Unione Sportiva Salernitana 1960-1961

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Unione Sportiva Salernitana
Stagione 1960-1961
AllenatoreUruguay Héctor Puricelli
(fino al 5/12/1960)
Italia Mario Saracino
(fino al 13/12/1960)
Italia Silvio Di Gennaro
(dal 13/12/1960)
All. in secondaItalia Mario Saracino
PresidenteItalia Pasquale Gagliardi
(Commissario straordinario)[1]
Serie C9º posto
Maggiori presenzeCampionato: Santin (33)
Totale: Santin (33)
Miglior marcatoreCampionato: Mazzoni (9)
Totale: Mazzoni (9)
StadioDonato Vestuti (9.000)[2]

Questa pagina raccoglie i dati riguardanti l'Unione Sportiva Salernitana nelle competizioni ufficiali della stagione 1960-1961.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Unione Sportiva Salernitana 1919.

La Salernitana, gravemente indebitata, viene messa in liquidazione nell'estate del 1960, ma fortunatamente l'arrivo del commissario straordinario Pasquale Gagliardi scongiura la scomparsa del club.

Per la stagione 1960-1961 il nuovo proprietario della Salernitana ha progetti ambiziosi, e assume come allenatore Héctor Puricelli ex attaccante del Milan. Tuttavia la scarsità di reti segnate dalla squadra la fanno scivolare in fondo alla classifica, cosicché dopo il pareggio interno col Crotone provvisoriamente Mario Saracino, allenatore in seconda, prende il posto di Puricelli. Dopo una settimana viene a sua volta sostituito da Silvio Di Gennaro, il quale porta la Salernitana a salvarsi, facendola arrivare al nono posto.

Maglie[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Colori e simboli dell'Unione Sportiva Salernitana 1919.

La maglia della Salernitana 1960-1961.[3]

Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[3]

Area direttiva

  • Commissario straordinario: Pasquale Gagliardi
  • Segretario: Bruno Somma

Area tecnica

Area sanitaria

  • Medico sociale: William Rossi
  • Massaggiatore: Alberto Fresa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[3][4]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Franco Biccari
Italia P Brenno Fontanesi
Italia P Luciano Giglietti
Italia D Igino Borriello
Italia D Claudio Darni
Italia D Cesare Franchini
Italia D Luigi Macripò
Italia D Guglielmo Magazzù
Italia C Alfonso Barone
Italia C Rodolfo Beltrandi
Italia C Felice Marano
N. Ruolo Giocatore
Italia C Giuseppe Nerozzi
Italia C Francesco Oreste
Italia C Matteo Porpora
Italia C Pietro Santin
Italia A Vincenzo Calabrese
Italia A Maurizio Cerbara
Italia A Giuseppe Franzò
Italia A Gaetano Gaeta
Italia A Giuseppe Logaglio
Italia A Lido Mazzoni
Italia A Giuseppe Smaldone

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie C[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie C 1960-1961.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Salerno
25 settembre[3] 1960
1ª giornata
Salernitana2 – 0
referto
CirioStadio Donato Vestuti

Trapani
2 ottobre[3] 1960
2ª giornata
Trapani3 – 1
referto
SalernitanaCampo Aula

Salerno
9 ottobre[3] 1960
3ª giornata
Salernitana1 – 1
referto
AvellinoStadio Donato Vestuti

Lecce
16 ottobre[3] 1960
4ª giornata
Lecce4 – 2
referto
SalernitanaStadio Carlo Pranzo

Salerno
23 ottobre[3] 1960
5ª giornata
Salernitana0 – 0
referto
L'AquilaStadio Donato Vestuti

Siracusa
30 ottobre[3] 1960
6ª giornata
Siracusa2 – 0
referto
SalernitanaStadio Comunale

Salerno
13 novembre[3] 1960
7ª giornata
Salernitana2 – 0
referto
ChietiStadio Donato Vestuti

Cosenza
20 novembre[3] 1960
8ª giornata
Cosenza2 – 0
referto
SalernitanaStadio Emilio Morrone

Benevento
27 novembre[3] 1960
9ª giornata
San Vito Benevento0 – 0
referto
SalernitanaStadio Gennaro Meomartini

Salerno
4 dicembre[3] 1960
10ª giornata
Salernitana0 – 0
referto
CrotoneStadio Donato Vestuti

Marsala
11 dicembre[3] 1960
11ª giornata
Marsala3 – 0
referto
SalernitanaStadio Antonino Lombardo Angotta

Salerno
18 dicembre[3] 1960
12ª giornata
Salernitana0 – 0
referto
AkragasStadio Donato Vestuti

Taranto
24 dicembre[3] 1960
13ª giornata
Taranto2 – 0
referto
SalernitanaStadio Valentino Mazzola

Salerno
1º gennaio[3] 1961
14ª giornata
Salernitana0 – 0
referto
BisceglieStadio Donato Vestuti

Pescara
8 gennaio[3] 1961
15ª giornata
Pescara2 – 0
referto
SalernitanaStadio Adriatico

Salerno
15 gennaio[3] 1961
16ª giornata
Salernitana1 – 0
referto
BarlettaStadio Donato Vestuti

Reggio Calabria
22 gennaio[3] 1961
17ª giornata
Reggina0 – 0
referto
SalernitanaStadio Comunale

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Napoli
4 febbraio[3] 1961
18ª giornata
Cirio0 – 1
referto
SalernitanaStadio Signorini

Salerno
12 febbraio[3] 1961
19ª giornata
Salernitana1 – 0
referto
TrapaniStadio Donato Vestuti

Avellino
19 febbraio[3] 1961
20ª giornata
Avellino1 – 1
referto
SalernitanaCampo di Piazza d'Armi

Salerno
26 febbraio[3] 1961
21ª giornata
Salernitana2 – 2
referto
LecceStadio Donato Vestuti

L'Aquila
5 marzo[3] 1961
22ª giornata
L'Aquila0 – 0
referto
SalernitanaStadio Comunale

Salerno
12 marzo[3] 1961
23ª giornata
Salernitana0 – 0
referto
SiracusaStadio Donato Vestuti

Chieti
19 marzo[3] 1961
24ª giornata
Chieti1 – 1
referto
SalernitanaStadio della Civitella

Salerno
26 marzo[3] 1961
25ª giornata
Salernitana2 – 0
referto
CosenzaStadio Donato Vestuti

Salerno
1º aprile[3] 1961
26ª giornata
Salernitana2 – 1
referto
San Vito BeneventoStadio Donato Vestuti

Crotone
9 aprile[3] 1961
27ª giornata
Crotone2 – 1
referto
SalernitanaStadio Ezio Scida

Salerno
16 aprile[3] 1961
28ª giornata
Salernitana2 – 0
referto
MarsalaStadio Donato Vestuti

Agrigento
23 aprile[3] 1961
29ª giornata
Akragas1 – 0
referto
SalernitanaStadio Esseneto

Salerno
7 maggio[3] 1961
30ª giornata
Salernitana1 – 0
referto
TarantoStadio Donato Vestuti

Bisceglie
14 maggio[3] 1961
31ª giornata
Bisceglie5 – 2
referto
Salernitana

Salerno
21 maggio[3] 1961
32ª giornata
Salernitana0 – 1
referto
PescaraStadio Donato Vestuti

Barletta
28 maggio[3] 1961
33ª giornata
Barletta1 – 1
referto
SalernitanaStadio Lello Simeone

Salerno
4 giugno[3] 1961
34ª giornata
Salernitana3 – 2
referto
RegginaStadio Donato Vestuti

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie C 33 17 9 7 1 19 7 17 1 6 10 10 29 34 10 13 11 29 36 -7

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34
Luogo C T C T C T C T T C T C T C T C T T C T C T C T C C T C T C T C T C
Risultato V P N P N P V P N N P N P N P V N V V N N N N N V V P V P V P P N V

Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Fonte[3][4]

Giocatore Scudetto.svg Serie C
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Barone, A. A. Barone 220??
Beltrandi, R. R. Beltrandi 241??
Biccari, F. F. Biccari 6-6??
Borriello, I. I. Borriello 30??
Calabrese, V. V. Calabrese 173??
Cerbara, M. M. Cerbara 50??
Darni, C. C. Darni 320??
Fontanaresi, B. B. Fontanaresi 21-20??
Franchini, C. C. Franchini 281??
Franzò, G. G. Franzò 224??
Gaeta, G. G. Gaeta 211??
Giglietti, L. L. Giglietti 7-10??
Logaglio, G. G. Logaglio 111??
Macripò, L. L. Macripò 170??
Magazzù, G. G. Magazzù 280??
Marano, F. F. Marano 173??
Mazzoni, L. L. Mazzoni 319??
Nerozzi, G. G. Nerozzi 210??
Oreste, F. F. Oreste 40??
Porpora, M. M. Porpora 30??
Santin, P. P. Santin 334??
Smaldone, G. G. Smaldone 10??

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ La società è gestita dal commissario straordinario Pasquale Gagliardi, fonte: Vitale, pag. 180-188
  2. ^ Stadio Donato Vestuti, comune.salerno.it.
  3. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al Vitale, pp. 180-183.
  4. ^ a b Serie C 1959-60, salernitanastory.it.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Giovanni Vitale, Salernitana storia di gol sorrisi e affanni, International Printing Editore, 2010, ISBN 978-88-7868-094-4.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]