Iginio Rigato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Iginio Gino Rigato
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia Italia
Sezione Mestre
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1947-1948
1949-1965
Serie B
Serie A e B
Arbitro
Arbitro
Attività internazionale
1961-1964 UEFA Arbitro

Iginio Gino Rigato (Trieste, 8 agosto 1920Mestre, 19 giugno 1993) è stato un arbitro di calcio italiano.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha iniziato la sua lunga carriera di arbitro prima del 1945.

Esordì in Serie B quando il campionato era suddiviso in 3 gironi e non è possibile stabilire quale sia la sua prima gara disputata nella categoria.

Debuttò di Serie A arbitrando Inter-Lucchese (6-3)[1] Nella massima serie ha arbitrato per quindici stagioni consecutive collezionando 207 presenze.[2]

L'ultima partita da lui arbitrata in Serie A è stata Messina-Fiorentina (0-3) del 16 maggio 1965.[3]

Dal 1961 al 1964 è stato un arbitro internazionale a disposizione della UEFA[4].

Dal 1958 al 1962, è stato presidente della Sezione Arbitri di Mestre.

Nel 1961 ha arbitrato la finale di Coppa Italia che in quegli anni si disputava in gara unica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Leone Boccali (a cura di), Almanacco illustrato del calcio 1951, Milano, Rizzoli Editore, dicembre 1950, p. 143.
  • Almanacco illustrato del calcio 1965, Milano, Edizioni Carcano, dicembre 1964, p. 11, elenco degli arbitri internazionali.
  • Almanacco illustrato del calcio 1966, Milano, Edizioni Carcano, dicembre 1965, p. 129, elenco degli arbitri internazionali.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]