Santarcangelo Calcio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Santarcangelo Calcio
Calcio Football pictogram.svg
Clementini, Gialloblù
Segni distintivi
Uniformi di gara
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Casa
Manica sinistra
Maglietta
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Trasferta
Manica sinistra
Manica sinistra
Maglietta
Maglietta
Manica destra
Manica destra
Pantaloncini
Calzettoni
Terza divisa
Colori sociali 600px Blu e Giallo4.svg Giallo, blu
Simboli Caveja e gallo
Dati societari
Città Santarcangelo di Romagna
Nazione Italia Italia
Confederazione UEFA
Federazione Flag of Italy.svg FIGC
Campionato Serie D
Fondazione 1926
Presidente Croazia Ivan Meštrović
Allenatore Italia Daniele Galloppa
Stadio Valentino Mazzola
(2.064 posti)
Sito web www.santarcangelocalcio.net
Palmarès
Si invita a seguire il modello di voce

Il Santarcangelo Calcio s.r.l. meglio noto come Santarcangelo è una società calcistica italiana, con sede a Santarcangelo di Romagna in Provincia di Rimini.

La squadra è sata costituita nel 1926, con il nome di Santarcangelo Calcio ed ha partecipato a sette campionati professionistici, raggiungendo come livello più alto la Lega Pro\Serie C, terzo livello calcistico italiano, dove il miglior risultato è costituito da due undicesimi posti.

I colori sono il giallo e il blu e disputa le partite di casa allo Stadio Valentino Mazzola.

Milita nel girone F di Serie D, il quarto livello del campionato italiano di calcio.

È stata il primo esempio italiano di società sostenuta direttamente da un'associazione di tifosi, poiché nel 2009 il 10% della proprietà è stato acquisito dall'Associazione Sportiva Squadramia.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le origini[modifica | modifica wikitesto]

La squadra fu fondata nel 1926, col nome di Santarcangelo Calcio, adottando come colori il giallo e il blu, gli stessi della città di Santarcangelo.

La società, nel corso della sua storia, ha avuto diverse denominazioni quali: Unione Sportiva G. Lombardini nell'immediato dopoguerra, poi, mutato e trasformato in Unione Sportiva dopo lavoro Lombardini. Quest'ultima denominazione fu nuovamente cambiata dopo la seconda guerra mondiale in Santarcangiolese e poi in Associazione Sportiva Santarcangiolese. Negli anni '80 la società fu trasformata in Unione Sportiva Santarcangelo Rgd, poi in Unione Sportiva Santarcangiolese e infine negli anni della Serie D in A.S.D. Santarcangelo. Con l'avvento nel professionismo, nel 2011 è stata trasformata in Santarcangelo Calcio Srl.

La promozione ai campionati nazionali[modifica | modifica wikitesto]

Il club gialloblù si è affacciato nella massima divisione dilettantistica nel 1982 con la prima e storica promozione nel Campionato Interregionale sotto la guida tecnica di Nicoletti.

Dopo sette stagioni nel Campionato Interregionale 1989-1990 arrivò un'amara retrocessione con Elvio Selighini in panchina, poi, nel 1996-1997, con il ritorno in Eccellenza, il portiere Claudio Ruffolo diventò il portiere più imbattuto della storia del club con i suoi 523 minuti d'imbattibilità, ciononostante in quella stagione, il Santarcangelo perse lo spareggio per la Serie D contro il Boca posticipando la promozione all'anno seguente. Tredici stagioni dopo, grazie al campionato vinto nell'annata 2010/2011 contro formazioni più quotate come Teramo e Rimini, i romagnoli conquistarono il loro primo campionato tra i professionisti nella Lega Pro Seconda Divisione grazie ad Angelini in panchina, il quale, ebbe un passato da calciatore nel Santarcangelo ottenendo 77 punti frutto di 22 vittorie, 11 pareggi e 5 sconfitte per un totale di 66 gol fatti e 20 subiti.

I giocatori del Santarcangelo nel corso della presentazione ufficiale della stagione 2009-2010.

Nella Serie D 2008-2009, il Santarcangelo si è piazzato in dodicesima posizione; nel campionato successivo (stagione 2009/10) la squadra si ritrova ad affrontare la Serie D nel girone D che chiuderà al quinto posto, mentre nella stagione 2010-2011 la compagine milita ancora in Serie D nel girone F facendo un ottimo campionato classificandosi addirittura primo in classifica seguito da Teramo e Rimini (che dopo il fallimento ripartiva dalla serie D) e festeggiando la promozione in Lega Pro Seconda Divisione dopo ben 14 stagioni consecutive in Serie D.

L'arrivo tra i professionisti[modifica | modifica wikitesto]

La prima stagione nei professionisti si conclude con ottimo nono posto, poi, nella stagione successiva di Lega Pro Seconda Divisione 2012-2013, i gialloblù si piazzarono dodicesimi.

In seguito ad approfondite analisi da parte dei soci fondatori dell'AS Squadramia (associazione sportiva senza fini di lucro, che si propone lo scopo di acquistare e gestire, anche via web, una squadra di calcio italiana, sulla base del precedente inglese dell'Ebbsfleet United F.C.), effettuate congiuntamente ai dirigenti delle squadre arrivate alla fase finale del vaglio, l'ASD Santarcangelo Calcio è stata scelta quale squadra ideale per il progetto ed è stata sottoposta a “votazione finale” da parte dei soci-presidenti.[1]

In data 23 luglio 2009, l'ASD Santarcangelo Calcio è stata scelta dai soci fondatori dell'AS Squadramia come squadra sulla quale fondare il progetto, con il 96,4% di preferenze (votazione effettuata dal 70% circa degli aventi diritto al voto). La trattativa tra l'AS Squadramia e l'ASD Santarcangelo Calcio si è di fatto conclusa il 12 agosto 2009,[2] quando il 98% dei soci fondatori dell'AS Squadramia ha deciso di acquisire un'iniziale quota di minoranza dell'ASD Santarcangelo, pari al 10%.[3] L'avventura con Squadramia termina nel 2012. Il vero capolavoro però sarà compiuto nel 2013-14. In un girone in cui retrocedono nove formazioni su diciotto, il Santarcangelo termina in quinta posizione, guadagnandosi quindi la promozione in Lega Pro unica.

La Lega Pro/Serie C e il ritorno tra i dilettanti[modifica | modifica wikitesto]

Con la stagione 2014-15 in terza serie, la società di via della Resistenza raggiunge quindi il punto più alto della propria storia. Un traguardo che è stato possibile raggiungere anche grazie alla competenza del presidente Roberto Brolli e all’acume del direttore sportivo Oberdan Melini, coadiuvato dalla fine del 2014 dal coordinatore tecnico Paolo Bravo. Anche nella stagione 2015/16 il Santarcangelo si è salvato, confermandosi nuovamente in Lega Pro Unica e nel 2016/17 ha sfiorato i play off piazzandosi all’undicesimo posto al termine di una stagione ricca di soddisfazioni. All’inizio della stagione 2017/18 per problematiche economiche il budget societario è ridotto considerevolmente e la squadra comincia il campionato con il difficile obiettivo di mantenere la categoria. A fine dicembre la storica svolta con l’acquisizione della società gialloblù da parte dell’imprenditore croato Ivan Mestrovic. Il nuovo presidente del Santarcangelo è anche proprietario dell’NK Osijek, formazione che milita nella Prva HNL (la serie A croata), la squadra della sua città natale, acquisita nel febbraio del 2016 da ultima in classifica e sull’orlo del fallimento e proiettata in meno di due anni d’investimenti ai preliminari di Europa League. Con l'arrivo di Ivan Meštrović per il Santarcangelo inizia una nuova storia che però vede i gialloblù retrocessi in Serie D, dopo aver perso i playout contro il Vicenza (2-1;1-1).

Cronistoria[modifica | modifica wikitesto]

Cronistoria del Santarcangelo Calcio
  • 1926 - Fondazione del Santarcangelo Calcio.
  • 1926-1959 - Dati mancanti.
  • 1959-1960 - 9° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna, con la denominazione di Associazione Sportiva Santarcangiolese.

  • 1960-1961 - 10° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1961-1962 - 8° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1962-1963 - 12° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1963-1964 - 11° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1964-1965 - 5° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1965-1966 - 7° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1966-1967 - 11° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1967-1968 - 10° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1968-1969 - 9° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna.
  • 1969-1970 - 3° nel girone A di Prima Categoria Emilia-Romagna. Ammesso in Promozione.

  • 1970-1971 - 2° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1971-1972 - 3° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1972-1973 - 1° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna. Perde lo spareggio.
  • 1973-1974 - 11° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1974-1975 - 7° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1975-1976 - 12° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1976-1977 - 10° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1977-1978 - 7° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1978-1979 - 5° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1979-1980 - 1° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna. Eliminato agli spareggi.

  • 1980-1981 - 6° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna.
  • 1981-1982 - 1° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna. Promosso nel Campionato Interregionale.
  • 1982-1983 - 4° nel girone F del Campionato Interregionale.
  • 1983-1984 - 3° nel girone F del Campionato Interregionale.
  • 1984-1985 - 2° nel girone F del Campionato Interregionale.
  • 1985-1986 - 4° nel girone F del Campionato Interregionale.
  • 1986-1987 - 5° nel girone D del Campionato Interregionale.
  • 1987-1988 - 13° nel girone D del Campionato Interregionale.
  • 1988-1989 - 13° nel girone E del Campionato Interregionale.
  • 1989-1990 - 16° nel girone F del Campionato Interregionale. Retrocesso in Promozione.

  • 1990-1991 - 8° nel girone A di Promozione Emilia-Romagna. Ammesso in Eccellenza.
  • 1991-1992 - 9° nel girone B di Eccellenza Emilia-Romagna.
  • 1992-1993 - 4° nel girone B di Eccellenza Emilia-Romagna.
  • 1993-1994 - 6° nel girone B di Eccellenza Emilia-Romagna.
  • 1994-1995 - 13° nel girone B di Eccellenza Emilia-Romagna.
  • 1995-1996 - 1° nel girone B di Eccellenza Emilia-Romagna. Eliminato agli spareggi nazionali.
  • 1996-1997 - 2° nel girone B di Eccellenza Emilia-Romagna. Vince gli spareggi nazionali. Promosso nel Campionato Nazionale Dilettanti.
  • 1997-1998 - 9° nel girone D del Campionato Nazionale Dilettanti.
Trentaduesimi di finale della fase C.N.D. della Coppa Italia Dilettanti.
  • 1998-1999 - 11° nel girone D del Campionato Nazionale Dilettanti. Ammesso nella nuova Serie D.
Primo turno della fase C.N.D. della Coppa Italia Dilettanti.
Quarti di finale di Coppa Italia Serie D.

Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2003-2004 - 5° nel girone D di Serie D. Eliminata ai play-off.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2004 - Dalla fusione fra A.S. Santarcangiolese e A.C. Santarcangelo nasce l'Associazione Sportiva Santarcangelo.[4]
  • 2004-2005 - 14° nel girone F di Serie D. Perde i play-out. Retrocesso e successivamente ripescato.
Secondo turno di Coppa Italia Serie D.
Non partecipa alla Coppa Italia Serie D.
  • 2006 - Cambia denominazione in Associazione Sportiva Dilettantistica Santarcangelo.[5]
  • 2006-2007 - 15° nel girone D di Serie D. Salvo dopo aver vinto i play-out.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
Primo turno di Coppa Italia Serie D.
  • 2009-2010 - 5° nel girone D di Serie D. Eliminato in semifinale play-off.
Ottavi di finale di Coppa Italia Serie D.

  • 2010-2011 - 1° nel girone F di Serie D. Promosso in Lega Pro Seconda Divisione.
Quarti di finale di Coppa Italia Serie D.
Fase a gironi della Poule scudetto.
Fase eliminatoria di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Secondo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Primo turno di Coppa Italia.
Primo turno di Coppa Italia Lega Pro.
Quarti di finale di Coppa Italia Lega Pro.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Lega Pro.
  • 2017-2018 - 17° nel girone B di Serie C. Retrocesso in Serie D dopo aver perso i play-out.
Fase eliminatoria a gironi di Coppa Italia Serie C.
Turno preliminare di Coppa Italia Serie D.

Colori e simboli[modifica | modifica wikitesto]

Colori[modifica | modifica wikitesto]

I colori del Santarcangelo Calcio sono fin dalla sua fondazione il giallo e il blu, tratti dal vessillo comunale di Santarcangelo di Romagna.

Simboli ufficiali[modifica | modifica wikitesto]

Stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma del Santarcangelo Calcio, adottato nel 2018 è un cerchio con bordo oro e sfondo blu, al cui interno si trova il disegno di una caveja e di un gallo in oro. Nella parte in alto è presente la scritta Santarcangelo mentre ai lati, diviso in due si trova l'anno di fondazione e nella parte inferiore è presente la scritta Romagna Calcio.

Il precedente stemma, in uso fino al 2018 era di forma ovale con contorno blu dove c'era scritto in giallo il nome della squadra. L'interno era diviso in due parti: una gialla e l'altra blu sopra le quali c'era disegnata la caveja e un gallo rosso sopra ad i pallone da calcio.

Strutture[modifica | modifica wikitesto]

Stadio[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Stadio Valentino Mazzola (Santarcangelo di Romagna).
Una visuale dal campo dello Stadio Valentino Mazzola.

In origine, la squadra romagnola disputava le proprie partite interne presso il Campo della Fiera e presso l'area Francolini.[6]

Il Santarcangelo disputa gli incontri casalinghi allo Stadio Comunale "Valentino Mazzola", intitolato al giocatore capitano e simbolo del Grande Torino, deceduto nella tragedia di Superga. La Santarcangiolese, questo il nome della squadra all'epoca, vi iniziò a giocare a partire dai primi anni settanta.

La capienza effettiva dell'impianto era di 1565 unità così distribuiti: 1050 posti a sedere per la tifoseria locale e 515 posti (a sedere) nel reparto dedicato al settore ospiti. Dopo i lavori di adeguamento alle norme vigenti,[7] la capienza è stata aumentata a 2.610 posti, gran parte distribuiti nella tribuna centrale, interamente coperta.

Centro di allenamento[modifica | modifica wikitesto]

Il Santarcangelo disputa le proprie sedute di allenamento presso i campi, in erba naturale o sintetica, che sorgono intorno allo Stadio Valentino Mazzola.

Società[modifica | modifica wikitesto]

Organigramma societario[modifica | modifica wikitesto]

  • Aggiornato al 20 agosto 2018. [8]
Staff dell'area amministrativa

DIRIGENZA

  • Ivan Mestrovic - Presidente
  • Stasa Hefti - Vice Presidente
  • Roberto Brolli - Presidente Onorario
  • Gianluca Stambazzi - Direttore Sportivo

AREA AMMINISTRATIVA

  • Renata Giudizio

SEGRETERIA

  • Andrea Di Egidio - Segretario Generale

AREA TECNICA

  • Andrea Di Egidio - Team Manager

AREA COMUNICAZIONE

  • Francesco Pancari - Responsabile Comunicazione
  • Michele Fantetti - Web Master

AREA SANITARIA

  • Vittorio Gemellaro - Responsabile Sanitario
  • Diagnostica Medical Center - Clinica di Riferimento
  • Fisiokinetica - Rieducazione

AREA LEGALE

  • Avv. Riario Fabbri
  • Avv. Eduardo Chiacchio

AREA FEDERALE AMMINISTRATIVA

  • Dott. Valentina Sergio

Allenatori e presidenti[modifica | modifica wikitesto]

Allenatori
Italia Agatino Cuttone
  • 2013-2014 Italia Fabio Fraschetti
  • 2014-2015 Italia Fabio Fraschetti,
Italia Agatino Cuttone
  • 2015-2016 Italia Lamberto Zauli
  • 2016-2017 Italia Michele Marcolini
  • 2017-2018 Italia Karel Zeman,
Italia Alberto Cavasin,
Italia Giuseppe Angelini


Allenatori
  • 1926-1993 ...
  • 1993-2018 Italia Roberto Brolli
  • 2018- Croazia Ivan Meštrović

Calciatori[modifica | modifica wikitesto]

Arrows-folder-categorize.svg Le singole voci sono elencate nella Categoria:Calciatori del Santarcangelo Calcio

Palmarès[modifica | modifica wikitesto]

Competizioni nazionali[modifica | modifica wikitesto]

2010-2011

Competizioni regionali[modifica | modifica wikitesto]

1981-1982 (girone A)

Altri piazzamenti[modifica | modifica wikitesto]

Promozione: 2013-2014 (girone A)
Secondo posto: 1984-1985 (girone F)
Terzo posto: 1983-1984 (girone F)
Secondo posto: 1995-1996 (girone B), 1996-1997 (girone B)
Terzo posto: 1971-1972 (girone A)

Statistiche e record[modifica | modifica wikitesto]

Partecipazione ai campionati[modifica | modifica wikitesto]

Categoria Partecipazioni Debutto Ultima stagione Totale
Lega Pro 3 2014-2015 2016-2017 4
Serie C 1 2017-2018
Lega Pro Seconda Divisione 3 2011-2012 2013-2014 4
Serie D 1 2018-2019 2018-2019
Campionato Interregionale 8 1982-1983 1989-1990 22
Campionato Nazionale Dilettanti 2 1997-1998 1998-1999
Serie D 12 1999-2000 2010-2011

Statistiche individuali[modifica | modifica wikitesto]

Il miglior finalizzatore della squadra santarcangiolese è Campana che con le 22 reti nel campionato di Promozione Emilia-Romagna 1971-1972 risultò essere il migliore nella storia del club. Il bomber storico della società è stato invece l'attaccante Rosario Castronuovo che segnò 28 reti in una singola stagione.

Il giocatore con più presenze in società è Giovanni Spadazzi, che militò nel Santarcangelo per oltre dieci anni e, appese le scarpette al chiodo, iniziò ad occuparsi del settore giovanile gialloblù.

Il calciatore più famoso passato dal vivaio del Santarcangelo Calcio e anche nativo di Santarcangelo di Romagna, è Nicola Pozzi. Inoltre a Santarcangelo di Romagna rimase nelle vesti di allenatore anche se per poco tempo, Gino Stacchini, che totalizzò oltre 250 presenze con la maglia della Juventus.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Articolo del Corriere dello Sport Ed. Nazionale del 22/07/2009, in seguito ad una conferenza stampa tenuta dai dirigenti dell'ASD Santarcangelo[collegamento interrotto]
  2. ^ Articolo di Romagna Sport in occasione dell'ufficializzazione dell'accordo Archiviato il 12 novembre 2013 in Internet Archive.
  3. ^ Risultato votazione dei soci dell'AS Squadramia Archiviato il 26 luglio 2009 in Internet Archive.
  4. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2004. URL consultato il 12 novembre 2016.
  5. ^ CAMBIO DI DENOMINAZIONE SOCIALE (PDF), http://www.figc.it/, 2006. URL consultato il 15 novembre 2016.
  6. ^ 1977/78 Serie B - Girone D, ilbasketlivornese.it (archiviato dall'url originale il 21 settembre 2014).
  7. ^ Il Santarcangelo, forzaleoni.it, 20 settembre 2011.
  8. ^ santarcangelocalcio.net, http://www.santarcangelocalcio.net/organigramma/.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]