Parma Football Club 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Parma Football Club.

Parma Football Club
Stagione 2014-2015
Allenatore Italia Roberto Donadoni
All. in seconda Italia Luca Gotti
Presidente Italia Tommaso Ghirardi, poi
Italia Pietro Doca,[1] poi
Italia Fabio Giordano,[2] poi
Albania Ermir Kodra,[3] poi
Italia Giampietro Manenti,[4] poi
Italia Angelo Anedda e
Italia Alberto Guiotto[5]
Serie A 20º posto (Fallito e iscritto dalla FIGC in Serie D)
Coppa Italia Quarti di finale
Maggiori presenze Campionato: Gobbi, José Mauri, Mirante (34)
Totale: Mirante (35)
Miglior marcatore Campionato: Cassano (5)
Totale: Cassano (5)
Stadio Ennio Tardini
Abbonati 9 580
Maggior numero di spettatori 15 311 vs. Juventus (11 aprile 2015)
Minor numero di spettatori 1 083 vs. Cagliari (14 gennaio 2015)
Media spettatori 11 904 (Serie A)
11 219 (Totale)

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Parma Football Club nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Roberto Donadoni resta alla guida del club ducale per la quarta stagione consecutiva.

Nell'annata 2014-2015 i ducali partecipano per la 24ª volta nella loro storia (la sesta consecutiva) al massimo campionato di calcio italiano.

All'inizio della stagione agonistica il Parma, piazzatosi al sesto posto nella stagione precedente e pertanto qualificato all'Europa League, non ottiene la licenza UEFA e viene pertanto estromesso dalle coppe europee.[6] Il 30 maggio 2014, a seguito di tale decisione, il presidente Tommaso Ghirardi annuncia pubblicamente le proprie dimissioni dalle cariche sociali e dichiara la messa in vendita la società,[7] salvo poi ritirare le dimissioni il 12 settembre, a seguito di una richiesta rivoltagli dal CdA del club.

Il ritiro estivo dei ducali ha inizio il 10 luglio, nel centro sportivo locale di Collecchio.[8] Nel mese di agosto il Parma si trasferisce ad Avellino per il triangolare del 2 agosto con Avellino e Bordeaux, quindi si sposta a Eboli per l'amichevole con la Salernitana del 4 agosto. Il successivo 8 agosto la squadra parte per la tournée in Gran Bretagna fino al 13 dello stesso mese, per poi fare ritorno l'indomani a Collecchio.[9]

Il calciomercato è caratterizzato principalmente dall'inserimento in rosa di giocatori di categoria inferiore richiamanti dai rispettivi prestiti. Tra i movimenti più rilevanti si segnalano l'acquisto del regista Francesco Lodi dal Catania e il ritorno di Ishak Belfodil dal Livorno.[10] Tra le partenze si segnala quella di Marco Marchionni, che approda alla Sampdoria in cambio di Andrea Costa,[11] di Gianni Munari, che si trasferisce in Inghilterra al Watford,[12] di Walter Gargano, che ritorna al Napoli, di Ezequiel Schelotto,[13] di Marco Parolo (elemento determinante nella stagione precedente) che approda a titolo definitivo alla Lazio,[14] e di Amauri, trasferitosi nell'ultima giornata di mercato al Torino.[15] Nell'ultimo giorno di transazioni il Parma si rinforza in difesa acquisendo a titolo temporaneo dalla Juventus Paolo De Ceglie.[16]

L'esordio del Parma in campionato avviene in trasferta al Manuzzi di Cesena, con gli emiliani che vengono sconfitti per 1-0 dal neopromosso Cesena grazie al gol segnato nella ripresa da Alejandro Rodríguez.[17][18] Nella seconda gara della stagione, il 14 settembre, il Parma perde in casa una partita rocambolesca contro il Milan, che vince per 4-5.[19][20][21] Lo stesso mese arriva inoltre la notizia dell'indisponibilità per tutta la stagione di Jonathan Biabiany, cui viene diagnosticata un'aritmia cardiaca.[22][23]

Il rendimento della squadra di Roberto Donadoni si mantiene scarso: in particolare i crociati inanellano una serie di sei sconfitte consecutive, interrotta alla 10ª giornata dalla vittoria casalinga per 2-0 contro l'Inter,[24][25][26] alla quale fa tuttavia seguito, all'11ª giornata, un secco 7-0 esterno contro la Juventus[27] (risultato che costituisce la più ampia sconfitta nella storia degli emiliani in Serie A[28][29]).

Alle difficoltà in campo si sommano presto quelle societarie: il 7 dicembre Tommaso Ghirardi vende ufficialmente il Parma a una cordata con capitali russo-ciprioti rappresentata dall'avvocato Fabio Giordano,[30][31] che il 16 dicembre si presenta ufficialmente come vicepresidente del club, mentre la massima carica sociale va a Pietro Doca.[32] Il 19 dicembre le quote di maggioranza della Eventi Sportivi S.p.A. (società controllante il club ducale) vengono acquisite dalla cipriota Dastraso Holdings Ltd., che si dichiara attiva nel ramo dell'estrazione petrolifera.[33] Il 21 gennaio la presidenza del club passa a Ermir Kodra (che ricopre anche la carica di amministratore delegato e direttore generale), mentre la proprietà viene avocata a Rezart Taçi.[34][35] Il 9 dicembre al club viene irrogato un punto di penalità a causa del pagamento solo parziale dell'IRPEF dell'ultimo semestre dell'anno precedente.[36]

Al termine del girone d'andata il Parma si trova in ultima posizione insieme al Cesena, con soli 9 punti conquistati, eguagliando così il record negativo di punti nel girone d'andata stabilito dall'Ascoli nella stagione 2006-2007.[37] Inoltre il Parma risulta essere la squadra che ha collezionato meno punti anche a confronto con le altre ultime classificate dei quattro campionati europei col maggior tasso tecnico: in Premier League il Leicester City è infatti ultimo con 13 punti, nella Liga il Granada ne ha 14, in Ligue 1 in Caen 15 così come in Bundesliga il Borussia Dortmund e il Friburgo).[38] Il 25 gennaio la sconfitta nello scontro diretto casalingo contro il Cesena per 2-1 lascia il Parma all'ultimo posto solitario, suscitando le proteste della tifoseria organizzata; nel dopopartita il DG Pietro Leonardi è colto da un malore a causa dello stress e viene ricoverato in ospedale.

Il 23 gennaio viene annunciata la decisione di Antonio Cassano di mettere in mora il club per il mancato versamento delle mensilità; la società replica negando la circostanza e affermando che l'attaccante aveva solo reclamato lo stipendio non pagato.[39][40][41] Dopo la gara persa contro il Cesena,[42] il 26 gennaio Cassano rescinde il suo contratto con il Parma.[43][44] Il 29 gennaio anche Lodi segue l'esempio dell'ex compagno e mette in mora la società chiedendo il pagamento di tutti gli stipendi arretrati entro 21 giorni.[45][46][47]

Durante la sessione invernale del calciomercato i ducali si rinforzano con gli arrivi a titolo temporaneo di Andi Lila dal PAS Giannina,[48][49] di Antonio Nocerino dal Milan, di Cristian Rodríguez dall'Atlético Madrid[50][51] e di Silvestre Varela dal Porto.[52] Nell'ultima giornata utile della finestra invernale, il 2 febbraio, ritorna dal prestito al Palermo anche Zouhair Feddal.[53] Tra le cessioni si registrano molte partenze di giocatori scoraggiati dalla difficile situazione societaria: De Ceglie torna alla Juventus,[54][55] mentre Gabriel Paletta approda al Milan dopo quattro anni e mezzo al Parma;[56][57] Afriyie Acquah ritorna all'Hoffenheim che lo cede poi alla Sampdoria,[58] mentre il difensore Felipe rescinde consensualmente il suo contratto.[59] Lascia anche l'attaccante Nicola Pozzi, che viene ceduto in prestito con diritto di riscatto fissato a soli 1000 € al Chievo.[60][61][62]

Il cammino in Coppa Italia del Parma inizia direttamente agli ottavi di finale (in virtù del sesto posto ottenuto nella stagione precedente). Il 14 gennaio i ducali si qualificano ai quarti superando il Cagliari per 2-1 con gol di Paletta e Rispoli.[63][64] La corsa si ferma però già al turno successivo, il 28 gennaio, allorché la Juventus passa per 1-0 al Tardini con gol di Álvaro Morata.[65][66][67]

Il 6 febbraio la società viene nuovamente ceduta a una cordata italiana.[68][69] Il nuovo proprietario si rivela essere Giampietro Manenti, amministratore delegato della Mapi Group (società di consulenze basata a Nova Gorica), che paga alla Dastraso Holding la cifra simbolica di 1€ e si accolla tutto il debito sociale, impegnandosi inoltre a pagare 15 milioni di euro entro il 16 febbraio per saldare gli stipendi arretrati e scongiurare la messa in mora della società.[70] Il 13 febbraio Pietro Leonardi viene deferito dalla FIGC per non aver documentato l'avvenuto pagamento delle ritenute IRPEF e dei contributi INPS per le mensilità di luglio, agosto e settembre 2014; lo stesso giorno egli si dimette dal CdA del club, mantenendo la sola carica di direttore generale.

Alla mezzanotte del 16 febbraio, termine di scadenza dell'ultimo giorno utile del pagamento degli stipendi, non viene versato alcun bonifico a seguito della notifica della procura dell'istanza di fallimento L'indomani, a seguito di una procedura di pignoramento avviata da Equitalia, gli ufficiali incaricati sequestrano al centro sportivo di Collecchio alcuni automezzi (furgoni e auto) intestati al club.[71] In classifica, a seguito dei deferimenti della FIGC, la penalità cresce di cinque punti (dei quali due per l'insolvenza di novembre e tre per la recidiva del 16 febbraio, per il mancato pagamento degli stipendi);[71] il presidente Manenti continua tuttavia a professarsi sicuro dell'arrivo dei soldi. Intanto la Procura Federale di Parma, attraverso i P.M. Paola Dal Monte, Giuseppe Amara e Umberto Ausiello, chiede l'apertura della procedura di fallimento della società, date le inadempienze fiscali e la voragine debitoria di 97 milioni di €.[72][73]

Il 18 febbraio Manenti riesce a ottenere una proroga sui termini di pagamento e ostenta sicurezza sull'arrivo dei soldi, mentre il presidente dell'AIC Damiano Tommasi, dopo un incontro con la squadra, si proclama cautamente fiducioso sull'attuazione delle promesse e degli impegni presi a parole dalla nuova proprietà.[74] Il mattino del 19 febbraio il GOS (Gruppo Operativo sulla Sicurezza) si riunisce alla questura di Parma e scongiura l'ipotesi di cancellazione della partita, mentre Manenti incontra nuovamente la squadra e chiede ancora fiducia per i pagamenti e il bonifico.[75] Nonostante ciò il 20 febbraio la gara casalinga contro l'Udinese viene rinviata a data da destinarsi.[76] Frattanto il dg Leonardi viene ricoverato in ospedale per un altro malore e il 21 febbraio viene trasferito in un centro specializzato nella cura degli stati d'ansia e per quelli depressivi.[77] Il giorno seguente circa mille tifosi si radunano per protesta sotto casa sua e lo insultano.[78]

Dinnanzi alle difficoltà sempre più evidenti, il presidente della Sampdoria Massimo Ferrero si proclama disponibile ad aiutare economicamente il club parmense pagando la trasferta della Primavera in Liguria,[79] e invita le altre squadre di Serie A a concorrere al salvataggio del Parma,[80] ottenendo però il rifiuto del Cesena.[81] Frattanto si fa avanti l'Inter, che offre un pullman agli Allievi emiliani per partecipare a un torneo.[82] Le confische dei beni del club proseguono: dopo i pulmini e le auto, il 5 marzo finiscono all'asta anche le panchine dello stadio e il mobilio dello spogliatoio, con il prezzo base di 5 000 €.[83] Il 26 febbraio i giocatori rendono noto il rifiuto di scendere in campo nella trasferta contro il Genoa; le altre squadre, in segno di solidarietà, iniziano le gare alle 15:15 anziché alle 15:00.[84] Il giorno seguente, come da richiesta dei giocatori alla FIGC, diventa ufficiale il rinvio della gara Genoa-Parma a data da destinarsi.[85]

Il 4 marzo Pietro Leonardi si dimette dall'incarico di direttore generale per motivi di salute[86][87] e insieme all'ex presidente Ghirardi finisce nel registro degli indagati per concorso in bancarotta fraudolenta nell'inchiesta della Procura di Parma sulla gestione della società.[87][88]

La Lega di Serie A delibera infine a maggioranza (16 club a favore su 20) di versare al club fino a 5 milioni di euro tramite il fondo delle multe comminate dal giudice sportivo[89] per consentire alla squadra di concludere regolarmente la stagione. Perciò, dopo due settimane di stop, i giocatori accettano di tornare in campo nella gara casalinga contro l'Atalanta.[90]

Il 14 marzo al Parma vengono inflitti altri due punti di penalizzazione (per un totale di tre), mentre Ghirardi e Leonardi vengono inibiti per quattro mesi.[91] Dopo la sconfitta contro il Sassuolo, il 16 marzo il presidente Manenti rifiuta l'offerta d'acquisto al prezzo di 500.000 € avanzata dal finanziere Alessandro Proto, chiedendo non meno di 5 milioni di euro.[92] Due giorni dopo Manenti viene arrestato con l'accusa di reimpiego di capitali illeciti, per aver provato a ottenere con l'aiuto di complici 4,5 milioni di euro da versare al club tramite l'utilizzo di carte di credito clonate.[93] Il giorno seguente il Parma viene dichiarato ufficialmente fallito[94][95][96][97][98][99] dal Tribunale di Parma, che lo pone in regime di esercizio provvisorio dell'impresa e nomina Angelo Anedda e Alberto Guiotto come curatori fallimentari.[94][97][98][100][101] Viene rivelato inoltre che i debiti del club emiliano ammontano a 218.446.754,61 €, con un patrimonio netto negativo di 46.696.901 € e un ingente debito sportivo stimabile allo Stato in 74.360.912 € (di cui 63.039.920 € nei confronti dei calciatori tesserati).[94][102]

Il 21 aprile la base d'asta per rilevare la società viene fissata a 20 milioni di €.[103] Il giorno seguente il Tribunale di Parma dichiara anche il fallimento della Eventi Sportivi S.p.A., la società in mano a Manenti che deteneva il 90% del capitale sociale del Parma, e nomina un ulteriore curatore fallimentare. Lo stato d'insolvenza appare infatti conclamato e irreversibile con una situazione debitoria complessiva (secondo le risultanze del bilancio al 30 giugno 2014, ultimo rendiconto disponibile) di 63.786.083 € a fronte di un attivo patrimoniale di circa 12 milioni di €.[104]

Con la sconfitta per 4-0 contro la Lazio del 29 aprile, il Parma retrocede matematicamente in Serie B con cinque giornate d'anticipo e saluta la massima serie dopo sei stagioni consecutive: l'ultima stagione in B era stata nel 2008-2009.

Le aste del 6, 12, 18, 22 e 28 maggio (con base iniziale fissata a 20 milioni di € e finale a 6) vanno tutte deserte e così si procede con la convocazione straordinaria per il 9 giugno come ultima procedura di vendita, con un prezzo di vendita ribassato ulteriormente a 4,5 milioni di €; inoltre viene prorogato l'esercizio provvisorio fino al 15 giugno.[105] Il 9 giugno non perviene ancora alcuna offerta, ma solo una manifestazione d'interesse giunta a firma delle società VIRIS S.p.A. (ambito immobiliare) e Unigasket S.p.A (settore PTFE Paste Extrusion), che il giorno seguente vengono poste all'attenzione del comitato dei creditori e del giudice delegato Rosato,[106] che autorizza i curatori fallimentari ad avviare trattative private con Giuseppe Corrado, presidente e A di The Space Cinema, e con Mike Piazza, ex giocatore di baseball statunitense affiancato da un gruppo di imprenditori americani e dalla banca JP Morgan. A essi viene richiesto di mettere a disposizione entro il 12 giugno tutti i dati richiesti e versare un deposito cauzionale non inferiore 900.000 euro.[107]

Il 22 giugno, non essendosi concretizzata alcuna offerta d'acquisto, il giudice delegato decreta la fine dell'esercizio provvisorio del Parma con susseguente avvio della procedura di liquidazione e delle azioni risarcitorie, sancendo così la definitiva estromissione del club ducale dal calcio professionistico italiano.[108] Il 22 giugno 2015 i giocatori vengono svincolati e le comproprietà risolte.

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Il fornitore tecnico per la stagione 2014-2015 è Erreà, mentre gli sponsor ufficiali sono Vorwerk attraverso il marchio Folletto ed Energy T.I. Group.[109] Su tutte campeggia per la prima volta il nuovo stemma del Parma, che succede a quello speciale creato per il centenario.[110] La forma riprende lo scudo degli anni cinquanta, all'interno permangono la croce nera su fondo bianco e sette strisce gialloblù che riprendono i colori della città.[110]

La prima maglia è nel solco della tradizione, bianca con la croce nera, su cui poggia il colletto a polo nero con scollatura bianca, arricchito dalla scritta "Parma F.C." sul tergisudore interno e sul retro.[110] La croce è stata ridotta rispetto allo scorso anno e non prosegue nella parte posteriore.[110] Cambio di modello per la seconda maglia, blu con righe orizzontali tono su tono a impreziosirla e palo centrale giallo che scende dal colletto alla coreana.[110] Sempre dal colletto partono due code di topo che terminano sotto le maniche, queste definite da un inserto giallo.[110] La terza maglia riprende esattamente quella casalinga, ma si colora di giallo con croce blu, una soluzione utilizzata più volte nella storia del Parma ed è abbinata a pantaloncini e calze gialle.[110] Nella collezione Erreà c'è spazio anche per una quarta maglia speciale di colore verde, un omaggio al main sponsor Folletto: anche qui sono presenti le strisce tono su tono, ma in verticale.[110] Il colletto è a polo con un tassello bianco, mentre sull'orlo delle maniche compaiono il giallo a destra e il blu a sinistra.[110]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Calzettoni
Terza divisa

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa aggiornata al 6 maggio 2015.[111]

N. Ruolo Giocatore
1 Italia P Riccardo Bertozzi [112]
1 Italia P Alex Cordaz[113]
2 Italia D Mattia Cassani
3 Albania C Andi Lila[114]
4 Portogallo D Pedro Mendes (Svizzera)
5 Algeria A Abdelkader Ghezzal
6 Italia D Alessandro Lucarelli (c)
7 Italia D Luca Ravanelli [112]
7 Francia A Jonathan Biabiany[115] (Guadalupa)
8 Italia C José Mauri (Argentina)
9 Italia A Nicola Pozzi[113]
10 Algeria A Ishak Belfodil[116] (Francia)
11 Italia D Paolo De Ceglie[113]
11 Brasile A Amauri[117] (Italia)
13 Italia D Giuseppe Prestia
13 Macedonia D Stefan Ristovski[113]
14 Italia C Daniele Galloppa
15 Italia D Andrea Costa
17 Italia A Raffaele Palladino
18 Italia D Massimo Gobbi
19 Brasile D Felipe[113] (Italia)
20 Marocco A Soufiane Bidaoui[113] (Belgio)
20 Algeria C Ismaël Taïder [112]
21 Italia C Francesco Lodi
22 Italia P Alessandro Iacobucci
N. Ruolo Giocatore
23 Italia C Antonio Nocerino[114]
24 Uruguay C Cristian Rodríguez[114][118]
26 Portogallo A Silvestre Varela[114]
27 Italia D Fabiano Santacroce (Brasile)
28 Marocco D Zouhair Feddal[114]
29 Italia D Gabriel Paletta[113] (Argentina)
30 Ghana C Afriyie Acquah[113]
31 Kenya C McDonald Mariga
33 Italia D Andrea Rispoli[113]
34 Slovacchia C Lukáš Haraslín [112]
36 Italia P Diego Rossetto [112]
37 Francia C Jeremie Broh [112]
38 Croazia D Martin Erlic [112]
40 Senegal C Badara Sarr [112][113]
42 Italia D Davide Zuccolini [112]
44 Cile A Ignacio Jeraldino [112][113]
54 Ghana C Solomon Nyantakyi [112]
58 Italia D Mirko Esposito [112]
70 Brasile C Lucas Souza[113]
80 Cile C Cristóbal Jorquera
83 Italia P Antonio Mirante
88 Italia A Massimo Coda
91 Slovacchia P Pavol Bajza[114]
92 Croazia P Marijan Corić[118]
99 Italia A Antonio Cassano[113]

Fuori rosa[modifica | modifica wikitesto]

N. Ruolo Giocatore
- Canada P Robert Stillo
- Italia D Andrea Giallombardo
- Italia C Gabriele Paonessa
- Brasile C Vicente (Italia)
- Lituania A Tomas Danilevičius

Calciomercato[modifica | modifica wikitesto]

Sessione estiva (dall'1/7 all'1/9)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome a Modalità
P Alex Cordaz Gorica fine prestito
P Alessandro Iacobucci Latina fine prestito
D Mattia Cassani Fiorentina definitivo
D Andrea Costa Sampdoria scambio
D Paolo De Ceglie Juventus prestito
D Pedro Mendes Sassuolo riscatto compartecipazione (0,1 mln €)
D Andrea Rispoli Ternana fine prestito
D Stefan Ristovski Latina fine prestito
D Fabiano Santacroce Padova fine prestito
C Afriyie Acquah Hoffenheim prestito
C Cristóbal Jorquera Eskişehirspor fine prestito
C Francesco Lodi Catania prestito
C Dániel Tőzsér Genoa definitivo
C Lucas Souza Olhanense definitivo (0,5 mln €)
A Ishak Belfodil Inter riscatto compartecipazione (3,5 mln €)
A Jonathan Biabiany Sampdoria riscatto compartecipazione
A Soufiane Bidaoui Crotone fine prestito
A Antonio Cassano Inter svincolato
A Massimo Coda Gorica fine prestito
A Abdelkader Ghezzal Latina fine prestito
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Stefano Addario Paride Pontedera definitivo
P Nicola Ravaglia Cesena definitivo
P Andrea Rossini Cesena definitivo
D Errico Altobello Savona definitivo
D Matteo Di Gennaro Ascoli riscatto compartecipazione
D Gian Marco Ferrari Gubbio riscatto compartecipazione
D Alberto Galuppo Siena riscatto compartecipazione
D Andrea Giallombardo Gubbio fine prestito
D Pietro Manganelli Colligiana svincolato
D Marco Paolini Cesena riscatto compartecipazione
D Jonas Portin Padova riscatto compartecipazione
D Giuseppe Prestia Crotone riscatto compartecipazione
D Matija Širok Gorica definitivo
C Simone Addessi Latina svincolato
C Filippo Boniperti Juventus riscatto compartecipazione
C Daniele Casiraghi Lecce definitivo
C Camillo Ciano Napoli svincolato
C Davide Colomba Ascoli riscatto compartecipazione
C Francesco Deli Paganese definitivo
C Antonio Grillo Paganese svincolato
C Massimo Loviso Crotone riscatto cpmpartecipazione
C Ciro Lucchese Teramo riscatto compartecipazione
C Luca Procacci Gubbio riscatto compartecipazione
C Zsolt Tamási Ascoli riscatto compartecipazione
A Daniele Abbracciante Frosinone riscatto compartecipazione
A Juan Antonio Sampdoria definitivo
A Cristiano Bussi Rimini svincolato
A Giuseppe Caccavallo Crotone riscatto compartecipazione
A Mauro Cioffi Crotone riscatto compartecipazione
A Tomas Danilevičius Gorica fine prestito
A Federico Di Francesco Pescara svincolato
A Andrea Dragonetti Ascoli svincolato
A Daniele Gragnoli Ascoli riscatto compartecipazione
A Ignacio Jeraldino Unión San Felipe prestito
A Nicolò Lolli Cesena definitivo
A Gianluca Turchetta Cesena definitivo
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Pavol Bajza Crotone prestito
P Nicola Pavarini fine carriera
D Yohan Benalouane Atalanta definitivo (1 mln €)
D Riccardo Brosco Latina definitivo (0,5 milioni €)
D Luca Ceppitelli Cagliari definitivo (2,5 milioni €)
D Djamel Mesbah Sampdoria definitivo
D Cristian Molinaro Torino svincolato
D Aleandro Rosi Genoa definitivo (1 mln €)
D Jonathan Rossini Sassuolo fine prestito
D Jherson Vergara Milan fine prestito
C Álvaro Ampuero Universitario prestito
C Raman Chibsah Sassuolo riscatto compartecipazione
C Walter Gargano Napoli fine prestito
C Filip Janković Catania prestito
C Marco Marchionni Sampdoria scambio
C Stefano Morrone Pisa prestito
C Gianni Munari Watford prestito
C Sotiris Ninis svincolato
C Joel Obi Inter fine prestito
C Marco Parolo Lazio definitivo (5,5 mln €)
C Sławomir Peszko Colonia definitivo (0,5 mln €)
C Ezequiel Schelotto Inter fine prestito
C Riccardo Saponara Milan riscatto compartecipazione
C Dániel Tőzsér Watford prestito
C Zé Eduardo Cesena definitivo (0,3 mln €)
A Amauri Torino definitivo (1 milioni €)
A Alberto Cerri Lanciano prestito
A Nicola Sansone Sassuolo riscatto compartecipazione
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Stefano Addario Paride Paganese definitivo
P Ivan Cacchioli L'Aquila prestito
P Matteo Cincilla Renate riscatto compartecipazione
P Alberto Gallinetta Juventus riscatto compartecipazione
P Alessandro Gozzi Savona definitivo
P Alessandro Piacenti Vigor Lamezia prestito
P Mirko Pigliacelli Frosinone prestito
P Matteo Pisseri Juve Stabia prestito
P Nicola Ravaglia Cosenza prestito
P Mirko Ronchi Salernitana prestito
P Andrea Rossini Lupa Roma prestito
P Stefano Russo Salernitana prestito
P Antonio Santurro Savoia definitivo
D Davide Adorni Cesena riscatto compartecipazione
D Errico Altobello Messina prestito
D Angelo Bencivenga Foggia prestito
D Gonçalo Brandão Siena riscatto compartecipazione
D Tommaso Cancelloni Paganese prestito
D Dario Castaldo Lumezzane prestito
D Uroš Celcer Ross County prestito
D Francesco Checcucci Savoia definitivo
D Carlo Crialese Cesena definitivo
D Paolo Dametto Prato prestito
D Paolo Hernán Dellafiore Latina definitivo
D Cristian Dell'Orco Ascoli prestito
D Abdoulaye Diakité Teramo prestito
D Matteo Di Gennaro Renate prestito
D Alessandro Favalli Cremonese prestito
D Zouhair Feddal Palermo prestito
D Gian Marco Ferrari Crotone prestito
D Giuseppe Figliomeni Latina riscatto compartecipazione
D Alberto Galuppo Gubbio prestito
D Abel Gigli Crotone prestito
D Alberto Giuliatto Unione Venezia prestito
D Alen Jogan Gorica definitivo
D Mory Koné Troyes definitivo
D Giuliano Laezza Gubbio riscatto compartecipazione
D Fabio Lebran Crotone riscatto compartecipazione
D Matteo Legittimo SPAL prestito
D Giordano Maccarone L'Aquila prestito
D Pietro Manganelli Gubbio prestito
D Matteo Mantovani Crotone riscatto compartecipazione
D Marco Modolo Gorica definitivo
D Francesco Pambianchi Taranto definitivo
D Lorenzo Pasqualini Gorica prestito
D Francesco Rapisarda Vigor Lamezia riscatto compartecipazione
D Raffaele Rosato Savona riscatto compartecipazione
D Mário Rui Empoli riscatto compartecipazione
D Raffaele Schiavi Frosinone definitivo
D Gennaro Scognamiglio Benevento definitivo
D Matija Širok Gorica prestito
D Cristiano Spirito Vigor Lamezia prestito
D Angelo Tartaglia Paganese prestito
D Luca Tedeschi Cosenza definitivo
D Mohamed Traoré Cesena definitivo
D Ronaldo Vanin Gorica definitivo
D Eloge Koffi Yao Guy Inter riscatto compartecipazione
C Simone Addessi Rimini prestito
C Pietro Baccolo Paganese prestito
C Yves Bationo Nîmes prestito
C Luca Berardocco Crotone prestito
C Emmanuel Cascione Cesena definitivo
C Daniele Casiraghi Gubbio prestito
C Cosimo Chiricò Ascoli prestito
C Camillo Ciano Crotone prestito
C Davide Colomba Pune City definitivo
C Nicola Cosentini Gavorrano riscatto compartecipazione
C Lorenzo Crisetig Inter riscatto compartecipazione
C Francesco Deli Paganese prestito
C Tommaso Domini Gubbio prestito
C Abdou Doumbia Lecce definitivo
C Vittorio Fabris Feralpisalò riscatto compartecipazione
C Francesco Finocchio Pisa prestito
C Niccolò Galli Padova riscatto compartecipazione
C Matteo Gaudiano Arzanese riscatto compartecipazione
C Manuel Giandonato Salernitana prestito
C Antonio Grillo Salernitana prestito
C Sebastyén Ihrig-Farkas Honvéd definitivo
C Massimo Loviso Gubbio prestito
C Antonio Maglia Vigor Lamezia prestito
C Giedrius Matulevičius Arezzo prestito
C Gianvito Misuraca Pisa prestito
C Michele Moroni Cremonese prestito
C Gianluca Musacci Frosinone prestito
C Gianluca Nucera Savona definitivo
C Andrea Pappaianni Alessandria riscatto compartecipazione
C Cristian Pedrinelli Renate prestito
C Vincenzo Perna Savoia definitivo
C Gabriele Puccio Vigor Lamezia prestito
C Andrea Rossi Latina prestito
C Stefano Rossini Vigor Lamezia prestito
C Luca Rovelli Renate definitivo
C Tomislav Šarić Pistoiese prestito
C Andrea Scicchitano Santarcangelo prestito
C Nicolas Šumský Dukla B.B. definitivo
C Zoran Svonja Salernitana prestito
C Zsolt Tamási Paks definitivo
C Amedej Vetrih Gorica definitivo
A Daniele Abbracciante Grosseto definitivo
A Jorman Aguilar Gorica definitivo
A Juan Antonio Feralpisalò prestito
A Vittorio Attili Fondi prestito
A Michele Bentoglio Gubbio prestito
A Daniele Bernasconi L'Aquila prestito
A Daniele Bazzoffia Olhanense definitivo
A Cristiano Bussi Paganese prestito
A Giuseppe Caccavallo Paganese prestito
A Leandro Campagna Melfi prestito
A Giovanbattista Catalano Vigor Lamezia riscatto compartecipazione
A Mauro Cioffi Vllaznia prestito
A Riccardo Cocuzza Renate prestito
A Claudio Corsetti Savoia definitivo
A Carmine De Sena Paganese fine prestito
A Federico Di Francesco Cremonese prestito
A Andrea Dragonetti Salernitana prestito
A Vito Falconieri Pavia prestito
A Denilson Gabionetta Salernitana prestito
A Mikael Ishak Randers definitivo
A Gianluca Lapadula Teramo prestito
A Filippo Lauricella Renate riscatto compartecipazione
A Alessandro Luparini Gubbio prestito
A Gonzalo Mastriani Olhanense prestito
A Domenico Mungo Pistoiese prestito
A Vincenzo Richella Foggia riscatto compartecipazione
A Andrea Russotto Catanzaro riscatto compartecipazione
A Salvatore Sandomenico L'Aquila definitivo
A Mattia Sprocati Crotone prestito
A Pietro Tripoli Pistoiese prestito
A Gianluca Turchetta Matera prestito

Operazioni tra le due sessioni[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
C McDonald Mariga Inter svincolato
Cessioni
R. Nome a Modalità
C Filippo Boniperti Mantova svincolato

Sessione invernale (dal 5/1 al 2/2)[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
P Pavol Bajza Crotone fine prestito
D Zouhair Feddal Palermo fine prestito
C Andi Lila PAS Giannina prestito
C Antonio Nocerino Milan prestito
C Cristian Rodríguez Atlético Madrid prestito
A Silvestre Varela Porto prestito
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Nicholas Ballerini Fiorenzuola prestito
C Diego Acunzo Paganese definitivo
A Leandro Campagna Melfi fine prestito
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Alex Cordaz Crotone prestito
D Paolo De Ceglie Juventus fine prestito
D Felipe svincolato
D Gabriel Paletta Milan definitivo (2 mln €)
D Andrea Rispoli Palermo prestito
D Stefan Ristovski Latina prestito
C Afriyie Acquah Hoffenheim fine prestito
C Lucas Souza Moreirense prestito
A Soufiane Bidaoui Latina prestito
A Antonio Cassano svincolato
A Nicola Pozzi Chievo prestito
Altre operazioni
R. Nome da Modalità
P Mirko Pigliacelli Frosinone definitivo
P Andrea Rossini Savona prestito
D Dario Castaldo Trestina prestito
D Matteo Legittimo Grosseto prestito
D Marco Modolo Carpi prestito
D Andrea Rossi Pescara prestito
C Simone Addessi Fondi prestito
C Yves Bationo San Marino prestito
C Luca Berardocco Como prestito
C Manuel Giandonato Catanzaro prestito
C Gianluca Musacci Pro Vercelli prestito
C Irfan Sahman Jedinstvo Bijelo Polje definitivo
C Tomislav Šarić Savoia prestito
C Badara Sarr Catanzaro prestito
C Andrea Scicchitano Tuttocuoio prestito
C Mirko Velardi svincolato
C Zoran Zvonja Donji Srem definitivo
A Vittorio Attili Gualdo prestito
A Daniele Bernasconi Monza prestito
A Giuseppe Caccavallo Casertana prestito
A Carmine De Sena svincolato
A Vito Falconieri Santarcangelo prestito
A Ignacio Jeraldino Unión San Felipe fine prestito
A Alessandro Luparini Melfi prestito
A Mattia Sprocati Pro Vercelli prestito
A Pietro Tripoli Ascoli prestito
A Gianluca Turchetta Barletta prestito

Operazioni successive alla sessione invernale[modifica | modifica wikitesto]

Acquisti
R. Nome da Modalità
Cessioni
R. Nome a Modalità
P Marijan Corić svincolato
C Cristian Rodríguez Atlético Madrid fine prestito
A Ishak Belfodil svincolato
A Jonathan Biabiany svincolato

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Serie A[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Serie A 2014-2015.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Cesena
31 agosto 2014, ore 20:45 CEST
1ª giornata
Cesena 1 – 0
referto
Parma Stadio Dino Manuzzi (14 415 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Parma
14 settembre 2014, ore 20:45 CEST
2ª giornata
Parma 4 – 5
referto
Milan Stadio Ennio Tardini (14 264 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Verona
21 settembre 2014, ore 12:30 CEST
3ª giornata
Chievo 2 – 3
referto
Parma Stadio Marcantonio Bentegodi (10 000 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Parma
24 settembre 2014, ore 20:45 CEST
4ª giornata
Parma 1 – 2
referto
Roma Stadio Ennio Tardini (12 657 spett.)
Arbitro Mazzoleni (Bergamo)

Udine
29 settembre 2014, ore 19:00 CEST
5ª giornata
Udinese 4 – 2
referto
Parma Stadio Friuli (8 652 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Parma
5 ottobre 2014, ore 15:00 CEST
6ª giornata
Parma 1 – 2
referto
Genoa Stadio Ennio Tardini (11 898 spett.)
Arbitro Doveri (Roma 1)

Bergamo
19 ottobre 2014, ore 15:00 CEST
7ª giornata
Atalanta 1 – 0
referto
Parma Stadio Atleti Azzurri d'Italia (14 944 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Parma
25 ottobre 2014, ore 18:00 CEST
8ª giornata
Parma 1 – 3
referto
Sassuolo Stadio Ennio Tardini (11 313 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Torino
29 ottobre 2014, ore 15:00 CET
9ª giornata
Torino 1 – 0
referto
Parma Stadio Olimpico (12 648 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Parma
1º novembre 2014, ore 20:45 CET
10ª giornata
Parma 2 – 0
referto
Inter Stadio Ennio Tardini (13 539 spett.)
Arbitro Rizzoli (Bologna)

Torino
9 novembre 2014, ore 15:00 CET
11ª giornata
Juventus 7 – 0
referto
Parma Juventus Stadium (39 097 spett.)
Arbitro Russo (Nola)

Parma
23 novembre 2014, ore 15:00 CET
12ª giornata
Parma 0 – 2
referto
Empoli Stadio Ennio Tardini (10 625 spett.)
Arbitro Giacomelli (Trieste)

Palermo
30 novembre 2014, ore 15:00 CET
13ª giornata
Palermo 2 – 1
referto
Parma Stadio Renzo Barbera (14 444 spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Parma
7 dicembre 2014, ore 15:00 CET
14ª giornata
Parma 1 – 2
referto
Lazio Stadio Ennio Tardini (10 778 spett.)
Arbitro Guida (Torre Annunziata)

Parma
14 dicembre 2014, ore 15:00 CET
15ª giornata
Parma 0 – 0
referto
Cagliari Stadio Ennio Tardini (10 646 spett.)
Arbitro Valeri (Roma 2)

Napoli
18 dicembre 2014, ore 21:00 CET
16ª giornata
Napoli 2 – 0
referto
Parma Stadio San Paolo (20 799 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Parma
6 gennaio 2015, ore 15:00 CET
17ª giornata
Parma 1 – 0
referto
Fiorentina Stadio Ennio Tardini (12 641 spett.)
Arbitro Damato (Barletta)

Verona
11 gennaio 2015, ore 15:00 CET
18ª giornata
Verona 3 – 1
referto
Parma Stadio Marcantonio Bentegodi (15 915 spett.)
Arbitro Gavillucci (Latina)

Parma
18 gennaio 2015, ore 15:00 CET
19ª giornata
Parma 0 – 2
referto
Sampdoria Stadio Ennio Tardini (14 130 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Parma
25 gennaio 2015, ore 15:00 CET
20ª giornata
Parma 1 – 2
referto
Cesena Stadio Ennio Tardini (11 791 spett.)
Arbitro Tagliavento (Terni)

Milano
1º febbraio 2015, ore 20:45 CET
21ª giornata
Milan 3 – 1
referto
Parma Stadio Giuseppe Meazza (24 396 spett.)
Arbitro Doveri (Roma 1)

Parma
11 febbraio 2015[119], ore 18:00 CET
22ª giornata
Parma 0 – 1
referto
Chievo Stadio Ennio Tardini (10 270 spett.)
Arbitro Rocchi (Firenze)

Roma
15 febbraio 2015, ore 15:00 CET
23ª giornata
Roma 0 – 0
referto
Parma Stadio Olimpico (37 539 spett.)
Arbitro Giacomelli (Trieste)

Parma
8 aprile 2015[120][121], ore 18:30 CEST
24ª giornata
Parma 1 – 0
referto
Udinese Stadio Ennio Tardini (9 772 spett.)
Arbitro Cervellera (Taranto)

Genova
15 aprile 2015[121][122], ore 18:30 CEST
25ª giornata
Genoa 2 – 0
referto
Parma Stadio Luigi Ferraris (17 568 spett.)
Arbitro Gavillucci (Latina)

Parma
8 marzo 2015, ore 15:00 CET
26ª giornata
Parma 0 – 0
referto
Atalanta Stadio Ennio Tardini (10 418 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Reggio nell'Emilia
15 marzo 2015, ore 15:00 CET
27ª giornata
Sassuolo 4 – 1
referto
Parma Mapei Stadium-Città del Tricolore (10 525 spett.)
Arbitro Cervellera (Taranto)

Parma
22 marzo 2015, ore 20:45 CET
28ª giornata
Parma 0 – 2
referto
Torino Stadio Ennio Tardini (10 145 spett.)
Arbitro Mariani (Aprilia)

Milano
4 aprile 2015, ore 15:00 CEST
29ª giornata
Inter 1 – 1
referto
Parma Stadio Giuseppe Meazza (33 175 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Parma
11 aprile 2015, ore 18:00 CEST
30ª giornata
Parma 1 – 0
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (15 311 spett.)
Arbitro Gervasoni (Mantova)

Empoli
19 aprile 2015, ore 15:00 CEST
31ª giornata
Empoli 2 – 2
referto
Parma Stadio Carlo Castellani (7 767 spett.)
Arbitro Pasqua (Tivoli)

Parma
26 aprile 2015, ore 15:00 CEST
32ª giornata
Parma 1 – 0
referto
Palermo Stadio Ennio Tardini (10 921 spett.)
Arbitro Di Bello (Brindisi)

Roma
29 aprile 2015, ore 15:00 CEST
33ª giornata
Lazio 4 – 0
referto
Parma Stadio Olimpico (32 367 spett.)
Arbitro Calvarese (Teramo)

Cagliari
4 maggio 2015, ore 20:45 CEST
34ª giornata
Cagliari 4 – 0
referto
Parma Stadio Sant'Elia (9 000 spett.)
Arbitro Irrati (Pistoia)

Parma
10 maggio 2015, ore 18:00 CEST
35ª giornata
Parma 2 – 2
referto
Napoli Stadio Ennio Tardini (13 172 spett.)
Arbitro Giacomelli (Trieste)

Firenze
18 maggio 2015, ore 19:00 CEST
36ª giornata
Fiorentina 3 – 0
referto
Parma Stadio Artemio Franchi (27 179 spett.)
Arbitro Tommasi (Bassano del Grappa)

Parma
24 maggio 2015, ore 15:00 CEST
37ª giornata
Parma 2 – 2
referto
Verona Stadio Ennio Tardini (11 889 spett.)
Arbitro Minelli (Varese)

Genova
31 maggio 2015, ore 20:45 CEST
38ª giornata
Sampdoria 2 – 2
referto
Parma Stadio Luigi Ferraris (20 913 spett.)
Arbitro Massa (Imperia)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015.

Fase a eliminazione diretta[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015 (fase finale).
Parma
14 gennaio 2015, ore 18:00 CET
Ottavi di finale
Parma 2 – 1
referto
Cagliari Stadio Ennio Tardini (1 083 spett.)
Arbitro Cervellera (Taranto)

Parma
28 gennaio 2015, ore 20:45 CET
Quarti di finale
Parma 0 – 1
referto
Juventus Stadio Ennio Tardini (8 344 spett.)
Arbitro Peruzzo (Schio)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche aggiornate al 31 maggio 2015.

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Scudetto.svg Serie A 19 (26) 19 5 4 10 19 27 19 1 4 14 14 48 38 6 8 24 33 75 −42
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia quarti 2 1 0 1 2 2 0 0 0 0 0 0 2 1 0 1 2 2 0
Totale 19 (26) 21 6 4 11 21 29 19 1 4 14 14 48 40 7 8 25 35 77 −42

Andamento in campionato[modifica | modifica wikitesto]

Giornata 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23 24 25 26 27 28 29 30 31 32 33 34 35 36 37 38
Luogo T C T C T C T C T C T C T C C T C T C C T C T C T C T C T C T C T T C T C T
Risultato P P V P P P P P P V P P P P N P V P P P P P N V P N P P N V N V P P N P N N
Posizione 17 19 13 16 18 18 20 20 20 19 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20 20

Legenda:
Luogo: C = Casa; T = Trasferta. Risultato: V = Vittoria; N = Pareggio; P = Sconfitta.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ In carica dal 16 dicembre 2014.
  2. ^ In carica dal 19 dicembre 2014.
  3. ^ In carica dal 21 gennaio 2015.
  4. ^ In carica dal 9 febbraio 2015.
  5. ^ In carica dal 19 marzo 2015.
  6. ^ Licenze UEFA, respinto il ricorso del Parma, su torinofc.it, 29 maggio 2014. URL consultato il 29 maggio 2014.
  7. ^ IL PRESIDENTE GHIRARDI: NON TOLLERO QUELLO CHE MI HANNO FATTO. CON SERENITÀ VALUTERÒ NELLE SEDI OPPORTUNE CHI MI DOVRÀ RISARCIRE DEI DANNI SUBITI, su fcparma.com, 30 maggio 2014. URL consultato il 30 maggio 2014.
  8. ^ Serie A 2014-2015: le date e le sedi dei ritiri estivi, su corrieredellosport.it.
  9. ^ Il Parma riparte dal ritiro estivo di Collecchio, su sportmediaset.it.
  10. ^ ACCORDI DI PARTECIPAZIONE: ELENCO FINALE, su fcparma.com, 20 giugno 2014.
  11. ^ Marco Marchionni è blucerchiato, Andrea Costa si trasferisce al Parma, sampdoria.it.
  12. ^ (EN) OFFICIAL: Hornets Sign Munari, su Watfordfc.com.
  13. ^ Ufficiale: Botta e Schelotto in gialloblù!, in AC ChievoVerona. (archiviato dall'url originale il 28 agosto 2014).
  14. ^ COMUNICATO, sslazio.it, 2 luglio 2014. URL consultato il 3 luglio 2014.
  15. ^ Amauri al Toro, in Torinofc.it, 1º settembre 2014. (archiviato dall'url originale il 1º settembre 2014).
  16. ^ De Ceglie in prestito al Parma, juventus.com. URL consultato il 1º settembre 2014.
  17. ^ Cesena-Parma 1-0, Rodriguez sorprende i ducali, su repubblica.it.
  18. ^ Serie A, Cesena-Parma 1-0. Decide Rodriguez al 38', su gazzetta.it.
  19. ^ Parma-Milan 4-5: show rossonero a Parma, primato con Roma e Juve, su repubblica.it.
  20. ^ Parma-Milan 4-5, Menez fa due gol e la differenza, su gazzetta.it.
  21. ^ Parma-Milan 4-5, Menez e Bonaventura lanciano Inzaghi, su sportmediaset.it.
  22. ^ Parma, Biabiany fermo per un'aritmia cardiaca, su gazzetta.it.
  23. ^ Parma, si ferma Biabiany. Ha un'aritmia cardiaca, su repubblica.it.
  24. ^ Serie A, Parma-Inter 2-0: Mazzarri torna nella bufera, su gazzetta.it.
  25. ^ Serie A: Parma-Inter 2-0, doppietta di De Ceglie, su sportmediaset.it.
  26. ^ Parma-Inter 2-0: i ducali risorgono, doppietta di De Ceglie e sgambetto a Mazzarri, su repubblica.it.
  27. ^ Juventus-Parma 7-0: Llorente (2), Lichtsteiner, Tevez (2) e Morata (2), su gazzetta.it.
  28. ^ Juventus-Parma 7-0: ciclone Tevez, gialloblù travolti, su repubblica.it.
  29. ^ Juventus-Parma 7-0, i 'verdi' di Donadoni umiliati allo Juventus Stadium, su parmalive.com.
  30. ^ Parma F.C. venduto a una cordata russo-cipriota Ghirardi vende il Parma a una cordata russo-cipriota, su today.it.
  31. ^ Parma, ufficiale: club cambia proprietà Martedì si presentano i nuovi azionisti, su gazzetta.it.
  32. ^ COMUNICATO STAMPA, su fcparma.com.
  33. ^ PARMA FC ALLA DASTRASO HOLDING LIMITED. IL PRESIDENTE FABIO GIORDANO: PAGAMENTI E NON RETROCEDERE LE PRIORITA', su fcparma.com.
  34. ^ È ERMIR KODRA IL NUOVO PRESIDENTE DEL PARMA FC, su fcparma.com.
  35. ^ Parma, Kodra è il nuovo presidente. Ha 29 anni e sarà anche a.d., su gazzetta.it.
  36. ^ PARMA PENALIZZATO DI 1 PUNTO IN CLASSIFICA, su legaseriea.it.
  37. ^ Parma, Cesena e la A che collassa. L'urgenza di tornare a 18 squadre, su parma.repubblica.it.
  38. ^ I 9 punti di Parma e Cesena sono un record, ma la mediocrità del campionato aiuta, su parmalive.com.
  39. ^ Cassano mette in mora il Parma: ma il club smentisce, su repubblica.it.
  40. ^ Clamoroso: Cassano mette in mora il Parma, su sportmediaset.it.
  41. ^ Cassano chiede al Parma gli stipendi arretrati: vuole i soldi, o andrà via, su gazzetta.it.
  42. ^ Rai Sport - Barone: "La sconfitta di oggi segna la resa del Parma", tuttomercatoweb.com.
  43. ^ Parma, per Cassano risoluzione del contratto: è libero e sul mercato, su gazzetta.it.
  44. ^ Antonio Cassano rescissione consensuale del contratto, su fcparma.com.
  45. ^ Di Marzio: "Lodi mette in mora il Parma: 21 giorni di tempo per pagare quanto gli spetta", tuttomercatoweb.com.
  46. ^ Lodi come Cassano, Parma in mora: pronti a seguirlo anche tutti i compagni, goal.com.
  47. ^ Lodi come Cassano, mette in mora il Parma. Il Torino sulle sue tracce, fantagazzetta.com.
  48. ^ Lila confirms Parma transfer, football-italia.net.
  49. ^ Lila konfirmon: Po shkoj te Parma, Telegrafi.
  50. ^ Anche El Cebolla è un #crociatoperlasalvezza! Benvenuto a Cristian, su fcparma.com, 20 gennaio 2015.
  51. ^ (ES) Acuerdo con el Parma para la cesión de Cristian Rodríguez, clubatleticodemadrid.com, 20 gennaio 2015.
  52. ^ Parma seal Silvestre Varela, Cristian Rodriguez deals, ESPN FC, 20 gennaio 2015. URL consultato il 21 gennaio 2015.
  53. ^ ACQUISTATO RISPOLI DAL PARMA. CEDUTI FEDDAL E PISANO, Palermocalcio.it.
  54. ^ Paolo De Ceglie: fine prestito, torna alla Juventus, fcparma.com.
  55. ^ De Ceglie rientra a Torino, juventus.com.
  56. ^ AC Milan comunicato ufficiale, su acmilan.com, 2 febbraio 2015. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  57. ^ Calciomercato Milan News: Paletta è il sesto colpo di Galliani, ora Baselli o Susic per il centrocampo, urbanpost.it.
  58. ^ Un ghanese per la mediana: dal Parma (via Hoffenheim) c'è Acquah, sampdoria.it.
  59. ^ Felipe rescinde il contratto, su parmalive.com. URL consultato il 2 febbraio 2015.
  60. ^ Pozzi al Chievo: riscatto fissato a soli 1000€, it.eurosport.yahoo.com.
  61. ^ Parma allo sbando: Pozzi venduto per mille euro, sportmediaset.mediaset.it.
  62. ^ Parma, la grande fuga: Pozzi via per mille euro, altri "Cassano" in vista?, Gazzetta dello Sport, 3 febbraio 2015.
  63. ^ Parma-Cagliari 2-1, il tabellino: Lila fuori dopo 13', su gazzetta.it.
  64. ^ Coppa Italia, Parma-Cagliari 2-1: Rispoli regala i quarti ai ducali, su repubblica.it.
  65. ^ Parma-Juventus 0-1: Morata regala la semifinale ai bianconeri all'89', su repubblica.it.
  66. ^ Coppa Italia, quarti di finale: Parma-Juve 0-1: decide Morata, su corrieredellosport.it.
  67. ^ Coppa Italia, Parma-Juventus 0-1: decide Morata all'89', su mediaset.it.
  68. ^ UFFICIALE: Parma, ceduto il pacchetto di maggioranza., su tuttomercatoweb.com.
  69. ^ COMUNICATO STAMPA, su fcparma.com.
  70. ^ Parma, il patron è Manenti: servono 15 milioni per salvare la società, su gazzetta.it.
  71. ^ a b Parma: pignorati i furgoni, i giocatori aspettano. La Procura: "Fallimento", su gazzetta.it.
  72. ^ Parma calcio, Procura chiede fallimento della società. Rischio campionato falsato, su ilfattoquotidiano.it.
  73. ^ CALCIO, PARMA:PROCURA CHIEDE FALLIMENTO, su rainews.it.
  74. ^ Parma, proroga per Manenti: "I soldi arrivano". Insulti e minacce a Ghirardi, su gazzetta.it.
  75. ^ Parma, finito il colloquio Manenti-giocatori. Pizzarotti in Lega, su gazzetta.it.
  76. ^ Rinviata Parma-Udinese. Capitan Lucarelli: "Vogliamo i fatti", su gazzetta.it.
  77. ^ Il dirigente del Parma Leonardi, che nei giorni scorsi ha accusato un malore, è stato ricoverato in un centro specializzato per l'ansia e la depressione, goal.com.
  78. ^ Filmato audio I tifosi del Parma protestano sotto casa di Leonardi.
  79. ^ Parma Primavera senza soldi per la trasferta? Paga Ferrero, tuttosport.com.
  80. ^ Caos Parma, scende in campo Ferrero: "Un appello ai presidenti per salvare la società", lastampa.it.
  81. ^ Ferrero lancia la 'colletta' pro-Parma, il Cesena risponde picche: "Devono risolvere da soli", goal.com.
  82. ^ Caso Parma: l'Inter offre un pullman ai gialloblu, passioneinter.com.
  83. ^ Parma, all'asta anche le panchine. Insieme ai mobili dello spogliatoio, su gazzetta.it.
  84. ^ Parma, scatta lo sciopero: "A Genova non giochiamo". Manenti da Pizzarotti, su gazzetta.it.
  85. ^ Genoa-Parma rinviata: la Figc accoglie la richiesta degli emiliani, su gazzetta.it.
  86. ^ Fcparma.com, fcparma.com.
  87. ^ a b Parma nel caos: Ghirardi indagato per bancarotta fraudolenta. Leonardi lascia, La Gazzetta dello Sport.
  88. ^ Parma Fc, indagato anche Leonardi per bancarotta fraudolenta, parma.repubblica.it.
  89. ^ La Lega salverà il Parma... con le multe. In campo con Atalanta e Sassuolo, gazzeta.it.
  90. ^ Il Parma ha deciso: andrà in campo. Lucarelli: "Ma ora vogliamo garanzie", La Gazzetta dello Sport.
  91. ^ Parma, altri due punti di penalizzazione, direttanews.it.
  92. ^ Parma, Proto vede Manenti: "Vuole 5 milioni, fine del discorso", sportmediaset.mediaset.it.
  93. ^ Parma Calcio, arrestato Manenti, parma.repubblica.it.
  94. ^ a b c Il Parma è ufficialmente fallito. Ma domenica col Torino si gioca, La Gazzetta dello Sport.
  95. ^ UFFICIALE: Il Parma Calcio è fallito, tuttomercatoweb.com.
  96. ^ Parma, il Tribunale ha detto sì al fallimento, sportmediaset.it.
  97. ^ a b Il Parma calcio è fallito: depositata la sentenza. Ecco che cosa può succedere adesso, ilsole24ore.com.
  98. ^ a b Il Parma calcio dichiarato fallito: Il giudice nomina due curatori, corriere.it.
  99. ^ Parma calcio, il tribunale ha dichiarato il fallimento della società sportiva, ilfattoquotidiano.it.
  100. ^ Fallimento Parma, disposto l'esercizio provvisorio: le motivazioni, tuttomercatoweb.com.
  101. ^ Fallimento Parma, cosa accadrà adesso al club ducale, tuttomercatoweb.com.
  102. ^ Fallimento Parma, tutte le cifre shock dei debiti del club, tuttomercatoweb.com.
  103. ^ Parma ufficialmente all'asta: base 20 milioni di euro, sportmediaset.mediaset.it.
  104. ^ Lega di A: bonus di 10 milioni a chi compra il Parma, sportmediaset.mediaset.it.
  105. ^ Parma F.c, deserta 5° asta per il club. Convocazione straordinaria il 9 giugno, ilfattoquotidiano.it.
  106. ^ Parma, nessuna offerta nella busta: solo una manifestazione d'interesse, La Gazzetta dello Sport.
  107. ^ Parma, altre 48 ore di speranza: c'è l'ok per trattare con Corrado e Piazza, La Gazzetta dello Sport.
  108. ^ Il giudice dichiara la chiusura dell'esercizio provvisorio, archive.is. (archiviato dall'url originale il 22 giugno 2015).
  109. ^ Erreà E Parma Fc Presentano Le Nuove Divise Ufficiali 2014-2015, errea.it. URL consultato il 22 novembre 2014.
  110. ^ a b c d e f g h i Torna la crociata gialloblù tra le maglie del Parma 2014-2015, su passionemaglie.it.
  111. ^ Rosa, Fcparma.com.
  112. ^ a b c d e f g h i j k l Aggregato dalla Formazione Primavera
  113. ^ a b c d e f g h i j k l m Ceduto nella sessione invernale di calciomercato.
  114. ^ a b c d e f Acquistato nella sessione invernale di calciomercato.
  115. ^ Ceduto ad aprile.
  116. ^ Ceduto a maggio
  117. ^ Ceduto a stagione iniziata
  118. ^ a b Ceduto a marzo
  119. ^ Prevista l'8 febbraio, è stata posticipata all'11 febbraio per neve.
  120. ^ Prevista inizialmente il 22 febbraio.
  121. ^ a b Parma, l'8 aprile il recupero con l'Udinese. Il 15 quella contro il Genoa, tuttomercatoweb.com.
  122. ^ Prevista inizialmente il 29 febbraio.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio