Calcio Como 2014-2015

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

1leftarrow blue.svgVoce principale: Calcio Como.

Calcio Como
Stagione 2014-2015
Allenatore Italia Giovanni Colella, poi
Italia Carlo Sabatini
All. in seconda Italia Moreno Greco
Presidente Italia Pietro Porro
Lega Pro 4º nel girone A, promosso in Serie B dopo i play-off
Coppa Italia Terzo turno
Coppa Italia Lega Pro Finalista
Maggiori presenze Campionato: Le Noci (38)
Totale: Le Noci (49)
Miglior marcatore Campionato: Ganz, Le Noci (11)
Totale: Ganz (18)
Abbonati 739[1]
Maggior numero di spettatori 6 143 vs Bassano Virtus
(7 giugno 2015)
Minor numero di spettatori 195 vs Alessandria
(3 dicembre 2014)
Media spettatori 1 432¹
¹ considera le partite giocate in casa in campionato.

Questa voce raccoglie le informazioni riguardanti il Calcio Como nelle competizioni ufficiali della stagione 2014-2015.

Stagione[modifica | modifica wikitesto]

Nella stagione 2014-2015 il Como partecipa a tre competizioni ufficiali: il campionato di Lega Pro, la Coppa Italia e la Coppa Italia Lega Pro.

La squadra inizia la stagione agonistica ad agosto con i turni eliminatori di Coppa Italia. L'esordio vede la vittoria dei lariani nei confronti del Matelica, formazione di Serie D, per 5-0.[2] Nel successivo incontro con il Frosinone, squadra di Serie B, la formazione lariana pareggia per 0-0 e si qualifica al turno successivo dopo i rigori (3-1) con il portiere comasco Crispino autore di 2 parate su Frara e Crivello.[3] Nel terzo turno il Como è opposto alla Sampdoria (Serie A) che a Marassi vince per 4-1 ed elimina così i lariani: tripletta di Éder (che sbaglia anche un rigore, parato da Falcone) e Gabbiadini per i doriani, Le Noci su rigore per la squadra comasca.[4]

In campionato, invece, il Como inizia con 5 risultati utili consecutivi (due pareggi casalinghi, due vittorie in trasferta e una in casa) che permettono alla squadra lariana di raggiungere il primo posto in classifica a pari punti con il Pavia.[5] Nella giornata successiva, complice la sconfitta in casa della Giana Erminio, i lariani perdono la vetta della classifica ma vi ritornano prima in coabitazione con Bassano Virtus e Real Vicenza all'ottava giornata[6] e poi solitari all'unidicesima.[7] Le successive sconfitte esterne contro Novara e Bassano Virtus fanno perdere qualche posizione in classifica ai lariani che nelle partite seguenti alternano quasi costantemente vittorie e sconfitte rimanendo comunque sempre a ridosso della zona play-off. Il Como, dopo la sconfitta casalinga (terza consecutiva al Sinigaglia) contro il Mantova, chiude il girone di andata al quinto posto a quota 32 punti.[8] Dopo l'ulteriore sconfitta nella prima giornata del girone di ritorno in casa del Südtirol (2-0), la società lariana decide di esonerare l'allenatore Giovanni Colella[9] sostituendolo con Carlo Sabatini che firma con il Como fino alla fine della stagione.[10] Con il nuovo allenatore il Como, dopo un pareggio una vittoria e una sconfitta, inanella 8 risultati utili consecutivi,[11] passando dall'ottava alla quinta posizione e riportandosi così a ridosso della zona play-off. Dopo le due successive sconfitte con Cremonese e Bassano Virtus, il Como, a 5 giornate dal termine del campionato, si trova a quota 54 punti e a 6 dal quarto posto,[12] ultimo utile per i play-off. In queste ultime 5 gare i lariani ottengono 4 vittorie (tra cui quelle negli scontri diretti con Alessandria e Pavia) e un pareggio; complici anche i 3 pareggi ottenuti nelle ultime 3 giornate dalla squadra piemontese questi 13 punti consentono alla squadra lariana di raggiungere la quarta piazza e di qualificarsi così per i play-off.[13] Nei quarti di finale dei play-off il Como ha affrontato e battuto in trasferta il Benevento, seconda classificata nel girone C.[14] In semifinale i lariani hanno eliminato ai rigori il Matera, terzo classificato nel girone C, dopo il doppio 1-1 della gara di andata e ritorno.[15] In finale il Como si trova opposto al Bassano Virtus, secondo nello stesso girone della squadra lombarda; grazie alla vittoria casalinga per 2-0 e al pareggio per 0-0 a Bassano del Grappa i lariani guadagnano la promozione in Serie B[16] ritornando così tra i cadetti 11 anni dopo l'ultima apparizione (2003-2004).[17]

In Coppa Italia Lega Pro il Como, data la partecipazione alla Coppa Italia, è automaticamente qualificato alla fase a eliminazione diretta. Nei sedicesimi di finale i lariani eliminano il Novara (2-0), negli ottavi l'Alessandria (4-0), nei quarti il Renate (2-0) infine in semifinale la SPAL (0-2 a Ferrara e 0-0 a Como). In finale il Como affronta il Cosenza che batte i lariani sia al Sinigaglia (4-1),[18] sia al San Vito (1-0) e si aggiudica così il trofeo.[19]

Maglie e sponsor[modifica | modifica wikitesto]

Lo sponsor tecnico per la stagione 2014-2015 è Legea, mentre lo sponsor ufficiale è Volvo. Sulla maglia (in alto a sinistra) e sui pantaloncini (a destra) è inoltre presente un secondo sponsor, FoxTown.

Come per la stagione precedente, la prima divisa è composta da una maglia azzurra con colletto bianco e da pantaloncini azzurri e calzettoni azzurri. La divisa di riserva presenta lo stesso motivo di quella casalinga ed è di colore rosso mentre la terza divisa è completamente bianca con inserti blu.

Il 6 gennaio 2015, nell'ultima partita del girone di andata giocata in casa contro il Mantova, i lariani hanno indossato una maglia celebrativa per il centenario della vittoria della Diamond's Sculls ottenuta da Giuseppe Sinigaglia (cui è dedicato lo stadio di Como) il 4 luglio 1914.[20] La maglia ha lo stesso disegno della prima e seconda divisa e i colori utilizzati sono quelli ufficiali della Canottieri Lario: il bianco (maglia e calzettoni) e il nero (colletto, maniche e pantaloncini).[21]

Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa alternativa
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Centenario Sinigaglia
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Pantaloncini
Calzettoni
Finale andata Coppa Italia Lega Pro

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

Area direttiva[22]

  • Presidente onorario: Gianluca Zambrotta
  • Presidente: Pietro Porro
  • Vicepresidente: Flavio Foti
  • Consigliere delegato: Fabio Bruni

Area organizzativa[22]

  • Responsabile amministrazione finanza e controllo: Fabio Lori
  • Segretario generale: Giorgio Bressani
  • Responsabile commerciale: Angelo Locatelli
  • Ufficio legale e responsabile comunicazione e marketing: Fabrizio Diana
  • Addetto stampa: Ginevra Tagliaferri
  • Ufficio stampa: Vincenzo Carrante, Alessandro Camagni, Massimiliano Cappellin

Area tecnica[22][23]

  • Direttore sportivo: Giovanni Dolci
  • Allenatore: Giovanni Colella (fino all'11 gennaio 2015[9]), Carlo Sabatini (dal 13 gennaio 2015[10])
  • Allenatore in seconda: Moreno Greco
  • Preparatore atletico: Simon Barjie
  • Preparatore dei portieri: Fabrizio Paese
  • Mental trainer: Samuele Robbioni
  • Consulente per la preparazione atletica: Fulvio Sguazzero
  • Team manager: Claudio Maspero
  • Addetto all'arbitro: Aldo Mosconi

Area sanitaria[23]

  • Responsabile staff sanitario: Francesco Floris[22]
  • Medico sociale: Alberto Giughello
  • Fisioterapisti: Marco Mascheroni, Felisiano Villani

Rosa[modifica | modifica wikitesto]

Rosa e ruoli, tratti dal sito ufficiale della società, sono aggiornati al 2 febbraio 2015.[23]

N. Ruolo Giocatore
Italia P Diamante Crispino
Italia P Wladimiro Falcone
Italia D Cesare Ambrosini (vice capitano)
Italia D Luca Barlocco[24]
Italia D Marco Cassetti[24] (secondo vice capitano[25])
Italia D Nicolò Curti
Italia D Simone Fautario
Italia D Antonio Giosa
Italia D Fabio Lebran
Italia D Paolo Marchi
Italia D Andrea Marconi[24]
Italia D Gabriele Rolando
Italia D Marco Russu
Italia D Davide Sala[26][27]
Italia C Andrea Ardito (capitano)
Italia C Luca Berardocco[24]
N. Ruolo Giocatore
Italia C Giacomo Casoli
Italia C Ivan Castiglia[24]
Italia C Alessandro Comentale[27]
Italia C Nicolò Corticchia
Italia C Alessio Cristiani
Italia C Giovanni Cristofari
Italia C Giovanni Fietta
Italia C Alessandro Rinaldi
Italia C Alessandro Scialpi[28]
Italia A Matteo Cortesi[26]
Italia A Claudio De Sousa
Italia A Edoardo Defendi
Italia A Simone Andrea Ganz
Italia A Giuseppe Le Noci
Italia A Piergiuseppe Maritato
Italia A Luca Scapuzzi

Risultati[modifica | modifica wikitesto]

Lega Pro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Lega Pro 2014-2015.

Girone di andata[modifica | modifica wikitesto]

Como
31 agosto 2014, ore 18:00 CEST
1ª giornata
Como 0 – 0
referto
Südtirol Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 313[1] spett.)
Arbitro Marinelli (Tivoli)

Sassari
6 settembre 2014, ore 16:00 CEST
2ª giornata
Torres 0 – 2
referto
Como Stadio Vanni Sanna (1 200[1] spett.)
Arbitro Marini (Roma 1)

Como
10 settembre 2014, ore 20:45 CEST
3ª giornata
Como 1 – 1
referto
Real Vicenza Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 430[1] spett.)
Arbitro Massimi (Termoli)

Bergamo
13 settembre 2014, ore 17:00 CEST
4ª giornata
AlbinoLeffe 0 – 2
referto
Como Stadio Atleti Azzurri d'Italia (1 000[1] spett.)
Arbitro Rasia (Bassano del Grappa)

Como
21 settembre 2014, ore 18:00 CEST
5ª giornata
Como 3 – 0
referto
Unione Venezia Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 623[1] spett.)
Arbitro Serra (Torino)

Monza
27 settembre 2014, ore 17:00 CEST
6ª giornata
Giana Erminio 1 – 0
referto
Como Stadio Brianteo (735[1] spett.)
Arbitro Pillitteri (Palermo)

Salò
5 ottobre 2014, ore 14:30 CEST
7ª giornata
Feralpisalò 0 – 2
referto
Como Stadio Lino Turina (550[1] spett.)
Arbitro Piccinini (Forlì)

Como
10 ottobre 2014, ore 19:30 CEST
8ª giornata
Como 4 – 3
referto
Pro Patria Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 627[1] spett.)
Arbitro Guarino (Caltanissetta)

Monza
17 ottobre 2014, ore 20:45 CEST
9ª giornata
Monza 2 – 1
referto
Como Stadio Brianteo (2 500[1] spett.)
Arbitro Morreale (Roma 1)

Como
26 ottobre 2014, ore 12:30 CET
10ª giornata
Como 2 – 0
referto
Renate Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 427[1] spett.)
Arbitro Colosimo (Torino)

Como
2 novembre 2014, ore 18:00 CET
11ª giornata
Como 3 – 1
referto
Pordenone Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 646[1] spett.)
Arbitro Capone (Palermo)

Novara
9 novembre 2014, ore 14:30 CET
12ª giornata
Novara 4 – 0
referto
Como Stadio Silvio Piola (4 331[1] spett.)
Arbitro Paolini (Ascoli Piceno)

Como
10 dicembre 2014, ore 14:30 CET[29]
13ª giornata
Como 1 – 3
referto
Cremonese Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 141[1] spett.)
Arbitro Amoroso (Paola)

Bassano del Grappa
24 novembre 2014, ore 20:45 CET
14ª giornata
Bassano Virtus 1 – 0
referto
Como Stadio Rino Mercante (1 300[1] spett.)
Arbitro Pagliardini (Arezzo)

Como
29 novembre 2014, ore 16:00 CET
15ª giornata
Como 2 – 0
referto
Lumezzane Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 214[1] spett.)
Arbitro Caso (Verona)

Arezzo
6 dicembre 2014, ore 16:00 CET
16ª giornata
Arezzo 0 – 1
referto
Como Stadio Città di Arezzo (2 417[1] spett.)
Arbitro Formato (Benevento)

Como
14 dicembre 2014, ore 18:00 CET
17ª giornata
Como 0 – 2
referto
Alessandria Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 405[1] spett.)
Arbitro Rapuano (Rimini)

Pavia
21 dicembre 2014, ore 18:00 CET
18ª giornata
Pavia 1 – 2
referto
Como Stadio Pietro Fortunati (1 403[1] spett.)
Arbitro Lanza (Nichelino)

Como
6 gennaio 2015, ore 20:45 CET
19ª giornata
Como 0 – 2
referto
Mantova Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 186[1] spett.)
Arbitro Pelagatti (Arezzo)

Girone di ritorno[modifica | modifica wikitesto]

Bolzano
11 gennaio 2015, ore 12:30 CET
20ª giornata
Südtirol 2 – 0
referto
Como Stadio Druso (950[1] spett.)
Arbitro Baldicchi (Città di Castello)

Como
18 gennaio 2015, ore 11:00 CET
21ª giornata
Como 0 – 0
referto
Torres Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 184[1] spett.)
Arbitro Panarese (Lecce)

Vicenza
25 gennaio 2015, ore 16:00 CET
22ª giornata
Real Vicenza 0 – 2
referto
Como Stadio Romeo Menti (207[1] spett.)
Arbitro Guccini (Albano Laziale)

Como
1º febbraio 2015, ore 16:00 CET
23ª giornata
Como 1 – 2
referto
AlbinoLeffe Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 375[1] spett.)
Arbitro Fiorini (Frosinone)

Venezia
7 febbraio 2015, ore 16:00 CET
24ª giornata
Unione Venezia 0 – 0
referto
Como Stadio Pierluigi Penzo (1 090[1] spett.)
Arbitro Colosimo (Torino)

Como
15 febbraio 2015, ore 16:00 CET
25ª giornata
Como 1 – 0
referto
Giana Erminio Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 004[1] spett.)
Arbitro Luciano (Lamezia Terme)

Como
21 febbraio 2015, ore 19:30 CET
26ª giornata
Como 1 – 1
referto
Feralpisalò Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 008[1] spett.)
Arbitro Marinelli (Tivoli)

Busto Arsizio
1º marzo 2015, ore 14:30 CET
27ª giornata
Pro Patria 0 – 1
referto
Como Stadio Carlo Speroni (1 064[1] spett.)
Arbitro Martino (Teramo)

Como
7 marzo 2015, ore 15:00 CET
28ª giornata
Como 0 – 0
referto
Monza Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 432[1] spett.)
Arbitro Sassoli (Arezzo)

Meda
15 marzo 2015, ore 16:00 CET
29ª giornata
Renate 0 – 1
referto
Como Stadio Città di Meda (550[1] spett.)
Arbitro Fanton (Lodi)

Pordenone
21 marzo 2015, ore 15:00 CET
30ª giornata
Pordenone 2 – 5
referto
Como Stadio Ottavio Bottecchia (600[1] spett.)
Arbitro Guccini (Albano Laziale)

Como
4 marzo 2015, ore 20:30 CET
31ª giornata
Como 1 – 0
referto
Novara Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 682[1] spett.)
Arbitro Piccinini (Forlì)

Cremona
28 marzo 2015, ore 15:00 CET
32ª giornata
Cremonese 1 – 0
referto
Como Stadio Giovanni Zini (3 092[1] spett.)
Arbitro Baroni (Firenze)

Como
1º aprile 2015, ore 19:30 CEST
33ª giornata
Como 1 – 2
referto
Bassano Virtus Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 429[1] spett.)
Arbitro Illuzzi (Molfetta)

Lumezzane
12 aprile 2015, ore 12:30 CEST
34ª giornata
Lumezzane 1 – 2
referto
Como Nuovo Stadio Comunale (200[1] spett.)
Arbitro Mainardi (Bergamo)

Como
19 aprile 2015, ore 14:30 CEST
35ª giornata
Como 1 – 1
referto
Arezzo Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 182[1] spett.)
Arbitro Ranaldi (Tivoli)

Alessandria
25 aprile 2015, ore 14:30 CEST
36ª giornata
Alessandria 0 – 1
referto
Como Stadio Giuseppe Moccagatta (2 506[1] spett.)
Arbitro Di Martino (Teramo)

Como
1º maggio 2015, ore 15:00 CEST
37ª giornata
Como 3 – 0
referto
Pavia Stadio Giuseppe Sinigaglia (2 902[1] spett.)
Arbitro Serra (Torino)

Mantova
10 maggio 2015, ore 15:00 CEST
38ª giornata
Mantova 0 – 1
referto
Como Stadio Danilo Martelli (1 903[1] spett.)
Arbitro Formato (Benevento)

Play-off[modifica | modifica wikitesto]

Benevento
16 maggio 2015, ore 17:00 CEST
Quarti di finale
Benevento 1 – 2
referto
Como Stadio Ciro Vigorito (5 000[1] spett.)
Arbitro Martinelli (Roma 2)

Como
24 maggio 2015, ore 19:00 CEST
Semifinale - Andata
Como 1 – 1
referto
Matera Stadio Giuseppe Sinigaglia (5 246[1] spett.)
Arbitro Paolini (Ascoli Piceno)

Matera
31 maggio 2015, ore 16:00 CEST
Semifinale - Ritorno
Matera 1 – 1
(d.t.s.)
referto
Como Stadio XXI Settembre-Franco Salerno (6 374[1] spett.)
Arbitro Marini (Roma 1)

Como
7 giugno 2015, ore 16:00 CEST
Finale - Andata
Como 2 – 0
referto
Bassano Virtus Stadio Giuseppe Sinigaglia (6 143[1] spett.)
Arbitro Rapuano (Rimini)

Bassano del Grappa
14 giugno 2015, ore 16:00 CEST
Finale - Ritorno
Bassano Virtus 0 – 0
referto
Como Stadio Rino Mercante (circa 3 000[31] spett.)
Arbitro Martinelli (Roma 2)

Coppa Italia[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia 2014-2015.
Como
10 agosto 2014, ore 16:00 CEST
Primo turno eliminatorio
Como 5 – 0
referto
Matelica Stadio Giuseppe Sinigaglia (circa 600 spett.)
Arbitro Capone (Palermo)

Frosinone
17 agosto 2014, ore 20:45 CEST
Secondo turno eliminatorio
Frosinone 0 – 0
(d.t.s.)
referto
Como Stadio Matusa
Arbitro Pasqua (Tivoli)

Genova
24 agosto 2014, ore 20:45 CEST
Terzo turno eliminatorio
Sampdoria 4 – 1
referto
Como Stadio Luigi Ferraris (8 089 spett.)
Arbitro Pairetto (Nichelino)

Coppa Italia Lega Pro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svg Lo stesso argomento in dettaglio: Coppa Italia Lega Pro 2014-2015.
Como
22 ottobre 2014, ore 14:30 CEST
Sedicesimi di finale
Como 2 – 0
referto
Novara Stadio Giuseppe Sinigaglia (259[32] spett.)
Arbitro Perrotti (Legnano)

Como
3 dicembre 2014, ore 14:30 CET
Ottavi di finale
Como 4 – 0
referto
Alessandria Stadio Giuseppe Sinigaglia (195[33] spett.)
Arbitro Rossi (Rovigo)

Como
28 gennaio 2015, ore 14:30 CET
Quarti di finale
Como 2 – 0
referto
Renate Stadio Giuseppe Sinigaglia (circa 300[34] spett.)
Arbitro Candeo (Este)

Ferrara
11 febbraio 2015, ore 14:30 CET
Semifinale - Andata
SPAL 0 – 2
referto
Como Stadio Paolo Mazza (circa 900[35] spett.)
Arbitro Mainardi (Bergamo)

Como
25 febbraio 2015, ore 15:00 CET
Semifinale - Ritorno
Como 0 – 0
referto
SPAL Stadio Giuseppe Sinigaglia (318[36] spett.)
Arbitro Giua (Pisa)

Como
8 aprile 2015, ore 18:30 CEST
Finale - Andata
Como 1 – 4
referto
Cosenza Stadio Giuseppe Sinigaglia (1 871[18] spett.)
Arbitro Piccinini (Forlì)

Cosenza
22 aprile 2015, ore 20:45 CEST
Finale - Ritorno
Cosenza 1 – 0
referto
Como Stadio San Vito (7 730[19] spett.)
Arbitro Di Ruberto (Nocera Inferiore)

Statistiche[modifica | modifica wikitesto]

Statistiche di squadra[modifica | modifica wikitesto]

Competizione Punti In casa In trasferta Totale DR
G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs G V N P Gf Gs
Lega Pro 67 19 8 6 5 25 18 19 12 1 6 23 15 38 20 7 11 48 33 +15
Play-off Lega Pro - 2 1 1 0 3 1 3 1 2 0 3 2 5 2 3 0 6 3 +3
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia - 1 1 0 0 5 0 2 0 1 1 1 4 3 1 1 1 6 4 +2
Coccarda Coppa Italia.svg Coppa Italia Lega Pro - 5 3 1 1 9 4 2 1 0 1 2 1 7 4 1 2 11 5 +6
Totale - 27 13 8 6 42 23 26 14 4 8 29 22 53 27 12 14 71 45 +26

Statistiche dei giocatori[modifica | modifica wikitesto]

Sono in corsivo i calciatori che hanno lasciato la società durante la stagione.

Giocatore Lega Pro Play-off Lega Pro Coppa Italia Coppa Italia Lega Pro Totale
Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni Presenze Reti Ammonizioni Espulsioni
Ambrosini, C. C. Ambrosini 28 0 6 0 5 0 2 0 3 0 1 0 7 0 1 0 43 0 10 0
Ardito, A. A. Ardito 19 0 4 0 3 0 0 0 2 0 0 0 0 0 0 0 24 0 4 0
Barlocco, L. L. Barlocco 0 0 0 0 0 0 0 0 - - - - 1 0 0 0 1 0 0 0
Berardocco, L. L. Berardocco 9 0 2 0 0 0 0 0 - - - - 4 0 1 0 13 0 3 0
Casoli, G. G. Casoli 34 1 5 0 5 0 0 0 3 0 0 0 3 1 0 0 45 2 5 0
Cassetti, M. M. Cassetti 10 0 7 1 3 0 1 0 - - - - 1 0 0 1 14 0 8 2
Castiglia, I. I. Castiglia 15 2 2 0 5 0 1 0 - - - - 3 0 1 0 23 2 4 0
Comentale, A. A. Comentale 2 0 0 0 - - - - 3 0 0 0 1 0 0 0 6 0 0 0
Cortesi, M. M. Cortesi 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 0 1 1 0 0 1 1 0 0
Corticchia, N. N. Corticchia 10 0 3 0 0 0 0 0 - - - - 5 0 1 0 15 0 4 0
Crispino, D. D. Crispino 29 -24 2 0 5 -3 1 0 2 -0 0 0 3 -4 0 0 39 -31 3 0
Cristiani, A. A. Cristiani 31 4 4 0 4 0 0 0 2 0 0 0 5 1 0 0 42 5 4 0
Cristofari, G. G. Cristofari 4 0 3 1 0 0 0 0 2 0 0 0 1 0 0 0 7 0 3 1
Curti, N. N. Curti 9 1 2 1 0 0 0 0 0 0 0 0 3 0 2 0 12 1 4 1
De Sousa, C. C. De Sousa 31 3 0 0 0 0 0 0 - - - - 4 1 0 0 35 4 0 0
Defendi, E. E. Defendi 28 6 1 0 4 1 0 0 3 1 0 0 4 1 1 0 39 9 2 0
Falcone, W. W. Falcone 9 -9 0 0 0 -0 0 0 1 -4 0 0 4 -1 0 0 14 -14 0 0
Fautario, S. S. Fautario 17 1 6 2 5 0 2 0 2 0 0 0 4 0 1 0 28 1 9 2
Fietta, G. G. Fietta 29 1 3 0 5 0 1 0 3 2 2 0 5 0 1 0 42 3 7 0
Ganz, S. A. S. A. Ganz 35 11 5 1 5 4 1 0 2 0 0 0 4 3 2 0 46 18 8 1
Giosa, A. A. Giosa 27 3 9 1 5 0 1 0 2 0 0 0 3 0 1 0 37 3 11 1
Le Noci, G. G. Le Noci 38 11 5 0 5 1 0 0 3 3 0 0 3 1 0 0 49 16 5 0
Lebran, F. F. Lebran 23 0 5 1 2 0 0 0 0 0 0 0 6 0 1 0 31 0 6 1
Marchi, P. P. Marchi 22 0 5 2 0 0 0 0 3 0 0 0 4 0 0 0 29 0 5 2
Marconi, A. A. Marconi 15 0 1 0 4 0 0 0 - - - - 3 0 1 0 22 0 2 0
Maritato, P. P. Maritato 2 0 0 0 1 0 0 0 - - - - 1 0 0 0 4 0 0 0
Rinaldi, A. A. Rinaldi 10 0 4 0 1 0 0 0 - - - - 4 0 0 0 15 0 4 0
Rolando, G. G. Rolando 18 2 0 0 1 0 0 0 3 0 0 0 5 0 0 0 27 2 0 0
Russu, M. M. Russu 6 0 1 0 0 0 0 0 1 0 0 0 0 0 0 0 7 0 1 0
Sala, D. D. Sala 0 0 0 0 - - - - 0 0 0 0 1 0 0 0 1 0 0 0
Scapuzzi, L. L. Scapuzzi 15 1 0 0 0 0 0 0 - - - - 5 2 1 0 20 3 1 0
Scialpi, A. A. Scialpi - - - - - - - - 1 0 0 0 - - - - 1 0 0 0

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq Statistiche Spettatori Lega Pro A 2014-2015, stadiapostcards.com. URL consultato il 21 settembre 2014.
  2. ^ Coppa Italia Tim: Como-Matelica 5-0, La Provincia, 10 agosto 2014. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  3. ^ Coppa Italia, il Como passa. Grazie ai rigori e al portiere, La Provincia, 17 agosto 2014. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  4. ^ Diretta live: Sampdoria-Como 4-1, La Provincia, 28 agosto 2014. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  5. ^ Tre gol al Venezia. E il Como vola in testa, La Provincia, 21 settembre 2014. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  6. ^ Diretta Live: Como-Pro Patria 4-3, La Provincia, 15 ottobre 2014. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  7. ^ Tre gol al Pordenone e il Como è capolista, La Provincia, 2 novembre 2014. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  8. ^ Diretta Live: Como-Mantova 0-2, La Provincia, 6 gennaio 2015. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  9. ^ a b Comunicato Calcio Como, calciocomo1907.it, 11 gennaio 2015. URL consultato il 12 gennaio 2015.
  10. ^ a b Comunicato Calcio Como, calciocomo1907.it, 13 gennaio 2015. URL consultato il 14 gennaio 2015 (archiviato dall'url originale il 18 maggio 2015).
  11. ^ Lega Pro A, Como all'esame Bassano: vincere per tornare grande dopo lo stop di Cremona, lariosport.it, 1º aprile 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  12. ^ Lega Pro Girone A 2014/2015 » 33. Giornata, calcio.com. URL consultato l'11 maggio 2015.
  13. ^ Show Como: playoff. E ora tocca al Benevento, La Provincia, 10 maggio 2015. URL consultato l'11 maggio 2015.
  14. ^ Playoff, subito una sorpresa: Benevento fuori, Como avanti, Sky Sport, 16 maggio 2015. URL consultato il 18 maggio 2015.
  15. ^ Il Como è in finale playoff!!!!, La Provincia, 31 maggio 2015. URL consultato il 31 maggio 2015.
  16. ^ IL COMO TORNA IN SERIE B - IL SOGNO SI E’ REALIZZATO, La Provincia, 14 giugno 2015. URL consultato il 14 giugno 2015.
  17. ^ Il Como è in serie B!!!, La Provincia, 14 giugno 2015. URL consultato il 14 giugno 2015.
  18. ^ a b Finale Coppa Italia Lega Pro: poker del Cosenza al Sinigaglia, La Provincia, 8 aprile 2015. URL consultato l'11 aprile 2015.
  19. ^ a b Coppa Italia, il Como non salva la faccia, La Provincia, 22 aprile 2015. URL consultato il 23 aprile 2015.
  20. ^ Il trionfo di Giuseppe Sinigaglia nella "Diamonds Sculls" (PDF), canottaggio.org. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  21. ^ Sinigaglia e Calcio Como: una maglia celebrativa, calciocomo1907.it, 18 dicembre 2014. URL consultato l'8 gennaio 2015.
  22. ^ a b c d Società - Organizzazione, calciocomo1907.it. URL consultato il 1º settembre 2014.
  23. ^ a b c 1ª squadra, calciocomo1907.it. URL consultato il 1º settembre 2014 (archiviato dall'url originale il 23 settembre 2015).
  24. ^ a b c d e Acquistato durante la sessione invernale di calciomercato.
  25. ^ Da gennaio ad aprile 2015: Cassetti rinuncia alla fascia, La Provincia, 10 aprile 2015. URL consultato il 12 agosto 2015.
  26. ^ a b Aggregato alla prima squadra dalla formazione Berretti.
  27. ^ a b Ceduto durante la sessione invernale di calciomercato.
  28. ^ Ceduto durante la sessione estiva di calciomercato.
  29. ^ Partita inizialmente prevista per il 15 novembre 2014 e rinviata per impraticabilità del campo dovuta al maltempo: Como-Cremonese: PARTITA RINVIATA A DATA DESTINARSI, calciocomo1907.it, 15 novembre 2014. URL consultato il 17 novembre 2014.
  30. ^ Pordenone 2-5 Como, su lega-pro.com, stats.betradar.com. URL consultato il 12 aprile 2015. Alcune fonti attribuiscono la rete a Giuseppe Le Noci.
  31. ^ Francesco Bordignon, Bassano, il sogno Serie B sfuma. 0-0 al Mercante, promosso il Como, Il Gazzettino, 14 giugno 2015. URL consultato il 15 giugno 2015.
  32. ^ Coppa Italia: grande Como. Batte il Novara e va avanti, La Provincia, 22 ottobre 2014. URL consultato il 23 ottobre 2014.
  33. ^ Coppa Italia. Super Como, La Provincia, 3 dicembre 2014. URL consultato il 4 dicembre 2014.
  34. ^ Il Como vince anche in Coppa Italia, La Provincia, 28 gennaio 2015. URL consultato il 28 gennaio 2015.
  35. ^ SPAL cade in casa contro il Como nella semifinale d'andata, spalferrara.it, 11 febbraio 2015. URL consultato il 12 febbraio 2015.
  36. ^ Coppa Italia Lega Pro: Como-Spal 0-0, La Provincia, 25 febbraio 2015. URL consultato il 3 marzo 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio