Carlo Sguizzato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carlo Sguizzato
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Federazione Italia FIGC
Sezione Verona
Professione Consulente finanziario
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1982-1993
1984-1993
Serie B
Serie A
Arbitro
Arbitro
Attività internazionale
1991 UEFA Arbitro
Esordio Cecoslovacchia-Jugoslavia 0-0
8 agosto 1991
Premi
Anno Premio
1984
1992
Premio Florindo Longagnani
Premio Giovanni Mauro

Carlo Sguizzato (San Bonifacio, 15 gennaio 1948) è un ex arbitro di calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È sposato e ha tre figli, uno dei quali, Giuseppe, nato nel 1978, è stato anche lui arbitro, arrivando alla Lega Pro, dove ha arbitrato per cinque stagioni, fino al 2010-2011.[1] Lavorava come consulente finanziario.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Nato a San Bonifacio, in provincia di Verona, nel 1948, faceva parte della sezione AIA "Umberto Sinico" di Verona, della quale è stato commissario straordinario nel 1982.[3]

Nel 1982, a 34 anni, arriva in Serie B, debuttandovi il 12 settembre, alla prima di campionato, in Foggia-Cavese 0-0.[4][5]

Al termine della stagione successiva, il 28 aprile 1984, esordisce in Serie A, arbitrando Ascoli-Catania del ventottesimo turno di campionato, vinta per 2-1 dai marchigiani.[4][6]

Nel 1984 vince il Premio Florindo Longagnani, riconoscimento allora assegnato al migliore arbitro esordiente in Serie A.

L'11 giugno 1989 in Inter-Atalanta 4-2, trentaduesima di Serie A, con i padroni di casa già campioni d'Italia, assegna ben quattro rigori nella stessa partita, tre ai milanesi e uno ai bergamaschi, con un errore dell'interista Lothar Matthäus.[7]

Nel 1992 è insignito del Premio Giovanni Mauro, come miglior arbitro della stagione 1991-1992, nella quale aveva diretto 13 gare in Serie A, 5 in Serie B e 5 in Coppa Italia.

Nella stagione 1992-1993 arbitra Juventus-Milan all'undicesima di Serie A, il 29 novembre 1992, vinta per 1-0 dai rossoneri con gol di Marco Simone[8], il derby Roma-Lazio 0-0 della ventottesima di campionato, il 18 aprile 1993[9] e il ritorno della finale di Coppa Italia Roma-Torino del 19 giugno 1993, dove assegna tre rigori ai giallorossi, tutti realizzati da Giuseppe Giannini. La gara si conclude sul 5-2, inutile però per la Roma, con il Torino vincitore del trofeo in virtù del 3-0 dell'andata.[10] Questa gara rimarrà l'ultima della sua carriera, mentre l'ultima in Serie A, e centesima in massima serie, l'aveva diretta 2 settimane prima, il 6 giugno, Juventus-Lazio 4-1, ultimo turno di campionato.[4][11]

In totale in carriera ha diretto 100 gare in Serie A e 85 in Serie B.[4]

Dopo il ritiro dall'arbitraggio è stato per un anno dirigente della CAN D, per quattro della CAN C, per uno della CAN e per quattro presidente del CRA Veneto.[2] È stato inoltre uno dei quattro vice di Maurizio Mattei durante il suo periodo da designatore, tra 2005 e 2006.[12]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Sguizzato, transfermarkt.it, 16 dicembre 2017. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  2. ^ a b CAN di A e B: Mattei: "Vi presento la mia commissione", aia-figc.it, 4 agosto 2005. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  3. ^ Storia della Sezione "U. Sinico" di Verona, aiaverona.it, 16 dicembre 2017. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  4. ^ a b c d calcio-seriea.net.
  5. ^ Foggia-Cavese, calcio-seriea.net, 12 settembre 1982. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  6. ^ Ascoli-Catania, transfermarkt.it, 28 aprile 1984. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  7. ^ Inter-Atalanta, transfermarkt.it, 11 giugno 1989. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  8. ^ Juventus-Milan, transfermarkt.it, 29 novembre 1992. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  9. ^ Roma-Lazio, transfermarkt.it, 18 aprile 1993. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  10. ^ Roma-Torino, transfermarkt.it, 19 giugno 1993. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  11. ^ Juventus-Lazio, transfermarkt.it, 6 giugno 1993. URL consultato il 16 dicembre 2017.
  12. ^ Arbitri: Mattei chiama Sguizzato in A, ricerca.gelocal.it, 30 luglio 2005. URL consultato il 16 dicembre 2017.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]