Associazione Calcio Este

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
A.C. Este
Calcio Football pictogram.svg
Logo A.C. Este.svg
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali Giallo e Rosso (Strisce).png Giallo-Rosso
Dati societari
Città Este (PD)
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1920
Presidente Italia Renzo Lucchiari
Allenatore Italia Michele Florindo
Stadio Nuovo Stadio Comunale
(1 300 posti)
Sito web www.aceste1920.it
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Este, meglio nota come Este, è una società calcistica italiana con sede a Este (PD).

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Dalla nascita agli anni novanta[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1920 dal Cav. Domenico Meneghello, disputa in epoca fascista diversi campionati di Terza e Quarta Divisione con il nome di Unione Sportiva Estense. Tornata negli anni a seguire alla denominazione originaria, milita con alterne fortune in campionati di livello regionale. Solo nell'annata 1960-1961 la società giallorossa si ritrova ad un passo dall'approdo alla Serie D nazionale. I ragazzi del presidente Geom. Pietro Meneghini magistralmente guidati dal tecnico Sandro Minozzi vincono con un vantaggio di 2 punti sul Rovigo il girone C di Prima Categoria. Resterà per molti anni la vittoria più bella e allo stesso modo più amara per il calcio estense. Al tempo infatti il primo posto nel girone non garantiva l'accesso diretto alla categoria superiore, che andava conquistato con una serie interminabile di spareggi. Nel primo dei quali l'Este uscì di scena per mano dell'Audace San Michele Extra. Troppo forti gli scaligeri, vittoriosi in entrambi i match: 4-1 in terra veronese e nuovamente 1-0 nella gara di ritorno allo Stadio Comunale di via Principe Umberto. Tra i giocatori estensi di allora si possono citare Mario Moretti e Marino Marini, ma anche il portiere Brunello, Sandrin, Girardi, i due Beggiato, Girotto, Menoncin, Visentin e Pedrazzoli. Persa l'occasione l'undici estense disputerà per diversi decenni solamente campionati di livello regionale tra Promozione e Seconda Categoria.

Il ciclo del presidente Romano[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate del 1995 viene nominato presidente della società giallorossa il Dott. Donato Romano, un medico di origini pugliesi molto conosciuto all'ombra della Porta Vecchia dove risiede da lungo tempo. Proprio con la presidenza Romano inizia per l'A.C. Este una lenta ma importante ricostruzione. Grande merito del primario pugliese sarà quello di riuscire a coinvolgere nella società diverse forze imprenditoriali della zona creando una struttura economicamente forte. I primi frutti vengono raccolti nel 1999, quando i ragazzi giallorossi ritornano in Promozione grazie al 1º posto conquistato nel campionato di Prima Categoria agli ordini del mister Antonello Di Chiara. Ma la Promozione non soddisfa ancora la società, che lavora nei tre anni a seguire per un traguardo più prestigioso. Nel 2002 un altro campionato vinto con l'ex giocatore spallino Lauro Pomaro in panchina, porta i giallorossi in Eccellenza, il massimo livello regionale. Categoria che verrà presto abbandonata con la promozione in Serie D arrivata l'8 maggio 2005, dopo la vittoria dei giallorossi di Dorino Anali sui veronesi del Lugagnano. Ma nel giorno della festa il presidente Romano si dice stanco e desideroso di lasciare ad altri la massima carica del sodalizio giallorosso. Verrà ricordato a lungo come il presidente più vincente della storia della società con il triplo salto di categoria ottenuto in dieci anni di presidenza, con tre campionati e due titoli regionali vinti.

La Serie D con i fratelli Lucchiari[modifica | modifica wikitesto]

L'eredità lasciata da Romano viene raccolta da Renzo Lucchiari, noto imprenditore di Este che insieme al fratello Gianantonio, a cui verrà assegnata la carica di presidente onorario, opera nel settore edile occupandosi in particolare della vendita di macchine ed attrezzature per l'edilizia. La Serie D è una categoria nuova per l'Este, che chiude al 10º posto il primo campionato nazionale. Ma nonostante il grande sforzo profuso dai Lucchiari, i due campionati a seguire vengono portati a termine tra molte ombre e poche luci con una salvezza ai play-out nel 2007 e un'amara retrocessione sempre ai play-out nel 2008 con la Virtus Vecomp Verona. Retrocessione poi cancellata dal ripescaggio in categoria avvenuto durante l'estate a seguito dell'esclusione di altre società. Per evitare il ripetersi degli errori compiuti negli ultimi campionati tribolati, Lucchiari nomina direttore generale Simone Tognon, ex giocatore professionista con le maglie di Juventus, SPAL e Padova. Tognon opera nel mercato con molta oculatezza nell'ottica del contenimento dei costi, cercando giovani di grandi potenzialità, spesso anche dalle categorie inferiori, e giocatori di esperienza alla ricerca di riscatto dopo stagioni in ombra. Grazie a questa politica l'Este riesce a posizionarsi da alcuni anni nella parte medio alta della classifica. Resta ad oggi il miglior piazzamento di sempre il 2º posto conquistato dai giallorossi nel campionato di Serie D 2009-10 guidati dall'allora mister Francesco Feltrin e trascinati dai 26 centri del bomber d'annata Filippo Fabbro[1]. Partecipa alla Coppa Italia maggiore, venendo eliminato al primo turno 1-5 a Benevento (con cinquina record di Felice Evacuo). Dopo un 3º posto che sa di beffa nella stagione 2011-12 e la successiva eliminazione al terzo turno dei play-off contro la Sambenedettese in un Riviera delle Palme gremito da 4.000 spettatori[2], nel 2012-2013 partecipa nuovamente alla Coppa Italia maggiore venendo battuto 2-1 dal Trapani. Nei due campionati seguenti si classifica al 12º e 8º posto, con una squadra largamente rinnovata durante la sessione estiva del calcio mercato.[3] Nel 2014/15 giunge quinto, perdendo i playoff col Piacenza. L'Este affronta nel 2015/16 per l'undicesimo anno consecutivo il campionato di Serie D, giungendo terzo alle spalle di Venezia e Campodarsego.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Calcio Este
  • 1920 - Fondazione dell'Associazione Calcio Este.
  • 1921-1922 - Nel girone A della Terza Categoria Veneto. Perde le due gare contro il solo avversario Piovese.
  • 1928-1929 - 4° nel girone C della Terza Divisione Veneto.
  • 1929-1930 - 3° nel girone C della Terza Divisione Veneto.

  • 1930-1931 - 3° nel girone C della Terza Divisione Veneto.
  • 1934-1935 - 4° nel girone B della Terza Divisione Veneto. Si ritira nel girone finale.
  • 1935-1936 - inattivo
  • 1936-1937 - 7° in Seconda Divisione Veneto.
  • 1937-1938 - 3° in Seconda Divisione Veneto. Perde spareggio promozione con San Donà (1-2)

  • 1946-1947 - 2° nel girone D della Prima Divisione Veneto.
  • 1947-1948 - 10° nel girone C della Prima Divisione Veneto.
  • 1948-1949 - ?
  • 1949-1950 - nel girone C della Prima Divisione Veneto.

  • 1950-1951 - 14° nel girone C della Prima Divisione Veneto.
  • 1951-1952 - 13° nel girone C della Prima Divisione Veneto.
  • 1952-1953 - 9° nel girone C della Prima Divisione Veneto.
  • 1953-1954 - 8° nel girone C della Prima Divisione Veneto.
  • 1954-1955 - 4° nel girone D della Prima Divisione Veneto.
  • 1955-1956 - 3° nel girone D della Prima Divisione Veneto.
  • 1956-1957 - 1° nel girone E della Prima Divisione Veneto. Green Arrow Up.svg Promosso in Promozione.
  • 1957-1958 - 6° nel girone C del Campionato Dilettanti.
  • 1958-1959 - 10° nel girone C del Campionato Dilettanti.
  • 1959-1960 - 5° nel girone B della Prima Categoria Veneto.

  • 1960-1961 - 1° nel girone C della Prima Categoria Veneto. Eliminato negli spareggi promozione dal Audace San Michele Extra (fuori 1-4, casa 0-1)
  • 1961-1962 - 10° nel girone B della Prima Categoria Veneto.
  • 1962-1963 - 6° nel girone B della Prima Categoria Veneto.
  • 1963-1964 - 14° nel girone B della Prima Categoria Veneto.
  • 1964-1965 - 14° nel girone C della Prima Categoria Veneto. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Seconda Categoria.
  • 1965-1966 - 11° nel girone E della Prima Divisione Veneto.
  • 1966-1967 - 9° nel girone H della Prima Divisione Veneto.
  • 1967-1968 - 7° nel girone H della Prima Divisione Veneto.
  • 1968-1969 - 3° nel girone I della Prima Divisione Veneto. Green Arrow Up.svg Ammesso alla Prima Categoria a completamento dell'organico.
  • 1969-1970 - 12° nel girone C della Prima Categoria Veneto.

  • 1970-1971 - 11° nel girone D della Prima Categoria Veneto. Green Arrow Up.svg Ammesso alla Promozione a completamento dell'organico.
  • 1971-1972 - 14° nel girone A della Promozione Veneto.
  • 1972-1973 - 14° nel girone A della Promozione Veneto. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1973-1974 - 6° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1974-1975 - 16° nel girone C della Prima Categoria Veneto. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Seconda Categoria.
  • 1975-1976 - 8° nel girone O della Seconda Categoria Veneto.
  • 1976-1977 - 7° nel girone O della Seconda Categoria Veneto.
  • 1977-1978 - 4° nel girone Q della Seconda Categoria Veneto.
  • 1978-1979 - 3° nel girone R della Seconda Categoria Veneto.
  • 1979-1980 - 1° nel girone T della Seconda Categoria Veneto. Green Arrow Up.svg Promosso in Prima Categoria.

  • 1980-1981 - 12° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1981-1982 - 12° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1982-1983 - 4° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1983-1984 - 9° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1984-1985 - 5° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1985-1986 - 8° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1986-1987 - 11° nel girone C della Prima Categoria Veneto.
  • 1987-1988 - 12° nel girone D della Prima Categoria Veneto.
  • 1988-1989 - 4° nel girone D della Prima Categoria Veneto.
  • 1989-1990 - 3° nel girone D della Prima Categoria Veneto. Vince spareggio promozione contro Campetra (1-0). Green Arrow Up.svg Promosso in Prima Categoria.

  • 1990-1991 - 16° nel girone B di Promozione Veneto. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Prima Categoria.
  • 1991-1992 - 4° nel girone E della Prima Categoria Veneto.
  • 1992-1993 - 6° nel girone E della Prima Categoria Veneto.
  • 1993-1994 - 11° nel girone E della Prima Categoria Veneto.
  • 1994-1995 - 10° nel girone D della Prima Categoria Veneto.
  • 1995-1996 - 9° nel girone E della Prima Categoria Veneto.
  • 1996-1997 - 10° nel girone D della Prima Categoria Veneto.
  • 1997-1998 - 4° nel girone D della Prima Categoria Veneto.
  • 1998-1999 - 1° nel girone E della Prima Categoria Veneto. Green Arrow Up.svg Promosso in Promozione.
  • 1999-2000 - 6° nel girone C della Promozione Veneto.

  • 2000-2001 - 8° nel girone C della Promozione Veneto.
  • 2001-2002 - 1° nel girone C della Promozione Veneto. Green Arrow Up.svg Promosso in Eccellenza.
  • 2002-2003 - 5° nel girone A dell'Eccellenza Veneto.
  • 2003-2004 - 5° nel girone A dell'Eccellenza Veneto.
  • 2004-2005 - 1° nel girone A dell'Eccellenza Veneto. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie D.
  • 2005-2006 - 10° nel girone D della Serie D.
Secondo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2006-2007 - 13° nel girone D della Serie D. Vince i play-out con la Reno Centese (fuori 1-0, casa 1-1).
Sedicesimi di finale di Coppa Italia Serie D eliminato da Chioggia (fuori 1-2, casa 1-3).
  • 2007-2008 - 14° nel girone C della Serie D. Perde i play-out con la Virtus Vecomp Verona (fuori 0-0, casa 2-4), viene successivamente ripescato.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2009-2010 - 2° nel girone C della Serie D. Eliminato al primo turno dei play-off dall'Union Quinto (casa 1-2).
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D eliminato dall'Union Quinto (fuori 1-3).

Primo turno di Coppa Italia, Eliminato dal Benevento (fuori 1-5).
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie D, eliminato da Chioggia (casa 2-3).
  • 2011-2012 - 3° nel girone D della Serie D. Eliminato al terzo turno dei play-off dalla Sambenedettese (fuori 0-1).
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D, eliminato da Giorgione (fuori 1-2).
  • 2012-2013 - 12° nel girone C della Serie D.
Primo turno di Coppa Italia, eliminato da Trapani (fuori 1-2).
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D, eliminato da Porto Tolle (casa 1-1 4-6 dcr).
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.
  • 2014-2015 - 5° nel girone D della Serie D. Eliminato al secondo turno play-off da Piacenza (fuori 0-2).
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Trentaduesimi di finale di Coppa Italia Serie D, eliminato da Virtus Vecomp Verona (fuori 1-2).
Primo turno di Coppa Italia Serie D.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

I colori ufficiali della squadra sono il giallo e il rosso.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

2004-2005 (girone A)
2001-2002 (girone C)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie D 3 2014-2015 2016-2017 3
Serie D 9 2005-2006 2013-2014 9

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]