Juventus Football Club 1956-1957

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Juventus Football Club 1956-1957.jpg
Stagione 1956-1957
Allenatore Italia Sandro Puppo, poi
Italia Teobaldo Depetrini
Presidente Italia Umberto Agnelli
Serie A 9º posto
Stadio Comunale

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 1956-1957.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

L'annata si aprì il 27 giugno 1956 con il ventiduenne Umberto Agnelli a insediarsi ufficialmente come nuovo presidente del club, dopo la breve reggenza dei mesi precedenti.[1] Sul piano sportivo una squadra bianconera «ancora di transizione»,[2] che in estate dovette inoltre affrontare l'improvvisa scomparsa del dirigente nonché storica bandiera Gianpiero Combi,[3] bissò suo malgrado il deludente cammino dell'ultima stagione classificandosi al nono posto nel campionato di Serie A.

L'argentino Raúl Conti, «l'uomo sbagliato al momento sbagliato» in una Juventus ancora in confusione, bisognosa di leader in campo e nello spogliatoio; il neoacquisto è invece un «tecnico sopraffino con poco mordente, che si ammoscia al primo tackle ruvido dell'avversario».[2]

Ritrovatasi presto staccata dalla vetta e costretta a lottare fianco a fianco contro "provinciali" come SPAL[4] e Padova, una classifica piuttosto corta portò quest'anno la Juventus persino a rischiare, per la prima volta nella storia del girone unico,[5] la retrocessione in Serie B;[6] l'allenatore Sandro Puppo, per il secondo e ultimo torneo sulla panchina bianconera, non riuscì mai a trovare il bandolo della matassa tanto da venir sollevato dall'incarico dopo la sconfitta della ventottesima giornata sul campo del Bologna, e sostituito per gli ultimi turni dal traghettatore Teobaldo Depetrini[3] il quale uscì quantomeno vincitore dall'ormai scontro-salvezza del 5 maggio 1957 al Comunale contro il Palermo (6-4), sfida in cui seppe lasciare un segno anche l'altrimenti deludente meteora bianconera Raúl Conti.[2]

Lo scampato pericolo fece sì che il Dottore, a campionato concluso, si adoperasse per invertire la rotta,[7] gettando le basi del successivo quadriennio di successi marchiato dalle gesta del Trio Magico.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Giuseppe Romano
Italia P Giuseppe Vavassori
Italia P Giovanni Viola
Italia D Angelo Caroli
Italia D Giuseppe Corradi
Italia D Bruno Garzena
Italia D Enzo Robotti
Italia C Piero Aggradi
Italia C Umberto Colombo
Italia C Flavio Emoli
Italia C Antonio Montico
Italia C Cesare Nay
N. Ruolo Giocatore
Italia C Guglielmo Oppezzo
Italia A Lelio Antoniotti
Italia A Giorgio Bartolini
Italia A Giampiero Boniperti (capitano)
Argentina A Raúl Conti
Italia A Carlo Dell'Omodarme
Italia A Secondo Donino
Svezia A Kurt Hamrin
Italia A Guerrino Rossi
Italia A Gino Stacchini
Italia A Giorgio Stivanello
Italia A Romano Voltolina

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1956-1957.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

16 settembre 1956
1ª giornata
Lazio 0 – 3 Juventus

23 settembre 1956
2ª giornata
Juventus 2 – 0 SPAL

30 settembre 1956
3ª giornata
Genoa 1 – 1 Juventus

7 ottobre 1956
4ª giornata
Juventus 1 – 1 Sampdoria

14 ottobre 1956
5ª giornata
Inter 1 – 1 Juventus

21 ottobre 1956
6ª giornata
Juventus 2 – 3 Udinese

28 ottobre 1956
7ª giornata
Juventus 1 – 1 Torino

18 novembre 1956
8ª giornata
Atalanta 0 – 0 Juventus

25 novembre 1956
9ª giornata
Juventus 0 – 1 Milan

2 dicembre 1956
10ª giornata
L.R. Vicenza 1 – 1 Juventus

16 dicembre 1956
11ª giornata
Juventus 3 – 1 Bologna

23 dicembre 1956
12ª giornata
Napoli 1 – 2 Juventus

30 dicembre 1956
13ª giornata
Palermo 0 – 2 Juventus

6 gennaio 1957
14ª giornata
Juventus 1 – 2 Roma

13 gennaio 1957
15ª giornata
Juventus 0 – 0 Padova

20 gennaio 1957
16ª giornata
Triestina 3 – 0 Juventus

27 gennaio 1957
17ª giornata
Juventus 1 – 1 Fiorentina

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

3 febbraio 1957
18ª giornata
Juventus 3 – 3 Lazio

10 febbraio 1957
19ª giornata
SPAL 3 – 1 Juventus

17 febbraio 1957
20ª giornata
Juventus 2 – 0 Genoa

24 febbraio 1957
21ª giornata
Sampdoria 2 – 1 Juventus

3 marzo 1957
22ª giornata
Juventus 5 – 1 Inter

10 marzo 1957
23ª giornata
Udinese 3 – 0 Juventus

17 marzo 1957
24ª giornata
Torino 4 – 1 Juventus

24 marzo 1957
25ª giornata
Juventus 2 – 2 Atalanta

31 marzo 1957
26ª giornata
Milan 4 – 1 Juventus

7 aprile 1957
27ª giornata
Juventus 0 – 1 L.R. Vicenza

14 aprile 1957
28ª giornata
Bologna 1 – 0 Juventus

28 aprile 1957
29ª giornata
Juventus 1 – 0 Napoli

5 maggio 1957
30ª giornata
Juventus 6 – 4 Palermo

19 maggio 1957
31ª giornata
Roma 2 – 3 Juventus

2 giugno 1957
32ª giornata
Padova 2 – 1 Juventus

9 giugno 1957
33ª giornata
Juventus 4 – 3 Triestina

16 giugno 1957
34ª giornata
Fiorentina 2 – 2 Juventus

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ #OnThisDay nel 1956 Umberto Agnelli assumeva la presidenza della Juventus, che avrebbe mantenuto fino al 1962, su twitter.com, Juventus Football Club, 27 giugno 2015.
  2. ^ a b c Gianni Giacone, Argentina sorgente inesauribile di emozioni, in Hurrà Juventus, nº 6 [197], giugno 2005, p. 56.
  3. ^ a b Panini, I campioni, p. 107
  4. ^ Foot, p. 403
  5. ^ Romano, Saoncella, Film, 13 min 53 s
  6. ^ Romano, Saoncella, Film, 3 min 50 s
  7. ^ Romano, Saoncella, Film, 14 min 15 s

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Melegari e Luigi La Rocca (a cura di), Storia del Campionato Italiano dal 1956-57 al 1957-58, in Calciatori 1968-69, edizione speciale per "La Gazzetta dello Sport", Modena, Franco Cosimo Panini Editore, 2005.
  • (EN) John Foot, Winning at All Costs: A Scandalous History of Italian Soccer, New York, Nation Books, 2007 [2006].

Videografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Manuela Romano (a cura di), Roberto Saoncella (con la collaborazione di), La grande storia della Juventus (DVD-Video): 1956-1966 "Sivori, Charles e Boniperti", RCS Quotidiani, RAI Trade, LaPresse Group, 2005, a 35 min 32 s.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]