Associazione Calcio Gozzano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
AC Gozzano
Calcio Football pictogram.svg
Logo AC Gozzano (settembre 2018).png
Rossoblù[1], Cusiani[2], Malgascìtt[3], Rubinettai[4], Güzön[5], Juventina[6]
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Rosso e Blu3-Flag.svg Rosso, blu
Simboli Malgàscia
Dati societari
Città Gozzano
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie C
Fondazione 1921
Presidente Italia Fabrizio Leonardi
Allenatore Italia David Sassarini
Stadio Alfredo d'Albertas
(1 526 posti)
Sito web www.acgozzano.it
Palmarès
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

L'Associazione Calcio Gozzano s.r.l.[7] (in breve A.C. Gozzano o più semplicemente Gozzano) è una società calcistica italiana con sede nel comune di Gozzano, in provincia di Novara.

Fondata all'incirca nel 1921 col nome di Club Sportivo Juventus[8][9] e affiliata alla FIGC dal 1924, è per tradizione sportiva il maggior club calcistico del comune d'appartenenza, il secondo per quanto concerne la regione storica del Cusio e rientra altresì tra le principali realtà a livello provinciale.

Ha militato per oltre novant'anni soprattutto nelle categorie regionali del Piemonte, raggiungendo la massima divisione dilettantistica a cavallo tra l’ultimo ventennio del XX secolo e l'inizio del XXI secolo. Nella stagione 2017-2018, vincendo il proprio girone di Serie D, è stato promosso per la prima volta nel professionismo; l'anno seguente ha quindi ottenuto la salvezza in Serie C, conseguendo il miglior risultato della propria storia.

Per la stagione 2019-2020 milita pertanto, per il secondo anno consecutivo, nel terzo livello del campionato italiano di calcio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Storia dell'Associazione Calcio Gozzano.

La pratica del football è stata avviata a Gozzano dalla locale comunità dei gesuiti, che durante la prima guerra mondiale avevano messo in piedi una rudimentale squadra (denominata Fides) e organizzato le prime partite, sia fra i paesani che contro i comuni limitrofi.[8]

La storia dell'AC Gozzano inizia con il Club Sportivo Juventus, primo consorzio calcistico basato a Gozzano di cui è nota la partecipazione a campionati regolari, la cui fondazione risale presumibilmente al 1921: fin da subito i suoi colori istituzionali furono il rosso e il blu.[8][9] Le prime testimonianze sull'esistenza di tale società la descrivono come una polisportiva dedita a ciclismo e (per l'appunto) foot-ball,

Non essendo però possibile risalire a una data di fondazione certa, l'affiliazione della Juventus alla FIGC (formalizzata il 16 giugno 1924) viene convenzionalmente considerata come "vero" punto d'inizio della storia della squadra.[10]

La carenza di testimonianze storiche precise si protrae fino al periodo bellico e non permette di tracciare un profilo cronologico accurato del primo ventennio di militanza della squadra nei ruoli federali: tra le poche notizie reperibili, la prima partecipazione accertata a un campionato ufficiale FIGC (già peraltro sotto la ragione sociale Associazione Calcio Gozzano) è riscontrata per il biennio 1937-1938[10].

Il marchese Alfredo d'Albertas, longevo patròn del Gozzano.

Nel 1945, dopo l'inattività forzata di cinque anni causata dalla seconda guerra mondiale, il sodalizio si riorganizzò sotto la guida dei presidenti Ranzini e Gioira, del vicepresidente marchese Alfredo d’Albertas e del collaboratore Rino Zanni[10].

Ri-ottenuta l'affiliazione alla FIGC, il Gozzano (forte di un organico di spessore in cui spiccava l’ex nazionale argentino Evaristo Barrera) esordì vincendo il girone A del campionato piemontese di Prima Divisione e piazzandosi terzo nel successivo girone valido per le semifinali regionali. La progressiva partenza dei giocatori migliori impedì, negli anni successivi, di eguagliare o migliorare tale risultato[10].

Nel 1948 la presidenza del Gozzano passò proprio al marchese d’Albertas, il quale riuscì a riorganizzare la rosa con l'innesto di giovani talentuosi e infine a portare i rossoblù a vincere il campionato 1951-1952, ottenendo così l'accesso alla Promozione. Tra i giocatori “lanciati” in questo periodo si fece notare il giovanissimo Ermanno Tarabbia, che di lì a poco avrebbe calcato i campi della Serie A[10].

Dopo aver ottenuto la salvezza per due anni consecutivi, al termine della stagione nel 1953-1954 d'Albertas si trovò a corto di risorse e decise di auto-retrocedere la squadra in Prima Divisione. Dovendo rifondare nuovamente la squadra con l'innesto di molti giovani, il Gozzano rimase nella categoria in questione fino al 1956-1957, allorché primeggiò nel proprio girone e ottenne la promozione nel Campionato Dilettanti (dal 1959 trasformato in Prima Categoria), ove rimase fino al 1962, beneficiando dell'innesto di giocatori d'esperienza quale Bruno Padulazzi[10].

Dopo aver chiuso il campionato 1961-1962 al quinto posto nel proprio girone, il marchese d'Albertas, lamentando lo scarso interesse della comunità di Gozzano nei confronti della propria squadra, se ne disimpegnò, decidendo di trasferirsi nei quadri sociali dello Stresa Sportiva. Non essendosi fatto avanti nessuno per subentrargli, l'A.C. Gozzano entrò in stato di inattività: per cinque anni la pratica calcistica comunale venne portata avanti unicamente nell'ambito del CSI e dell'oratorio parrocchiale[10].

Nel giro di poco tempo il comune di Gozzano iniziò a far pressione su d'Albertas affinché rivedesse la propria decisione: nel 1967 il marchese acconsentì e finanziò la ripartenza della squadra rossoblù dalla Terza Categoria della provincia di Novara. Vinto il campionato senza subire alcuna sconfitta, il Gozzano inanellò un ciclo di stagioni positive che già nel 1971 lo riportarono a militare in Promozione[10].

Dopo sette stagioni "stabili", nel 1978-1979 i cusiani vinsero il proprio girone a pari merito col Borgosesia: a sorpresa lo spareggio, giocato allo stadio della Liberazione di Omegna, vide prevalere per 2-0 proprio il Gozzano, che conquistò così il primo accesso alla Serie D[10].

In estate il marchese d'Albertas si riposizionò alla presidenza onoraria ed ammise in società nuovi soggetti (onde incrementare la base finanziaria), mentre la squadra venne rifondata con numerosi nuovi acquisti. Ciò non bastò a mantenere la categoria: il Gozzano stazionò stabilmente nella bassa classifica e a nulla valsero né gli innesti effettuati nel calciomercato "di riparazione" né il doppio esonero dell'allenatore (ad Annibale Mastrini subentrò Mario Tortul, poi a sua volta "silurato" in favore di Aldino Ruga)[10].

Poco dopo la retrocessione entrò tuttavia in società l'esperto direttore sportivo Carlo Pedroli, già socio fondatore del Verbania (che aveva condotto ad alcune buone stagioni in Serie C), che riorganizzò la rosa e la ricondusse già nel 1982 a giocarsi la risalita nell'interregionale dilettantistica. Ancora una volta la posta venne messa in palio tramite uno spareggio, stavolta contro la Cossatese, che aveva chiuso a pari punti con i cusiani il girone di competenza. La gara, giocata allo stadio Leonida Robbiano di Vercelli, vide tuttavia dominare i biancazzurri di Cossato, che superarono il Gozzano per 3-0[10].

La sconfitta innescò una fase di declino per la compagine rossoblù, che nel mentre subì anche una scissione (poi rientrata) di parte delle giovanili, costituitesi nel club autonomo Junior Gozzano; entro il 1985 i cusiani retrocedettero in Prima Categoria[10]. Il marchese d'Albertas riprese brevemente la presidenza rossoblù tra il 1981 e il 1985, per poi lasciare definitivamente la società in quanto ormai anziano e debilitato (morì poi nel 1992)[11].

Nel mentre tuttavia la FAR Rubinetterie S.p.A. (azienda gozzanese attiva nel settore idro-termo-sanitario) era entrata nella società assumendone il patronato[12][13]; il Gozzano poté così beneficiare di nuove e consistenti risorse[10]. Nel giro di pochi anni al titolare Alberto Allesina fu indi conferita la carica di presidente onorario dei rossoblù.

Il Gozzano quindi riorganizzò il suo organigramma: nel 1991 la massima carica sociale andò ad Adriano Cerutti, che seppe consolidare la società, riportandola in meno di dieci anni a militare in Promozione.

Nel 2004 il Gozzano salì ulteriormente in Eccellenza, ove quindi militò fino al 2010-2011, allorché (sotto la guida del tecnico Mauro Lesina) la squadra primeggiò nel proprio girone e infine ottenne la promozione in Serie D[10].

Contrariamente a trent'anni prima, alla prova del campionato nazionale il Gozzano (frattanto ridenominatosi Associazione Sportiva Dilettantistica Calcio Gozzano) si dimostrò preparato: seppur con qualche difficoltà - e rimediando molti pareggi - i rossoblù (inizialmente ancora guidati da Lesina, poi esonerato a novembre 2011 in favore di Roberto Bacchin) ottennero la salvezza. Analogo risultato si conseguì nel biennio 2012-2013, ma ancora una volta previo cambio di guida tecnica: a inizio stagione venne infatti chiamato Enrico Bortolas[10], ma fu Salvatore Mango (subentrato in autunno[14]) a condurre in porto l'obiettivo del mantenimento della categoria[15]. Frattanto, esaurito il ciclo della presidenza Cerutti, la massima carica rossoblù era passata a Fabrizio Leonardi.

La retrocessione in Eccellenza si concretizzò nuovamente al termine del campionato 2013-2014: neanche un doppio cambio di allenatore (il neo-ingaggiato Marco Falsettini si dimise in autunno, facendo spazio al rientrante Mango[16], poi a sua volta sostituito a febbraio 2014 da Walter Viganò[17]) evitò ai rossolù il 16º posto nel proprio girone; il successivo pareggio nel playout contro il MapelloBonate relegò i cusiani in virtù della peggior posizione in regular season[18].

Fu però solo una parentesi: nel 2014-2015 i rossoblù (guidati in panchina dal confermato Walter Viganò e in campo dal centravanti Massimiliano Guidetti) dominarono l'Eccellenza regionale con 8 turni d'anticipo sulla fine del calendario (vincendo inoltre il loro primo trofeo con la fase regionale piemontese-valdostana di Coppa Italia Dilettanti[19]) e risalirono subito in D[20].

Tifosi in festa allo stadio d'Albertas il giorno della prima promozione del Gozzano in Serie C.

Seguirono due stagioni in crescendo di risultati: il 2015-2016 vide il Gozzano (sempre guidato da Viganò) chiudere il girone A al sesto posto, piazzamento che venne migliorato nel campionato 2016-2017, ove i cusiani (inizialmente affidati ancora a Viganò, poi esonerato a ottobre in favore di Massimo Gardano[21]) s'attestarono in quarta piazza e infine vinsero i play-off di girone contro il Varese, senza però poi beneficiare del ripescaggio nella serie superiore.

Il trend ebbe il suo culmine nel 2017-2018: la squadra rossoblù, guidata in panchina da Marco Gaburro, s'insediò pressoché stabilmente da capolista del girone A e infine lo vinse, ottenendo la promozione diretta in Serie C[22]. A seguito di ciò venne ripristinata la storica denominazione sociale Associazione Calcio Gozzano.

La prima stagione tra i professionisti, con la squadra passata sotto la guida di Antonio Soda, si è conclusa con una tranquilla salvezza nel girone d'appartenenza, divenuta matematica con tre giornate d'anticipo sulla fine della stagione regolare. Data l'indisponibilità dello stadio Alfredo d'Albertas (oggetto di un cospicuo intervento ristrutturativo), il Gozzano ha inoltre giocato praticamente tutte le proprie gare interne di tale annata e quelle iniziali della successiva allo stadio Silvio Piola di Vercelli.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria dell'Associazione Calcio Gozzano
  • 1921 - Data presunta di fondazione del Club Sportivo Juventus.
  • 1921-22 - Vince il torneo di Terza Categoria del Verbano-Cusio-Ossola.
  • 1922-24 - Attività incerta.
  • 1924 - In data 16 giugno la società si affilia alla FIGC.
  • 1924-37 - Attività incerta: in data indeterminata la società cambia denominazione in Associazione Calcio Gozzano.
  • 1937-38 - 4° nel Girone A di Prima Divisione piemontese.
  • 1938-1939 7º nel girone C della Prima Divisione piemontese.
  • 1939-1940 ? nel girone A della Prima Divisione piemontese.
  • 1940-45 - Attività sospesa durante la seconda guerra mondiale.
  • 1945 - Si riaffilia alla FIGC e si iscrive alla Prima Divisione regionale.
  • 1945-46 - 1° nel girone A di Prima Divisione. Eliminato nelle semifinali a girone.
  • 1946-47 - 2° nel girone ? di Prima Divisione piemontese-valdostana.
  • 1947-48 - 7° nel girone ? di Prima Divisione piemontese-valdostana.
  • 1948-49 - 9° nel girone ? di Prima Divisione piemontese-valdostana.
  • 1949-50 - 11° nel girone ? di Prima Divisione piemontese-valdostana.

  • 1950-51 - 8° nel girone A di Prima Divisione piemontese-valdostana.
  • 1951-52 - 1° nel girone A di Prima Divisione piemontese-valdostana. Promosso in Promozione.
  • 1952-53 - 11° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana. Retrocesso in Prima Divisione per rinuncia spontanea alla categoria.
  • 1953-54 10° nel girone A di Prima Divisione piemontese-valdostana.
  • 1954-55 3° nel girone A di Prima Divisione piemontese-valdostana.
  • 1955-56 4° nel girone A di Prima Divisione piemontese-valdostana.
  • 1956-57 1° nel girone A di Prima Divisione piemontese-valdostana. Promosso nel Campionato Nazionale Dilettanti
  • 1957-58 - 7° nel girone A piemontese-valdostano del CND.
  • 1958-59 - 4° nel girone A piemontese-valdostano del CND. Ammesso alla nuova Prima Categoria.
  • 1959-60 - 9° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.

  • 1960-61 - 10° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1961-62 - 5° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1962 - Rinuncia ad iscriversi alla Prima Categoria e sospende le attività.
  • 1962-67 - Il club rimane inattivo.
  • 1967 - Si riorganizza e riparte dalla Terza Categoria provinciale.
  • 1967-68 1° nel girone ? di Terza Categoria novarese. Promosso in Seconda Categoria.
  • 1968-69 2° nel girone ? di Seconda Categoria piemontese-valdostana.
  • 1969-70 1° nel girone ? di Seconda Categoria piemontese-valdostana. Promosso in Prima Categoria.


  • 1980-81 - 6° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana.
    Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1981-82 - 2° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana a pari merito con la Cossatese. Perde lo spareggio.
    Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1982-83 - 5° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana.
    Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1983 - Parte del settore giovanile si scinde dalla società e si costituisce nel club autonomo Junior Gozzano.
  • 1983-84 - 12° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana.
    Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1984-85 - 15° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana. Retrocesso in Prima Categoria.
    Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1985 - La Junior Gozzano ri-confluisce nell'A.C. Gozzano.
  • 1985-86 - 7° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1986-87 - 4° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1987-88 - 8° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1988-89 - 11° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1989-90 - 4° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.

  • 1990-91 - 8° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1991-92 - 4° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1992-93 - 6° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1993-94 - 3° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana.
  • 1994-95 - 3° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana. Promosso in Promozione per ripescaggio.
  • 1995-96 - 15° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana. Retrocesso in Prima Categoria.
    Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.
  • 1996-97 - 7° nel girone A di Prima Categoria.
  • 1997-98 - 2° nel girone A di Prima Categoria.
  • 1998-99 - 1° nel girone A di Prima Categoria piemontese-valdostana. Promosso in Promozione.
  • 1999-00 - 3° nel girone A di Promozione piemontese-valdostana.
    Fase regionale di Coppa Italia Dilettanti.


Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

Giocatori del Gozzano vestiti nella peculiare maglia rossa con palo blu centrale (1980 circa).

I colori sociali del calcio gozzanese sono storicamente il rosso e il blu. Non è noto il motivo esatto che condusse alla loro scelta[10], ma è possibile ipotizzare una loro correlazione con l'araldica civica comunale: il rosso infatti connota parte dello stemma, mentre il blu domina nel gonfalone. La società si è del resto sempre riconosciuta nello stemma araldico di Gozzano quale elemento rappresentativo.

Tradizionalmente la maglia casalinga presenta un template partito in siffatte tinte[23]: negli anni 1950 è tuttavia segnalato anche l'uso di maglie palate[24], senza scordare altre peculiari soluzioni (tra le quali la maglia rossa con largo palo blu centrale usata verso gli anni 1980 e la maglia blu con maniche e spalle rosse adottata nel 2018-2019)[25].

Le maglie esterne tendono invece a usare soluzioni monocrome in bianco (con finiture nei colori sociali)[26] o blu navy (con dettagli bianco-rossi che richiamano i colori del civico stemma araldico)[27]; attorno al 1980 è però anche segnalato l'uso di divise giallo-blu, mentre nel 2019-2020 si è optato per il nero[28].

Le cosiddette terze divise (laddove ne è stato previsto l'utilizzo) risultano essere perlopiù costituite da completi verdi, tinta connotante il marchio della FAR Rubinetterie, sponsor sociale dal 1985[29][30].

Nella stagione 1985-1986, desiderando richiamare più direttamente l'aspetto dello stemma municipale, i colori sociali vennero mutati in bianco e rosso: la scelta fu tuttavia effimera e riscosse scarso successo tra i tifosi, sicché nel 1995 si optò per il ripristino del canonico rossoblù[31].

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Evoluzione simbologica
Riproduzione dello stemma municipale di Gozzano così com'era ricamato sul petto delle primissime casacche della squadra
Antico logo sociale
Gagliardetto sociale del 1979
Logo adottato dal 1985 al 1989 circa
Gagliardetto sociale tra gli anni 1990 e i primi del terzo millennio
Logo adottato dal 2006 al 2018
Logo in uso nell'estate 2018
Logo adottato da settembre 2018

Nei primi anni d'esistenza del club i giocatori portavano ricamato sul petto delle loro casacche il solo stemma comunale gozzanese (troncato di rosso e d'argento, con ornamenti esteriori di comune) declinato in forma d'ancile e privo di particolari orpelli esteriori.

Il più antico simbolo adottato specificamente dal club di cui sia nota l'esistenza consiste in un pallone da calcio, circondato dalla ragione sociale (scritta per esteso a lettere stampatelle auree) su fondo partito di rosso e blu.

In occasione dell'esordio in Serie D nel 1979 venne adottato un gagliardetto triangolare partito nelle tinte sociali predette, recante in posizione centrale il disegno di un pallone da calcio e la ragione sociale (in forma abbreviata) inscritta superiormente[32].

Nel 1985, in concomitanza col temporaneo passaggio ai colori bianco-rossi, lo stemma venne graficamente declinato in uno scudo francese antico partito nei due nuovi colori sociali, recante al centro lo stemma comunale di Gozzano come regolamentato nel 1930 (completo degli ornamenti esteriori d'ordinanza); la denominazione sociale si colloca sempre in capo, a lettere stampatelle auree, mentre in basso appare l'anno di fondazione[33].

Allorché la società fece "marcia indietro" sull'uso del bianco si passò brevemente a utilizzare un gagliardetto triangolare partito di rosso e blu, recante in posizione centrale lo stemma municipale inscritto in un cerchio bianco; vennero preservati in capo la ragione sociale, a caratteri stampatelli aurei, e nella cuspide l'anno di fondazione, egualmente in cifre dorate[34].

La forma a scudetto è stata poi recuperata attorno al 2006, allorché lo stemma comunale è stato nuovamente liberato dal cerchio di contenimento e le parti testuali sono state virate in bianco[35][36].

Altri simboli[modifica | modifica wikitesto]

Gruppo di giocatori del Gozzano fotografati attorno al 1956: il primo a sinistra tiene in braccio un fascio di malgàscia.

Un ulteriore elemento iconicamente legato a Gozzano (e quindi al club) è la pianta essiccata del granoturco, che nella variante cusiana del dialetto novarese è denominata malgàscia.

Fino ai primi del XX secolo tale cereale venne diffusamente coltivato nel territorio cusiano e costituì una fondamentale fonte di sostentamento (non solo alimentare) per la popolazione; tuttavia, data la poca fertilità della conca di Gozzano (caratterizzata da terreni sassosi e poco esposti al sole), nei comuni circostanti nacque la diceria che i gozzanesi fossero "miseri come la pianta secca del mais" (ossia un rifiuto di nessuna utilità, essendo stato svuotato dei chicchi). Pertanto fu loro attribuito il soprannome di malgascìtt o malgascìn (ben presto esteso, di riflesso, anche ai giocatori rossoblù).

Una volta venuta meno la sua importanza economica e superate le sfumature dispregiative, la malgàscia è così divenuta un elemento qualificante e identitario per il folklore e la cultura locale[37][38].

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Alfredo d'Albertas, Stadio Silvio Piola (Vercelli) e Stadio Silvio Piola (Novara).

Il primo campo sportivo del Gozzano venne ricavato a nord del centro abitato, sulla strada provinciale 229 che conduce a Orta San Giulio.

Successivamente le attività vennero trasferite su un terreno messo a disposizione dalla multinazionale tessile Ortalion-Bemberg nelle pertinenze del proprio locale stabilimento[10]; l'espansione del sito produttivo obbligò però presto i rossoblù a un nuovo trasloco, dapprima presso il campo sportivo dell'oratorio parrocchiale (nel cuore del centro storico)[39] e infine al campo sportivo comunale eretto ex novo nella località periferica di Monterosso.

A seguito di una progressiva implementazione, quest'ultimo campo da gioco (sorto nei pressi della chiesa della Madonna di Luzzara) divenne un vero e proprio stadio, al quale dal 21 maggio 1994 è associata la memoria del marchese Alfredo d'Albertas (1916-1992), longevo e munifico mecenate del club rossoblù.

Nel 2018, allorché il Gozzano ha ottenuto per la prima volta il "pass" per il professionismo, l’impianto di gioco ha dovuto essere potenziato: fino ad allora infatti, avendo ospitato solo competizioni dilettantistiche, gli spalti consistevano di una tribuna stabile coperta sul lato occidentale del campo e una piccola gradinata metallica sul lato orientale, capaci in combinato di accogliere al massimo circa 400 spettatori[40][41]. Le strutture esistenti sono state pertanto migliorate e integrate dalla costruzione di nuovi spalti per un totale di circa 1500 posti.

Onde consentire l'esecuzione dei lavori di ampliamento e miglioramento infrastrutturale, i rossoblù (fatte alcune valutazioni[42]) hanno disputato praticamente tutte le gare interne della stagione 2018-2019 sul terreno neutro dello stadio Silvio Piola di Vercelli, storico impianto da 5500 posti omologato anche per la Serie B[43]. Un ritardo nella concessione del permesso di trasferimento tuttavia ha obbligato a giocare la sola gara inaugurale del suddetto campionato all'ancor più grande stadio di Novara, a sua volta intitolato a Silvio Piola[44].

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

La prima squadra svolge normalmente la propria preparazione presso il summenzionato stadio d'Albertas e nel contiguo campo regolamentare in erba sintetica FAR Camp, costruito a nord dello stadio "propriamente detto"[45]. Nelle pertinenze sorge altresì una foresteria atta a fornire vitto e alloggio a parte dei tesserati e una palestra attrezzata[46].

Allorquando lo stadio è risultato inutilizzabile (segnatamente ai primi del 2019, per via dell'adeguamento dello stesso ai criteri della categoria di militanza dei rossoblù), si sono adottati come sedi di preparazione il campo sportivo di Romagnano Sesia[47] e il campo Santa Cristinetta di Borgomanero[48].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

In carica al 25 settembre 2019[49][30][50]:

Logo AC Gozzano (settembre 2018).png
Staff dell'area amministrativa
  • Italia Marilena Fornara Allesina - presidente onorario
  • Italia Fabrizio Leonardi - presidente e membro CDA
  • Italia Bruno Bacchetta - vicepresidente e membro CDA
  • Italia Mauro Lesina - direttore generale
  • Italia Alex Casella - direttore sportivo
  • Italia Loris Bolzoni - segretario generale
  • Italia Sergio Zanetta - segretario amministrativo
  • Italia Francesco Musumeci - responsabile area tecnica
  • Italia Manuel Tommaso Lunardon - responsabile settore giovanile
  • Italia Stefano Rea - responsabile marketing
  • Italia Anita Zanetta - responsabile comunicazione
  • Italia Cristian Peretti - rapporti con la tifoseria
  • Italia Sergio Bracchi - responsabile impianti e membro CDA[51]
  • Italia Mario Bitonti - capo scouting
  • Italia Cristina Allesina - membro CDA
  • Italia Floriana Anchisi - membro CDA
  • Italia Ardo Caligiuri - membro CDA

[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la cronologia dei fornitori tecnici e degli sponsor ufficiali del Gozzano.

Logo AC Gozzano (settembre 2018).png
Cronologia degli sponsor tecnici
Logo AC Gozzano (settembre 2018).png
Cronologia degli sponsor ufficiali

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

I fratelli Francesco e Pietro Dalio, tra i più fortunati "prodotti" del vivaio gozzanese.

Il settore giovanile del Gozzano gestisce nella stagione 2018-2019 undici squadre a carattere agonistico e non: due selezioni Primi Calci (dedicata alle attività di base per bambini delle annate 2011 e 2010), due formazioni Pulcini (annate 2009 e 2008), due di Esordienti (annate 2007 e 2006) e inoltre under-14, under-15, under-16, under-17 e Berretti[50]. Le attività a carattere non agonistico aperte anche a non tesserati sono invece affidate dal 2019 all'associazione Gozzano Academy[28].

Il 3 luglio 2018 il Gozzano ha stretto un accordo di collaborazione con l'Associazione Sportiva Dilettantistica 1924 Suno F.C.D. (società limitrofa di solo vivaio, affiliata all'Inter) al fine di ampliare il bacino dal quale attingere nuovi giocatori da inserire nella trafila della cantera gozzanese[56]: a decorrere da tale patto, le squadre del Suno militanti in campionati a carattere nazionale adottano i simboli e i colori del Gozzano[57]. Accordi analoghi sono stati siglati nel 2017 l'Associazione Sportiva Dilettantistica Gargallo per la gestione delle attività di base[58] e nel 2019 con l'Associazione Sportiva Dilettantistica Pernatese[59], l'Associazione Sportiva Dilettantistica Libertas Vaprio[60] e l'Unione Sportiva Dilettantistica Pietra di Castello[61].

Tra il 2013 e il 2015 le giovanili rossoblù sono state inserite tra i centri di formazione del Parma[62].

Sedi del settore giovanile sono pertanto il già citato stadio d'Albertas (in particolare il campo sintetico FAR Camp)[63], il centro sportivo di viale Voli a Suno[64][65], il campo sportivo di Gargallo[66], il campo sportivo comunale di Romagnano Sesia[47] e il campo Santa Cristinetta di Borgomanero[48].

Nelle file delle giovanili del Gozzano, nel corso dei decenni, si sono formati giocatori d'alto livello quali Pietro Dalio, Ermanno Tarabbia e Diego Zanetti[67]. Per quanto concerne le squadre, i migliori risultati sono stati raccolti negli anni 2010: nell'annata 2017-2018 la selezione Juniores si è qualificata per la prima volta alla fase nazionale del relativo campionato[68].

Settore femminile[modifica | modifica wikitesto]

Dal 2019, in ottemperanza alle normative federali italiane, che richiedono alle società professionistiche di investire sulla formazione di una propria sezione femminile, il Gozzano ha avviato la leva di due squadre "rosa" (under-12 e under-15), puntando ad avere un settore giovanile completo entro tre anni[69].

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori dell'A.C. Gozzano

Di seguito la cronologia di allenatori e presidenti del Gozzano[10][9].

Logo AC Gozzano (settembre 2018).png
Allenatori
  • fino al 1945 ...
  • 1945-1946 Italia Piero Lovera
  • 1946-1951 ...
  • 1951-1952 Italia Pietro Ruga
  • 1952-1953 ...
  • 1953-1954 Italia Carlo Martinetti
  • 1954-1956 ...
  • 1956-1957 Italia Pietro Ruga
  • 1957-1962 ...
  • 1962-1967 nessuno (club inattivo)
  • 1967-1969 Italia Gianni Alliata
  • 1969-1970 Italia Ermanno Tarabbia
  • 1970-1971 ...
  • 1971-1972 Italia Alessandro Cardoletti
  • 1972-1973 Italia Alessandro Cardoletti, poi Italia Diego Zanetti
  • 1973-1974 Italia Diego Zanetti
  • 1974-1975 Italia Giancarlo Bessi
  • 1975-1976 Italia Franco Giraudo
  • 1976-1977 Italia Luciano Alfieri, poi Italia Renato Cocconi
  • 1977-1979 Italia Annibale Mastrini
  • 1979-1980 Italia Annibale Mastrini, poi Italia Mario Tortul, poi Italia Aldino Ruga
  • 1980-1982 Italia Annibale Mastrini
  • 1982-1985 Italia Aldino Ruga
  • 1985-1987 Italia Annibale Mastrini
  • 1987-1989 Italia Mauro Colla
  • 1989-1990 Italia Pier Giorgio Longhi
  • 1990-1991 Italia Pier Giorgio Longhi, poi Italia Aldino Ruga
  • 1991-1992 Italia Mario Guidetti
  • 1992-1993 Italia Bruno Mariani, poi Italia Annibale Mastrini
  • 1993-1995 Italia Annibale Mastrini
  • 1995-1996 Italia Annibale Mastrini, poi Italia Pier Giorgio Longhi
  • 1995-1996 Italia Pier Giorgio Longhi, poi Italia Giovanni Reali
  • 1996-1997 Italia Giovanni Reali
  • 1997-1998 Italia Gianpiero Forzani, poi Italia Pier Giorgio Longhi
  • 1998-2000 Italia Umberto Baer
  • 2000-2001 Italia Alessandro Antonelli
  • 2001-2002 Italia Umberto Baer
  • 2002-2003 Italia Paolo Ottina, poi Italia Paolo Rosa
  • 2003-2006 Italia Paolo Rosa
  • 2006-2007 Italia Roberto Bonan
  • 2007-2008 Italia Roberto Bonan, poi Italia Paolo Rosa
  • 2008-2009 Italia Paolo Rosa
  • 2009-2011 Italia Mauro Lesina
  • 2011-2012 Italia Mauro Lesina, poi Italia Roberto Bacchin
  • 2012-2013 Italia Enrico Bortolas, poi Italia Salvatore Mango
  • 2013-2014 Italia Marco Falsettini, poi Italia Salvatore Mango, poi Italia Walter Viganò
  • 2014-2016 Italia Walter Viganò
  • 2016-2017 Italia Walter Viganò, poi Italia Massimo Gardano
  • 2017-2018 Italia Marco Gaburro
  • 2018-2019 Italia Antonio Soda
  • 2019- Italia David Sassarini
Logo AC Gozzano (settembre 2018).png
Presidenti
  • fino al 1921 ...
  • 1921-? Italia Ugo Grigolato
  •  ?-1945 ...
  • 1945-1946 Italia Vittorio Ranzini
  • 1946-1948 Italia Franco Gioira
  • 1948-1962 Italia Alfredo d’Albertas
  • 1962-1967 nessuno (club inattivo)
  • 1967-1979 Italia Alfredo d’Albertas
  • 1979-1980 Italia Gian Luigi Floriani
  • 1980-1981 Italia Franco Caleffi, Italia Piero Sassi (reggenti)
  • 1981-1985 Italia Alfredo d’Albertas
  • 1985-1987 Italia Giuseppe Paracchini
  • 1987-1989 Italia Paolo Boraso
  • 1989-1991 Italia Rocco Pomodoro
  • 1991-2012 Italia Adriano Cerutti
  • 2012- Italia Fabrizio Leonardi

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori dell'A.C. Gozzano

Capitani[modifica | modifica wikitesto]

  • non conosciuta ... (fino al 1921)
  • Italia Antonio Ruga[9] (1921-1922)
  • non conosciuta ... (1922-1975)
  • Italia Renato Antonioli[70] (1975-1976)
  • non conosciuta ... (1976-1978)
  • Italia Marco Giromini[71] (1978-1979)
  • Italia Valerio Pivanti[10] (1979-1982)
  • non conosciuta ... (1982-2004)
  • Italia Alex Casella[53][72] (2004-2014)
  • Italia Manuel Tommaso Lunardon[73] (2014-2018)
  • Italia Samuele Emiliano[74] (2018-)

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni interregionali[modifica | modifica wikitesto]

2017-2018 (girone A)

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

2010-2011 (girone A), 2014-2015 (girone A)
  • Promozione Piemonte-Valle d'Aosta: 2
1978-1979 (girone A), 2003-2004 (girone A)
2014-2015
  • Prima Divisione Piemonte-Valle d'Aosta: 3
1945-1946 (girone A), 1951-1952 (girone A), 1956-1957 (girone A)
  • Prima Categoria Piemonte-Valle d'Aosta: 1
1998-1999 (girone A)
  • Seconda Categoria Piemonte-Valle d'Aosta: 1
1969-1970 (girone A)

Competizioni provinciali[modifica | modifica wikitesto]

1967-1968

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Terzo posto: 2008-2009 (girone A), 2009-2010 (girone A)
Terzo posto: 1999-2000 (girone A)
Semifinalista: 2017-2018
Semifinalista: 2013-2014
Gironi: 2014-2015

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Benemerenza della Lega Nazionale Dilettanti - nastrino per uniforme ordinaria Benemerenza della Lega Nazionale Dilettanti
«Per i 75 anni di attività»
— Roma, 25 marzo 1999[75]

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Campionati su base nazionale e interregionale
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Serie C 2 2018-2019 2019-2020 2
Serie D 3 2015-2016 2017-2018 7
4 1979-1980 2013-2014
Campionati su base regionale
Livello Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Prima Divisione 1937-1938 1951-1952 [76]
Eccellenza 1 2014-2015 17
Promozione 11 1952-1953 1977-1978
Campionato Dilettanti 2 1957-1958 1958-1959
Prima Categoria 3 1959-1960 1961-1962
Eccellenza 7 2004-2005 2010-2011 18
Prima Divisione 4 1953-1954 1956-1957
Prima Categoria 1 1970-1971
Promozione 6 1978-1979 1984-1985
Seconda Categoria 2 1968-1969 1969-1970 14
Prima Categoria 6 1985-1986 1990-1991
Promozione 6 1995-1996 2003-2004
Terza Categoria 1 1967-1968 5
Prima Categoria 4 1991-1992 1998-1999

Partecipazione alle coppe[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Coppa Italia Serie C 2 2018-2019 2019-2020 2
Coppa Italia Serie D 6 2011-2012 2017-2018 6
Poule scudetto Serie D 1 2017-2018 1
Coppa Italia Dilettanti[77] 1 2014-2015 1

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito i principali record del Gozzano al 9 luglio 2018[76]:

  • Vittoria più larga:
Gozzano-Verbania 11-1 (2014-2015)
  • Vittoria più larga in trasferta:
Bra-Gozzano 0-5 (2017-2018)
  • Sconfitta più larga:
Cuoiopelli-Gozzano 5-0 (1979-1980)
  • Sconfitta più larga in casa:
Gozzano-Torretta Santa Caterina 1-4 (1979-1980)

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Primatiste di presenze in gare ufficiali è il difensore Alessandro "Alex" Casella, che tra il 2004 e il 2014 ha vestito la maglia rossoblù in oltre 300 occasioni; ritiratosi dall'attività agonistica, è diventato direttore sportivo del Gozzano (salvo una parentesi al Carpi nei primi mesi del 2019)[72].

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Associazione Calcio Gozzano 2019-2020.

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 19 settembre 2019[78][79][80]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Vittorio Gilli
2 Italia D Mattia Tumminelli
3 Italia D Maximiliano Uggè
4 Italia D Nicolò Tordini
5 Italia C Roberto Guitto
6 Italia D Samuele Emiliano (capitano)
7 Italia C Fabio Concas
8 Svezia A Adin Bukva
9 Italia A Demiro Pozzebon
10 Argentina C Martín Rolle
11 Brasile A Paulo Vitor Barreto
14 Italia C Alessio Salvestroni
15 Italia C Alessandro Mutti
17 Italia A Giovanni Bruzzaniti
19 Italia D Matteo Rabuffi
20 Italia C Nicolò Palazzolo
N. Ruolo Giocatore
21 Italia C Riccardo Gemelli
22 Italia P Gianmarco Crespi
23 Italia C Riccardo Vono
24 Italia D Francesco Rizzo
25 Italia D Matteo Di Giovanni
27 Italia A Giacomo Tomaselli
28 Italia C Marco Spina
29 Italia A Giulio Fasolo
30 Italia C Riccardo Secondo
31 Italia P Gianmarco Fiory
32 Italia D Raul Zucchetti
33 Italia P Nicola Tintori
34 Germania D Max Rico Barnofsky
Italia C Niccolò Corioni
Italia A Francesco Fedato

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Al 13 luglio 2019 lo staff tecnico a servizio della prima squadra è così composto[81][82]:

Logo AC Gozzano (settembre 2018).png
Staff dell'area tecnica
Area tecnica
  • Italia David Sassarini - Allenatore
  • Italia Emiliano Rossini - Allenatore in seconda
  • Italia Renzo Sottile - Preparatore dei portieri
  • Italia Costantino Iannacone - Preparatore atletico
  • Italia Gianpaolo Ermolli - Match analyst
Area sanitaria
  • Italia Chiara Airoldi - Medico sociale
  • Italia Carlo Covellone - Massaggiatore
Altri
  • Italia Manuel Tommaso Lunardon - Team manager
  • Italia Mario Cerutti - Magazziniere
  • Italia Sergio Taglieri - Magazziniere

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Tifosi del Gozzano durante una gara interna.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le caratteristiche del pubblico al seguito del Gozzano sono strettamente legate alla natura del club.

La quasi secolare permanenza nelle divisioni dilettantistiche (perlopiù a carattere regionale), l'appartenenza a un comune di popolazione ampiamente inferiore alle 10 000 unità e la vicinanza geografica ad altre realtà calcistiche dalla ricca tradizione sportiva (su tutte il Novara) hanno fatto sì che il seguito di tifosi dei rossoblù sia sempre stato numericamente contenuto[83][84], in adeguata proporzione alle caratteristiche dello stadio casalingo: l'afflusso di pubblico alle gare interne ha generalmente raggiunto il migliaio di unità solo in occasione di gare particolarmente prestigiose (per la posta in palio oppure per la presenza di avversari di tradizione superiore, con conseguente soverchiamento del tifo locale da parte di quello ospite)[85][41]. Per quanto concerne le trasferte, buoni contingenti di pubblico si registrano sulle corte distanze[86], mentre in quelle più lontane essi calano al di sotto dell'ordine delle decine[87].

Sebbene in determinate circostanze (soprattutto dagli anni 2010 e in coincidenza con le maggiori fortune sportive rossoblù) alcuni tifosi tendano a presenziare alle partite del Gozzano esponendo striscioni (recanti sigle quali Briganti[88], Armata Rossoblù o Ultras Gozzano) e adottando comportamenti tipici della cultura ultras[89], la ristrettezza e l'estemporaneità di tali manifestazioni non consente di affermare l'esistenza di un vero e proprio movimento di tifoseria organizzata[41]. Tra gli anni 1970 e 1980 era invece segnalata l'esistenza di almeno due associazioni di tifosi a carattere moderato, il Club fedelissimi rossoblù[71] e gli Aficionados[90].

Gemellaggi e rivalità[modifica | modifica wikitesto]

A dispetto delle caratteristiche sopra esposte, alla tifoseria del Gozzano è comunque associabile una piccola rete di amicizie e inimicizie campanilistiche.

Per quanto concerne i buoni rapporti, dal 2012 è segnalato un legame coi collettivi al seguito del Verbania[91]. Nel 2018-2019 si è inoltre creato un buon rapporto con la tifoseria della Pro Vercelli, corroborato dal fatto che il Gozzano ha giocato gran parte delle gare casalinghe della sua prima stagione professionistica nello stadio di tale città[92].

Quanto alle rivalità, spicca nell'insieme quella contro il Borgosesia, che dà origine al cosiddetto derby della Cremosina[93]: più volte le due squadre si sono infatti incrociate nei campionati dilettantistici e hanno gareggiato per obiettivi analoghi. Tra tutte le partite disputate resta particolarmente nota quella del 17 giugno 1979 allo stadio della Liberazione di Omegna, ove dinnanzi a circa 4500 spettatori (un pubblico ragguardevole in rapporto al bacino d'utenza delle due squadre coinvolte) i cusiani sconfissero i sesiani e ottennero la loro prima promozione in Serie D[4].

Le fonti tendono inoltre ad attribuire la qualifica di derby anche ad altre partite che vedono il Gozzano affrontare squadre corregionali: si parla quindi di derby del Cusio o derby del lago d'Orta contro l'Omegna[94][95] e di derby dell'Altonovarese o derby dell’Agogna contro il Borgomanero[96].

In alcuni casi l'acrimonia tra tifoserie è sfociata in episodi di tafferugli a margine delle partite[97], talora finanche a cospetto dei rispettivi settori giovanili[98].

Ulteriori rivalità sono segnalate nei confronti di Cossatese (squadra che nel 1982 negò ai cusiani la seconda promozione in quarta serie) e Marano Ticino[99].

Nel 2018 la locuzione derby dell’Agogna ha iniziato a essere usata anche per designare le partite contro il Novara, maggior squadra della provincia d'appartenenza: non è però possibile parlare, in questo caso, di rivalità, ché le due squadre non si erano mai prima d'allora affrontate in un contesto ufficiale[100].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Supermarket Gozzano, tutta la B guarda alla rosa rossoblu - novara.iamcalcio.it, 7 gen 2019
  2. ^ Gozzano Carrarese 1-1: i cusiani fermano la capolista - novaratoday.it, 13 dic 2018
  3. ^ Per approfondire vedasi il paragrafo "Altri simboli"
  4. ^ a b Stracittadina di Provincia: il Derby della Cremosina - iogiocopulito.it, 10 set 2017
  5. ^ F. Ruga, Tacuin da Guzön Düimilacuindas.
  6. ^ C'era una volta Archiviato l'11 aprile 2018 in Internet Archive. - webalice.it/tradanui
  7. ^ Cfr. partita IVA 00934540030 su Agenzia delle Entrate
  8. ^ a b c Speciale Gozzano 90 - 1924-2014 (parte 1 di 4) - Radio Calcio Dilettanti, 20 nov 2014
  9. ^ a b c d Contrada Mazzetti 2015 - contradamazzetti.it
  10. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s La nostra storia - gozzanocalcio.it (archiviato su archive.org il 7 set 2013)
  11. ^ Gozzano, la storia - gozzanoturismoeventi.blogspot.it
  12. ^ Allesina di Far: “Qualità e rapporto con il cliente. Così si batte la crisi” - buongiornonovara.com, 29 apr 2015
  13. ^ a b La prima C del Gozzano - Tuttosport, 31 mag 2018
  14. ^ Calcio, il ritorno di Salvatore Mango: è lui il nuovo allenatore del Gozzano, in serie D - genova24.it, 17 ott 2012
  15. ^ Calcio, si separano le strade di Salvatore Mango ed il Gozzano - La Stampa, 10 mag 2013
  16. ^ Calcio, sorpresa Gozzano: esonerato Falsettini, torna Mango in panchina - La Stampa, 17 ott 2013
  17. ^ Gozzano: Walter Viganò è il nuovo allenatore - professionecalcio.net, 4 feb 2014
  18. ^ Playoff e playout del calcio. Salvo MapelloBonate, AlzanoCene ko - Eco di Bergamo, 19 mag 2014
  19. ^ Finale Coppa Italia: Gozzano - Orizzonti United 4/1/2015 - youtube @vcoazzurratv, 4 gen 2015
  20. ^ Gozzano Calcio: si ritorna in serie D - novaratoday.it, 8 mar 2015
  21. ^ Serie D - Rivoluzione Gozzano: ecco Gardano - Tuttosport, 3 ott 2016
  22. ^ Gozzano per la prima volta in serie C: al fischio finale esplode la festa - La Stampa, 6 mag 2018
  23. ^ Serie D - Piacenza a Gozzano per continuare a correre - sportpiacenza.it, 25 ott 2013
  24. ^ Gagliardetto AC Gozzano maggio 1952 (JPG), su picclickimg.com. URL consultato il 24 gennaio 2019 (archiviato il 24 gennaio 2019).
  25. ^ Arzachena-Gozzano: le foto - acgozzanocalcio.it, 2 gen 2019
  26. ^ Vincono i rimpianti nel big match tra Como e Gozzano - novara.iamcalcio.it, 16 apr 2018
  27. ^ Calcio serie D: Bra-Gozzano 0-5 - La Stampa, 18 mar 2018
  28. ^ a b Il Gozzano calcio si è presentato alla città: "Ambiente carico e bellissimo" - tuttonovara.it, 2 ago 2019
  29. ^ Varese spuntato, al Gozzano basta Gulin. Finisce 1-0 - varesesport.com, 18 ott 2017
  30. ^ a b Il Presidente Leonardi alla presentazione delle maglie AC Gozzano 2019-2020 - novara.iamcalcio.it, 28 mar 2019
  31. ^ Storia - acgozzanocalcio.it
  32. ^ Immagine dello stemma sociale nella versione del 1979 (JPG), su i.ebayimg.com. URL consultato il 21 maggio 2018 (archiviato il 21 maggio 2018).
  33. ^ Immagine dello stemma sociale nella versione del 1985 (JPG), su picclickimg.com. URL consultato il 3 giugno 2018 (archiviato il 3 giugno 2018).
  34. ^ Immagine del primo stemma sociale (JPG), su i.ebayimg.com. URL consultato il 21 maggio 2018 (archiviato il 21 maggio 2018).
  35. ^ Immagine contenente lo stemma sociale in uso nella stagione 2016-2017 (JPG), su i.ebayimg.com. URL consultato il 21 maggio 2018 (archiviato il 21 maggio 2018).
  36. ^ Stemma sociale nella stagione 2015-2016 - argentinaarma.it
  37. ^ Citato in: AA.VV., Gaudianum, Guzon, Gozzano, Gozzano, Gaudianum Events, 2015
  38. ^ Anna Tinivella recita “W la Sposa” al Teatro Rosmini di Borgomanero - vcoazzurratv.it, 18 gen 2017
  39. ^ Gozzano: storie di Paese, Storie di Sport - iogiocopulito.it, 29 gen 2019
  40. ^ Gozzano, sconfitto e felice: una Serie C sofferta fino all'ultimo - novara.iamcalcio.it, 7 mag 2018
  41. ^ a b c Gozzano-Varese, le strade e la volontà - sportpeople.net, 15 mag 2017
  42. ^ Gozzano: presentato Soda. Il patron Alesina: "La C per i tifosi". Foto - vco24sport.it, 3 lug 2018
  43. ^ Gozzano al Piola. Ma di Vercelli! - vcoazzurratv.it, 25 lug 2018
  44. ^ Gozzano, con l'Entella al Piola di Novara - tuttonovara.it, 14 set 2018
  45. ^ Gozzano, raduno oggi al d’Albertas - La Stampa, 27 lug 2017
  46. ^ GOZZANO CALCIO: LA FAVOLA ITALIANA PROMOSSA, PER LA PRIMA VOLTA, IN LEGA PRO - ilbellodellosport.it, 9 mag 2018
  47. ^ a b GOZZANO-INTER (BERRETTI)- Cambia il luogo del match - giovanilinazionali.it, 15 feb 2019
  48. ^ a b Lavori allo stadio Il Gozzano si allena a Santa Cristinetta - La Stampa Novara, 5 mar 2019
  49. ^ Organigramma - acgozzano.it
  50. ^ a b Settore giovanile - acgozzanocalcio.it
  51. ^ L'euforia è di casa per i miracoli del Gozzano - Tuttosport, 7 feb 2019
  52. ^ il capitano del Gozzano Alex Casella - facebook.com/gozzanocalcio, 3 gen 2010
  53. ^ a b Sintesi della partita e interviste - facebook.com/gozzanocalcio, 23 mar 2011
  54. ^ 18 agosto 2011 a Galliate - facebook.com/gozzanocalcio, 19 ago 2011
  55. ^ Gozzano, ufficiale l'accordo con lo sponsor tecnico Macron - tuttoc.com, 7 lug 2019
  56. ^ SEMPRE PIU' FORTI - facebook.com/Sunofcd, 3 lug 2018
  57. ^ Gozzano-Suno, nuova strategia per il calcio giovanile - novara.iamcalcio.it, 4 lug 2018
  58. ^ Il Gozzano sogna la C - Tuttosport, 12 apr 2019
  59. ^ Affiliazione A.C. Gozzano - A.S.D. Pernatese - acgozzanocalcio.it, 15 lug 2019
  60. ^ Affiliazione Gozzano-Libertas Vaprio - facebook.com/gozzanocalcio, 26 lug 2019
  61. ^ Affiliazione A.C.Gozzano-U.S.D.Pietra di Castello - acgozzano.it, 11 set 2019
  62. ^ Presentato accordo Gozzano-Parma - gozzanocalcio.it, 31 mag 2013 (archiviato su archive.org il 3 giu 2013)
  63. ^ Juniores a Gozzano per sognare lo scudettino - informazioneonline.it, 13 mag 2018
  64. ^ Inter, Gozzano e Suno!!!! Il nuovo grande polo calcistico!!!! - facebook.com/Sunofcd, 3 lug 2018
  65. ^ Settore giovanile: gli appuntamenti del weekend - acgozzanocalcio.it, 30 nov 2018
  66. ^ Rinascita Gargallo “Vogliamo investire sui talenti del vivaio” - La Stampa Novara, 16 giu 2019
  67. ^ ll Gozzano al via del campionato - La Stampa Novara, 16 set 1989
  68. ^ Juniores nazionale - Decide Noce, Gozzano alla fase finale. Borgaro fuori a testa alta - 11giovani.it, 6 mag 2018
  69. ^ Una sfumatura di rosa tra i rossoblu! - acgozzano.it, 12 set 2019
  70. ^ II campione a Gozzano è iI capitano-tipografo - La Stampa Novara, 29 nov 1975
  71. ^ a b Festa per il Gozzano in D - La Stampa Novara, 25 giu 1979
  72. ^ a b Alex Casella: Un Direttore a 360° - ncfootballcoaching.wordpress.com, 2 mag 2017
  73. ^ È il capitano... - facebook.com/gozzanocalcio, 18 giu 2017
  74. ^ Distinta allenamento congiunto Verbania-Gozzano - AC Gozzano, 19 ago 2018
  75. ^ Premio di benemerenza a Gozzano e Sunese - La Stampa, 25 mar 1999
  76. ^ a b Cifre approssimate per dati storici incompleti
  77. ^ Si computano solo gli accessi alla fase nazionale
  78. ^ Sorpresa Gozzano: c’è l’ex serie A Barreto - novaranetweek.it, 15 lug 2019
  79. ^ I numeri di maglia per la stagione 2019-2020 - acgozzano.it, 25 ago 2019
  80. ^ I numeri di maglia di Uggè e Fiory - acgozzano.it, 5 set 2019
  81. ^ A.C. Gozzano ufficializza lo Staff Tecnico della Prima Squadra - facebook.com/gozzanocalcio, 13 lug 2019
  82. ^ Gozzano, ecco la rosa ufficiale per la C - novara.iamcalcio.it, 6 set 2018
  83. ^ Per i trentadue giocatori del Gozzano pochi gli spettatori ma molto esigenti - La Stampa Novara, 31 ago 1974
  84. ^ Qui Gozzano: una squadra che costa poco ma che rende tanto - ilpisasiamonoi.it, 16 feb 2019
  85. ^ Sconfitta amara per il Varese calcio sul campo del Gozzano - La Provincia di Varese, 23 apr 2017
  86. ^ Derby Novara-Gozzano, presenti oltre 250 tifosi ospiti - tuttoc.com, 25 nov 2018
  87. ^ Olbia umiliata e offesa dal Gozzano: i tifosi contestano squadra e mister - Videolina, 12 nov 2018
  88. ^ Un occhio sulla C: Gozzano e i suoi Briganti - metropolitanmagazine.it, 22 ott 2018
  89. ^ Ultras Gozzano invocano lo stadio nuovo - youtube.com, 25 gen 2019
  90. ^ Nasce il club «Aficionados». Aiuterà la matricola Gozzano - La Stampa Novara, 25 ago 1979
  91. ^ Questo quanto hanno scritto su di noi gli Ultras Verbania... - facebook.com/gozzanocalcio, 28 ott 2012
  92. ^ Il Gozzano non punge, alla Pro Vercelli basta un gol per aggiudicarsi il derby piemontese - La Stampa, 30 mar 2019
  93. ^ Il “derby della Cremosina” non delude: 5 gol tra Borgosesia e Gozzano, ma passano i novaresi - La Stampa Vercelli, 7 gen 2018
  94. ^ Derby del Cusio: l’Omegna perde con il Gozzano - La Stampa Verbania, 29 set 2014
  95. ^ Omegna-Gozzano, derby del Lago d'Orta - La Stampa Novara, 4 ott 1979
  96. ^ I tristi 90 anni dell’ASDC Gozzano - tuttodilettanti.altervista.org, 10 apr 2014
  97. ^ Borgosesia, fermento quando arriva il Gozzano - La Stampa Novara, 8 mar 1981
  98. ^ Calcio violento: le risse rovinano il derby tra Gozzano e Borgomanero - sportpeople.net, 21 nov 2013
  99. ^ Foto di uno striscione esibito dai tifosi gozzanesi durante il campionato 2010-2011, su facebook.com. URL consultato il 5 aprile 2019 (archiviato il 5 aprile 2019).
  100. ^ Il derby finisce 0-0: Novara esce tra i fischi. Il Gozzano festeggia un punto storico - La Stampa, 25 nov 2018

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Ruga (a cura di), Tacuin da Guzön Düimilacuindas, Gozzano, Comune e Biblioteca Pubblica di Gozzano, 2014.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]