Ángel Correa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ángel Correa
Ángel Correa.jpg
Correa in azione con l'Atlético Madrid nel 2018
Nazionalità Argentina Argentina
Altezza 174 cm
Peso 70 kg
Calcio Football pictogram.svg
Ruolo Centrocampista, attaccante
Squadra Atlético Madrid
Carriera
Giovanili
2007-2013San Lorenzo
Squadre di club1
2013-2014San Lorenzo48 (10)
2014-Atlético Madrid207 (37)
Nazionale
2014-2015Argentina Argentina U-2011 (6)
2016Argentina Argentina olimpica3 (1)
2015-Argentina Argentina18 (3)
Palmarès
Transparent.png Campionato sudamericano Under-20
Oro Uruguay 2015
Transparent.png Copa América
Oro Brasile 2021
1 I due numeri indicano le presenze e le reti segnate, per le sole partite di campionato.
Il simbolo → indica un trasferimento in prestito.
Statistiche aggiornate al 21 settembre 2021

Ángel Martín Correa Martínez (Rosario, 9 marzo 1995) è un calciatore argentino, centrocampista o attaccante dell'Atlético Madrid e della nazionale argentina, con cui si è laureato campione del Sud America nel 2021.

Caratteristiche tecniche[modifica | modifica wikitesto]

Seconda punta[1], può giocare anche come ala su entrambe le fasce o trequartista. Grazie alla sua velocità e all'ottima tecnica viene paragonato a Sergio Agüero.[2]

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

San Lorenzo de Almagro[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2007 si unisce al San Lorenzo dopo un periodo di prova. Dopo anni di ottime prestazioni con le giovanili, nell'estate del 2012 viene avvicinato al Benfica ma l'affare non si concretizza. Il 23 settembre dello stesso anno firma un contratto professionistico di quattro anni. Il 31 marzo 2013 esordisce in prima squadra contro il Newell's Old Boys.

Atlético Madrid[modifica | modifica wikitesto]

Il 27 maggio 2014 viene acquistato dagli spagnoli dell'Atlético Madrid per 7,5 milioni di euro. Il 17 luglio 2014 gli viene diagnosticato un tumore benigno al cuore, che lo costringe a sottoporsi ad un intervento chirurgico a New York.[3] Torna ad allenarsi il 13 dicembre successivo ma non riesce a debuttare con la nuova squadra.

Il 22 agosto 2015 esordisce contro il Las Palmas subentrando a Óliver Torres al 65º minuto. Il 19 settembre successivo segna la sua prima rete in rojiblanco nella vittoria esterna contro l'Eibar (2-0), subentrando a Koke al 61º minuto e trovando il gol un minuto dopo su assist di Fernando Torres.[4][5] Il 30 settembre 2015 segna il suo primo gol in Champions League contro il Benfica durante la fase a gironi, partita poi persa per 2-1.

Il 22 novembre 2017 gioca la sua 100ª partita con la maglia dell'Atlético Madrid.[6] Il 6 novembre 2019 raggiunge quota 200 presenze con la maglia dei Colchoneros.[7] Il 10 Agosto 2020 viene confermato positivo al COVID-19 insieme al compagno Šime Vrsalijko.

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Nazionali giovanili e olimpica[modifica | modifica wikitesto]

Correa in azione con la maglia dell'Argentina al Mondiale Under-20 del 2015.

L'11 dicembre 2014 viene convocato dalla nazionale Under-20 per partecipare al Campionato sudamericano di calcio Under-20 2015, in Uruguay[8]. Grazie anche ai suoi 4 gol, uno dei quali nello scontro diretto contro l'Uruguay, l'Argentina vince il trofeo[9].

Il 30 maggio 2015 esordisce nei Mondiali Under-20 realizzando una doppietta nella prima partita della fase a gironi, terminata con un pareggio per 2-2 contro Panama. L'Argentina viene eliminata nella fase a gironi dopo una sconfitta contro il Ghana e un altro pareggio con l'Austria.

Viene convocato per le Olimpiadi 2016 in Brasile,[10] dove esordisce contro il Portogallo.

Nazionale maggiore[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 2015 viene convocato da Gerardo Martino, per disputare delle amichevoli negli Stati Uniti, contro Messico e Bolivia. Il 4 settembre seguente, Correa esordisce con la nazionale di calcio argentina contro la Bolivia in amichevole, subentrando a Ezequiel Lavezzi all'81' minuto e siglando pochi minuti dopo il gol del definitivo 7-0 dell'Albiceleste.

L'8 settembre 2015 gioca la sua prima partita da titolare con la nazionale in occasione dell'incontro amichevole con il Messico.

Nel 2021 viene convocato per la Copa América in Brasile,[11] esordendo il 18 giugno contro l'Uruguay. Il 10 luglio 2021 conquista la Copa America, suo primo trofeo con l'Argentina, totalizzando tre presenze nella competizione.

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Presenze e reti nei club[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 21 settembre 2021.

Stagione Squadra Campionato Coppe nazionali Coppe continentali Altre coppe Totale
Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Comp Pres Reti Pres Reti
2012-2013 Argentina San Lorenzo PD 13 4 CA 0 0 - - - - - - 13 4
2013-2014 PD 35 6 CA 0 0 CS+CL 2+11 0+2 - - - 48 8
Totale San Lorenzo 48 10 0 0 13 2 - - - 61 12
2014-2015 Spagna Atlético Madrid PD 0 0 CR 0 0 UCL 0 0 SS 0 0 0 0
2015-2016 PD 26 5 CR 5 2 UCL 5 1 - - - 36 8
2016-2017 PD 31 4 CR 7 4 UCL 9 0 - - - 47 8
2017-2018 PD 37 8 CR 4 0 UCL+UEL 6+9 0+1 - - - 56 9
2018-2019 PD 36 3 CR 4 2 UCL 8 0 SU 1 0 49 5
2019-2020 PD 33 5 CR 1 1 UCL 8 0 SS 2 1 44 7
2020-2021 PD 38 9 CR 2 0 UCL 8 0 - - - 48 9
2021-2022 PD 6 3 CR 0 0 UCL 1 0 SS 0 0 7 3
Totale Atlético Madrid 207 37 23 9 54 2 3 1 287 49
Totale carriera 255 47 23 9 67 4 3 1 348 61

Cronologia presenze e reti in nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Cronologia completa delle presenze e delle reti in nazionale ― Argentina
Data Città In casa Risultato Ospiti Competizione Reti Note
4-9-2015 Houston Argentina Argentina 7 – 0 Bolivia Bolivia Amichevole 1 Ingresso al 81’ 81’
8-9-2015 Arlington Argentina Argentina 2 – 2 Messico Messico Amichevole - Uscita al 77’ 77’
8-10-2015 Buenos Aires Argentina Argentina 0 – 2 Ecuador Ecuador Qual. Mondiali 2018 -
29-3-2016 Córdoba Argentina Argentina 2 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 31’ 31’
7-9-2016 Mérida Venezuela Venezuela 2 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 67’ 67’
7-10-2016 Lima Perù Perù 2 – 2 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 65’ 65’
11-11-2016 Belo Horizonte Brasile Brasile 3 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Ingresso al 71’ 71’
28-3-2017 La Paz Bolivia Bolivia 2 – 0 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2018 - Uscita al 56’ 56’
16-10-2018 Gedda Brasile Brasile 1 – 0 Argentina Argentina Amichevole - Ammonizione al 62’ 62’ Uscita al 67’ 67’
17-11-2018 Córdoba Argentina Argentina 2 – 0 Messico Messico Amichevole - Ammonizione al 24’ 24’ Uscita al 46’ 46’
26-3-2019 Tangeri Marocco Marocco 0 – 1 Argentina Argentina Amichevole 1 Ingresso al 62’ 62’
9-10-2019 Dortmund Germania Germania 2 – 2 Argentina Argentina Amichevole - Uscita al 46’ 46’
4-6-2021 Santiago del Estero Argentina Argentina 1 – 1 Cile Cile Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 46’ 46’
18-6-2021 Brasilia Argentina Argentina 1 – 0 Uruguay Uruguay Coppa America 2021 - 1º turno - Ingresso al 52’ 52’ Ammonizione al 90+2’ 90+2’
21-6-2021 Brasilia Argentina Argentina 1 – 0 Paraguay Paraguay Coppa America 2021 - 1º turno - Ingresso al 81’ 81’
28-6-2021 Cuiabá Bolivia Bolivia 1 – 4 Argentina Argentina Coppa America 2021 - 1º turno - Uscita al 56’ 56’
2-9-2021 Caracas Venezuela Venezuela 1 – 3 Argentina Argentina Qual. Mondiali 2022 1 Ingresso al 63’ 63’
9-9-2021 Buenos Aires Argentina Argentina 3 – 0 Bolivia Bolivia Qual. Mondiali 2022 - Ingresso al 71’ 71’
Totale Presenze 18 Reti 3

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Club[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

San Lorenzo: Inicial 2013-2014
Atletico Madrid: 2020-2021

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

San Lorenzo: 2014
Atlético Madrid: 2017-2018
Atlético Madrid: 2018

Nazionale[modifica | modifica wikitesto]

Uruguay 2015
Brasile 2021

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ UFFICIALE: Correa, il nuovo Aguero all'Atletico Madrid, in Calciomercato.com, 27 maggio 2014. URL consultato il 26 agosto 2018.
  2. ^ Ruggieri, OCCHIO AL TALENTO: Angel Correa, l’erede di Aguero che ha stregato il Cholo, su CalciomercatoNews.com, 12 febbraio 2015. URL consultato il 26 agosto 2018.
  3. ^ Corriere della Sera - Sport, Redazione Online, Dramma Correa: tumore al cuore operato, carriera a rischio, su Corriere.it, 18 luglio 2014. URL consultato il 26 agosto 2018.
  4. ^ (ES) Las Palmas pierde por la mínima en el Calderón (1-0), su udlaspalmas.es, udlaspalmas.es, 22 agosto 2015 (archiviato dall'url originale il 24 agosto 2015).
  5. ^ (FR) La Liga reprend: Griezmann lance l’Atletico, Valence cale, su lavenir.net. URL consultato il 26 agosto 2018.
  6. ^ (ES) Correa: “Estoy contento por cumplir 100 partidos con esta camiseta”, su atleticodemadrid.com, atleticodemadrid.com, 22 novembre 2017. URL consultato il 26 agosto 2018.
  7. ^ (ES) Correa alcanza los 200 partidos como rojiblanco, su atleticodemadrid.com, 6 novembre 2019.
  8. ^ (ES) La Sub 20 tiene su preselección para el Sudamericano de Uruguay, su tycsports.com, 11 dicembre 2014 (archiviato dall'url originale il 13 dicembre 2014).
  9. ^ (ES) Argentina gana el Sub 20 Sudamericano con gol de Correa para remontar, su clubatleticodemadrid.com, 8 febbraio 2015. URL consultato il 26 agosto 2018 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  10. ^ (ES) Los 18 olímpicos, su AFA.com.ar, 6 luglio 2016. URL consultato il 26 agosto 2018.
  11. ^ (ES) Los 28 de Argentina para la Copa América, su ole.com.ar, 10 giugno 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]