Roberto Chiappara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Roberto Chiappara
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 67 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex centrocampista)
Ritirato 2011 - giocatore
Carriera
Giovanili
1990-1991 Corsico
Squadre di club1
1991-1992 Corsico 32 (11)
1992-1993 L.R. Vicenza 0 (0)
1993-1994 Trento 29 (0)
1994-1995 Aosta 33 (0)
1995-1996 Chieti 33 (0)
1996 Casarano 4 (0)
1997 Taranto 17 (1)
1997-1998 Spezia 32 (4)
1998-1999 Empoli 14 (0)
1999-2001 Spezia 64 (9)
2001-2005 Treviso 109 (6)
2006 Modena 8 (1)
2006 Arezzo 11 (0)
2007-2009 Novara 57 (2)
2009-2010 Cisco Roma 27 (3)[1]
2010-2011 Atletico Roma 15 (1)
Carriera da allenatore
2011Atletico Roma
2011-2013Fidene
2013-2014Anziolavinio
2014-2016Ostia Mare
2016-2017Albalonga
2017-2018Spezia(vice)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 01 ottobre 2018

Roberto Chiappara (Milano, 8 novembre 1973) è un allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo centrocampista.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Inizia la sua carriera da calciatore nel Corsico, dove milita per due stagioni portando la squadra alla vittoria del campionato[senza fonte][sembra una RO] di serie D nel 1991-1992 , perdendo gli spareggi per la serie C con il Giorgione , dove nella partita di andata Chiappara segna l'unica rete granata. L'anno successivo viene ceduto al Vicenza, la sua prima squadra professionistica, poi gioca in Serie C a Trento, Aosta, Chieti, Casarano, Taranto e Spezia.

Nella squadra ligure, che lo preleva dalla serie D, per l'interessamento del D.S. Sergio Borgo. Con lo Spezia conquista dapprima la finale playoff del 1997-1998 nella serie C2, girone B, persa dallo Spezia ai supplementari. Nella stessa finale Chiappara segna il gol del momentaneo 1-1, su calcio di rigore. Lo Spezia approdò alla finale proprio in virtù di quella rete. Per i tifosi spezzini Roberto Chiappara è un ex indimenticato, soprannominato "Il Sindaco".[senza fonte][Fonte: http://ricerca.gelocal.it/gazzettadimodena/archivio/gazzettadimodena/2006/01/12/DS2PO_DS201.html?refresh_ce]

Nel 1998 viene notato dall'Empoli che gli fa disputare 14 partite in Serie A, in seguito torna allo Spezia e vi rimane due stagioni, divenendone uno dei giocatori simbolo[senza fonte][sembra una RO]. Nel 1999-2000 Chiappara conquista, insieme a uno Spezia da record[senza fonte][sembra una RO], la promozione in serie C1, senza perdere nemmeno una partita e raggiungendo uno storico record di punti.[senza fonte][sembra una RO] Nel 2000-2001 con la maglia dello Spezia disputa un buon torneo[senza fonte][sembra una RO], raggiungendo i playoff contro il Como, poi promosso. Successivamente passa al Treviso dove dopo tre stagioni di cadetteria conquista nuovamente la promozione in Serie A (in massima serie scende in campo 7 volte).

Tra il 2006 ed il 2007 gioca in Serie B, prima a Modena e poi ad Arezzo. In seguito scende di nuovo in Serie C1 per indossare la maglia del Novara. Da settembre 2009 milita nella Cisco Roma nel campionato di Lega Pro Seconda Divisione dove segna 3 reti in 27 partite. Resta nella terza squadra della capitale pure nella stagione successiva anche dopo il cambio di nome della società in Atletico Roma (in Lega Pro Prima Divisione), giocando 15 partite (con una rete) fino a metà aprile, quando viene poi chiamato ad allenare lo stesso club.

Allenatore[modifica | modifica wikitesto]

Il 19 aprile 2011 è chiamato a sostituire temporaneamente il dimissionario Giuseppe Incocciati sulla panchina dell'Atletico Roma. Il 23 aprile nella gara d'esordio l'Atletico Roma vince 6-0 contro la Cavese[2]. La squadra chiude poi il campionato in terza posizione, venendo sconfitto in finale play-off dalla Juve Stabia.

Dall'agosto 2011 è dirigente dei Giovanissimi Regionali Eccellenza Fascia B (Lazio) della società romana Futbolclub. Il 7 dicembre successivo viene annunciato come tecnico del Fidene per subentrare all'esonerato Chirico, ma erroneamente, in quanto da ex dirigente le norme federali vietano un nuovo tesseramento come calciatore o allenatore; la panchina è andata allora a Giancarlo Pantano, sprovvisto però del patentino per allenare in Interregionale e così la società gli ha affiancato proprio Chiappara, i cui regolamenti non vietano questo tipo di accorgimento.[3]

Il 21 giugno 2013 diventa il tecnico dell'Anziolavinio.[4] Nella stagione 2014-2015 approda alla guida dell'Ostiamare. intorno il 9 maggio 2016 dice addio all'Ostiamare dopo due anni finendo il girone G serie D in decima posizione[5] dal 16 giugno 2016 la società SSD Albalonga calcio (stesso girone della squadra precedente) lo assume come nuovo allenatore. Per la stagione 2017-2018 diventa vice di Fabio Gallo allo Spezia Calcio in Serie B.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Treviso: 2002-2003
Treviso: 2003
Spezia: 1999-2000

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 31 (3) se si considerano i play-off della stagione 2009-2010
  2. ^ Guido Lo Giudice, Atletico esagerato: 6 gol, La Gazzetta dello Sport, 23 aprile 2011.
  3. ^ Serie D: caso Chiappara, la frittata è fatta. Fidene in stile USA... Ilcorrierelaziale.it
  4. ^ Anziolavinio, Chiappara è il nuovo allenatore Ilgranchio.it
  5. ^ http://ostia.romatoday.it/roberto-chiappara-addio-ostiamare.html

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]