Juventus Football Club 1997-1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Juventus Football Club.

Juventus Football Club
1997-1998 Juventus Football Club.jpg
Stagione 1997-1998
AllenatoreItalia Marcello Lippi
PresidenteItalia Vittorio Caissotti di Chiusano
Serie A1º posto (in Champions League)
Coppa ItaliaSemifinale
Supercoppa italianaVincitrice
Champions LeagueFinale
Maggiori presenzeCampionato: Del Piero, Zidane (32)
Totale: Zidane (48)
Miglior marcatoreCampionato: Del Piero (21)
Totale: Del Piero (32)
StadioDelle Alpi
Abbonati40 338[1]
Media spettatori47 347[2]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 20 maggio 1998

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti la Juventus Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 1997-1998.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il calciomercato juventino dell'estate 1997 si concentrò soprattutto sul reparto avanzato, con le cessioni dell'altalenante Bokšić[3] e del giovane Vieri, quest'ultimo sacrificato dinanzi a un'irrinunciabile offerta economica; svestirono il bianconero anche due protagonisti del precedente e vittorioso biennio di campagne europee, Jugović e Porrini. Il maggiore acquisto della sessione fu rappresentato dal fresco capocannoniere della Serie A, l'emergente Filippo Inzaghi, chiamato a diventare il nuovo partner d'attacco di Del Piero;[4] a rimpolpare il comparto offensivo arrivò anche l'uruguaiano Fonseca, mentre l'undici base vide altresì l'innesto del terzino Birindelli.

Il neoacquisto Filippo Inzaghi e il capitano Antonio Conte, i due match winner della Supercoppa italiana 1997 vinta a spese del Vicenza (3-0).[5]

La stagione si aprì con la vittoria della Supercoppa di Lega, la seconda nella storia del club, superando agevolmente al Delle Alpi il Vicenza (3-0) grazie alla doppetta di Inzaghi e alla rete finale del capitano Conte[5] — quest'ultimo tornato a pieno regime dopo il grave infortunio che l'aveva tenuto lontano dai campi per quasi tutta la precedente annata.[6] In campionato, fin dalle prime giornate, soprattutto a causa di un passo falso a Marassi contro la Sampdoria,[7] la Juventus si ritrovò a dover inseguire l'Inter.[8]

Sul fronte della Champions League gli uomini di Marcello Lippi, finalisti uscenti, trovarono qualche inatteso ostacolo nella fase a gironi:[9][10] chiusero infatti il proprio raggruppamento, composto dagli inglesi del Manchester Utd, dagli olandesi del Feyenoord e dalla matricola slovacca del VSS Košice, alle spalle dei primeggianti mancuniani, ottenendo l'accesso alla fase a eliminazione diretta solo per ripescaggio tra le migliori seconde. Frattanto in Serie A, alla 14ª giornata la formazione venne sconfitta per 1-0 dai nerazzurri nel derby d'Italia a San Siro: ciò non pregiudicò la rincorsa dei bianconeri, che anche a causa di una successiva frenata interista sopravanzarono i rivali facendo loro il simbolico titolo d'inverno.[11][12]

Il rinforzo d'autunno Edgar Davids (a destra) si rivelò decisivo nel rimettere in carreggiata il centrocampo — e la stagione — dei bianconeri.[13]

In questa prima parte di stagione la squadra aveva tuttavia palesato qualche sbandamento di troppo, in particolar modo a centrocampo, sicché il mercato di riparazione portò a Torino l'olandese Davids, strappato ai rivali del Milan[14] con un'operazione che sarà la chiave di volta dell'annata: frettolosamente etichettato come «mela marcia» dallo spogliatoio rossonero,[15] al contrario a Torino il Pitbull diventò subito imprescindibile per le dinamiche del gioco bianconero, divenendo un pilastro di Madama per gli anni a venire.[13] L'autunno piemontese accolse anche il giovane uruguaiano Zalayeta,[16] promettente attaccante e valido rincalzo.

Nel girone di ritorno i torinesi controllarono il tentativo di rimonta dei milanesi, che pure infilarono 6 vittorie consecutive. Nel frattempo dovettero però rinunciare alla Coppa Italia dove, dopo aver eliminato nei turni precedenti Brescello, Lecce e Fiorentina, caddero in semifinale contro la Lazio poi vincitrice dell'edizione.[17] Intanto nella fase ad eliminazione diretta di Champions League la Juventus, dopo aver superato ai quarti di finale gli ucraini della Dinamo Kiev (1-1 a Torino e 4-1 a Kiev)[18] e in semifinale i monegaschi del Monaco (4-1 a Torino e ininfluente sconfitta 3-2 nel Principato),[19] approdò per la terza stagione consecutiva in finale.

La festa-scudetto al termine della vittoriosa sfida al Delle Alpi sul Bologna (3-2) del 10 maggio 1998.

In Serie A il duello-scudetto si decise negli ultimi turni, con l'Inter ulteriormente distanziata per effetto del k.o. nello scontro diretto del 26 aprile 1998 al Delle Alpi.[20] Il 3-2 interno contro il Bologna, il successivo 10 maggio, assicurò ai bianconeri il 25º tricolore con un turno di anticipo;[21] la tripletta della vittoria fu siglata da Inzaghi, a segno per 27 volte nell'intera stagione.[22] Infine, l'annata in Champions League si concluse con la sconfitta per 1-0 nella finale di Amsterdam contro il Real Madrid — sebbene sul decisivo gol di Predrag Mijatović rimase l'ombra di un presunto fuorigioco, fatto che alimentò numerose polemiche anche negli anni a venire.[23]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 1997-1998 fu Kappa, mentre lo sponsor ufficiale fu Sony MiniDisc.

Nell'anno del suo centenario la Juventus andò in controtendenza rispetto alla tradizione calcistica, proponendo una prima divisa che anziché strizzare l'occhio al passato segnò un «taglio netto» con esso,[24] dividendo i suoi tifosi tra entusiasti e detrattori:[25] la maglia, ammantata di motivi «tondeggianti» in particolar modo su spalle e schiena, vide una drastica diminuzione del numero dei pali — e il conseguente aumento a dismisura della loro larghezza —, nonché il sopravvento del nero sul bianco per quanto concerne la ripartizione delle tinte sociali;[24] cosa ancor più evidente su pantaloncini e calzettoni, entrambi scuri.[24] Ancora in contrasto con la tradizione, inoltre, lo stemma e le stelle vennero trasferiti dal petto alla manica sinistra.[24]

La Juventus a Cesena il 3 agosto 1997 con indosso la speciale divisa rosanero celebrativa del centenario[26]

Per la seconda divisa venne pressoché confermato il template introdotto nella stagione precedente,[24] un completo blu con «stellone» bordate di bianco su spalle e pantaloncini, e bande gialle a correre lungo braccia e gambe;[27] uniche novità furono un differente colletto e, anche qui, il succitato dirottamento di stemma e stelle sulla manica sinistra.[24]

I cento anni della squadra vennero celebrati da una speciale divisa ad hoc che ricalcava quella del 1897, ovvero una maglia rosa — qui arricchita da colletto e piping neri — abbinata a pantaloncini e calzettoni neri;[28] a differenza delle prime due uniformi stagionali, e a rimarcare l'intento commemorativo, questa casacca non mostrava l'allora stemma juventino bensì il logo Juvecentus creato per l'anniversario, posizionato nello scollo.[28] Tale divisa venne approntata unicamente[25] per la Coppa del Centenario - Trofeo Repubblica di San Marino giocato il 3 agosto 1997 a Cesena contro il Newcastle Utd.[26]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Centenario
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
1ª portiere
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
2ª portiere

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Angelo Peruzzi (vice capitano)
2 Italia D Ciro Ferrara
3 Italia D Moreno Torricelli
4 Uruguay D Paolo Montero
5 Italia C Fabio Pecchia
6 Portogallo D Dimas Teixeira
7 Italia C Angelo Di Livio
8 Italia C Antonio Conte (capitano)
9 Italia A Filippo Inzaghi
10 Italia A Alessandro Del Piero
11 Italia A Michele Padovano [29]
12 Italia P Michelangelo Rampulla
13 Italia D Mark Iuliano
14 Francia C Didier Deschamps
15 Italia D Alessandro Birindelli
N. Ruolo Giocatore
16 Italia A Nicola Amoruso
17 Italia P Morgan De Sanctis
18 Uruguay A Daniel Fonseca
20 Italia C Alessio Tacchinardi
21 Francia C Zinédine Zidane
22 Italia D Gianluca Pessotto
23 Italia D Marco Zamboni [29]
24 Italia C Raffaele Ametrano [29]
25 Uruguay D César Pellegrín [30]
26 Paesi Bassi C Edgar Davids [30]
27 Uruguay A Marcelo Zalayeta [30]
31 Italia D Salvatore Aronica
32 Italia C Luigi Giandomenico [31]
35 Italia C Marco Rigoni [31]
37 Italia P Stefano Sorrentino [31]

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D Alessandro Birindelli Empoli definitivo (4,5 miliardi £)
D Marco Zamboni Chievo definitivo
C Fabio Pecchia Napoli definitivo (10 miliardi £)
A Filippo Inzaghi Atalanta definitivo (20 miliardi £)
A Daniel Fonseca Roma definitivo (9 miliardi £)
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Davide Falcioni Treviso definitivo
D Massimiliano Notari Triestina definitivo
D Sergio Porrini Rangers definitivo
C Attilio Lombardo Crystal Palace definitivo
C Vladimir Jugović Lazio definitivo
C Ivano Trotta Fiorenzuola definitivo
A Alen Bokšić Lazio definitivo
A Christian Vieri Atlético Madrid definitivo (30 miliardi £)

Sessione autunnale[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
D César Pellegrín Danubio definitivo (3 miliardi £)[32]
C Edgar Davids Milan definitivo (9 miliardi £)[32]
A Marcelo Zalayeta Peñarol definitivo (5 miliardi £)[32]
Cessioni
R. Nome a Modalità
D Marco Zamboni Napoli definitivo
C Raffaele Ametrano Empoli prestito
A Michele Padovano Crystal Palace definitivo

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Serie A 1997-1998.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Torino
31 agosto 1997, ore 16:00 CEST
1ª giornata
Juventus2 – 0
referto
LecceStadio delle Alpi (40 413 spett.)
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Roma
14 settembre 1997, ore 20:30 CEST
2ª giornata
Roma0 – 0
referto
JuventusStadio Olimpico (67 639 spett.)
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Torino
21 settembre 1997, ore 16:00 CEST
3ª giornata
Juventus4 – 0
referto
BresciaStadio delle Alpi (40 774 spett.)
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Genova
27 settembre 1997, ore 16:00 CEST
4ª giornata
Sampdoria1 – 1
referto
JuventusStadio Luigi Ferraris (35 622 spett.)
Arbitro:  Boggi (Salerno)

Torino
5 ottobre 1997, ore 15:30 CEST
5ª giornata
Juventus2 – 1
referto
FiorentinaStadio delle Alpi (49 336 spett.)
Arbitro:  Bazzoli (Merano)

Bari
19 ottobre 1997, ore 15:30 CEST
6ª giornata
Bari0 – 5
referto
JuventusStadio San Nicola (53 774 spett.)
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Torino
1º novembre 1997, ore 14:30
7ª giornata
Juventus4 – 1
referto
UdineseStadio delle Alpi
Arbitro:  Cesari (Genova)

Napoli
9 novembre 1997, ore 20:30
8ª giornata
Napoli1 – 2
referto
JuventusStadio San Paolo
Arbitro:  Braschi (Prato)

Torino
23 novembre 1997, ore 14:30
9ª giornata
Juventus2 – 2
referto
ParmaStadio delle Alpi
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Milano
30 novembre 1997, ore 20:30
10ª giornata
Milan1 – 1
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Torino
6 dicembre 1997, ore 14:30
11ª giornata
Juventus2 – 1
referto
LazioStadio delle Alpi
Arbitro:  Boggi (Salerno)

Piacenza
14 dicembre 1997, ore 14:30
12ª giornata
Piacenza1 – 1
referto
JuventusStadio Leonardo Garilli
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Torino
21 dicembre 1997, ore 14:30
13ª giornata
Juventus5 – 2
referto
EmpoliStadio delle Alpi
Arbitro:  Serena (Bassano del Grappa)

Milano
4 gennaio 1998, ore 20:30
14ª giornata
Inter1 – 0
referto
JuventusStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Braschi (Prato)

Torino
11 gennaio 1998, ore 14:30
15ª giornata
Juventus2 – 0
referto
VicenzaStadio delle Alpi
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Bologna
18 gennaio 1998, ore 14:30
16ª giornata
Bologna1 – 3
referto
JuventusStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Bazzoli (Merano)

Torino
25 gennaio 1998, ore 14:30
17ª giornata
Juventus3 – 1
referto
AtalantaStadio delle Alpi
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Lecce
1º febbraio 1998, ore 14:30
18ª giornata
Lecce0 – 2
referto
JuventusStadio Via del Mare
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Torino
8 febbraio 1998, ore 14:30
19ª giornata
Juventus3 – 1
referto
RomaStadio delle Alpi
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Brescia
11 febbraio 1998, ore 20:30
20ª giornata
Brescia1 – 1
referto
JuventusStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Bettin (Padova)

Torino
15 febbraio 1998, ore 20:30
21ª giornata
Juventus3 – 0
referto
SampdoriaStadio delle Alpi
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Firenze
22 febbraio 1998, ore 15:00
22ª giornata
Fiorentina3 – 0
referto
JuventusStadio Artemio Franchi
Arbitro:  Cesari (Genova)

Torino
28 febbraio 1998, ore 15:00
23ª giornata
Juventus1 – 0
referto
BariStadio delle Alpi
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Udine
8 marzo 1998, ore 15:00
24ª giornata
Udinese1 – 1
referto
JuventusStadio Friuli
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Torino
14 marzo 1998, ore 15:00
25ª giornata
Juventus2 – 2
referto
NapoliStadio delle Alpi
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Parma
22 marzo 1998, ore 15:00
26ª giornata
Parma2 – 2
referto
JuventusStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Boggi (Salerno)

Torino
28 marzo 1998, ore 20:30
27ª giornata
Juventus4 – 1
referto
MilanStadio delle Alpi
Arbitro:  Braschi (Prato)

Roma
5 aprile 1998, ore 20:30
28ª giornata
Lazio0 – 1
referto
JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Torino
11 aprile 1998, ore 16:00
29ª giornata
Juventus2 – 0
referto
PiacenzaStadio delle Alpi
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Empoli
19 aprile 1998, ore 16:00
30ª giornata
Empoli0 – 1
referto
JuventusStadio Carlo Castellani
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Torino
26 aprile 1998, ore 16:00
31ª giornata
Juventus1 – 0
referto
InterStadio delle Alpi
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Vicenza
3 maggio 1998, ore 16:00
32ª giornata
Vicenza0 – 0
referto
JuventusStadio Romeo Menti
Arbitro:  Cesari (Genova)

Torino
10 maggio 1998, ore 16:00
33ª giornata
Juventus3 – 2
referto
BolognaStadio delle Alpi
Arbitro:  Boggi (Salerno)

Bergamo
15 maggio 1998, ore 20:30
34ª giornata
Atalanta1 – 1
referto
JuventusStadio Atleti Azzurri d'Italia
Arbitro:  Bazzoli (Merano)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: UEFA Champions League 1997-1998.

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Torino
17 settembre 1997, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Juventus5 – 1FeyenoordStadio delle Alpi (60.000 spett.)
Arbitro: Germania Heynemann

Manchester
1º ottobre 1997, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Manchester Utd3 – 2JuventusOld Trafford (79.000 spett.)
Arbitro: Spagna López Nieto

Košice
22 ottobre 1997, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Košice0 – 1JuventusStadio Lokomotívy v Čermeli (8.500 spett.)
Arbitro: Germania Steinborn

Torino
5 novembre 1997, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Juventus3 – 2KošiceStadio delle Alpi (50.000 spett.)
Arbitro: Spagna Ansuategui Roca

Rotterdam
26 novembre 1997, ore 20:45 CEST
5ª giornata
Feyenoord2 – 0JuventusFeijenoord Stadion (48.000 spett.)
Arbitro: Russia Levnikov

Torino
10 dicembre 1997, ore 20:45 CEST
6ª giornata
Juventus1 – 0Manchester UtdStadio delle Alpi (59.000 spett.)
Arbitro: Francia Veissière

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Torino
4 marzo 1998, ore 20:45 CEST
Quarti di finale - Andata
Juventus1 – 1Dinamo KievStadio delle Alpi (60.000 spett.)
Arbitro: Inghilterra Durkin

Kiev
18 marzo 1998, ore 20:45 CEST
Quarti di finale - Ritorno
Dinamo Kiev1 – 4JuventusStadio Dinamo Lobanovski (17.000 spett.)
Arbitro: Francia Batta

Torino
1º aprile 1998, ore 20:45 CEST
Semifinale - Andata
Juventus4 – 1MonacoStadio delle Alpi (60.000 spett.)
Arbitro: Russia Levnikov

Montecarlo
15 aprile 1998, ore 20:45 CEST
Semifinale - Ritorno
Monaco3 – 2JuventusStadio Louis II (17.000 spett.)
Arbitro: Svizzera Meier

Amsterdam
20 maggio 1998, ore 20:45 CEST
Finale
Juventus0 – 1Real MadridAmsterdam ArenA (50.000 spett.)
Arbitro: Germania Krug

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 1997-1998.
Reggio Emilia
4 settembre 1997, ore 20:30
Sedicesimi di finale - Andata
Brescello1 – 1JuventusStadio Giglio
Arbitro:  Bettin (Padova)

Torino
24 settembre 1997
Sedicesimi di finale - Ritorno
Juventus4 – 0BrescelloStadio delle Alpi
Arbitro:  Preschern (Mestre)

Torino
15 ottobre 1997
Ottavi di finale - Andata
Juventus2 – 0LecceStadio delle Alpi
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Lecce
19 novembre 1997
Ottavi di finale - Ritorno
Lecce0 – 1JuventusStadio Via del Mare
Arbitro:  Serena (Bassano del Grappa)

Firenze
7 gennaio 1998, ore 18:00
Quarti di finale - Andata
Fiorentina2 – 2JuventusStadio Artemio Franchi
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Torino
20 gennaio 1998
Quarti di finale - Ritorno
Juventus0 – 0FiorentinaStadio delle Alpi
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Torino
19 febbraio 1998
Semifinali - Andata
Juventus0 – 1LazioStadio delle Alpi
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Roma
11 marzo 1998, ore 20:45
Semifinali - Ritorno
Lazio2 – 2JuventusStadio Olimpico
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Supercoppa italiana[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Supercoppa italiana 1997.
Torino
23 agosto 1997, ore 20:30
Juventus3 – 0VicenzaStadio delle Alpi
Arbitro:  Bazzoli (Merano)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 20 maggio 1998.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 74 17 15 2 0 45 14 17 6 9 2 22 14 34 21 11 2 67 28 +39
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 4 2 1 1 6 1 4 1 3 0 6 5 8 3 4 1 12 6 +6
Coppacampioni.png UEFA Champions League - 5 4 1 0 14 5 5 2 0 3 9 9 11 6 1 4 23 15 0
Supercoppaitaliana.png Supercoppa italiana - 1 1 0 0 3 0 - - - - - - 1 1 0 0 3 0 +3
Totale - 27 22 4 1 68 20 26 9 12 5 37 28 54 31 16 7 105 49 +56

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34
Luogo C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T C T
Risultato V N V N V V V V N N V N V P V V V V V N V P V N N N V V V V V N V N
Posizione 1 3 2 3 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 2 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 1

Fonte: Serie A 1997/1998, su calcio.com.
Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore Serie A Coppa Italia UEFA Champions League Supercoppa italiana Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Ametrano, R. R. Ametrano 00001000000000001000
Amoruso, N. N. Amoruso 1020042004200000018600
Aronica, S. S. Aronica 10000000000000001000
Birindelli, A. A. Birindelli 29080710110100100047281
Conte, A. A. Conte 2844061009030110044670
Davids, E. E. Davids 20190200050200000271110
Del Piero, A. A. Del Piero 32213041001010201000473250
Deschamps, D. D. Deschamps 2505000008011100034061
Di Livio, A. A. Di Livio 3003060007001100044031
Dimas, Dimas 2105060008010000035060
Ferrara, C. C. Ferrara 1712020005020100025140
Fonseca, D. D. Fonseca 1540083006100000029800
Giandomenico, L. L. Giandomenico 00001000000000001000
Inzaghi, F. F. Inzaghi 3118204100106001210462730
Iuliano, M. M. Iuliano 25191700010000000042191
Montero, P. P. Montero 2606150017020100039082
Padovano, M. M. Padovano 10002000000010104010
Pecchia, F. F. Pecchia 2112080005010100035130
Peruzzi, A. A. Peruzzi 31-25001-10011-1500100044-4100
Pessotto, G. G. Pessotto 2100070008010100037010
Rampulla, M. M. Rampulla 5-3007-5001000000013-800
Rigoni, M. M. Rigoni 00001000000000001000
Tacchinardi, A. A. Tacchinardi 23161800010010100042171
Torricelli, M. M. Torricelli 2003060007010000033040
Zalayeta, M. M. Zalayeta 51002000000000007100
Zamboni, M. M. Zamboni 10002000000000003000
Zidane, Z. Z. Zidane 327304100113101000481140

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Spettatori ed incassi dal 1962-63 al 2000-01 (PDF), su stadiapostcards.com.
  2. ^ (EN) Attendance Statistics of Serie A - 1986-87 to 1997-98, su stadiapostcards.com.
  3. ^ Piero Serantoni, Boksic, una stella a valore zero, in La Stampa, 28 dicembre 1998, p. 29.
  4. ^ Inzaghi-Del Piero, la coppia vale 49 gol, in Corriere della Sera, 30 marzo 1998, p. 41 (archiviato dall'url originale il 15 luglio 2014).
  5. ^ a b Emanuele Gamba, Festival Inzaghi, è Supercoppa Juve, in la Repubblica, 24 agosto 1997, p. 43.
  6. ^ Paolo Forcolin e Salvatore Lo Presti, Inzaghi, la rivincita, in La Gazzetta dello Sport, 25 agosto 1997.
  7. ^ Gianni Mura, Inter sempre più sola, la Juve perde colpi, in la Repubblica, 28 settembre 1997, p. 40.
  8. ^ Maurizio Crosetti, Zidane lancia l'inseguimento, in la Repubblica, 20 ottobre 1997, p. 43.
  9. ^ Maurizio Crosetti, Il Kosice fa sbandare la Juventus, in la Repubblica, 6 novembre 1997, p. 43.
  10. ^ Enrica Speroni e Antonello Capone, Ma quanto fa male quel Cruz, in La Gazzetta dello Sport, 27 novembre 1997.
  11. ^ Salvatore Lo Presti e Lodovico Maradei, Questa Juventus mette paura, in La Gazzetta dello Sport, 19 gennaio 1998.
  12. ^ Gianni Mura, Juventus, mezzo scudetto, in la Repubblica, 26 gennaio 1998, p. 31.
  13. ^ a b Stefano Olivari, Solo Davids ha spostato qualcosa, su blog.guerinsportivo.it, 4 gennaio 2013 (archiviato dall'url originale l'8 ottobre 2016).
  14. ^ Juve, ecco Davids: "Non deluderò", in la Repubblica, 13 dicembre 1997, p. 52.
  15. ^ Davide Piacenza, Pitbull, su rivistaundici.com, 14 marzo 2015.
  16. ^ Carlo Nesti, Juve: presentati i cuccioli, su www2.raisport.rai.it, 18 novembre 1997. URL consultato il 2 giugno 2018 (archiviato dall'url originale il 30 maggio 2018).
  17. ^ Corrado Sannucci, Nedved show, Juve fuori, in la Repubblica, 12 marzo 1998.
  18. ^ Maurizio Crosetti, Fantastico Inzaghi, in la Repubblica, 19 marzo 1998, p. 50.
  19. ^ Maurizio Crosetti, Juve-Real, il massimo, in la Repubblica, 16 aprile 1998.
  20. ^ Gianni Mura, Juventus prende il volo in una partita avvelenata, su repubblica.it, 27 aprile 1998.
  21. ^ Salvatore Lo Presti, Luigi Garlando e Francesco Velluzzi, Lippi, più rabbia che gioia, in La Gazzetta dello Sport, 11 maggio 1998.
  22. ^ Lodovico Maradei, Juve, l'ora del trionfo, in La Gazzetta dello Sport, 11 maggio 1998.
  23. ^ Le fonti divergono sull'effettiva validità o meno della rete. Mentre le testimonianze italiane sostengono che Mijatović fosse in netta posizione irregolare, quelle spagnole vicine al madridismo affermano che l'attaccante dei Blancos fosse tenuto in gioco dal difensore juventino Gianluca Pessotto, cfr. Andrea Schianchi, Dalla mano de Dios a Corea-Spagna. Se la moviola riscrive la storia, su gazzetta.it, 6 marzo 2016.; (ES) Juanma Trueba, "No fue fuera de juego", su futbol.as.com, 13 maggio 2006.
  24. ^ a b c d e f Calzaretta, pp. 160-161.
  25. ^ a b Fabio Vergnano, Nuovo look, cambia la maglia, in La Stampa, 26 luglio 1997, p. 30.
  26. ^ a b Marco Ansaldo, Juve, Inzaghi si presenta, in La Stampa, 4 agosto 1997, p. 27.
  27. ^ Calzaretta, p. 157.
  28. ^ a b Calzaretta, p. 211.
  29. ^ a b c Ceduto nella sessione autunnale di calciomercato.
  30. ^ a b c Acquistato nella sessione autunnale di calciomercato.
  31. ^ a b c Aggregato dalla formazione Primavera.
  32. ^ a b c Panini, p. 10.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Calciatori ‒ La raccolta completa Panini 1961-2012, Vol. 14 (1997-1998), Panini, 2012.
  • Nicola Calzaretta, I colori della vittoria, Pisa, Goalbook Edizioni, 2014, ISBN 978-88-908115-9-3.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]