Umberto Colombo (calciatore)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Umberto Colombo
1957–58 Juventus FC - Umberto Colombo.jpg
Colombo alla Juventus nella stagione 1957-58
Nazionalità Italia Italia
Altezza 183 cm
Peso 77 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista
Termine carriera 1967
Carriera
Giovanili
19??-19??Juventus
Squadre di club1
1951-1952Juventus0 (0)
1952-1954Monza48 (10)
1954-1961Juventus173 (22)
1961-1966Atalanta142 (3)
1966-1967Verona4 (0)
Nazionale
1959-1960Italia Italia3 (0)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Umberto Colombo (Como, 21 maggio 1933Bergamo, 26 ottobre 2021[1]) è stato un calciatore italiano.

Legò il suo nome alla Juventus, club in cui militò per un decennio vincendo tre scudetti e assurgendo tra i protagonisti dell'epoca del Trio Magico.[2] Vestì anche la maglia della nazionale.[3]

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Fu un mediano sinistro che, grazie all'innato istinto d'inserimento, era solito tentare l'incursione in area per cercare il gol, mostrando altresì freddezza sottorete.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Giocatore[modifica | modifica wikitesto]

Dopo un biennio in prestito al Monza, esordì con la maglia della Juventus nel campionato 1954-55, disputando 19 partite.[4] Nell'edizione 1955-56 giocò 18 gare,[5] per poi diventare titolare nell'annata 1956-57 con 25 partite.[6] Durante la stagione successiva vinse il suo primo scudetto, mettendo a referto 28 gare,[7] tante quante quelle del campionato 1958-59.[8] Nei tornei 1959-60 e 1960-61 mise in bacheca altri due scudetti, per un totale di 55 partite.[9]

Al termine di quest'ultimo campionato, lasciò la squadra piemontese per approdare all'Atalanta. Disputò cinque stagioni con la maglia dei bergamaschi, trasformandosi da mediano a stopper con il compito comunque di costruire il gioco. Durante la permanenza a Bergamo, il 2 giugno 1963 contribuì alla vittoria del primo trofeo della storia orobica, la Coppa Italia.[10] Terminò la carriera in Serie B con il Verona.

Debuttò in nazionale il 29 novembre 1959, nel pareggio 1-1 tra Italia e Ungheria. Disputò poi altre due gare in azzurro,[11] l'ultima il 13 marzo 1960 contro la Spagna di Alfredo Di Stéfano.[1]

Dopo il ritiro[modifica | modifica wikitesto]

Al termine dell'attività agonistica intraprese l'attività di assicuratore.[10] Fu inoltre opinionista per l'emittente regionale Telelombardia, nel programma calcistico Qui studio a voi stadio.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Italia
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
29-11-1959 Firenze Italia Italia 1 – 1 Ungheria Ungheria Coppa Internazionale -
6-1-1960 Napoli Italia Italia 3 – 0 Svizzera Svizzera Coppa Internazionale -
13-3-1960 Barcellona Spagna Spagna 3 – 1 Italia Italia Amichevole -
Totale Presenze 3 Reti 0

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Juventus: 1957-58, 1959-60, 1960-61
Juventus: 1958-59, 1959-60
Atalanta: 1962-63

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b La Juventus ricorda Umberto Colombo, su juventus.com, 26 ottobre 2021.
  2. ^ a b Black & White Stories | Umberto Colombo, l'uomo che ha imparato a vincere, su juventus.com, 25 maggio 2020.
  3. ^ Nannina - Panini, p. 32.
  4. ^ Panini, p. 129.
  5. ^ Panini, p. 131.
  6. ^ Panini, p. 133.
  7. ^ Panini, p. 135.
  8. ^ Panini, p. 137.
  9. ^ Panini, pp. 139-141.
  10. ^ a b Atalanta, si è spento a 88 anni Umberto Colombo: nel mito con la Coppa Italia del '63, su ecodibergamo.it, 26 ottobre 2021.
  11. ^ Corriere dello Sport, p. 586.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Elio Corbani, Pietro Serina, Cent'anni di Atalanta, vol. 2, Bergamo, SESAAB, 2007, ISBN 978-88-903088-0-2.
  • Vladimiro Caminiti, Juventus Juventus. Dizionario storico romantico dei bianconeri, Milano, Edizioni Elle, 1977, p. 96.
  • Almanacco illustrato del calcio, la storia 1898-2004, Modena, Panini, 2005.
  • Calciatori 1960-61, edizione speciale per "La Gazzetta dello Sport", Milano - Modena, Nannina - Panini, 2005.
  • Il libro del calcio italiano 1999/2000, Roma, Corriere dello Sport, 1999.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]