Parma Associazione Calcio 1997-1998

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

1leftarrow blue.svgVoce principale: Parma Calcio 1913.

Parma Associazione Calcio
Parma Associazione Calcio 1997-98.jpg
Stagione 1997-1998
AllenatoreItalia Carlo Ancelotti
All. in secondaItalia Giorgio Ciaschini
PresidenteItalia Stefano Tanzi
Serie A6º posto (in Coppa UEFA)
Coppa ItaliaSemifinali
Champions LeagueFase a gironi
Maggiori presenzeCampionato: Chiesa (33)
Totale: Thuram (48)
Miglior marcatoreCampionato: Crespo (12)
Totale: Crespo (21)
StadioEnnio Tardini
Abbonati18 614[1]
Maggior numero di spettatori29 809 vs Juventus (22 marzo 1998)[1]
Minor numero di spettatori19 537 vs Vicenza (22 febbraio 1998)[1]
Media spettatori22 438[1]¹
¹
considera le partite giocate in casa in campionato.
Dati aggiornati al 16 maggio 1998

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Parma Associazione Calcio nelle competizioni ufficiali della stagione 1997-1998.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Il secondo posto del campionato 1996-97, congiuntamente alla riforma delle competizioni continentali, permise al Parma di debuttare in Champions League.[2] Abbinati ai campioni di Polonia del Widzew Lodz[3], i ducali misero un'ipoteca sul passaggio del turno già all'andata: la tripletta di Chiesa archiviò infatti la pratica sul 3-1[4], rendendo una formalità il ritorno nel quale l'undici di Ancelotti si impose per 4-0.[5] Iniziato il campionato con una vittoria a Bari, seguita dal pareggio casalingo con l'Atalanta[6], il Parma debuttò anche nel girone di coppa.[7] Sul campo dello Sparta Praga, una partita nervosa — tanto che alla fine si contarono ben 10 ammonizioni, equamente ripartite — si concluse senza gol.[8] Alla seconda giornata, i ducali ospitarono il turco Galatasaray; reduci dalle nette affermazioni su Piacenza e Udinese[9], vinsero facilmente contro la squadra del Bosforo (2-0).[10] Le speranze di qualificazione si fecero più concrete al terzo turno, per effetto di un'altra vittoria interna: il gol di Crespo mise al tappeto i campioni in carica del Borussia Dortmund (guidati dall'ex Nevio Scala), portando gli emiliani al comando del raggruppamento.[11]

Agli inizi di novembre, i gialloblu persero la propria imbattibilità cedendo all'Inter in trasferta[12]; in Europa capitolarono invece contro i tedeschi, malgrado le prodezze di Buffon il quale evitò un passivo peggiore neutralizzando, tra le altre cose, anche due rigori.[13] Lo snodo del girone si consumò alla penultima giornata, in cui lo Sparta Praga pareggiò al Tardini (2-2) riducendo al lumicino le possibilità dei parmensi di accedere agli ottavi[14]; l'esclusione divenne aritmetica nella gara conclusiva, a causa di un altro pareggio (stavolta per 1-1) in Turchia.[15] Tagliata fuori dalle posizioni di vertice in campionato, la squadra crociata si prefisse l'obiettivo della Coppa Italia: in semifinale venne però eliminata dal Milan, per via dei gol incassati sul proprio terreno.[16] Il sesto posto finale — a pari merito con la Fiorentina, avantaggiata da una miglior differenza reti — consentì di partecipare alla Coppa UEFA; ma Ancelotti, nel frattempo entrato in conflitto con la dirigenza, fu esonerato.[17][18]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Da sinistra: il neoacquisto Jesper Blomqvist, con indosso la seconda divisa blu, pressa il milanista Kluivert, sotto lo sguardo dell'altro parmense Dino Baggio, nella semifinale di andata della Coppa Italia a San Siro.

Il fornitore tecnico della stagione fu Puma, mentre lo sponsor ufficiale fu Parmalat; nelle gare di Champions League, in ossequio alle regole UEFA, sulle maglie compare il solo lettering Parmalat, senza logo.[19]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva

  • Presidente: Stefano Tanzi
  • Direttore esecutivo: Michele Uva
  • Responsabile tecnico: Fabrizio Larini
  • Team Manager: Giorgio Bottaro
  • Segretario generale: Renzo Ongaro

Area comunicazione

  • Responsabile relazioni esterne: Salvatore Scaglia

Area sanitaria

  • Medici sociali: Massimo Manara, Luca Montagna e Quirino Zanichelli
  • Massaggiatori: Claudio Bozzetti e Corrado Gatti
  • Fisioterapista: Giorgio Balotta

Area tecnica

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Gianluigi Buffon
2 Brasile D Zé Maria
3 Italia D Antonio Benarrivo
4 Italia C Stefano Fiore
5 Francia C Daniel Bravo[20]
6 Italia D Mauro Milanese[21]
7 Argentina D Roberto Sensini
8 Italia C Dino Baggio
9 Italia C Massimo Crippa
10 Italia C Pietro Strada
11 Argentina A Hernán Crespo
12 Italia P Matteo Guardalben
13 Croazia C Mario Stanić
14 Italia D Roberto Mussi
15 Francia C Reynald Pedros[22]
16 Italia D Luigi Apolloni
17 Italia D Fabio Cannavaro
N. Ruolo Giocatore
18 Italia C Federico Giunti
19 Italia C Pierluigi Orlandini
20 Italia A Enrico Chiesa
21 Francia D Lilian Thuram
22 Italia A Filippo Maniero[23]
23 Italia A Alessandro Melli[24]
24 Italia P Alessandro Nista
25 Brasile A Adailton
26 Italia C Simone Barone
27 Italia C Ivan Franceschini[25]
28 Svezia C Jesper Blomqvist
30 Italia D Nicola Mora
31 Colombia A Faustino Asprilla
32 Italia D Antonio Calabro
33 Italia C Matteo Apolloni
-- Italia A Genny Del Prete

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

  • Allenatore: Italia Carlo Ancelotti
  • Collaboratori tecnici:
  • Preparatore dei portieri:
  • Preparatore atletico:
  • Medico sociale:

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Bari
31 agosto 1997
1ª giornata
Bari0 – 2
referto
ParmaStadio San Nicola
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Parma
14 settembre 1997
2ª giornata
Parma2 – 2
referto
AtalantaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Boggi (Agropoli)

Piacenza
21 settembre 1997
3ª giornata
Piacenza1 – 3
referto
ParmaStadio Leonardo Garilli
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Parma
27 settembre 1997
4ª giornata
Parma4 – 0
referto
UdineseStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Pairetto (Nichelino)

Vicenza
5 ottobre 1997
5ª giornata
Vicenza0 – 0
referto
ParmaStadio Romeo Menti
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Parma
19 ottobre 1997
6ª giornata
Parma2 – 0
referto
BolognaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Milano
1º novembre 1997
7ª giornata
Inter1 – 0
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Parma
9 novembre 1997
8ª giornata
Parma2 – 0
referto
EmpoliStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Bettin (Padova)

Torino
23 novembre 1997
9ª giornata
Juventus2 – 2
referto
ParmaStadio delle Alpi
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Parma
30 novembre 1997
10ª giornata
Parma0 – 2
referto
RomaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Braschi (Prato)

Firenze
7 dicembre 1997
11ª giornata
Fiorentina1 – 1
referto
ParmaStadio Artemio Franchi
Arbitro:  Pairetto (Nichelino)

Napoli
14 dicembre 1997
12ª giornata
Napoli0 – 4
referto
ParmaStadio San Paolo
Arbitro:  Bazzoli (Merano)

Parma
21 dicembre 1997
13ª giornata
Parma2 – 1
referto
LecceStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Tombolini (Ancona)

Parma
4 gennaio 1998
14ª giornata
Parma1 – 1
referto
LazioStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Bettin (Padova)

Genova
11 gennaio 1998
15ª giornata
Sampdoria5 – 2
referto
ParmaStadio Luigi Ferraris
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Parma
18 gennaio 1998
16ª giornata
Parma3 – 1
referto
MilanStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Ceccarini (Livorno)

Brescia
25 gennaio 1998
17ª giornata
Brescia2 – 1
referto
ParmaStadio Mario Rigamonti
Arbitro:  Braschi (Prato)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Parma
1º febbraio 1998
18ª giornata
Parma1 – 0
referto
BariStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Bergamo
8 febbraio 1998
19ª giornata
Atalanta0 – 0
referto
ParmaStadio Atleti Azzurri d'Italia
Arbitro:  Treossi (Forlì)

Parma
11 febbraio 1998
20ª giornata
Parma1 – 1
referto
PiacenzaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  De Santis (Tivoli)

Udine
15 febbraio 1998
21ª giornata
Udinese1 – 1
referto
ParmaStadio Friuli
Arbitro:  Farina (Novi Ligure)

Parma
22 febbraio 1998
22ª giornata
Parma2 – 1
referto
VicenzaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Bologna
1º marzo 1998
23ª giornata
Bologna1 – 2
referto
ParmaStadio Renato Dall'Ara
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Parma
8 marzo 1998
24ª giornata
Parma1 – 0
referto
InterStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Rodomonti (Teramo)

Empoli
15 marzo 1998
25ª giornata
Empoli2 – 0
referto
ParmaStadio Carlo Castellani
Arbitro:  Bazzoli (Merano)

Parma
22 marzo 1998
26ª giornata
Parma2 – 2
referto
JuventusStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Boggi (Agropoli)

Roma
29 marzo 1998
27ª giornata
Roma2 – 2
referto
ParmaStadio Olimpico
Arbitro:  Borriello (Mantova)

Parma
5 aprile 1998
28ª giornata
Parma1 – 2
referto
FiorentinaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Parma
11 aprile 1998
29ª giornata
Parma3 – 1
referto
NapoliStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Preschern (Mestre)

Lecce
19 aprile 1998
30ª giornata
Lecce0 – 2
referto
ParmaStadio Via del Mare
Arbitro:  Collina (Viareggio)

Roma
26 aprile 1998
31ª giornata
Lazio1 – 2
referto
ParmaStadio Olimpico
Arbitro:  Pairetto (Nichelino)

Parma
3 maggio 1998
32ª giornata
Parma2 – 2
referto
SampdoriaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Rossi (Ciampino)

Milano
10 maggio 1998
33ª giornata
Milan1 – 1
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Parma
16 maggio 1998
34ª giornata
Parma1 – 3
referto
BresciaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Cesari (Genova)

UEFA Champions League[modifica | modifica wikitesto]

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Łódź
13 agosto 1997
Andata
Widzew Łódź1 – 3
referto
ParmaStadion im. Ludwika Sobolewskiego
Arbitro: Francia Batta

Parma
27 agosto 1997
Ritorno
Parma4 – 0
referto
Widzew ŁódźStadio Ennio Tardini
Arbitro: Scozia Dallas

Fase a gironi[modifica | modifica wikitesto]

Praga
17 settembre 1997
1ª giornata
Sparta Praga0 – 0
referto
ParmaStadion Letná
Arbitro: Paesi Bassi Jol

Parma
1º ottobre 1997
2ª giornata
Parma2 – 0
referto
GalatasarayStadio Ennio Tardini
Arbitro: Svizzera Muhmenthaler

Parma
22 ottobre 1997
3ª giornata
Parma1 – 0
referto
Borussia DortmundStadio Ennio Tardini
Arbitro: Francia Veissiere

Dortmund
5 novembre 1997
4ª giornata
Borussia Dortmund2 – 0ParmaSignal Iduna Park
Arbitro: Danimarca Nielsen

Parma
27 novembre 1997
5ª giornata
Parma2 – 2
referto
Sparta PragaStadio Ennio Tardini
Arbitro: Svezia Sundell

Galatasaray
10 dicembre 1997
6ª giornata
Galatasaray1 – 1
referto
ParmaTürk Telekom Arena
Arbitro: Ungheria Vagner

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

2º turno[modifica | modifica wikitesto]

Venezia
3 settembre 1997
Andata
Venezia3 – 2
referto
ParmaStadio Pierluigi Penzo
Arbitro:  Trentalange (Torino)

Parma
24 settembre 1997
Ritorno
Parma3 – 1
referto
VeneziaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Bolognino (Milano)

Ottavi di finale[modifica | modifica wikitesto]

Parma
15 ottobre 1997
Andata
Parma2 – 1
referto
BariStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Bari
19 novembre 1997
Ritorno
Bari0 – 1
referto
ParmaStadio San Nicola
Arbitro:  Messina (Bergamo)

Quarti di finale[modifica | modifica wikitesto]

Parma
7 gennaio 1998
Andata
Parma1 – 0
referto
AtalantaStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Racalbuto (Gallarate)

Bergamo
21 gennaio 1998
Ritorno
Atalanta1 – 1
referto
ParmaStadio Atleti Azzurri d'Italia
Arbitro:  Pellegrino (Barcellona Pozzo di Gotto)

Semifinali[modifica | modifica wikitesto]

Milano
18 febbraio 1998
Andata
Milan0 – 0
referto
ParmaStadio Giuseppe Meazza
Arbitro:  Braschi (Prato)

Parma
12 marzo 1998
Ritorno
Parma2 – 2
referto
MilanStadio Ennio Tardini
Arbitro:  Pairetto (Nichelino)

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d (EN) Andrea Bovone e Lorenzo Calvelli, Statistiche Spettatori Serie A 2011-2012, su stadiapostcards.com.
  2. ^ Sergio Di Cesare, Ancelotti, all'orizzonte il rischio Widzew Lodz, in La Gazzetta dello Sport, 10 luglio 1997.
  3. ^ Champions League: otto gol del Widzew Lodz I polacchi spaventano l'osservatore Ancelotti, in La Gazzetta dello Sport, 31 luglio 1997.
  4. ^ Emilio Marrese, Chiesa è scatenato, Parma vola in Europa, in la Repubblica, 14 agosto 1997, p. 43.
  5. ^ Emilio Marrese, Parma facile con Sensini, in la Repubblica, 28 agosto 1997, p. 43.
  6. ^ Emilio Marrese, L'incubo del Parma si chiama Lucarelli, in la Repubblica, 15 settembre 1997, p. 41.
  7. ^ Andrea Schianchi e Paolo Condò, Parma, l'aria di coppa fa bene, in La Gazzetta dello Sport, 17 settembre 1997.
  8. ^ Emilio Marrese, Il Parma in difesa "Colpa dell'arbitro", in la Repubblica, 18 settembre 1997, p. 45.
  9. ^ Roberto Bianchin, È un Parma che non perdona, in la Repubblica, 22 settembre 1997, p. 44.
  10. ^ Emilio Marrese, Sensini-Crespo, ancora loro, in la Repubblica, 2 ottobre 1997, p. 45.
  11. ^ Emilio Marrese, A Parma il Crespo show, Scala resta a mani vuote, in la Repubblica, 23 ottobre 1997, p. 46.
  12. ^ Gianni Mura, Ronaldo lancia l'Inter, in la Repubblica, 2 novembre 1997, p. 39.
  13. ^ Emilio Marrese, Eccezionale Buffon ma Parma torna giù, in la Repubblica, 6 novembre 1997, p. 46.
  14. ^ Emilio Marrese, Anche Parma si butta via, in la Repubblica, 28 novembre 1997, p. 50.
  15. ^ Emilio Marrese, Parma, triste arrivederci, in la Repubblica, 11 dicembre 1997, p. 52.
  16. ^ Lodovico Maradei, Questo Milan è romanzesco, in La Gazzetta dello Sport, 13 marzo 1998.
  17. ^ Enrico Currò, Ancelotti, triste partenza, in la Repubblica, 17 maggio 1998, p. 44.
  18. ^ Il Fenerbahce chiama Ancelotti a Istanbul, in la Repubblica, 3 giugno 1998, p. 54.
  19. ^ Le maglie della stagione 1997-98, su storiadelparmacalcio.com.
  20. ^ ceduto al Lione
  21. ^ ceduto all'Inter
  22. ^ ceduto al Napoli
  23. ^ ceduto al Milan
  24. ^ ceduto al Perugia
  25. ^ ceduto alla Salernitana
Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio