Stilijan Petrov

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stilijan Petrov
Stiliyan Petrov.JPG
Petrov con la maglia dell'Aston Villa nel 2008.
Nome Stilijan Al'ošev Petrov
Nazionalità Bulgaria Bulgaria
Altezza 180 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Ritirato 2016
Carriera
Giovanili
Montana
Squadre di club1
1996-1999 CSKA Sofia 38 (3)
1999-2006 Celtic 228 (55)
2006-2013 Aston Villa 186 (9)
Nazionale
1998-2013 Bulgaria Bulgaria 106 (8)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 1º luglio 2016

Stilijan Al'ošev Petrov (in bulgaro: Стилиян Альошев Петров?, traslitterazione anglosassone Stiliyan Alyoshev Petrov[1]; Montana, 5 luglio 1979) è un ex calciatore bulgaro, di ruolo centrocampista[2].

Iniziò la carriera nelle file del CSKA Sofia. Nel 1999 passò al Celtic, con cui vinse quattro titoli di Premier League scozzese. Nel 2006 si trasferì all'Aston Villa insieme al suo allenatore Martin O'Neill. Qui divenne uno dei giocatori simbolo della squadra, assumendone anche la fascia di capitano.

È il primatista di presenze con la nazionale bulgara (105 partite giocate dal 1998 al 2013).

Nel marzo 2012 gli fu diagnosticata una leucemia, da cui guarì. Nel maggio 2013 annunciò il proprio ritiro dall'attività agonistica. Nell'estate 2016 è tornato ad allenarsi con il suo club, ma non gli è stato offerto un contratto.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2005 Petrov ha scritto la sua autobiografia in collaborazione con il giornalista sportivo del settimanale scozzese Sunday Mail Mark Guidi intitolata "You Can Call Me Stan" ("Potete chiamarmi Stan"). Questo in riferimento al nomignolo col quale era chiamato, Stan, appunto, forma abbreviata del suo nome.

Il 30 marzo 2012 viene reso noto che il giocatore soffre di leucemia acuta. Petrov era stato sottoposto a esami medici in seguito al malore accusato al termine della partita persa per 3-0 contro l'Arsenal di sei giorni prima.[3][4][5]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Gli inizi[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Montana, Petrov ha cominciato a giocare nelle file della squadra locale, il PFC Montana. A 18 anni è stato notato dallo scout Dimităr Penev, eroe dei mondiali USA '94, nei quali la Bulgaria è giunta 4ª. Questi, che attualmente è allenatore del CSKA Sofia ed allora era osservatore del principale team bulgaro, lo ha portato nella capitale per 30.000 €. Con la maglia dei Soldati ha vinto l'A PFG bulgaro nella stagione 1996-97 e la Coppa di Bulgaria nel 1997 e nel 1999.

Celtic[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1999, Petrov è notato dall'ex-calciatore inglese John Charles Barnes, allora allenatore del Celtic, che lo porta in Scozia per due milioni di sterline, il prezzo più alto mai pagato per un giovane bulgaro[6]. Non appena giunge in Gran Bretagna vince la Coppa di Lega, primo dei tanti trofei che vincerà con la maglia bianco-verde. Il primo periodo a Glasgow è stato molto difficile per lui, soprattutto a causa della sua lontananza dalla Bulgaria e del fatto che non sapeva parlare inglese. Per migliorarsi, ha anche lavorato in un camion dei panini di proprietà di alcuni amici[7], abituandosi man mano alla vita scozzese e cercando di dare il suo meglio in campo, nonostante l'allenatore lo schierasse come terzino destro, ruolo per lui completamente nuovo ed inaspettato.

Dopo la prima stagione, al posto del tecnico che lo aveva portato in SPL viene nominato Martin O'Neill, che gli fa trovare regolarità (7 gol in 28 presenze in campionato) e lo fa diventare importante nell'11 del Treble di quell'anno, nel quale diventa il primo giocatore straniero ad essere eletto Miglior giovane dell'anno della SPFA. In stagione, segna anche un gol nel glorioso 6-2 inflitto agli eterni rivali dei Rangers[8].

Nella stagione 2001-02 la sua costante presenza a centrocampo, da buona barriera davanti alla difesa e suggeritore per gli spunti degli attaccanti è l'arma in più che conduce i bianco-verdi al loro secondo scudetto consecutivo[7].

Nella sua quarta stagione al Celtic si comincia a vociferare di interessamenti al bulgaro da parte di alcuni grandi club d'Europa, ma dopo poco tempo, Petrov firma un rinnovo col Celtic che mette a tacere ogni diceria[9]. Questa è la sua stagione più prolifica di sempre, nella quale va a segno 14 volte in 50 presenze. Riesce anche a raggiungere la sua prima finale europea (Coppa UEFA), persa però 2-3 contro il Porto di José Mourinho. In quell'anno, poi, non ha vinto alcun trofeo nazionale.

Nelle due stagioni successive con i Bhoys diventa un pilastro della formazione, segnando 19 gol in 105 presenze. In questo biennio vince due volte la Coppa di Scozia e il suo terzo campionato, ed in particolare nella stagione 2004-05 vince il titolo di "Giocatore dell'Anno del Celtic F.C.".

La stagione 2005-06 rappresenta un grande punto di svolta per Petrov e tutto il Celtic. Dopo 5 anni Martin O'Neill, il tecnico più vittorioso degli ultimi 20 anni, va via, lasciando il posto a Gordon Strachan. L'inizio non è dei più promettenti: nella prima partita del nuovo tecnico, i preliminari di Champions, gli scozzesi subiscono un irriverente 5-0 esterno dai modesti slovacchi del MFK Petržalka, allora Artmedia Bratislava[10]. Il 4-0 del ritorno non consente poi di riparare al danno fatto, e il Celtic viene eliminato dalla competizione in quello che sembrava essere il turno più semplice da superare. Al debutto in campionato, poi, gli Hoops riescono a sprecare un 3-1 sul Motherwell, pareggiando 4-4[11]. Man mano però che la stagione procede, il Celtic recupera, e, dopo la vendetta contro gli Steelmen (5-0 a Fir Park con la sua prima tripletta), riesce a raggiungere il double di coppa e campionato.

La stagione 2006-07 è l'ultima di Petrov con la maglia bianco-verde: dopo sole 3 presenze in campionato, nella finestra di mercato estiva viene accostato a molti club da metà classifica della Premier, ma alla fine della telenovela raggiunge l'ex-tecnico O'Neill all'Aston Villa, per il costo di 6,5 milioni di sterline più bonus (per un complessivo totale di 8 milioni)[12].

In tutto Petrov ha collezionato in 7 anni di Celtic 312 presenze e 65 gol, vincendo il campionato 4 volte e la coppa di lega e la coppa nazionale 3 volte ciascuna. Quando ha lasciato il Celtic era il decimo cannoniere più prolifico di sempre nella SPL[13], con 55 gol; al momento attuale è dodicesimo.

Aston Villa[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile 2006 il Celtic rifiuta la richiesta di essere trasferito da parte di Petrov, e da allora si è cominciato a vociferare di un suo trasferimento all'Aston Villa dal suo da poco ex-allenatore Martin O'Neill. Il 20 agosto, infatti, poco prima della fine della finestra di mercato, Petrov si accasa al Villa Park per 6,5 milioni di sterline più bonus, fino ad un massimo di 8 milioni.

Debutta il 10 settembre nella partita finita 1-1 contro il West Ham. Verso la fine del 2007, poi, cambia il suo iniziale numero 11 per il 19. Il suo primo gol con la maglia dei Villans arriva l'11 dicembre 2006, nel 2-2 contro lo Sheffield United, ma gioca abbastanza irregolarmente per le prime due stagioni, con cali di forma ed infortuni frequenti.

Il 12 aprile 2008 segna una meravigliosa rete al volo da centrocampo nel 6-0 al già retrocesso Derby County. Il gol viene poi nominato per il titolo di "Gol della stagione", e, dopo alcuni accertamenti, si è confermato che è il gol segnato da più lontano da un giocatore dell'Aston Villa dalla nascita del club.

La stagione 2008-09 è una gran fortuna per Petrov, la cui forma fisica più stabile gli garantisce un posto fisso nella formazione titolare, giocando le prime sei partite della stagione di fila da titolare. Il 2 ottobre 2008 gioca la sua prima partita da capitano, un match di Coppa UEFA contro i bulgari del Litex Lovec, segnando anche un gol.

Nel maggio 2009, Petrov è nominato "Giocatore dell'Anno" dai tifosi e dai giocatori della stagione 2008-09, dopo la sua importante presenza a centrocampo durante la stagione[14]. Il 20 maggio 2009 firma un rinnovo di contratto quadriennale, che lo lega ai Villans fino al 2013[15].

Dopo il ritiro del capitano Martin Laursen e la cessione del suo successore Gareth Barry, Petrov è stato preso in considerazione per la successione al ruolo di capitano. Parlando al Sunday Mercury riguardo alla questione, Petrov ha affermato che essere capitano di un club con una lunga storia e tradizione sarebbe stato un grande onore[16]. Il 25 luglio 2009 ha giocato come capitano dell'Aston Villa nella Coppa della Pace contro il Málaga, accennando nel post-partita al fatto che potesse diventare capitano in pianta stabile[17].

Nella prima partita della stagione 2009-10 (sconfitta per 2-0 contro il Wigan al Villa Park) Petrov è capitano; dopo la partita viene dipinto come lo "skipper" della squadra, collegando il proprio carisma nella squadra al ruolo di conduttore che ha, appunto, lo "skipper" nella nautica[2].

Il 14 gennaio 2010 è giunto secondo nel premio Calciatore bulgaro dell'anno.

Il 24 marzo 2012 i Claret & Blue sono in campo all'Emirates Stadium assieme a Stilijan che da tre anni indossa la sottile striscia con la scritta "Captain": non è una bella giornata, l'Aston Villa sta perdendo 3-0 contro l'Arsenal. Quella sarà l'ultima partita di Stilijan, perché non si sente per niente bene. Sei giorni dopo, la notizia: Stilijan Petrov ha una forma acuta di leucemia. Petrov si ritira dopo una settimana. Nel giorno della sua prima partita da spettatore seduto nella tribuna d'onore del Villa Park, al 19º minuto lo stadio inizia ad applaudire. Il perché dell'applauso è per rendergli omaggio alla sua carriera: al minuto corrispondente al suo numero di maglia, uno dei teatri storici del calcio inglese con tutti i suoi 34.740 spettatori si ferma per incoraggiarlo.[18]

Il 9 maggio 2013 annuncia il suo ritiro dall'attività agonistica.

Nel 2013 ha assunto un ruolo nello staff tecnico dell'Aston Villa Under-21 ed è tornato a giocare qualche partita di beneficenza.

Il 23 giugno 2016, tre anni dopo il ritiro, Petrov è tornato ad allenarsi con l'Aston Villa[19] in vista della stagione 2016-2017, ma si è ritirato ufficialmente dal calcio giocato il 22 agosto, non trovando l'accordo per il rinnovo contrattuale con la sua squadra[20].

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Petrov ha debuttato con la maglia della Bulgaria il 23 dicembre 1998 in un'amichevole contro il Marocco. La partita è stata disputata ad Agadir ed è finita 4-1 per i nordafricani. Ha segnato il suo primo gol in un altro 4-1 amichevole, stavolta vittorioso, contro la Bielorussia, il 29 marzo 2000. Il 12 ottobre 2006 Petrov, allora capitano della nazionale, annuncia la decisione di ritirarsi dalle competizioni internazionali finché il c.t. della Bulgaria fosse rimasto Hristo Stoichkov[21]. Sei mesi dopo, il 20 marzo 2007, porge pubblicamente le proprie scuse al c.t., rendendosi nuovamente disponibile per la convocazione[22]. Non diventa però capitano fino al 2010, perché nel periodo della sua assenza viene nominato capitano Dimitar Berbatov e, dopo il suo rientro, viene deciso di lasciare la fascia all'attaccante.

Con 105 presenze collezionate dal 1998 al 2013 è il primatista di presenze con la maglia della Bulgaria.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
1996-97 Bulgaria CSKA Sofia APFG 5 0 CB 0 0 - 0 0 5 0
1997-98 APFG 10 2 CB 0 0 - 0 0 10 2
1998-99 APFG 28 4 CB 0 0 - 0 0 28 4
Totale CSKA Sofia 43 6 0 0 0 0 43 6
1999-00 Scozia Celtic SPL 26 1 SC+SLC 2 0 CU 1 0 29 1
2000-01 SPL 28 7 SC+SLC 5 0 CU 5 1 38 8
2001-02 SPL 28 6 SC+SLC 8 1 UCL 8 1 44 8
2002-03 SPL 34 12 SC+SLC 2 0 CU 14 2 50 14
2003-04 SPL 35 6 SC+SLC 5 3 CU 15 1 55 7
2004-05 SPL 37 11 SC+SLC 6 1 UCL 6 0 50 12
2005-06 SPL 37 10 SC+SLC 4 0 UCL 2 0 43 10
2006-07 SPL 3 2 SC+SLC 0 0 CU 0 0 3 2
Totale Celtic 228 55 32 5 52 5 312 65
2006-07 Inghilterra Aston Villa PL 30 2 FAC+LC 4 0 - 0 0 34 2
2007-08 PL 28 1 FAC+LC 3 0 - 0 0 31 1
2008-09 PL 36 1 FAC+LC 4 0 CU 7 1 47 2
2009-10 PL 37 0 FAC+LC 9 1 CU 1 0 47 1
Totale Aston Villa 182 9 20 1 8 1 159 6

Dati aggiornati alle 21:39 del 30 marzo 2010.[23]

Reti con la Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Data Stadio Avversario Risultato finale Competizione
29 marzo 2000 Stadio Nazionale Vasil Levski, Sofia, Bulgaria Bielorussia Bielorussia 4-1 Amichevole
24 gennaio 2001 Estadio Morelos, Morelia, Messico Messico Messico 2-0 Amichevole
28 febbraio 2001 Amman International Stadium, Amman, Giordania Giordania Giordania 2-0 Amichevole
7 settembre 2002 Stadio Re Baldovino, Bruxelles, Belgio Belgio Belgio 2-0 Qualificazioni per Euro2004
12 ottobre 2002 Stadio Nazionale Vasil Levski, Sofia, Bulgaria Croazia Croazia 2-0 Qualificazioni per Euro2004
27 marzo 2003 Stadion Mladost, Kruševac, Serbia Serbia Serbia 2-1 Amichevole
30 marzo 2005 Puskás Ferenc Stadion, Budapest, Ungheria Ungheria Ungheria 1-1 Qualificazioni per Germania2006
6 settembre 2008 Stadion Pod Goricom, Podgorica, Montenegro Montenegro Montenegro 2-2 Qualificazioni per Sudafrica2010

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

CSKA Sofia: 1996-1997
CSKA Sofia: 1996-1997, 1998-1999
Celtic: 2000-2001, 2001-2002, 2003-2004, 2005-2006
Celtic: 2000-2001, 2003-2004, 2004-2005

Individuale[modifica | modifica wikitesto]

2000-01
2004
  • Giocatore dell'Anno del Celtic Football Club: 1
2004-2005
  • Giocatore dell'Anno dell'Aston Villa (eletto dai tifosi): 1
2008-2009
  • Giocatore dell'Anno dell'Aston VIlla (eletto dagli altri giocatori): 1
2008-2009
  • Giocatore del Mese della SPL: 3

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Statistics (PDF), Premier League. URL consultato il 10 gennaio 2010.
  2. ^ a b http://www.avfc.co.uk/page/News/0,,10265~1756380,00.html
  3. ^ (EN) Club statement: Stiliyan Petrov avfc.co.uk
  4. ^ Aston Villa choc: Petrov ha la leucemia. Si rivede Muamba con un bel sorriso Gazzetta.it
  5. ^ Dramma Petrov: leucemia acuta sportmediaset.mediaset.it
  6. ^ http://www.thecelticwiki.com/page/Petrov,+Stiliyan TheCelticWiki
  7. ^ a b Stiliyan Petrov: Bulgars, burgers and banter - News & Comment - Football - The Independent
  8. ^ SIX OF THE BEST AS CELTIC CRUSH RANGERS | Celtic News, Fixtures, Results, Transfers | Sky Sports
  9. ^ Inter casts eyes over Petrov | Everton News, Fixtures, Results, Transfers | Sky Sports
  10. ^ BBC SPORT | Football | My Club | Celtic | Artmedia 5-0 Celtic
  11. ^ BBC SPORT | Football | Scottish Premier | Motherwell 4-4 Celtic
  12. ^ Petrov leaves Celtic for Villa | Aston Villa News, Fixtures, Results, Transfers | Sky Sports
  13. ^ Aston Villa - The Resurrection Of Stiliyan Petrov
  14. ^ "Stiliyan Petrov wins Aston Villa player of year award double" Birmingham Mail
  15. ^ Petrov signs new Villa contract, su BBC Sport, 20 maggio 2009. URL consultato il 20 maggio 2009.
  16. ^ National satisfaction inspired Stiliyan Petrov at Aston Villa - Sunday Mercury
  17. ^ Aston Villa | Error | Error
  18. ^ Stone's Throw Media, The 1st Stiliyan Petrov 19th minute applause at Aston Villa, 31 marzo 2012. URL consultato il 23 giugno 2016.
  19. ^ Stilijan Petrov, ritorno alla vita: l'ex-Aston Villa in ritiro dopo la leucemia, gazzetta.it. URL consultato il 23 giugno 2016.
  20. ^ Ufficiale, Petrov si ritira dal calcio: nessun accordo con l'Aston Villa, foxsports.it, 22 agosto 2016
  21. ^ Focus Sport
  22. ^ Стилиян се завръща в националния | Sport 1 – Спортният сайт на България
  23. ^ Stiliyan Petrov | Aston Villa | Squad | First Team | Player Profiles

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN9586655 · LCCN: (ENno2005109076