4-3-1-2

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Il 4-3-1-2 è un modulo di gioco del calcio, derivato dal più famoso 4-4-2 (anziché avere i centrocampisti disposti "in linea", questi sono schierati "a rombo", o "a diamante").[1]

Lo schieramento del 4-3-1-2, detto "a diamante".

Il modulo[modifica | modifica wikitesto]

Il modulo consiste in una linea difensiva a 4 giocatori, coperta da elementi atleticamente dotati in mediana, un fantasista e due attaccanti.

Le due mezzali si muovono in linea a metà strada fra il "vertice basso" - il regista, con significative capacità di smistamento e visione di gioco, dal quale si innesca la costruzione della manovra - e il "vertice alto", un trequartista tecnicamente dotato che conferisce all'azione offensiva estro e imprevedibilità, assistendo le due punte e concludendo talvolta a rete in prima persona.[2][3][4]
È un'evoluzione del 4-4-2 "in linea", nel quale gli "esterni di centrocampo" si avvicinano alla zona centrale del campo. Diventando mezzali è richiesto loro un doppio compito: rottura in fase di copertura, inserimenti e tiri da lontano quando la squadra attacca. Il loro accentramento va a discapito dell'ampiezza in fase di costruzione, che deve essere garantita da terzini abili a correre lungo tutta la fascia, non disdegnando i cross e più in generale il gioco offensivo.
Il 4-3-1-2 permette grande "verticalità", è infatti proiettato verso la porta avversaria, in maniera più spregiudicata rispetto al 4-4-2 "classico". Questa propensione all'attacco espone la squadra alla possibilità di subire i contropiede. Infine, se il regista è dotato anche in fase di interdizione, diventa un vero e proprio mediano, un quinto difensore molto utile.[5]

Squadre che hanno utilizzato il 4-3-1-2[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Fabrizio Bocca, Il 4-3-1-2 e il trequartista se lo schema detta legge, su repubblica.it, 26 agosto 2009.
  2. ^ Antonino Morici, Inter, centrocampo fisso A Stankovic non si rinuncia, su gazzetta.it, 30 gennaio 2009.
  3. ^ Fabrizio Bocca, Lo stregone Mourinho, su repubblica.it, 5 novembre 2009.
  4. ^ https://www.uscatanzaro.net/a-lezione-di-tattica-il-rombo-a-centrocampo-nel-4-3-1-2/
  5. ^ a b (EN) Football Formations: 4 4 2 Diamond, su buildlineup.com. URL consultato il 20 aprile 2021.
  6. ^ Davide Greco, A lezione di tattica: il rombo a centrocampo nel 4-3-1-2, su uscatanzaro.net. URL consultato il 21 aprile 2021.
  7. ^ La leggenda degli uomini straordinari: Il Boca Juniors di Carlos Bianchi, su terzinodipaese.wordpress.com. URL consultato il 21 aprile 2021.
  8. ^ Gian Marco Porcellini, Il romanzo del Milan di Ancelotti, su rivistaundici.com. URL consultato il 20 aprile 2021.
  9. ^ 4 cose sulla prima Inter di Mancini, su ilpost.it, 15 novembre 2014.
  10. ^ Andrea Bonino, La Spagna umilia gli Azzurri, vince 4-0 e trionfa anche a Euro 2012, su ilfattoquotidiano.it. URL consultato il 21 aprile 2021.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Calcio Portale Calcio: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di calcio