Carmine Esposito

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Carmine Esposito
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 68 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2012 - giocatore
Carriera
Squadre di club1
1990-1993 Casertana 55 (6)
1993-1994 Sambenedettese 31 (9)
1994-1995 Avellino 36 (4)[1]
1995-1998 Empoli 86 (38)
1998-1999 Fiorentina 15 (2)
1999-2001 Sampdoria 37 (10)
2001 Vicenza 12 (0)
2001-2002 Sampdoria 21 (2)
2002-2003 Alessandria 5 (2)
2003-2004 Sambenedettese 20 (4)
2004-2005 Imolese 32 (4)
2005-2006 Forlì 5 (0)
2006-2007 Casalecchio 1921 ? (?)
2007-2008 600px bisection vertical White HEX-78D3F7.svg Crespellano ? (?)
2008-2009 Bianco e Azzurro.svg Anziolavino ? (?)
2009-2010 Casalecchio 1921 ? (?)
2010-2011 Bianco e Verde.svg Emmetre ? (?)
2011-2012 Giallo e Rosso.svg Bo.Ca. Calcio ? (?)
Carriera da allenatore
2012-2013 Flag blue HEX-99CBFF.svg Val.Sa. Gold Giovanili
2013-2014 Empoli Giovan. naz. (vice)
2014-2015 Empoli Allievi prof. (vice)
2015-2016 Empoli Allievi naz. B (vice)
2016 Treviso
2017-ImoleseFemminile
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 25 marzo 2017

Carmine Esposito (Napoli, 30 settembre 1970) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante, responsabile tecnico dell'Imolese femminile.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera da professionista in Campania: alla Casertana, con cui debutta in Serie B nella stagione 1991-1992, alla Sambenedettese e all'Avellino.

Nel 1995 approda all'Empoli, squadra con cui ottiene in due anni consecutivi prima la promozione in Serie B poi quella nella massima serie: nella Serie A 1997-1998 riesce a totalizzare 14 reti contribuendo alla salvezza del neo-promosso club toscano. La sua carriera in Serie A prosegue vestendo la maglia della Fiorentina, scendendo poi in Serie B con la Sampdoria e il ritorno in massima serie con il prestito al Vicenza. Terminata quest'esperienza, torna a disputare campionati inferiori, con presenze tra le file di Alessandria, nuovamente Sambenedettese, dunque Imolese e Forlì.

Negli ultimi anni della carriera gioca nelle serie dilettantistiche del bolognese (Casalecchio e Crespellano),[2] mentre nella stagione 2008-2009 ha militato nell'Anziolavino.[3] Nel 2009 torna al Casalecchio.[3] Nella stagione 2010-2011 gioca nell'Emmetre, squadra della provincia di Bologna che milita nel campionato di Promozione, per poi passare la stagione successiva al Bo.Ca. Calcio, squadra della provincia di Bologna che milita nel girone L di Seconda categoria.[4]

Il 29 maggio 2015 dà l'addio ufficiale al calcio giocato in una partita di beneficenza allo stadio Castellani di Empoli.[5]

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione calcistica 2012-2013 fa parte della società Val.Sa. Gold in veste di tecnico nel settore giovanile. Dalla successiva stagione, è nell'organigramma delle giovanili dell'Empoli, ricoprendo vari incarichi di allenatore.

Nella stagione 2016-2017, diventa il nuovo allenatore del Treviso in Eccellenza.[6] Tuttavia, il 17 dicembre, la società Treviso, dopo gravi problemi gestionali, firma lo svincolo gratuito dei tesserati.[7]

Nel marzo 2017 gli viene affidata la direzione tecnica dell'Imolese, formazione di calcio femminile che disputa il campionato di Serie B, rilevando Ademaro Mosconi, che già aveva sostituito Gianluca Alberti, nella seconda parte della stagione 2016-2017.[8]

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Casertana: 1990-1991
Empoli: 1995-1996

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Massimo Perrone (a cura di), Il libro del calcio italiano 1999/2000, Roma, Il Corriere dello Sport, 1999, p. 53.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]