Julio Abbadie

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Julio Abbadie
Julio Abbadie-Genoa anni cinquanta.JPG
Nome Julio César Abbadie Gismero
Nazionalità Uruguay Uruguay
Altezza 173 cm
Peso 72 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Attaccante
Ritirato 1969
Carriera
Giovanili
194? Albion
194? Atenas
1949 Pan
Squadre di club1
1949-1956 Peñarol 76 (40)
1956-1960 Genoa 95 (24)
1960-1962 Lecco 45 (7)
1962-1969 Peñarol 94 (20)
Nazionale
1952-1966 Uruguay Uruguay 26 (14)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Julio César Abbadie Gismero, noto anche come Giulio Cesare Abbadie (San Ramón, 7 settembre 1930Montevideo, 16 luglio 2014[1]), è stato un calciatore uruguaiano, di ruolo attaccante.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Soprannominato el pardo per la sua chioma bruna,in spagnolo pardo significa bruno,giocava come ala.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Nato da madre spagnola e padre francese, esordì nel Peñarol nel 1950 realizzando 40 gol in 76 partite e vincendo 3 campionati uruguaiani.

Nel 1956 venne acquistato dal Genoa, che vinse la concorrenza del Milan e della Juventus. L'acquisto avvenne grazie anche a Arnaldo Piaggio, che pagò 36 milioni di lire al club e 10 al giocatore.[senza fonte] Abbadie esordì in maglia rossoblù in amichevole contro l'Udinese (sconfitta per 3-2), partita nella quale si fece notare per due assist e procurandosi un rigore. Esordì invece in partite ufficiali il 16 settembre 1956 contro la Roma a Marassi nella prima giornata della Serie A 1956-1957 (1-1).

Nei suoi primi due campionati contribuì in maniera determinante a salvare il Genoa dalla retrocessione: nel 1956-1957 l'ultima gara che disputò fu contro il Napoli; non avrebbe dovuto giocare a causa di uno stiramento, ma era tanto importante che venne fatto scendere lo stesso in campo, servendo a Corso il passaggio per il gol-vittoria che valse la salvezza. Nel 1957-1958, invece, giocò come punta segnando 13 reti.

Una delle sue migliori partite fu il derby contro la Sampdoria del 1º novembre 1957, vinto dal Genoa per 3-1. Dopo l'iniziale vantaggio della Sampdoria, fu proprio Abbadie a realizzare gli assist che mandarono in rete Firotto, Corso e Leoni. L'ultima partita giocata con i rossoblu fu Genoa-Palermo del 29 maggio 1960 (1-1), per un totale di 95 presenze e 24 reti.

Julio Abbadie

Nel 1960 passò al Lecco, sempre in Serie A, rimanendovi per quasi due anni prima di ritornare in patria, nuovamente al Peñarol, dove concluse la carriera, quasi quarantenne, nel 1969. Con la squadra uruguaiana vinse la Coppa Libertadores nel 1966 e, sempre nello stesso anno, la Coppa Intercontinentale contro il Real Madrid, oltre a 5 titoli nazionali. In totale nei due periodi di militanza giocò 170 partite e segnò 60 reti con la maglia giallonera.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Con la Nazionale uruguaiana Abbadie giocò 26 partite realizzando 14 gol.[2]

Fece parte della rosa dell'Uruguay che prese parte ai Mondiali del 1954 in Svizzera, dove raggiunse il 4º posto dopo le sconfitte in semifinale contro l'Ungheria (4-2 dopo i tempi supplementari), partita nella quale Abbadie non scese in campo, e nella finale per il 3º posto contro l'Austria (3-1). Durante la manifestazione disputò 4 partite segnando una doppietta nel 7-0 ottenuto contro la Scozia nella seconda partita del girone eliminatorio.

Venne anche convocato per i Mondiali del 1966 in Inghilterra, ma fu costretto a rinunciare a causa di uno stiramento muscolare.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Peñarol: 1951, 1953, 1954, 1958, 1959, 1967, 1968

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Peñarol: 1966
Peñarol: 1966

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Genoa, addio a "El Pardo" Abbadie, leggenda rossoblù Gazzetta.it
  2. ^ (EN) Uruguay - Record International Players, rsssf.com. URL consultato il 26 gennaio 2012.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, De Ferrari, 2008.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]