 15:00 CET
11ª giornata
Juventus 3 – 1
(1 – 1)
referto
Parma Stadio delle Alpi (38 355 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Roma
24 novembre 2001, ore 20:30 CET
12ª giornata
Lazio 1 – 0
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Olimpico (60 432 spett.)
Arbitro Collina (Viareggio)

Torino
1º dicembre 2001, ore 20:30 CET
13ª giornata
Juventus 2 – 0
(0 – 0)
referto
Perugia Stadio delle Alpi (37 283 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Milano
9 dicembre 2001, ore 20:30 CET
14ª giornata
Milan 1 – 1
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (81 691 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Torino
16 dicembre 2001, ore 15:00 CET
15ª giornata
Juventus 2 – 0
(1 – 0)
referto
Piacenza Stadio delle Alpi (36 246 spett.)
Arbitro Trefoloni (Siena)

Brescia
23 dicembre 2001, ore 15:00 CET
16ª giornata
Brescia 0 – 4
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Mario Rigamonti (18 086 spett.)
Arbitro De Santis (Roma 1)

Torino
6 gennaio 2002, ore 15:00 CET
17ª giornata
Juventus 3 – 0
(3 – 0)
referto
Udinese Stadio delle Alpi (36 845 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Venezia
13 gennaio 2002, ore 15:00 CET
18ª giornata
Venezia 1 – 2
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Pierluigi Penzo (11 475 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Torino
20 gennaio 2002, ore 15:00 CET
19ª giornata
Juventus 3 – 0
(2 – 0)
referto
Atalanta Stadio delle Alpi (24 386 spett.)
Arbitro Pieri (Lucca)

Verona
27 gennaio 2002, ore 20:30 CET
20ª giornata
Chievo 1 – 3
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Marcantonio Bentegodi (33 998 spett.)
Arbitro De Santis (Roma 1)

Torino
3 febbraio 2002, ore 15:00 CET
21ª giornata
Juventus 3 – 0
(1 – 0)
referto
Lecce Stadio delle Alpi (37 622 spett.)
Arbitro Trefoloni (Siena)

Roma
10 febbraio 2002, ore 20:30 CET
22ª giornata
Roma 0 – 0
referto
Juventus Stadio Olimpico (73 161 spett.)
Arbitro Cesari (Genova)

Torino
16 febbraio 2002, ore 15:00 CET
23ª giornata
Juventus 2 – 1
(2 – 1)
referto
Florentia Viola Stadio delle Alpi (38 416 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Torino
24 febbraio 2002, ore 20:30 CET
24ª giornata
Torino 2 – 2
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio delle Alpi (52 597 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Torino
3 marzo 2002, ore 15:00 CET
25ª giornata
Juventus 2 – 1
(1 – 1)
referto
Bologna Stadio delle Alpi (40 006 spett.)
Arbitro Braschi (Prato)

Milano
9 marzo 2002, ore 20:30 CET
26ª giornata
Inter 2 – 2
(1 – 1)
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (79 188 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Torino
17 marzo 2002, ore 15:00 CET
27ª giornata
Juventus 1 – 0
(1 – 0)
referto
Verona Stadio delle Alpi (38 232 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Parma
23 marzo 2002, ore 20:30 CET
28ª giornata
Parma 1 – 0
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (25 297 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Torino
30 marzo 2002, ore 20:30 CET
29ª giornata
Juventus 1 – 1
(1 – 1)
referto
Lazio Stadio delle Alpi (40 075 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Perugia
7 aprile 2002, ore 15:00 CEST
30ª giornata
Perugia 0 – 4
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Renato Curi (19 835 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Torino
14 aprile 2002, ore 15:00 CEST
31ª giornata
Juventus 1 – 0
(0 – 0)
referto
Milan Stadio delle Alpi (52 505 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Piacenza
21 aprile 2002, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Piacenza 0 – 1
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Leonardo Garilli (18 778 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Torino
28 aprile 2002, ore 15:00 CEST
33ª giornata
Juventus 5 – 0
(1 – 0)
referto
Brescia Stadio delle Alpi (49 763 spett.)
Arbitro Racalbuto (Gallarate)

Udine
5 maggio 2002, ore 15:00 CET
34ª giornata
Udinese 0 – 2
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Friuli (32 167 spett.)
Arbitro Rodomonti (Teramo)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2001-2002.
Genova
11 novembre 2001, ore 20:45 CET
Ottavi di finale - Andata
Sampdoria 1 – 2
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Luigi Ferraris (circa 13 000 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Torino
12 dicembre 2001, ore 18:00 CET
Ottavi di finale - Ritorno
Juventus 5 – 2
(5 – 1)
referto
Sampdoria Stadio delle Alpi
Arbitro Ayroldi (Molfetta)

Torino
9 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Quarti di finale - Andata
Juventus 4 – 2
(1 – 1)
referto
Atalanta Stadio delle Alpi (599 spett.)
Arbitro Trefoloni (Siena)

Bergamo
17 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Quarti di finale - Ritorno
Atalanta 2 – 1
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Atleti Azzurri d'Italia (6 000 spett.)
Arbitro Treossi (Forlì)

Milano
23 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Semifinali - Andata
Milan 1 – 2
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (27 687 spett.)
Arbitro Braschi (Prato)

Torino
6 febbraio 2002, ore 20:45 CET
Semifinali - Ritorno
Juventus 1 – 1
(0 – 1)
referto
Milan Stadio delle Alpi (15 000 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Torino
25 aprile 2002, ore 20:45 CEST
Finale - Andata
Juventus 2 – 1
(1 – 0)
referto
Parma Stadio delle Alpi (35 874 spett.)
Arbitro Collina (Viareggio)

Parma
10 maggio 2002, ore 20:45 CEST
Finale - Ritorno
Parma 1 – 0
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (26 864 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2001-2002.

Prima fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Torino
18 settembre 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Juventus 3 – 2
(1 – 0)
referto
Celtic Stadio delle Alpi (43 017 spett.)
Arbitro Germania Krug

Trondheim
25 settembre 2001, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Rosenborg 1 – 1
(0 – 0)
referto
Juventus Lerkendal Stadion (29 000 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Wegereef

Oporto
10 ottobre 2001, ore 19:45 WET
3ª giornata
Porto 0 – 0
referto
Juventus Estádio das Antas (40 228 spett.)
Arbitro Spagna Mejuto González

Torino
17 ottobre 2001, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Juventus 1 – 0
(1 – 0)
referto
Rosenborg Stadio delle Alpi (40 000 spett.)
Arbitro Inghilterra Poll

Torino
23 ottobre 2001, ore 20:45 CEST
5ª giornata
Juventus 3 – 1
(1 – 1)
referto
Porto Stadio delle Alpi (38 328 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Glasgow
31 ottobre 2001, ore 19:45 WET
6ª giornata
Celtic 4 – 3
(2 – 1)
referto
Juventus Celtic Park (57 717 spett.)
Arbitro Francia Veissière

Seconda fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Torino
29 novembre 2001, ore 15:00 CET
1ª giornata
Juventus 4 – 0
(3 – 0)
referto
Bayer Leverkusen Stadio delle Alpi (3 500 spett.)
Arbitro Svizzera Meier

Londra
4 dicembre 2001, ore 19:45 WET
2ª giornata
Arsenal 3 – 1
(2 – 0)
referto
Juventus Arsenal Stadium (35 421 spett.)
Arbitro Portogallo Melo Pereira

Torino
19 febbraio 2002, ore 20:45 CET
3ª giornata
Juventus 0 – 0
referto
Deportivo Stadio delle Alpi (25 000 spett.)
Arbitro Scozia Dallas

La Coruña
27 febbraio 2002, ore 20:45 CET
4ª giornata
Deportivo 2 – 0
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Riazor (34 000 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Leverkusen
12 marzo 2002, ore 20:45 CET
5ª giornata
Bayer Leverkusen 3 – 1
(1 – 0)
referto
Juventus BayArena (22 500 spett.)
Arbitro Danimarca Milton Nielsen

Torino
20 marzo 2002, ore 20:45 CET
6ª giornata
Juventus 1 – 0
(0 – 0)
referto
Arsenal Stadio delle Alpi (7 000 spett.)
Arbitro Svezia Nilsson

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 71 17 13 3 1 38 11 17 7 8 2 26 12 34 20 11 3 64 23 +41
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 4 3 1 0 12 6 4 2 0 2 5 5 8 5 1 2 17 11 +6
Coppacampioni.png UEFA Champions League - 6 5 1 0 12 3 6 0 2 4 6 13 12 5 3 4 18 16 +2
Totale - 27 21 5 1 62 20 27 9 10 8 37 30 54 30 15 9 99 50 +49

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34
Luogo C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T
Risultato V V V N P N N N N N V P V N V V V V V V V N V N V N V P N V V V V V
Posizione 1 1 1 1 3 3 3 4 5 6 3 5 5 6 4 4 4 4 3 3 2 2 1 3 2 3 3 3 3 3 3 2 2 1

Fonte: Serie A 2001/2002, su calcio.com.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia UEFA Champions League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Amoruso, N. N. Amoruso 9 0 0 0 7 6 1 0 6 1 0 0 22 7 1 0
Birindelli, A. A. Birindelli 10 0 0 0 8 1 1 0 9 0 3 0 27 1 4 0
Buffon, G. G. Buffon 34 -23 0 0 1 -1 0 0 10 -12 1 0 45 -36 1 0
Carini, F. F. Carini 0 0 0 0 6 -8 0 0 2 -4 0 0 8 -12 0 0
Conte, A. A. Conte 20 1 4 0 5 0 2 0 4 0 1 0 29 1 7 0
Davids, E. E. Davids 28 2 4 0 5 0 1 0 9 0 6 2 42 2 11 2
Del Piero, A. A. Del Piero 32 16 2 0 4 1 0 0 10 4 1 0 46 21 3 0
Ferrara, C. C. Ferrara 22 3 4 0 4 1 3 0 4 0 3 0 30 4 10 0
Frara, A. A. Frara 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0 2 0 0 0
Guzmán, T. T. Guzmán 0 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0
Iuliano, M. M. Iuliano 27 1 6 1 5 0 0 0 8 0 3 0 40 1 9 1
Maresca, E. E. Maresca 16 1 1 0 4 1 2 0 8 0 0 0 28 2 3 0
Montero, P. P. Montero 16 0 1 1 4 0 0 0 7 1 0 0 27 1 1 1
Nedvěd, P. P. Nedvěd 32 4 5 0 4 0 0 0 7 0 4 0 43 4 9 0
O'Neill, F. F. O'Neill 4 0 1 0 0 0 0 0 3 0 0 0 7 0 1 0
Paramatti, M. M. Paramatti 10 0 1 0 8 0 0 0 6 0 1 0 24 0 2 0
Pericard, V. V. Péricard 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0 2 0 0 0
Pessotto, G. G. Pessotto 29 0 4 0 4 0 0 0 11 0 1 0 44 0 5 0
Piccolo, F. F. Piccolo 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0
Rampulla, M. M. Rampulla 0 0 0 0 1 -2 0 0 0 0 0 0 1 -2 0 0
Rigoni, M. M. Rigoni 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0
Rondinella, S. S. Rondinella 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 1 0 0 0
Salas, M. M. Salas 7 1 0 0 1 0 0 0 4 0 0 0 12 1 0 0
Tacchinardi, A. A. Tacchinardi 28 2 6 0 7 0 2 0 10 0 0 0 45 2 8 0
Thuram, L. L. Thuram 30 0 0 0 3 0 1 0 8 0 2 0 41 0 3 0
Trezeguet, D. D. Trezeguet 34 24 3 0 2 0 0 0 10 8 0 0 46 32 3 0
Tudor, I. I. Tudor 14 4 3 0 1 0 0 0 6 2 1 0 21 6 4 0
Zalayeta, M. M. Zalayeta 11 0 0 0 8 5 0 0 4 1 1 0 23 6 1 0
Zambrotta, G. G. Zambrotta 32 1 6 0 6 1 0 0 9 0 1 0 47 2 7 0
Zenoni, C. C. Zenoni 24 1 0 1 7 0 0 0 8 0 0 0 39 1 0 1
Zeytulaev, I. I. Zeytulaev 0 0 0 0 2 0 0 0 0 0 0 0 2 0 0 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Lo Presti, Ancelotti Lippi: la Juve tace, in La Gazzetta dello Sport, 2 giugno 2001.
  2. ^ Lippi alla Juve: "Torno per vincere", su repubblica.it, 20 giugno 2001.
  3. ^ Inzaghi firma: addio Juve, ora è al Milan, su corriere.it, 7 luglio 2001.
  4. ^ Juve: Thuram, Nedved e Buffon per il nuovo progetto Lippi, in la Repubblica, 9 luglio 2001.
  5. ^ Il Chievo spaventa la Juve ma i bianconeri vincono, su repubblica.it, 15 settembre 2001.
  6. ^ La Juve con il cuore agguanta il Verona, su repubblica.it, 4 novembre 2001.
  7. ^ Con il Celtic emozioni e gol per la Juve ko indolore, su repubblica.it, 31 ottobre 2001.
  8. ^ Juve in Borsa il 20 dicembre, su repubblica.it, 29 novembre 2001.
  9. ^ La Juventus soffre ma batte la Fiorentina, su repubblica.it, 16 febbraio 2002.
  10. ^ Emanuele Gamba, Juventus, per fortuna c'è Nedved, in la Repubblica, 18 marzo 2002.
  11. ^ La Juve elimina l'Arsenal nella partita inutile, su repubblica.it, 20 marzo 2002.
  12. ^ Maurizio Crosetti, Sono arrivati fino a meno 5 poi magia Nedved, in la Repubblica, 22 aprile 2002.
  13. ^ Scudetto, ora la Juve mette paura, in la Repubblica, 22 aprile 2002.
  14. ^ Stoica, precisa, spietata la Juve è campione d'Italia, su repubblica.it, 5 maggio 2002.
  15. ^ La Juventus non fa il bis la Coppa Italia al Parma, su repubblica.it, 5 maggio 2002.
  16. ^ a b Luca De Capitani, Inzaghi è rossonero, sport.it, 5 agosto 2003. URL consultato il 13 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2014).
  17. ^ Originariamente prevista per il 7 ottobre 2001, ma rinviata per la sovrapposizione con il calendario della Champions.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]