Francesco Mattea

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Francesco Mattea
Francesco Mattea.jpg
Informazioni personali
Arbitro di Football pictogram.svg Calcio
Sezione Torino
Attività nazionale
Anni Campionato Ruolo
1918-1943 Serie A Arbitro
Attività internazionale
1929-1944 UEFA e FIFA Arbitro
Premi
Anno Premio
1936 Premio Giovanni Mauro

Francesco Mattea (Santhià, 17 gennaio 1895Torino, 10 novembre 1973) è stato un arbitro di calcio italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Fratello del calciatore Angelo[1], con cui condivise esperienze agonistiche nel Piemonte e nel Casale, fu anche dirigente del Comitato ULIC di Torino[2].

Cominciò ad arbitrare nel 1918[2]; dal 1929 fu promosso internazionale[3]. Diresse una finale di Coppa dell'Europa Centrale e, assieme a Barlassina e Carraro, fu il primo italiano ad essere chiamato ad arbitrare la fase finale di un campionato mondiale: diresse infatti due partite ai campionati del 1934[4].

Nel 1936 fu il primo direttore di gara ad essere insignito del Premio Giovanni Mauro come migliore arbitro italiano della stagione[5].

Morì nel 1973, a 78 anni[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b È morto l'arbitro Francesco Mattea, da «Stampa Sera», 12 novembre 1973, p. 14.
  2. ^ a b Mantella.
  3. ^ Comunicati ufficiali, da "Il Littoriale", 23 luglio 1929, p. 6.
  4. ^ Francesco Mattea, Worldfootball.net.. URL consultato il 19 settembre 2012.
  5. ^ Melegari, 2003, p. 412

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Fabrizio Melegari (a cura di). Almanacco illustrato del calcio 2004. Modena, Panini, 2003.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]