Terza Divisione 1930-1931

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Terza Divisione 1930-1931
Competizione Terza Divisione
Sport Football pictogram.svg Calcio
Edizione
Organizzatore Direttori Regionali
Luogo Italia Italia
Risultati
Promozioni Secondo il "Regolamento Campionati" approvato.
Retrocessioni nessuna
Cronologia della competizione
Left arrow.svg 1929-1930 1931-1932 Right arrow.svg

La Terza Divisione 1930-1931 è stato il V ed ultimo livello del XXXI campionato italiano di calcio, il secondo a carattere regionale.

La gestione di questo campionato era affidata ai Direttori Regionali, che li organizzavano autonomamente, con la possibilità di ripartire le squadre su più gironi tenendo in alta considerazione le distanze chilometriche, le strade di principale comunicazione e i mezzi di trasporto dell'epoca.
Ai fini della mancata partecipazione a gare ufficiali (rinuncia rilevata sul campo dall'arbitro) le società partecipanti al campionato in caso di mancata o ritardata partecipazione erano giustificate solo se avessero portato una giustificazione scritta fatta dal capostazione ferroviario o dal conduttore tramviario e solo in questi casi la gara sarebbe stata rinviata "per causa di forza maggiore" perché in caso di incidenti automobilistici avrebbero perso la partita a tavolino (+ penalizzazione).

I Direttori Regionali, nell'organizzare i gironi di finale, in cui erano attributi anche i titoli regionali di campione di Terza Divisione, non erano più tenuti a rispettare la tempistica stabilita fino al 1929-30 dai Direttori Divisioni Inferiori, fornendo entro una certa data i nomi delle squadre destinate a disputare le finali per la promozione in Seconda Divisione, e perciò le finali sia per il titolo che per la promozione di solito coincidevano salvo dividere le società di Terza Divisione da quelle "Riserve" e "Allievi". All'epoca queste squadre erano classificate per ordine d'importanza, non per l'età dei giocatori: le Riserve la II squadra, gli Allievi la III e i Ragazzi la IV.

A questo campionato partecipavano anche le squadre "Riserve" (qui indicate con la lettera B) e "Allievi" (indicati con la lettera C) e dei "Ragazzi" (indicati con la lettera D) delle compagini disputanti i campionati di Serie A, di Serie B, di Prima Divisione e anche delle squadre di Seconda Divisione, a seconda della quantità delle squadre iscritte: solo in poche regioni, come ad esempio in Lombardia, quelli degli "Allievi" sono stati organizzati a parte e con dei limiti di età.

Queste squadre furono inserite in questo campionato per rimpolparlo, perché il progressivo aumento delle categorie e le promozioni avevano portato alla riduzione dei quadri regionali e alla forzata scelta di non organizzare gli specifici campionati regionali "riserve", "allievi" e "ragazzi" che per lo stesso motivo erano andati riducendosi. Per contro l'attività che attualmente chiamiamo "settore giovanile" fu dal 1927 di fatto spostata verso i campionati uliciani che meglio assolvevano al compito di redistribuire capillarmente l'attività giovanile in ambito cittadino e interprovinciale.

Campionati[modifica | modifica wikitesto]

Venezia Tridentina[modifica | modifica wikitesto]

Il Direttorio Regionale Tridentino, avente sede a Trento, fortemente condizionato dal periodo invernale, non organizzò i campionati di Seconda e Terza Divisione.
Delle società affiliate solo il Rovereto fu autorizzato a disputare il campionato veneto di Seconda Divisione. Le altre società, tra cui il neo iscritto Bolzano, parteciparono a manifestazioni sportive locali non pubblicate dai principali quotidiani sportivi nazionali.

Lucania[modifica | modifica wikitesto]

Il campionato non è stato disputato perché le poche società iscritte sono aggregate ad un unico Direttorio Regionale abbinate a quelle calabresi.

Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Il Direttorio Regionale Sardo, avente sede a Cagliari, non organizzò né il campionato di Seconda Divisione, né quello di Terza Divisione.
Delle società affiliate non militanti in campionati a livello nazionale, solo la Torres fu autorizzata a disputare il campionato laziale di Seconda Divisione.

Tripolitania[modifica | modifica wikitesto]

Cirenaica[modifica | modifica wikitesto]

Somalia[modifica | modifica wikitesto]

Direttorio Regionale non ancora costituito.

Egeo - Rodi[modifica | modifica wikitesto]

Direttorio Regionale non ancora costituito.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Giornali

Libri

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio