Emilio Pellegrino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Emilio Pellegrino
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Barcellona Pozzo di Gotto (ME)
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1992-2004 Serie A e B Arbitro

Emilio Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto, 1958) è un ex arbitro di calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Ex arbitro di calcio, venne promosso dalla serie C nel 1992 su proposta dell'ex arbitro Luigi Agnolin, e l'anno successivo debuttò in serie A per decisione del designatore Paolo Casarin.

Destò polemica il fatto che, pur facendo carriera come arbitro professionista, culminata nel 2004 col raggiungimento della cifra di 155 presenze in serie A, fosse stato assunto alla Raffineria di Milazzo nella quota riservata agli invalidi civili.[1]

Nel 1999, dopo la gara di campionato tra Perugia e Bari, querelò l'allora Presidente del club umbro Luciano Gaucci per le offese e le accuse rivoltegli, Pellegrino avrebbe poi ottenuto un indennizzo dallo stesso.

Grandi discussioni destò la sua direzione della semifinale di Coppa Italia tra Inter e Juventus nella stagione 2003-2004.[2]

Terminata l'esperienza in serie A per raggiunti limiti d'età, Pellegrino venne assunto dal Messina, che all'epoca militava in serie A, con mansione di team manager.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Almanacco illustrato del calcio, Modena, Edizioni Panini, varie edizioni.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]