Stadio Geōrgios Karaiskakīs

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Stadio Geōrgios Karaiskákis
Karaiskakis Stadium Piraeus Olympiacos-Arsenal.jpg
Informazioni
Stato Grecia Grecia
Ubicazione Pireo, Grecia
Inizio lavori 1895
Inaugurazione 1895
Struttura Pianta quadrata
Copertura Tutti i settori
Ristrutturazione 1964, 2004 (ricostruzione completa)
Mat. del terreno Erba
Proprietario Grecia
Uso e beneficiari
Calcio Olympiakos
Capienza
Posti a sedere 33 334
Mappa di localizzazione

Coordinate: 37°56′46.21″N 23°39′52.33″E / 37.946169°N 23.664536°E37.946169; 23.664536

Lo stadio Geōrgios Karaiskakīs (in greco: Στάδιο Γεώργιος Καραϊσκάκης) è lo stadio del Pireo (Attica), ed è il secondo stadio della capitale della Grecia. Ospita le partite casalinghe dell'Olympiakos. È classificato come uno degli stadi a 4 stelle UEFA.

Situato nella zona Faliro, un quartiere del Pireo, prende il nome da Georgios Karaiskakis, eroe nazionale della guerra d'indipendenza greca.

Essendo uno degli stadi più importanti del paese, ha ospitato gli europei di atletica del 1969 e nel 1971 la finale di Coppa delle Coppe 1970-1971 tra Chelsea e Real Madrid.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Lo stadio fu costruito nel 1895 come velodromo per ospitare gli eventi di ciclismo per le olimpiadi estive del 1896. Il suo nome originario era Neo Phaliron Velodrome. L'Olympiakos cominciò ad usare questo stadio sin dalla sua fondazione nel 1925. Nel 1964 lo stadio fu rinnovato, prendendo l'attuale nome e la forma che aveva fino al 2003, cioè con la pista di atletica intorno al terreno di gioco.

La storia dello Karaiskakis e dell'Olympiakos è stata segnata dalla peggior tragedia dello sport greco, conosciuta come "disastro dello stadio Karaiskakis". L'8 febbraio 1981 l'Olympiakos ospitò l'AEK, gara finita per 6-0 ed evento senza precedenti, perché l'Olympiakos mai si era imposto con uno scarto così grande su un'altra squadra ospitata al Pireo. Durante gli ultimi minuti di gioco centinaia di tifosi dell'Olympiakos si precipitarono verso il Gate 7, l'uscita principale, per festeggiare con i giocatori, ma le porte erano chiuse e i tornelli rimasero quasi tutti bloccati, impedendo l'uscita delle persone. Mentre la gente continuava a scendere dalle tribune, incapace di vedere cosa stesse succedendo, il Gate 7 diventò una trappola mortale: furono schiacciate tantissime persone, decine di tifosi furono gravemente feriti e 21 giovani morirono per soffocamento.

Nel 1984 l'Olympiakos abbandonò il Karaiskakis temporaneamente per andare a giocare nell'appena costruito Stadio Olimpico di Atene. Dopo cinque anni nello stadio olimpico la squadra tornò a giocare al Karaiskakis, dove rimase fino al 1997, per poi tornare allo stadio olimpico. Nel 2002 lo stadio Olimpico fu chiuso per i lavori di rinnovo per le Olimpiadi estive di Atene del 2004 e quindi la squadra dovette trasferirsi allo Stadio Georgios Kamaras a Rizoupoli, stadio di casa dell'Apollon Smirne. L'Olympiakos rimase in questo stadio per due anni.

Lo stadio Karaiskakis, oramai in rovina, fu affidato all'Olympiakos. Il club ebbe l'obbligo di ricostruirlo e di rimuovere la pista di atletica, lasciando soltanto il campo di calcio. Questo fu richiesto perché lo stadio doveva ospitare le partite di calcio delle olimpiadi. In cambio l'Olympiakos ottenne il diritto all'uso esclusivo dello stadio fino al 2052, coprendo tutti i costi di manutenzione e pagando il 15% delle entrate, allo Stato. Il vecchio stadio fu demolito nella primavera del 2003 e fu ricostruito nel tempo record di 14 mesi. Fu completato il 30 giugno 2004, per un costo totale di 60 milioni di euro.

Oggi il Karaiskakis è uno degli stadi più moderni d'Europa. Ospita anche il museo dell'Olympiakos e numerosi servizi.

Incontri internazionali[modifica | modifica wikitesto]

Finale della Coppa delle Coppe[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]