Stadio della Civitella

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Stadio della Civitella
Stadiocivitellachieti.jpg
Informazioni
StatoItalia Italia
UbicazioneVia Gennaro Ravizza
66100 Chieti
Inizio lavori1922
Inaugurazione1922
Chiusura1970
StrutturaPianta rettangolare
CoperturaTribuna
Pista d’atleticaAssente
Mat. del terrenoTerra battuta
ProprietarioComune di Chieti
Uso e beneficiari
CalcioChieti
(1922-1970)
Capienza
Posti a sedere2000
Mappa di localizzazione

Coordinate: 42°20′42.03″N 14°09′45.17″E / 42.345007°N 14.162547°E42.345007; 14.162547

Lo stadio della Civitella fu uno stadio calcistico di Chieti. Ubicato nel centro storico della città teatina, ospitò le partite della locale squadra di calcio dagli anni venti al 1970, anno in cui fu sostituito dal nuovo impianto comunale.[1][2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

il campo sportivo della Civitella fu inaugurato poco tempo dopo la fondazione dell'Unione Sportiva Pippo Massangioli, avvenuta nel 1922. Precedentemente le partite di calcio disputate nella città teatina venivano giocate nel cortile dell’Istituto Tecnico. Ubicato in via Gennaro Ravizza, la struttura architettonica constava di due tribune ubicate sui lati lunghi del terreno di gioco, in terra battuta, una scoperta e una coperta, per una capienza totale di circa 2 000 posti.[2]

L'impianto fu reso celebre per il calore che trapelava dagli spalti durante le partite.[1][2] Talvolta, l'esuberanza del pubblico portò ad episodi controversi, come l'aggressione all'arbitro Helzer di Pisa, in seguito ad un derby regionale contro L'Aquila. In seguito all'accaduto, il campo fu squalificato per nove giornate.[1]

Nel 1955 il Chieti stabilì il record di 22 partite senza perdere, la cui maggioranza fu giocata fra le mura amiche. Il sodalizio neroverde fu dunque soprannominato "Il Milan del Sud".[1]

Nel 1970 fu inaugurato lo stadio Santa Filomena a Chieti Scalo, impianto più grande, moderno e funzionale, ed il Chieti vi spostò la sede degli incontri casalinghi.[1]

Negli anni ottanta, sul terreno dove sorgeva lo stadio, fu scoperto un anfiteatro risalente all'epoca romana, oggi adibito all'esecuzione di spettacoli ed eventi musicali.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f GLI STADI PERDUTI, LA CIVITELLA DI CHIETI, https://www.sportpeople.net/, 15 gennaio 2016. URL consultato il 10 settembre 2017.
  2. ^ a b c Licio Esposito, Stagione 1922- U.S.Chieti. Stadio “Civitella”, Via G. Ravizza, su https://www.ilprimato.eu/, 14 agosto 2014. URL consultato il 10 novembre 2015 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2013).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]