Anzio Calcio 1924

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anzio Calcio 1924
Calcio Football pictogram.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Azzurro e Bianco.svg bianco-blu
Dati societari
Città Anzio
Paese Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Eccellenza
Fondazione 1924
Presidente Italia Antonella Mastrella
Allenatore Italia Roberto Chiappara
Stadio Stadio Massimo Bruschini
(3000 posti)
Sito web www.anziolavinio.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Anzio Calcio 1924, più comunemente chiamato Anzio (A.S. Anzio dal 1924 al 1990, Anziolavinio dal 1990 al 2015), è una società calcistica italiana fondata nel 1990 nella città omonima. Milita in Eccellenza Laziale.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

A.S. Anzio (1924-1990)[modifica | modifica wikitesto]

Le origini della società risalgono al 1924 quando fu fondata l'A.S. Anzio. Dopo anni di dure battaglie nei campionati di I Divisione e Promozione l'Anzio, dopo aver ottenuto la vittoria nel proprio girone, il 9 e il 17 Giugno 1963 si aggiudicò la promozione battendo la A.S. Omi, vincitrice dell'altro girone. In Serie D rimase per ben otto anni consecutivi. Dopo la retrocessione riprese l'attività nei campionati inferiori fino al 1990, quando riconquista nuovamente la promozione nel campionato Interregionale. La società ha sempre lavorato per mettere in evidenza i propri ragazzi: il 12 marzo 1972 fece l'esordio nella prima squadra Bruno Conti ed in data 17 Luglio 1973 fu ceduto definitivamente alla Roma. Altro elemento di spicco è stato Stefano Colantuono che ha partecipato a vari campionati di Serie A e di Serie B.

Anziolavinio (1990-2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 1990 l’A.S. Anzio si fuse con l'A.C. Lavinio, anch’essa militante nel campionato di Serie D (allora Interregionale), dando vita all’Anziolavinio. La nuova società ha sempre partecipato ai vari campionati regionali con la squadra maggiore e ai campionati regionali e provinciali con il settore giovanile.

Nella stagione 1992/1993 per non aver avuto un contributo dal Comune di Anzio l'allora Presidente Di Paolo inizia a vendere i migliori giocatori predestinando la squadra alla retrocessione nel campionato di Promozione. La squadra così retrocessa rischiò di scomparire per decisione del Presidente Di Paolo che minacciò di vendere il titolo. Solo grazie al nuovo Presidente, Umberto Succi, che acquistò il pacchetto delle quote insieme a suo fratello Giorgio ed alcuni imprenditori locali, questo pericolo fu scongiurato. Nel campionato 1994/1995 con i due Presidenti Umberto Succi e Italo Colarieti la squadra vince il campionato di Promozione ed approda nuovamente al campionato di Eccellenza. Sempre nello stesso campionato, il 6 Gennaio 1996, allo Stadio Flaminio di Roma, l'Anziolavinio vince la finale della Coppa Italia battendo il Terracina per 1-0. Nel campionato 1996/1997 entra in scena come Presidente dell'Anziolavinio Francesco Rizzaro.

L'Anziolavinio nei suoi campionati giovanili si è sempre distinta come una delle società più forti della Regione Lazio, vincendo oppure classificandosi sempre a ridosso delle prime nei propri gironi con le categorie Juniores, Allievi e Giovanissimi sia regionali sia provinciali. Nel 1997 vince il titolo di campione provinciale di Roma e Provincia con la categoria Giovanissimi Fascia B e nello stesso anno vince il Torneo "Beppe Viola" riservato alle categorie Giovanissimi Regionali, battendo in finale la Spes Montesacro. Alla fine della stessa stagione fu acquistato dalla A.S. Roma il giovane Alessandro Tulli (classe 1982), mentre) nel 1998 furono ceduti alla Ternana i giovani Rocco Giannone (classe 1993) e Cristian Greco (classe 1984); nel 2001 fu ceduto alla Pistoiese Fabio Vignati. Nel 2003 è stato ceduto alla Roma Marco Viviano, mentre nel 2006 è finito alla Lazio Manuel Ricci.

Il 6 Aprile 2002 l'Anziolavinio è stato premiato dall'allora Presidente della Figc Franco Carraro e dal Presidente della Lega Nazionale Dilettanti Carlo Tavecchio per i suoi 75 anni di attività. Nella stagione 2005/2006, dopo aver vinto il proprio girone ed essere stata promossa nel campionato Interregionale di Serie D, vince anche la finale con il Morolo aggiudicandosi il titolo di Campione Regionale Lazio. Nella stessa stagione ha partecipato al campionato Juniores Nazionale, finendo seconda a un punto dalla prima. Grande soddisfazione nella stagione calcistica 2006/2007 dove la società ha disputato i campionati regionali con i seguenti risultati: Allievi Regionali D'Elite quinti; Giovanissimi Regionali primi; Allievi Coppa Lazio primi; Giovanissimi Coppa Lazio settimi; Giovanissimi Fascia B secondi.[1].

Anzio Calcio 1924 (dal 2015)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 2015 il suo storico Patron, Franco Rizzaro, a seguito della retrocessione in Eccellenza, ha cambiato denominazione al club, chiamandolo Anzio Calcio 1924,[2] decidendo di gestire in prima persona il settore giovanile, mentre per la prima squadra è intenzionato a trovare un nuovo socio[3].

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Anzio Calcio 1924
  • 1924 - Nasce l'Associazione Sportiva Anzio.
  • 1924-48 - ?
  • 1948-49 - 1° in Prima Divisione Lazio. Green Arrow Up.svg Promosso in Promozione.
  • 1949-50 - 17° nel girone I di Promozione. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Prima Divisione.

  • 1950-51 - 13° nel girone B di Prima Divisione Lazio.
  • 1951-52 - 8° nel girone C di Prima Divisione Lazio. La categoria viene declassata dal Lodo Barassi.
  • 1952-58 - ...
  • 1958-59 - 8° nel girone B del Campionato Dilettanti Lazio.
  • 1959-60 - 2° nel girone A in Prima Categoria Lazio.

  • 1960-61 - 1° nel girone C in Prima Categoria Lazio.
  • 1961-62 - 3° nel girone B in Prima Categoria Lazio.
  • 1962-63 - 1° nel girone B in Prima Categoria Lazio. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.
  • 1963-64 - 13° nel girone E di Serie D.
  • 1964-65 - 15° nel girone D di Serie D.
  • 1965-66 - 5° nel girone D di Serie D.
  • 1966-67 - 17° nel girone D di Serie D.
  • 1967-68 - 8° nel girone F di Serie D.
  • 1968-69 - 10° nel girone F di Serie D.
  • 1969-70 - 15° nel girone F di Serie D.

  • 1970-71 - 17° nel girone F di Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione.
  • 1971-72 - 4° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1972-73 - 4° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1973-74 - 14° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1974-75 - 13° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1975-76 - 14° nel girone B in Promozione Lazio. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Prima Categoria
  • 1976-82 - ...

  • 1982-83 - 6° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1983-84 - 11° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1984-85 - 7° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1985-86 - 8° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1986-87 - 14° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1987-88 - 8° nel girone B in Promozione Lazio.
  • 1988-89 - 2° nel girone C in Promozione Lazio.
  • 1989-90 - 2° nel girone C in Promozione Lazio.
  • 1990 - Dalla fondazione con il Lavinio nasce l'Associazione Sportiva Dilettantistica Anziolavinio.
  • 1990-91 - 10° nel girone I del Campionato Interregionale.
  • 1991-92 - 11° nel girone F del Campionato Interregionale.
  • 1992-93 - 14° nel girone F del Campionato Nazionale Dilettanti. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza.
  • 1993-94 - 4° nel girone C in Promozione Lazio.
  • 1994-95 - 1° nel girone C in Promozione Lazio. Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza.
  • 1995-96 - 9° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 1996-97 - 4° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 1997-98 - 14° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 1998-99 - 7° nel girone C in Eccellenza Lazio.
  • 1999-00 - 1° nel girone C in Eccellenza Lazio. Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza

  • 2000-01 - 5° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 2001-02 - 9° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 2002-03 - 5° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 2003-04 - 12° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 2004-05 - 10° nel girone B in Eccellenza Lazio.
  • 2005-06 - 1° nel girone A in Eccellenza Lazio. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D
  • 2006-07 - 17ª nel girone G di Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza
  • 2007-08 - 10° nel girone A in Eccellenza Lazio.
  • 2008-09 - 4° nel girone A in Eccellenza Lazio.
  • 2009-10 - 2° nel girone A in Eccellenza Lazio. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D ai play off.

Secondo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2015 - Cambia denominazione in Anzio Calcio 1924.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio Massimo Bruschini

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio in cui l'Anzio disputa le partite casalinghe è il "Massimo Bruschini".

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'Anzio Calcio 1924

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le voci sui singoli soggetti sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'Anzio Calcio 1924

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Promozione 1 1949-1950 10
Serie D 9 1963-1964 2014-2015
Interregionale 2 1990-1991 1991-1992 8
C.N.D. 1 1992-1993
Serie D 5 2006-2007 2013-2014

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Vecchia Guardia Anzio 1992: gruppo formatosi nel 1992; si posiziona nella parte di gradinata intitolata al tifoso Fabio Pistilli, prematuramente scomparso durante l'incontro con l'Alatri nel marzo del 2004 cadendo dal parapetto della gradinata.

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Rivalità

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ LaSerieD.com
  2. ^ L'anziolavinio diventa Anzio Calcio 1924, e a Lavinio si pensa ad una nuova squadra, http://www.ilgranchio.it/, 10 giugno 2015. URL consultato il 22 giugno 2015.
  3. ^ Terracina, Isola e Sora a rischio iscrizione. A Frascati torna la Lupa, Palestrina incerto IlMessaggero.it, 20/06/2015.
  4. ^ a b c d e f Tifonet
  5. ^ a b c d e f g h Tifoserie laziali

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]