Anselmo Robbiati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Anselmo Robbiati
Nazionalità Italia Italia
Altezza 173 cm
Peso 63 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Allenatore (ex attaccante)
Ritirato 2009 - giocatore
Carriera
Giovanili
Monza Monza
Squadre di club1
1987-1993 Monza Monza 135 (20)
1993-1999 Fiorentina 155 (27)
1999-2000 Napoli 20 (2)
2000-2001 Inter 0 (0)
2001 Perugia Perugia 12 (3)
2001-2002 Inter 0 (0)
2002 Fiorentina 5 (0)
2002-2003 Ancona Ancona 12 (0)
2003-2004 Grosseto Grosseto 8 (2)
2004-2005 Monza Monza 29 (4)
2005-2006 Como Como 25 (5)
2006-2009 Figline Figline 50 (7)
Carriera da allenatore
2009-2010 Figline Figline Vice
1 Dati relativi al solo campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al mese di gennaio 2009

Anselmo Robbiati (Lecco, 1º gennaio 1970) è un dirigente sportivo, allenatore di calcio ed ex calciatore italiano, di ruolo attaccante.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Ha esordito con il Monza in Serie C1 nella stagione 1987-88. Dopo 6 stagioni (per un totale di 135 presenze e 20 reti), passa alla Fiorentina (1993-94 appena scesa in Serie B) dando un importante contributo alla pronta risalita in Serie A. L'anno successivo, sempre con la squadra viola, fa il suo esordio nella massima serie, anche se per il suo primo gol in A bisogna attendere il 1995/96. Robbiati in questi anni raramente si trova a partire titolare, ma risulta ugualmente indispensabile alla squadra viola per la sua capacità di entrare dalla panchina ed essere decisivo. In tutto collezionerà 160 presenze e 27 reti con la squadra di Firenze, vince una Coppa Italia e una Supercoppa italiana, prima di passare nella stagione 1999/00 al Napoli. Memorabile il suo gol a Praga contro lo Sparta in Coppa delle Coppe nel 1997 che regala una sofferta qualificazione ai gigliati.

L'anno successivo viene acquistato dall'Inter, che però preferisce mandarlo in prestito dapprima al Perugia e poi nuovamente alla Fiorentina. Non collezionerà nemmeno una presenza in campionato con la maglia nerazzurra.

Robbiati in seguito trova spazio ad Ancona, Grosseto, Monza e Como per approdare al Figline al tempo in Lega Pro Seconda Divisione (la ex serie C2) con Enrico Chiesa.

Robbiati è stato accompagnato per tutta la carriera dal soprannome "Spadino", affibbiatogli da Giovanni Stroppa quando erano compagni di squadra nel Monza, in virtù di una certa somiglianza con un personaggio della popolare serie tv Happy Days.[1]

Il 21 gennaio 2009 decide definitivamente, all'età di 39 anni, di concludere la carriera sportiva, diventando vice allenatore del Figline. Rimarrà nello staff tecnico dei gialloblù come allenatore in seconda anche per la stagione 2009-2010, questa volta però sotto la guida del neo-tecnico Moreno Torricelli.[2] Nel giugno 2013 diventa il nuovo direttore sportivo del Figline.[3]

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Squadra Serie Presenze Marcature
1987-1988 Monza C1 10 0
1988-1989 Monza B 9 0
1989-1990 Monza B 34 1
1990-1991 Monza B 23 3
1991-1992 Monza C1 25 6
1992-1993 Monza B 34 10
1993-1994 Fiorentina B 31 6
1994-1995 Fiorentina A 15 0
1995-1996 Fiorentina A 32 6
1996-1997 Fiorentina A 30 11
1997-1998 Fiorentina A 25 3
1998-1999 Fiorentina A 22 1
1999-2000 Napoli B 20 2
2000-2001 Inter A 0 0
2000-2001 Perugia A 12 3
2001-2002 Inter A 0 0
2001-2002 Fiorentina A 5 0
2002-2003 Ancona B 12 0
2003-2004 Grosseto C2 8 2
2004-2005 Monza C2 29 4
2005-2006 Como D 25 5
2006-2007 Figline D 25 4
2007-2008 Figline D 25 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Fiorentina: 1993-1994
Fiorentina: 1995-1996
Fiorentina: 1996
Monza: 1987-1988, 1990-1991
Figline: 2007-2008
Figline: 2008-2009
Figline: 2009

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Che fine ha fatto? Spadino Robbiati. URL consultato il 2015-05-29.
  2. ^ Figline, Robbiati appende le scarpette al chiodo, 21 gennaio 2009. URL consultato il 27 gennaio 2009.
  3. ^ Figline staff di lusso: Bernini nuovo allenatore e il duo Robbiati-Frediani come DS radiobrunotoscana.it

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]