Nazionale di calcio della Lituania

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Vai alla navigazione Vai alla ricerca
Bandiera della Lituania Lituania
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Sport Calcio
Federazione LFF
Lietuvos futbolo federacija
Confederazione UEFA
Codice FIFA LTU
Selezionatore Bandiera della Lituania Edgaras Jankauskas
Record presenze Saulius Mikoliūnas (101)
Capocannoniere Tomas Danilevičius (19)
Ranking FIFA 134º (26 ottobre 2023)[1]
Esordio internazionale
Bandiera della Lituania Lituania 0 - 5 Estonia Bandiera dell'Estonia
Kaunas, Lituania; 24 giugno 1923
Migliore vittoria
Bandiera dell'Estonia Estonia 0 - 7 Lituania Bandiera della Lituania
Riga, Lettonia; 20 maggio 1995
Peggiore sconfitta
Bandiera dell'Egitto Egitto 10 - 0 Lituania Bandiera della Lituania
Parigi, Francia; 27 maggio 1924
Torneo Olimpico
Partecipazioni 1 (esordio: 1924)
Miglior risultato Primo turno nel 1924
UEFA Nations League
Partecipazioni 3 (esordio: 2018-2019)
Miglior risultato 9º posto nella Lega C 2020-2021

La nazionale di calcio della Lituania (lituano Lietuvos vyrų futbolo rinktinė) è la rappresentativa calcistica della Lituania. È controllata dalla Federazione calcistica della Lituania, affiliata alla UEFA.

La nazionale lituana, che gioca in maglia gialla con pantaloncini verdi, esordì nel 1923 e fu sciolta nel 1940, quando la Lituania fu annessa all'Unione Sovietica. Tornata a esistere con l'indipendenza del paese conseguente alla dissoluzione dell'URSS, la selezione lituana tornò a giocare nel 1990. Non si è mai qualificata alla fase finale di un campionato mondiale né di un campionato europeo. Conta varie partecipazioni alla Coppa del Baltico, che ha vinto in 10 occasioni.

Nella classifica mondiale della FIFA, istituita nell'agosto 1993, la Lituania ha ottenuto quale miglior piazzamento il 37º posto nell'ottobre 2008, mentre il peggior piazzamento è il 148º posto del novembre 2017. Occupa il 134º posto[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La nazionale lituana di calcio giocò la sua prima partita il 24 giugno 1923, perdendo a Kaunas per 5-0 contro l'Estonia. Il 24 agosto 1924 ottenne la sua prima vittoria, a Tallinn contro l'Estonia per 2-1. Fino all'occupazione sovietica giocò 69 partite, di cui vinte 14, pareggiate 12 e perse 43.

Fino al 1927 giocava di frequente senza un allenatore. Nel 1927 la federcalcio lituana nominò allenatore Ferenc Molnár, ungherese, che rimase in carica solo per due partite, perse per 6-3 contro la Lettonia e per 5-0 contro l'Estonia, prima dell'esonero.

Negli anni '30 la Lituania tornò a non avere un allenatore. Il nuovo tecnico, l'austriaco Ditrich, conseguì due successi e un pareggio, ma nel 1931 tre sconfitte consecutive contro Romania (2-4), Estonia (0-2) e Lettonia (0-1) ne causarono l'esonero. Nel 1932 il comitato tecnico della federcalcio affidò la guida tecnica della squadra al capitano della squadra, Romualdas Marcinkas, il più giovane tecnico della nazionale (25 anni d'età nel 1932). Sotto la sua guida la squadra vinse 4 delle successive 15 partite, pareggiandone 4 e perdendone 7.

Nel 1924 la squadra lituana partecipò alle Olimpiadi di Parigi. Radunata in fretta e con poca preparazione fisica, la compagine giunse nella capitale francese il giorno prima dell'inizio delle partite. Perdendo al primo turno contro la Svizzera per 9-0, fu eliminata.

Nel 1928 prese parte alla prima edizione della Coppa del Baltico con gli altri paesi baltici. Il torneo divenne un appuntamento annuale dell'agenda calcistica, tranne due edizioni (saltarono solo quelle del 1934 e del 1939), e rimase tale sino al 1940. La squadra lituana vinse il torneo nel 1930 e nel 1935.

Nel 1934 partecipò alle qualificazioni per il mondiale italiano. Perse per 2-0 contro la Svezia e non disputò la gara contro l'Estonia, in quanto si ritenne inutile scendere in campo dopo la vittoria degli svedesi contro gli estoni.

Nel 1937, perdendo entrambe le sfide contro la Lettonia (4-2 a Riga e 5-1 a Kaunas), fu eliminata già al primo turno delle qualificazioni al campionato del mondo 1938.

Nel 1939 la Lituania venne annessa all'Unione Sovietica e la nazionale lituana cessò di esistere.

Dopo che il paese riaffermò la propria indipendenza nel 1990, la nazionale calcistica lituana esordì come rappresentativa di uno stato indipendente il 27 maggio di quell'anno, contro la Georgia.

Negli anni '90 fu una modesta nazionale europea. Ottenne il terzo posto nel proprio girone eliminatorio del campionato d'Europa 1996 e del campionato del mondo 1998. Il 26 giugno 1999 pareggiò a reti bianche in amichevole contro l'Argentina a Buenos Aires.

Nelle qualificazioni al campionato d'Europa 2004 ottenne due risultati di rilievo: un pari esterno contro la Germania e una vittoria interna contro la Scozia. Fu in corsa per la qualificazione fino all'ultima giornata delle eliminatorie, quando fu battuta per 1-0 sul campo della Scozia ed eliminata.

Nelle qualificazioni al campionato d'Europa 2008 colse un pareggio per 1-1 contro l'Italia campione del mondo a Napoli, maturato il 2 settembre 2006 nella prima partita delle eliminatorie. Nell'ottobre 2008 la Lituania raggiunse il 37º posto nella classifica mondiale della FIFA, miglior piazzamento della nazionale nella graduatoria. La squadra lituana concluse il girone di qualificazione all'europeo al quinto posto con ben 16 punti, al pari della ben più blasonata Ucraina.

Durante le eliminatorie del campionato del mondo 2010, il 6 settembre 2008, la Lituania ottenne una vittoria per 3-0 contro la Romania, successo storico cui fece seguito un'altra vittoria, per 2-0 contro l'Austria a Marijampolė, il 10 settembre 2008.

Nel dicembre 2013 la panchina della Lituania fu affidata a Igoris Pankratjevas, dopo tre mesi come allenatore ad interim. Il CT diresse la squadra nelle qualificazioni al campionato d'Europa 2016, concluse al penultimo posto nel girone, con tre vittorie in dieci gare. Furono chiuse al penultimo posto anche le qualificazioni al campionato del mondo 2018, con una vittoria in dieci partite.

Inserita nel girone di Lega C di UEFA Nations League 2018-2019 con Serbia, Romania e Montenegro, la Lituania retrocesse in Lega D piazzandosi ultima, dopo sei sconfitte in sei partite. Ripescata in Lega C in seguito alla modifica dei gironi per la successiva UEFA Nations League 2020-2021, si piazzò terza nel proprio raggruppamento, mantenendo così il posto in terza serie. Nelle qualificazioni al campionato del mondo 2022 la nazionale lituana ottenne solo 3 punti, frutto della vittoria per 3-1 contro la Bulgaria, chiudendo all'ultimo posto nel girone (con una differenza reti di -15 e sette sconfitte in otto partite) proprio alle spalle dei bulgari.

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2012 al 2023 le partite della nazionale lituana sono state stabilmente ospitate dallo stadio LFF di Vilnius, già noto come stadio Vėtra e, ancor prima, come stadio Lokomotyvas. L'impianto, inaugurato nel 2004, è dotato di 5 067 posti a sedere. Dopo il restauro dello stadio di Kaunas, lo Stadio Darius & Girenas, dal 2023, diventa la nuova struttura che ospita le partite della nazionale. Il Dariaus ir Girėno stadionas è pure lo stadio più grande dei Paesi baltici con i suoi 15.315 posti.

Partecipazioni ai tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Dal 1940 al 1991 la Lituania non aveva una propria nazionale in quanto lo stato lituano era inglobato nell'Unione Sovietica. Esisteva, quindi, un'unica nazionale che rappresentava tutta l'Unione Sovietica.

Campionato del mondo
Edizione Risultato
1930 Non partecipante
1934 Non qualificata
1938 Non qualificata
1994 Non qualificata
1998 Non qualificata
2002 Non qualificata
2006 Non qualificata
2010 Non qualificata
2014 Non qualificata
2018 Non qualificata
2022 Non qualificata
Campionato europeo
Edizione Risultato
1996 Non qualificata
2000 Non qualificata
2004 Non qualificata
2008 Non qualificata
2012 Non qualificata
2016 Non qualificata
2020 Non qualificata
Giochi olimpici[2]
Edizione Risultato
1924 Turno di qualificazione
1928 Non partecipante
1936 Non partecipante
Confederations Cup
Edizione Risultato
1992 Non invitata
1995 Non invitata
1997 Non qualificata
1999 Non qualificata
2001 Non qualificata
2003 Non qualificata
2005 Non qualificata
2009 Non qualificata
2013 Non qualificata
2017 Non qualificata


Legenda: Grassetto: Risultato migliore, Corsivo: Mancate partecipazioni


Statistiche dettagliate sui tornei internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Mondiali[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1930 Bandiera dell'Uruguay Uruguay Non partecipante - - - -
1934 Bandiera dell'Italia Italia Non qualificata - - - -
1938 Bandiera della Francia Francia Non qualificata - - - -
1994 Bandiera degli Stati Uniti Stati Uniti Non qualificata - - - -
1998 Bandiera della Francia Francia Non qualificata - - - -
2002 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud / Bandiera del Giappone Giappone Non qualificata - - - -
2006 Bandiera della Germania Germania Non qualificata - - - -
2010 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Non qualificata - - - -
2014 Bandiera del Brasile Brasile Non qualificata - - - -
2018 Bandiera della Russia Russia Non qualificata - - - -
2022 Bandiera del Qatar Qatar Non qualificata - - - -

Europei[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1996 Bandiera dell'Inghilterra Inghilterra Non qualificata - - - -
2000 Bandiera del Belgio Belgio / Bandiera dei Paesi Bassi Paesi Bassi Non qualificata - - - -
2004 Bandiera del Portogallo Portogallo Non qualificata - - - -
2008 Bandiera dell'Austria Austria / Bandiera della Svizzera Svizzera Non qualificata - - - -
2012 Bandiera della Polonia Polonia / Bandiera dell'Ucraina Ucraina Non qualificata - - - -
2016 Bandiera della Francia Francia Non qualificata - - - -
2020[3] Bandiera dell'Europa Europa Non qualificata - - - -
2024 Bandiera della Germania Germania Non qualificata - - - -

Confederations Cup[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1992 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Non invitata - - - -
1995 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Non invitata - - - -
1997 Bandiera dell'Arabia Saudita Arabia Saudita Non qualificata - - - -
1999 Bandiera del Messico Messico Non qualificata - - - -
2001 Bandiera della Corea del Sud Corea del Sud / Bandiera del Giappone Giappone Non qualificata - - - -
2003 Bandiera della Francia Francia Non qualificata - - - -
2005 Bandiera della Germania Germania Non qualificata - - - -
2009 Bandiera del Sudafrica Sudafrica Non qualificata - - - -
2013 Bandiera del Brasile Brasile Non qualificata - - - -
2017 Bandiera della Russia Russia Non qualificata - - - -

Nations League[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
2018-2019 Bandiera del Portogallo Portogallo 15° in Lega C[4] 0 0 6 3:16
2020-2021 Bandiera dell'Italia Italia 9° in Lega C 2 2 2 5:7

Olimpiadi[modifica | modifica wikitesto]

Anno Luogo Piazzamento V N P Gol
1924 Parigi Turno di qualificazione 0 0 1 0:9
1928 Amsterdam Non partecipante - - - -
1936 Berlino Non partecipante - - - -

Tutte le rose[modifica | modifica wikitesto]

Giochi olimpici[modifica | modifica wikitesto]

Calcio ai Giochi Olimpici Estivi 1924
Balčiūnas, P Darius, D Deringas, D Gelermanas, D Gvildys, D Hardingsonas, D Janušauskas, C Bartuška, C Byla, C Juozapaitis, C Razma, A Garbačiauskas, A Gecas, A Mikučiauskas, A Sabaliauskas, A Žebrauskas, CT: commissione tecnica

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

1930, 1935, 1991, 1992, 1994, 1996, 1996, 1998, 2005, 2010

Commissari tecnici[modifica | modifica wikitesto]

Commissari tecnici della nazionale lituana

Rosa attuale[modifica | modifica wikitesto]

Lo stesso argomento in dettaglio: Calciatori della nazionale lituana.

Lista dei giocatori convocati per le gare di qualificazione al campionato europeo di calcio 2024 contro e Montenegro e Cipro del 16 e 19 novembre 2023.

Presenze e reti aggiornate al momento delle convocazioni.

N. Pos. Giocatore Data nascita (età) Pres. Reti Squadra
P Emilijus Zubas 10 luglio 1990 (33 anni) 16 0 Bandiera d'Israele Hapoel Tel Aviv
P Edvinas Gertmonas 13 maggio 1997 (26 anni) 8 0 Bandiera della Lituania Žalgiris
P Vytautas Černiauskas 12 marzo 1989 (35 anni) 4 0 Bandiera della Danimarca Panevėžys
D Edvinas Girdvainis 19 gennaio 1993 (31 anni) 46 1 Bandiera della Lituania Kauno Žalgiris
D Justas Lasickas 6 ottobre 1997 (26 anni) 45 2 Bandiera della Slovenia Olimpia Lubiana
D Linas Klimavičius 10 aprile 1989 (35 anni) 41 0 Bandiera della Lituania Panevėžys
D Markas Beneta 8 luglio 1993 (30 anni) 20 0 Bandiera della Lituania Panevėžys
D Edgaras Utkus 2 giugno 2000 (23 anni) 12 0 Bandiera del Belgio Cercle Bruges
D Pijus Širvys 1º aprile 1998 (26 anni) 10 3 Bandiera della Lituania Panevėžys
D Rokas Lekiatas 7 novembre 1998 (25 anni) 6 0 Bandiera della Lituania Šiauliai
D Kipras Kažukolovas 20 novembre 2000 (23 anni) 5 0 Bandiera della Lituania Žalgiris
D Klaudijus Upstas 30 ottobre 1994 (29 anni) 4 0 Bandiera della Lituania Hegelmann Litauen
C Arvydas Novikovas 18 dicembre 1990 (33 anni) 91 12 Bandiera della Lituania Žalgiris
C Vykintas Slivka 29 aprile 1995 (28 anni) 61 3 Bandiera della Lituania Lamia
C Ovidijus Verbickas 4 luglio 1993 (30 anni) 33 1 Bandiera della Lituania Žalgiris
C Modestas Vorobjovas 30 dicembre 1995 (28 anni) 30 1 Bandiera della Turchia İstanbulspor
C Gvidas Gineitis 15 aprile 2004 (19 anni) 10 0 Bandiera dell'Italia Torino
C Daniel Romanovskij 19 giugno 1996 (27 anni) 9 0 Bandiera della Lituania Šiauliai
C Eligijus Jankauskas 22 giugno 1998 (25 anni) 9 0 Bandiera della Lituania Šiauliai
C Artūr Dolžnikov 6 giugno 2000 (23 anni) 4 0 Bandiera della Lituania Kauno Žalgiris
C Matijus Remeikis 20 marzo 2003 (21 anni) 2 0 Bandiera della Lituania Panevėžys
A Fiodor Černych 21 maggio 1991 (32 anni) 87 14 Bandiera di Cipro AEL Limassol (Capitano)
A Gytis Paulauskas 27 settembre 1999 (24 anni) 9 2 Bandiera dell'Albania Egnatia
A Faustas Steponavičius 8 giugno 2004 (19 anni) 1 0 Bandiera della Bulgaria Botev Plovdiv

Record individuali[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornati al 26 marzo 2024.

I giocatori in grassetto sono ancora in attività in nazionale.

Record di presenze[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Nome Presenze Reti Periodo
1 Saulius Mikoliūnas 101 5 2004-2022
2 Arvydas Novikovas 94 12 2010-
3 Fiodor Černych 87 14 2012-
4 Andrius Skerla 84 1 1996-2011
5 Deividas Šemberas 82 0 1996-2013
6 Tomas Danilevičius 71 19 1998-2012
7 Žydrūnas Karčemarskas 66 0 2002-2013
8 Marius Stankevičius 65 4 2001-2013
Aurelijus Skarbalius 5 1991-2005
10 Deividas Česnauskis 64 4 2001-2015

Record di reti[modifica | modifica wikitesto]

Pos. Nome Reti Presenze Periodo
1 Tomas Danilevičius 19 71 1998-2012
2 Fiodor Černych 15 91 2012-
3 Antanas Lingis 12 33 1928-1938
Arvydas Novikovas 94 2010-
5 Edgaras Jankauskas 10 56 1991-2008
6 Virginijus Baltušnikas 9 42 1990-1998
7 Jaroslav Citavičius 8 24 1926-1933
Valdas Ivanauskas 28 1990-2000
Darius Maciulevičius 38 1991-2005
Robertas Poškus 48 1999-2011

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Men's Ranking, su fifa.com. URL consultato il 26 ottobre 2023.
  2. ^ Come da regolamento FIFA vengono considerate le sole edizioni comprese tra il 1908 ed il 1948 in quanto sono le uniche ad essere state disputate dalle Nazionali maggiori. Per maggiori informazioni si invita a visionare questa pagina.
  3. ^ Originariamente previsto per il 2020, fu posticipato al 2021 in seguito alla pandemia di COVID-19 del 2019-2021
  4. ^ Retrocessa in Lega D ma successivamente ripescata in Lega C con il cambio di formula a partire dall'edizione 2020-2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio