Calcio Montebelluna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Calcio Montebelluna
Calcio Football pictogram.svg
Il Monte
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Colori sociali 600px Celeste e Bianco (Strisce).png Celeste e Bianco
Inno I lovely
Barry White e Mario Biondi
Dati societari
Città Montebelluna
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1919
Presidente Marzio Brombal
Stadio San Vigilio
(2.000 posti)
Sito web www.calciomontebelluna1919.it
Palmarès
Trofei nazionali Coccarda Coppa Italia.svg 1 Coppa Italia Dilettanti
Si invita a seguire il modello di voce

Il Calcio Montebelluna s.r.l., meglio noto come Montebelluna,[1] è una società calcistica italiana con sede nella città di Montebelluna (TV); milita nel campionato di Serie D.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Fondata nel 1919 come U.S. Montebellunese e poi diventata A.C. Montebelluna. Nella stagione 1927-28 prende parte al campionato di Seconda Divisione Nord, all'epoca equivalente all'odierna Lega Pro/Serie C: chiude il girone F all'ultimo posto a zero punti e non si iscrive per la stagione successiva a nessun campionato FIGC.

Gli anni in Serie C e la crisi[modifica | modifica wikitesto]

Per tutto l'anteguerra, ad eccezione della già citata stagione 1927-28, milita nelle serie minori a livello regionale. Nell'immediato dopoguerra, stante l'elefantiaco ingrandimento della Serie C (che nella stagione 1947-48 raggiungerà la cifra record di 18 gironi), la Montebelluna viene ammessa nella Serie C gestita dalla Lega Interregionale Nord. Nei primi due anni i risultati sono degni di nota: nel 1945-46 la squadra si piazza al secondo posto nel girone eliminatorio sfiorando l'accesso ai gironi finali per la promozione in Serie B; nella stagione successiva si qualifica addirittura ai gironi finali, mancando di due punti una storica promozione in cadetteria (al primo posto si piazza infatti il Bolzano, con due punti di vantaggio sul Montebelluna). Nel 1947, tuttavia, la FIGC decide di ridurre, a partire dalla stagione 1948-49, la Serie C a soli 3 gironi (poi allargati a 4 a termine del campionato) contro i 18 gironi che si sarebbero disputati nella stagione 1947-48: ciò significava che solo le prime classificate di ogni girone della Lega Nord si sarebbero salvate, mentre tutte le altre squadre sarebbero retrocesse nelle categorie inferiori (fino all'11ª posizione nel campionato interregionale di Promozione, dalla 12ª in giù in Prima Divisione Regionale).

Il Montebelluna disputò un campionato da vertice ma non riuscì a vincere il proprio girone, ottenendo solo un secondo posto e sembrando dunque destinata a retrocedere beffardamente in Promozione: allorché la FIGC, a causa delle conseguenze del Caso Napoli, decise di allargare la Serie C 1948-49 da 3 a 4 gironi, determinando dunque la riammissione nella Terza Serie di numerose squadre inizialmente escluse, tra cui proprio le seconde classificate nei gironi eliminatori e quindi il Montebelluna. La riammissione in extremis in Serie C fu però il canto del cigno per il Montebelluna: la squadra chiuse 18.a il campionato successivo retrocedendo inesorabilmente in Promozione interregionale, e nella stagione successiva arrivò un'ulteriore retrocessione, questa volta in Prima Divisione Regionale. Da allora e fino alla stagione 1969-70 disputò solo campionati regionali.

Ritorno in Serie D e la Coppa Italia Dilettanti[modifica | modifica wikitesto]

L'inizio della rinascita del Montebelluna avvenne nella stagione 1968-69, allorché la squadra vinse il girone C della Prima Categoria Veneto, accedendo alle finali, che vinse dopo gli spareggi contro Malo ed Arianese, venendo promossa quindi in Serie D. Il debutto tra i semiprofessionisti (infatti la Serie D all'epoca era semiprofessionistica e solo dal 1981 è gestito dalla Lega Nazionale Dilettanti) fu alquanto amaro per la squadra veneta: chiudendo 16ª nel girone C della Serie D, retrocede in Promozione Veneta venendo beffata dalla peggiore differenza reti nei confronti di San Donà, Arco e Rovigo. Il ritorno nei campionati regionali dilettantistici durò solo una stagione: vincendo il girone B della Promozione Veneto, venne promossa in Serie D. Perse la finale per il titolo Veneto del 16 giugno a Mestre contro il Legnago 2-0 per rinuncia.

Il Montebelluna della stagione 1971-1972; sulle maglie dei calciatori, la coccarda tricolore a simboleggiare la vittoria della stagione precedente nella Coppa Italia Dilettanti.

La stagione 1970-1971 è da ricordare non solo per il ritorno tra i Semiprofessionisti, ma soprattutto per la vittoria della Coppa Italia Dilettanti; questo risultato gli permette di partecipare alla Coppa Ottorino Barassi del 1971 e di arrivare in Finale contro lo Skelmersdale United. Sfortunatamente la squadra non riesce ad aggiudicarsela dopo aver perso la gara d'andata per 2-0 in terra inglese e vinto in terra amica per 1-0. Nella stagione 1971-1972 i veneti ottengono una salvezza sofferta chiudendo 15ª nel girone C della Serie D e salvandosi solo per la miglior differenza reti, assieme ad Alense e Malo, nei confronti di Lignano e Valdagno. La stagione successiva è la prima in cui la squadra non deve soffrire per salvarsi, ottenendo un buon sesto posto nel girone C della Serie D. Nella stagione 1973-1974, tuttavia, il Montebelluna finisce di nuovo invischiata nella lotta per non retrocedere tra i Dilettanti, salvandosi solo grazie alla vittoria nello Spareggio salvezza con il Monfalcone.

Nelle stagioni successive, tuttavia, il Montebelluna viene rinforzato e non è costretta più a lottare fino all'ultima giornata per una sofferta salvezza. Nella stagione 1974-1975 si classifica 5ª nel girone C della Serie D, riuscendo anche nell'impresa di vincere il Torneo Dante Berretti. Nelle stagioni successive ottiene rispettivamente un 7ª e un posto nel girone C della Serie D. Nel 1977 la FIGC stabilì di scindere la Serie C in C1 e C2, e stabilì che le migliori quattro di ogni girone della Serie D sarebbero state promosse in Serie C2. Il Montebelluna chiuse il campionato 6ª nel Girone C di Serie D, mancando l'ammissione alla C2 per soli tre punti. Nella stagione successiva la squadra conduce un altro campionato di vertice, ma non riesce a ottenere la promozione in C2 piazzandosi 3ª nel girone B della Serie D. Nella stagione 1979-1980 la squadra arriva 1ª nel girone B della Serie D a pari merito con altre due squadre e sono necessari degli spareggi: al minitorneo per stabilire chi tra le tre prime classificate sarebbe stata promossa in C2 perde contro Mira (0-1) e Casatese (0-0) arrivando 3ª e mancando ancora una volta la promozione in C. La promozione in C2 viene però solo rimandata di un anno: arrivando 1ª (questa volta da sola) nel girone B della Serie D, viene promossa in Serie C2.

Gli anni della Serie C2[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 1980-1981 il Montebelluna debutta dunque nel campionato semiprofessionistico di Serie C2 (attuale Seconda Divisione). Tra alti e bassi vi rimane fino alla stagione 1986-87 quando, pur salvandosi sul campo, nell'estate rinuncia all'iscrizione per la stagione successiva per favorire il ripescaggio dell'Alessandria, a cui aveva ceduto i diritti.

Stagione Girone Pos. Pt G V N P GF GS
1981-82 girone B 13. 32 34 9 14 11 36 37
1982-83 girone B 7. 37 34 11 15 8 38 35
1983-84 girone B 13. 30 34 9 12 13 33 31
1984-85 girone B 12. 34 34 10 14 10 30 29
1985-86 girone B 6. 38 34 12 14 8 24 25
1986-87 girone B 15. 30 34 10 10 14 28 33

Declino e rinascita[modifica | modifica wikitesto]

La squadra, rinunciata alla C2, viene quindi iscritta nel Campionato Interregionale gestito dalla Lega Nazionale Dilettanti. Nella prima stagione tra i Dilettanti disputò un campionato da vertice lottando per la promozione tra i professionisti ma chiudendo solo 3ª nel girone C. I due campionati successivi furono caratterizzati da due sesti posti consecutivi nel girone D del Campionato Interregionale. La squadra viene tuttavia ridimensionata e nel campionato 1990-91 si classifica solo 15ª nel girone E, retrocedendo in Eccellenza Veneta. Dopo aver mancato il ritorno in D nella prima stagione, perde per 1-0 lo spareggio promozione con la Miranese, nella stagione successiva, vincendo il girone B dell'Eccellenza Veneto, ritorna nel Campionato Nazionale Dilettanti. La permanenza nel C.N.D. durò solo due stagioni: nella stagione 1994-95, classificandosi 15ª nel girone D del Campionato Nazionale Dilettanti, retrocede in Eccellenza Veneto perdendo lo spareggio col Donada (0-0, 2-4 dr.). Da lì un declino sempre più marcato: ritornata in Eccellenza, la squadra non riesce mai a lottare per il ritorno in D subendo anzi una serie incredibile di retrocessioni nel giro di pochi anni.

Nella stagione 1996-97, classificandosi 16ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto, retrocede in Promozione Veneta. Due stagioni dopo arriva un'ulteriore retrocessione, addirittura in Prima Categoria Veneta. Nella stagione successiva la squadra veneta raggiunse il fondo, classificandosi 15º nel girone H della Prima Categoria Veneto e retrocedendo in Seconda Categoria. A salvarla dall'onta della retrocessione addirittura in Seconda Categoria (penultimo livello del calcio italiano) avvenne però la fusione con l'U.S. Monte, 16º in Eccellenza Veneto, che diventa così Montebelluna Calcio. Grazie alla fusione e all'ottenimento del titolo sportivo dell'US Monte, il Montebelluna non disputa la stagione 2001-02 in Seconda Categoria Veneta bensì in Promozione Veneta: la società ritorna finalmente competitiva e, classificandosi 1º nel girone B della Promozione Veneto, ritorna in Eccellenza. Dopo una stagione di transizione (8ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto), nella stagione 2003-04, vincendo il girone B dell'Eccellenza Veneto, ritorna finalmente in Serie D.

Finalmente ritornata competitiva, la società veneta al ritorno in D si classifica 5ª nel girone C della Serie D, venendo ammessa ai play-off dove passa il 1º turno (Itala San Marco: 1-0, 1-0), ma si ferma al 2º turno (Unione Sportiva Città di Jesolo: 2-5, 0-1). Nella stagione successiva la squadra subisce però un forte ridimensionamento, classificandosi 19ª nel girone D della Serie D e venendo retrocessa perdendo gli spareggi con il Rivignano (1-1, 0-1); la retrocessione in Eccellenza Veneta viene però evitata grazie a un provvidenziale ripescaggio in estate. Nelle due stagioni successive ottiene due decimi posti consecutivi nel Girone C di Serie D, riuscendo nell'impresa di raggiungere, nella stagione 2007-2008, le semifinali di Coppa Italia Serie D, che perde contro il Como (1-4, 2-1). Proprio grazie al terzo posto ottenuto nell'ultima Coppa Italia di categoria, il Montebelluna viene ammesso a disputare la Coppa Italia Lega Pro 2008-09 insieme alle squadre di Prima Divisione (ex Serie C1) e Seconda Divisione (ex Serie C2) per meriti sportivi: concluse il girone E al terzo posto, dietro all'Itala San Marco e al Venezia, ma davanti a Rovigo (che gioca in Seconda Divisione) e Sacilese (che pur giocando in Serie D ha ambizioni di promozione tra i professionisti).

In Coppa Italia Serie D viene eliminata invece subito al 2º turno dal girone I arrivando 3ª (e ultima) dietro ad Eurotezze e Calcio Belluno. In campionato tre vittorie consecutive (di cui 2 in trasferta) illudono il Belluna di poter vincere il campionato e ritornare nel calcio professionistico, ma un forte calo di rendimento porta la squadra addirittura a lottare per la salvezza e a poco servirà il cambio della guida tecnica con l'ingaggio di Angelo Colombo, ex centrocampista del Milan ed ex responsabile del settore giovanile rossonero, al posto di Gianfranco Borgato:[2] la squadra manca di un soffio la retrocessione, salvandosi solo ai Playout sconfiggendo il Somma (1-0, 1-1). Dopo due campionati di transizione, nella stagione 2011-2012 il Montebelluna si classifica 4ª nel girone C della Serie D, ottenendo l'ammissione ai play-off dove non passa il 1º turno (perde contro il Legnago Salus: 1-2)

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Calcio Montebelluna
  • 1919 Nasce la U.S. Montebellunese.
  • 1924-25 - 3° nel girone A della Terza Divisione Veneto.
  • 1925-26 - 2° nel girone B della Terza Divisione Veneto.
  • 1926-27 - 1° nel girone D della Terza Divisione Veneto. Nelle finali non va oltre il quarto posto con Itala Gradisca, Grion Pola e Libertas Venezia. Green Arrow Up.svg Comunque promosso in Seconda Divisione grazie alla riorganizzazione dei campionati.
  • 1927-28 - 9ª nel girone F della Seconda Divisione Nord della Seconda Divisione. Nel corso del campionato la squadra da forfait [3] Red Arrow Down.svg Retrocessa in Terza Divisione per lunghi anni non disputerà alcun campionato ufficiale tranne quelli dell'ULIC negli anni trenta.

  • 1941-42 partecipa al campionato della Sezione Propaganda vincendo le finali.
  • 1942-43 ?ª nel girone C della Prima Divisione Veneto.
  • 1945-46 - 2ª nel girone B della Serie C della Lega Nazionale Alta Italia.
  • 1946-47 - 2ª nel girone finale C della Serie C della Lega Interregionale Nord. Nelle finali per l'ammissione alla Serie B affronta il Bolzano e l'Edera Trieste arrivando però seconda.
  • 1947-48 - 2ª nel girone H della Serie C della Lega Interregionale Nord. Nelle finali per l'ammissione alla nuova Serie C affronta Pro Lissone e Sestrese, al termine tutte saranno ammesse alla nuova categoria.
  • 1948-49 - 18ª nel girone B della Serie C. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Promozione. In grosse difficoltà economiche rinuncia a disputare il campionato di Promozione ottenendo la deroga a disputare quello di Prima Divisione
  • 1949-1950 - 10° nel girone B della Prima Divisione Veneta.

  • 1950-51 - xª nel girone D della Prima Divisione Veneta.
  • 1951-52 - 1ª nel girone B della Prima Divisione Veneta. Green Arrow Up.svg Passa nella nuova Promozione Regionale.
  • 1952-53 - 5ª nel girone B della Promozione Veneta.
  • 1953-54 - 6ª nel girone C della Promozione Veneta.
  • 1954-55 - 14ª nel girone B della Promozione Veneta. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Prima Divisione.
  • 1955-56 - ?ª nel girone ? della Prima Divisione Veneta.
  • 1956-57 - 1ª nel girone ? della Prima Divisione Veneta. Green Arrow Up.svg Promosso nel Campionato Dilettanti Veneto. Viene eliminato dalle finali regionali dal Mira (3-2, 0-2).
  • 1957-58 - 4ª nel girone D del Campionato Nazionale Dilettanti fase Veneto.
  • 1958-59 - 6ª nel girone B del Campionato Nazionale Dilettanti fase Veneto.
  • 1959-60 - 6ª nel girone C della Prima Categoria Veneta. Al termine del campionato il Montebelluna si fonde con la Polisportiva Vitt. Del Vitt[4]

  • 1960-61 - 3ª nel girone D della Prima Categoria Veneta.
  • 1961-62 - 1ª nel girone C della Prima Categoria Veneta. Accede alle finali regionali dove prevale nel triangolare con Contarina e Azzurra Sandrigo, Green Arrow Up.svg conquistando la promozione in Serie D. Viene sconfitto ai rigori nelle finali nazionali dalla Vogherese (1-1 in entrambe le gare). Red Arrow Down.svg Rinuncia alla promozione in Serie D per motivi economici
  • 1962-63 - 3ª nel girone A della Prima Categoria Veneta.
  • 1963-64 - 4ª nel girone A della Prima Categoria Veneta.
  • 1964-65 - 3ª nel girone A della Prima Categoria Veneta.
  • 1965-66 - 5ª nel girone A della Prima Categoria Veneta.
  • 1966-67 - 4ª nel girone A della Prima Categoria Veneta.
  • 1967-68 - 3ª nel girone A della Prima Categoria Veneta.
  • 1968-69 - 1ª nel girone A della Prima Categoria Veneta. Accede alle finali regionali, Green Arrow Up.svg promosso in Serie D dopo gli spareggi contro Malo ed Arianese.
  • 1969-70 - 16ª nel girone C della Serie D. Red Arrow Down.svg Retrocede in Promozione Veneta avendo peggiore differenza reti nei confronti di San Donà, Arco e Rovigo.

  • 1970-71 - 1ª nel girone B della Promozione Veneta. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie D. Perde la finale per il titolo Veneto del 16 giugno a Mestre contro il Legnago 2-0 per rinuncia. Vincitrice della Coppa Italia Dilettanti Coccarda Coppa Italia.svg. (1-0 contro Cassino.
  • 1971-72 - 15ª nel girone C della Serie D. Salva per miglior differenza reti, assieme ad Alense e Malo, nei confronti di Lignano e Valdagno.
  • 1972-73 - 6ª nel girone C della Serie D.
  • 1973-74 - 15ª nel girone C della Serie D. Salvo per la miglior differenza reti nei confronti del Monfalcone.
  • 1974-75 - 5ª nel girone C della Serie D. Vince il Torneo Dante Berretti.
  • 1975-76 - 7ª nel girone C della Serie D.
  • 1976-77 - 4ª nel girone C della Serie D.
  • 1977-78 - 6ª nel girone C della Serie D.
  • 1978-79 - 3ª nel girone B della Serie D.
  • 1979-80 - 3ª nel girone B della Serie D. Arrivato a pari punti con Mira e Casatese, fatali furono gli spareggi. Con due promozioni in palio il triangolare vide il Montebelluna arrivare terzo.

  • 1980-81 - 1ª nel girone B della Serie D. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie C2.
  • 1981-82 - 13ª nel girone B della Serie C2.
  • 1982-83 - 7ª nel girone B della Serie C2. Vince il Torneo Dante Berretti.
  • 1983-84 - 13ª nel girone B della Serie C2
  • 1984-85 - 12ª nel girone B della Serie C2
  • 1985-86 - 16ª nel girone B della Serie C2
  • 1986-87 - 15ª nel girone B della Serie C2. Red Arrow Down.svg Rinuncia a disputare il campionato a favore dell'Alessandria.
  • 1987-88 - 3ª nel girone C dell'Interregionale.
  • 1988-89 - 6ª nel girone D dell'Interregionale.
  • 1989-90 - 6ª nel girone D dell'Interregionale.

  • 1990-91 15º girone E dell'Interregionale. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Eccellenza Veneto.
  • 1991-92 - 2ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto. Perde lo spareggio con la Miranese (0-1).
  • 1992-93 - 1ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto. Green Arrow Up.svg Promosso nel Campionato Nazionale Dilettanti (C.N.D.).
  • 1993-94 - 10ª nel girone D del C.N.D.
  • 1994-95 - 15ª nel girone D del C.N.D. Red Arrow Down.svg Retrocessa in Eccellenza Veneto dopo lo spareggio col Donada (0-0, 2-4 d.c.r.).
  • 1995-96 - 13ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto.
  • 1996-97 - 16ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto. Red Arrow Down.svg Retrocede in Promozione Veneta.
  • 1997-98 5º nel girone D della Promozione Veneto.
  • 1998-99 6º nel girone B della Promozione Veneto.
  • 1999-00 16º nel girone B della Promozione Veneto. Red Arrow Down.svg Retrocede in Prima Categoria Veneto.

  • 2000-01 15º nel girone H della Prima Categoria Veneto. Red Arrow Down.svg Retrocede in Seconda Categoria. In seguito a fusione con l'U.S. Monte (16º in Eccellenza e perciò retrocesso in Promozione), diventa Montebelluna Calcio ripartendo dalla Promozione.
  • 2001-02 1º nel girone B della Promozione Veneto. Green Arrow Up.svg Promossa in Eccellenza Veneto.
  • 2002-03 - 8ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto.
  • 2003-04 - 1ª nel girone B dell'Eccellenza Veneto. Green Arrow Up.svg Promossa in Serie D.
  • 2004-05 - 5ª nel girone C della Serie D. Ammesso ai play-off viene eliminato al secondo turno (2-5 e 0-1 contro Città di Jesolo).
  • 2005-06 - 19ª nel girone D della Serie D. Vince 2-1 lo spareggio per accedere ai play-out con la Manzanese. Ai successivi spareggi con il Rivignano (1-1, 0-1) non riesce ad evitare la Red Arrow Down.svg retrocessione in Eccellenza Veneto anche se poi nell'estate verrà riammessa.
  • 2006-07 - 10ª nel girone C della Serie D.
  • 2007-08 - 10ª nel girone C della Serie D. Nella Coppa Italia Serie D perde in semifinale contro il Como (1-4, 2-1).
  • 2008-09 - 14ª nel girone C della Serie D. Accede ai play-out e si salva contro il Somma (1-0, 1-1).
  • 2009-10 - 6ª nel girone C della Serie D.

Storia delle giovanili[modifica | modifica wikitesto]

Il Calcio Montebelluna è conosciuto come uno dei migliori vivai calcistici del Veneto. Ogni anno infatti sono svariati i giovani talenti che partono dal "monte" per raggiungere i grandi club nazionali. Bisogna inoltre sottolineare che quasi ogni anno almeno una squadra del settore giovanile vince i campionati regionali.

Sono ben sette gli scudetti tricolori cuciti sulle maglie del settore giovanile biancoceleste dal 1975[5].

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Presidenti
  • 1919-1924 ?
  • 1924-? Italia Piero Rinaldi
  • 1945-1946 Italia Luigi Colognese
  • 1946-1948 Italia Romano Pagnan
  • 1948-1949 Italia Nereo Calore
  • 1949-1950 Italia Favotto Erminio
  • 1950-1952 Italia Silvio Favero
  • 1952-1954 Italia Libero Cecchet
  • 1954-1959 Italia Virginio Gallina
  • 1959-1972 Italia Umberto Favero
  • 1972-1973 Italia Franco Marini
  • 1973-1974 Italia Oreste Sartor
  • 1974-1987 Italia Tiziano Tessariol
  • 1987-1988 Italia Gianni Santinon
  • 1988-1997 Italia Matteo Cecchele
  • 1997-2006 Italia Gino Montagner
  • 2006-2010 Italia Maurizio Michielin
  • 2010-2012 Italia Mauro Rossetto
  • 2012-oggi Italia Marzio Brombal
Allenatori

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Campionati nazionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
C 4 1945-1946 1948-1949 4
C2 7 1927-1928 1986-1987 18
D 11 1969-1970 2015-2016
D-Interregionale-C.N.D. 18 1978-1979 2012-2013 18
Campionati regionali
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Terza Divisione Regionale 2 1924-1925 1925-1926 2
Terza Divisione Regionale 3 1926-1927 1926-1927 1
Prima Divisione Regionale 1 1942-1943 1942-1943 1
Prima Divisione Regionale 3 1949-1950 1951-1952 3
Prima Categoria 10 1959-1960 1968-1969 10
Eccellenza 6 1991-1992 2003-2004 6
Camp.Naz.Dilettanti 2 1957-1958 1958-1959 2
Prima Divisione Regionale 2 1955-1956 1957-1958 2
Promozione 8 1952-1953 2001-2002 8
Prima Categoria 1 2000-2001 2000-2001 1

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

Nelle stagioni 1999-2000 e 2000-2001 ci fu una seconda squadra dell'hinterland montebellunese, denominata U.S. Monte, nata dalla fusione del Montello e dell'Associazione Calcio Caerano (storiche rivali del Calcio Montebelluna), che partecipò campionato di Eccellenza veneta. Il 2001 vide la retrocessione sia del Monte (in Promozione) che del Montebelluna (in Seconda Categoria); grazie alla fusione delle due realtà la storia del Montebelluna continuò dalla Promozione[6]. Il Montello e il Caerano ricominciarono dalla Terza Categoria come società distinte.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Comunicato Ufficiale n° 59 del 13/11/2015 (PDF), http://www.lnd.it/, 13 novembre 2015. URL consultato il 31 dicembre 2015.
  2. ^ SERIE D - Angelo Colombo allenerà il Montebelluna, ilfriuli.it, 26 febbraio 2009.
  3. ^ Nel Gazzettino del 1º febbraio 1928: La locale Unione Sportiva ha dichiarato forfait per la partita che doveva giocare domenica scorsa contro l'Edera Triestina. È questo il preludio per un ormai sicuro forfait a tutti i rimanenti incontri di campionato. La dolorosa rinuncia è motivata da serie impossibilità finanziarie della nostra vecchia società., cit. "Montebelluna che passione", pag.28.
  4. ^ Montebelluna che passione, volume primo, pag.91.
  5. ^ Montebelluna, un marchio, espresso.repubblica.it, xx-xx-xxxx.
  6. ^ Montebelluna che passione, volume primo, pag.238

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Angelo Ceron, Montebelluna che passione. Volume primo: Il Calcio Montebelluna dal 1945 al 2006, Danilo Zanetti Editore, 2007.
  • Angelo Ceron, Montebelluna che passione. Volume secondo: I personaggi del Calcio Montebelluna. Il Settore Giovanile, Danilo Zanetti Editore, 2007.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]