Juventus Football Club 1960-1961

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
Juventus Football Club 1960-1961.jpg
Stagione 1960-1961
AllenatoreItalia Carlo Parola
Direttore tecnicoArgentina Italia Renato Cesarini (1ª-12ª)[1]
Svezia Gunnar Gren (16ª-34ª)[2]
PresidenteItalia Umberto Agnelli
Serie A1º posto (in Coppa dei Campioni)
Coppa Italia3º posto
Coppa dei CampioniSedicesimi di finale
Maggiori presenzeCampionato: Sarti (34)
Miglior marcatoreCampionato: Sívori (25)
StadioComunale

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 1960-1961.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nel campionato 1960-1961 la Juventus vinse il suo dodicesimo scudetto, ottenuto con 49 punti in classifica, staccando le due milanesi e più dirette rivali, il Milan e l'Inter, rispettivamente di 4 e 5 lunghezze. In Coppa Italia, dopo aver superato in sequenza la Sambenedettese agli ottavi (1-4) e la Sampdoria ai quarti (0-2), il cammino bianconero s'interruppe in semifinale dinanzi alla Fiorentina futura vincitrice del trofeo (3-1); la Juventus chiuse l'edizione al terzo posto, dopo aver superato i concittadini del Torino in un finalina di consolazione risoltasi ai tiri di rigore.[3] In Coppa dei Campioni i bianconeri lasciarono la competizione già al primo turno, superati dal CSKA Sofia nel doppio confronto, vincendo la sfida di andata in Piemonte (2-0) ma perdendo poi nettamente il retour match in Bulgaria (1-4).

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª portiere

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Luigi Ferrero
Italia P Carlo Mattrel
Italia P Giovanni Romano
Italia P Giuseppe Vavassori
Italia D Galeazzo Bello
Italia D Guglielmo Burelli
Italia D Tarcisio Burgnich
Italia D Ernesto Càstano
Italia D Sergio Cervato
Italia D Gianfranco Leoncini
Italia D Benito Sarti
Italia C Umberto Colombo
Italia C Flavio Emoli
N. Ruolo Giocatore
Italia C Eugenio Fascetti
Italia C Severino Lojodice
Italia C Bruno Mazzia
Italia C Bruno Mora [4]
Italia A Bruno Nicolè
Italia C Gino Stacchini
Italia C Giorgio Stivanello
Italia A Giampiero Boniperti (capitano)
Galles A John Charles
Argentina A Omar Sívori
Italia A Angelo Caroli
Italia A Dario Cavallito

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Campionato[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1960-1961.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Udine
25 settembre 1960
1ª giornata
Udinese0 – 1JuventusStadio Moretti
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Torino
2 ottobre 1960
2ª giornata
Juventus3 – 1LazioStadio Comunale
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Ferrara
9 ottobre 1960
3ª giornata
SPAL1 – 2JuventusStadio Comunale
Arbitro:  Francescon (Padova)

Torino
16 ottobre 1960
4ª giornata
Juventus4 – 1CataniaStadio Comunale
Arbitro:  Butti (Como)

Firenze
23 ottobre 1960
5ª giornata
Fiorentina3 – 0JuventusStadio Comunale
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Torino
6 novembre 1960
6ª giornata
Juventus3 – 4MilanStadio Comunale
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Torino
13 novembre 1960
7ª giornata
Torino0 – 0JuventusStadio Filadelfia
Arbitro:  Francescon (Padova)

Torino
20 novembre 1960
8ª giornata
Juventus3 – 0BolognaStadio Comunale
Arbitro:  Marchese (Napoli)

Roma
27 novembre 1960
9ª giornata
Roma2 – 1JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Torino
4 dicembre 1960
10ª giornata
Juventus2 – 0L.R. VicenzaStadio Comunale
Arbitro:  Babini (Ravenna)

Milano
18 dicembre 1960
11ª giornata
Inter3 – 1JuventusStadio San Siro
Arbitro:  Adami (Roma)

Torino
25 dicembre 1960
12ª giornata
Juventus3 – 2SampdoriaStadio Comunale
Arbitro:  Francescon (Padova)

Lecco
1º gennaio 1961
13ª giornata
Lecco2 – 2JuventusStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Bergamo
8 gennaio 1961
14ª giornata
Atalanta2 – 2JuventusStadio Comunale
Arbitro:  Di Tonno (Lecce)

Torino
15 gennaio 1961
15ª giornata
Juventus2 – 2NapoliStadio Comunale
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Torino
22 gennaio 1961
16ª giornata
Juventus2 – 1PadovaStadio Comunale
Arbitro:  Campanati (Milano)

Bari
29 gennaio 1961
17ª giornata
Bari0 – 1JuventusStadio della Vittoria
Arbitro:  Lo Bello (Siracusa)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Torino
5 febbraio 1961
18ª giornata
Juventus5 – 1UdineseStadio Comunale
Arbitro:  Di Tonno (Lecce)

Roma
12 febbraio 1961
19ª giornata
Lazio1 – 4JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Torino
19 febbraio 1961
20ª giornata
Juventus1 – 0SPALStadio Comunale
Arbitro:  Francescon (Padova)

Catania
26 febbraio 1961
21ª giornata
Catania1 – 2JuventusStadio Cibali
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Torino
5 marzo 1961
22ª giornata
Juventus3 – 0FiorentinaStadio Comunale
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Milano
12 marzo 1961
23ª giornata
Milan3 – 1JuventusStadio San Siro
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Torino
19 marzo 1961
24ª giornata
Juventus1 – 0TorinoStadio Comunale
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Bologna
26 marzo 1961
25ª giornata
Bologna2 – 4JuventusStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Torino
2 aprile 1961
26ª giornata
Juventus3 – 0RomaStadio Comunale
Arbitro:  Francescon (Padova)

Vicenza
9 aprile 1961
27ª giornata
L.R. Vicenza0 – 1JuventusStadio Romeo Menti
Arbitro:  Adami (Roma)

Torino
16 aprile 1961
28ª giornata[5]
Juventus9 – 1InterStadio Comunale
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Genova
30 aprile 1961
29ª giornata
Sampdoria3 – 2JuventusStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Torino
7 maggio 1961
30ª giornata
Juventus4 – 2LeccoStadio Comunale
Arbitro:  Di Tonno (Lecce)

Torino
14 maggio 1961
31ª giornata
Juventus3 – 2AtalantaStadio Comunale
Arbitro:  Babini (Ravenna)

Napoli
21 maggio 1961
32ª giornata
Napoli0 – 4JuventusStadio San Paolo
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Padova
30 maggio 1961
33ª giornata
Padova1 – 0JuventusStadio Silvio Appiani
Arbitro:  Gambarotta (Genova)

Torino
4 giugno 1961
34ª giornata
Juventus1 – 1BariStadio Comunale
Arbitro:  Adami (Roma)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1960-1961.
San Benedetto del Tronto
25 gennaio 1961
Ottavi di Finale
Sambenedettese1 – 4JuventusStadio Fratelli Ballarin
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Genova
3 maggio 1961
Quarti di Finale
Sampdoria0 – 2JuventusStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Rigato (Mestre)

Firenze
10 maggio 1961
Semifinale
Fiorentina3 – 1JuventusStadio Comunale
Arbitro:  Jonni (Macerata)

Torino
29 giugno 1961
Finale 3º posto
Juventus2 – 2
(d.t.s.)
TorinoStadio Comunale
Arbitro:  De Marchi (Pordenone)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Come Cesarini ha giocato d'anticipo, in Corriere dello Sport, 28 dicembre 1960, p. 6.
  2. ^ Ufficialmente Gren alla guida della Juve, in Corriere dello Sport, 10 gennaio 1961, p. 4.
  3. ^ Vittorio Pozzo, Il derby Juventus-Torino dai calci di rigore: 5 a 4, in La Stampa, 30 giugno 1961, p. 8.
  4. ^ Acquistato nella sessione autunnale di calciomercato.
  5. ^ Partita sospesa al minuto 31' dall'arbitro Sig. Carlo Gambarotta per invasione di campo sul punteggio (0-0). Su delibera della Lega Nazionale veniva stabilito lo (0-2) a tavolino in data 24 aprile 1961. Dopo ricorso juventino la Commissione di Appello Federale in data 3 giugno 1961 dispone di far ripetere la partita in data 10 giugno 1961. L'Inter per protesta manda in campo una formazione giovanile.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]