Football Club Lugano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
F.C. Lugano
Calcio Football pictogram.svg
Logo FC Lugano (2018).png
FCL, Lügàn, Bianconeri, V bianche
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Black background White large V.svg Bianco e nero
Simboli V bianca
Inno Bianco-Neri
Arrigo Cavenati, Bruto Mastelli[1]
Dati societari
Città Lugano
Nazione Svizzera Svizzera
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Switzerland.svg ASF/SFV
Campionato Super League
Fondazione 1908
Rifondazione2003
Presidente Italia Angelo Renzetti
Allenatore Svizzera Fabio Celestini
Stadio Cornaredo
(6.500 posti)
Sito web www.fclugano.com
Palmarès
Campionato svizzeroCampionato svizzeroCampionato svizzero
Campionati svizzeri 3
Titoli nazionali 4 Campionati di LNB/Challenge League
Trofei nazionali 3 Coppe Svizzera
Soccerball current event.svg Stagione in corso
Si invita a seguire il modello di voce

«Bianconeri bianconeri, siamo fieri giuocatori, sempre noi cerchiam gli allori, per Lügan hip hip hurrà!»

(Dall'inno Bianco-Neri - A. Cavenati, 1928)

Il Football Club Lugano (abbreviato FC Lugano o FCL), comunemente noto come Lugano Calcio o Lugano (in dialetto Lügàn da Fótbal o Lügàn) è una società calcistica svizzera con sede nella città di Lugano, nel Canton Ticino.

Fondato il 28 luglio 1908 e fallito nell'aprile del 2003 a causa di gravi problemi finanziari, nella stagione successiva è stato rifondato e fatto ripartire dalla Seconda Lega interregionale (quinta serie elvetica) schierando la propria formazione Under-21 sotto la denominazione Associazione Calcio Lugano. Il 30 giugno 2004 si è fuso con il FC Malcantone Agno, venendo riammesso alla lega cadetta. Infine il 4 giugno 2008 ha riadottato la denominazione storica Football Club Lugano e la relativa simbologia.

Con 6 trofei nazionali vinti (3 campionati di massima serie e 3 coppe) è il sodalizio più titolato del proprio cantone. Nella stagione 2018-2019 milita in Super League, massima serie del campionato svizzero di calcio.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Gli albori e la prima promozione in massima serie[modifica | modifica wikitesto]

Il Football Club Lugano nasce il 28 luglio 1908 sotto la guida del presidente Ernesto Corsini. Il 13 settembre gioca la sua prima partita ufficiale, con la quale s'inaugura lo storico terreno del Campo Marzio, una vittoria per 6-0 contro i rivali rossoblù del Chiasso.

Il colore delle maglie del Lugano è in origine il bianco, poi si passa alla versione con collo e bordini azzurri e, quindi, a strisce verticali giallo-nere. Il 14 novembre 1916 si decide che i colori sociali saranno definitivamente il bianco e il nero, colori che accompagneranno il club lungo tutta la sua storia[2].

L'ascesa nel massimo campionato (Serie A) si compie per la prima volta nel 1922. Nello spareggio decisivo i bianconeri battono due volte il Neumünster: dapprima 1-0 al Campo Marzio, una settimana dopo 3-1 al Letzigrund di Zurigo.

I successi degli anni 1930 e 1940[modifica | modifica wikitesto]

Il 10 maggio 1931 è una data storica per il Lugano e per tutto il Ticino sportivo. In un Campo Marzio gremito di folla i bianconeri conquistano la Coppa Svizzera battendo per 2-1 il Grasshoppers e conquistando, così, il loro primo trofeo nazionale[3].

Grazie alla vittoria in coppa e ai buoni piazzamenti nel massimo campionato, il prestigio del club in campo nazionale continua a crescere. Nella stagione 1937-1938 il Lugano si laurea per la prima volta campione svizzero: di ritorno dall'ultima gara di campionato, giocata a Berna contro lo Young Boys, la comitiva luganese col trofeo fa sosta ad Airolo, "feudo" del tifo bianconero[4]; la festa prosegue per le vie di Lugano, sino al ricevimento in municipio, dove i bianconeri vengono accolti calorosamente dalle autorità cittadine[5].

Negli anni quaranta il Football Club Lugano riesce ad aggiudicarsi altri due titoli nazionali (1940-1941 e 1948-1949) e colleziona numerosi piazzamenti d'onore in campionato: per otto volte in un decennio la formazione si classifica nei primi tre posti.

Dal Campo Marzio a Cornaredo[modifica | modifica wikitesto]

I risultati spingono le autorità cittadine a dismettere il Campo Marzio e a costruire un nuovo stadio in zona Cornaredo, che oltre alle partite casalinghe dei bianconeri fosse anche capace di ospitare anche incontri internazionali. L'inaugurazione dell'impianto avviene il 25 novembre 1951 davanti a oltre 30.000 spettatori con una partita tra le nazionali di Svizzera e Italia, terminata 1-1.

Gli anni 1960[modifica | modifica wikitesto]

Negli anni sessanta il Lugano conquista nuovamente la Coppa Svizzera (nel 1968) e la vittoria permette l'accesso alla Coppa delle Coppe (doppia sconfitta contro il Barcellona), mentre due anni dopo la squadra è sconfitta in Coppa UEFA dai polacchi del Legia Varsavia.

Gli anni 1970 e 1980[modifica | modifica wikitesto]

Gli anni 1990 e la terza Coppa Svizzera[modifica | modifica wikitesto]

Il club vive momenti altalenanti nell'ultimo decennio del XX secolo. A stagioni tutto sommato positive si alternano, infatti, clamorose débâcles sportive che culmineranno addirittura con la relegazione nella serie cadetta, al termine della stagione 1996-1997.

Tra i risultati positivi si ricordano un 2º posto nella stagione 1994-1995, alle spalle del Grasshoppers, nonché due semifinali di Coppa Svizzera perse a favore di San Gallo (stagione 1997-1998) e Losanna (stagione 1999-2000).

Nel 1993 il Lugano si aggiudicà la terza Coppa Svizzera della sua storia, grazie ad un 4-1 in finale al Grasshoppers, acquisendo pertanto il diritto di partecipare alla Coppa delle Coppe 1993-1994, dove colse la qualificazione al secondo turno battendo il Nëman ma uscendo poi sconfitto dal doppio scontro con il Real Madrid. In questo caso la partita di ritorno, terminata 3-1 per gli spagnoli, si giocò al Letzigrund. Nella Coppa UEFA 1995-1996 la formazione luganese giunse, eliminando i lussemburghesi del Jeunesse, al doppio confronto con l'Inter. Dopo un pareggio 1-1 al Cornaredo, nella partita di ritorno arrivò un'inattesa vittoria (1-0) a San Siro, grazie ad un gol realizzato da Edo Carrasco a pochi minuti dal termine[6]. Questa vittoria suscitò molto clamore, in Svizzera ed all'estero, malgrado ciò il Lugano fu eliminato nel turno successivo dallo Slavia Praga.

Il fallimento e la rinascita[modifica | modifica wikitesto]

Striscione appeso dai tifosi bianconeri all'esterno dello stadio di Cornaredo nei giorni della dichiarazione di fallimento del club (2003)

Il Terzo millennio per il Lugano si apre all'insegna del successo: nel campionato di massima serie 2000-2001 i bianconeri chiudono infatti al secondo posto, dopo aver finanche guidato la classifica per molte giornata. Ciò vale loro l'accesso al turno preliminare della Champions League successiva, ove tuttavia vengono eliminati dallo Šachtar Donetsk, che vince per 3-0 in casa e limita i danni a Cornaredo (perdendo solo per 2-1)-

La situazione societaria tuttavia precipita nel corso del campionato 2001-2002, che il Lugano chiude in terza posizione: in data 5 marzo 2002 il presidente Helios Jermini viene trovato morto all'interno della sua macchina, affondata nelle acque del Ceresio. Poco dopo, a seguito della scoperta da parte della magistratura elvetica di un debito di 72 milioni di franchi gravante sulla società, il Lugano viene retrocesso a tavolino nella lega cadetta.

Nella stagione successiva la crisi si acuisce: i bianconeri si piazzano quarti in seconda serie, ma devono infine ritirarsi dal torneo di promozione/relegazione. Infine, il 27 marzo 2003, il F.C. Lugano dichiara fallimento e viene estromesso dai campionati nazionali.

In risposta a tale rovescio, già quello stesso giorno viene fondata l'Associazione Calcio Lugano, con lo scopo di perpetuare la tradizione sportiva del defunto Football Club Lugano. Alla nuova società è consentito di ripartire dalla Seconda Lega interregionale, quarta categoria elvetica, con una squadra Under-21. Successivamente, il 30 giugno 2004, con la fusione fra l'AC Lugano ed il Malcantone Agno, appena promosso in Challenge League, la squadra ritorna nel campionato cadetto[7]. A Giuseppe Morotti, presidente del Malcantone Agno, viene affidata la guida del nuovo sodalizio, che conserva il nome di AC Lugano. Le difficoltà sono enormi e la società, nonostante piazzamenti onorevoli in campionato, deve far fronte ad una continua erosione di pubblico.

L'era Preziosi[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2006 la società viene rilevata per 2 milioni di franchi dall'imprenditore Enrico Preziosi (già presidente del Genoa)[8], che un anno dopo delega la proprietà ad una holding da lui controllata all'80%[9] e guidata da Giambattista Pastorello (che assume ufficialmente la carica di vicepresidente, mentre la massima carica sociale viene avocata a Luido Bernasconi).

La squadra frattanto disputa due campionati (2006-07 e 2007-08) di metà classifica, con vari avvicendamenti sulla panchina.

Il 4 giugno 2008, in occasione del centenario di fondazione del club, la dirigenza si accorda con gli azionisti e l'amministrazione municipale di Agno per la riadozione della storica denominazione Football Club Lugano e del relativo logo sociale (ove riappare il monogramma FCL e scompare lo stemma araldico del comune di Agno)[10]. Nella stagione seguente la formazione bianconera contende sino alle ultime giornate di campionato il primo posto (valido per la promozione diretta) al San Gallo, che alla fine prevale e obbliga il Lugano alla disputa dello spareggio per la promozione contro il Lucerna. Dopo aver vinto per 1-0 nella partita d'andata, i bianconeri perdono 0-5 in trasferta e rimangono in Challenge League.

Nella stagione 2009-2010 il Lugano si ripresenta con l'ambizione di puntare alla massima serie. I bianconeri disputano un campionato di vertice, arrivando a due giornate dalla fine della stagione regolare in testa alla classifica, con quattro punti di vantaggio sul Thun. Tuttavia proprio nelle ultime due partite la promozione diretta sfuma, complice la sconfitta nello scontro diretto e il pareggio interno all'ultima giornata di campionato. Per il secondo anno consecutivo il Lugano viene obbligato allo spareggio promozione, stavolta contro il Bellinzona; alla vigilia dell'incontro il tecnico Simone Boldini viene esonerato e sostituito da Marco Schällibaum (che peraltro era stato allontanato proprio dal Bellinzona nel corso della stagione regolare). La doppia sfida vede infine prevalere i granata, che salgono in prima lega a scapito dei luganesi.

Nel corso della stagione 2010-2011, con il benestare di Preziosi, l'immobiliarista ticinese Angelo Renzetti rileva il 20% del capitale azionario sociale e rileva la carica di presidente da Luido Bernasconi. I rapporti tra Giambattista Pastorello (già braccio destro di Preziosi, ma ormai relegato ai margini della società) e il nuovo presidente si rivelano difficili e tesi, sicché nel marzo 2011 lo stesso Preziosi decide di licenziare Pastorello[9]. Dal punto di vista agonistico il club inanella una serie di dodici vittorie consecutive, salvo poi subire un calo di rendimento durante l'ultimo mese di campionato, ove incassa cinque sconfitte consecutive. Nemmeno Roberto Morinini, chiamato in panchina a sostituire Schällibaum a quattro giornate dal termine, riesce ad invertire la rotta: il Lugano chiude infatti la stagione regolare al terzo posto, a pari punti col Servette (che prevale in virtù della miglior differenza reti), venendo quindi estromesso dalla lotta per la promozione.

A seguito di tali circostanze il vertice societario attua un rimpasto nell'organigramma: Carlo Taldo[11] viene nominato direttore sportivo e Nicola Bignotti[12] direttore generale, mentre la guida tecnica della squadra viene assegnata ad Alessandro Pane[13] (ex allenatore di Empoli e Ascoli).[14] La gestione Pane nel campionato 2011-2012 dura però sole 8 gare segnate da uno scarso rendimento, che ne inducono l'esonero e la sostituzione con Francesco Moriero, che dopo un inizio difficile riesce a risollevare la squadra portandola a ridosso delle prime posizioni, senza però riuscire a lottare per la promozione.

L'era Renzetti: di nuovo in prima serie[modifica | modifica wikitesto]

All'inizio della stagione 2012-13 il presidente Angelo Renzetti acquisisce la maggioranza del pacchetto azionario del Lugano (60%), mentre Preziosi progressivamente si disimpegna. Il nuovo proprietario affida la panchina a Davide Morandi; la squadra inizia il campionato di seconda serie con una serie di risultati positivi, issandosi in testa alla classifica. La fase positiva è tuttavia interrotta da un calo del rendimento (4 punti in 9 partite di campionato e l'eliminazione in Coppa svizzera per mano del Thun) che conduce all'esonero di Morandi in favore di Raimondo Ponte, che guida la squadra al 7º posto finale in campionato.

Per l'annata 2013-14 il presidente Renzetti annuncia un ridimensionamento del budget societario (da 3 a 1,9 milioni di franchi) e affida la guida tecnica della squadra all'italiano Sandro Salvioni, il quale tuttavia si dimette a seguito di una serie di risultati negativi (ultimo dei quali la sconfitta casalinga nel derby contro il Locarno); al suo posto subentra il ticinese Livio Bordoli. Dopo aver perso altre partite ed essere precipitata al penultimo posto - a pochi punti dalla zona retrocessione - il Lugano reagisce in occasione delle ultime partite del girone d'andata. Il buon rendimento si conferma anche nel girone di ritorno, ove i bianconeri conquistano 12 vittorie, 2 pareggi e solo 4 sconfitte, scalando la classifica e battendo la capolista Vaduz all'ultima giornata. I bianconeri concludono così la stagione al secondo posto, ottenendo il miglior risultato degli ultimi cinque anni.

In vista della stagione 2014-15 l'organico viene sfoltito, con appena 15 giocatori sotto contratto in occasione delle prime giornate di campionato. L'ingresso nei quadri societari di Pablo Bentancur, che rileva il 40% delle quote azionarie, garantisce tuttavia l'apporto economico necessario all'inserimento di nuovi giocatori. La squadra si rivela competitiva e chiude il girone d'andata al secondo posto, con appena un punto di svantaggio dal Wohlen capolista. Durante la pausa invernale i bianconeri si rinforzano con altri elementi di spessore, puntando apertamente alla promozione nella massima serie. Le prime giornate del girone di ritorno vedono tuttavia la squadra di Bordoli conquistare due soli punti e allontanarsi dalla vetta. La vittoria casalinga contro il Le Mont prelude però ad una nuova serie di risultati positivi, che riportano il Lugano a ridosso del primo posto. La volata finale per la promozione vede concorrere il Lugano, il Wohlen (il cui rendimento tuttavia si deprime nell'ultimo mese di campionato) e il Servette. Nello scontro diretto contro questi ultimi, disputato l'11 maggio 2015 a Cornaredo, il Lugano si impone per 2-0 e si issa al comando della classifica. La successiva crisi di risultati dei granata e le affermazioni dei bianconeri contro Losanna, Chiasso e Bienne garantiscono infine al Lugano il margine necessario per festeggiare il ritorno in Super League dopo tredici anni d'assenza.

Il 1º giugno 2015 la società rescinde consensualmente il contratto col tecnico Livio Bordoli; circa due settimane dopo, il 14 giugno, la panchina viene affidata a Zdeněk Zeman[15]. Sotto la guida del tecnico boemo, complici le non ingenti risorse disponibili per allestire la rosa[16] e la scarsa durata della pausa estiva dei campionati svizzeri[17], il Lugano trascorre tutto il campionato nella parte bassa della classifica, accusando in particolare uno scarso rendimento difensivo (con 75 goal subiti in 35 giornate, che ne fanno la retroguardia più perforata della prima serie)[18] e una tendenza a repentini cali prestazionali durante le partite[19]. I bianconeri riescono infine a garantirsi il nono posto in classifica e la salvezza all'ultima giornata, grazie alla vittoria interna per 3-0 sul San Gallo il 25 maggio 2016, che rende vano il contestuale successo per 3-1 dello Zurigo (decimo e retrocesso) sul Vaduz[20]. Più fruttuoso si rivela il cammino in Coppa Svizzera, ove il Lugano supera in sequenza il Castello nel preliminare, il Bellinzona ai sedicesimi di finale, il Winterthur agli ottavi, il Köniz ai quarti e il Lucerna in semifinale, perdendo tuttavia per 1-0 la finale del 29 maggio 2016 contro lo Zurigo[21].

La gestione Zeman si conclude infine il 4 giugno 2016, allorché l'allenatore boemo rifiuta di prolungare il proprio contratto con il Lugano[22]. Il 17 giugno la squadra viene affidata ad interim ad Andrea Manzo (già tecnico della selezione under-21 bianconera)[23], il cui incarico viene infine reso permanente nel giro di una settimana[24]. La squadra, sotto la gestione del tecnico italiano, dopo un inizio di stagione fruttuoso (con 14 punti nelle prime 9 partite) subisce un calo prestazionale che la conduce alla 17ª giornata al terz'ultimo posto, con due soli punti di vantaggio sull'ultima classificata[25]; in virtù di ciò, il 19 dicembre arriva la risoluzione del contratto con Manzo, che viene pertanto sollevato dalla guida tecnica bianconera[26]. Due giorni dopo la panchina viene affidata a Paolo Tramezzani, reduce dall'incarico di vicecommissario tecnico della nazionale albanese[27]. Tale mossa sortisce l'effetto di rilanciare la squadra, che nel corso del girone di ritorno riesce a distaccare la zona retrocessione e a risalire la classifica: il 20 maggio, a seguito della vittoria interna per 2-1 contro il Vaduz, i bianconeri si assicurano la qualificazione alla UEFA Europa League. La prosecuzione del trend positivo consente infine ai bianconeri di chiudere la stagione al terzo posto (valevole per accedere direttamente ai gironi della seconda coppa continentale): decisiva in tal senso si rivela l'ultima giornata, ove il Lugano perde per 0-1 contro il Lucerna, ma conserva il piazzamento rispetto al Sion, incapace di andare oltre un pareggio per 1-1 contro il Grasshoppers. Protagonisti del campionato sono gli attaccanti Ezgjan Alioski e Armando Sadiku, autori rispettivamente di 16 e 9 goal[28].

Nel giugno 2017 Tramezzani rescinde il proprio contratto di comune accordo col club[29]; in sua sostituzione viene ingaggiato Pierluigi Tami, che torna sulla panchina delle V bianche a 14 anni di distanza dalla sfortunata esperienza della stagione 2002-2003, conclusasi con la bancarotta societaria. Sotto la sua guida il Lugano mostra un rendimento altalenante: dopo aver trascorso il girone d'andata finanche in zona retrocessione (uscendo frattanto ai gironi di Europa League e ai quarti di Coppa Svizzera), a metà annata riesce a risollevarsi, arrivando a lambire la zona d'accesso alle coppe europee. Da fine febbraio 2018 la squadra incappa tuttavia in una crisi, patendo sei sconfitte consecutive che il 9 aprile seguente conducono all'esonero di Tami; in sua sostituzione viene ingaggiato dal Chiasso Guillermo Abascal[30], che riesce a condurre il Lugano alla salvezza, garantendosi la confema per l'anno seguente.

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Football Club Lugano

28 luglio 1908: Nasce il Football Club Lugano.

  • 1908-10 - Partite e tornei amichevoli
  • 1910-11 - 1º nel gruppo ticinese di Serie C (terza serie del Campionato svizzero); perde le finali per il titolo svizzero.
  • 1911-12 - 1º nel gruppo ticinese di Serie C; perde le finali per il titolo svizzero.
  • 1912-13 - 1º nel gruppo ticinese di Serie C; campione svizzero di Serie C. Green Arrow Up.svg Promosso in Serie B (seconda serie).
  • 1913-14 - 1º nel gruppo ticinese di Serie B; perde le finali per il titolo svizzero.
  • 1914-15 - Campionato svizzero sospeso per cause belliche.
    Semifinali di Coppa Ticino.
  • 1915-16 - Campionato svizzero sospeso per cause belliche.
    4º in Coppa Ticino.
  • 1916-17 - 1º nel gruppo ticinese di Serie B; perde le finali per il titolo svizzero.
  • 1917-18 - 2º nel gruppo ticinese di Serie B; vince la Challenge Och-Frères.
  • 1918-19 - 2º nel gruppo ticinese di Serie B; vince la Challenge Och-Frères.
  • 1919-20 - 1º nel gruppo ticinese di Serie B; perde le finali per il titolo svizzero.
  • 1920-21 - 1º nel gruppo ticinese di Serie B; perde le finali per il titolo svizzero.
  • 1921-22 - 1º nel gruppo ticinese di Serie B; campione di Serie B della Svizzera orientale, vincendo la finale contro lo Sparta Sciaffusa (1-0); perde le finali per il titolo svizzero; vince lo spareggio-promozione contro il Neumünster (c: 1-0, t: 3-1). Green Arrow Up.svg Promosso in Serie A (prima serie).
  • 1922-23 - 8º nel girone est di Serie A.
    Vince la Coppa Publicitas.
  • 1923-24 - 8º nel girone est di Serie A.
    Vince la Coppa Publicitas.
  • 1924-25 - 8º nel girone est di Serie A.
  • 1925-26 - 5º nel girone est di Serie A.
    Semifinali di Coppa Svizzera.
  • 1926-27 - 3º nel girone est di Serie A.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1927-28 - 3º nel girone est di Serie A.
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1928-29 - 2º nel girone est di Serie A.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1929-30 - 2º nel girone est di Serie A; 4º nel torneo per il titolo.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1930-31 - 3º nel girone est di Prima Lega (prima serie).
    Coppa svizzera.png Vincitore della Coppa Svizzera (1º titolo).
  • 1931-32 - 4º nel girone 1 di Lega Nazionale (prima serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1932-33 - 3º nel girone 1 di Lega Nazionale.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1933-34 - 3º in Lega Nazionale.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1934-35 - 3º in Lega Nazionale.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1935-36 - 8º in Lega Nazionale.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1936-37 - 6º in Lega Nazionale.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1937-38 - Trofeo campionato svizzero di calcio.png Campione svizzero (1º titolo).
    Semifinali di Coppa Svizzera.
  • 1938-39 - 3º in Lega Nazionale.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1939-40 - 6º in Lega Nazionale.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1940-41 - Trofeo campionato svizzero di calcio.png Campione svizzero (2º titolo).
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1941-42 - 4º in Lega Nazionale.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1942-43 - 2º in Lega Nazionale.
    Finale di Coppa Svizzera.
  • 1943-44 - 3º in Lega Nazionale.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1944-45 - 2º in Lega Nazionale A (prima serie).
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1945-46 - 2º in Lega Nazionale A.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1946-47 - 3º in Lega Nazionale A.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1947-48 - 11º in Lega Nazionale A.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1948-49 - Trofeo campionato svizzero di calcio.png Campione svizzero (3º titolo).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1949-50 - 9º in Lega Nazionale A.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1950-51 - 8º in Lega Nazionale A.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1951-52 - 11º in Lega Nazionale A.
    Finale di Coppa Svizzera.
  • 1952-53 - 13º in Lega Nazionale A. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Lega Nazionale B (seconda serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1953-54 - Campione di Lega Nazionale B (1º titolo). Green Arrow Up.svg Promosso in Lega Nazionale A (prima serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1954-55 - 11º in Lega Nazionale A.
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1955-56 - 9º in Lega Nazionale A.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1956-57 - 10º in Lega Nazionale A.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1957-58 - 11º in Lega Nazionale A.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1958-59 - 11º in Lega Nazionale A.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1959-60 - 13º in Lega Nazionale A. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Lega Nazionale B (seconda serie).
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1960-61 - Campione di Lega Nazionale B (2º titolo). Green Arrow Up.svg Promosso in Lega Nazionale A (prima serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1961-62 - 10º in Lega Nazionale A.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1962-63 - 14º in Lega Nazionale A. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Lega Nazionale B (seconda serie).
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1963-64 - Campione di Lega Nazionale B (3º titolo). Green Arrow Up.svg Promosso in Lega Nazionale A (prima serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1964-65 - 5º in Lega Nazionale A.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1965-66 - 9º in Lega Nazionale A.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1966-67 - 3º in Lega Nazionale A.
    Semifinali di Coppa Svizzera.
  • 1967-68 - 3º in Lega Nazionale A.
    Coppa svizzera.png Vincitore della Coppa Svizzera (2º titolo).
  • 1968-69 - 5º in Lega Nazionale A.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
    Sedicesimi di finale di Coppa delle Coppe.
  • 1969-70 - 6º in Lega Nazionale A.
    Semifinali di Coppa Svizzera.
  • 1970-71 - 3º in Lega Nazionale A.
    Finale di Coppa Svizzera.
  • 1971-72 - 9º in Lega Nazionale A.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
    Trentaduesimi di finale di Coppa UEFA.
  • 1972-73 - 8º in Lega Nazionale A.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1973-74 - 12º in Lega Nazionale A.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1974-75 - 10º in Lega Nazionale A.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1975-76 - 12º in Lega Nazionale A. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Lega Nazionale B (seconda serie).
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1976-77 - 4º in Lega Nazionale B.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1977-78 - 3º in Lega Nazionale B.
    Terzo turno preliminare di Coppa Svizzera.
  • 1978-79 - 3º in Lega Nazionale B. Vince lo spareggio-promotione contro il Winterthur (1-0 dts). Green Arrow Up.svg Promosso in Lega Nazionale A (prima serie).
    Terzo turno preliminare di Coppa Svizzera.
  • 1979-80 - 14º in Lega Nazionale A. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Lega Nazionale B (seconda serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1980-81 - 10º in Lega Nazionale B.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1981-82 - 7º in Lega Nazionale B.
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1982-83 - 4º in Lega Nazionale B.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1983-84 - 3º in Lega Nazionale B.
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1984-85 - 6º in Lega Nazionale B.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1985-86 - 3º in Lega Nazionale B.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1986-87 - 2º in Lega Nazionale B. Vince il Primo turno di spareggio-promozione contro il Vevey (t: 1-1, c: 1-0), perde il Turno finale contro l'Aarau (t: 0-5, c: 1-0).
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1987-88 - 1º nel girone est della Lega Nazionale B; 1º nel Gruppo B di promozione/relegazione Green Arrow Up.svg Promosso in Lega Nazionale A (prima serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1988-89 - 12º in Lega Nazionale A; 1º nel gruppo B del torneo di promozione/relegazione
    Semifinali di Coppa Svizzera.
  • 1989-90 - 7º in Lega Nazionale A; 6º nel torneo per il titolo.
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1990-91 - 5º in Lega Nazionale A; 5º nel torneo per il titolo.
    Trentaduesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1991-92 - 10º in Lega Nazionale A; 1º nel gruppo A del torneo di promozione/relegazione.
    Finale di Coppa Svizzera.
  • 1992-93 - 8º in Lega Nazionale A; 4º nel torneo per il titolo.
    Coppa svizzera.png Vincitore della Coppa Svizzera (3º titolo).
  • 1993-94 - 6º in Lega Nazionale A; 5º nel torneo per il titolo.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
    Sedicesimi di finale di Coppa delle Coppe.
  • 1994-95 - 2º in Lega Nazionale A; 2º nel torneo per il titolo.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1995-96 - 10º in Lega Nazionale A; 4º nel torneo di promozione/relegazione.
    Sedicesimi di finale di Coppa UEFA.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1996-97 - 10º in Lega Nazionale A; 7º nel torneo di promozione/relegazione. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Lega Nazionale B (seconda serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 1997-98 - 2º in Lega Nazionale B; 2º nel torneo di promozione/relegazione. Green Arrow Up.svg Promosso in Lega Nazionale A (prima serie).
    Semifinali di Coppa Svizzera.
  • 1998-99 - 10º in Lega Nazionale A; 1º nel torneo di promozione/relegazione.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
  • 1999-2000 - 11º in Lega Nazionale A; 1º nel torneo di promozione/relegazione.
    Semifinali di Coppa Svizzera.
  • 2000-01 - 2º in Lega Nazionale A.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2001-02 - 3º in Lega Nazionale A. Red Arrow Down.svg Retrocesso in Lega Nazionale B (seconda serie).
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
    Secondo turno preliminare di Champions League.
  • 2002-03 - 4º in Lega Nazionale B; abbandona il Torneo di promozione/relegazione dopo quattro partite.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
    Secondo turno preliminare di Coppa UEFA.

The death.svg 9 aprile 2003: Fallimento della società. Viene fondata l'Associazione Calcio Lugano, che ne rileva il titolo sportivo e la tradizione storica, ripartendo dalla Seconda Lega interregionale (quarta serie).

  • 2003-04 - 2º nel gruppo 3 di Seconda Lega interregionale.

30 giugno 2004: Fusione con il Football Club Malcantone Agno, dal quale acquisisce il diritto di partecipare alla successiva Challenge League (seconda serie).

4 giugno 2008: Riacquisizione del marchio e della denominazione Football Club Lugano.

  • 2008-09 - 2º in Challenge League. Perde lo spareggio-promozione contro il Lucerna (c: 1-0, t: 0-5).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2009-10 - 2º in Challenge League. Perde lo spareggio-promozione contro il Bellinzona (t: 1-2, c: 0-0).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2010-11 - 3º in Challenge League.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2011-12 - 5º in Challenge League.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2012-13 - 7º in Challenge League.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2013-14 - 2º in Challenge League.
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2014-15 - Campione di Challenge League (4º titolo). Green Arrow Up.svg Promosso in Super League (prima serie).
    Sedicesimi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2015-16 - 9º in Super League .
    Finale di Coppa Svizzera.
  • 2016-17 - 3º in Super League.
    Ottavi di finale di Coppa Svizzera.
  • 2017-18 - 8º in Super League.
    Quarti di finale di Coppa Svizzera.
    Fase a gironi della UEFA Europa League.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

I colori del FC Lugano sono storicamente il nero e il bianco, con il primo colore dominante nella divisa casalinga e il secondo in quella esterna.

Caratteristica peculiare delle casacche del club è il largo scaglione rovesciato o scapulaire (colloquialmente noto come V - di colore bianco sulla prima maglia e nero sulla seconda) impresso sul petto.

Le maglie da gioco per la stagione 2017-2018, fornite da Acerbis, sono così strutturate:

  • la divisa casalinga è nera con la summenzionata V bianca sul petto, scritte e dettagli bianchi. I calzettoni e i pantaloncini sono bianchi.
  • la seconda divisa presenta i colori invertiti: bianca con finiture nere, calzettoni e pantaloncini bianchi.
  • la terza divisa è rossa con la medesima V bianca sul petto, scritte e dettagli bianchi, calzettoni e pantaloncini in tinta.

Gli sponsor principali di maglia sono AIL - Aziende Industriali di Lugano e Nordstern, il cui marchio appare sul torso, unitamente a Raiffeisen, title sponsor del campionato di Super League. Sulla parte alta del dorso appare invece il marchio Casapool.

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Simbolo storico del Lugano è il monogramma FCL (abbreviazione del nome societario), di norma scritto a lettere bianche (o talora auree) racchiuse in un cerchio nero.

Tale disegno è stato talora associato a soluzioni grafiche più elaborate: ad esempio contornato dalla ragione sociale, inserito in uno scudetto palato, o ancora (nella versione usata fino al 2018) inscritto in un esagono nero bordato di bianco, contenente anche la V bianca (caratteristica peculiare delle maglie sociali), la ragione sociale, l'anno di fondazione e lo stemma araldico della città ticinese.

Tra il 2004 e il 2008, a seguito della fusione con il Malcantone Agno e dell'assunzione della denominazione Associazione Calcio Lugano, il summenzionato emblema esagonale venne minimamente modificato: il monogramma centrale fu tramutato in ACL, la dicitura sovrastante in AC LUGANO e al posto dell'anno di fondazione venne inserito lo stemma araldico del comune di Agno.

Nel 2018 il club ha optato per diversificare la propria identità visiva: il solo monogramma FCL (a lettere bianche in un cerchio nero) viene ri-adottato onde impiegarlo nella comunicazione e nella parte sportiva del sodalizio, mentre il simbolo esagonale viene relegato all'ambito istituzionale[31].

Inno[modifica | modifica wikitesto]

IL FC Lugano adotta quale inno ufficiale il brano Bianco-neri, scritto nel 1927 dal musicista italiano Bruto Mastelli (Ficarolo, 1878 - Lugano, 1962) all'interno della sua operetta intitolata Goal e verseggiato da Arrigo Cavenati. Il club ne utilizza in particolare l'incisione realizzata nel 1993 dalla Civica Filarmonica di Lugano, diretta da Pietro Damiani[1][32].

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Campo Marzio (Lugano) e Stadio comunale di Cornaredo.

Il Lugano gioca le partite casalinghe allo Stadio comunale di Cornaredo. Costruito nel 1951 (in sostituzione del vecchio impianto del Campo Marzio) ha una capienza massima di 14 873 spettatori (nel 2015 limitati a 6 500 per motivi di sicurezza), un terreno di gioco in erba naturale misurante 105x68 m e una pista regolamentare d'atletica leggera.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

Le selezioni societarie del FC Lugano sostengono le sedute di allenamento nel complesso sportivo pertinente al summenzionato stadio di Cornaredo, comprendente sei campi da gioco (di cui uno adibito alla pratica dell'hockey su prato) di varie dimensioni, con fondo in erba naturale e sintetica, nonché infrastrutture per altri sport.

Il complesso sportivo di Cornaredo è interamente proprietà del comune di Lugano ed è gestito dal relativo dicastero allo sport[33].

Società[modifica | modifica wikitesto]

Dal punto di vista amministrativo, il Lugano ha un assetto societario composito: ai sensi delle normative della Associazione Svizzera di Football, le attività di prima fascia sono infatti avocate a un soggetto giuridico distaccato rispetto a quelle del settore giovanile.

A seguito del fallimento societario del 2003, il 9 aprile di quell'anno il settore giovanile bianconero è passato in carico alla neocostituita Associazione Calcio Lugano. Nel 2004, a seguito della fusione col Malcantone Agno, la gestione della prima squadra è stata rilevata dalla società anonima F.C. Lugano-Agno SA, di cui l'associazione è diventata un'emanazione.

Tutta la "famiglia" delle squadre bianconere ha continuato a disputare i campionati sotto la denominazione Associazione Calcio Lugano fino al 4 giugno 2008, allorché (previa riacquisizione dei diritti di denominazione) la società maggiore è stata ribattezzata F.C. Lugano S.A., mentre l'associazione delle giovanili è divenuta Football Club Lugano.

Al 2008 risale inoltre la convenzione che lega le suddette entità in un'unica realtà calcistica, adottante gli stessi simboli, i medesimi colori e una governance armonica: la società anonima gestisce la prima squadra e la seconda (ovvero l'under-21), mentre l'associazione si occupa del resto delle giovanili.

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Dal sito web della società.[34][35]

Staff dell'area amministrativa
Organigramma F.C. Lugano SA
  • Italia Angelo Renzetti - Presidente del consiglio d'amministrazione
  • Svizzera Daniele Severoni - Membro del CdA
  • Svizzera Michele Campana - Direttore
  • Svizzera Sandro Rovelli - Consigliere del presidente
  • Svizzera Emanuela Fuoco Casarin - Amministrazione, contabilità e gestione delle risorse umane
  • Italia Carlalberto Natale - Amministrazione, contabilità e gestione risorse umane del settore giovanile e della ristorazione; responsabile gestione infortuni
  • Svizzera Claudio Magnoni - Segretario generale
  • Italia Luca Baldo - Segretario Sportivo
  • Italia Stefano Trabattoni - Comunicazione, ticketing e assistente di direzione
  • Svizzera Eugenio Jelmini - Responsabile a.i. della comunicazione
  • Svizzera Luca Pedroni - Responsabile marketing e business development
  • Svizzera Marco Ottini - Responsabile della sicurezza e della prevenzione
  • Svizzera Graziano Chiodero - Collaboratore Sicurezza
  • Svizzera Alessandro Grippaldi - Responsabile dei tifosi
  • Svizzera Giuseppe Fornara - Responsabile della logistica
  • Italia Michele Montenegro - Manager food and beverage stadium
Comitato direttivo Associazione Football Club Lugano - Settore Giovanile
  • Russia Leonid Novoselskiy - Presidente
  • Italia Natale Carlalberto - Vicepresidente
  • Svizzera Michele Campana - Vicepresidente
  • Italia Angelo Renzetti - Membro
  • Svizzera Luca Renzetti - Membro

[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito la cronologia di fornitori tecnici e sponsor del Lugano.

Cronologia degli sponsor tecnici
Cronologia degli sponsor ufficiali
  • fino al 1990 ...
  • 1990-1998 Bic
  • 1998-2001 ...
  • 2001-2002 Casinò di Lugano
  • 2002-2009 ...
  • 2009-2012 Casinò di Lugano, AIL
  • 2012-2014 ...
  • 2014-2015 AIL, Assimedia insurance broker
  • 2015-2016 AIL, Bravofly.com, Volkswagen e Parco Maraini
  • 2016-2017 AIL, Volkswagen, Cerutti Caffé e Fontana Print
  • 2017-2018 AIL, Nordstern, Casapool, Volkswagen

Settore giovanile[modifica | modifica wikitesto]

Il settore giovanile del FC Lugano, posto sotto la responsabilità tecnica di Enrico Morinini, Paolo Bernasconi, Manlio Bulgheroni e Andrea Pasquot, comprende otto squadre divise per fasce d'età (più la selezione under-21, costituente de facto la squadra delle riserve bianconera, militante nel campionato di quinta serie Seconda Lega interregionale[36]) e la scuola calcio, dedicata alle attività di base e di avviamento alla pratica sportiva[35].

Organico[modifica | modifica wikitesto]

Rosa 2018-2019[modifica | modifica wikitesto]

Aggiornata al 31 agosto 2018.[37].

N. Ruolo Giocatore
1 Svizzera P David Da Costa
3 Svizzera D Mijat Marić
4 Ungheria D Ákos Kecskés
6 Bosnia ed Erzegovina C Miroslav Covilo
7 Italia D Edoardo Masciangelo
8 Svizzera C Valon Fazliu
10 Svizzera C Mattia Bottani
11 Brasile A Carlinhos Júnior
13 Germania P Alexander Muci
14 Uruguay C Jonathan Sabbatini (capitano)
15 Costa d'Avorio D Eloge Yao
17 Ungheria C Bálint Vécsei
18 Italia C Mario Piccinocchi
19 Svezia A Alexander Gerndt
20 Croazia C Petar Brlek
21 Austria A Marc Janko
N. Ruolo Giocatore
22 Brasile C Emerson Crepaldi
27 Kosovo D Jetmir Krasniqi
28 Svizzera D Fulvio Sulmoni
29 Svizzera A Salah Aziz Binous
30 Svizzera D Fabio Daprelà
33 Slovenia C Domen Črnigoj
34 Svizzera C Eris Abedini
35 Nigeria D Stanley Amuzie
46 Svizzera P Noam Baumann
76 Svizzera P Lucio Soldini
77 Rep. Ceca C Roman Macek
91 Svizzera C Dragan Mihajlović
95 Italia A Carlo Manicone
99 Kosovo A Leutrim Kryeziu
Belgio C Alexandro Cavagnera

Staff tecnico[modifica | modifica wikitesto]

Dal sito web della società.[38][39][40]

Staff dell'area tecnica
Area tecnica
  • Svizzera Fabio Celestini - Allenatore
  • Italia Mirko Conte - Vice allenatore
  • Italia Mattia Croci Torti - Assistente allenatore
  • Inghilterra Nicholas Townsend - Preparatore atletico
  • Italia Luca Redaelli - Preparatore dei portieri
  • Svizzera Marco Padalino -Team manager
Area sanitaria
  • Italia Ferdinando Battistella - Medico sociale
  • Svizzera Cristiano Bernasconi - Medico
  • non conosciuta Marco Valcarenghi - Medico
  • Italia Vittorio Bruni Prenestino - Massaggiatore
  • Svizzera Martino Donati - Fisioterapista
  • non conosciuta Yuri Scannapieco - Massoterapista
  • Svizzera Jacopo Soranzo - Fisioterapista
Collaboratori
  • Svizzera Claudia Campana - Fotografa
  • Svizzera Flavio Lodigiani - Magazziniere

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del F.C. Lugano

Allenatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Allenatori del F.C. Lugano

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

1938, 1941, 1949
1931, 1968, 1993
1954, 1961, 1964, 2015

Competizioni internazionali[modifica | modifica wikitesto]

1967

Competizioni giovanili[modifica | modifica wikitesto]

1999, 2003

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Secondo posto: 1942-1943, 1944-1945, 1945-1946, 1994-1995, 2000-2001
Terzo posto: 1933-1934, 1934-1935, 1938-1939, 1943-1944, 1946-1947, 1966-1967, 1967-1968, 1970-1971, 2001-2002, 2016-2017
Finalista: 1942-1943, 1951-1952, 1970-1971, 1991-1992, 2015-2016
Semifinalista: 1966-1967, 1969-1970, 1988-1989, 1999-2000
Semifinalista: 1965-1966

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Risultati internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Competizione Turno Avversario Andata Ritorno Totale
1968-1969 Coppa delle Coppe Sedicesimi di finale Spagna Barcellona 0-1 (C) 0-3 (T) 0-4
1971-1972 Coppa UEFA Trentaduesimi di finale Polonia Legia Varsavia 1-3 (C) 0-0 (T) 1-3
1993-1994 Coppa delle Coppe Turno preliminare Flag of Belarus (1991).png Nëman 5-0 (C) 1-2 (T) 6-2
Sedicesimi di finale Spagna Real Madrid 0-3 (T) 1-3 (C) 1-6
1995-1996 Coppa UEFA Turno preliminare Lussemburgo Jeunesse Esch 0-0 (T) 4-0 (C) 4-0
Trentaduesimi di finale Italia Inter 1-1 (C) 1-0 (T) 2-1
Sedicesimi di finale Rep. Ceca Slavia Praga 1-2 (C) 0-1 (T) 1-3
2001-2002 Champions League Secondo turno preliminare Ucraina Šachtar 0-3 (T) 2-1 (C) 2-4
2002-2003 Coppa UEFA Secondo turno preliminare Lettonia Ventspils 0-3 (T) 1-0 (C) 1-3
2017-2018 UEFA Europa League Fase a gironi, 1ª/5ª giornata Israele Hapoel Be'er Sheva 1-2 (T) 1-0 (C)
Fase a gironi, 2ª/6ª giornata Romania FCSB 1-2 (C) 2-1 (T)
Fase a gironi, 3ª/4ª giornata Rep. Ceca Viktoria Plzeň 3-2 (C) 1-4 (T)

Tifoseria[modifica | modifica wikitesto]

Le fazioni di tifoseria organizzata del FC Lugano, che in occasione delle partite casalinghe prendono posto nella curva nord dello stadio di Cornaredo, si organizzano attorno al gruppo guida denominato Teste Matte (fondato nel 2007 e attivo anche al seguito della squadra cittadina di hockey su ghiaccio[41]). Ad esso si affiancava il collettivo Brigata LVGA, poi disciolto nel 2012.

Il tifo organizzato luganese si proclama apolitico e non ideologizzato; tra le sue fila si annovera tuttavia la presenza di elementi skinhead professanti ideali di estrema destra, alcuni dei quali negli anni 2010 si sono organizzati nel gruppo minore Bravi ragazzi[41].

Gemellaggi[modifica | modifica wikitesto]

Un forte rapporto di amicizia, risalente agli anni 1990, lega i tifosi luganesi ai supporters del Servette: sovente le tifoserie assistono congiuntamente alle partite, scambiandosi pubblico e striscioni. Tale rapporto è corroborato dai rispettivi rapporti di amicizia e rivalità sussistenti con altri club: i tifosi del Servette considerano infatti come rivale il pubblico del Sion, il quale invece coltiva buoni rapporti con i tifosi del Chiasso, a loro volta rivali del Lugano[42].

Le già citate frange politicizzate intrattengono invece un rapporto di amicizia internazionale coi supporters delle squadre di calcio e di pallacanestro di Varese, le cui frange ultras sono note per la loro stretta aderenza alle ideologie di estrema destra. Occasionalmente essi presenziano anche alle gare dell'Hellas Verona, la cui tifoseria è egualmente affine a tale area politica[41].

Rivalità[modifica | modifica wikitesto]

Per quanto concerne le rivalità, particolarmente accesa è quella contro il Bellinzona, con il quale si disputa il cosiddetto derby del Ticino; i due rispettivi club rappresentano infatti le due città più popolose del Canton Ticino (nonché le uniche ad aver vinto perlomeno un titolo nazionale) e le partite sono considerate molto rischiose, con possibilità di tafferugli tra le opposte tifoserie[43].

Egualmente molto sentite sono anche le rivalità con altre due squadre ticinesi, ovvero il Locarno (a sua volta rivale del Servette)[44] e il Chiasso (vicino al Sion, altra squadra rivale del Lugano)[42].

Al di fuori del cantone d'appartenenza, la tifoseria luganese considera rivali i supporters di Grasshoppers, Zurigo[45], San Gallo[46] e Sion[42].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Le parole dell'inno bianconero - fclugano.com, 5 nov 2014
  2. ^ Sergio Ostinelli e Floro Cadini, Il Lugano ricorda, Immagini voci e documenti di 75 anni di storia del FC Lugano, p. 11-13.
  3. ^ Il Lugano ricorda..., p. 16.
  4. ^ Il Lugano ricorda..., p. 18.
  5. ^ Il Lugano ricorda..., p. 20.
  6. ^ Gs Guerin Sportivo, n°4 (aprile 2012), p. 132.
  7. ^ Calcio: a Lugano si torna a sperare www.swissinfo.ch.
  8. ^ Ticinonline - Ticino - AC Lugano, Preziosi vende e Pastorello compra[collegamento interrotto]
  9. ^ a b Samp, il nuovo Ds modella lo staff, ilsecoloxix.it, 28 maggio 2011. URL consultato il 1º settembre 2014.
  10. ^ Comunicato stampa ufficiale, su bianconeri.ch.
  11. ^ Ticinonline, 28 maggio 2011[collegamento interrotto]
  12. ^ Ticinonews - Bignotti dg dell'FC Lugano![collegamento interrotto]
  13. ^ L'ex Spezia Pane nuovo mister del Lugano - Legapro - TUTTO MERCATO WEB[collegamento interrotto]
  14. ^ Corriere del Ticino, 7 giugno 2011
  15. ^ Zeman è il nuovo tecnico del Lugano. Il
  16. ^ Lugano, Renzetti: “Congiura per farci retrocedere e salvare lo Zurigo” - itasportpress.it, 23 mag 2016
  17. ^ Tutto sulla conferenza stampa di presentazione del Lugano - chalcio.com, 17 lug 2015
  18. ^ Lugano: con una difesa così... - tio.ch, 24 apr 2016
  19. ^ Lugano, altra prestazione inaccettabile. Zeman sprofonda, a Berna finisce 7-0! - tio.ch, 9 apr 2016
  20. ^ Zemanlandia, altro giro di Super! - rsi.ch/sport, 25 mag 2016
  21. ^ La Coppa Svizzera resta un sogno - rsi.ch/sport, 29 mag 2016
  22. ^ Zeman dice no e non tornerà a Lugano! - tio.ch, 4 giu 2016
  23. ^ Andrea Manzo allenatore a.i. del FC Lugano - fclugano.com, 17 giu 2016
  24. ^ Ufficiale: Andrea Manzo allenatore FCL - fclugano.com, 24 giu 2016
  25. ^ Manzo: cosa deciderà di fare Renzetti? - tio.ch, 12 dic 2016
  26. ^ Il FC Lugano e mister Manzo si separano - fclugano.com, 19 dic 2016
  27. ^ Paolo Tramezzani nuovo allenatore del FC Lugano - fclugano.com, 21 dic 2016
  28. ^ Ma quanto è bello il Lugano di Tramezzani! - tio.ch, 24 apr 2017
  29. ^ Renzetti: capisco Tramezzani - fclugano.com, 7 giu 2017
  30. ^ Abascal nuovo allenatore del Lugano - tio.ch, 9 apr 2018
  31. ^ FC Lugano rinnova il suo marchio - fclugano.com, 22 mag 2018
  32. ^ Biografia di Bruto Mastelli - federmandolino.it
  33. ^ Centro sportivo Cornaredo - lugano.ch
  34. ^ Cariche sociali - fclugano.com
  35. ^ a b Comitato - fclugano.com
  36. ^ FC Lugano U21 - transfermarkt.it
  37. ^ Swiss Football League, FC Lugano- Swiss Football League, su www.sfl.ch. URL consultato il 24 luglio 2018.
  38. ^ Staff tecnico - fclugano.com
  39. ^ Staff medico - fclugano.com
  40. ^ Collaboratori - fclugano.com
  41. ^ a b c Sono solo bravi ragazzi - RSI.ch, 19 mag 2017
  42. ^ a b c Tifocronache: Lugano-Servette 0-2, Challenge League 2013/14 - sportpeople.net, 24 ott 2013
  43. ^ Niente Bellinzona a Cornaredo, ecco perché - ticinonews.ch, 20 ott 2014
  44. ^ Tifocronache: Locarno-Servette 0-4, Challenge League - sportpeople.net, 9 gen 2014
  45. ^ Incontro ad alto rischio tra il Lugano e i Grasshoppers - swissinfo.ch, 24 ago 2000
  46. ^ Scontri e botte nel dopo partita - Corriere del Ticino, 18 ott 2015

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]