Juventus Football Club 2001-2002

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Stagione 2001-2002
AllenatoreItalia Marcello Lippi
PresidenteItalia Vittorio Caissotti di Chiusano
Serie A1º posto (in Champions League)
Coppa ItaliaFinalista
Champions LeagueSeconda fase a gironi
Maggiori presenzeCampionato: Buffon, Trezeguet (34)
Totale: Zambrotta (47)
Miglior marcatoreCampionato: Trezeguet (24)
Totale: Trezeguet (32)
StadioDelle Alpi
Maggior numero di spettatori53 661 vs. Inter (27 ottobre 2001)
Minor numero di spettatori599 vs. Atalanta (12 dicembre 2001)
Media spettatori40 687¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 2001-2002.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Gli insuccessi delle ultime stagioni causarono l'addio di Ancelotti,[1] spianando la strada al rientro di Lippi.[2] Sul mercato la squadra lasciò partire Van der Sar, Zidane e Inzaghi:[3] al loro posto giunsero Buffon, Pavel Nedvěd e Lilian Thuram.[4] Il campionato 2001-02 iniziò con 3 vittorie consecutive,[5] prima di rimanere all'asciutto per 6 giornate.[6] Fu anche superato il primo turno in Champions League, ottenendo l'accesso al secondo.[7] Nel mese di dicembre, la società entrò in Borsa.[8] Durante l'inverno, la Juventus risalì la classifica:[9] particolare importanza ebbe l'integrazione del ceco nel modulo, in posizione di trequartista.[10] In Europa il cammino terminò nell'ultima fase a gruppi,[11] mentre la lotta per lo scudetto venne riaperta in primavera a causa delle incertezze offerte dall'Inter capolista.[12][13]

Giunta all'ultima partita con un punto di ritardo dai nerazzurri, alla Juventus riuscì un incredibile sorpasso che le fruttò il tricolore: i milanesi caddero 4-2 sul campo della Lazio, mentre i bianconeri vinsero per 2-0 in casa dell'Udinese sorpassandoli.[14] La stagione si concluse con la finale di Coppa Italia, persa contro il Parma.[15]

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Gianluigi Buffon
2 Italia D Ciro Ferrara
3 Italia D Michele Paramatti
4 Uruguay D Paolo Montero
5 Croazia D Igor Tudor
6 Uruguay C Fabián O'Neill
7 Italia D Gianluca Pessotto
8 Italia C Antonio Conte
9 Cile A Marcelo Salas
10 Italia A Alessandro Del Piero (Capitano)
11 Rep. Ceca C Pavel Nedvěd
12 Italia P Michelangelo Rampulla
13 Italia D Mark Iuliano
14 Italia C Cristian Zenoni
15 Italia D Alessandro Birindelli
16 Italia C Enzo Maresca
N. Ruolo Giocatore
17 Francia A David Trezeguet
18 Brasile D Athirson
19 Italia D Gianluca Zambrotta
20 Italia C Alessio Tacchinardi
21 Francia D Lilian Thuram
22 Uruguay P Fabián Carini
23 Italia C Marco Rigoni
25 Uruguay A Marcelo Zalayeta
26 Paesi Bassi C Edgar Davids
27 Italia A Nicola Amoruso
30 Italia C Alessandro Frara
31 Italia D Felice Piccolo
32 Italia C Stefano Rondinella
33 Francia A Vincent Péricard
36 Uzbekistan C Ilyas Zeytulaev
38 Paraguay A Tomás Guzmán

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Gianluigi Buffon Parma definitivo (105 miliardi £)
D Lilian Thuram Parma definitivo (70 miliardi £)
D Cristian Zenoni Milan definitivo (30 miliardi £)[16]
C Pavel Nedved Lazio definitivo (70 miliardi £)
C Enzo Maresca Bologna fine prestito
C Marco Rigoni Ravenna fine prestito
A Marcelo Salas Lazio definitivo (25 miliardi £)
A Nicola Amoruso Napoli fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Edwin van der Sar Fulham definitivo (7,1 miliardi £)
C Zinédine Zidane Real Madrid definitivo (150 miliardi £)
A Filippo Inzaghi Milan definitivo (70 miliardi £)[16]

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2001-2002.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
26 agosto 2001, ore 15:00 CEST
1ª giornata
Juventus 4 – 0
(3 – 0)
referto
Venezia Stadio delle Alpi (35 817 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Bergamo
9 settembre 2001, ore 15:00 CEST
2ª giornata
Atalanta 0 – 2
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Atleti Azzurri d'Italia (24 386 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Torino
15 settembre 2001, ore 20:30 CEST
3ª giornata
Juventus 3 – 2
(2 – 2)
referto
Chievo Stadio delle Alpi (40 555 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Lecce
22 settembre 2001, ore 20:30 CEST
4ª giornata
Lecce 0 – 0
referto
Juventus Stadio Via del Mare (32 236 spett.)
Arbitro De Santis (Roma 1)

Torino
29 settembre 2001, ore 20:30 CEST
5ª giornata
Juventus 0 – 2
(0 – 1)
referto
Roma Stadio delle Alpi (49 454 spett.)
Arbitro Cesari (Genova)

Firenze
19 dicembre 2001, ore 15:00 CET
6ª giornata[17]
Fiorentina 1 – 1
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Artemio Franchi (19 756 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Torino
14 ottobre 2001, ore 15:00 CEST
7ª giornata
Juventus 3 – 3
(3 – 0)
referto
Torino Stadio delle Alpi (29 239 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Bologna
20 ottobre 2001, ore 20:30 CEST
8ª giornata
Bologna 0 – 0
referto
Juventus Stadio Renato Dall'Ara (35 756 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Torino
27 ottobre 2001, ore 20:30 CEST
9ª giornata
Juventus 0 – 0
referto
Inter Stadio delle Alpi (53 661 spett.)
Arbitro Braschi (Prato)

Verona
4 novembre 2001, ore 15:00 CET
10ª giornata
Verona 2 – 2
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Marcantonio Bentegodi (26 573 spett.)
Arbitro Cesari (Genova)

Torino
18 novembre 2001, ore 15:00 CET
11ª giornata
Juventus 3 – 1
(1 – 1)
referto
Parma Stadio delle Alpi (38 355 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Roma
24 novembre 2001, ore 20:30 CET
12ª giornata
Lazio 1 – 0
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Olimpico (60 432 spett.)
Arbitro Collina (Viareggio)

Torino
1º dicembre 2001, ore 20:30 CET
13ª giornata
Juventus 2 – 0
(0 – 0)
referto
Perugia Stadio delle Alpi (37 283 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Milano
9 dicembre 2001, ore 20:30 CET
14ª giornata
Milan 1 – 1
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (81 691 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Torino
16 dicembre 2001, ore 15:00 CET
15ª giornata
Juventus 2 – 0
(1 – 0)
referto
Piacenza Stadio delle Alpi (36 246 spett.)
Arbitro Trefoloni (Siena)

Brescia
23 dicembre 2001, ore 15:00 CET
16ª giornata
Brescia 0 – 4
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Mario Rigamonti (18 086 spett.)
Arbitro De Santis (Roma 1)

Torino
6 gennaio 2002, ore 15:00 CET
17ª giornata
Juventus 3 – 0
(3 – 0)
referto
Udinese Stadio delle Alpi (36 845 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Venezia
13 gennaio 2002, ore 15:00 CET
18ª giornata
Venezia 1 – 2
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Pierluigi Penzo (11 475 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Torino
20 gennaio 2002, ore 15:00 CET
19ª giornata
Juventus 3 – 0
(2 – 0)
referto
Atalanta Stadio delle Alpi (24 386 spett.)
Arbitro Pieri (Lucca)

Verona
27 gennaio 2002, ore 20:30 CET
20ª giornata
Chievo 1 – 3
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Marcantonio Bentegodi (33 998 spett.)
Arbitro De Santis (Roma 1)

Torino
3 febbraio 2002, ore 15:00 CET
21ª giornata
Juventus 3 – 0
(1 – 0)
referto
Lecce Stadio delle Alpi (37 622 spett.)
Arbitro Trefoloni (Siena)

Roma
10 febbraio 2002, ore 20:30 CET
22ª giornata
Roma 0 – 0
referto
Juventus Stadio Olimpico (73 161 spett.)
Arbitro Cesari (Genova)

Torino
16 febbraio 2002, ore 15:00 CET
23ª giornata
Juventus 2 – 1
(2 – 1)
referto
Florentia Viola Stadio delle Alpi (38 416 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Torino
24 febbraio 2002, ore 20:30 CET
24ª giornata
Torino 2 – 2
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio delle Alpi (52 597 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

Torino
3 marzo 2002, ore 15:00 CET
25ª giornata
Juventus 2 – 1
(1 – 1)
referto
Bologna Stadio delle Alpi (40 006 spett.)
Arbitro Braschi (Prato)

Milano
9 marzo 2002, ore 20:30 CET
26ª giornata
Inter 2 – 2
(1 – 1)
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (79 188 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Torino
17 marzo 2002, ore 15:00 CET
27ª giornata
Juventus 1 – 0
(1 – 0)
referto
Verona Stadio delle Alpi (38 232 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Parma
23 marzo 2002, ore 20:30 CET
28ª giornata
Parma 1 – 0
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (25 297 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Torino
30 marzo 2002, ore 20:30 CET
29ª giornata
Juventus 1 – 1
(1 – 1)
referto
Lazio Stadio delle Alpi (40 075 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Perugia
7 aprile 2002, ore 15:00 CEST
30ª giornata
Perugia 0 – 4
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Renato Curi (19 835 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Torino
14 aprile 2002, ore 15:00 CEST
31ª giornata
Juventus 1 – 0
(0 – 0)
referto
Milan Stadio delle Alpi (52 505 spett.)
Arbitro Borriello (Mantova)

Piacenza
21 aprile 2002, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Piacenza 0 – 1
(0 – 0)
referto
Juventus Stadio Leonardo Garilli (18 778 spett.)
Arbitro Bolognino (Milano)

Torino
28 aprile 2002, ore 15:00 CEST
33ª giornata
Juventus 5 – 0
(1 – 0)
referto
Brescia Stadio delle Alpi (49 763 spett.)
Arbitro Racalbuto (Gallarate)

Udine
5 maggio 2002, ore 15:00 CET
34ª giornata
Udinese 0 – 2
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Friuli (32 167 spett.)
Arbitro Rodomonti (Teramo)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2001-2002.
Genova
11 novembre 2001, ore 20:45 CET
Ottavi di finale - Andata
Sampdoria 1 – 2
(0 – 2)
referto
Juventus Stadio Luigi Ferraris (circa 13 000 spett.)
Arbitro Gabriele (Frosinone)

Torino
12 dicembre 2001, ore 18:00 CET
Ottavi di finale - Ritorno
Juventus 5 – 2
(5 – 1)
referto
Sampdoria Stadio delle Alpi
Arbitro Ayroldi (Molfetta)

Torino
9 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Quarti di finale - Andata
Juventus 4 – 2
(1 – 1)
referto
Atalanta Stadio delle Alpi (599 spett.)
Arbitro Trefoloni (Siena)

Bergamo
17 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Quarti di finale - Ritorno
Atalanta 2 – 1
(0 – 1)
referto
Juventus Stadio Atleti Azzurri d'Italia (6 000 spett.)
Arbitro Treossi (Forlì)

Milano
23 gennaio 2002, ore 20:45 CET
Semifinali - Andata
Milan 1 – 2
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Giuseppe Meazza (27 687 spett.)
Arbitro Braschi (Prato)

Torino
6 febbraio 2002, ore 20:45 CET
Semifinali - Ritorno
Juventus 1 – 1
(0 – 1)
referto
Milan Stadio delle Alpi (15 000 spett.)
Arbitro Bertini (Arezzo)

Torino
25 aprile 2002, ore 20:45 CEST
Finale - Andata
Juventus 2 – 1
(1 – 0)
referto
Parma Stadio delle Alpi (35 874 spett.)
Arbitro Collina (Viareggio)

Parma
10 maggio 2002, ore 20:45 CEST
Finale - Ritorno
Parma 1 – 0
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (26 864 spett.)
Arbitro Paparesta (Bari)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 2001-2002.

Prima fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Torino
18 settembre 2001, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Juventus 3 – 2
(1 – 0)
referto
Celtic Stadio delle Alpi (43 017 spett.)
Arbitro Germania Krug

Trondheim
25 settembre 2001, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Rosenborg 1 – 1
(0 – 0)
referto
Juventus Lerkendal Stadion (29 000 spett.)
Arbitro Paesi Bassi Wegereef

Oporto
10 ottobre 2001, ore 19:45 WET
3ª giornata
Porto 0 – 0
referto
Juventus Estádio das Antas (40 228 spett.)
Arbitro Spagna Mejuto González

Torino
17 ottobre 2001, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Juventus 1 – 0
(1 – 0)
referto
Rosenborg Stadio delle Alpi (40 000 spett.)
Arbitro Inghilterra Poll

Torino
23 ottobre 2001, ore 20:45 CEST
5ª giornata
Juventus 3 – 1
(1 – 1)
referto
Porto Stadio delle Alpi (38 328 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Glasgow
31 ottobre 2001, ore 19:45 WET
6ª giornata
Celtic 4 – 3
(2 – 1)
referto
Juventus Celtic Park (57 717 spett.)
Arbitro Francia Veissière

Seconda fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Torino
29 novembre 2001, ore 15:00 CET
1ª giornata
Juventus 4 – 0
(3 – 0)
referto
Bayer Leverkusen Stadio delle Alpi (3 500 spett.)
Arbitro Svizzera Meier

Londra
4 dicembre 2001, ore 19:45 WET
2ª giornata
Arsenal 3 – 1
(2 – 0)
referto
Juventus Arsenal Stadium (35 421 spett.)
Arbitro Portogallo Melo Pereira

Torino
19 febbraio 2002, ore 20:45 CET
3ª giornata
Juventus 0 – 0
referto
Deportivo Stadio delle Alpi (25 000 spett.)
Arbitro Scozia Dallas

La Coruña
27 febbraio 2002, ore 20:45 CET
4ª giornata
Deportivo 2 – 0
(1 – 0)
referto
Juventus Stadio Riazor (34 000 spett.)
Arbitro Svezia Frisk

Leverkusen
12 marzo 2002, ore 20:45 CET
5ª giornata
Bayer Leverkusen 3 – 1
(1 – 0)
referto
Juventus BayArena (22 500 spett.)
Arbitro Danimarca Milton Nielsen

Torino
20 marzo 2002, ore 20:45 CET
6ª giornata
Juventus 1 – 0
(0 – 0)
referto
Arsenal Stadio delle Alpi (7 000 spett.)
Arbitro Svezia Nilsson

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 71 17 13 3 1 38 11 17 7 8 2 26 12 34 20 11 3 64 23 +41
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 4 3 1 0 12 6 4 2 0 2 5 5 8 5 1 2 17 11 +6
Coppacampioni.png UEFA Champions League - 6 5 1 0 12 3 6 0 2 4 6 13 12 5 3 4 18 16 +2
Totale - 27 21 5 1 62 20 27 9 10 8 37 30 54 30 15 9 99 50 +49

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34
Luogo C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T
Risultato V V V N P N N N N N V P V N V V V V V V V N V N V N V P N V V V V V
Posizione 1 1 1 1 3 3 3 4 5 6 3 5 5 6 4 4 4 4 3 3 2 2 1 3 2 3 3 3 3 3 3 2 2 1

Fonte: Serie A 2001/2002, su calcio.com.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia UEFA Champions League Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Amoruso, N. N. Amoruso 90007610610022710
Birindelli, A. A. Birindelli 100008110903027140
Buffon, G. G. Buffon 34-23001-10010-121045-3610
Carini, F. F. Carini 00006-8002-4008-1200
Conte, A. A. Conte 201405020401029170
Davids, E. E. Davids 2824050109062422112
Del Piero, A. A. Del Piero 321620410010410462130
Ferrara, C. C. Ferrara 2234041304030304100
Frara, A. A. Frara 0000100010002000
Guzmán, T. T. Guzmán 0000000010001000
Iuliano, M. M. Iuliano 271615000803040191
Maresca, E. E. Maresca 161104120800028230
Montero, P. P. Montero 160114000710027111
Nedvěd, P. P. Nedvěd 324504000704043490
O'Neill, F. F. O'Neill 4010000030007010
Paramatti, M. M. Paramatti 100108000601024020
Pericard, V. V. Péricard 0000100010002000
Pessotto, G. G. Pessotto 2904040001101044050
Piccolo, F. F. Piccolo 0000100000001000
Rampulla, M. M. Rampulla 00001-20000001-200
Rigoni, M. M. Rigoni 0000100000001000
Rondinella, S. S. Rondinella 0000100000001000
Salas, M. M. Salas 71001000400012100
Tacchinardi, A. A. Tacchinardi 2826070201000045280
Thuram, L. L. Thuram 300003010802041030
Trezeguet, D. D. Trezeguet 342430200010800463230
Tudor, I. I. Tudor 144301000621021640
Zalayeta, M. M. Zalayeta 110008500411023610
Zambrotta, G. G. Zambrotta 321606100901047270
Zenoni, C. C. Zenoni 241017000800039101
Zeytulaev, I. I. Zeytulaev 0000200000002000

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Salvatore Lo Presti, Ancelotti Lippi: la Juve tace, in La Gazzetta dello Sport, 2 giugno 2001.
  2. ^ Lippi alla Juve: "Torno per vincere", su repubblica.it, 20 giugno 2001.
  3. ^ Inzaghi firma: addio Juve, ora è al Milan, su corriere.it, 7 luglio 2001.
  4. ^ Juve: Thuram, Nedved e Buffon per il nuovo progetto Lippi, in la Repubblica, 9 luglio 2001.
  5. ^ Il Chievo spaventa la Juve ma i bianconeri vincono, su repubblica.it, 15 settembre 2001.
  6. ^ La Juve con il cuore agguanta il Verona, su repubblica.it, 4 novembre 2001.
  7. ^ Con il Celtic emozioni e gol per la Juve ko indolore, su repubblica.it, 31 ottobre 2001.
  8. ^ Juve in Borsa il 20 dicembre, su repubblica.it, 29 novembre 2001.
  9. ^ La Juventus soffre ma batte la Fiorentina, su repubblica.it, 16 febbraio 2002.
  10. ^ Emanuele Gamba, Juventus, per fortuna c'è Nedved, in la Repubblica, 18 marzo 2002.
  11. ^ La Juve elimina l'Arsenal nella partita inutile, su repubblica.it, 20 marzo 2002.
  12. ^ Maurizio Crosetti, Sono arrivati fino a meno 5 poi magia Nedved, in la Repubblica, 22 aprile 2002.
  13. ^ Scudetto, ora la Juve mette paura, in la Repubblica, 22 aprile 2002.
  14. ^ Stoica, precisa, spietata la Juve è campione d'Italia, su repubblica.it, 5 maggio 2002.
  15. ^ La Juventus non fa il bis la Coppa Italia al Parma, su repubblica.it, 5 maggio 2002.
  16. ^ a b Luca De Capitani, Inzaghi è rossonero, sport.it, 5 agosto 2003. URL consultato il 13 dicembre 2011 (archiviato dall'url originale il 31 ottobre 2014).
  17. ^ Originariamente prevista per il 7 ottobre 2001, ma rinviata per la sovrapposizione con il calendario della Champions.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]