Michele Paramatti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Michele Paramatti
Michele Paramatti - Bologna FC 1909 1996-97.jpg
Paramatti in azione al Bologna nel 1996
Nazionalità Italia Italia
Altezza 181 cm
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Difensore
Ritirato 2004 - giocatore
Carriera
Giovanili
19??-19?? SPAL
Squadre di club1
1986-1987 SPAL 2 (0)
1987-1989 Russi 47 (7)
1989-1995 SPAL 148 (6)
1995-2000 Bologna 135 (14)
2000-2002 Juventus 26 (0)
2002-2003 Bologna 30 (1)
2003-2004 Reggiana 25 (1)
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
 

Michele Paramatti (Salara, 10 marzo 1968) è un ex calciatore italiano, di ruolo difensore. Campione d'Italia con la Juventus nella stagione 2001-2002, nel corso della sua carriera ha vinto anche un campionato di Serie B (1995-1996), una Coppa Intertoto (1998), entrambi con la maglia del Bologna, e un campionato di Serie C1 (1991-1992) con la SPAL.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Anche suo figlio Lorenzo, nato nel 1995, è un calciatore professionista.

Nel settembre 2012 apre il sito Unamagliaperlemilia.it grazie al quale mette in vendita divise di giocatori famosi, raccogliendo circa 24.000 euro da devolvere ai terremotati dell'Emilia.[1]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Cresce calcisticamente nella SPAL nel ruolo di terzino ambidestro. Nell'estate 1995, a ventisette anni, dopo nove campionati nelle serie minori e sette con il club estense, è un giocatore disoccupato; si allena con l'Equipe Romagna, quando Gabriele Oriali, all'epoca direttore sportivo del Bologna, scommette sulla sua voglia di rivincita e gli offre una chance.

In maglia rossoblù raggiunge la notorietà, diventando con gli anni capitano della squadra e arrivando a giocare, oltre a numerose stagioni da titolare in Serie A, anche una semifinale di Coppa UEFA nella stagione 1998-1999, nella quale mette a segno il momentaneo vantaggio dei felsinei nella gara di ritorno contro l'Olympique Marsiglia.

Dopo cinque stagioni in Emilia, nelle quali ottiene una promozione dalla Serie B alla A, nel 2000 viene ingaggiato dalla Juventus.[2] Pur facendo parte delle seconde linee bianconere, a Torino mette a referto 26 presenze in due stagioni, fregiandosi della vittoria dello scudetto nella stagione 2001-2002.

In seguito fa ritorno a Bologna, totalizzando un bottino di 30 presenze e 1 gol nell'annata 2002-2003, prima di chiudere la carriera con la maglia della Reggiana che veste fino al campionato 2003-2004, in C1.

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

SPAL: 1991-1992 (girone A)
Bologna: 1995-1996
Juventus: 2001-2002

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Bologna: 1998

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Matteo Dalla Vite, La maglia di Zanetti all'asta per aiutare i terremotati dell'Emilia, in La Gazzetta dello Sport, 2 settembre 2012, p. 12.
  2. ^ Le lacrime di Michele, su www2.raisport.rai.it, 26 maggio 2000.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (DEENIT) Michele Paramatti, su transfermarkt.it, Transfermarkt GmbH & Co. KG. Modifica su Wikidata